Cerca nel blog

sabato 7 novembre 2020

Coronavirus, in Sicilia record di vittime: 35

Sono 1.363 i nuovi casi di Coronavirus in Sicilia. Nelle ultime 24 ore sono stati anche registrati 35 decessi che portano il totale delle vittime, sull'isola, a 663 da inizio pandemia. Secondo quanto si legge nel bollettino del ministero della Salute e della Protezione Civile, i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono stati 8.431, per un totale di 746.200 da inizio emergenza. Il numero degli attualmente positivi raggiunge i 20.737 (+1.224), mentre le persone ricoverate con sintomi sono 1.161 (+4), 169 (+10) ricoverati in terapia intensiva. In isolamento domiciliare ci sono 19.407 persone. I guariti/dimessi dall’inizio dell’emergenza sono ad oggi 8.788 (+104).
I nuovi positivi sono così distribuiti per province: Palermo 459, Catania 406, Messina 73, Ragusa 137, Trapani 103, Siracusa 116, Agrigento 15, Caltanissetta 53, Enna 1.

Covid a Lipari. Fonti e Mollica chiedono convocazione consiglio comunale e i dati ufficiali dell'epidemia nel Comune

Al Presidente del Consiglio Comunale
Dott. Giacomo Biviano COMUNE DI LIPARI
 Oggetto: “Emergenza Covid-19” - richiesta convocazione seduta straordinaria di Consiglio Comunale. Niente allarmismo, ma doverosa preoccupazione per la seconda ondata di contagi da Covid-19 che interessa anche le nostre isole. 
Siamo preoccupati per il costante aumento del numero di casi nel territorio del Comune di Lipari e riteniamo indispensabile, in una fase così delicata della pandemia, avviare un confronto sul tema in Consiglio Comunale. 
Chiediamo pertanto alla S. S. la convocazione di una seduta straordinaria di Consiglio Comunale con oggetto "Emergenza Covid-19". 
Inoltre, La invitiamo a richiedere la presenza in aula del Sindaco di Lipari perché possa fornire ai consiglieri i necessari chiarimenti, nonché condividere con il civico consesso eventuali strategie volte a misurare e fronteggiare in modo più efficace il fenomeno pandemico nel territorio del Comune di Lipari. 
Nell’eventualità che non fosse possibile l’adunanza del Consiglio Comunale in presenza, né tantomeno in smart working, si invita la S. S. a convocare con urgenza una riunione con i capogruppo per un confronto sulle iniziative da intraprendere.


 Al Sindaco Sig. Marco Giorgianni 
e. p. c. Al Presidente del Consiglio Comunale Dott. Giacomo Biviano 
COMUNE DI LIPARI 
Con la presente invitiamo La S. S. a comunicare ai consiglieri comunali e alla cittadinanza i dati ufficiali dell'epidemia di Covid-19 nel comune di Lipari. 
È importante conoscere il numero degli attualmente contagiati e il numero dei nuovi positivi, nonché il numero esatto di soggetti in isolamento domiciliare fiduciario. 
Consapevoli delle difficoltà riscontrate dai Comuni per l'accesso ai dati a seguito dell'aumento dei contagi, La invitiamo a contattare immediatamente l'Assessorato della Salute e l'ASP di Messina per chiedere un aggiornamento costante e continuativo al Sindaco sull’evolversi del contagio nel territorio di Lipari. 
Niente allarmismo, ma doverosa preoccupazione per la seconda ondata di contagi da Covid-19 che interessa anche le nostre isole in modo significativo. È necessario conoscere la curva del contagio nel nostro territorio ed adoperarsi per attuare misure mirate alle specificità della nostra realtà territoriale. È necessario tranquillizzare la popolazione sul progredire della pandemia. 
Siamo preoccupati per l'aumento dei contagi nel Comune di Lipari, per la velocità con la quale si registrano nuovi casi o presunti tali e riteniamo pertanto opportuno che La S. S. valuti una ulteriore proroga al periodo di chiusura delle scuole. 

I Consiglieri comunali 
Gesuele Fonti Eliana Mollica (MODERATI PER CALDERONE)

Viene chiusa al transito la strada "Bagnamare". L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 7 novembre 2020

Giorgianni nel live di stasera: "Ventidue positivi e 8 possibili positivi a Lipari". Verso il prolungamento dello stop all'attività scolastica

Sono 22 a Lipari i positivi al Covid - 19, mentre altri 8, sottoposti al tampone rapido, sono risultati presunti postivi. Dovranno, quindi, effettuare il tampone molecolare che confermerà o meno la positività. Nel frattempo sono in quarantena fiduciaria. 
Lo ha comunicato il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni nel corso del live di stasera.

Ha anche comunicato di essere orientato a mantenere anche lo stop all'attività scolastica di ogni ordine e grado, in tutte le isole del Comune.  Sulla durata dello stop influirà chiaramente l'evoluzione dei contagi nell'isola.

Il primo cittadino ha anche annunciato che i tamponi rapidi eseguiti ieri a Ginostra e Panarea sono risultati tutti negativi. 

Domani proseguirà, invece, al Monteleone l'effettuazione dei tamponi molecolari per i cittadini che si trovano in isolamento fiduciario da dieci giorni. Un centinaio di questi tamponi sono stati fatti oggi e si attende l'esito. 

I ringraziamenti della famiglia Ficarra

Abusivismo edilizio: Cinque persone denunciate tra Vulcano e Lipari. Manufatti sequestrati

COMUNICATO COMANDO PROVINCIALE

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno eseguito diversi controlli finalizzati a contrastare il fenomeno dell’abusivismo edilizio anche sulle Isole dell’arcipelago Eoliano.

