Cerca nel blog

mercoledì 7 dicembre 2022

Ricerca personale

Hotel 3/4 stelle a Lipari cerca per la prossima stagione le seguenti figure:
- Cameriera ai Piani
- Addetta/o alla Reception con mansioni di Front office e Back office
- Cameriere di Sala
- Aiuto Cuoco
- Tuttofare

Si invitano i candidati a contattare il numero 393 6335849 oppure inviare il proprio curriculum all'indirizzo info@gattopardoparkhotel.it.

A LIPARI... RESIDENCE LA GIARA, IL CONFORT DI UN ALBERGO, LA CONVENIENZA DI UN RESIDENCE 4 STELLE.

Elegante ed esclusivo, il Residence Hotel La Giara, è situato in una zona tranquilla a circa 200 m. dal centro di Lipari, isola madre delle Eolie. Immerso nel verde e a pohi passi dal mare, è sicuramente il luogo ideale per trascorrere un soggiorno piacevole e rilassante.
Costruito nel pieno rispetto dello stile eoliano, dispone di camere dotate di ogni confort che possono ospitare da 2 a 4 persone. Ciascuna camera è dotata di ingresso proprio, di patio o balcone, TV, aria condizionata, cassaforte, servizi in camera, telefono. Il trattamento offerto è di tipo alberghiero e comprende pulizia giornaliera, biancheria da letto e da bagno e prima colazione, offerta nell’accogliente terrazza della hall. La vicinanza al centro e al porto,raggiungibili a piedi attraverso un caratteristico vicolo, rende agevoli gli spostamenti, senza dover ricorrere all’utilizzo dei propri mezzi che possono sostare gratuitamente nell’ampio parcheggio della struttura.
IL RESIDENCE DISPONE DI WI-FI GRATUITO IN TUTTA LA STRUTTURA.
Per ulteriori informazioni e una visita virtuale della struttura www.residencelagiara.com

Lipari: Sindaco, giunta e presidente consiglio comunale devolvono indennità di funzione per finalità di rilievo pubblico

Il sindaco di Lipari, Riccardo Gullo, il vice sindaco Saverio Merlino (foto a sx), gli assessori Lucy Iacono, Cristina Roccella, Gianni Iacolino, Salvatore Puglisi e il presidente del consiglio comunale Nuccio Russo, hanno deciso di devolvere le proprie indennità di funzione per finalità di rilievo pubblico. 

Gullo e la sua giunta, infatti, hanno deciso di devolvere le proprie indennità, relative al periodo giugno – settembre 2022 (circa 20.000 euro netti)  alla realizzazione di interventi di manutenzione dell’immobile denominato “Saletta delle lettere”

Il presidente del consiglio comunale, Nuccio Russo (foto a sx), ha deciso di devolvere la propria indennità di funzione, relativa al periodo giugno – dicembre 2022 (circa 7.500 euro netti), per interventi di modernizzazione, tecnologica ed impiantistica dell’aula consiliare e del sistema di audio – video registrazione, riproduzione e collegamento online. 

Russo, così come il sindaco Gullo, il vice sindaco Merlino, gli assessori Iacono, Iacolino, Roccella e Puglisi hanno anche deciso di "congelare" il previsto aumento (per legge) delle loro indennità.

Flusso lavico in mare e cenere sull'isola. L'articolo del nostro direttore Salvatore Sarpi sulla Gazzetta del sud del 7 dicembre 2022

L'articolo si ingrandisce cliccandoci sopra

 

Nuovi arrivi nel settore Acquariologia alla "Casa dell'orto" di Canneto: Potrebbe essere un "colorato" regalo natalizio




La "CASA DELL'ORTO" di Zaia Luana Gaetana, via Marina Garibaldi (Canneto). Telefoni 3331061296 - 3317637715

Piccoli della Ludica Lipari in trasferta oggi a Torregrotta (2 foto)

 

Risultato finale degli otto tempi disputati: 3 vittorie, 1 pareggio,  4 sconfitte

LA CORTA MEMORIA (la sconfitta mai digerita, l'arroganza nel non sentirsi nessuno, la prepotenza di essere). Riflessione di Bartolino Ferlazzo

