Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 23 maggio 2009

Sentieristica, solo figuracce!

(lipari biz) Riceviamo da Raimund Rodewald , direttore della fondazione svizzera per la tutela del peasaggio e pubblichiamon testualmente una lettera aperta inviata al Sindaco e ai consiglieri comunali:Da alcuni anni passo le mie vacanze su Lipari, anche in quei giorni. Dato che l’Arcipelago Eoliano è inserito nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’UNESCO nonché nominato come Parco Nazionale Italiano ci saranno sempre più turisti che s’interessono per le Isole grazie a l’unica qualità storica e naturalistica. Particolarmente in questi giorni ci sono gruppi dalla Svizzera che fanno delle passeggiate guidate su Lipari. Purtroppo le offerte sono ancora molto ridotte ma il potenziale è grande anche da punto di vista economica. Tanti abitanti di Lipari con cui potevo parlarne recentemente condividono questa mia proposta. Vorrei cogliere l’occasione della mia sosta di 4 settimane su Lipari di sottoporvi una proposta per un piano di rivalorizzazione dei sentieri. Questo piano che è in fase della terminazione prevede una decina dei sentieri su Lipari con grande qualità e valore dello svago e della esperienza culturale e naturale nonché delle misure del recupero. Sicuramente questo piano dovrebbe essere discusso con tutti gli interessati. In prima linea vorrei sollecitarvi ad inserire nel vostro concetto triennale dei lavori comunali anche un piano di rivalorizzazione dei sentieri di Lipari. I problemi della rivalorizzazione consistono nella pulizia dei sentieri (di maniera meccanica) contro la forte invasione di erbacce e del degrado causato dei rifiuti depositati abusivamente. Particolarmente toccato viene sempre il Vallone Fiume Bianco che non è di un grande pregio naturalistico (Macchia alta di grande biodiversità) ma anche fa parte di un sentiero importante per il Monte Chirica. Là ci vuole un forte urgente impegno di pulizia e un sistema di controllo e di manutenzione sopprattutto con lo sbarramento almeno parziale della stradina per i autoveicoli non autorizzati. Alla fine vorrei presentarvi qualche foto che avevo scattato ieri dei problemi sul sentiero del Vallone Fiume Bianco. Secondo me il Comune dovrebbe inoltrare una denuncia contro ignoto e risistemare il sentiero.
Foto: Il sentiero è affiancato di rifiuti anche viene riempito in fondo col materiale di qualsiasi tipo (N0 7) Sto a disposizione per ulteriori iinformazioni e per la presentazione della proposta del piano di rivalorizzazione dei sentieri fino al 14 giugno (331 265 666 5).
Vi ringrazio, egregi Signori Consiglieri, per la vostra gentilissima comprensione.
Distinti saluti
Raimund Rodewald, Dott. Biol. Dott.h.c. iur. (direttore dellaFondazione Svizzera per la Tutela del Paesaggio)

Ginostra e i problemi di mobilità di anziani e diversamenti. La soluzione potrebbe essere un montacarichi

Un piccolo ascensore inclinato per risolvere i problemi inerenti il trasporto di diversamente abili, anziani e merci dal nuovo molo di Ginostra al centro del minuscolo villaggio ai piedi dello Stromboli.
La proposta è scaturita dopo una serie di infuocate riunioni tra i residenti. Una soluzione che vede tutti d'accordo e che è ben vista anche dalle associazioni ambientaliste che da anni si occupano della tutela di Ginostra.
L'esigenza di avere un sistema efficente di trasporto, senza snaturare la bellezza dei luoghi, è stato da sempre il principale nodo da risolvere.
Attualmente, i trasporti di merci e bagagli nella frazione, per la mancanza di strade, vengono effettuati da un paio di asinelli che soprattutto nel periodo estivo non riescono a soddisfare le richieste.
Negli ultimi tempi anche i disabili così come gli anziani, più volte, hanno avuto serie difficoltà a raggiungere il paesino per via della ripida scalinata che lo collega all'approdo.
Per tutti questi motivi gli abitanti hanno commissionato un progetto di fattibilità ad uno studio di ingegneria di Palermo. A curare e realizzare il progetto è stato l'ingegnere Antonio Casto.
Sono state prese in considerazione diverse soluzioni quali l'installazione di una teleferica, di una piattaforma scorrevole su binari, l'installazione di un ascensore verticale e l'installazione di un ascensore inclinato. Sono stati studiati, alla luce delle richieste e dei suggerimenti degli abitanti del luogo, diversi punti di partenza ed arrivo oltre che diversi tragitti di percorrenza dei sistemi elevatori.
I parametri fondamentali utilizzati per la valutazione delle diverse alternative sono stati:
1)Il rispetto dell'assetto paesistico;
2)La durabilità ed l'affidamento dell'opera da realizzare;
3)L'idonietà all'uso richiesto dai residenti;
4)La finanziabilità dell'opera e l'economicità.
Il sistema elevatore più idoneo, che ha soddisfatto tutti i punti presi in considerazione, è risultato essere l'ascensore inclinato con un percorso tangente ai tornanti del sentiero pedonale esistente, avente punto di partenza nella parte superiore del piazzale a ridosso dell'approdo del Pertuso e punto di arrivo in cima alla scalinata che porta al centro di Ginostra.
Sono state scartate, dai ginostresi e dal progettista, tutte le altre ipotesi per l'evidente impatto ambientale che queste causerebbero al paesaggio.
L'ascensore inclinato proposto per Ginostra è un veicolo che viaggia su una rotaia; esso sarà movimentato con una fune traente.l'ascensore correrà lungo un sistema di binari appositamente ancorati, dapprima alla piazza antistante il Pertuso e successivamente alla nuda roccia fino al raggiungimento della vetta del paese. La cabina sarà del tipo ''panoramica'' per limitare l'impatto ambientale e la portata sarà pari al trasporto di undici persone adulte cioè 860Kg.. Dal mare, il sistema elevatore sarà totalmente invisibile.
L'opera, secondo i calcoli dell'ingegnere Casto, dovrebbe costare, chiavi in mano, intorno agli ottocentomila euro e permetterà in un colpo solo di risolvere il problema del trasporto delle merci e dell'abbattimento delle barriere architettoniche.
Adesso il passo successivo sarà quello di proporre lo studio al sindaco di Lipari, Mariano Bruno, che lo potrà fare suo con le modifiche che riterrà necessarie e con i progettisti da lui individuati come idonei a seguire la questione.
Se il comune di Lipari accoglierà la proposta degli abitanti e sicuramente lo farà il passo successivo sarà quello di reperire i finanziamenti necessari e di avviare l'iter amministrativo che porterà alla realizzazione dell'agognata opera.
Più che soddisfatto per l'idea dell'ascensore inclinato il tedesco Ulli, universalmente conosciuto come il mulattiere di Ginostra. Ulli da più di trenta anni è lo storico gestore dei servizi di trasporto a mezzo asino nella borgata ginostrina. ''Finalmente potrò andare in pensione -ha commentato Ulli-insieme a Sciara e Peppino che sono i miei due asinelli. L'età comincia a farsi sentire e non c'è nessuno che vuole sostituirmi anche perchè a Ginostra i giovani sono sempre di meno e la fatica è sempre di più''.
E gli asini che fine faranno? Ulli tranquillizza tutti, turisti in testa, dicendo che gli asinelli ormai sono una caratteristica ed un'attrazione fondamentale del villaggio e che in paese circoleranno sempre ma faranno i trasporti solo per le zone a monte del paesino dove possono arrivare solo loro per via degli inpervi sentieri.

Otto arrestati tra i ventinove extracomunitari bloccati a Salina nelle Eolie. Saranno processati per direttissima

È di otto cittadini stranieri arrestati il bilancio dell’attività di polizia effettuata ieri a Salina (Eolie) dai carabinieri della Compagnia di Milazzo che ieri, sin dalle prime ore del mattino, hanno passato al setaccio il territorio dell’isola.
Il particolare servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione dei reati inerenti l’immigrazione clandestina nonché alla verifica della presenza di cittadini stranieri colpiti da provvedimenti di espulsione emessi dalle prefetture nazionali ha permesso di identificare oltre 60 cittadini extracomunitari, principalmente di nazionalità marocchina, di cui 29 sono risultati sprovvisti di qualsiasi documento idoneo alla loro compiuta identificazione.
L’operazione di polizia, che ha visto impegnati oltre 50 Carabinieri della Compagnia di Milazzo e delle Stazioni dipendenti, 3 Motovedette dell’Arma, classe 800, ed un elicottero del Nucleo Elicotteri di Catania, ha permesso di assicurare alla giustizia i seguenti cittadini marocchini: ELMSELEK Elmostapha, cl. 1970 MARHFOURI Moustafa, cl. 1968, CHARFI Mohamed, cl. 1974, SERTI Mohammed, cl. 1967, CHERRAKI Hamid, cl. 1984, ESSADAFY Elmiloudi, cl. 1980, MOGIOD Mouhamed, cl. 1976 e CHERRAKI Mestapha, cl. 1977, che a seguito degli accertamenti di riscontro eseguiti alla Banca Dati AFIS sono risultati destinatari di provvedimenti di espulsione emessi dalla prefetture di Crotone, Siracusa e Torino.
Nel corso dell’operazione inoltre, unitamente ai summenzionati, sono stati deferiti alla competente A.G. ulteriori venti cittadini di nazionalità marocchina responsabili di non aver esibito un valido documento di riconoscimento.
Per gli otto arrestati, che sono stati temporaneamente ristretti nel Carcere di Messina Gazzi, è previsto il giudizio direttissimo che si svolgerà innanzi il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto – Sez. distaccata di Lipari.

Turismo: Le Eolie sul "mercato amerciano". Educational tour e workshop organizzato dalla Federalberghi

La missione a New York dello scorso novembre, oltre a produrre una serie di importanti contatti ed alcuni articoli sulle riviste americane, ha consentito alla Federalberghi Isole Eolie di gettare le basi per il prosieguo di Match-making.
In collaborazione con l'ENIT di New York e l'Assessorato Regionale al Turismo e con il supporto della Eurofly e della Provincia Regionale di Messina, Federalberghi Isole Eolie organizza, dal 24 al 31 di maggio,un'azione mirata e distintiva, finalizzata a promuovere il prodotto Eolie sul mercato americano. All'educational, dedicato a 15 giornalisti di rinomate testate giornalistiche del settore, si abbineranno tre workshop (Lipari, Salina ePalermo). Questi consentiranno agli operatori turistici locali diconfrontarsi direttamente con 30 tour operator americani. La delegazione,della quale faranno parte anche il direttore dell'Enit di New York e la delegata Enit per il Nord America, visiterà le sette isole Eolie e poi proseguirà alla volta di Siracusa e Palermo.
Quella del workshop/educational che parte dal basso (dalle associazioni di operatori locali) con il supporto dell'ente pubblico rappresenta sicuramenteuna formula vincente di partnership pubblico-privata per la promozione del territorio.
Christian Del Bono (Presidente FEDERALBERGHI ISOLE EOLIE)

Lipari: Trasferita la salma dell'uomo ritrovato impiccato. Effettuata la disinfestazione della camera mortuaria

Sarà "ospitata" presso l'Istituto di Medicina legale di Messina la bara con la salma dell'uomo (rimasto senza una identitàà) ritrovato impiccato nel marzo scorso a Lipari e che ha lasciato, dopo oltre due mesi e su disposizione del dott. Olindo Canali, la camera mortuaria del cimitero di Lipari. Contestualmente al trasferimento della salma si è proceduto alla disinfestazione della camera mortuaria che, come si ricorderà, era stata invasa dai vermi fuoriusciti dalla condensa della cella frigorifera dove è rimasto l'uomo(presumbilmente straniero e di circa 50 anni) per oltre due mesi. La foto in alto e il video fanno riferimento al momento in cui la bara(ricoperta da un drappo), contenente il corpo dell'uomo, viene trasferito dagli uomini dell'impresa Trinitas, con il prezioso supporto del custode Salvatore Licari, dall'obitorio al carro funebre utilizzato per il trasferimento.