Nel corso dei servizi, i militari dell’Arma, hanno proceduto nei confronti di:

       un 56enne, un 67enne, un 40enne ed un 35enne, che sono stati tutti deferiti in stato di libertà all’A.G. per aver realizzato, su due immobili siti in Vulcano, località Vulcanello, interventi edilizi in zona sottoposta a vincolo sismico, paesaggistico ed idrogeologico, in assenza del permesso di costruire e delle relative autorizzazioni;

       un 36enne ed un 63enne, entrambi deferiti in stato di libertà all’A.G. per aver realizzato, in qualità rispettivamente di proprietario del fondo e di esecutore delle opere, in Lipari, località Santa Caterina, un manufatto in zona sottoposta a vincolo sismico e paesaggistico, in assenza della concessione edilizia e delle autorizzazioni;

       una 53enne, che è stata deferita in stato di libertà all’A.G. per aver realizzato, in Vulcano, località Porto Levante, un manufatto in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in assenza della concessione edilizia e dei relativi permessi.

Al termine delle verifiche i manufatti sono stati sottoposti a sequestro.

La discesa stamattina dell'argenteo simulacro di San Bartolomeo dalla nicchia in Cattedrale (foto e video)

 

Prima giornata di tamponi molecolari oggi a Lipari. Un centinaio i cittadini interessati


 

Le Eolie nelle stampe d'epoca (CXL puntata): I fraticeddi (I fratellini) Vulcano


 

Accadde alle Eolie, pagine della nostra storia recente. 7 novembre 2011: Inaugurazione monumento ai caduti a Pianoconte

"Santini"...di aspiranti politici (cinquantunesima pubblicazione): Adolfo Sabatini


 

16 novembre: Ultima festa di San Bartolomeo per il 2020. Don Gaetano Sardella "Uniti per ringraziare e pregare il Santo Patrono"


(di Don Gaetano Sardella)
“Il 16 Novembre Lipari si raccoglie nella Basilica Cattedrale per l’ultima festa in onore del Santo Patrono. Sono sicuro che saremo in tanti non per coreografia o folclore ma solo per ringraziare e pregare. Una data che ricorda la liberazione dai pericoli dei terremoti. 
Oggi San Bartolomeo è accanto a noi che nella Pandemia del Covid19 dobbiamo restare forti e uniti per vincere insieme. 
Grazie San Bartolomeo. Dacci la tua forza e il tuo coraggio e abbracciarci tutti lontani e vicini”. 

venerdì 6 novembre 2020

Iosonolorenza: "Pubblicazione bandi per sanità eoliana grande risultato ma non ci basta"

Comunicato Ufficiale del Comitato iosonolorenza


La pubblicazione dei bandi di oggi e le procedure in corso per il reclutamento del personale del comparto (infermieri, tecnici e personale ausiliario dell'assistenza), per quanto ci riguarda, considerando gli anni di attesa, rappresentano un grande risultato.
Abbiamo fatto in pochi giorni quello che non era stato fatto negli ultimi otto anni e lo diciamo senza fare polemica ma per dimostrare che la costanza e la tenacia per ottenere i risultati,alla fine paghi sempre.
Certamente non ci basta, lo abbiamo detto fin dal primo giorno ed anche se i provvedimenti adottati vanno a completare i posti vacanti nella vigente pianta organica del nostro ospedale, resta tuttavia insufficiente a garantire adeguate risposte, in termini qualititative e quantitative, alla domanda di salute degli Eoliani.
Manca ancora l’oncologo,la modifica del piano trinacria ed i due posti di terapia sub intensiva ma rimaniamo fiduciosi anche se sappiamo che passerà ancora del tempo.
Stiamo continuando a lavorare giorno e notte per modificare radicalmente l'identità del nostro ospedale e della organizzazione sanitaria territoriale, pienamente consapevoli che quella in vigore, sul piano qualiquantitativo, non soddisfa le esigenze assistenziali e di sicurezza della nostra collettività.
La svolta passa attraverso l’approvazione del disegno di legge di iniziativa popolare per l’istituzione di una azienda sanitaria delle isole minori (ASIM)
E su questo, che rappresenta L’OBIETTIVO , dopo aver messo in SICUREZZA il “Nostro Ospedale “, punteremo tutti gli sforzi e le nostre energie.

Continuano a salire i casi Covid in Sicilia ed anche i decessi

Sono 1.423 i casi Covid in più in Sicilia, dove da oggi scattano gli stretti limiti previsti per l’area arancione. Una cifra impressionante che fa salire a 19.513 gli attuali positivi: 1.157 i ricoverati con sintomi, 159 in terapia intensiva (+2) e 18.197 in isolamento domiciliare. Sono 628 i deceduti, 34 in più rispetto a ieri, mai così tanti in questa seconda ondata; 28.825 i casi totali e 8.684 i dimessi guariti, con un incremento di 9.525 di tamponi effettuati.

Sanità : Arriva il bando ad hoc per medici destinati all'ospedale di Lipari e un avviso per manifestazione d'interesse per servizio eccedenze


Incendi nel Messinese: Regione dichiara stato di crisi e di emergenza per 4 Comuni

Arriva la dichiarazione dello stato di crisi e di emergenza da parte della Regione Siciliana per i Comuni del Messinese che lo scorso tre ottobre furono devastati da una serie di incendi alimentati dal fortissimo vento di scirocco. Danni ingenti si registrarono a Naso, Santo Stefano di Camastra, Reitano e Capo d'Orlando. Palazzo Orleans, così come prevede la legge 13, potrà adesso intervenire con propri fondi per ripristinare servizi essenziali danneggiati e rimuovere situazioni di pericolo provocate dai roghi, in particolare nelle zone più esposte al rischio idrogeologico. Contemporaneamente, il governo Musumeci ha inoltrato al Consiglio dei ministri analoga richiesta per ottenere aiuti economici. Le risorse necessarie, secondo una prima stima del dipartimento regionale della Protezione civile diretto da Salvatore Cocina, ammontano complessivamente a quindici milioni di euro.
«Occorre assicurare - sottolinea il presidente Nello Musumeci - una rapida ripresa delle normali condizioni di vita e restituire serenità alla gente che, oltre ad aver vissuto ore di grande apprensione, ha visto danneggiate abitazioni, fabbricati, colture e aziende. E allo stesso tempo bisogna ristabilire su quei territori le necessarie condizioni di sicurezza lì dove le fiamme hanno compromesso la stabilità di alberi, costoni rocciosi e qualunque tipo di struttura».

