Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 18 luglio 2009

L' Ustica Lines sullo sciopero indetto da Federmar/Cisal

COMUNICATO STAMPA
Scriviamo il presente Comunicato Stampa in riferimento allo sciopero indetto dalla FEDERMAR/CISAL (che associa- ad oggi - presso questa società solo 30 marittimi su oltre 330 e non è firmataria di alcun accordo collettivo applicabile all'Ustica Lines S.p.A.) per il giorno 20/07/2009, coinvolgendo parte dei collegamenti tra la Sicilia e le Isole Eolie.
Riteniamo che la compiuta informazione all'utenza sulle ragioni e sulle motivazioni di uno sciopero nei servizi pubblici essenziali sia un atto dovuto da parte della Società che esplica tali servizi.
Premettiamo, innanzitutto, che lo sciopero suddetto ha rilevanza locale, in quanto non interessa i collegamenti tra Reggio Calabria e Messina e tra Reggio Calabria e le Isole Eolie. Rimane, altresi, escluso dall'astensione dei lavoratori il collegamento tra Milazzo e le Isole Eolie e vv . con partenza alle ore 7,50 e ritorno alle ore 13.30, poiché ritenuto servizio pubblico indispensabile in virtù di precedente accordo intervenuto con le OO.SS. maggiormente rappresentative FIT-CISL, FILT-CGIL e Ull-Trasporti, che, a differenza della FEDERMAR/CISAL, non hanno proclamato lo sciopero pur avendo sottoscritto il Contratto Collettivo Nazionale applicabile.
Ciò posto, le motivazioni dello sciopero di specie risultano allo stato ancora oscure. Infatti, esse sono state genericamente indicate dalla FEDERMAR/CISAL nell'atto di proclamazione dello sciopero come segue:
1) Rinnovo accordo aziendale
2) Organizzazione del lavoro
Quanto sopra, paradossalmente senza alcuna indicazione di quale sia l'accordo sindacale di cui si invocherebbe il rinnovo né delle esigenze dei lavoratori in ordine all'organizzazionedel lavoro. Ben vero, nel tentativo di comprendere le ragioni della FEDERMAR/CISAL - in seguito della proclamazione dello stato di agitazione dei lavoratori di Milazzo - l'Ustica LinesS.p.A. convocava la OO.SS. interessata, tuttavia il tentativo risultava vano.
La FEDERMAR/CISAL, infatti, non ha mai sottoposto alcuna piattaforma rivendicativa e non ha chiarito le ragioni dello stato di agitazione. Ricordiamo che la presentazione di una piattaforma sindacale non solo è buon uso contrattuale ma è addirittura un dovere sancito dal Protocollo d 'intesa del 1993 tra le OO.SS. e Confindustria nonché dall'Accordo che regola le prestazioni indispensabili nel settore marittimo ai sensi della legge 146/1990.
Tale dovere è ovviamente sussistente non solo quando già esista un precedente accordo sindacale ma ogni qualvolta vi sia l'interesse a raggiungere un accordo sulla base di pretese chiare ed espresse per iscritto.
Quanto sopra risulta, infine, ancor più incomprensibile laddove si consideri che il CCNL applicabile è stato rinnovato in data 3 febbraio 2009, ossia meno di 6 mesi orsono.
Riteniamo che quanto sopra comporti:
1) una grave lesione del nostro diritto alla libertà per la iniziativa economica privata;
2) un immotivato pregiudizio ai diritti dell'Utenza circa l'espletamento dei servizi pubblici essenziali;
3) un inutile danno a scapito dei lavoratori aderenti dell'Ustica Lines, i quali rinunceranno alla paga giornaliera del 20/07/2009 senza tuttavia perseguire alcun chiaro diritto e/o obiettivo.
Ustica Lines
Il Presidente Vittorio Morace

Lipari: Tutto pronto per "Eolie in video" nel sessantennale della "guerra dei vulcani"

Tutto pronto per l’inizio della sesta edizione del Festival cinematografico “Eolie in Video”, promosso dal Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani, in collaborazione con il partner commerciale Mini Bmw Italia, che si svolgerà dal 21 al 25 Luglio ai Giardini del Centro Studi di Lipari. Un’edizione arricchita come ogni anno da illustri ospiti del mondo della cultura, del cinema e del giornalismo, che quest’anno si caratterizza per i numerosi eventi inseriti in cartellone e pensati per dare lustro all’importante anniversario della “Guerra dei Vulcani”, un sessantennale a cui la manifestazione, con una serie di appuntamenti, mostre e proiezioni dedicate, si prepara e rendere omaggio.
Si comincerà con la conferenza stampa di presentazione del programma, prevista per lunedì alle 18,30 nella terrazza dell’Hotel Villa Meligunis di Lipari, mentre martedì 21 luglio, nei Giardini del Centro Studi alle 19,30, verrà prima inaugurata la mostra “La guerra dei Vulcani” e poi, alle 20,30, reso un omaggio a Roberto Rossellini con la proiezione del film-documentario “Sotto il Vulcano” di Nino Bizzarri.
Mercoledì 22 si entrerà nel vivo del festival con la presentazione e proiezione dei 7 cortometraggi e dei 5 documentari in gara che proseguirà anche nelle serate di giovedì 23 e venerdì 24 luglio. Tutta l’edizione ruota intorno ai 60 anni della “Guerra dei Vulcani”, ed in particolare segnaliamo, mercoledì 22, alle ore 19,30 l’incontro in cui verrà presentato il progetto del “Il Museo del Cinema delle Eolie”, un evento che coinvolgerà il Principe Francesco Alliata e Osvaldo De Santis (Presidente Twentieth Century Fox Italia), alle ore 20,30 l’evento speciale con tema “l’emigrazione eoliana” e a conclusione della serata la proiezione del documentario “Alicudi” di M. Spaccini.
Giovedì 23 e Venerdì 24 luglio si svolgeranno poi, sempre ai Giardini del Centro Studi, le due attese lezioni di cinema, entrambe con inizio alle 19. La prima verterà su “Cinema-Turismo-Letteratura”, con una discussione sul volume “Alle Eolie sulla scia di Ulisse” che coinvolgerà la scrittrice Lidia Ravera, Marco Berchi (Direttore della rivista “Qui Touring”), lo storico del cinema Nino Genovese e l’autrice del volume Clara Raimondi. La seconda, invece, avrà come tema “Cinema e Giornalismo” e vedrà come protagonisti il regista Carlo Mazzacurati, presidente di giuria, e il giornalista Marcello Sorgi.
Nella serata conclusiva, che si svolgerà sabato 25 luglio nell’isola di Vulcano, al Jerà Resort & Circolo Velico, località Vulcanello, prevista infine la cerimonia di chiusura del festival con la premiazione e la proiezione del cortometraggio vincitore della sezione “Corti Italiani”-“Premio MINI”, della sezione “Documentari”, del “Premio “CINIT”, del premio “Roberto Rossellini”, delle “menzioni speciali”e dei prestigiosi Premi “Efesto d’Oro”. A chiusura della serata, la proiezione del film “Vulcano”, recentemente restaurato dalla Cineteca di Bologna.
notizia del 18 Luglio 2009
a cura di Salvatore Sarpi

Brevi da Lipari

Portualità. La Greca scrive a Bruno- Una nota di riscontro sul tema della portualità è stata inviata dal dottor Pino La Greca al sindaco di Lipari Mariano Bruno. Il riscontro è alla nota inviatagli sulla tematica dal primo cittadino liparese. Il testo integrale della nota di La Greca lo si può leggere cliccando sul link in rosso Eolie News 2

A Lipari commissario per il bilancio- Anche il comune di Lipari è tra quelli commissariati dalla Regione a causa della mancata approvazione del bilancio di previsione 2009, i cui termini sono scaduti il 31 maggio. Come si ricorderà, comunque, il consiglio comunale di Lipari è stato già convocato per il 29 luglio per l'approvazione del bilancio

Lipari. Il saluto della Federalberghi ad un "pioniere" del turismo eoliano

La Federalberghi Isole Eolie è vicina alla moglie Debbie e alle figlie Francesca ed Alma per la scomparsa dell'Amico Saverio Camporeale. La pagina scritta da Saverio nel libro dello sviluppo del turismo eoliano appartiene sicuramente ad uno tra i capitoli più positivi e significativi. Per anni, con la sua "Italia nel Mondo", l'agenzia di viaggi con sede a Victoria, nel cuore di Londra, in Palace Street, Saverio è stato il crocevia per tanti tanti inglesi desiderosi di scoprire le Eolie. Ma non solo, Saverio per anni è stato il punto di riferimento per molti eoliani che, arrivati a Londra, avevano bisogno di un consiglio su dove stare, come cercare lavoro, come muoversi ma soprattutto, anche semplicemente, di una parola di conforto.
Qualche anno fa, l'amico Saverio, perfettamente inseritosi nella realtà londinese ma mai veramente integratosi, aveva anche tentato di rientrare nella sua Lipari con Ossidiana Travel. Troppi gli impedimenti burocratici, le lungaggini amministrative e l'incapacità di fare sistema del nostro comparto privato per poter consentire ad un Liparoto, vissuto per troppi anni a Londra, di potersi riadattare alle nostre regole. Addio Saverio.
Christian Del Bono

Lipari. In attesa della Processione a Mare a Porto Salvo si balla e canta

In attesa della processione a mare della Madonna SS. di Porto Salvo a Lipari i festeggiamenti vanno avanti. Per quanto riguarda la parte più folclorico-ricreativa ieri sera sul palco di Marina Lunga si sono esibiti i Liparayon, altri artisti locali e si è tenuta anche una gara di ballo. Vincitrice la coppia composta dai signori Traviglia alla quale il presidente del comitato Franco Giunta ha consegnato una coppa. Premiato anche uno degli sponsor più presenti: il signor Bartolo Munafò.

E' deceduto Saverio Camporeale. Il ricordo di Piero Roux

E' con le lacrime agli occhi che apprendo della morte di Saverio, di un carissimo amico, una persona assolutamente particolare ed eccezionale, insostituibile ed unico.
Apprendendo la notizia della sua morte sono rimasto di sasso e solo quando ho davvero "realizzato" che l’amico Saverio non c'era più, ho potuto dar sfogo ad un dolore sordo, forte, incontenibile.
Una lunga malattia contro la quale aveva tenacemente combattuto con caparbietà , con convinzione e coraggio, lo ha sottratto ai suoi cari ed agli amici cogliendolo lontano dalle sue isole nelle quali amava sovente ritornare alla ricerca dei sapori ed odori della sua giovinezza.
Il rapporto che con Saverio avevo instaurato era e rimarrà di profondo affetto, di grande rispetto e di profonda umanità poiché era un uomo di grandissima intelligenza, di una acutezza non comune, di grande educazione e di estrema gentilezza e cortesia.
A me, amico Saverio, hai lasciato qualcosa: la tua amicizia ed il tuo affetto, oltre alla tua stima e al tuo sorriso, ci rivedremo lassù, dove potrò riabbracciarti con tutto l'affetto, la stima e l'amicizia che ci ha uniti quaggiù.
Oggi la tristezza inevitabilmente accompagna un addio.
Piero Roux

TV: RAIUNO, "LINEABLU" A PANAREA

Luoghi, persone, immagini, colori: la puntata di ''Lineablu'' in onda oggi alle 14.05 su Raiuno, sara' ambientata nelle Eolie, in particolare a Panarea, giungendo in una delle oasi che affascina i turisti provenienti da tutto il mondo. Si partira' da Milazzo, con una visita al suo colorito mercato ittico. Si salpera' poi verso Panarea: l'isola e' considerata un ''arcipelago nell'arcipelago'' per i molti isolotti che gravitano attorno ad essa: Basiluzzo, Spinazzola, Lisca Bianca, Dattilo, Bottaro, Lisca Nera, gli scogli dei Panarelli e delle Formiche.
L'esplorazione dell'isola fara' scoprire una natura incontaminata, tra case bianche con murature a secco, terrazzamenti intervallati dalla tipica macchia mediterranea, che rende unica l'antica Panaraion. L'angolo Mare mare mare vedra' Fabrizio Gatta alla scoperta degli angoli insoliti che rendono i borghi marinari italiani unici nel loro genere. Infine, il professor Calabrese spieghera' perche' la cucina di mare e' alla base di una sana e corretta alimentazione.