Lipari. Convocato per martedì il consiglio comunale.

Il Consiglio Comunale di Lipari è stato convocato in sessione non urgente per il giorno 26 Maggio 2009 alle ore 09,30- Tra i punti all’ordine del giorno:
- Istituzione canoni per l’utilizzo in forma straordinaria dell’Anfiteatro al Castello o altra sala comunale di Piazza Mazzini per celebrazioni matrimoni civili.
- Approvazione del Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2009/2011 ed elenco annuale dei lavori 2009.
- Modifica al Regolamento Comunale per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.
- Modifica Regolamento Comunale del Servizio Idrico, di cui alla delibera consiliare n. 93 del 10.12.02 e successiva modifica del Consiglio Comunale n.29 del 22.4.08.

Siremar, polemica dentro il Pdl. Bufardeci replica a Leontini e Caronia

PALERMODopo il dietrofront del governo sulla vicenda collegamenti con le isole minori e la pressa di posizioen dell'assessore titti Bufardeci, ieri sono intervenuti il capogruppo del Pdl Innocenzo Leontini e la deputata dello stesso gruppo Marianna Caronia per contestare la posizione assunta da Bufardeci che replica: «Sarei ben lieto di dare al mio capogruppo Pdl all'Ars Leontini le risposte che chiede e avviare la comparazione tra i servizi offerti dalla Regione e quelli garantiti sino ad oggi dallo Stato tramite la Siremar; sarei felicissimo di fornire i dati della Siremar e compararli a quanto di buono stiamo portando avanti per le isole minori. Di sicuro posso affermare che il sistema dei trasporti regionali vale 81 milioni l'anno e tutto viene effettuato con gare di livello europeo in regime di assoluta trasparenza: purtroppo non posso rispondere su Siremar, per il semplice fatto che della società non sappiamo nulla, nonostante da tempo chiediamo notizie precise. Non sappiamo in che condizioni è il suo armamento, qual è il costo del lavoro, quanto potrebbero incidere eventuali prepensionamenti. Non è accettabile che lo Stato continui a tagliare risorse nei confronti della nostra regione. L'intero gruppo Tirrenia andrà avanti quest'anno solo con fondi Fas: sono soldi delle regioni» Bufardeci invita quindi Leontini a sostenere la battaglia «piuttosto che polemizzare tra noi»

venerdì 22 maggio 2009

La benedizione delle rose dalla Parrocchia di San Pietro a Lipari

Oggi la Chiesa festeggia Santa Rita da Cascia e, come anticipato stamani nel video-intervento di Don Gaetano Sardella, questa sera nella Chiesa di San Pietro a Lipari si è tenuta la benedizione delle rose. A conferma di come Santa Rita sia fortemente venerata in questa Parrocchia liparese, la chiesa era stracolma di fedeli. Alla celebrazione eucaristica che ha preceduto la benedizione hanno preso parte anche i ragazzi che domenica effettueranno la Prima comunione. Vi proponiamo il video della benedizione conclusiva della Santa Messa, la benedizione delle rose (impartite entrambe da Don Gaetano Sardella) e il sorteggio per l'assegnazione di un quadro di Santa Rita da Cascia:

Salina: denunciati in stato di libertà 29 cittadini extracomunitari risultati irregolari sul territorio nazionale.

COMUNICATO STAMPA UFFICIALE DELLA COMPAGNIA DEI CARABINIERI DI MILAZZO
I Carabinieri della Compagnia di Milazzo, sin dalle prime ore di questa mattina, hanno effettuato sull’isola di Salina un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione dei reati inerenti l’immigrazione clandestina nonché alla verifica della presenza di cittadini stranieri colpiti da provvedimenti di espulsione emessi dalle prefetture nazionali.
Nel corso dell’operazione di polizia, che ha visto impegnati oltre 50 Carabinieri della Compagnia di Milazzo e delle Stazioni dipendenti, 3 Motovedette dell’Arma, classe 800, ed un elicottero del Nucleo Elicotteri di Catania, sono stati fermati e sottoposti a controllo oltre 60 cittadini extracomunitari, principalmente di nazionalità marocchina, di cui 29 sono risultati sprovvisti di qualsiasi documento o permesso di soggiorno, idoneo alla loro compiuta identificazione.
Nel caso in specie, i ventinove cittadini di nazionalità marocchina, a bordo delle Motovedette dell’Arma sono stati trasferiti dall’isola di Salina al porto di Milazzo da dove sono stati poi inviati in caserma per le operazioni di foto-segnalamento ed accertamenti AFIS.
Le operazioni di identificazione, tutt’ora in corso, hanno permesso di accertare che cinque cittadini marocchini erano destinatari di provvedimenti di espulsione emessi dalle competenti Autorità amministrative nazionali (Crotone, Siracusa e Torino). Gli stessi, dopo le formalità, sono stati arrestati e trasferiti presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi in attesa di essere di essere giudicati con rito direttissimo nella giornata di domani dal Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto - Sezione distaccata di Lipari.

TURISMO: BUYER E GIORNALISTI USA ALLA SCOPERTA DELLA SICILIA. DAL 24 AL 27 SARANNO ALLE EOLIE

Gli Stati Uniti alla conquista della Sicilia turistica. I principali tour operatori statunitensi e le principali testate giornalistiche americane di settore arrivano in Sicilia a fine maggio per un workshop/ educational tour, organizzato dal dipartimento regionale del Turismo e da Federalberghi.
Il primo appuntamento di buyer e giornalisti a stelle e strisce è alle isole Eolie, dal 24 al 27 maggio. Il gruppo di lavoro sarà a Siracusa il 28 del mese in corso. L'educational tour si concluderà con la tappa di Palermo, dove sabato 30 maggio, nella sede dell'Arsenale Borbonico, si terrà un workshop dedicato agli incontri tra operatori turistici statunitensi e siciliani. Gli imprenditori e gli operatori, che sono interessati a partecipare al simposio di Palermo, dovranno far pervenire a mezzo posta elettronica, entro le ore 10,00 del prossimo lunedì 25 Maggio, specifica richiesta di adesione.

TIRRENIA: FEDERMANAGER, SODDISFACENTE INCONTRO CON MATTEOLI

Dobbiamo riconoscere gli sforzi del ministro Matteoli per concludere positivamente la vertenza. E ancora, un plauso deve essere reso alle regioni Campania e Sardegna per il senso di responsabilita’ dimostrato con l’immediata disponibilita’ di concorso economico finalizzato al mantenimento degli standard dei servizi del gruppo, cosi’ come in precedenza si era espressa la regione Toscana”. Questo il commento di Federmanager in merito ai risultati dell’incontro di ieri sulla privatizzazione di Tirrenia. “Abbiamo constatato - precisa Federmanager - soddisfacenti progressi per quanto riguarda l’impegno assunto dal ministro a non procedere a nessun taglio dei servizi nel corso del 2009, per l’assenso dell’Unione Europera allo scorporo delle Societa’ di Navigazioni Regionali dal bando di gara per Tirrenia di Navigazione e per il mantenimento del tavolo tecnico permanente congiunto per approdare nel piu’ breve tempo possibile a una soluzione condivisa e indolore della vertenza”. Federmanager avverte poi che nelle prossime riunioni si dovranno analizzare attentamente i percorsi e i tempi di privatizzazione della compagnia, “per trovare soluzioni adeguate a garantire la qualita’ dei servizi e dei livelli occupazionali”.

SIREMAR: BUFARDECI, “VOGLIAMO RELAZIONE CREDIT SUISSE”

Continua il braccio di ferro tra la Regione siciliana e il Ministero dei Trasporti sulla vicenda Siremar, dopo la chiusura del vicepresidente Titti Bufardeci alle proposte formulate nella riunione del tavolo tecnico permanente di ieri pomeriggio a Roma. “Appena chiediamo di vedere le carte di Siremar – afferma Bufardeci – sembra quasi di toccare un simulacro inespugnabile. Non sappiamo nulla dei debiti contratti con le banche, del passivo accumulato, dello stato della flotta e del personale. Non è serio chiederci di distogliere dal nostro bilancio delle somme, di impossibile quantificazione allo stato attuale, da destinare al ripianamento delle possibili e ingenti perdite di esercizio della Siremar. A questo punto chiediamo con forza che ci venga consegnata la relazione di Credit Suisse, advisor per la privatizzazione, per conoscere realmente lo stato patrimoniale e funzionale di Tirrenia e per capire cosa si nasconde dietro il velo di silenzio che avvolge Siremar”.
Per il vicepresidente, il governo nazionale non ha mantenuto fede alle rassicurazioni fornite nei mesi precedenti, all'amministrazione regionale e ai sindaci delle isole minori: non metterà mano al portafoglio. Ai conti di Tirrenia mancano 46 milioni di euro per garantire l'intero assetto nautico del gruppo. “La cosa peggiore – spiega il vicepresidente della Regione siciliana Bufardeci – è che questa somma è destinata ad aumentare nel tempo. Occorre una riflessione seria. Il programma operativo di Tirrenia costa 220 milioni di euro. Per coprirne i costi, il governo nazionale ha prelevato 174 milioni dai Fas, ed è bene ricordare che si tratta di risorse delle Regioni. E siccome non si accontentano, vogliono pure il resto, nonostante il preciso impegno del Ministro a fare fronte con risorse statali. La quota mancante la vogliono da noi. Non è accettabile sedersi a un tavolo tecnico con la minaccia di vedersi tagliati in futuro i collegamenti se non si aprono i cordoni della borsa. Purtroppo, questo è quello che è successo in questa settimana di trattative”.
Con una nota, il dipartimento regionale dei Trasporti, ricostruisce gli ultimi mesi della trattativa e spiega la posizione dell'amministrazione siciliana. Il Ministero, infatti, per procedere alla privatizzazione del gruppo, ha proposto la stipula di contratti di servizio in regime di convenzione tra le regioni interessate e le società del gruppo Tirrenia che si occupano dei trasporti marittimi regionali. La procedura è suggerita nella relazione dell'advisor, con l'obiettivo di rendere appetibile la cessione della società che altrimenti potrebbe non avere acquirenti. Per la Sicilia è in ballo la posizione di Siremar. Le riunioni tecniche si sono tenute il 15 e il 19 maggio e hanno evidenziato differenti posizioni da parte delle regioni interessate (Liguria, Lazio, Sardegna, Campania, Toscana e Sicilia). Due le ipotesi di lavoro per ottemperare alla richiesta del governo nazionale: le regioni potrebbero prelevare le società regionali e procedere esse stesse alla privatizzazione (è il caso di Sardegna e Campania); in alternativa, le regioni lascerebbero al Ministero la procedura di privatizzazione per subentrare successivamente nella stipula dei vari contratti e gestirli in autonomia (è la posizione di Toscana, Liguria e Lazio). “Non possiamo percorrere alcuna di queste procedure – spiega Bufardeci – perchè entrambi i casi descritti sono incompatibili con il sistema onerato di collegamenti marittimi che la Sicilia, prima regione in Italia ad adeguarsi alle normative comunitarie adottando procedure di liberalizzazione del settore, ha implementato dal 2002. E' un sistema che oggi ha un valore logistico ed economico superiore a quanto offerto dallo Stato con Siremar. Credo che si possa definire assurda la penalizzazione per la Sicilia che si dimostra la regione più virtuosa, unica in Italia ad avere adempiuto al dettato normativo europeo”.
Il dipartimento regionale ha proposto al Ministero due opzioni: lasciare allo Stato la possibilità di esercitare la competenza sulla privatizzazione di Siremar insieme a Tirrenia, e la gestione dei relativi contratti; oppure, trasferire alla Regione siciliana le risorse che ogni anno lo Stato destina a Siremar. Le somme verrebbero utilizzate sempre con il sistema di collegamenti onerati ai sensi della legge regionale del 2002, in pratica affidando ai privati, mediante gare pubbliche di livello europeo, i servizi oggi assicurati da Siremar.