Dal tre e al quattro ottobre - è stato calcolato - gli incendi hanno distrutto circa 450 ettari di aree boscate e quasi 1.000 ettari di aree vegetazionali, oltre a migliaia di ettari di aree di interfaccia dove hanno aggredito diverse infrastrutture pubbliche e private.

E' possibile spostarsi dal Comune di Lipari verso i frantoi in altri Comuni? L' Amministrazione chiarisce

COMUNICATO STAMPA 

Essendo pervenute numerose richieste in merito alla possibilità di recarsi fuori Lipari (o dalle isole) presso Frantoi siti in altri Comuni per la lavorazione delle olive e l’estrazione dell’olio, si chiarisce che tale spostamento è consentito in quanto è possibile spostarsi da un comune diverso da quello di residenza/domicilio per svolgere attività o usufruire di servizi non disponibili in tale comune (Art. 2, punto b).

Nonostante ciò, l’Amministrazione Comunale sconsiglia qualunque viaggio che non sia indispensabile e raccomanda, nell’eventualità, di limitare al minimo il numero di persone che si sposteranno per tale motivazione e di adottare tutte le cautele e le misure di autoprotezione previste dalle normative quali l’uso della mascherina, il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro e il frequente lavaggio/igienizzazione delle mani.

 

               L’Amministrazione Comunale

Modello di autocertificazione necessario agli spostamenti come da DPCM 3 novembre 2020.

Il modello è altresì scaricabile dal sito istituzionale del Ministero dell'Interno a questo link https://www.interno.gov.it/sites/default/files/2020-10/modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020.pdf

Accadde alle Eolie, pagine della nostra storia recente. 6 novembre 2016. Stromboli: Commemorazione caduti - Festa dell'Unità nazionale

Operazione "Isola Verde" a Salina : chiesti 83 rinvii a giudizio. Contestati un ventaglio di reati

(l.o) Operazione “Isola Verde”, la Procura di Barcellona, con atto firmato dal pm Rita Barbieri, ha chiesto il rinvio a giudizio per 83 persone, tra cui amministratori e tecnici comunali, coinvolte in vicende relative alla gestione del territorio a Santa Marina Salina e Malfa. Le contestazioni dei reati variano dall'associazione a delinquere per i componenti di presunti due comitati d'affari, i quali avrebbero avuto «il controllo capillare sul territorio e sulle attività amministrative dei due comuni». Inoltre, a vario titolo a tutti gli 83 indagati si contestano, oltre al concorso in abuso d'ufficio e alla falsità in atti pubblici per opere di edilizia privata, reati che spaziano dalla corruzione al peculato, dalla turbativa di pubblici incanti all'omessa denuncia, rivelazione di segreti d'ufficio.

Tra gli indagati, l'attuale sindaco di Santa Marina e l'ex sindaco dello stesso paese, vi sono anche ex sindaci di Malfa e l'ex comandante dei carabinieri dell'isola, per omissione di atti d'ufficio. Nell'udienza del prossimo 21 aprile davanti al gip Giuseppe Sidoti dovranno comparire l'ex sindaco di Santa Maria, Massimo Lo Schiavo, 47 anni, il capo dell'ufficio tecnico dello stesso Comune, Giuseppe Caravaglio, 55; un tecnico libero professionista a cui si contesta la partecipazione ad entrambe le “associazioni a delinquere” di Santa Marina e Malfa, Antonio Podetti, 57 anni, che è stato anche sindaco di Leni; l'architetto dell'Utc di Santa Marina, Elena Caruso, 49, un geometra dello stesso ufficio Antonio Battaglini, 54; l'ex comandante della Stazione dei carabinieri dell'isola Gimmi Stefani, 55; l'attuale sindaco di Santa Maria, Domenico Arabia, 40; Maria Carmela Alì, 72; Salvatore Grillo, 74; Carmelo Rapisarda, 70; Pietro Maria Aliello, 52; Marina Bonanno, 47; Gaetano Basile, 87; Francesco Gullo, 70; Teodoro Cataffo, 67; Graziella Longo, 48; Luisa Mantegazza, 59; Luigi Pollone, 38; Santina Gullo, 61; Salvatore Follone, 71; Rosanna Victoria Rimertz, 46; Mario Cavaleri, 69; la direttrice della Soprintendenza di Messina Mirella Vinci, 62 anni; Clara Follone, 61; Francesco Stagno, 37;, Davide Osvaldo, 33; l'ex dgirettore dell'Asp di Messina Gaetano Sirna, 66 anni; Amelia Di Franco, 64;, Angelo Oliveri, 44;, Pietro Oliveri, 47; Carmelo Porcino, 64; Pasquale Liberatore, 70; Lucio Ziino, 55; Massimo Cavallaro, 59; Elio Benenati, 54;Francesco Gendusa, 63; Maria Letizia Molino, 59; Gabriele Schifilliti, 67; Gaetana La Greca, 50; Caterina Giuffrè, 59; Giorgio Giuffrè, 55; Sabina Giuffrè, 47; Antonino Famulari, 53; Salvatore Caruso, 46; Gianfranco Celi, 51; un tecnico del Comune di Malfa, Arturo Ciampi, 55 anni, Salvatore Perillo, 45; Paola Barbaro, 57; l'ex sindaco di Malfa, Virgilio Ciampi, 73 anni; Giuliana Cafarella, 30; Roberto Pirera, 46; Martino Basile, 35; Veronica Caccetta, 32; Daniela Virgona, 47; Mario Virgona, 49; Santino Ofria, 56; Carmelo Pinto Vraca, 63; Antonino Sutera, 46; l'ex sindaco di Malfa, Salvatore Longhitano, 72 anni; Alessandro De Grazia, 45; Annalisa Pellicanò, 45; Roberto Campagna, 51; Natale Jeni, 46; Clelia Urzì Brancati, 45; Italo Strani, 57; Monica Bellantone, 45; Sergio Fasulo, 45; Christian D'Ambra, 40; Enzo Cumbo, 58; Sergio Zavone, 38; Generosa La Rosa, 76; Maria Volante, 41; Domenico Paratore, 63; Angela Morello, 57; Biagio Alizzi, 67; Lorenzo Cincotta, 55; Antonino Vasquez, 53; Massimo Taranto, 41; Maria Concetta Siragusano, 47; Antonino Cafarella, 42; Ivan Davanzo, 70; Francesco Bartolone, 53 ; Gaetano Massimo Polisano, 54 anni.