Transenne dissuadenti. Ci sono proprio figli e figliastri

Una nostra lettrice ci gira una lettera dell'operatrice turistica Silvia Carbone sulla "questione transenne". Il testo:
Vedendo l'orrido (esteticamente parlando) intervento effettuato per regolamentare la viabilità nella Via Diana, decisione riguardo alla quale non voglio esprimere giudizi, vorrei solo fare una riflessione. Qualche anno fa, in una simile situazione, (cioè il vicolo Galilei su cui affaccia il mio albergo, vicolo del resto già da anni sottoposto a divieto di accesso e transito), feci una richiesta al Comune di Lipari per ottenere l'installazione di "dissuasori e/o transenne" che impedissero ai motorini di transitare nel vicolo stesso, motivando la richiesta con la necessità di avere un'area di silenzio per i miei clienti. Non ci fu bene di farsi capire: tutto ciò che ottenni è una bella fioriera lato monte, da me curata, che NON IMPEDISCE ALCUN PASSAGGIO se non alle autovetture (che del resto nel vicolo non già c'entrano per larghezza!!). Dissuasori e/o altro furono dichiarati impossibili, perché creano disagi al passaggio di pedoni, carrozzine, passeggini e disabili. Ora, a prescindere dalla bruttezza dell'intervento in Via Diana, che mi dissuade dall'insistere nella mia richiesta (il senso estetico supera la necessità, a mio parere!!!), mi chiedo e chiedo a chi sa: che differenza c'è tra Vicolo Galilei e Via Diana!!!???
Silvia Carbone

Lipari. Anche il Tar da il via libera all'assunzione di 7 vigili del fuoco esclusi ingiustamente. Dovranno lasciare i sette senza titolo

Sono sette i vigili del fuoco che dovranno essere assunti presso il distaccamento di Lipari. A loro dovranno fare posto sette vigili attualmente in servizio che, secondo quanto accertato, al momento della pubblicazione del bando di concorso (7 marzo 2006) non avevano il titolo richiesto ovvero “ l'iscrizione da almeno un anno negli elenchi del personale volontario del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco in servizio presso la sede di Lipari.
Il Tar di Catania, con sentenza del 26 maggio scorso, depositata in segreteria martedì scorso, ha accolto la richiesta dell'avvocato Vincenzo La Cava e dell'avvocato Assunta Massaro(che difendeva solo uno dei dieci ricorrenti).
La sentenza dovrà essere eseguita immediatamente dall'autorità amministrativa.
Il TAR, in poche parole, ha sposato in pieno la tesi con la quale il Cga di Palermo, con propria ordinanza del 25 giugno 2008 (non eseguita) aveva disposto la sospensione della graduatoria impugnata e di ogni atto anche contrattuale ad essa conseguente.
In base alla sentenza del TAR di Catania (terza sezione), che ha riconosciuto il diritto dei ricorrenti, al distaccamento di Lipari dovranno essere assunti(secondo l'ordine di graduatoria) Flavio Quadara, Maurizio Moretto, Santo Cambria, Antonino Natoli, Salvatore D'Angelo, Davide Favaloro e Masino Spanò.
Ad essi dovranno fare posto sette dei vigili che, a questo punto, risultano impropriamente assunti. Inoltre dalla graduatoria del concorso per undici posti dovranno essere depennati altri 16 partecipanti che alla data dello stesso non erano in possesso dei requisiti richiesti.
Rimangono al loro posto, invece, Nicola Bombaci, Fabio Sottile, Maurizio Mandarano e Gennaro Biviano che erano in possesso dei requisiti.

Brevi

Trasporti marittimi. Lettera del sindaco Bruno- Sulla tematica Tirrenia/Siremar il sindaco Mariano Bruno tiene alta la guardia e Eolie e si appella anche a Napolitano e a Berlusconi. La lettera è visibile integralmente cliccando su questo link in rosso Eolie News 2
Il consigliere Biviano interviene sulla derattizazione e disinfestazione- "Apprendo- scrive- da un comunicato stampa del Comune, a seguito della mia interrogazione del 16/07/2009 sul mancato intervento di derattizzazione e disinfestazione del territorio, che in questi giorni si procederà ad eseguire interventi in tutto il territorio comunale. In particolar modo l’intervento di disinfestazione da blatte partirà giovedì 23 luglio e si protrarrà per circa 10 giorni nella fascia oraria che va dalle 23 alle 07 del mattino. Ritenendo importantissimo l’effettuazione di tale intervento, per i motivi espressi nella precedente interrogazione, non posso che compiacermi di fronte a questa notizia . Tuttavia debbo, però, evidenziare, oltre all’ enorme ritardo con cui si sta procedendo all’effettuazione del servizio, come l’intervento di disinfestazione da blatte ricada in un orario poco felice. Alle ore 23.00, infatti, la maggior parte dei locali pubblici, mi riferisco in particolar modo agli esercizi che somministrano bevande e cibi, sono in piena attività e frequentati da numerosi clienti. Essi rischierebbero, quindi, di trovarsi a bere un cocktail o a mangiare una pizza con l’imminente pericolo di essere colpiti da un momento all’altro da dei micidiali nebulizzanti. Suggerisco a chi di competenza di posticipare alle ore 02.00 del mattino l’orario d’inizio delle operazioni, questo per evitare spiacevoli inconvenienti ai clienti.
SANITA’, ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO, SNELLITE LE PROCEDURE- Le aziende sanitarie siciliane potranno prorogare o rinnovare i contratti a tempo determinato in scadenza, senza sottoporre gli atti alla preventiva autorizzazione dell’assessorato.
Lo ha deciso l’assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo, per abbreviare i tempi della burocrazia regionale. Infatti, in concomitanza con il periodo di ferie, molte aziende hanno presentato domanda di proroga di incarichi a tempo determinato in scadenza in questo periodo.
Il nuovo decreto tuttavia mantiene alcuni vincoli per le aziende. I contratti non potranno avere una scadenza oltre la data del 31 ottobre 2009, dovranno essere suffragati dalla necessità e dalla inderogabilità di assicurare ai cittadini la necessaria assistenza”.

We can. Il fotomontaggio di Piero Roux

FOLLIE DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE di Piero Roux
Mi aggiungo al coro di cittadini eoliani che vorrebbero dormire la notte ma non possono a causa dei "motorini" che - fino alle tre del mattino scorazzano per i vicoli del paese. Visto il precedente, chiedo la chiusura di via Maddalena con filo spinato, catene e mine anti scooter .
Un checkpoint con percorso obbligato potrebbe garantire il passaggio ai diversamenti abili.
Un folle
Piero Roux

venerdì 17 luglio 2009

Dalla targa Unesco di Santa Marina riparte la speranza degli ex Pumex per un futuro migliore

Scoperta a Santa Marina Salina la targa che ricorda che quel comune è Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco. Presente il ministro Stefania Prestigiacomo, i rappresentanti delle istituzioni locali, provinciali e regionali, le forze dell'ordine al gran completo.
Ed in maglietta nera, senza dare alcun disturbo, ma facendo sentire la loro presenza fisica, c'era anche la delegazione degli ex Pumex, spostatisi a Santa Marina Salina per lanciare l'ennesimo disperato appello alle istituzioni, sono sicuramente riusciti a calamitare l'attenzione. Non solo del ministro Stefania Prestigiacomo, ma anche del presidente della Provincia Nanni Ricevuto, dell'on. Nino Beninati, della dottoressa Rossana Interlandi, dei sindaci eoliani, in particolare del sempre attento Massimo Lo Schiavo che, parlando della targa apposta quale simbolo di appartenenza di quel territorio al Patrimonio Unesco, ha auspicato che non venga macchiata dalla perdita del posto di lavoro di decine di padri di famiglia.
Al di là dell'incontro del ministro con gli ex Pumex c'è stato una specie di "consultazione" tra tutte le istituzioni presenti per trovare il "grimaldello", la via per venire a capo della situazione. E' ovvio che di promesse, in questi lunghi mesi, ne sono state fatte tante ma...stasera, tra gli stessi ex Pumex, serpeggiava un leggero ottimismo. Se le promesse dovessero concretizzarsi i primi risultati si potrebbero vedere nell'arco di dieci giorni, due settimane al massimo.

Santa Marina Salina. Il sindaco Lo Schiavo indica la via e auspica analoghe iniziative degli altri comuni eoliani

Prima che venisse scoperta la targa, realizzata in bronzo dall'artista messinese Ranieri Wandeerlingh, che ricorda come Santa Marina Salina faccia parte dei siti "Patrimonio dell'Umanità", abbiamo intervistato il sindaco Massimo Lo Schiavo(nella foto con il presidente della Provincia Nanni Ricevuto) che ha auspicato che l'iniziativa possa essere sposata da tutti gli altri comuni eoliani. L'intervista:

Bruno-Ricevuto: ... e scoppiò la pace

Tra i presenti a Salina anche il presidente della Provincia Nanni Ricevuto. Il presidente ha viaggiato sul mezzo dell'Ustica Lines unitamente al sindaco di Lipari Mariano Bruno. I due, che sembrano aver superato i problemi emersi durante un sopralluogo ad Acquacalda(vedi prima foto) hanno discusso di problematiche eoliane e poi si sono concessi un abbraccio per la stampa.

Santa Marina Salina: In attesa del ministro Prestigiacomo gli ex Pumex incontrano l'ex assessore Interlandi

E' arrivata soltanto alle 19,00 nel comune di Santa Marina Salina il ministro Stefania Prestigiacomo. Il ministro, per impegni istituzionali, è riuscita ad arrivare in elicottero nell'elisuperficie di Malfa soltanto 20 minuti prima.
Ovviamente il ritardo del ministro ha fatto slittare tutto . Dalla scopertura della targa che indica come Santa Marina sia uno dei comuni eoliani facenti parte del Patrimonio dell'Umanità alla processione del simulacro della Santa Patrona.
Numerose e di "livello" i presenti sia dal punto di vista militare che politico. Per incontrare il ministro sull'isola è anche sbarcata una delegazione di una ventina di unità degli ex lavoratori della pomice, molti di loro con la maglietta nera in segno di lutto per il lavoro perso. Prima dell'incontro con il ministro i lavoratori hanno incontrato l'ex assessore regionale Rossana Interlandi, ora funzionario dell'assessorato regionale Territorio ed Ambiente. L'ex assessore ha lasciato intendere che gli spazi per il reinserimento lavorativo degli ex Pumex ci sono, ha promesso il suo impegno "anche se la parola spetta alla politica".
Un breve video dell'incontro:

Via Marconi ne esiste una di serie A e di serie B? Siamo certi che le regole valgono per tutti? Sembrerebbe di no!

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviata alla nostra redazione da "Camere La Sibilla". Leggendola ci siamo resi conto che non c'è assolutamente uniformità (ma non avevamo dubbio alcuno) nel fare rispettare le regole. Non è per rigirare il "dito nella piaga" ma dalla lettera appare evidente come in una certa zona della via Marconi per bloccare lo scorazzare dei motorini si autorizzino le transenne, in un'altra parte della stessa non si possono nemmeno restringere i vasi delle piante.
Vi proponiamo il testo integrale della lettera.
Carissimo Salvatore,
io non cito nessun grande letterario, mi limito a dirti, in riferimento alla "via Guglielmo Marconi bassa", che giorni fa' ho avuto modo di chiedere personalmente ad un assessore (non faccio nome per non scatenare polemiche), cosa e come si possa risolvere la problematica motocicli.
Mi e' stato detto "la segnaletica c'e', che i vigili proprio quel giorno avevano fatto 12 multe e quindi.... Le piante piu' strette di cosi' non si possono mettere perche' le carrozzine non passano".
Mi chiedo! Dovro' fare anch'io come hanno fatto i colleghi della via MARCONI ALTA?
Perche' anche nella MARCONI BASSA ci sono attivita' ricettive, negozi ed una chiesa. I nostri clienti non rischiano allo stesso modo?
So gia' che questa mia breve lettera non smuovera' ne' lo scarso rispetto di tutti coloro che scorrazzano nel vicolo ,ne' la buona volonta' di chi si occupa della viabilita'.
Sembre piu' indignata e delusa da chi in questo paese dovrebbe rispettare e far rispettare, regole, leggi e democrazia.
LA SIBILLA.