Un grandissimo drammaturgo e politico francese, Victor Hugo in un suo brillantissimo intervento, contro l'ostracismo, il divieto assoluto e la chiusura totale, verso ogni qualsivoglia forma di dialogo, dunque democrazia, disse < … non c'è peggior dipendenza che il passato … >, e quanto mai sono attuali quelle parole quanto mai sono adattabili ai comportamenti di oggi; valutando quello che si va leggendo relativamente a scelte, dichiarazioni e prese di posizioni, per dare voce e comportamento solo ed esclusivamente alla rottura totale, allo scontro senza feriti, all'essere contrario a prescindere, all’arroganza di essere egli altri nessuno.-

Ma questo da cosa deriva e, negarlo significa essere fuori dalla realtà oppure essere veramente consapevoli di far parte di una certa composizione di buon temponi, di compari di ex merende, dediti al ricordo di quello che è stato, di quello che < ho fatto > di quell'ego centrismo smisurato che adesso risulta, frustrato nel non poterlo mettere in atto, si vomita su tutto e su tutti.-

Qualche tempo addietro ho letto e sentito, anche se molto lontano fisicamente, di qualche <ego> che avrebbe avuto una parola ed una soluzione per ogni cosa; com'è andata lo sanno tutti, qualcuno è stato illuso cadendo nella trappola di essere oggi da solo, senza matrice identificabile e, senza appoggi politici su cui poter fare affidamento.-

Leggere certi argomenti, portarli per pura conoscenza, ma nello stesso tempo segnalandoli, è come nascondersi dietro un dito, arrampicarsi sugli specchi per trovare, se esistente, una valida giustificazione; fare politica a favore o contro anche sapendo di sbagliare, anche sapendo di prendere in giro certamente qualificano per un qualcosa di poco affidabile, mutevole specialmente se in andropausa; bisogna accettare la realtà, bisogna accettare che in molti non hanno creduto a quanto si andava a prospettare, fortunatamente non tutti la pensano allo stesso modo, discorso valido anche per tutti coloro che sono stati creduti nelle loro argomentazioni.-

E' cambiato qualcosa ? Vi sono nuove prospettive ? C'è un modo di affrontare le cose diversamente, con approcci dissimili dai precedenti ?

Certamente non è tutto oro quello che luce, non tutto porta verso un navigare in acque tranquille, ci sono indolenze ataviche, ci sono retaggi che ogni amministrazione, che si è succeduta negli anni, ha portato a giustificazione; personalmente credo fermamente che la verità sta a metà strada, una negatività ereditata ed una giustificazione a coprire forse quanto non si potrà andare a mettere in atto; di chi la colpa ? Di chi ancora una volta ha cercato di prendere in giro i liparoti.-

Certamente, non si può negare, in questi ultimi venticinque anni, al non plus ultra del malaffare, delle menzogne, degli affari poco chiari, delle alleanze incestuose e del favoritismo becero a cui si doveva mettere un freno; chi adesso è un <no> a prescindere doveva pensarci prima, doveva additare gli stessi <amici> come un malessere politico da combattere, da isolare, non  da prendere ad esempio, invece...!!!

Si sa per certo, che non tutto è farina del proprio sacco, ma di quanti adesso a malincuore debbono assistere quali spettatoti non paganti, a tutto ciò che in precedenza hanno giornalmente messo da parte o affrontato con superficialità o affrontato male o non affrontato per niente; questi personaggi hanno voluto insistere, hanno voluto per forza di cose affrontare, programmare (si fa per dire) e mettere in atto delle soluzioni che non hanno fatto altro che mettere in posizione precaria quanto, invece, andava affrontato con serietà, onestà intellettuale e con quel senso di appartenenza puramente eoliano in parole povere, moltissime volte il far male è peggio di non fare nulla.-