"Santini"...di aspiranti politici (cinquantesima pubblicazione): Peppe Rizzo

 


La Chiesa commemora oggi San Leonardo di Limoges

giovedì 5 novembre 2020

Coronavirus: In Sicilia 25 vittime e 1322 nuovi positivi

Sono 1.322 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 9.497 tamponi effettuati; 25 i decessi, che portano il totale a 594. Con i nuovi casi salgono così a 18.526 gli attuali positivi con un incremento di 908. Di questi 1.304 sono i ricoverati: 1147 in regime ordinario con un aumento di 45 e 157 in terapia intensiva con un aumento di nove ricoveri. In isolamento domiciliare sono 17.222. I guariti sono 389. I nuovi positivi sono così distribuiti per province: Palermo 521, Catania 292, Messina 99, Ragusa 117, Trapani 86, Siracusa 152, Agrigento 2, Caltanissetta 23, Enna 20.

I ringraziamenti della famiglia Costantino


 

Lipari, positivi al Covid in aumento

Altri quattro positivi al Coronavirus a Lipari. Salgono così a 22 i cittadini che combattono con il Covid - 19. 

Sabato, domenica e lunedì sarà effettuato a Lipari il tampone molecolare alle 190 persone che si trovano in quarantena e che si sono sottoposti al tampone rapido. Così come alle dieci persone che non hanno fatto quest'ultimo esame

Nasce l'orto sociale a Lipari, domenica la presentazione.


Hai sempre voluto curare un orto, ma non hai un lembo di terra dove farlo? Ti piacerebbe mangiare i frutti della terra da te coltivati, ma non sai da dove iniziare? Credi nello sviluppo dell'agricoltura biologica e vuoi sperimentare insieme ad altri tecniche di coltivazioni naturali e sostenibili?

Allora l'orto sociale fa al caso tuo: vieni a scoprirlo questa domenica (9 Novembre), a partire dalle 10:30!

Potrai chiedere gratuitamente un piccolo appezzamento di terra dove impiantare il tuo orto, condividere informazioni ed esperienze, collaborare con altri appassionati e condividere gli strumenti di lavoro.

Il terreno si trova in zona Tufo: per info più dettagliate contattare Marcella Di Marca 3343643980 o Paolo Mezzapica 3406496003.

Ringraziamo infinitamente Nunziatella Paino per la disponibilità del terreno!

PS: la presentazione si farà all'aperto, direttamente nel terreno. Ovviamente verranno garantite le giuste distanze di sicurezza e l'uso di mascherine.

Le Eolie nelle stampe d'epoca (CXXXIX puntata): Vulcano


 

Accadde alle Eolie, pagine della nostra "storia" recente. 5 novembre 2009: Giovanna Melandri e Saverio Merlino


 

Chiofalo: "Musumeci abbandoni la polemica "furbetta""

Riceviamo e pubblichiamo:
Mi si perdoni, ma all’ennesimo lamento di Musumeci verso il governo di Roma che posiziona la Sicilia in “zona arancione” (ingiustamente a suo dire, anche perché sono state “graziate” Campania e Lazio) ho provato sconforto…
É in buona compagnia in questo grottesco scaricabarile all’italiana (già stucchevole in tempi normali, inaccettabile e pericoloso nel dramma che viviamo), ma davvero non se ne può più.
A corrente alternata secondo convenienze contingenti e demagogiche, senti questi presidenti di regione passare da minacce di chiusura autonoma di tutto (se il governo non decide) a proteste per le chiusure (se il governo decide), da richieste di maggiore autonomia e differenziazione e pretesa di decisioni “centrali” e uniformi, ribaltando le accuse mosse al governo con rapidità e incoerenza disarmanti…
La verità che si cela dietro certe grottesche uscite è la “triste” volontà di non assumersi responsabilità sugli esiti di scelte difficili quanto necessarie, provando a scaricare sempre e comunque l’onere e le conseguenze politiche (ricadute e consenso) sul governo centrale.
Musumeci, glielo chiedo da siciliano, abbandoni la polemica politica “furbetta” e si preoccupi di non farci scivolare in zona rossa, mettendo contestualmente il sistema sanitario regionale (le Eolie vivono sul tema un disagio inqualificabile da troppo tempo) in condizione di reggere l’urto della pandemia e di curare meglio possibile tutti i siciliani che ne avranno bisogno.