Lipari: Gli emendamenti della minoranza al bilancio

Comunicato stampa
Presentati nella giornata di ieri gli emendamenti al bilancio di previsione 2009, i gruppi di minoranza, Eolie nel Cuore, Nuovo Giorno ed U.D.C., hanno sottoscritto unitariamente tali variazioni di bilancio, operando complessivamente variazione per 104.000 euro, senza togliere o modificare somme da servizi essenziali dell’Ente.
Gli emendamenti sono un segnale, un tentativo di dare alla nostra comunità una serie di servizi ed interventi che da anni attendono, guardando principalmente al benessere psico-fisico della comunità Eoliana. Siamo partiti dalla volontà di assicurare al più presto un intervento straordinario di diserbamento delle strade comunali (10.000 euro) ed un intervento straordinario di pulizia dei pozzetti nei centri urbani di Lipari e Canneto (5.000,00 euro). Sempre nel campo degli interventi straordinari abbiamo previsto dei lavori di manutenzione dei plessi scolastici (10.000,00 euro), infine, sotto questo aspetto, abbiamo previsto un incremento di spesa (10.000,00 euro ) per la tutela stradale a tutela degli utenti deboli, bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti.
Abbiamo previsto l’introduzione, per la prima volta nel nostro Comune, di un contributo alle spese viaggi marittimi degli studenti Universitari, con la creazione di un fondo di euro 10.000,00. La creazione di un capitolo ex novo per l’acquisto di un terreno in Pianoconte per la realizzazione di un campetto di Calcio e la creazione di un primo stanziamento di euro 5.000,00.
Ulteriore azione è stata individuata attraverso una serie di aiuti alle società sportive che operano all’interno del nostro territorio, sia attraverso piccoli contributi per le attività sociali sia attraverso la possibilità di operare interventi negli impianti sportivi all’aperto, segnatamente il F. Monteleone ed i campi di Tennis. Pertanto si sono individuati fondi ex novo per circa 15.000,00 euro da destinare alle società sportive (Calcio, basket, pallavolo, tennis), fondi per 10.000,00 da destinare ad interventi di manutenzione dello stadio comunale e 5.000,00 euro per i campi da Tennis.
Ulteriori piccole somme siamo riusciti a individuare per le società ricreative, si tratta di circa 7.000,00 euro. Integrazioni e contributo sono stati inseriti alla fine per le festività di San Bartolomeo (7.500,00) e per le altre festività (2.500,00), per le attività culturali (5.000,00) ed un contributo all’AVIS (2.000,00 euro).
I consiglieri di minoranza

I "dissuasori", la "strada del Gattopardo" e le "castronerie"....non solo della stampa

Riceviamo dalla signora Valentina Marino e pubblichiamo:
Meglio stare zitti e passare per stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio!!!!
Oscar Wilde
Evidentemente, mai frase fu più calzante per introdurre un breve commento relativo alla questione "strada Gattopardo".
Passi pure che cittadini curiosi e zelanti siano sempre pronti a constatare che " l´erba del vicino è sempre più verde!", ma che gli stessi giornalisti veicolino, con tanto di glossa finale, notizie errate senza neanche prendersi la briga di andare a constatare la veridicità di quanto scritto...beh! Questo è veramente troppo!!!
Se, anzichè affannarsi ad effettuare video sotto il sole cocente o pubblicare "articoli" riportanti titoli come: LA STRADA DEL GATTOPARDO, si fossero limitati ad indagare sulla questione, avrebbero sicuramente ottenuto risposte esaustive. Ma, naturalmente, la polemica, come sempre, fa più notizia!!
Ma, nella stessa polemica, si cerca comunque di nobilitare i propri interventi: infatti, si può notare che il comune denominatore della questione trattata è il tema dei disabili. Sicuramente l´A.N.D.I. ( associazione nazionale disabili italiani) sarà ben lieta di venire a conoscenza che a Lipari esiste una folta comunità interessata all´apologia della loro causa ( ma come mai non si fa menzione di tutte le altre barriere architettoniche esistenti sulla nostra isola?).
Allora, ad onor del vero, si sappia che:
La richiesta di chiusura di questa bretella che per nulla serve a snellire il traffico ma, semplicemente, viene utilizzata da scooteristi come rettilineo per effettuare impennate e altro, era stata inoltrata già tre anni fa con tanto di raccolta firme di tutti coloro che abitano in quella zona.
Molte sono state le persone che uscendo dal noto hotel sono state incidentate da motocicli che, provenienti da Pianoconte, si trovavano spesso a passare da quella strada a motore spento impedendo così ai clienti di paventare il pericolo ( a tal proposito faccio notare che non esiste un marciapiede da ambo i lati).
I dissuasori, oggetto della polemica, sono stati fissati proprio in modo tale da dare la possibilità al disabile di poter transitare.
In conclusione, si rasserenino tutti coloro che parlano di figli e figliastri e, piuttosto, riflettano
sul fatto che, a volte, il nostro senso di inciviltà raggiunge livelli tali da spingere chi di competenza a ricorrere ad azioni forti, come quella di montare i suddetti dissuassori. Forse sarebbe bastato installare l´apposita segnaletica, ma a cosa sarebbe servito? La restante parte della via Marconi dimostra quanto siamo poco rispettosi del regolamento stradale: si scorazza con i motocicli nonostante all´inizio della stessa campeggi tanto di segnale di divieto.
Dunque, per quanto i notiziari locali rappresentino un´agorà virtuale per tanti isolani internauti che desiderano essere parte attiva di quanto accade nel nostro paese, è anche giusto e doveroso, prima di fare uscire dalla propria penna fiumi di castronerie, informarsi... d'altronde a nessuno è mai nociuto essere stato zitto ( Catone).
Valentina Marino
NDD. In una democrazia ognuno è libero di esprimere la propria opinione. Cosa che abbiamo permesso di fare con la lettera che precede questa nota alla signora Valentina Marino in Famularo.
Non sappiamo a chi si riferisce nel suo "attacco" e chi sono questi "cattivi" della stampa. Lasci però a noi decidere se una notizia possa essere data e/o con quale risalto; se stare sotto il sole o meno. Ce lo lasci fare in tutta serenità, non ci indichi la via maestra (verificare le notizie), lo facciamo abitualmente. Al punto che ieri sera non appena è giunta la segnalazione abbiamo contattato l'assessore alla viabilità.
Ognuno svolga il suo lavoro, senza entrare nel merito di quello altrui, specie se si è parte interessata. Noi non ci permettiamo di entrare nel merito dello svolgimento (sicuramente di alta qualità) della struttura alberghiera della sua famiglia, lo faccia anche lei.
Due ultime considerazioni. Non crediamo che solo chi esce dalla sua struttura rischi la vita per i motocicli (vedi lettere inviate in passato a questa redazione) ma questo non ha portato (sinora) a chiedere la chiusura di una strada con barriere. Pardon, dissuasori(?)
Lei cita Oscar Wilde e Catone. Noi, un u' zu' Vartuluzzu qualsiasi che abita in uno dei tanti vicoli di Lipari e si vede motorini e motorette entrare quasi sin dentro casa, a tutte le ore del giorno e della notte. Eppure non ha mai chiesto di poter installare "dissuasori". Sarà un fesso o, forse, uno meno furbo?

Il comune di Lipari manifesta l'interesse per la costituzione del parco progetti regionale

ASSESSORATO ALLA PROGRAMMAZIONE
COMUNICATO STAMPA
È STATA PRESENTATA ANCHE DAL COMUNE DI LIPARI, PRESSO L’ASSESSORATO REGIONALE AI LL.PP. DELLA REGIONE SICILIA, LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA COSTITUZIONE DI UN PARCO PROGETTI REGIONALE, COSI’ COME DA AVVISO PUBBLICATO SULLA G.U.R.S. N. 17 DEL 17 APRILE 2009, CHE PREVEDE UNA RIPARTIZIONE DELLE RISORSE F.A.S. NONCHE’ DEI FONDI DEL PROGRAMMA COMUNITARIO F.E.S.R. 2007-2013, PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA FUNZIONALE ED UN PROGRAMMA DI EDILIZIA UNIVERSITARIA.
LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE E’ STATA PRESENTATA NELL’AMBITO DELL’ACCORDO DI PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA “TINDARI – EOLIE” SOTTOSCRITTO TRA I COMUNI DI PATTI, LIPARI, LIBRIZZI, OLIVERI E MONTAGNAREALE.
LA SCELTA DI PARTECIPARE IN PARTNERSHIP CON ALTRI COMUNI E’ SCATURITA DALLA POSSIBILITA’ DI POTER AVERE UNA DOTAZIONE FINANZIARIA PROCAPITE MAGGIORE DI QUELLA DI 1,3 MILIONI DI EURO A PROPOSTA, MASSIMO DUE, CHE SI SAREBBE AVUTA NEL CASO DI PARTECIPAZIONE SOLITARIA. AVENDO LA COALIZIONE UNA POPOLAZIONE AL 31/12/2007 SUPERIORE A 30.000 ABITANTI, E’ STATO POSSIBILE PRESENTARE DUE PROPOSTE PER IMPORTI COMPLESSIVI DI € 10 MILIONI CIASCUNA.
LE PROPOSTE, CHE TRA L’ALTRO HANNO RICEVUTO L’ADESIONE DI PROVINCIA, DIOCESI, ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA ED ONLUS, DISTRETTI SOCIO SANITARI, ETC., SONO STATE FORMULATE PREVEDENDO DUE FILONI DI SVILUPPO:
TINDARI – EOLIE: CULTURA e TERRITORIO PER LO SVILUPPO
TINDARI – EOLIE: VIVERE PER NATURA…e TURISMO
IL COMUNE DI LIPARI HA PRESENTATO PROPOSTE PER COMPLESSIVI € 6.058.248,28, PREVENDENDO NOVE INTERVENTI TRA RISTRUTTURAZIONI E RIQUALIFICAZIONE, DI CUI BEN CINQUE CORREDATI DI PROGETTI DEFINITIVI E/O ESECUTIVI.
SI TRATTA DI:
Recupero conservativo e rifunzionalizzazione di un esistente fabbricato da adibirsi a museo della cinematografia e del mare - Isola di Vulcano - € 400.000
Progetto di riqualificazione del patrimonio naturalistico dell'isola di Filicudi attraverso il recupero dei sentieri legati alla tradizione eoliana e creazione di belvedere in luoghi di grande pregio ambientale "completamento stralcio funzionale" - € 619.748,28
Lavori di sistemazione ed adeguamento del campo di calcio comunale "Franchino Monteleone" sull'isola di Lipari - € 700.000
Lavori di riqualificazione del centro storico di Lipari - Zona S. Anna - € 980.000
Potenziamento dell'impianto di pubblica illuminazione nell'isola di Vulcano - Recupero e riqualificazione urbana - 1° stralcio - € 455.000
Lavori di riqualificazione del patrimonio naturalistico dell'isola di Alicudi attraverso il recupero dei sentieri legati alla tradizione eoliana e creazione di belvedere in luoghi di grande pregio ambientale - € 300.000
Recupero e valorizzazione del sentiero comunale di Monte Rosa - Isola di Lipari - € 400.000
Riqualificazione dell'asse viario secondario del Comune di Lipari - Isola di Lipari - € 400.000
Riqualificazione della frazione di Canneto – Arredo Urbano Parcheggio - € 1.803.500
TUTTI I PROGETTI SONO STATI BRILLANTEMENTE SEGUITI NELL’ASPETTO TECNICO ED AMMINISTRATIVO DAI FUNZIONARI DELL’UFFICIO LL.PP. E DA QUELLI ALLA PROGRAMMAZIONE, DIMOSTRANDO SINERGIA D’INTENTI E LAVORATIVA, ARRIVANDO A CONFEZIONARE PROPOSTE CHE, SIA DAL PUNTO DI VISTA DEI CONTENUTI CHE DA QUELLO GRAFICO, HANNO RICEVUTO APPREZZAMENTO DALLO STAFF DI CONSULENTI DELLA COALIZIONE CHE HANNO CURATO GLI ASPETTI GENERALI DELLE PROPOSTE.
Lipari li, 17/07/2009
L’ASSESSORE
Dott. Ivan Ferlazzo

Chiusura autorizzata.... e adesso chiudiamole tutte!