Una mano a tanto malessere l’ha anche data una società in  continuo cambiamento (negativo per intenderci) che non ha mai messo davanti alle proprie responsabilità chi poteva e doveva garantire un domani, non diciamo roseo, ma quanto meno sereno, un domani dove la precarietà a tutti i livelli doveva trovare giusti risultati nei modi, nei fatti, nelle regole e nelle decisioni, che dovevano risolverla, e che ha interessato il comune eoliano; buona parte di questo malessere, portato avanti da gente che,loro malgrado, grida adesso  - al fatto e mai al non realizzato –  ma è anche opera dei liparoti stessi, di quelle persone che, forse stanche di tante amarezze, di tante vicissitudini, di tanti drammi, di tanti torti non hanno fatto altro che riporre ancora e per l’ennesima volta, la fiducia in persone che ne avevo tradito le aspettative; non tutti sono della stessa pasta, certamente una noce in un sacco non fa rumore, pertanto chi ha cercato in tutti i modi di destare dall’oblio, dal tedio quotidiano, non è stato ascoltato e, forse anche emarginato dalle stesse persone facenti dello stesso gruppo.-

A partire da circa, un quarto di secolo, a  questa parte dal  vocabolario  eoliano  sono  scomparsi  termini come < lavoro, vivere, educazione, cultura, storia, civiltà e per contro sono invece comparsi termini come disoccupazione, vegetare, male/ineducazione, ignoranza, inciviltà e rinnegamento delle proprie origini, droga, alcol, delinquenza minorile e sono comparsi, anche se bel occulti, personaggi mafiosi o in  odore di mafia, basta leggere alcune sentenze o paragrafi di relazioni delle varie commissioni antimafia nazionali; si deve ammettere non esiste più la famiglia ed i valori che essa ha rappresentato nel tempo in queste isole; perché tutto ciò ? perché la famiglia è il primo ed insostituibile fulcro di una società vera, democratica e sociale, la famiglia è la prima pietra angolare di una vera democrazia, se viene a mancare cade il castello, la famiglia rappresenta il proprio popolo, il proprio paese rappresenta l’- essere – essenziale di una collettività che trova con altre entità la forma base del proprio vivere civile ed onesto.-

Il modo di porgersi, il modo di combattere socialmente, politicamente, umanamente non deve essere incentrato allo scontro personale, non può e non deve essere portato a bandiera del – prescindere – non può e non deve influire su quelli che sono i rapporti di forza tra forze politiche democratiche, non è assolutamente vero che da un’ opposizione non possa venire niente di buono, non è vero che un’opposizione  non è propositiva, non è vero che un’opposizione è tale solo perché lo è dal punto di vista numerico; l’opposizione serve anzi è essenziale in un vero dibattito politico-amministrativo, è essenziale nel modo di vedere le cose in forma diversa, è essenziale per garantire la democrazia, ma ad un patto che non si trasformi in becero attacco personale, che non si trasformi in un modello di contrasto senza costrutto, che non si trasformi in un inutile quanto sterile faccia a faccia, che non si trasformi in prese di posizioni che  nulla hanno a che vedere con i problemi del paese, che non si trasformi in una forma di personale astio che potrebbe sfociare in conseguenze gravissime per il paese.

Dall’altra parte, è necessario scendere non a patti, ma a ragionamenti che possano coinvolgere veramente tutti, che vi sia un’ampia veduta dei problemi e che le soluzioni da adottare non siano il frutto di un’entità numerica che ti da ragione, bisogna lavorare insieme, con tutti i distinguo del caso, senza mai far pesare un dato  politico-amministrativo che ti è stato concesso, non bisogna adottare l’arma dell’ascoltare e non mettere in atto, essere un sindaco di tutti, significa essere veramente il rappresentante di tutti, specialmente di quelli che non ti hanno votato, che non hanno creduto alle tante promesse fatte, di coloro che conti alla mano, potevano veramente eleggere un candidato diverso, dall’alto di una percentuale che si aggira quasi al 50% e che non si sono riconosciuti in nessuno di quei santini che circolavano per le strade del comune, quelli saranno sempre un grosso problema sia per chi amministra, sia per chi sta all’opposizione, ho letto che < bisogna recuperare l’elettorato non votante > è vero, ma come, con quali argomentazioni, su quali dati di fatto e su quali prospettive future,le domande sono queste, non accusando chi c’è stato o chi ci sta e sia controparte, quell’elettorato non va recuperato con pettegolezzi da comari di cortile, con accuse reciproche che non fanno altro che allontanarlo maggiormente anzi di aggiungere altra percentuale; mai nessuna battaglia è persa, i caduti restano da entrambi le parti e questo deve fare riflettere, non accusare ma che invece rappresenti un punto di partenza dove ci si confronti, che ci si scontri anche ma sempre nel supremo interesse del paese e della sua gente.-