CORDIALMENTE

LUCA CHIOFALO

"Santini"...di aspiranti politici (cinquantesima pubblicazione): Tina Squaddara


 

Coronavirus: Musumeci, Sicilia in zona arancione? Assurdo e irragionevole

"La scelta del governo nazionale di relegare la Sicilia a "zona arancione" appare assurda e irragionevole. L'ho detto e ripetuto stasera al ministro della Salute Speranza, che ha voluto adottare la grave decisione senza alcuna preventiva intesa con la Regione e al di fuori di ogni legittima spiegazione scientifica".
Lo dice il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, commentando l'inserimento dell'Isola nella "zona arancione".
"Un dato per tutti - prosegue - oggi la Campania ha avuto oltre quattromila nuovi positivi; la Sicilia poco più di mille. La Campania ha quasi 55 mila positivi, la Sicilia 18 mila. Vogliamo parlare del Lazio? Ricovera oggi 2.317 positivi a fronte dei 1.100 siciliani, con 217 in terapia intensiva a fronte dei nostri 148. Eppure, Campania e Lazio sono assegnate a "zona gialla". Perchè questa spasmodica voglia di colpire anzitempo centinaia di migliaia di imprese siciliane? Al governo Conte chiediamo di modificare il provvedimento, perchè ingiusto e ingiustificato. Le furbizie non pagano".

La Chiesa commemora oggi San Guido Maria Conforti


 

mercoledì 4 novembre 2020

Coranavirus in Sicilia. Positivi in salita, così come i decessi


In Sicilia oggi 1155 nuovi positivi. Le vittime, 19 in un giorno. Calano però i ricoveri in intensiva, adesso 148 contro i 150 di ieri.


Coronavirus, in Sicilia 3600posti letto per fronteggiare la pandemia

Sono complessivamente circa 3600 i posti letto dedicati alle cure del Covid-19 in Sicilia previsti nell’incremento dell’assistenza sviluppato dall’assessorato regionale alla Salute e condiviso con il Comitato tecnico scientifico.
I posti, individuati in strutture pubbliche e private di tutto il territorio siciliano, comprendono terapie intensive, degenze ordinarie e ricoveri in strutture dedicate alle cure in bassa complessità.
Lo sviluppo del piano, fortemente voluto dal governo Musumeci, ricalca una proiezione dell'andamento epidemiologico per singole aree con una soglia di stress maggiorato rispetto all'attuale situazione pandemica nell'Isola, ma soprattutto tiene conto del mantenimento dell'assistenza sanitaria per le altre patologie non Covid. La Sicilia, infatti, è una delle Regioni che al momento non ha sospeso le cure diverse dal Coronavirus né ha ridotto gli interventi programmati.
Sono previsti due scaglioni temporali, 15 novembre e 30 novembre, entro i quali saranno approntati i posti letto da parte dell’Aziende del sistema sanitario regionale. In particolare le terapie intensive raggiungeranno, all’ultima scadenza, 427 posti dedicati esclusivamente al Covid a cui potranno aggiungersi posti di terapia sub-intensiva convertibili a seconda delle eventuali necessità. Le degenze ordinarie raggiungeranno 2384 ricoveri dedicati, mentre saranno 780 i posti letto a disposizione nelle strutture a bassa complessità.
Nei territori delle Città Metropolitane, particolarmente interessate dal contagio da Covid 19, sono previsti complessivamente 252 posti di terapia intensiva e 1502 per i ricoveri ordinari, la restante dotazione è stata distribuita nelle altre province della Sicilia.
A completare l'offerta sanitaria, anche il contributo delle strutture non ospedaliere dedicate alla pandemia. Sul modello dei Covid hotel, attivati dalla Regione Siciliana già nell'aprile scorso (adoperati da soggetti in quarantena o isolamento, migrati, turisti etc), è particolarmente significativo infatti l'apporto dei Centri per le cure a bassa complessità dedicati a quei pazienti che non necessitano di un ricovero in ospedale pur avendo bisogno di assistenza sanitaria. Tali strutture sono già operative in larga parte del territorio regionale e vanno ad integrare l’intera proposta studiata dalla Regione per fronteggiare l’emergenza.

Di seguito la ripartizione per territorio. Nella prima colonna sono indicate le terapie intensive, a seguire i ricoveri ordinari e le cure a bassa complessità


Ag 30 160 98

Cl 36 140 50

Ct 105 595 120

En 22 140 30

Me 41 236 110

Pa 106 671 280

Rg 33 152 32

Sr 26 170 50

Tp 28 120 10

Incendi di fine agosto: in attesa dello Stato, Regione dichiara stato di crisi

 In attesa che dallo Stato arrivi il via libera agli aiuti economici per i danni provocati dagli incendi che hanno devastato la Sicilia dal 29 al 31 agosto scorso - e per i quali è stata trasmessa a Roma una richiesta ufficiale - il governo Musumeci, in forza delle legge regionale numero 13 recentemente approvata, ha provveduto a dichiarare lo stato di crisi e di emergenza che consentirà di intervenire immediatamente per ripristinare le necessarie condizioni di sicurezza nelle aree maggiormente colpite.

«Da Altofonte a San Vito Lo Capo - spiega il presidente della Regione – i roghi alimentati dal forte vento di scirocco hanno divorato boschi e macchie mediterranee, danneggiando servizi essenziali e innescando una serie di rischi sotto il profilo idrogeologico che vanno rimossi nel più breve tempo possibile. Da qui la decisione di operare subito in autonomia attraverso la nomina di un commissario delegato, al quale affiderò la valutazione delle priorità da affrontare e il coordinamento dei relativi interventi».