Lipari: Lascerà la camera mortuaria del cimitero l'uomo trovato impiccato

Lascerà nel pomeriggio l'obitorio del cimitero di Lipari la salma dell'uomo, dell'apparente età di circa 50 anni, ritrovato impiccato nel marzo scorso in un rudere di contrada Santa Nicola a Lipari e per il quale sino ad oggi non si è riusciti ad individuare l'identità.
Da poco sono state completate all'obitorio del cimitero eoliano le operazioni di posizionamento della salma all'interno di una bara con la quale sarà trasferito a Messina su disposizione del magistrato dott. Olindo Canali.
Nei giorni scorsi era stato evidenziato da parte dei cittadini come vermi e cattivo odore fuoriuscissero dall'obitorio del cimitero di Lipari. La camera mortuaria era stata invasa da vermi fuoriusciti dagli scarichi della condensa della cella frigorifera ove era riposto il cadavere dell'uomo. Come si ricorderà l'uomo, di circa 50 anni, venne trovato con in tasca un dizionario inglese- italiano. Ciò fece pensare che provenisse da un paese anglo-sassone.

Salina: Maxi-controlli e maxi retata di extracomunitari(AGGIORNAMENTO)

Maxi operazione di controllo e verifica sugli extracomunitari da parte dei carabinieri della stazione di Santa Marina Salina al comando del maresciallo Gimmi Stefani. Nell'operazione, durata sino all'alba, i carabinieri in servizio sull'isola sono stati coadiuvati dai colleghi della Compagnia di Milazzo al comando del capitano Francesco Coppola. Sottoposti a controllo, nei tre comuni dell'isola(Malfa,Leni e Santa Marina) oltre sessanta extracomunitari.
Ventinove di questi non sono risultati essere in regola e sono stati arrestati e trasferiti con motovedette dell'Arma giunte apposta a Salina a Milazzo. All'operazione hanno preso parte anche due elicotteri dell'Arma.
Secondo indiscrezioni, che al momento non trovano conferme ufficiali, gli extracomunitari sarebbero sbarcati alle Eolie a bordo di un peschereccio che poi si sarebbe dileguato. L'allarme era stato lanciato nei giorni scorsi da Nino De Luca responsabile dello sportello stranieri operativo da qualche anno al comune di Milazzo dopo averlo appreso da alcuni immigrati regolari residenti nella provincia di Messina.

TIRRENIA: CARONIA (UILT), BENE INCONTRO NESSUN TAGLIO A LINEE

La Uilt e’ soddisfatta per l’esito dell’incontro con il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, sulla vertenza Tirrenia. “Desidero ringraziare - ha detto il segretario generale della Uil Trasporti, Giuseppe Caronia - il ministro per l’impegno che ha utilmente profuso. Va sottolineato in prima battuta il suo formale impegno e quello del governo a non effettuare per tutto l’anno 2009 nessun taglio di linee e di servizi”.
Caronia ha sottolineato che Matteoli ha ottenuto, “come da noi richiesto, dalla Ue di poter procedere allo scorporo delle societa’ regionali, superando quindi il vincolo della gara unica”. E’ stata poi grantita “la prosecuzione del tavolo con tutte le parti in causa anche allo scopo di trovare una soluzione al trasferimento delle societa’ regionali, Caremer, Saremar, Siremar e Toremar in capo alle rispettive regioni, soluzione comunque non ancora completata e che impone ulteriori approfondimenti con le diverse amministrazioni”. Ma restano ancora delle richieste del sindacato: “Il rinvio della privatizzazione al dopo ‘crisi economica’; il mantenimento da parte dello Stato di almeno il 30% del pacchetto azionario a garanzia degli obblighi di servizio pubblico ed a tutela dei livelli occupazionali e delle condizioni contrattuali dei lavoratori; la partecipazione attiva dei sindacati nella preparazione del bando gara; il confronto di merito sul piano industriale degli eventuali acquirenti e la stabilizzazione dei precari prima della conclusione del processo di privatizzazione”.
“Mi auguro - ha concluso Caronia - che nel prosieguo del confronto, gia’ a partire dai prossimi giorni anche queste richieste possano trovare come le precedenti favorevole accoglimento”.

Milazzo intitola il Palasport all'eoliano Pino Merlino

Il Palasport di via Valverde a Milazzo sarà intitolato all’eoliano On. Giuseppe Merlino, più volte deputato e assessore regionale negli anni ’80 e ’90. L’impianto, realizzato con finanziamenti regionali, è stato inaugurato qualche anno addietro ma non è stato mai operativo per una serie di problemi strutturali che hanno interessato il tetto.
L’amministrazione Italiano, nei mesi scorsi, ha stanziato quasi 200 mila euro e da alcuni giorni la ditta appaltatrice, l’impresa ISOLSUD Snc di Ruvo di Puglia (BA), aggiudicataria del pubblico incanto bandito dal 6° Dipartimento, sta eseguendo i lavori finalizzati al rifacimento della impermeabilizzazione della copertura lignea del Palazzetto dello Sport.
L'on. Merlino, suo malgrado, è passato alla storia dell'isola di Lipari poichè un finanziamento, che mise a disposizione per la realizzazione di un porto turistico nell'isola, non fu mai utilizzato(per le liti su dove e come realizzare la struttura) e venne poi dirottato a Salina che lo utilizzò, per l'appunto, per il porto turistico.

Marito della Dal Lago (Lega Nord) condannato a Lipari

La trasformazione di una vecchia cisterna a Drautto di Panarea, in un deposito che, però, secondo un accertamento, poteva essere utilizzato come locale abitabile. Questa, in sintesi, la vicenda che ha portato alla condanna di Alberto Donato della Vecchia, 65 anni, di Vicenza, marito della vicepresidente dei deputati della Lega Nord, Manuela Dal Lago. Il giudice monocratico di Lipari, Roberto Gurini, gli ha inflitto 20 giorni di arresto col beneficio della sospensione della pena, il pagamento di un'ammenda di 12.500 euro e delle spese processuali.
L'accusa originale era di violazione urbanistica e violazione delle leggi antisismiche. Il legale dell'imputato, avv. Luisella Mancuso, ha rilevato che la trasformazione in deposito era stata autorizzata dal comune di Lipari e che comunque i reati contestati erano da considerarsi prescritti, trattandosi di fatti avvenuti nel 2000. Tesi quest'ultima sostenuta dallo stesso pm, Francesco Cannavò.

Siremar: La soddisfazione della Federalberghi delle Eolie

Su istanza del Presidente della Federalberghi Isole Eolie, Christian Del Bono, l'URAS ha condiviso una mozione sui collegamenti marittimi delle isoleminori, recepita dai sindaci e dagli operatori isolani. Tale documento, sottoposto da Del Bono prima all'assessore on. Titti Bufardeci, poi al Comitato Nazionale per il Mezzogiorno e quindi al neo ministro on. Brambilla (durante l'incontro da me avuto in occasione della giunta nazionale) è stato utilizzato come base di quanto presentato al ministro on. Matteoli.
"Con soddisfazione generale- afferma il presidente della Federalberghi eoliana- abbiamo ottenuto che non venga operato nessuntaglio ai servizi erogati da Siremar nel 2009. Anche il traghetto che collega le isole Eolie con Napoli, strategico per lo sviluppo socioeconomico dell'arcipelago, resterà in servizio.

giovedì 21 maggio 2009

Trasporti: "Vegognosa risposta del Governo. Ci opporremo con tutte le forze". Bufarix e Brunolix "guerra" a Matteolix

TIRRENIA/SIREMAR. BUFARDECI "PROPOSTA GOVERNO RIDICOLA E VERGOGNOSA"

“Il Governo Nazionale si dovrebbe vergognare per una proposta che riteniamo intollerabile e inaccettabile”. Così il vicepresidente della Regione siciliana e assessore ai trasporti Titti Bufardeci ha concluso il suo intervento al tavolo tecnico per la privatizzazione Tirrenia che si è svolto oggi pomeriggio a Roma.
La proposta del governo nazionale, pur nell’assenza di tagli ai servizi per l’anno in corso, ha rimarcato la mancanza di circa 46 milioni di euro per coprire l’intero range di servizi. “Per mesi abbiamo ricevuto rassicurazioni – continua Bufardeci – per poi scoprire che l’amministrazione centrale non ha quei fondi e li chiede alle Regioni. Alla Sicilia hanno chiesto 14 milioni di euro. Ma noi diciamo no, e non intendiamo cedere a questa proposta scellerata, per il semplice e incontestabile fatto che siamo la Regione che più spende per i trasporti marittimi regionali. A differenza di quanto fa lo Stato, abbiamo coperto le unità di rete che oggi costano oltre 81 milioni di euro. E le caratteristiche delle nostre isole minori, sia per numero sia per distanza dalla terraferma, non sono paragonabili a nessun’altra realtà territoriale. E’ ingiusto che non si tenga conto di questo”.
“Oltre al danno – insiste Bufardeci – c’è la beffa prossima ventura perché è ormai chiaro che i costi del 2010 verranno coperti ancora con i fondi Fas e con la richiesta di fondi alle Regioni. Serviranno 220 milioni: 174 arriveranno dai Fas, i soliti 46 verranno chiesti alle Regioni”.
Il vicepresidente della Regione siciliana contesta anche l’ipotesi di cedere alle Regioni interessate le società controllate da Tirrenia che operano i collegamenti regionali. Nel caso della Sicilia, si tratta della Siremar. “Da anni chiedo di vedere i conti, le carte, i dati sul personale e sulla flotta: non è serio chiedere a un amministratore responsabile di acquisire a scatola chiusa una cosa di cui non si sa niente e che promette soltanto di rivelarsi una voragine senza fondi, con battelli vetusti e costi insostenibili per qualsiasi buon padre di famiglia”.
“Io credo che il governo nazionale si dovrebbe vergognare di quanto si sta facendo alla Sicilia – conclude – con tagli alle ferrovie, che sono antiquate e lentissime, nessuna agevolazione sulle tratte aeree, per non dire dei collegamenti stradali. Se vogliono far ripiombare la Sicilia e le nostre isole minori nel Medioevo ci opporremo con tutte le forze”.