Ciò che eravamo non può stabilire ciò che saremo, eravamo inesperti, non eravamo consapevoli delle nostre potenzialità, non eravamo in grado di stabilire il da farsi per il progresso del nostro paese; non eravamo capaci di fare delle scelte che potessero rappresentare un futuro economico-sociale-morale che facesse di queste isole veramente un punto fermo, non in un itinerario turistico ma come centro indispensabile per la crescita e lo sviluppo.-

Accantonare asti e divergenze di carattere personale è la prima cosa da mettere in atto, ragionare, discutere, valutare e scegliere le soluzioni migliori per un comprensorio che tutto il mondo ci invidia.-

Si chiede troppo desiderando questo ?

Bartolino Ferlazzo

                                           LIPARI SERVICE  di  Salvatore Natoli

Via S. Vincenzo (strada per Unci) Canneto
Via F.  Crispi (Marina Lunga)
tel. 090.8960940 - 347 8236757 - 330 370123 - 333 6589768

Vendita: Imbarcazioni, Motori, Accessori e Ricambi
Ormeggio e noleggio imbarcazioni
Abbigliamento Nautico

Riprendiamoci il Natale. (21° puntata - Anno 2019: Concerto di Natale nella parrocchia di S. Pietro in Lipari )

Natale a Lami: Il programma

Alfa e Omega: Onoranze funebri nelle Eolie

Fiamme Gialle sequestrano motoveliero di lusso a Lipari

I finanzieri della Sezione Operativa Navale di Milazzo, in sinergia con i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Messina, hanno sottoposto, a sequestro preventivo, un motoveliero di lusso, ormeggiato a Lipari, per il quale non erano state assolte le formalità doganali ed i diritti di confine.

L’indagine condotta dalle Fiamme Gialle ha consentito di accertare che il proprietario, un cittadino italiano, aveva introdotto il bene, acquistato in Libano nel 2019, nel territorio dell’Unione senza adempiere alle dovute formalità, conseguendo un risparmio di I.V.A. di oltre 100.000 euro.

L’unità navale, infatti, secondo quanto accertato, dopo la permanenza in Turchia, era stata introdotta nelle acque territoriali nazionali con successivo cambio di bandiera e di destinazione, nel tentativo di eludere la normativa doganale in materia di importazione ed immissione temporanea dei mezzi di trasporto.

L’operazione condotta dalla Sezione Operativa Navale di Milazzo, congiuntamente ai funzionari doganali dell’Ufficio Dogane e Monopoli di Messina, si inserisce nella più ampia attività di vigilanza costiera e controllo economico del territorio assicurata quotidianamente dai reparti del comparto aeronavale del Corpo, impegnati nella salvaguardia degli interessi economico-finanziari nazionali e di quelli dell’Unione Europea.
Fonte: Guardia di Finanza - Reparto Operativo Aeronavale Palermo

Stromboli, rallenta flusso lavico. Si attesta a quota 600

COMUNICATO STROMBOLI 
 L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che in data odierna il personale dell'INGV-OE di Catania ha effettuato un sorvolo aereo sullo Stromboli grazie all'elicottero messo a disposizione dal 2° nucleo della Guardia Costiera. 
I rilievi hanno permesso di avere una visione distinta della terrazza craterica e del campo lavico lungo la Sciara. 
Le immagini termiche non hanno rilevato attività esplosiva nell'area craterica durante il sorvolo, per quanto riguarda il flusso lavico continua ad essere attivo nella parte alta della Sciara del Fuoco, il fronte lavico si attesta ad una quota di circa 600 m sul livello del mare. 
Dal punto di vista sismico, nel corso delle ultime 24 ore l'ampiezza media del tremore vulcanico non ha mostrato variazioni, mantenendosi sempre, fino a tuttora, nell'intervallo dei valori medi. 
Dall'ultimo comunicato emesso, i segnali delle reti di monitoraggio delle deformazioni del suolo (GNSS e tilt), non hanno mostrato variazioni significative.