La chiusura della parte superiore della via Marconi di Lipari (la via del Gattopardo) con la serie di incredibili transenne (dissuasori?) (disastrose anche dal punto di vista dell'impatto visivo e ambientale) sarebbe stata regolarmente autorizzata con ordinanza dal dirigente-comandante del corpo di polizia municipale Domenico Russo.
Il via libera alla chiusura è stato dato a seguito di istanza presentata dai titolari della struttura alberghiera esistente in zona e a seguito di parere favorevole espresso da due ispettori di polizia municipale che hanno effettuato un sopralluogo e relazionato. Di conseguenza per il dirigente-comandante è stato una specie di atto dovuto. L'incredibile è che ciò sia avvenuto senza minimamente coinvolgere la parte politica, ovvero l'assessore alla viabilità Corrado Giannò.
La richiesta sarebbe stata avanzata per via del rumore causato dai mezzi(motociocli in particolare) in transito e dal rischio per l'incolumità pubblica.
Richieste sicuramente legittime. Ma, in quest'ottica(sicuramente giusta, dal punto di vista di chi opera e lavora), tanti cittadini o operatori turistici possono presentare istanza per rendere off limits i vicoli...percorsi in lungo e in largo dai mezzi a due ruote. Saranno in molti probabilmente... da chi risiede e opera nella parte bassa della via Marconi, nei vicoli limitrofi a Marina Corta, Sopra la Terra, a Canneto.. così come a Pianoconte.
Richieste, attenzione, che stanno per essere partorite. Quale sarà il metro di giudizio? Crediamo e speriamo uguale. A meno che- come ci ha scritto un nostro lettore- non si tratti di un provvedimento "ad personam"

Brevi

Degrado ed inciviltà- Stand da marciapiede" in allestimento sulla via Ponte di Lipari. Dopo il materiale depositato nei giorni scorsi adesso è stato piazzato anche un bel termosifone(potrebbe tornare utile per l'inverno)
Se la pubblicazione dei gesti dell' inciviltà di ignoti può sembrare a volte ripetitiva, ciò non può e non deve indurre nella tentazione di lasciar perdere. Se ciò accadesse... in quel momento significherebbe aver perso davvero!!! (Salvatore Rijtano)

Tennis- Il torneo di 4° categoria organizzato dallo Snoopy club entra nel vivo. Oggi si disputano le semifinali. L'unico atleta eoliano ancora in gara è Giuseppe Famularo.
Si sono fermati ai quarti invece Finocchiaro ( 6/3 6/2 da Arasi ) e Bellino ( 7/5 6/3 da Spinosa ) La prima semifinale è prevista per le 18.00 e vede di fronte Alessandro Villari ( testa di serie n.3 ) contro Famularo. A seguire la seconda semifinale tra Carmelo Arasi ( testa di serie n.1) contro Giovanni Spinosa ( testa di serie n.4).
Sabato ( orario ancora da definire ) la finale. Se verrà raggiunto il numero minimo di iscritte, domenica 19 luglio comincerà inveceil torneo di 4° categoria femminile.
Presentazione libro di Clara Raimondi- Il libro "Alle Eolie sulla scia di Ulisse. I diari dei grandi viaggiatori del passato" di Clara Raimondi sarà presentato giovedi prossimo, 23 luglio, al Centro Studi di Lipari con inizio alle ore 19,00

Strada chiusa a Lipari? Altro che. E' stato creato un "percorso di guerra"

"Noi come San Tommaso". Dopo le segnalazioni dei lettori siamo andati a "toccare con mano", a verificare, quanto realizzato sulla parte superiore della Via Marconi.
Oltre al divieto d'accesso e alla cartellonistica che indica una "strada senza uscita" in alto, ai margini dell'accesso sulla strada provinciale, sono state impiantate delle transenne. Transenne che, precludendo il passaggio ai motocicli, creano nello stesso stesso tempo un serio ostacolo al libero transito di pedoni e anche, principalmente, di portatori di handicap. Costretti ,dalla modalità in cui sono state piazzate le transenne, ad avanzare zigzagando tra le stesse. Per chi ha svolto il servizio militare un vero e proprio "percorso di guerra".
Qualcuno obietterà che non si tratta di via comunale ma di una via vicinale. La questione, così come è stato impostato il "blocco", non cambia di molto.
L'incredibile è che a tutt'ora nessuno sa o vuole dire chi ha autorizzato tale iniziativa, chi ha apposto la segnaletica, chi ha emesso l'ordinanza, se è stata emessa.
Certo stranisce come tale via venga sigillata, mentre un'altra (la parte terminale della via Marconi, quella che immette sul corso) sia lasciata al libero arbitrio, all'accesso incontrollato di motocicli ecc.. Eppure è una strada fortemente pedonalizzata, vi insistono delle abitazioni e delle attività ricettive. E' una strada dove è a rischio la pubblica incolumità.
Perchè in questa via può bastare solo un divieto d'accesso(costantemente violato) e in un'altra strada si arriva addirittura al transennamento? "Figli e figliastri ?".
Vi mostriamo il filmato del percorso "da guerra". Nel frattempo attendiamo risposte. Non per noi, ma per i cittadini.

Lipari. Ma quali transenne momentanee! Quella del Gattopardo è stata fatta diventare una via per pochi intimi.

Riceviamo e pubblichiamo:
1) Gent.le direttore,
ho letto il suo articolo sulla chiusura della strada del Gattopardo e mi stranisce la risposta data dall'assessore Giannò. Se si guarda anche il segnale posizionato all'ingresso della stessa si capisce subito che non c'è alcun equivoco, ma che è una scelta consapevole. Certamente corredata da apposita ordinanza. Il segnale stradale (vedi foto allegata), che prima non c'era, dice chiaramente che la strada è senza uscita!!!
Lettera firmata
2) Gent.le direttore,
Abbiamo forse le traveggole? Abbiamo forse le allucinazioni? Che qualcuno vada subito a controllare, perchè altrimenti dovremmo cominciare davvero a preoccuparci...
Si chiude una strada pubblica e l'assessore al ramo non ne sa niente? Equivoco!?!?!?!?! transenne murate (ben quattro!!!) con tanto di lucchetti e tanto di cartellonistica all'inizio della strada, sarebbero un equivoco? Sarebbero provvisorie, nell'ambito di un determinato momento della mattinata? E invece sono ancora stabilmente lì collocate... Indagate, perchè tutto ciò è gravissimo... un insulto all'intelligenza dei cittadini...
Lettera firmata

Nota del direttore.
Abbiamo scelto queste due mail tra le sei giunte in redazione perchè riassumono in pieno la questione, i dubbi e le perplessità dei cittadini. Ma andiamo per ordine.
Nel pomeriggio di ieri avevamo ricevuto una mail di un nostro lettore(lo stesso della lettera n°2) che ci evidenziava come la "strada del Gattopardo" fosse stata chiusa al traffico tramite l'apposizione di transenne. Transenne che impedivano anche il transito di un semplice passeggino. Il lettore lasciava intendere si trattasse di un "dono" ad una nota attività alberghiera della zona. Il cittadino, in questione, scriveva: Come molti cittadini, stamattina abbiamo preso atto dell'assurda e ingiustificata chiusura della strada comunale (o vicinale), che collega la Via Conti con la Strada Provinciale Lipari - Pianoconte - Quattropani, per intenderci, la strada ove è situato un noto albergo. Non vorremmo pensare che proprio per "tale albergo", la strada sia stata chiusa al pubblico transito... A quanto pare, non solo al transito carrabile, ma anche al transito pedonale, visto il posizionamento delle transenne che, quantomeno, creerebbe l'impossibilità a portatori di handicap che volessero transitarvi, o comunque, con un passeggino o quant'altro. E poi in caso di emergenze di Protezione Civile? O in caso di emergenze sanitarie o quant'altro? Chi ha autorizato, e con quali atti, questa bizzara operazione? forse per fare un qualche favore particolare a qualcuno? Non bisognerebbe, prima di fare una simile operazione, valutare tutte le suddette conseguenze? Sicuramente, visti i numerosi incidenti che in passato sono successi nella sovrastante strada provinciale, vista l'esiguità della sede stradale, limitare il transito pedonale in tale tratto di strada chiuso non si sa con quale criterio, è decisamente inopinato. Ormai a Lipari, ci stiamo tristemente abituando a vedere di tutto..."
L'assessore Corrado Giannò, da noi contattato, smentiva l'apposizione delle transenne, sostenendo si trattasse di un fatto momentaneo, legato alla realizzazione della segnaletica stradale.
La foto del nuovo segnale posizionato all'ingresso della parte alta della via Marconi (la strada che porta al Gattopardo), le lettere pervenuteci che ribadiscono l'esistenza delle transenne murate all'inizio della strada (da quanto abbiamo capito nella parte che immetteva sullo stradale) è chiaro che cambiano per l'ennesima volta le carte in tavola.
Senza mettere in dubbio la buona fede dell'assessore Giannò nel rispondere al nostro quesito è logico a questo punto chiedere: E' stata emessa una ordinanza? Chi l'ha emessa e per quale motivo? Crediamo che i cittadini meritino una risposta.

Tajani. «Tirrenia, positivo l'interesse delle Regioni".

"L’interesse dimostrato da alcune Regioni italiane per le società regionali del gruppo Tirrenia è un elemento nuovo, importante e positivo, rispetto al quale le autorità italiane stanno facendo le loro valutazioni». A sottolinearlo è stato il vicepresidente della Ue e responsabile dei Trasporti, Antonio Tajani, il quale, nel corso di un’audizione alla Camera, si è soffermato sul dossier relativo alla privatizzazione di Tirrenia.
Dossier, ha detto, che è tuttora oggetto di approfondimento da parte della Commissione europea. «La scelta di privatizzare il gruppo Tirrenia o di procedere comunque al suo riassetto -ha spiegato Tajani- è una decisione autonoma del Governo italiano, che la Commissione europea accoglie con favore ma rispetto alla quale non prende formalmente posizione in quanto, come disposto dall’articolo 295 del Trattato, il diritto comunitario è neutro rispetto al regime di proprietà esistente negli Stati membri».
«Qualunque scelta venga fatta da parte delle autorità italiane, essa dovrà comunque -ha sottolineato Tajani- essere in linea con il diritto comunitario. Con questo voglio dire che la privatizzazione o comunque ogni operazione di riassetto di Tirrenia dovrà avvenire nel rispetto dei principi di trasparenza, parità di trattamento e non discriminazione nonchè della normativa europea pertinente».