Sulla scorta delle segnalazioni pervenute dal Comune di Altofonte - il centro maggiormente devastato dai roghi - dal dipartimento regionale dello Sviluppo rurale e dal comando del Corpo forestale, il dipartimento della Protezione civile della presidenza della Regione ha effettuato una prima stima complessiva dei danni, quantificandoli in quaranta milioni di euro. E' stato appurato che gli incendi sviluppatisi a fine agosto, e che in totale sono stati 602, hanno distrutto circa 2.198 ettari di aree boschive e circa 1.922 ettari di aree vegetazionali. In particolare, la dichiarazione da parte della Regione dello stato di crisi e di emergenza e la richiesta inoltrata alla presidenza del Consiglio dei ministri riguarda ventitré Comuni, ricadenti nelle province di Palermo, Trapani, Enna e Messina.

Si tratta di: Altofonte, Aliminusa, Misilmeri, Monreale, Piana degli Albanesi, San Giuseppe Jato, Santa Cristina Gela, Termini Imerese, Alcamo, Buseto Palizzolo, Castellammare del Golfo, San Vito Lo Capo, Valderice, Aidone, Enna, Piazza Armerina, Gioiosa Marea, Librizzi, Mirto, Mistretta, Rometta, San Piero Patti e Tusa.

Proprio qualche settimana fa si era insediato il Tavolo di crisi voluto da Musumeci e presieduto dall'assessore all'Ambiente Toto Cordaro. Un passaggio, quest'ultimo, propedeutico alla proclamazione dello stato di calamità, da parte del governo regionale, e alla successiva richiesta a Roma della dichiarazione dello stato di emergenza. Proprio il giorno successivo ai roghi, Musumeci e Cordaro si erano recati nel Bosco della Moarda ad Altofonte, per testimoniare la vicinanza dell'amministrazione regionale ai cittadini del territorio. Nel frattempo sono stati completati, da parte della Protezione civile regionale, i sopralluoghi per individuare gli interventi di messa in sicurezza immediata delle zone, prevenendo così eventuali fenomeni di erosione dovuti alle piogge. Nei prossimi giorni, insieme all'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, verranno individuate le priorità sulle quali intervenire.

Sicilia: Unicredit versa 64 mln di imposte nella casse della Regione

Per il terzo anno consecutivo, Unicredit verserà nelle casse della Regione le imposte pagate dalla banca all’erario. Un riconoscimento alla Sicilia, quindi, di una parte dei tributi annuali (circa 64 milioni di euro) versati dall’Istituto di credito per i redditi prodotti nell'Isola, così come prevede l’articolo 37 dello Statuto siciliano. A comunicare la notizia al governatore Nello Musumeci è stato il responsabile di UniCredit Sicilia, Salvatore Malandrino.

«La decisione dell'istituto di credito – sottolinea il presidente della Regione – rappresenta un ulteriore segnale di attenzione della banca verso il nostro territorio. Per questo motivo voglio esprimere un apprezzamento per la scelta, assunta, così come negli anni scorsi, in maniera condivisa con il ministero dell’Economia. Si tratta, senz'altro, di un ulteriore importante passo in avanti affinché, finalmente, il gettito di tutte le imposte erariali maturate nell’Isola, ancorché versate al di fuori per ragioni di carattere amministrativo, restino in Sicilia».

Un plauso viene espresso anche dal vicepresidente della Regione e assessore dell'Economia Gaetano Armao, impegnato da tempo in un lungo negoziato con il governo nazionale per il definitivo e completo riconoscimento delle previsioni statutarie in materia fiscale e tributaria.

Lipari: positivo al Covid, in attesa di un posto in un centro attrezzato, resta all'interno dell'ambulanza. E se si doveva effettuare un soccorso?

Quasi tre ore all'interno dell'unica ambulanza idonea, quella del 118, prima di essere trasferito in una struttura ospedaliera attrezzata per i soggetti affetti da Covid - 19. 

L'incredibile vicissitudine è accaduta stamane a Lipari ad uno nostro concittadino, uno dei diciotto positivi, che necessitava del ricovero fuori dall'isola 

Prelevato alle nove dalla sua abitazione, in attesa che venisse trovato un posto libero, è rimasto in ambulanza sino alle 11 e 50 circa, quando è stato imbarcato, senza la barella di biocontenimento, sull'elicottero che lo ha portato a destinazione. 

Perchè il paziente sia dovuto restare in ambulanza, in attesa del reperimento di un posto, resta un mistero. Eppure se non ricordiamo male all'interno dell'ospedale era stata attrezzata una stanza ad hoc in grado di ospitare i positivi al Covid in attesa di essere trasferiti.

Al di là delle vicissitudini di questo paziente vi è da sottolineare che se, in quell'ampio lasso di tempo, fosse stato necessario effettuare un soccorso non si sarebbe potuto effettuare. 

La seconda ambulanza, inviata a Lipari dall'ASP di Messina, non sarebbe potuta uscire in quanto non dispone nè di medico nè di altri operatori sanitari. 

(La foto è di Controcorrente eoliana)

Le Eolie nelle stampe d'epoca (CXXXVIII puntata): Grotta del bue marino a Filicudi


 

Accadde alle Eolie, pagine della nostra "storia" recente. 4 novembre 2019: Bersaglieri sfilano a Lipari per la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate


 


"Santini"...di aspiranti politici (quarantanovesima pubblicazione): Giuseppe Pellegrino

La Chiesa commemora oggi San Carlo Borromeo

 

martedì 3 novembre 2020

Coronavirus: Sicilia ancora sopra i 1000 casi, 14 morti


Sono 1.048 (24 più dei nuovi casi di ieri) i nuovi casi di Coronavirus in Sicilia nelle ultime 24 ore. I tamponi effettuati sono 8.015, contro gli 8.034 di ieri. È quanto emerge dal bollettino sull'emergenza Coronavirus del ministero della Salute e dell’Istituto Superiore della Sanità.

Le vittime da inizio pandemia sull'Isola sono 550, 14 in più di ieri. Il totale degli attualmente positivi è di 16.806, dei quali 15.584 sono in isolamento domiciliare. Sono 1.072 le persone ricoverate negli ospedali con sintomi, 47 in più di ieri, mentre le persone in terapia intensiva sono 150 (+8 rispetto a ieri).