Tirrenia: Sindacati soddisfatti dopo l'incontro di oggi

TIRRENIA: PANELLA (UGL), OTTIMO RISULTATO
Quello su Tirrenia è "un ottimo risultato che va nella direzione da noi sempre indicata a vantaggio dei lavoratori Tirrenia e della mobilità". Lo sostiene il segretario nazionale dell'Ugl Trasporti, Roberto Panella, al termine della seconda riunione del tavolo permanente per la privatizzazione della compagnia. Secondo il sindacalista "l'elemento di assoluta novità è che la privatizzazione avverrà assegnando alle Regioni le società regionali Tirrenia e per tutto il 2009 nessuna rotta sarà tagliata. I livelli occupazionali dunque saranno garantiti e il tavolo seguirà di pari passo il processo di privatizzazione fino alla fine e servirà a definire sia il piano industriale sia i parametri del bando di gara". "Le soluzioni che stanno emergendo dal tavolo permanente - conclude Panella - stanno portando sostanziali miglioramenti a un processo di privatizzazione che altrimenti sarebbe stato doloroso non solo per i lavoratori, privilegiando, come era necessario, il dialogo e la condivisione delle decisioni e delle responsabilità"
TIRRENIA: CLAUDIANI(FIT CISL), INCONTRO POSITIVO ESCLUSI TAGLI
L’incontro di oggi con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteoli e le regioni e’ stato indubbiamente positivo perche’ fa uscire dall’incertezza i lavoratori di Tirrenia. Il ministro ha escluso infatti qualsiasi taglio ai servizi, alle rotte e all’occupazione almeno sino alla fine dell’anno”. E’ quanto sottolinea il segretario generale della Fit Cisl, Claudio Claudiani, commentando a caldo l’incontro di oggi sulla privatizzazione di Tirrenia.
“Si avvia una fase di attenta analisi - sottolinea Claudiani - sullo scorporo delle attivita’, superando di fatto la congiuntura negativa e le emergenze dovute ai tagli previsti dalla finanziaria”. Soddisfatto anche il segretario nazionale della Fit Cisl Beniamino Leone: “E’ positivo - ha detto - che le regioni siano fortemente impegnate nella risoluzione dei problemi. Rimangono questioni aperte, come alta resta l’attenzione da parte del sindacato anche se si registrano notevoli passi avanti legati anche alla struttura della gara per la privatizzazione che potrebbe non essere unica”. Ma sono state “di fatto autorevolmente smentite - sottolinea Leone - le allarmistiche previsioni di qualcuno rispetto a tagli occupazionali, di servizi e di rotte commerciali. E’ confermato - ha concluso - un tavolo permanente con il Governo e le regioni sull’intero processo, a partire dal preannunciato trasferimento alle regioni interessate delle societa’ regionali attualmente gestite dalla compagnia di navigazione”

TIRRENIA: MATTEOLI, NESSUN COLLEGAMENTO VERRA' SOSPESO NEL 2009

"Durante il tavolo tecnico tra Governo e Regioni sulla privatizzazione di Tirrenia sono stati registrati passi in avanti nella ricerca di soluzioni condivise. Pertanto, il confronto continuera' nei prossimi giorni nel fondato tentativo di evitare ricadute occupazionali negative anche dal 2010. Intanto il tavolo Governo-Regioni ha concordato di mantenere intatti i collegamenti marittimi per l'intero 2009. Dopo la conclusione del confronto, gli esiti del tavolo tecnico tra Governo e Regioni saranno nuovamente discussi con i sindacati di categoria". Lo ha dichiarato il Ministro delle Infrastrutture, Altero Matteoli, dopo l'incontro di oggi sulla privatizzazione di Tirrenia con i rappresentanti delle Regioni interessate e i sindacati di categoria.

"Quando la mano destra..non sa cosa fa la sinistra" di Adolfo Sabatini

Riceviamo dal consigliere Adolfo Sabatini e pubblichiamo:
Sono stato invitato in qualità di componente a due Commissioni Consiliari convocate dai rispettivi Presidenti Casilli e Mirabito per giorno 22 Maggio.-
La Commissione Servizi elettrici, idrici e fognari, etcc., è convocata alle ore 12,30 in prima convocazione ed alle ore 13,30 in seconda convocazione, mentre la Commissione finanze e bilancio, etcc., è stata convocata alle ore 12,00 in prima convocazione ed alle ore 13,00 in seconda convocazione.-
Complimenti un segno di vera amministrazione.
E’ il caso di dire: “quando la mano destra non sa cosa fa la mano sinistra”.
Il consigliere Comunale di Nuovo giorno
Adolfo Sabatini

Dopo Giannò-Fonti "beccati" anche Coppolino e Megna

Dopo l'assessore Corrado Giannò e il consigliere Gesuele Fonti (precisiamo beccati dal nostro obiettivo in un pacifico e sereno colloquio che niente aveva di politica) quest'oggi abbiamo "intercettato" il leader locale dell'MPA Salvatore Coppolina e il consigliere del "Faro" Francesco Megna a colloquio sul Corso.
Grandi manovre in atto? Coppolina implora Megna e questi adirato risponde "picche"?
Certo se fossimo avvezzi alla fantapolitica...e al fantagiornalismo...la foto calzerebbe perfettamente con tutto ciò.
Ma la realtà è un'altra. I due questa volta parlavano si di politica e di fatti annessi e connessi. Non certo, comunque, di un rientro del "Faro" nella maggioranza ma di un qualcosa che, stante l'aria alquanto adirata di Megna e sconsolata di Coppolina, non deve essere facile da mandare giù. Anche con un buon bicchiere d'acqua!

Lipari: Divisa estiva per i vigili urbani

Divisa estiva da oggi per i vigili urbani e gli ausiliari del Corpo di polizia municipale di Lipari, così come si evince dalla foto scattata a stamani a due ausiliarie del traffico ad uno degli ingressi dell'area a traffico limitato.
A proposito di polizia municipale vi è da evidenziare che, nei giorni scorsi, si è riunita la commissione incaricata di procedere alla selezione del nuovo dirigente-comandante del Corpo di polizia municipale.

Guardia Costiera: Domani lascia Capo Guarnuto che va in pensione. Rapido scambio di battute e bilancio.

Domani lascia la Guardia Costiera- Circomare Lipari il luogotenente Mario Guarnuto che va in pensione. Al momento non sono previste cerimonie particolare se non una cena con tutti gli uomini del Circomare.
Capo Guarnuto, una vita al servizio dello Stato e delle Eolie, è nato ad Alimena ( Pa) nel 1949. Si è arruolato in Marina nel 1966 e, dopo l'inevitabile tirocinio con corsi di specializzazione e imbarchi, è stato destinato alla Capitaneria di Porto di Trapani. Di seguito ha svolto esemplarmente il suo incarico a Crotone, Brindisi, Terracina, Lipari e Milazzo. Nel 1988 venne trasferito definitivamente a Lipari, rappresentando il costante punto di riferimento non solo per i marinai ma anche per i vari tenenti di vascello che si sono succeduti nell'arcipelago.
Capo Guarnuto, personaggio schivo, che non ha mai amato la copertina, anche in occasione del suo imminente congedo non ha voluto rilasciare interviste video e si è limitato a rispondere alle nostre domande facendoci riprendere in mano il vecchio e dimenticato "taccuino" su cui abbiamo trascritto le sue risposte.
D) Sicuramente da dopodomani in poi, il lavoro giornaliero le mancherà così come lei mancherà agli eoliani e al Circomare
R) Mi sono già organizzato e ho già trovato un’alternativa a questo lavoro. Utilizzerò la mattina e il pomeriggio per dedicarmi ai miei giardini.
D) Facciamo un bilancio di questi anni. Come sono stati? Come è andata? C’è stato qualcosa di particolare che ricorda?
R) Il bilancio secondo me è ottimo poichè, negli anni, l’Ufficio Circondario Marittimo di Lipari è cresciuto, è andato sempre migliorando. Da poche persone in servizio si è arrivati alle tante di oggi. Da pochi pezzi navali, o meglio dire nessun mezzo navale, siamo passati ad un consistente numero di mezzi e abbiamo una copertura radio su quasi tutta l’Italia meridionale.
D) C’è un rimpianto, c’è qualcosa che avrebbe voluto vedere e che non ha potuto vedere realizzato?
R) L’unica cosa che rimpiango è Pignataro. Ho lottato per 30 anni sperando di vedere concretizzata la nuova Capitaneria. Me ne sto andando senza vedere a Pignataro nemmeno l'inizio dei lavori.
D) Il suo attuale comandante intervistato poco fa ha avuto parole di elogio per lei sia dal punto di vista umano che dal punto di vista professionale, ritenendo che il suo è stato un contributo prezioso al Circomare a lui in particolare.
R) Ringrazio il comandante della stima che mi ha dato. Stima che va ad aggiungersi ai ringraziamenti e a quella datami da tutti gli altri comandanti nel corso del loro commiato ufficiale.
D) Verrà sostituito da capo La Torre.
R) Ne sono felice anche perchè io ho sempre sperato che il mio sostituto potesse essere Capo Michele La Torre

Uomo perde la vita a Lipari in un incidente domestico

Mortale incidente domestico stamattina a Lipari in vico Morfeo, uno dei vicoli limitrofi a Marina Corta. A perdere la vita è stato il signor Antonino Cassarà(3/5/1933). L'uomo, da quanto si apprende avrebbe battuto la testa, dopo essere caduto da una scala sulla quale era salito per deporre/prelevare uno scatolo. Purtroppo per l'uomo non c'è stato nulla da fare.
Al figlio Gaetano, nostro compagno di lavoro per qualche anno al Leader II Eolie, e ai familiari tutti le più sentite condoglianze.

Cimitero di Lipari centro: Operazione "disboscamento" al via

Finalmente al via quest'oggi il "disboscamento" del cimitero di Lipari. Sino all'ultimo comunque non sono mancati gli intoppi di ordine organizzativo e, principalmente, dal punto di vista della disponibilità delle attrezzature. All'opera due degli ex lavoratori Pumex che hanno iniziato il "maquillage" cimiteriale dalla zona a destra dell'ingresso centrale. Il video dell'inizio dei lavori:

Accolto l'appello dell'assessore Giannò di ANONIMO EOLIANO

Stromboli: Condotta dell'acqua potabile danneggiata

(gazzetta del sud) Un lettore ci segnala un deprecabile caso di perdita d'acqua, a cui non si intende ancora porre rimedio. «Quando la nave cisterna scarica il prezioso liquido che finisce nel serbatoio in collina, a causa di una perdita nel tubo, che passa tra l'altro all'interno del Park Hotel La Sirenetta, l'acqua arriva al manto stradale, e si perde sulla spiaggia, dove può solo far crescere l'erba. Pur se privati si sono resi disponibili ad ovviare all'inconveniente, con la riparazione del guasto, nessuna autorizzazione o rimedio viene data dal Comune o dall'Eas. Il solito scaricabarile all'italiana. Intanto l'acqua che è preziosa sull'isola di Stromboli e che viene portata con le navicisterna va sprecata. Il problema è presente da alcuni mesi».. Giriamo la segnalazione al sindaco Bruno perché attivi gli uffici preposti.

mercoledì 20 maggio 2009

Tirrenia e vertice di domani con Matteoli. La Uil Trasporti detta le "condizioni"

Domani come previsto, alle ore 16, i sindacati dei Trasporti, unitamente alle regioni interessate, incontreranno il ministro dei Trasporti Altero Matteoli e, ci auguriamo, anche gli altri ministri e Fintecna, che necessariamente dovranno essere coinvolti nel processo di privatizzazione del gruppo Tirrenia. Voglio quindi sperare che finalmente si entri in un confronto di merito sulle questioni da noi poste nell’incontro del 13 maggio scorso». È quanto sottolinea in una nota il segretario generale della Uil Trasporti, Giuseppe Caronia.
Caronia, poi, entra nel merito e chiede chiarimenti al governo sulla «tempistica della privatizzazione del gruppo, che non potrà avvenire entro il 2009 poiché occorrerà saggiamente attendere che la grave crisi economica, che ha avuto pesantissime ripercussioni sullo shipping mondiale, allenti la sua morsa». Le altre richieste di Caronia sono: trasferimento immediato delle Società Regionali, Caremar, Saremer, Siremar, e Toremar in capo alle regioni interessate e che in materia di trasporto pubblico locale, anche marittimo, hanno esclusiva competenza;mantenimento da parte dello Stato di almeno il 30% del pacchetto azionario a garanzia degli obblighi di servizio pubblico ed a tutela dei livelli occupazionali e delle condizioni contrattuali dei lavoratori».
In più, aggiunge il sindacalista, «la partecipazione attiva delle organizzazioni sindacali nella definizione del bando di gara; confronto preventivo con le organizzazioni sindacali sul “piano industriale” del o dei soggetti eventualmente interessati all’acquisizione di Tirrenia. Solamente se si affronteranno seriamente questi temi, come sono personalmente certo vorrà fare il ministro Matteoli, saremo interessati alla prosecuzione del confronto. In caso contrario ed in presenza di una diversa impostazione, interpreteremmo ciò come inutile tentativo di prendere tempo in attesa di, non saprei che cosa, che respingeremmo con la dovuta determinazione».