Lipari: Al pontile aliscafi...è la solita estate. Eppure basterebbe un semplice altoparlante. Le riflessioni del dott. Finocchiaro

Riceviamo dal dottor Lelio Finocchiaro e pubblichiamo:
A volte, troppo impegnati in cose ritenute, magari a ragione, molto importanti, si finisce col trascurare buona parte di quelle cose che, pur essendo di minore rilevanza, finiscono per essere di enorme fastidio per tutti. Ed il bello è che molte di queste cose potrebbero essere risolte, il più delle volte, nella maniera più semplice e senza alcuna spesa.
Faccio un esempio: L'anno scorso ho potuto assistere, al pontile degli aliscafi, a scene assolutamente indecorose. C'era gente che voleva scendere e non poteva perchè chi doveva salire non gli lasciava spazio, c'era gente straniera che chiedeva disperatamente qual'era l'aliscafo che doveva prendere e nessuno gli rispondeva, c'era gente che saliva sul primo mezzo che gli capitava prima di accorgersi di avere sbagliato. Il tutto in una confusione terribile e sotto un caldo soffocante.
Ora, non si pretende che a Lipari si mettano tabelloni elettronici che indichino i secondi che mancano alla partenza o all'arrivo, come accade per gli autobus di Berlino, però un semplice altoparlante che annunci "al pontile x è in partenza l'aliscafo Siremar per Vulcano- Milazzo", oppure "l'aliscafo Ustica da Salina viaggia con venti minuti di ritardo", non potrebbe costituire una attenzione doverosa per chi comunque si disturba a venire a visitare le nostre isole, e non sarebbe nel contempo una soluzione assolutamente a costo zero?
Mi pare che, e siamo ormai alla fine di luglio, che anche questa estate si prepara ad essere come le precedenti.... almeno ai pontili.
Lelio Finocchiaro (consigliere comunale per caso)

Gal "Isole di Sicilia". La Federalberghi Eolie interessata al partenariato

Federalberghi Isole Eolie, già socia del GAL Leader II Eolie, manifesta il proprio interesse ad aderire al partenariato GAL isole di Sicilia. Con questa adesione, scaturita da una delibera di Consiglio Direttivo, siintende dare un forte segnale al percorso intrapreso dalle isole minorisiciliane e dal neo Presidente del GAL Eolie, Ing. Emanuele Carnevale. È evidente l'interesse per la formazione di un forte partenariato pubblico-privato che una volta superata la fase di selezione dei GAL, presenterà un proprio Piano di Sviluppo Locale (PSL). Questo dovrà contenere tutti gli elementi utili a definire un programma complessivo di sviluppo territoriale coerente con quanto stabilito dalla strategia di sviluppo rurale di cui al Reg. (CE) 1698/2005 ed al PSR 2007-2013".
Il PSL sarà comunque il frutto delle istanze che proverranno dai territori insulari. Il PSL e gli interventi che ne scaturiranno rappresentano un'importante opportunità sia per avviare alcune basilari azioni di miglioramento dell'offerta locale sia per testare ed affinare la capacità delle isole minori di fare sistema e di programmare, attraverso un forte partenariato pubblico privato, per uno sviluppo socio-economico sostenibile di queste isole.
Christian Del Bono (Presidente)
notizia del 17/07/09
a cura di Salvatore Sarpi

Eolie: Sciopero lunedì dei marittimi Ustica Lines. Partirà una sola corsa

(Gazzetta del sud- Peppe Paino) Federmar Cisal ha proclamato una giornata di sciopero dei marittimi Ustica Lines per lunedì 20 luglio. Il segretario provinciale Accardi ha comunicato ieri alla società trapanese che cura i collegamenti con l'arcipelago eoliano che la linea Milazzo – Eolie che non parteciperà allo protesta ed effettuerà il normale itinerario orario di andata e ritorno, con rientro a Milazzo alle 13,30, sarà quella in partenza alle 7,50 dal porto della città mamertina. Lo sciopero segue al mancato rinnovo del contratto integrativo e all'organizzazione del lavoro. Questioni sulle quali il 19 giugno era scattata l' agitazione. Ustica Lines però, alla luce della stipula degli accordi aziendali, rispettivamente con le sigle Fit Cgil, Uil Trasporti e Fit Cisl e con la Usclac/Uncidim, che rappresentano la maggioranza dei marittimi, non ci sta. In una nota inviata alla Commissione di garanzia per l'attuazione delle legge sullo sciopero ha evidenziato che quegli accordi prevedono " ingenti aumenti retributivi per il personale dipendente del settore Milazzo" e che gli stessi sono applicati a tutto il personale marittimo della Ustica Lines spa, dello steso settore. "Aumenti – è stato fatto presente - che comportano una maggiorazione dello stipendio mensile da circa 250 euro a 300 e che sono stati non solo concordati nel contesto dell'attuale gravi crisi economica mondiale ma soprattutto in prossimità del rinnovo economico del contratto di settore aliscafi". Per la Ustica Lines di conseguenza la proclamazione dello sciopero da parte di Federmar Cisal è dovuta alla mancata presentazione di una piattaforma sindacale e a una non chiara precisazione delle proprie richieste. Il sindacato, sempre secondo la società del comandante Vittorio Morace, avrebbe inoltre violato il protocollo d'intesa del gruppo Tirrenia del 1 agosto 2000. Si sostiene che la proclamazione dello sciopero non sarebbe stata comunicata alla Presidenza del Consiglio dei ministri; dunque sciopero illegittimo e richiesta alla Commissione di Garanzia di indicare con urgenza eventuali violazioni. L'Ustica interromperà l'emissione di biglietti e naturalmente si riserva di agire.
Notizia del 17/07/09
a cura di Salvatore Sarpi

giovedì 16 luglio 2009

Salina. Veliero urta uno scoglio. Tempestivo intervento della Guardia Costiera di Lipari

Intervento di soccorso della Guardia Costiera di Lipari in località Pollara, nell'isola di Salina. A seguito della richiesta di soccorso, lanciata da una imbarcazione a vela di circa 12 metri, che aveva urtato uno scoglio, il maresciallo Michele La Torre ha disposto l'uscita in mare della motovedetta CP 566 con al comando il capo 1° classe Andrea Boselli.
Nella richiesta di soccorso veniva evidenziato che a bordo vi erano sei persone e che l'urto aveva provocato una falla nello scafo con relativo imbarco di acqua.
Gli uomini del Circomare, una volta giunti in zona, hanno potuto constatare l'ottimo stato di salute delle persone che si trovavano a bordo e, visti i danni riportato dalla barca a vela, disponevano il loro trasbordo per ragioni di sicurezza.
Con la collaborazione del comandante Brancato della delegazione di spiaggia di Salina e di tutti i marinai presenti veniva tamponata la falla (anche con l'ausilio di attrezzatura di fortuna ottenuta da altri natanti presenti in zona) e il natante, alla cui guida si è posto capo Brancato, è stato trasferito nel porto di Santa Marina Salina
Notizia del 16 luglio 09
a cura di Salvatore Sarpi

Lipari. Strada chiusa in prossimità del centro? Sarebbe solo un equivoco

Abbiamo ricevuto una lettera nella quale si evidenziava la chiusura "immotivata" , con transenne, della strada che dalla via Conti immette sullo stradale Pianoconte. La via, per intenderci, che scorre in prossimità di un noto albergo dell'isola.
Per saperne di più abbiamo contattato l'assessore alla viabilità Corrado Giannò il quale ha escluso categoricamente che ci sia un qualsiasi provvedimento che disponga la chiusura di tale via a quello che è il normale transito.
Presumibilmente, ci è stato detto, le transenne che in un determinato momento della mattina ostruivano quella strada erano state poste, in via provvisoria, dagli operai comunali che stavano realizzando la segnaletica.

Difesa del suolo: avviso pubblico di invito per la costituzione di un parco progetti per la mitigazione del rischio idrogeologico

Sarà pubblicato nella gazzetta ufficiale della Regione l’avviso pubblico di invito per la costituzione di un parco progetti regionale volto alla mitigazione del rischio idrogeologico e alla difesa dall’erosione costiera. Sono due le linee di intervento finanziate con fondi PO FESR Sicilia 2007/2013: interventi per il miglioramento dell’assetto idrogeologico e interventi di messa in sicurezza delle aree interessate dai fenomeni di dissesto.
Nel precedente periodo di programmazione POR Sicilia 2000-2006 Misure 1.07 e 1.10 erano stati già stabiliti i criteri di identificazione degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico sulla base della Pianificazione e Programmazione contenute nei Piani per l’Assetto idrogeologico (PAI) riferiti ai 107 bacini idrografici con i quali è stata suddivisa la Regione Siciliana e alle 26 Unità Fisiografiche con le quali sono state suddivise le Coste della Regione Siciliana.
Nell’ambito della stessa programmazione ed in relazione alle risorse finanziarie stanziate erano stati erogati finanziamenti su 170 aree individuate a rischio molto elevato R4 con Grado di Priorità 1 rispetto ad un totale di oltre 500 aree identificate sempre con Grado di priorità 1. Occorrerà, quindi, proseguire nell’individuazione degli interventi anche nell’ambito della nuova programmazione PO FESR 2007-2013 che prevede la realizzazione di interventi infrastrutturali prioritari previsti nei PAI e secondo i criteri di Protezione Civile. Pertanto, l’ individuazione degli interventi di miglioramento dell’assetto idrogeologico e di messa in sicurezza di aree interessate da fenomeni di dissesto verrà operata mediante la metodologia e i criteri adottati con la precedente programmazione.
L’avviso, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, sarà acquisibile anche sul Sito Internet www.artasicilia.it. Secondo le previsioni dal mese di settembre l’assessorato Territorio e Ambiente potrà essere in grado di mettere in cantiere le proposte più interessanti.
notizia del 16/07/09
a cura di Salvatore Sarpi

IL POSSIBILE GENOCIDIO DEI BAHÁ’Í IN IRAN

Riceviamo dalla nostra lettrice Alessia Ziino e pubblichiamo.
IL POSSIBILE GENOCIDIO DEI BAHÁ’Í IN IRAN(sintesi dal documento pubblicato dal sito di Sentinel Project)
N.B. Questo articolo che, potrebbe sembrare non avere alcun collegamernto con l'area coperta da questo giornale on line, viene pubblicato in quanto di rilevante interesse per una parte (seppure piccola) della comunità liparese: quella Baha'i
Sentinel Project, un movimento internazionale fondato allo scopo di denunciare e combattere i crimini contro l’umanità, ha di recente messo in guardia contro la possibilità che i bahá’í in Iran siano in un prossimo futuro oggetto di genocidio. Uno dei suoi più autorevoli membri, Christopher Tuckwood, ha di recente compiuto una ricerca sui segnali che giungono da quel Paese in tale direzione.
È noto che sin dalla metà del XIX secolo, periodo di inizio questo nuovo credo religioso, i membri della comunità bahá’í iraniana hanno subito periodiche e violente persecuzioni, ma è dal 1979 che i loro diritti umani sono stati sistematicamente violati.
Anche se non è facile determinare se il regime in Iran stia realmente programmando il genocidio della minoranza bahá’í (circa 300.000 persone), tuttavia esistono indizi, fatti e documenti per sottolineare la necessità di prevenire che ciò accada. Alcuni documenti di Stato pubblicati nel 1993 mettono in evidenza che il governo iraniano vuole bloccare il progresso e lo sviluppo della comunità bahá’í.
Ai giovani bahá’í deve essere impedito di frequentare l’Università, mentre tutte le attività religiose della comunità devono essere messe al bando. Durante la presidenza di Hashemi Rafsanjani un documento tenuto segreto prevedeva «la distruzione delle loro [dei bahá’í] radici culturali all’estero». Sulla fine del 2005 un ordine diramato dall’esercito iraniano alla polizia, ai servizi segreti e alle Guardie rivoluzionarie intimava l’identificazione di tutti i bahá’í. Inoltre, enormi pressioni sono esercitate perché essi rinneghino la loro fede e si convertano all’Islam.
Lo studio compiuto da Tuckwood mette in luce le evidenti somiglianze tra tali persecuzioni e i tristemente famosi genocidi della storia.
1. I membri della Fede bahá’í non sono classificati come una minoranza religiosa e quindi non hanno diritti né ricevono alcuna protezione dallo Stato.
2. La maggioranza della popolazione iraniana non ha esperienza personale di chi siano veramente i bahá’í ed è di conseguenza totalmente influenzata dalla propaganda del regime.
3. Questa medesima propaganda sta ottenendo un certo impatto per distorcere la realtà religiosa dei bahá’í: essi vengono dipinti come eretici, in quanto credono nella venuta di un Profeta dopo Muhammad. Inoltre, essi vengono accusati di lavorare per potenze straniere come gli Stati Uniti e Israele. Vengono inoltre ingiuriati con termini come «prostitute», «incestuosi», «luridi». Afferma a ragione Tuckwood che è facile arrivare a perpetrare omicidi nei riguardi dei membri di una comunità dopo che essi siano stati così pesantemente «disumanizzati».
4. Lo Stato iraniano dispone di strumenti che rendono possibile un genocidio: l’esercito convenzionale, le Guardie rivoluzionarie, la polizia, la milizia Basij e gli Ansare Hezbollah sono in grado di mettere in atto azioni violente contro i bahá’í.
Anzi, ciò sta già avvenendo: case ed edifici di proprietà dei bahá’í vengono incendiati, i loro cimiteri distrutti e singoli individui arbitrariamente arrestati.
5. Lo scopo del governo iraniano è di isolare i bahá’í dal resto della società. Ogni cittadino iraniano che si azzardi a chiedere un eguale trattamento per i musulmani e i bahá’í viene automaticamente accusato di collaborare con le potenze straniere!
Lo studio del Sentinel Project prosegue affermando che la situazione della sicurezza dei bahá’í può deteriorarsi per le seguenti circostanze:
• Un peggioramento della situazione economica nel Paese potrebbe condurre i disoccupati a farsi reclutare nella milizia Basij e a sviluppare un’ostilità ancor maggiore verso i bahá’í.
• Se le forze conservatrici radicali acquisteranno ancor maggior potere, saranno tentate di usarlo per sopprimere le minoranze religiose, in modo particolare quella dei bahá’í.
• I governanti, visto il fallimento dei loro tentativi di «convertire» i bahá’í all’Islam, potrebbero cercare una soluzione finale nell’eliminazione fisica della comunità bahá’í.
• Se le pressioni dall’esterno dovessero intensificarsi, il regime potrebbe approfittare per eliminare quelli che considera i suoi nemici interni. Una possibilità del genere potrebbe facilmente verificarsi se, per esempio, gli Stati Uniti progettassero un attacco militare all’Iran. In effetti, i bahá’í sono, a torto, considerati la quinta colonna degli USA.
• Una situazione interna instabile e movimenti di protesta, sia da parte di oppositori del regime sia da parte di minoranze etniche, potrebbero aumentare i pericoli di più violente persecuzioni contro i bahá’í.
La ricerca di Tuckwood si conclude affermando che «anche se non vi sono immediati propositi da parte del regime di distruggere la Fede bahá’í, tuttavia l’intenzione è chiara e potrebbero essere presi ulteriori passi in questa direzione. La comunità bahá’í iraniana è povera, senza leaders e senza protezione legale. Come conseguenza, il regime iraniano ha già approntato strumenti e mezzi per realizzare un atto di genocidio a danno della comunità bahá’í in Iran, se venisse dato l’ordine politico».