Questa la suddivisione per province dei nuovi contagi odierni: 299 a Catania, 258 a Palermo, 133 a Trapani, 96 a Caltanissetta, 83 a Ragusa, 80 a Messina, 71 a Siracusa, 21 ad Agrigento, 7 ad Enna.

Tampone molecolare sabato, domenica e lunedì

I cittadini che oggi hanno effettuato il tampone veloce saranno sottoposti sabato, domenica e lunedì al tampone molecolare. Solo dopo il risultato (negativo) di questo potrà cessare la quarantena. Lo ha affermato, durante la diretta fb di oggi, il sindaco Marco Giorgianni.

Il primo cittadino ha anche confermato che tra coloro che sono stati stati sottoposti oggi al test è stato riscontrato un solo positivo. 

C'è anche un ulteriore positivo, emerso dall'esame effettuato in un laboratorio privato. 

ASP Messina, formazione oggi a Lipari per gli operatori ospedalieri sul rischio biologico e corretto utilizzo dei DPI


Continua l’attività di addestramento sul campo degli operatori sanitari dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina, voluta dalla direzione generale, con l'implementazione di buone pratiche per il contenimento del rischio biologico e corretto utilizzo dei dispositivi individuali di protezione per gli operatori sanitari ospedalieri.

L’attività di apprendimento tecnico-pratico il 2 novembre u.s. ha interessato Medici, Infermieri, Tecnici e Operatori di supporto del Presidio Ospedaliero di Lipari; alla sessione di lavoro hanno partecipato molti operatori i quali hanno apprezzato l’iniziativa anche per i risvolti pratici delle tecniche apprese.

L'ASP di Messina comunica che l‘attività di addestramento continuerà per offrire le medesime opportunità di apprendimento agli operatori di tutti gli altri Presidi Ospedalieri.

Coronavirus: medici specializzandi, intesa tra Regione Siciliana e Università

Per la prima volta il percorso formativo e professionale dei medici specializzandi viene regolamentato grazie a un'intesa sottoscritta dalla Regione con le tre Università siciliane, sedi di facoltà di Medicina e chirurgia. L'accordo, approvato da una delibera del governo Musumeci, disciplina infatti le modalità di svolgimento della formazione per l'assunzione a tempo determinato dei medici specializzandi  che, ormai, sono chiamati a pieno titolo ad affrontare le piccole e grandi emergenze sanitarie.

Come è noto, la crisi innescata soprattutto dalla pandemia sta facendo emergere ulteriormente la mancanza di medici specialisti in ogni ambito, così la Sicilia - grazie alla fattiva collaborazione dei rettori degli atenei di Palermo, Catania e Messina - è corsa ai ripari velocizzando le procedure che consentono ai giovani professionisti di prestare servizio in corsia, mantenendo contemporaneamente gli standard formativi.
Tra gli elementi di maggiore innovazione contenuti nel documento,  il riconoscimento dell’esperienza professionale acquisita dagli specializzandi proprio durante l'emergenza Covid-19, con la possibilità di recupero del percorso formativo attraverso appositi piani integrativi e il recepimento delle norme di maggior favore, anche economiche, per consentire il prosieguo delle attività negli ospedali siciliani.
“Grazie a questa intesa - commenta il presidente della Regione Nello Musumeci - stiamo assicurando al nostro sistema sanitario un'iniezione di nuove energie professionali, tanto utili per fronteggiare meglio la pandemia. Ma c'è di più: superata l’emergenza Coronavirus, i giovani medici specializzandi, a partire dal penultimo anno di specializzazione,  potranno fare accesso in corsia con più facilità. Ciò consentirà alla sanità siciliana di tenere stabilmente in considerazione queste professionalità e di evitare anche di disperdere altrove quel patrimonio di cervelli che si è formato nei nostri atenei”.
I rettori siciliani hanno sottolineato l'importanza  del percorso di specializzazione anche in relazione al livello di qualità formativa che devono possedere i nuovi contrattualizzati.
“Esprimiamo soddisfazione – evidenzia il rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari – per questo accordo tra Atenei e Regione. A maggiore ragione, in un momento come questo, drammaticamente segnato dalla pandemia, è fondamentale la collaborazione tra istituzioni per rafforzare e sostenere il sistema sanitario e per porre grande attenzione alla formazione dei nostri specializzandi, che contribuiranno con impegno e preparazione a tutelare la salute di tutti”.
“L’Università di Catania – sottolinea il rettore Francesco Priolo – si è mostrata subito disponibile a collaborare con la Regione Siciliana e in particolare con l’assessorato alla Salute, specie in questo momento di grande difficoltà per la Sicilia e il Paese. In questo modo, i nostri giovani medici possono mettersi a disposizione e fornire un contributo fattivo nella lotta al Covid-19, come già fanno tanti nostri colleghi medici impegnati in prima linea, che desidero sempre ringraziare. L’accordo raggiunto permette, inoltre, a tutti loro di proseguire la propria formazione sul campo e di entrare subito in contatto con il sistema sanitario”.
“Prosegue – afferma il rettore Salvatore Cuzzocrea – l'intensa collaborazione tra la Regione Siciliana e l'università di Messina. Grazie alla sinergia con l’sssessorato alla Salute, gli atenei siciliani sigleranno un accordo che permetterà di raggiungere ancora una volta importanti obiettivi. Con l'approvazione dell'intesa che regola le modalità di formazione e agevola l'accesso nei reparti degli specializzandi delle Università della nostra Regione saremo in grado di colmare la richiesta di un numero maggiore di medici in ogni settore ospedaliero. Una necessità che si è acuita a causa dell’emergenza che stiamo affrontando. Come sempre siamo pronti a dare il nostro apporto al territorio e lo facciamo consapevoli della qualità dei nostri specializzandi”.