Prove tecniche di dialogo?. Scherzando su un incontro...guardiamo in prospettiva

Prove tecniche di dialogo tra la maggioranza, l'amministrazione e gli ex colleghi del Faro? I contatti "estemporanei", tanto al punto da avvenire per strada, sono stati avviati sotto la supervisione di un "superpartes" come Claudio Mandarano.
Ovviamente non è così! Abbiamo soltanto colto "fotograficamente" un momento in cui l'assessore Giannò, il consigliere Fonti e il superpartes Mandarano stavano discutendo di tutt'altro che di politica. La foto è la dimostrazione di come si può, al di là delle posizioni politiche, tranquillamente discutere in amicizia.
E' vero comunque che il ritorno dei due del Faro (Megna e Fonti) tra i ranghi della maggioranza non dispiacerebbe a molti. Al punto che se ne parla, più volte si è cercato di limare i dissidi ma...il resto.... almeno per il momento è fantapolitica, in cui tranquillamente lasciamo altri a trastullarsi.
Certo le condizioni si potrebbero creare. Ed una di queste, da quel che abbiamo capito da un colloquio con Francesco Megna, dovrebbe essere il totale azzeramento dell'attuale giunta Bruno ed una rapida inversione di tendenza rispetto ad oggi.
Accadra? ... chi vivrà vedrà

Il dottor Canali all'ITCG "Conti" di Lipari per "L'educazione alla legalità"

(Peppe Paino) Si è svolta questa mattina, con la concreta quanto interessata partecipazione degli studenti delle quinte classi, all'Itc Conti Vainicher di Lipari la conferenza " Educazione alla legalità: capire, accettare, mettere in pratica, credere nelle istituzioni, crescere nella partecipazione", alla presenza del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Barcellona P.G., Olindo Canali. A fare gli onori di casa la preside Tommasa Basile e la referente per la legalità dell'istituto prof.ssa Wilma Codraro che ha organizzato l'incontro dibattito. Sono intervenuti tra gli altri, il sindaco Mariano Bruno, l'avv. Emanuele Carnevale, il presidente della società Lipari Porto ed esponente del Rotary club, Nando Corrado e il comandante del Circomare Lipari Luca Politi. Un'ora di relazione e un'altra di dibattito con i ragazzi per il dott. Canali che si è soffermato sull'importanza della figura del professore in quanto portatore di idee, e per questo temuto al pari dello scrittore o del giornalista dal sistema mafioso e sui piccoli gesti quotidiani che rendono un uomo responsabile e rispettoso delle istituzioni e della legalità. Si è parlato inoltre, su richiesta dei ragazzi, di temi strettamente attuali come il lodo Alfano, dei pirati della strada condannati e poco dopo scarcerati, dei lunghi tempi della giustizia, della diversità e soprattuto dei metodi che distinguono la giustizia americana da quella Italiana nonchè dei tentativi di delegittimazione della magistratura. Canali non ha voluto commentare la sua posizione di magistrato che a seguito dei fatti del processo " Mare Nostrum" ha presentato domanda di trasferimento in altra sede, al Csm. Sull'argomento ha detto solo che la questione è stata un pò ingigantita. Alla fine ha ringraziato i ragazzi, che lo hanno sottoposto ad un vero e proprio tour de force di domande e curiosità, " per la lezione".

Rettili e anfibi europei in pericolo. A rischio la "lucertola delle Eolie"

Non è un bel momento per essere un serpente e tanto meno una rana. A rivelarlo è uno studio dell’Uicn (Unione internazionale per la conservazione della natura), commissionato dalla Commissione europea in occasione della Giornata Internazionale della biodiversità in programma il prossimo 22 maggio. Secondo la portavoce del commissario Ue all’ambiente Stavros Dimas, "il 59% di tutti gli anfibi europei e 42% dei rettili sono in diminuzione, e la situazione è particolarmente grave per il 23% dei primi e il 21% dei secondi, che sono annoverati dall'Uicn fra le specie minacciate della lista rossa europea”.
Meglio dunque essere, facendo i dovuti paragoni, un mammifero o un uccello. Secondo Bruxelles sarebbero rispettivamente minacciate solo il 15% e 13% delle specie Tra le minacce principali la distruzione degli habitat naturali a causa dei cambiamenti climatici, dell’inquinamento e della presenza di specie esotiche invasive.
In Europa attualmente vivono 151 specie di rettili e 85 specie di anfibi, molte delle quali non esistono in nessuna altra parte del mondo e, se le cose non cambiano, rischieranno di non esistere più nemmeno in Europa. È il caso della lucertola a pois o di quella delle Eolie*, che, secondo le stime dell’Uicn, sono “gravemente minacciate di estinzione”. Poi ci sono le specie più fortunate, che per ora sono solo minacciate, e quelle vulnerabili tra cui compare ogni forma di rane, rospi, salamandre e tritoni. Tra i rospi di cui potremo rischiare di non sentire più il gracidio e che nessuna principessa potrebbe salvare ci sono la rana di Rodi e il Montseny Brook Next. E non se la passa bene nemmeno l’ululone dal ventre giallo che è solito aggirarsi per gli Appennini.
Di fronte a tutto questo l’Unione europea si era impegnata ad arrestare la perdita di biodiversità entro il 2010 e ha messo in atto un piano di azione europeo per attuare questo impegno, ma non sembra bastare. "Mentre ci avviciniamo al 2010 – ha ammesso Barbara Helfferich, portavoce per l’ambiente – sarà impossibile praticamente conseguire l'obiettivo".

*In alcuni isolotti minori sopravvivono piccole popolazioni dell'endemica lucertola delle Eolie (Podarsis raffonei), molto più scura delle comuni lucertole presenti nel resto dell'arcipelago, questa specie probabilmente in passato era presente anche su altre isole, dove è stata eliminata per effetto della competizione con l'altra specie che oggi prevale alle Eolie, la lucertola campestre (Podarsis sicula).

TRASPORTI: DOMANI A ROMA VERTICE STATO REGIONI SU TIRRENIA

Così come previsto dal calendario stabilito nella riunione della scorsa settimana, si terrà domani a Roma, nella sede del ministero dei Trasporti, la secondo riunione del tavolo tecnico a cui partecipano lo Stato e le regioni interessate alla privatizzazione del gruppo Tirrenia.
Per la Regione siciliana prenderà parte alla riunione il vicepresidente e assessore ai Trasporti, Titti Bufardeci

Stromboli: Piccola frana ma è "Tutto nella norma". Il comunicato dell'INGV e l'intervista alla guida vulcanologica Mario Zaia

Si torna a parlare di frane sullo Stromboli ma sono fenomeni di piccola entità rientranti perfettamente nella norma dell'attività vulcanica così come si può ascoltare nell'intervista con la guida vulcanologica Mario Zaia. Questa la situazione attuale sullo Stromboli così come da comunicato nell'INGV di Catania:

L’analisi dei sismogrammi ha evidenziato 1 segnale sismico, associabile ad evento franoso, di
piccola entità, localizzato nel settore meridionale dell’isola di Stromboli. L’ampiezza del tremore oscilla tra valori medio-bassi e medio-alti. Il conteggio degli eventi Very Long Period (VLP) fornisce un valore di circa 14 eventi/ora. L’ampiezza dei segnali VLP è generalmente su valori medio-bassi, con qualche evento di ampiezza medio-alta. La localizzazione della sorgente dei segnali VLP mediante analisi della semblance non mostra variazioni sostanziali.
I parametri di polarizzazione del segnale sismico nella banda di frequenza VLP non mostrano
variazioni sostanziali. L’ampiezza degli explosion-quakes oscilla tra valori bassi e medio-bassi, con alcuni eventi di ampiezza medio-alta.

Vi riproponiamo l'intervista con Mario Zaia è una delle guide vulcanologiche più esperte, e non soltanto in tema di scalate, dello Stromboli.

Lipari: Scrutatori supplenti. Dovranno esseri rinominati tramite sorteggio

La commissione elettorale del comune di Lipari dovrà tornare a riunirsi per procedere alla nomina(tramite sorteggio) dei soli scrutatori supplenti per la consultazione elettorale per il rinnovo del Parlamento europeo.
Lo ha deciso la Prefettura di Messina che ha riscontrato un vizio procedurale nella nomina degli stessi.
Resteranno, invece, immutati gli scrutatori titolari.
La riunione potrebbe tenersi già lunedì prossimo.

Protestano anche gli automotonoleggi

(liparibiz) Automotonoleggi isolani contro chi svolge attività di procacciamento nel porto di Sottomonastero. In una lettera inviata al sindaco Mariano Bruno e ai comandanti di porto di Milazzo e Lipari e ai comandanti della stazione Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Municipale, hanno lamentato che " nel nostro settore viene svolta attività illecita ( nonchè concorrenza sleale) sotto gli occhi di tutti. I turisti in arrivo- è stato evidenziato- vengono tallonati ripetutamente al fine di proporre loro soluzioni di noleggio scooter o quant'altro a prezzi stracciati pur di accaparrarsi il cliente anche se , tramite prenotazione, già destinato altrove. Tale attività- hanno continuato diversi operatori del settore- viene svolta anche nelle vie centrali del paese e nelle attività di ristoro". E' stato quindi richiesto alle forze dell'ordine il presidio ,quantomeno, delle aree portuali. Nel pomeriggio, non a caso, si sono visti i Vigili Urbani.