S. Marina Salina: Una targa per ricordare che si è Patrimonio dell'Umanità. Presenti il ministro Prestigiacomo e una delegazione di ex Pumex

Domani alle 17,30, in occasione della festa patronale di Santa Marina, sarà scoperta nella piazza del comune salinaro la targa che ricorderà a tutti che Santa Marina e le Eolie fanno parte del Patrimonio dell'Umanità dell' Unesco. Alla manifestazione è annunciata la partecipazione del ministro Stefania Prestigiacomo oltre alle autorità civili, militari e religiose. La targa, realizzata in bronzo dall'artista messinese Ranieri Wandeerlingh, è stata commissionata dal sindaco Massimo Lo Schiavo. è stata realizzata dall'artista messinese Ranieri Wanderlingh. L'iniziativa ha il patrocinio della Provincia regionale di Messina.

A Santa Marina dovrebbe essere presente anche una folta delegazione degli ex lavoratori della pomice di Lipari che chiederanno al ministro Prestigiacomo di perorare con dati di fatto la loro causa. I lavoratori ex Pumex hanno, tra l'altro, incontrato stamattina al comune di Lipari sia il sindaco Mariano Bruno che l'assessore Mimma Sparacino. Oggetto dell'incontro la fase di stallo che vede gli ex Pumex ancora in attesa di transitare nel settore dei beni culturali. L'assessore Sparacino ha promesso di attivarsi alla Regione.

Lipari. Consegna pacchi SDA. "Solo confuse giustificazioni". La replica alla replica. "Solo

PACCHI SDA REPLICA ALLA REPLICA. Riceviamo dal rag. Salvatore Rijtano e pubblichiamo:
Leggo e mi stranisco sulle confuse giustificazioni della ditta che per conto di SDA effettua su Lipari la consegna dei pacchi. Nessun avviso è stato lasciato né sotto ne sopra la porta del mio studio nessuno ho saputo di dover contattare e nessuno ho contattato se non le poste al momento in cui mi è stato recapitato per due spedizioni ed in due diverse date un avviso di giacenza di due pacchi che ho immediatamente ritirato presso l’ufficio Postale.
Non capisco poi la polemica circa gli orari di accesso alla zona al traffico limitato e alle piante che impediscono il parcheggio sulla via Garibaldi.
Le piante posizionate dal Comune sono tutte sul marciapiedi dove abitualmente per civiltà e per evitare sanzioni non si parcheggia.
L’accesso sulla via Garibaldi per le consegne risulta essere fino alle ore 11,00 e il mio ufficio chiude al pubblico alle ore 12,00, abitualmente però il personale ed io stesso siamo in ufficio fino alle 14,00 e rispondiamo sempre al campanello, fa un po’ strano ricevere regolarmente un pacco dopo la segnalazione sui giornali online e direttamente a SDA.
In ultimo suggerirei al corriere di annotare sul pacco data e ora della mancata consegna eviterà tutte le polemiche del caso.
Salvatore Rijtano
Notizia del 16/07/09
a cura di Salvatore Sarpi

La foto-video denuncia: Set di gomme usate sulla via verso il Santuario di Quattropani

Ancora (purtroppo) immagini di degrado ed inciviltà. Ci giungono, attraverso il rag. Salvatore Rijtano, dalla frazione liparese di Quattropani.
Un "set di gomme" depositato lungo la strada che porta al Santuario della Madonna della Catena e ad uno dei posti più panoramici (e frequentati dai turisti) dell'isola.
Così non ci tiriamo indietro "nel tirare le orecchie" ai nostri amministratori quando lo meritano, non possiamo esimerci dal farlo anche nei confronti di quei cittadini, che come in questo caso, non hanno rispetto dell'ambiente in cui vivono ed operano.
Ma è davvero così difficile rispettare le regole del vivere civile?



Brevi

Festeggiamenti per Maria S.S. di Porto Salvo- Prendono il via oggi i festeggiamenti per Maria S.S. di Porto Salvo che si terranno a Lipari sino al19 Luglio. L'organizzazione è dell' Arcidiocesi di Messina- Lipari e Santa Lucia del Mela in strettissima collaborazione con il comitato presieduto da Franco Giunta e con il patrocinio del Comune di Lipari.
Il programma di oggi prevede:
(inizio ore 21) Spettacolo del gruppo Angels Dance e dei Cantori Popolari delle Isole Eolie.
Ci sarà anche una grigliata di pesce offerta dai pescatori.
Ospiti della serata: Josef Parisi, Rosaria Traviglia, Stella Ziino, Alberto Urso, Fabiola Biviano

Emendamenti al bilancio- Gruppi politici al lavoro per la predisposizione e la presentazione degli emendamenti al bilancio del comune di Lipari. Bilancio che sarà sottoposto al voto del consiglio comunale nella seduta del 29 luglio

Lipari: All'ospedale arrivano gli infermieri a rischio la permanenza dei medici

(Gazzetta del sud- Peppe Paino) All'ospedale di Lipari arrivano nuovi infermieri e ausiliari a tempo determinato, per quattro mesi, nell'ambito dell'autorizzazione assessoriale all'assunzione di queste figure giunta di recente all'Ausl 5, ma ancora non sono stati prorogati i contratti di alcune importanti figure specialistiche. Il nosocomio eoliano, l'unico nell'arcipelago ma raggiunto con preoccupante frequenza dagli elicotteri del 118 per l'impossibilità, dopo gli interventi di emergenza urgenza a proseguire le cure sul posto, in assenza di novità nei prossimi 15 giorni, rischia di perdere un medico al Pronto soccorso, due chirurghi, due cardiologi, un pediatra. Nei primi 15 giorni di agosto mancherà inoltre l'oculista che andrà in ferie mentre mancherà per tutto il prossimo mese l'otorino. La direzione sanitaria ha già fatto presente all'azienda l'imminente scadenza dei contratti. Se non saranno rinnovati si provocheranno, inevitabilmente, soprattutto nel mese clou dell'estate, non indifferenti disagi. Va ricordato che nel convegno di qualche giorno fa a Procida, l'Associazione nazionale sanitaria piccole isole (Anspi) e la federazione nazionale chirurghi e odontoiatri hanno stilato un documento unitario con il quale chiedono il potenziamento delle strutture situate nelle 45 isole minori italiane. La copertura dei fabbisogni del personale e la diminuzione del disagio dei professionisti che prestano la loro opera in questi ambienti e l'incentivazione economica

mercoledì 15 luglio 2009

"La cultura dell'emergenza" secondo Piero Roux

"La cultura dell’emergenza è stata ed è la cultura amministrativa dell’Amministrazione Bruno, non sindaco di tutti e soggetto al controllo ed al confronto politico, ma “commissario”, una sorte di podestà fascista. Tutto si è trasformato in emergenza".
I consiglieri comunali Eolie nel Cuore, Nuovo Giorno e Udc
Prendendo spunto da questa frase, contenuta in una lettera dei consiglieri di minoranza, Piero Roux ha realizzato questo fotomontaggio:

Servizio plichi e pacchi. Le precisazioni della C.D. Express(espletatrice del servizio per conto di SDA) al rag. Rijtano

A seguito delle due note fatte pervenire alla nostra redazione dal rag. Salvatore Rijtano riceviamo questa nota di chiarimento, che pubblichiamo integralmente, da parte della signora Chiara Domenico di C.D. Express sas.
Il servizio di consegna plichi e pacchi sulle Isole Eolie per conto di SDA gruppo Poste Italiane viene svolto dalla C.D Express sas con sede in Lipari.
E' vero che la consegna deve essere effettuata al domicilio del destinatario ed in caso di assenza dello stesso è ns. obbligo lasciare avviso.
Ma se il destinatario è sprovvisto di cassetta delle lettere l'avviso di mancata consegna dove si lascia?
Il sign. Rijtano ha pensato bene di omettere questo particolare "ovviamente l'avviso è stato lasciato sotto la porta" oltre al fatto che è impossibile parcheggiare lungo la via Garibaldi transennata da piante, che alle 11,00 la suddetta via diventa isola pedonale e che l'ufficio del sign. Rijtano chiude alle ore 12,00.
Nonostante questi inconvenienti, le consegne sono sempre state regolarmente effettuate anche perchè il personale addetto alle consegne, conosce il sign. Rijtano.
La frase " se vuoi vienitelo a prendere" detta in modo confidenziale dal corriere, non è stata detta con tono vessatorio come si vuole far credere ma bensì, (il pacco è ancora presso il ns. ufficio, se vuole può venire a ritirarlo, altrimenti verrà consegnato all'ufficio postale) "come da prassi".
Se non avessimo lasciato l'avviso non avrebbe potuto contattarci.
Il commento del sign. Rijtano ci è sembrato fazioso e pretestuoso, in quanto su una popolazione di più di 10.000 abitanti, è la prima volta che ci capita una cosa del genere.
In merito al secondo articolo di oggi 15.07.09 ogni commento non diventa superfluo, poichè per le due precedenti consegne il destinatario era assente e previo avviso sono state portate all'ufficio postale.
Oggi 15.07.09 il destinatario era presente sul luogo della consegna e quindi la stessa ha avuto buon esito.
C.D. Express sas
Chiara Domenico

Brevi

La cultura dell'emergenza dell'amministrazione Bruno- Dopo la sentenza del Tar sulla vicenda farmaceutica di Filicudi un comunicato stampa delle forze d'opposizione al comune di Lipari. Il testo integrabile è visibile cliccando sul link in rosso eolienews2

Intervento vigili del fuoco- Intorno alla mezzanotte di ieri la locale squadra del Distaccamento dei Vigili del fuoco, diretta dal Capo Squadra Francesco Ioco, è intervenuta in Via Filippo Mancuso per liberare 6 giovani rimasti bloccati nell'ascensore del complesso Alaimo. In pochi minuti, dopo aver effettuato alcune manovre, i ragazzi sono stati liberati. Per loro solo un grande spavento ed una abbondante sudata.