Lipari: Sui 200 sottoposti a tampone rapido solo 1 positivo.

Si sono concluse al Monteleone le operazioni relative ai tamponi rapidi su 200 cittadini: solo un positivo.
L'isolamento domiciliare dei 200 permane, comunque, sino all'esito del tampone molecolare che sarà effettuato nei giorni di sabato, domenica e lunedì.
Oltre al personale Usca hanno presenziato, collaborando fattivamente, la Polizia municipale, la Protezione civile e il gruppo liparese delle Misericordie.
Presente anche l'assessore Tiziana De Luca

Tamponi rapidi. Tutti negativi i tamponi processati sinora, circa 130.


 

Lettere al direttore. Rifiuti abbandonati sul ciglio stradale e sparsi dai cani sulla spiaggia

 


Riceviamo da Giuseppe Portelli e pubblichiamo:

Buongiorno Direttore!
Stamattina in spiaggia, zona Unci e non solo, ho trovato diverse buste di spazzatura aperte e sparse lungo la spiaggia. 
Queste buste vengono, come da anni oramai, lasciate lungo il ciglio stradale da cittadini randagi.
 I cani ovviamente, di notte, in queste buste cercano cibo. 
L'assessore Taranto, persona sensibile, deve porre un divieto a tutto ciò, applicando sanzioni già esistenti. Alcuni cittadini dicono di essere stati autorizzati dalla ditta raccolta rifiuti a posizionarli lungo il ciglio stradale….Possibile? 
Assessore, faccia sapere se tutto ciò è lecito o no. 
Grazie 
Allego foto…. All inclusuive …. pure la Siringa
Giuseppe Portelli

Le Eolie nelle stampe d'epoca ( CXXXVII puntata): Fossa delle Rocche rosse a Lipari


 

Storia eoliana - Conosciamola attraverso lo storico G. La Greca. Oggi: 3/11/2007 - L'incidente al "Gigliola M."

3 novembre 2007

L’incidente al “Gigliola M”


Quattro marittimi feriti, uno dei quali in maniera grave e lievi contusioni per i passeggeri e per l'equipaggio dell'aliscafo "Gigliola M" finito, nel tardo pomeriggio del 3 novembre 2007, incredibilmente, in una scogliera nelle vicinanze del laghetto di Lingua.
Il mezzo era partito intorno alle 18,00 da Santa Marina con destinazione Rinella con quattro pendolari a bordo. Una decina di minuti più tardi, superato il laghetto di Lingua e la località Grottazze, il mezzo, un nuovissimo aliscafo di ultima generazione, al comando dell'esperto Nunzio Stornante, si ritrovava improvvisamente sulla scogliera prospiciente la spiaggia del Brigantino. L'aliscafo ci arrivava a velocità e sulle ali, spezzandole una e piegando l’altra, per il conseguente tremendo "atterraggio" sugli scogli. A bordo tra le urla dei passeggeri increduli e dell'equipaggio sballottato dall'urto, si avvertivano anche momenti di panico, fino a quando il comandante, dopo aver superato lo stato di shock iniziale, non lanciava l'allarme.
Immediatamente su disposizione del comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo a Capitaneria di porto di Lipari partivano alla volta della località del sinistro, un gommone e una motovedetta per portare i primi soccorsi. Il marinaio Domenico Burrascano, gravemente ferito al capo e sanguinante veniva visitato dal medico di guardia che ne consigliava l'immediato trasferimento in elicottero a Messina. Gli altri tre dell'equipaggio, invece, venivano trasbordati sui mezzi della Guardia Costiera e trasportati a Lipari per il trasferimento in ambulanza al Pronto Soccorso dell'Ospedale civile.
Il processo a carico del comandante si concluse con un patteggiamento, avanzato dal comandante Nunzio Stornante, 48 anni, di Messina che ha avuto applicata la pena di 1 anno, 6 mesi e 20 giorni di reclusione, col beneficio della sospensione condizionale.
Secondo la ricostruzione effettuata dagli inquirenti, che all'epoca si sono avvalsi di un consulente tecnico, Nunzio Stornante al comando dell'aliscafo "Gigliola M" in navigazione dal porto di Santa Marina Salina al porto di Rinella, «ometteva di esplorare a lunga portata la zona di navigazione per mezzo del radar di bordo, nonché del sistema automatico di allarme di rischio, ciò al fine di ottenere quanto prima indicazioni sul rischio di abbordaggio o di altri pericoli per la navigazione».
Gli inquirenti stabilirono che il comandante del mezzo navale, tra i più moderni della flotta, «seppur navigando in orario notturno ometteva di procedere a velocità di sicurezza in modo da poter agire in maniera appropriata ad efficiente per evitare pericoli ed arrestare l'imbarcazione entro distanza adeguata alle condizioni del momento». I comportamenti assunti durante la navigazione provocavano di fatto il naufragio del natante che si incagliava su alcuni scogli semi sommersi e il ferimento di ben sette persone a bordo.
Ingenti i danni riportati dall'aliscafo, che subì nell'impatto lo schiacciamento della prua e l'apertura di due squarci in corrispondenza delle ali di prora; mentre le ali di poppa rimasero incastrate tra gli scogli. Sempre nella zona di prua, all'interno della cabina passeggeri, furono divelte intere file di sedili. In frantumi i vetri dei finestrini e danni generalizzati alla carena dello scafo.

Covid - 19: Tutti in fila al Monteleone da stamane



Tutti in fila da stamane al Monteleone dove, dalle 9 e 30, si stanno effettuando i previsti 200 tamponi rapidi per il Covid - 19.

Oltre al personale Usca, sono presenti l'assessore Tiziana De Luca, la Polizia municipale e la Protezione civile