Leni: Il programma del candidato a sindaco Santisi

Riconoscendo che la difficile situazione economica ha una ricaduta evidente sulle Isole Eolie e che in particolare il nostro comprensorio ne è colpito specialmente nella porzione più debole della popolazione costituito dalle giovani coppie, dagli anziani e comunque in tutti i livelli degli strati sociali, ci si è posto il problema di cosa può fare un Amministrazione Comunale per risolvere nell’immediato.
Poniamo fiducia assoluta nei cittadini, volendo diventare Pater Nobilis per le famiglie e le giovani coppie, Partner d’affari con i commercianti, gli imprenditori e soprattutto i giovani che si affacciano al mondo del lavoro.
Fermo restando che tutte le nostre azioni saranno improntate alla più assoluta trasparenza, che in ogni momento qualunque cittadino potrà interloquire con l’Amministrazione ed in particolare con il Sindaco, e che avrà a disposizione tutti i moderni mezzi per poter accedere facilmente al Palazzo Comunale.
Ci riferiamo all’uso di Internet che sarà posto in essere mediante un blog di continuo raffronto con l’amministrazione e la pubblicazione sul sito del Comune di tutti i documenti pubblici a partire dal Bilancio Comunale.
Si elencano i punti principali del programma che vuole attuare la lista MPA a Leni avendo come Sindaco Maurizio Santisi.
Celebrazione del Centenario del Comune di Leni.
Fideiussione del Comune di Leni effettuata con una banca partner opportunamente scelta per T.A.E.G. e per capacità istruttoria delle pratiche al fine di concedere mutui alle giovani coppie ed ai cittadini che necessitano di prima casa.
Prestito d’onore ai giovani fino a € 8.000,00 per realizzazioni di imprenditoria con l’esenzione per essi dell’ICI e della TARSU per i primi 3 anni di attività.
Concessione della fideiussione bancaria ai commercianti ed imprenditori costituiti in associazioni o gruppi.
Costituzione di una associazione in cooperativa per la realizzazione di una Banca Cooperativa delle Eolie, rilevando ove fosse possibile lo sportello stagionale del BdS di Santa Marina Salina.
Costituzione di una cooperativa di lavoro a cui affidare l’esecuzione dei lavori posti a bando dai tre Comuni dell’Isola
Abolizione della Commissione Edilizia Comunale, e rilascio delle concessioni edilizie entro 30gg dalla data di presentazione di progetti completi di tutti gli allegati
Creazione di una piccola area artigianale per l’insediamento di secondario avanzato mediante facilitazioni amministrative e tributarie
Creazione di un apposito ufficio presso la Casa Comunale, che agisca quale Sportello del Lavoro, dove domanda ed offerta si incontrano.
Modifica al P.R.G. vigente, al fine di adeguarlo al Piano Paesistico,
Portare a termine tutte le pratiche di sanatoria edilizia.
Portare a termine il Piano Utilizzo Aree Demaniali e Marittime
Realizzare un parcheggio a Leni
Rivedere l’arredo urbano del paese, a partire da un omogeneizzazione dei corpi illuminanti pubblici
Costruzione di una strada per garantire l’accesso a Punta Megna a partire dall’attuale Parcheggio.
Riqualificazione dei vicoli e dei sentieri comunali, da quelli che uniscono la circonvallazione con la Via Libertà, a quelli che uniscono Leni a Rinella, o Rinella a Lingua.
Limitazione del Traffico Veicolare, e maggiori controlli sulla rumorosità dei mezzi
Piantumazione di alberi ad alto fusto al fine di ombreggiatura all’interno della “Villa Provinciale” di Rinella.
Sistemazione della stradina alle spalle della Chiesa di San Gaetano.
Rivisitazione dell’arredo urbano e della viabilità di Via S. Gaetano e piazza A.Magnani
Realizzazione di un Vero Ufficio Informazioni attivo 12 mesi, sul porto di Rinella, dove far confluire tutte le informazioni utili ai Turisti
Conservazione Spiaggia di Rinella, con tutti i provvedimenti per garantirvi la balneazione mantenendo l’approdo e l’ormeggio dei classici gozzi e dei pescatori al lato della spiaggia
Spostare dal lato di Punta Megna l’ancoraggio di natanti e le attività collaterali di cantieristica
Consolidamento dell’attuale banchina, e adeguamento al fine di consentire l’approdo in testata, compatibilmente alle condizioni meteomarine, delle navi passeggeri cosi da consentire il simultaneo attracco degli aliscafi
Costruzione di una piscina a bordo mare
Edificazione di un monumento allo sportivo significativamente rappresentato da un ciclista.
Incentivazione del turismo Religioso e Sportivo durante i periodi non stagionali. Si fa riferimento alla presenza del Santuario della Madonna Del Terzito, ed alla possibilità già verificata di organizzare gare veliche, calcistiche e ciclistiche.
Realizzazione di spogliatoi ed illuminazione del campo sportivo di Valdichiesa
Portare un’ambulanza attrezzata con soccorritori volontari creati sul posto mediante appositi corsi.
Utilizzazione degli spazi dell’ambulatorio esistente con specialisti all’uopo autorizzati da AUSL e/o privati convenzionati con il Comune
Partecipazione con gli altri 2 Comuni nell’acquisto di attrezzature sanitarie utili alla collettività, ad esempio un defibrillatore cardiaco semiautomatico da porre nel porto di Rinella ed a Valdichiesa
Attuare lo screening della mammella, del diabete e dell’ipertensione arteriosa una volta l’anno mediante utilizzo di strutture mobili della AUSL 5 di Messina
Coinvolgimento dei Non Residenti proprietari di casa e delle Associazioni nelle scelte amministrative del Paese.
Collocazione di un Dissalatore.
Rendere operativa una navetta (barca), che dal Borgo Marinaro di Rinella colleghi il Borgo di Lingua, ed il paese di Santa Marina anche nelle ore notturne a cadenza oraria

martedì 19 maggio 2009

Messa in sicurezza dei porti di Marina Corta e Sottomonastero. Due avvisi di garanzia nel contesto dei ritrovamenti archeologici

Due avvisi di garanzia sono stati emessi dalla Procura della Repubblica di Barcellona nel contesto delle indagini avviate subito dopo il ritrovamento nell'area sottomarina di Sottomonastero, a seguito di dragaggio dei fondali, dei plinti di base appartenenti ad una struttura risalente al I-II° secolo dopo Cristo posizionata, presumibilmente, all'ingresso del porto romano di Lipari. Destinatari degli avvisi di garanzia sarebbero il titolare della ditta appaltatrice dei lavori di messa in sicurezza del porto di Sottomonastero e Marina Corta a Lipari(la Scuttari di Chioggia) e il responsabile del pontone che effettuò i lavori di dragaggio e di trasferimento della sabbia prelevata a Sottomonastero nei cassoni modulari posizionati a Marina Corta. Come si ricorderà il 30 maggio 2008, a seguito di segnalazione di un cittadino a bordo del pontone “San Luca”, vennero ritrovati i tre plinti di base “estratti” da quella che poi si rivelò l'area archeologica di Sottomonastero e, contestualmente, venne accertato che uno dei cassoni modulari, funzionali al prolungamento e alla messa in sicurezza del molo di Marina Corta, era stato riempito con sabbia proveniente dal sito archeologico. Situazione quest'ultima che portò il 7 giugno del 2008 la Procura della Reppublica a disporre, attraverso i carabinieri di Lipari, il sequestro non solo del manufatto “incriminato” ma anche degli altri due (successivamente dissequestrati). Il sequestro del primo cassone, quello più vicino alla vecchia struttura portuale e dove si presume possano esere finiti dei reperti insieme alla sabbia, di fatto blocca il proseguimento dei lavori. A tal proposito, però, si deve registrare una sostanziale ed importante novità. Dalla Procura è arrivato il via libera al dissequestro che avverrà lunedì prossimo, previo svuotamento del cassone. L'operazione sarà effettuata sotto la supervisione sia dell'ing. Giuseppe D'Andrea, perito nominato dal dottor Domenico Musto della Procura, e di un componente della Sovrintendenza del mare. A quel punto i lavori potranno riprendere mentre il materiale prelevato dal cassone sarà esaminato per verificare la presenza di reperti.

Distretto socio sanitario 25 delle Eolie. Prima conferenza

COMUNICATO STAMPA
Il Distretto socio-sanitario 25 delle Isole Eolie, che comprende i Comuni di Lipari (capofila), Santa Marina Salina, Malfa e Leni, ha indetto per giorno 25 maggio 2009 la I conferenza dei servizi relativa alla seconda triennalità dei Piani di Zona di cui alla Legge quadro n. 328/2000. La conferenza si terrà presso la Sala Consiliare del Comune di Lipari – via Falcone e Borsellino – alle ore 11,30.
In sede di conferenza verrà presentato il Programma Regionale delle Politiche Sociali e Sanitarie 2010-2012, il nuovo percorso di programmazione del PDZ (piano di zona) e la definizione del calendario dei lavori. Sarà quindi sinteticamente esposto il lavoro fin qui svolto dal distretto con i fondi nazionali per le politiche sociali assegnati per il triennio 2001-2003 e con quelli del riequilibrio temporale relativi al triennio 2004-2006. La conferenza dei servizi è aperta a tutti i cittadini, agli operatori dei servizi sociali, alle rappresentanze sociali e sindacali, alle scuole, alle parrocchie, agli enti assistenziali, alle associazioni, alle cooperative sociali ed al volontariato.
Presenzieranno all'incontro Il Presidente del Comitato dei Sindaci, il referente dell’Ufficio Piano Regionale, dottoressa Bellomo ed il Facilitatore Territoriale dottoressa Nacci. E' evidente l'intenzione di affermare l'idea di welfare di comunità e benessere dei cittadini, basati su processi decisionali, programmatori ed attuativi di servizi ed interventi sociali, dove ogni processo deve essere fortemente partecipato da parte delle organizzazioni della società civile, dal terzo settore e dagli stessi soggetti che esprimono esigenze di sostegno e cura.

Di seguito il calendario degli incontri dei Tavoli Tematici che verranno formalizzati nel corso della Conferenza dei Servizi :
Area Minori e Famiglia 26.05.09 ore 9,00
Area Giovani e Dipendenze 26.05.09 ore 16,00
Area Anziani e Disabilità 27.05.09 ore 9,00
Area povertà e Immigrati 27.05.09 ore 12,00
L'assessorato Regionale alla Famiglia ha fissato al 30 giugno 2009 la scadenza per la stipula dell’accordo di programma per l’approvazione del Piano di Zona del triennio 2010-2012.
Per il Distretto socio-sanitario 25 Isole Eolie è stato stanziato un finanziamento pari ad € 1.164.057 per l’intero triennio.Lipari, 19 maggio 2009
Il Presidente del Comitato dei Sindaci

Portualità: Il punto di Finocchiaro. Marina Corta verso il dissequestro

Si è tenuta oggi al comune di Lipari una riunione per quanto riguarda i lavori di messa in sicurezza del porto di Filicudi. L'occasione è stata propizia per fare il punto sui lavori portuali con il dottor Lelio Finocchiaro, delegato del sindaco Bruno per la portualità. Una delle novità emerse nell'intervista è che si va verso il dissequestro del cassone del prolungamento e della messa in sicurezza del porto di Marina Corta. Per la precisione di quello più vicino alla vecchia struttura e che è stato riempito con sabbia proveniente dall'area sottomarina di Sottomonastero rivelatisi di notevole importanza archeologica. L'intervista:

PESCA: MAXI SEQUESTRO IN CALABRIA E SICILIA CONTRO USO SPADARE

(AGENZIA ASCA) Si e' conclusa alle prime luci dell'alba la maxi operazione condotta dagli uomini della Guardia Costiera nell'ambito del contrasto della pesca illegale con attrezzi non consentiti, reti conosciute anche come spadare. Preceduta da un'intensa attivita' investigativa - attuata anche tramite ricognizioni aeree - l'operazione si e' svolta nel tratto di mare compreso tra la costa tirrenica della Calabria e le Isole Eolie. I mezzi della Guardia costiera, un pattugliatore d'altura, tre motovedette provenienti da Palermo e Catania e due aerei Piaggio, coordinati dalla Centrale Operativa del Comando Generale e dalla Sala operativa della Capitanerie di Porto di Palermo hanno controllato, nel corso della notte, 15 pescherecci, dei quali 5 intenti a pescare illegalmente e con reti non consentite. I 70 uomini della Guardia costiera coinvolti nell'importante operazione hanno sequestrato 20 chilometri di reti derivanti e 1700 kg di tonno rosso pescato senza autorizzazione; elevate sanzioni amministrative per 16 mila euro. Dalla fine d'aprile ad oggi, solo per quanto riguarda il contrasto alla pesca con attrezzi non consentiti, 13 sono le barche da pesca fermate, 45 i chilometri di reti illegali sequestrati e oltre 40 mila euro le sanzioni amministrative contestate.