Derattizzazione e disinfestazione - Dovrebbe scattare già nelle prossime ore nelle sei isole del comune di Lipari l'opera di derattizazione, disinfestazione da zanzare(sei interventi sono previsti sono a Vulcano) e da blatte. Lo rende noto l'assessore comunale Giulio China.
Un'opera che comincia, comunque, con notevole ritardo.

Caldo, il picco tra giovedì e venerdì - L'ondata di calore che interessa l'Italia raggiungerà il picco tra giovedì e venerdì prossimi. Come riferisce la Protezione civile, il vasto campo anticiclonico proveniente dal nord Africa sta portando ad un graduale e costante aumento delle temperature, che raggiungeranno valori elevati a partire da metà settimana, specie sulle regioni del centro-sud e sulla Pianura Padana meridionale, con punte particolarmente elevate sulle isole maggiori.
Già nella giornata di oggi, su molte località del centro-sud peninsulare le temperature avranno valori a ridosso dei 34/35 gradi e punte fino ai 37/38 sulle isole maggiori.
Il picco dell'ondata di calore è atteso fra le giornate di giovedì 16 e venerdì 17, quando i valori massimi al centro-sud e su parte della Pianura Padana potranno raggiungere o superare la soglia dei 35 gradi, arrivando a sfiorare i 40 in alcune località di Sicilia e Sardegna. In aumento anche i valori minimi, con clima che assumerà quindi caratteristiche afose anche nelle ore notturne.

L'SDA e i pacchi. L'epilogo..dopo la segnalazione

DARE A CESARE QUEL CHE E’ DI CESARE di Salvatore Rijtano
"Dopo le due consegne (ritiri) di pacchi postali impropriamente lasciati dal corriere SDA in giacenza presso l’ufficio postale di Lipari e la mia segnalazione puntualmente pubblicata ed inviata in copia anche a SDA, stamattina mi è stato recapitato un pacco direttamente in ufficio. Ogni commento diventa superfluo".
Salvatore Rijtano

NGI. Orari in braille

Da oggi presso le biglietterie Ngi sono disponibili gli orari in braille. Un grande segnale di attenzione, da parte della società dell'eoliano Sergio La Cava, verso le categorie disagiate.
La NGI è tra le società di navigazione italiane se non l'unica tra le pochissime compagnie italiane a fornire questo importante servizio

martedì 14 luglio 2009

Il dott. Giacomantonio, vice-direttore di Teleisole

Il dott. Michele Giacomantonio, giornalista, già sindaco del comune di Lipari, è il nuovo vice-direttore dell'emittente televisiva locale Teleisole.
Al dott. Giacomantonio vanno gli auguri di Eolienews per un proficuo lavoro.

A LIPARI ANCHE LA "LADY GOODGIRL" UN CHARTER D'AUTORE

Da ieri staziona nel mare di Lipari la "Lady Goodgirl", una bellissima barca a motore dalla forma slanciata, con una poppa stretta e rotonda e una prua sottile che fende il mare. La barca, con scafo in acciaio, misura 42,9 m di lunghezza e 8 m di larghezza, è stata costruita nel 1964 nei cantieri Hall Russell e restaurata nel 1999 e nel 2004. Viene utilizzata come charter.
La sua velocità di crociera è 12 nodi e, in genere, opera nel mare della Croazia durante l'estate e in quello dei Caraibi l'inverno (base St. Marteen).
E' una barca splendida anche al suo interno ed è senz'altro piacevole per gli ospiti del charter, soprattutto dopo una giornata di mare e sole accecante, entrare negli spazi interni di "Lady Goodgirl" e ritrovarsi in un ambiente rivestito in legno, tra mobili e arredi di pregio, tappeti a tinte delicate, bei quadri antichi raffiguranti soggetti di marina.

Brevi

Megna e Fonti diffida e preannuncio di ricorso al TAR sulle tariffe idriche- Una comunicazione di diffida è stata inviata dai consiglieri comunali del Faro, Gesuele Fonti e Francesco Megna, al Sindaco di Lipari, all’Assessore servizi idrici, al Dirigente del IV settore e al resp. Ufficio legale e p.c. alla Consulta nazionale Ass. Consumatori e utenti , al Resp. Ufficio idrico, all' Assessore al bilancio, al Dirigente II settore, al Difensore civico Avv. Francesco Rizzo e al Presidente Consiglio comunale
Oggetto: mancato riscontro a nota 21784 del 9 giugno 2009 avente ad oggetto: “determina sindacale n. 81 " (tariffe idriche)
L'intera comunicazione è visibile cliccando su questo link in rosso Eolie News 2

Eolie in video. Ultimata selezione corti- Ultimata la selezione dei cortometraggi e dei documentari in gara alla sesta edizione del Festival cinematografico “Eolie in Video”, promosso dal Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani, in collaborazione con il partner commerciale Mini Bmw Italia, che si svolgerà dal 21 al 25 Luglio ai Giardini del Centro Studi di Lipari. I corti sono stati scelti tra un centinaio di proposte e sono stati selezionati dalle Associazioni culturali Arknoah e Cineforum Don Orione. L'elenco dei corti selezionati è visibile cliccando sul link in rosso Eolie News 2

Conferenza stampa di Eolie in video- Lunedì 20 luglio 2009 alle ore 18,30, presso l’Hotel Villa Meligunis di Lipari il Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani presenterà alla stampa il programma del Festival dei Cortometraggi “Eolie in Video – I corti di un mare di cinema” e la XXVI edizione dei “Pomeriggi Culturali Eoliani”.

Camera ardente all'ARS per presidente Alessi- Sarà allestita oggi pomeriggio a sala d' Ercole, nel palazzo dei Normanni sede dell' Assemblea regionale siciliana, la camera ardente per Giuseppe Alessi, democristiano, il primo presidente della Regione Sicilia morto ieri a 104 anni. Il giorno prima era morto un fratello di Alessi, Don Luigi, 96 anni, ex parroco di San Luigi Gonzaga. I funerali di uno dei padri dell'autonomia siciliana che fu anche deputato e senatore si svolgeranno domani alle 11 nella chiesa dell'istituto Don Bosco Ranchibile a Palermo.

Filicudi: Gatto nero appeso alle travi. Un denunciato. Altre operazioni e altre denunce dei carabinieri dell'isola

Individuato dai carabinieri dell'isola di Filicudi l'uomo che nel marzo scorso avrebbe appeso un gatto morto, legandolo per le zampe posteriori, alle travi della tettoia della casa dove risiedeva temporaneamente C.M. il geometra di una impresa catanese impegnata nella sistemazione e riqualificazione(su appalto comunale) dei siti archeologici di Filobraccio e Capo Graziano. L'isolano D. S. -ritenuto da carabinieri l'autore del gesto tipicamente mafioso- è stato denunciato in stato di libertà. Gli uomini del maresciallo Fabio Scardino hanno anche denunciato S.F. e C.S., il primo di Filicudi, il secondo di Vulcano. I due, in concorso tra loro, avevano asportato dall'area archeologica sita nei pressi di Capo Graziano una "macina" dell'inizio '900. Si tratta, tra l'altro, dell'unica macina del gruppo che si trovava sui fondali. Il resto, come visibile dalla foto, si trova sulla scogliera.
Il reperto è stato caricato su un furgoncino ed imbarcato su una nave diretta a Vulcano. Resisi conto dell'accaduto i carabinieri di Filicudi hanno contattato i colleghi di Vulcano e all'arrivo della nave nell'isola c'erano i militari dell'Arma sul molo. La macina è stata recuperata e i due segnalati alla competente autorità giudiziaria.
Infine gli uomini del maresciallo Fabio Scardino hanno sequestrato una piccola cava abusiva nell'isola di Alicudi. Realizzata da ignoti in località "Sgubbio" si estendeva per circa 50 metri quadri.

Salina sulle strade provinciali è emergenza sicurezza

(Gazzetta del Sud-Michele Merenda) Da diversi mesi le strade provinciali di Salina versano in condizioni quasi riprovevoli. Nonostante la stagione estiva sia abbondantemente iniziata, la vegetazione ha superato gli argini e sporge pericolosamente sui limiti delle corsie di marcia. Un pericolo per chi gira sui due ruote, oltre ad essere una potenziale minaccia anche per le carrozzerie delle autovetture e degli autobus. A questo, bisogna aggiungere che anche il manto stradale non è esattamente in ottime condizioni. Dopo che le Amministrazioni locali hanno più volte segnalato il problema, c'è stato chi ha deciso di mettersi all'opera e di fare a meno degli operai della Provincia. È stato il caso della gente del comune di Leni, che domenica scorsa, alzatasi di buona mattina, si è messa all'opera ed ha ripulito le strade del proprio abitato e delle due frazioni di Valdichiesa e Rinella. Un lavoro che ha richiesto sostanzialmente una mattinata, per l'appunto, e che ha completamente trasformato in meglio i relativi centri urbani. Oltre a numerose persone che si sono armate dei propri taglia-erba, un camion ha fatto diversi viaggi per portar via le sterpaglie e altri privati hanno messo a disposizione dei bob-cat per ripulire le strade dai rimasugli dei lavori. Un'operazione attuata sotto il sole di luglio, che è terminata verso mezzogiorno con una mangiata collettiva di anguria offerta dal comune, per rinfrescare e rifocillare i volenterosi cittadini. «Da parte mia – ha dichiarato Riccardo Gullo, sindaco di Leni – rilevo un comportamento esemplare da parte della popolazione, che in assenza dei dovuti interventi della Provincia regionale ha provveduto direttamente ad assicurare la pulizia del paese. Pur condividendo l'opera di volontariato, che dovrà essere estesa a tutti i campi della vita sociale del comune – ha continuato Gullo –, auspico una maggiore sensibilità e presenza delle istituzioni, affinché ciascuna, nell'ambito delle proprie competenze, provveda a garantire i servizi essenziali alla popolazione».