Edificio scolastico a Panarea. Conferenza dei servizi oggi a Lipari

Si è tenuta oggi nell'ufficio del sindaco Mariano Bruno la conferenza dei servizi per mettere in essere le procedure necessarie per la realizzazione di un edificio scolastico a Panarea. Edificio per il quale- come ha ricordato recentemente il consigliere Rosaria Corda- sono da tempo instituite le relativa somme a bilancio.
La conferenza di oggi è stata preceduta da un incontro chiarificatore con gli abitanti dell’isola tenutosi a Panarea venerdì scorso. Alla conferenza, oltre al sindaco Bruno, hanno preso parte l'assessore ai Lavori pubblici Giannò, l'assessore alla P.I. Ferlazzo, i rappresentanti della Circoscrizione, il progettista, i tecnici comunali e i consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, Corda e Biviano
Nel video: Un breve stralcio della conferenza odierna

La botte molto piena e la moglie ubriaca... Ovvero le "restrizioni" nella musica live e il "salasso" del suolo pubblico. Lo Cascio interroga

Al Signor Sindaco del Comune di Lipari e p.c. al Presidente del Consiglio Comunale di Lipari è indirizzata l'interrogazione del consigliere comunale Pietro Lo Cascio avente per oggetto: interrogazione consiliare su limiti dell’orario della musica dal vivo nei locali pubblici.
Gentile Signor Sindaco,
nei giorni scorsi ho avuto modo di apprendere la notizia del rilascio di autorizzazioni per “concertini musicali dal vivo e/o con l’ausilio di strumentazione meccanica”, preventivamente richieste all’Ente da alcuni titolari di bar e locali pubblici del centro storico di Lipari; tali autorizzazioni, riferite al periodo compreso tra 01/05 e 20/09 dell’anno in corso, consentirebbero la musica dal vivo nella fascia oraria che va dalle 19.00 alle 24.00.
Pur comprendendo come, a monte di questa vicenda, vi siano state e vi siano tuttora numerose polemiche, connesse alle giuste lamentele dei residenti per gli abusi che possono essere stati commessi in passato, mi chiedo e Le chiedo se sia questa la strada che si intende percorrere per trovare una soluzione equa e, soprattutto, in grado di fornire una risposta concreta alla realtà dei fatti e alle esigenze delle parti.
Come capo dell’amministrazione, e dunque come profondo conoscitore del contesto che Lei amministra, non Le sfuggirà certamente il carattere eterogeneo del target turistico grazie al quale questa comunità vive e, si spera, prospera. Un turismo “tranquillo”, che frequenta l’isola nei mesi che vanno da marzo-aprile a luglio e da settembre a novembre, certamente poco propenso ai ritmi della Lipari by night; la stessa cosa non può dirsi invece per i fine-settimana e, soprattutto, per il mese di agosto, quando l’isola si popola di moltissimi visitatori di giovane età, attratti dalle caratteristiche più reclamizzate del “prodotto Eolie”, che sono il mare e gli usuali “divertimenti” abbinati al turismo balneare (basti citare, per tutti, i contenuti delle edizioni annuali di “Estateolie”). Questi giovani, generalmente, escono alla ricerca di intrattenimento intorno alle 24.00, ora nella quale la musica dal vivo da Lei autorizzata dovrebbe cessare. La sensazione che si ricava, dunque, è che l’autorizzazione voglia mettere insieme – come il classico detto – una botte piena e una moglie ubriaca.
Devo rilevare però che, se corrispondenti al vero, le insistenti voci di un imminente aumento del “canone” sul suolo pubblico trasformerebbero la versione anzidetta in una botte molto piena e una moglie ubriaca, ma di alcool distillato clandestinamente e a poco prezzo. In un momento di crisi della quale gli esercizi commerciali risentono in maniera particolare, andare infatti a penalizzare l’opportunità di un mese a “pieno regime”, come quello di agosto, appare davvero una scelta improvvida, ma diviene addirittura vessatoria considerando la stangata che li attende.
La mia opinione, se può interessarLe, è che la questione andrebbe affrontata in maniera elastica, prevedendo la possibilità di mantenere gli orari consueti (che l’anno scorso consentivano la musica fino alle 2.00) per i fine settimana e per il mese di agosto, e garantendo invece una maggiore tranquillità al di fuori di tali periodi; inoltre, esistono precise normative in materia di volume del suono (DD.P.C.M. del 01/03/91, del 14/11/97 e del 16/04/99, legge n. 447 del 26/10/95) che in altri Comuni vengono fatte osservare dalle rispettive polizie municipali e mediante normali impianti di rilevamento acustico, il cui utilizzo regolare può offrire una sufficiente garanzia del rispetto delle leggi vigenti ai cittadini residenti. Tuttavia, comprendendo come il Suo provvedimento tenga conto delle indicazioni derivanti dalla nota commissariale categ. 10.B/09 del 18/03/09,
La interrogo per conoscere
se intende procedere presso la Questura di competenza per richiedere un trattamento della materia che sia oggettivamente rispondente alle esigenze di un Comune che vive di turismo, e specificamente di tale tipo di turismo;
quando eventualmente intenderebbe farlo, considerando siamo ormai entrati nel pieno regime della stagione turistica dell’anno in corso;
se e quando intende promuovere un incontro con le parti interessate, allo scopo di concordare possibili, concrete soluzioni al problema in oggetto.
Certo di un Suo cortese riscontro, La ringrazio anticipatamente e Le porgo distinti saluti.
Pietro Lo Cascio
consigliere comunale di Sinistra Democratica

Unità operative di Protezione civile nel comune di Lipari, a Vulcano in particolare. L'iniziativa del consigliere provinciale Branca

Comunicato stampa
Richiesta l’attivazione di unità operative della Protezione Civile nel Comune di Lipari, isola di Vulcano, da parte del consigliere provinciale, Massimiliano Branca, attraverso la presentazione di una mozione.
Il consigliere premettendo che il patrimonio forestale costituisce un'immensa ricchezza per l'ambiente e l'economia, per l'equilibrio del territorio, per la conservazione della biodiversità e del paesaggio; che, ogni anno, tuttavia, si assiste all'incendio di migliaia di ettari di bosco, molto spesso dovuto a cause dolose, legate alla speculazione edilizia, o all'incuria e alla disattenzione dell'uomo; le cui conseguenze per l'equilibrio naturale sono gravissime e i tempi per il riassetto dell'ecosistema molto lunghi; che tali episodi, negli scorsi anni, sono stati registrati anche nel Comune di Lipari, in particolare nell’Isola di Vulcano, causando la distruzione di buona parte della flora presente, che di tali paradisi naturali costituisce la vera ricchezza; che, nei casi verificatisi, i danni sono, anche, da attribuirsi alle condizioni insufficienti delle strutture di pronto intervento, soprattutto nel periodo estivo; che nonostante l’approssimarsi del caldo tipico delle nostre aree non si è ancora provveduto ad un’accurata pulizia dei terreni da sterpaglie e quant’altro possa aggravare, se non causare lo svilupparsi di eventi del genere; che nella stagione estiva, numerose sono le presenze per cui necessita garantire l’incolumità delle persone così come la salvaguardia della vegetazione dell’isola, pertanto chiede Al Presidente del Consiglio Provinciale ed all’Assessore di competenza di provvedere al più presto disponendo la presenza in loco della protezione civile, con mezzi e operatori addetti al controllo ed alla prevenzione, utilizzando come area di ricovero per gli stessi un sito di proprietà della Provincia che è stato già individuato e considerato consono allo scopo.

Ex Pumex: "Eppur si muove qualcosa...per la mobilità". Resta la delusione

Dopo il comunicato diffuso ieri dalla Cisl, a proposito del proseguimento della mobilità per i tre ex operai Pumex, quest'oggi si aggiunge un ulteriore tassello. Ai tre lavoratori, via fax, è giunta la nota della documentazione che bisogna inviare entro venerdì. Un "respiro di sollievo" per i tre anche se resta l'amarezza e la delusione per essere rimasti, sino ad oggi, senza un "lavoro concreto". L'intervista a Gaetano Saltalamacchia, uno dei tre ex operai Pumex per il quale è in arrivo la proroga della mobilità

Pallavolo: Meligunis-Avis Lipari. Vittoria a tavolino che potrebbe valere la serie D

L’AvisLipari, domenica, ha vinto a “tavolino” contro la prima in classfica A.S. Zanclon. La squadra messinese ha rinunciato alla trasferta per motivi organizativi riguardanti la loro società.
Nessuna fatica quindi per i giovani padroni di casa, che hanno così ottenuto una vittoria che potrebbe significare la promozione in serie D.
Al Nicola Biviano, il pomeriggio di domenica è stato comunque all’insegna dello sport: si sono ritrovati in campo una squadra formata dalle vecchie glorie della pallavolo eoliana contro le giovani leve che tanto bene hanno fatto in questa stagione. Quest’ultimi si sono imposti per 3 set a 1, ma è stato comunque bello rivedere in campo, elementi come: Massimo Biviano, Salvatore Naso, Luciano Mollica, Sergio Natoli, Peppuccio Persiani e Fulvio Caruso.
Un piccolo tuffo nel passato, quando la pallavolo maschile era ad alti livelli e quando il Nicola Biviano (all’aperto) era gremito di gente.
La stagione pallovolistica è giunta dunque al termine! Soltanto l’atleta Mariangela Barca continuerà gli allenamenti in quanto impegnata, come “libero”, nella Rappresentativa Provinciale.
Si è anche in attesa di sapere le sorti della squadra femminile, AmaroEolie, se rimmarrà in serie D o se verrà retrocessa in prima divisione.
Il Club Meligunis ringrazia tutti i sostenitori e gli sponsor e da appuntamento a settembre!

Controlli in corso. Verificatori europei su unità della Guardia Costiera in azione nelle Eolie. Sequestrate ferrettare

“Verificatori” in azione nelle acque antistanti le Isole Eolie. Tre pattugliatori o vedette d'altura (nella foto a sinistra, uno dei pattugliatori durante l'ormeggio di stamani a Pignataro), delle Direzioni marittime di Catania e Palermo e alcuni commissari europei hanno effettuato nella notte una serie di controlli. Presunte irregolarità (nella quantità della rete) sono state contestate a due imbarcazioni eoliane: una di Lipari e una di Salina. Le due imbarcazioni sono state fatte entrare nel porto di Pignataro a Lipari per procedere a quelli che sono in questi casi gli adempimenti di legge, ovvero la piombatura e il sequestro della rete da pesca "ferrettara" . I pescatori, e non solo quelli fermati, contestano quanto sta accadendo e sostengono che la rete detenuta a bordo è quella verificata ed autorizzata dalla Guardia Costiera di Lipari. Vi sarebbero anche delle foto che permetterebbero di constatare quello che sostengono i pescatori: cioè subire un torto. Un breve video realizzato stamani a Pignataro:

Judo: Sotto tono gli atleti dello Sporting club judo

Le trasferte degli atleti dello Sporting Club Judo Lipari non hanno dato i risultati previsti.
Per quanto riguarda la qualificazione Under 23, che si è disputata a Catania- Acicastello, l’atleta Mattia Pongolini ha perso al primo incontro e non è stato più recuperato. L'atleta non ha dato il meglio di se perché ha preso alla leggera il “ calo peso “ e ne ha pagato le conseguenze. Anche se si è “giocato” la qualificazione speriamo almeno che questo gli serva da monito per il futuro.
Per quanto riguarda Alessio Pellegrino, atleta che da poco ha ripreso l’attività di judo, ha rinunciato alla competizione.
Al Trofeo “ Genova-Città di Colombo” l’atleta Cassandra Finocchiaro anche avendo disputato una buona gara non ha fatto podio. La sua gara è stata buona ma qualche piccolo ingenuo errore le è costato caro.

"Quando la memoria è corta". Saverio Merlino (PD) sulla nomina degli scrutatori

Riceviamo dal segretario del PD di Lipari Saverio Merlino e pubblichiamo
Quando la memoria è corta!
A proposito di scrutatori........Scrivevo così il 22 marzo 2008 (pubblicato anche sul tuo giornale).
Oggi sull'argomento non vale la pena aggiungere altro.
Purtroppo, dopo un anno, con i noti problemi sempre allo stesso punto, nessuno, ancora una volta, ci ha pensato.
Saverio Merlino
LA LETTERA DI MERLINO DEL 22 APRILE 2008

AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI LIPARI
E . p.c. ALLA COMMISSIONE ELETTORALE DEL COMUNE DI LIPARI
Egregio Signor Sindaco,
Ho appreso che la Commissione Elettorale del Comune di Lipari ha nominato gli scrutatori in vista delle prossime elezioni del 13 e 14 aprile.
Che la suddetta Commissione ha deciso direttamente e con discrezionalità, sembrerebbe in applicazione di una Circolare Ministeriale, l'assegnazione degli scrutatori ai seggi elettorali del comune per le elezioni politiche e regionali nominandoli solo tra coloro inseriti nell'apposito albo.
Con la presente desideravo sapere se nell’apposito albo vi erano inseriti lavoratori e impiegati della Pumex, in atto in mobilità.
In caso affermativo desideravo conoscere come mai la Commissione elettorale, avendone la discrezionalità, non ha ritenuto opportuno, viste le note vicende, riservare nelle assegnazioni una priorità a quest’ultimi.
La presente, senza nessuna polemica, ma solo per conoscere i criteri di nomina e ricordare che esiste per questi lavoratori un problema sociale ancora non risolto e, a me pare, finora lontano da idonee soluzioni.
La ringrazio e, in attesa di cortese riscontro, colgo l’occasione per porgere gli auguri di Buona Pasqua.
Lipari, 22 Marzo 2008
Saverio Merlino
Vice Segretario PD di Lipari

Lipari. Ex Pumex. Responsabilità diffuse e ripartite. Ma c'è chi bara! Lettera Aperta degli Ex Pumex

Lettera aperta alla redazione e ai lettori degli Ex Pumex di Lipari
Abbiamo assistito, attoniti, al gioco del rimpiattino tra l'amministrazione comunale di Lipari e le organizzazioni sindacali di categoria.
ABBIAMO IL DIRITTO DI SAPERE E DI ESSERE EDOTTI SULLO STATO DEI FATTI E DELLE RISPETTIVE RESPONSABILITA'.
Da ieri tre operai che avevano un lavoro certo, che per motivi non dipendenti dalla loro volonta' hanno perso, oggi non hanno piu' la possibilita' di dare sostegno economico alle loro famiglie. Pertanto sono a casa senza alcun reddito e senza potere contare neanche su un qualsiasi sostentamento di solidarieta'.
A questo punto al di la' delle "CORDATE" dell'Amministrazione, delle risposte delle OO.SS., che hanno responsabilita' ben piu'ampie di quanto specificato nelle note pubblicate (faremo un promemoria ad acta sull'intera questione quanto prima),
VOGLIAMO ASSOLUTAMENTE SAPERE CHI PAGA L'IMMOBILISMO DELLA POLITICA NAZIONALE, REGIONALE E COMUNALE.
Sappiamo benissimo che:
- il Sindaco attraveso la propria porta voce dice che il tutto non puo' essere addebitato alla sua "politica" e/o alla sua amministrazione;
- le OO. SS. hanno fatto tutto quanto possibile ed immaginabile per potere garantire un futuro a tutti i lavoratori dell'ex comparto della pomice;
- il presidente della Regione ha il tempo per litigare con tutta la sua "Maggioranza" non solo in giunta ma anche all'Assemblea Regionale, ma non quello di affrontare la problematica in oggetto.
Ma tutti quanto sopra menzionati vogliono dare risposte concrete a chi le attende da oltre un anno?
Carissimi Lettori volete vedere che la colpa di tutto cio' e' da addebitare ai sottoelencati signori:
- Sig. Raffaele Michel - Consigliere delegato del Presidente della Regione Siciliana;
- Sig. Mandarano Alessandro - Consigliere Unico del Sindaco di Lipari;
- Sig. Saltalamacchia Gaetano - Consigliere Delegato dal Papa per i Rapporti con l'Onnipotente.
Se oggi tre persone sono a casa tutti vogliono sapere di chi sono le responsabilita'.
Noi ex lavoratori della pomice ci impegneremo, anche tramite questo sito, per avere risposte dai consiglieri del Presidente della Regione signor R. M. dal consigliere del Sindaco del Comune di Lipari signor M. A. e cercheremo di metterci in contatto con l'onnipotente affinche' il signor S. G. possa darci lumi sullo stato dell'arte.
Ma dall'altra parte attendiamo e pretendiamo risposte scritte, serie ed inoppugnabili da chi ha responsabilita' poltico amministrative sull'effettivo stato delle cose.
Chiariamo sin da adesso che' abbiamo tutte le intenzioni di "inchiodare" gli inadempienti affinchè si mettano di fronte alle proprie responsabilità.
Gli ex Pumex

Piano di protezione civile provinciale. Bloccato dal 2004

Il Piano di protezione civile della Provincia, ente per eccellenza di programmazione e di coordinamento, resta un'incompiuta. E ciò nonostante gli stranoti rischi: sismico, vulcanico tsunami(vedi quanto accaduto a Stromboli e Ginostra) e idrogeologico, che caratterizzano larga parte del territorio. A lanciare quest'allarme, sempre valido, è adesso il consigliere del PD, Pippo Rao. «Il 5 novembre del 2004 - ricorda – l'allora presidente Leonardi individuò la società Ast Sistemi Spa per l'affidamento di compiti di collaborazione e consulenza tecnico-scientifica per la redazione del Piano e la gestione delle attività connesse. Il tutto per un importo complessivo annuo di 100.000 euro. E il 10 novembre fu approvato lo schema di convenzione annuale per l'affidamento all'Ast Sistemi». E tale incarico venne poi integrato (stavolta con copertura di 70.000 euro) il 30 dicembre 2005 in modo da definire nel Piano 4 aree provinciali definite "Zone d'ammassamento": «alla stessa società – prosegue Rao – si affidava, infatti, la "meta-progettazione" per l'organizzazione e l'allestimento delle aree polivalenti attrezzate che, d'intesa con i Comuni interessati, possono anche essere utilizzate per scopi diversi». L'esponente del Pd, fa quindi un salto a tempi più recenti, al Peg 2008, al cui interno risultano ancora 100.000 euro «per interventi per acquisizioni finalizzate ad attrezzare le aree polivalenti di Protezione civile». Da qui l'interrogazione, rivolta al presidente Ricevuto, si collega al nuovo dibattito sul tema della protezione civile messinese, dopo il devastante terremoto dell'Abruzzo: «Il Consiglio provinciale ha approvato una mozione con cui ha dato l'indirizzo politico di potenziare la Protezione civile della Provincia, creando i presupposti di quel sistema coordinato e integrato che serve per fronteggiare i rischi». Via agli interrogativi: «Visto che il Comune ha approvato il proprio Piano lo scorso dicembre, chiedo al presidente Ricevuto se ritiene che tutti questi anni passati, e ingenti somme spese, non siano sufficienti per dare attuazione alla fase realizzativa della programmazione; se non sia l'ora di attivare le procedure connesse al Piano redatto dall'Ast Sistemi e, in particolare, il momento di rendere esecutivo il necessario Regolamento, sempre che ci faccia la "cortesia" istituzionale di inviarlo al Consiglio provinciale per le debite valutazioni». E Rao va oltre: «Quali sono i veri motivi perché in tutti questi anni non si è provveduto ad attuare il Piano e il Regolamento?»

lunedì 18 maggio 2009

Lipari: Sequestri, sanzioni amministrative, sopraluoghi. Intensa attività del Circomare Lipari

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO LIPARI
COMUNICATO STAMPA DEL 18/05/2009
L’UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI LIPARI, comunica che nei giorni scorsi, a seguito di numerosi controlli in ambito portuale e del demanio marittimo, si e’ proceduto al sequestro ed alla rimozione di diversi verricelli posizionati sugli arenili dell’isola di Lipari ed alla contestazione di circa nr.20 processi verbali per illeciti amministrativi.
Si riferisce che sono stati effettuati sopralluoghi nel porto di Sottomonastero, congiuntamente con dirigenti del Comune di Lipari, finalizzati all’effettuazione di interventi di ripristino nonche’ migliorativi della circolazione portuale.
Questa autorita’ marittima informa altresi’ che le ordinanze che regolano l’accesso ai porti nonche’ le varie attivita’ balneari sono consultabili sul sito http://www.guardiacostiera.it/.

COSTITUITO IL CENTRO COMMERCIALE NATURALE " ISOLA DI LIPARI"

Giorno 15 maggio 2009 si è cosituito a Lipari il Centro Commerciale Naturale "Isola di Lipari", in attuazione al Decreto Assessoriale 9 aprile 2009.
Il Consorzio Centro Commerciale Naturale "Isola di Lipari", rappresenta una opportunità di crescita e di riqualificazione per le imprese che esercitano la loro attività commerciale, di vendita, di somministrazione e di servizi al turismo, nel centro urbano di Lipari e di rilancio del patrimonio storico, artistico, archeologico e culturale esistente in tale zona e in tutta l'isola.
Fra gli obiettivi del Consorzio (C.C.N. - "Isola di Lipari) si evidenziano:
Migliorare il livello di interazione tra le imprese e del senso di appartenenza al territorio; Migliorare la vivibiltà e la qualità del territorio la sisitemazione di un accogliente e qualificante arredo urbano;Valorizzare e rilanciare la ricchezza di esperienze artigianali esistenti; Creare una rete condivisa che assicuri alle imprese tutta l'informazione e l'assistenza necessaria in materia di offerta al turista e all'utente in genere, che sia più completa e soddisfacente possibile, dall'accoglienza all'intrattenimento, passando anche dall'organizzazione di eventi, di appuntamenti culturali di momenti di animazione di promozioni speciali ecc. Tutto ciò per far sentire il turista e qulsivoglia acquirente del C.C.N. un'osptite di riguardo, in quanto facente parte del patrimonio dello stesso C.C.N..
La realizzazione del Centro Commerciale Naturale e dei suoi contenuti è altamente qualificante per le Eolie, che si fregiano di essere Patrimonio dell'Umanità.
L'Assemblea Costituente ha nominato per acclamazione Presidente il Sig. De Salvatore Demetrio.
Per informazioni ed adesioni al C.C.N. "Isola di Lipari" rivolgersi alla sede del Sindacato U.N.S.I.C. di Lipari in via Vittorio Emanuele, 45.

Ginostra e i ginostresi... senza diritti. Dimenticati e abbandonati

Pensavo che Ginostra fosse una delle perle eoliane, meta turistica, tutelata e coccolata dalle istituzioni. Oggi mi rendo conto che così non è .
Dallo scorso novembre nella minuscola frazione dell'isola di Stromboli il pontile delle navi è fuori uso. Incredibilmente non è stato ancora riparato nonostante ci si trovi in piena emergenza vulcanica.
Come potrebbero fuggire dalla furia del vulcano, in caso di emergenza, i ginostresi senza un approdo sicuro e funzionale?
Sempre dallo scorso novembre sono state soppresse diverse corse marittime. Non attracca più la nave Siremar di linea con Napoli. Non attracca più il traghetto della N.G.I. di linea con Milazzo.
Complessivamente sono saltate per Ginostra ben 6 corse alla settimana . Corse che ancora oggi sono finanziate ma che di fatto sono state soppresse. Dopo la mareggiata dello scorso Novembre nessuno si è degnato di venire a togliere i detriti presenti lungo la costa di Ginostra ( pezzi di reti e barche, sporcizia e rifiuti di ogni genere).
Per sopravvivere gli abitanti sono costretti a pagare di tasca loro barche e gommoni per la movimentazione di merci e persone nella più totale indifferenza delle istituzioni.
Le strade sono sporche e dissestate, la chiesa cade a pezzi nell'indifferenza pure della curia.
I Ginostresi hanno perso anche il diritto di voto (il seggio è stato soppresso) .
Alla comunità è stato negato pure l'invio di un elicottero con i viveri durante un lungo periodo di isolamento invernale.
Ginostra non esiste per l'Italia. Tutte le istituzioni sono latitanti.
Dove sta il Comune di Lipari? Dove sta la Prefettura? Dove sta La Regione?
Sembra di trovarsi davanti a degli struzzi che nascondono la testa sotto terra per non vedere, per non sentire e per non agire.
Siamo in piena stagione turistica . In questo modo si uccide l'economia della frazione e si regala un'immagine pessima delle Eolie ai turisti.
Tra qualche giorno qualche struzzo si prenderà di coraggio tirerà fuori la testa e chiederà alla comunità voti per le consultazioni elettorali. Altri struzzi chiederanno le tasse . Dopo aver avuto il voto e il pagamento dei tributi infileranno nuovamente la testa sotto terra ed il silenzio tornerà ad avvolgere Ginostra nell'attesa che venga cancellata anche dalle carte geografiche.
Gianluca Giuffrè