Lettere da Panarea, Pontile ex Italpomice e vecchi pontili sulla Gazzetta del Sud di oggi

A Panarea qualche auto di troppo. E il relax?
Lettere e consigli di due turiste che da anni frequentano il mare delle Isole Eolie
(Gazzetta del Sud- Salvatore Sarpi) Panarea isola felice ma non troppo. I problemi ci sono eccome e vengono evidenziati attraverso due lettere aperte opera di turisti-residenti. Uno dei problemi sollevati è quello delle barche che incontrollate arrivano tranquillamente quasi sulla spiaggia non rispettando i bagnanti e soprattutto scaricando senza troppi problemi. Una denuncia forte che arriva da Marilena Fossati di Milano che chiede immediati interventi da parte del Circomare. «Osanniamo tanto – scrive – la bellezza dell'isola e poi subiamo cose che, se qualcuno controllasse, sarebbero evitabili. Siamo a metà luglio e il problema è già molto accentuato... sarà il caso di intervenire.Vogliamo nuotare nel mare limpido della spiaggetta e di Cala Junco, senza preoccupazioni». Problematiche vengono evidenziate in una lettera aperta, inviata al sindaco di Lipari Mariano Bruno, anche dalla signora Milena Petrini, habituè dell'arcipelago, di Panarea in particolare. «Sono anni – esordisce – che vengo in questi posti meravigliosi e, se lo lasci dire signor sindaco, il ticket d'ingresso a noi turisti non va proprio giù! Quest'anno ancora di più vista la crisi». La signora, residente a Bologna, spiega il suo disappunto elencando le cose che non vanno. «Sborsiamo – scrive – già parecchi soldi per i biglietti di navi e aliscafi che, spesso, non sono all'altezza della situazione. E poi... la tranquillità e la sicurezza sulle stradelle a Panarea sono diventate una utopia. Da quanti anni promette di abbattere l'abusivismo degli improvvisati "taxi"? E adesso, mi dicono, che potrebbero essere rilasciate altre licenze taxi. Si rende conto –continua la signora Petrini – che Panarea è priva di strade adatte a far circolare così tanti mezzi e del pericolo che corriamo ogni volta che le percorriamo visto che a volte chi li guida pensa di essere sul circuito di Monza?»
La turista bolognese, evidenziando come molti dei turisti che scelgono l'isola trascorrono mesi nel traffico delle auto, nel caos delle città, sottolinea che chi sceglie un'isola come Panarea lo fa per poter essere libero di camminare tranquillamente senza il terrore di esser investito».
Vecchi pontili Alla Regione l'onere di fare piazza pulita
(Salvatore Sarpi- Gazzetta del Sud) La Regione provvederà a demolire il pericolante pontile ex Italpomice ubicato ad Acquacalda di cui una parte è crollata in mare l'inverno scorso. Sarà fatto addebitando le spese alla società pomicifera eoliana. Analogo intervento sarà effettuato sul pontile Pumex di Porticello. L'importante novità è emersa ieri nel corso della conferenza dei servizi tenutasi al Comune.
«La Regione – ha detto l'ing. Scalia, che ha effettuato un sopralluogo – è pronta a fare la sua parte. D'altronde qui è evidente un pericolo per la pubblica incolumità». Il Circomare Lipari ha presentato sulla "questione pontili" un voluminoso dossier integrato dalle immagini subacquee girate recentemente dai sub della Guardia costiera di Messina che hanno coadiuvato l'incisiva azione portata avanti in questo settore dal Circomare. A margine della conferenza dei servizi sono state fatte visionare al funzionario della Regione le "agghiaccianti" immagini dei fondali antistanti i vecchi pontili di carico della pomice ormai in disuso. Cataste di ferro depositate sui fondali, putrelle che si ergono a pelo d'acqua con rischio per la pubblica incolumità. Una vera e propria emergenza, alla risoluzione della quale il funzionario ha dato la sua disponibilità anche se, per quanto riguarda i relitti dei quattro pontili di Porticello, la situazione è alquanto più complessa rispetto alle strutture ex Italpomice e Pumex. Per questi ultimi, infatti, c'è un propietario certo sul quale agire in danno. I quattro relitti, invece, quando ancora non erano tali, sono passati in carico allo Stato, come si evince dalla documentazione presentata dal Circomare. Bisognerà agire anche in danno della Regione se, come si pensa, i beni possono essere passati al demanio regionale? Stante la loro pericolosità, evidenziata in modo chiaro ed evidente dalle immagini realizzate dai sub della Guardia costiera e mostrate ai presenti dal capo Fabio La Porta, l'ing. Scalia si è reso conto che non si può più tergiversare e che occorre intervenire e al più presto. Bisognerà solo trovare la strada giusta.

Lavori edili nel comune di Lipari. Una ordinanza del '95 e l'insipienza dei governanti di oggi. Le riflessioni dell'imprenditore turistico Mimmo Fonti

Riceviamo e pubblichiamo una nota di riflessione dell'imprenditore turistico Mimmo Fonti:
"Vorrei ringraziare pubblicamente il Sindaco Pro tempore del Comune di Lipari che il 29/07/95 ha ritenuto di discriminare il territorio comunale emanando una ordinanza (la n. 228/95) per limitare i lavori edili in vista del potenziale afflusso turistico.
Ovvero ha diversificato marine o centri storici, omogeneizzando il territorio solo per il mese di agosto, quindi per gg. 30 dal 01 al 31 tutto sospeso, salvo deroghe, dal 20 di luglio la sospensione parte nei centri storici.
Ma forse questa criticabile discriminazione poteva essere ammissibile quando il turismo non superava i 40 giorni e le strutture ricettive erano poco più di una decina.
Fatto questo doveroso ringraziamento, mi corre l’obbligo di non scordarmi di stigmatizzare l’insipienza degli amici governati di oggi che a mio parere non si sono accorti che negli ultimi quattordici anni l’evoluzione turistica, strutturale ed economica nel ns. arcipelago si è modificata in modo radicale, forse con una rapidità maggiore del resto della ns. provincia e regione, anticipando tempi, passando come un rullo compressore anche sulle iniziative pubbliche.
Questo per dire che di pari passo alla creazioni di posti letto deve corrispondere una adeguamento delle infrastrutture, la ricerca di un arredo urbano confacente, una regolamentazione della viabilità molto più precisa, trasporti, ecc…. ma non ci si può non accorgere che e con quale fatica gli imprenditori turistici tentano di portare gente nelle loro strutture, che ovviamente perseguono con grande abnegazione il proprio tornaconto, che guarda caso, per chi non lo sapesse, corrisponde esattamente all’interesse generale. Infatti l’economia gira esclusivamente (purtroppo) sul reddito prodotto dal turismo, ed i servizi terziari (tutti) si basano solo su questi volumi. Se si dovesse fermare il turismo, a mio parere, si fermerebbe l’economia dell’arcipelago, il lavoro degli alberghi, dei bar, dei ristoratori, dei taxi, dei supermercati, fruttivendoli, ecc. ma principalmente e immediatamente quello degli edili che non avrebbero più linfa fresca a cui attingere.
Questa considerazione viene spontanea quando per legge, fino al 20 luglio di ogni anno, gli edili hanno il diritto di lavorare dalle 07,00 del mattino fino alle ore 17,00 del pomeriggio, con i loro martelli pneumatici, le loro autobetoniere, i loro flex, le loro ruspe, ecc. anche in prossimità delle strutture ricettive che vendono vacanze ai propri clienti esaltando anche le qualità tipiche di un isola che di fatto non ci sono più, in primis la quiete.
Visto che i ns. amici governanti non vedono e non sentono i suggerimenti, forse gli edili, che nel contempo hanno anche investito nel turismo e nella cultura dei propri figli, potranno capire da soli, traendo le debite conclusioni, che facendo scappare i nostri turisti scappano anche i loro soldi".
Mimmo Fonti

SuperMimma. Il fotomontaggio di Anonimo Eoliano

(Anonimo Eoliano) Dopo aver letto su un notiziario locale tutto quello che è riuscita a fare in 20 giorni, cioè da quando ha ricevuto l'incarico di ricoprire il ruolo di assessore, mi è sembrato giusto presentare l'assessore Sparacino nella sua nuova veste di SuperMimma.

Diserbamento a Pirrera. La controreplica della famiglia Raffaele/Miracula: "Qui la Provincia non si vede da due anni. Così come il sindaco".

Riceviamo dalla signora Anna Miracula (moglie del signor Lucio Raffaele) questa nota indirizzata al consigliere comunale Gesuele Fonti.
Egregio Sig. Fonti ,
premesso che la mia nota non prendeva sicuramente di mira Lei , nella sua persona; difatti, se al suo posto ci fosse stato qualsiasi altro consigliere o assessore ,o chi altro , il mio intervento sarebbe stato il medesimo.
Le mie non sono di certo delle accuse verso di Lei o verso altri suoi “colleghi” consiglieri e se leggerà bene il mio articolo noterà che mi rivolgo a Lei con tutto il rispetto dovuto. Di certo non è Lei il mio bersaglio in questo momento.
Anzi se, come si propone insieme al suo collega Megna, avrà intenzione di fare una “escursione” nella borgata di Pirrera, quando i suoi impegni glielo consentiranno, sarei ben lieta di riceverla, per farle render conto che quello che scrivo e di cui mi faccio portavoce non sono bugie, ma la sacrosanta realtà della quale iniziamo seriamente ad essere stanchi.
La devo però correggere su qualche punto , ovvero quando Lei afferma che “l’intervento della Provincia termina all’inizio della frazione, (di Pianoconte) contrariamente a Pirrera che, anche se una volta l’anno, essendo strada Provinciale,viene effettuato” .
Sì , La devo correggere perché devo affermare che non è la verità; da quasi due anni , la nostra frazione non è attenzionata né da parte della Provincia (per quanto riguarda la strada che da Serra conduce a Pirrera -piazza) e neanche dal Comune, dato che il tratto di strada che dalla Chiesa di Pirrera conduce a Forgia Vecchia ,non viene mai e dico mai pulita, anzi devo dirLe che, è solo grazie ad alcuni residenti della zona che ogni tanto vediamo un pò di pulizia . Anche qui i turisti salgono, soprattutto a piedi , per raggiungere Forgia Vecchia, riserva naturale , e cosa vi trovano? Sterpaglie, rovi, pietre smurate dalla carreggiata correndo il rischio di inciampare, e stando attenti a non infilarsi dentro uno dei tombini (che all’epoca dovevano servire forse per le luci stradali e adesso invece costituiscono un pericolo) in cui si rischia di rompersi una gamba, si arriva fino al belvedere(foto in alto) dove è l’apoteosi della pulizia ossia del contrario di essa: sporcizia, scritte che farebbero arrossire un caimano, “bisuoli e pulera” luridi e inondati di dediche e altro ancora e se ti affacci giù da questi “bisuoli” vedi un po’ di tutto; infatti il posto , di sera ,non più meta di turisti con le “macchinette fotografiche” diventa il posto preferito di troppi che cercano posti isolati e non solo per appartarsi.
Solo per curiosità, ma da quanto tempo non visita Pirrera?Le assicuro che ogni giorno quando percorro queste strade è una tale rabbia vedere che nessuno si prende più cura di questi posti così belli e “accoglienti” come lo erano ai tempi.
Lo sa che noi siamo l’unica borgata mai visitata , soprattutto nell’ultimo mandato, dal Sindaco ? che non è mai salito per sapere quali fossero le necessità di questo paesino?
Altro punto in cui devo contraddirLa: la cultura della “cura del proprio orticello” come dice, non è quella che faccio io, infatti se fosse così, non mi sarei esposta fino adesso in prima persona, principalmente per la battaglia del diritto all’acqua.
Ma Lei è informato del fatto che un gruppo della zona, fra i quali io e la mia famiglia, abbiamo dovuto rivolgerci ad un avvocato per ottenere quello che ci spettava di diritto, l’acqua ? E l’avvocato chi ce lo paga adesso , forse il Comune di Lipari , con la cura del “loro proprio orticello” soprattutto in questi ultimi anni ? . Sono mesi che scrivo lettere, appelli, articoli sulle cose che non girano nel verso giusto in questo paese.
Sono sempre stata ,pur nel mio piccolo “orto”, una persona molto combattiva, non facendo politica di certo , in questa materia lascio spazio ad altri che ne sanno sicuramente molto più di me.
E poi, constaterà che di sicuro , Pirrera non ha veramente nessuno che conti presso il Palazzo d’Oro o dico il falso? E di fatto di questi tempi , servirebbe.. o vogliamo ancora credere a Babbo Natale ? se vogliamo raccontarci le favole possiamo pure farlo però credo che nè Lei , nè io abbiamo più l’età per crederci.
Per quanto riguarda l’appellativo che do ai nostri gentili visitatori, magari è stato esagerato da parte mia ,non ho nulla contro i turisti che peraltro quest’anno si fanno vedere con il contagocce ,essendo già a metà luglio , ed è proprio un’ amarezza constatarlo. Ma per essere accoglienti, ospitali e far riemergere le bellezze naturali di un tempo occorrono principalmente pulizia e rispetto per e fra noi stessi e per l’ambiente che ci circonda e in cui viviamo 365 gg. all’anno , tutti presupposti che non esistono se ancora oggi ci troviamo a farci la guerra per ottenere diritti ,(ad esempio il diritto all'acqua) che per un qualsiasi altro paese sono scontati mentre invece per noi Eoliani diventano un miraggio giorno per giorno, anno dopo anno.
Cordialmente la saluto
Anna Miracula