Ringraziamenti

Lipari: Riparte il 9 dicembre il Cineforum del Magazzino di Mutuo Soccorso

(di Sara Basile per Magazzino di Mutuo Soccorso Eolie)

“La conoscenza è nella nostalgia. Chi non si è perso, non possiede”. È da questa frase di Pier Paolo Pasolini che prende spunto il cineforum invernale promosso dal “Magazzino di Mutuo Soccorso – Eolie” che - giunto al settimo anno - conferma il suo appuntamento con l’inverno isolano.

Con “Storie Ritrovate” ritorniamo con il nostro piccolo schermo, “lì dove il mare luccica”. A Marina Corta, dentro la sagrestia della Chiesetta del Purgatorio, insieme all’Associazione SS. Cosma e Damiano sempre presente a rinnovare la disponibilità dei propri locali, in assenza di altri spazi pubblici.

Ritroveremo memorie fatte di lotte non violente, insieme ad Amico Dolci, alla riscoperta di uno dei personaggi più poliedrici della seconda metà del Novecento italiano, Danilo Dolci; a partire da un piccolo seme, la lenticchia, le registe Costanza La Bruna e Claudia Speciale, ci racconteranno di quella tradizione millenaria conservata nelle mani e nella memoria di anziani contadini sulle piccole isole intorno alla Sicilia.

“Si ha nostalgia di esperienze vissute che nutrivano la nostra anima e si sono inaridite, sono divenute braci, benché non si spengano mai, e si possano misteriosamente riaccendere”.

Vi aspettiamo a partire dal 9 dicembre - ogni martedì e venerdì – alle ore 21:00! L’ingresso è libero!
Per una vacanza di pieno relax a Lipari, in una zona tranquilla e a poche centinaia di metri dal centro storico dell'isola, HOTEL-ALBERGO "VILLA DIANA"
Villa Diana è in Via Edwin Hunziker (ex via Tufo) n°1
98055 LIPARI (ME) - Tel. e Fax: 0909811403 
www.villadiana.com - www.edwinhunziker.it 
email: info@villadiana.com - PEC: villadianalipari@pec.it

Il 12 dicembre interruzione energia elettrica in diverse zone di Lipari centro

Le Eolie nelle stampe d'epoca (155° puntata): Lingua (Salina)


 

Foto - tessera e foto per tutti documenti da "I colori dell'isola" sulla XXIV Maggio a Lipari

Ricordando... Andrea Annibale Gallo


Nella rubrica "Ricordando" sarà pubblicata, in modo casuale, giornalmente, una foto degli Eoliani o amici delle Eolie che non ci sono più. Ovviamente tra quelle presenti nel nostro archivio.
La pubblicazione di foto a vostra richiesta, anche per commemorazioni, ricorrenze ecc., potrà, invece, avvenire previo contributo da erogare ad Eolienews.
Per tale tipo di pubblicazioni contattare il 3395798235 (preferibilmente whatsapp)

Ginostra coperta di cenere

Nella piccola frazione di Ginostra è "emergenza cenere". L' attività dello Stromboli, connessa ai venti che spiravano nella zona hanno trasportato, nella notte, suna notevole quantità di cenere. 
Rispetto ai giorni precedenti, il fenomeno si è intensificato e stamane le strade e le abitazioni si sono risvegliate sotto una densa coltre nera.
Nel borgo i cittadini si sono messi all'opera per ripulire. 
"Bisogna fare presto, prima che piova - sottolinea il ginostrese Gianluca Giuffrè - Dai tetti delle abitazioni raccogliamo l'acqua piovane nelle cisterne. Il rischio è che diventi inservibile, compresa quella già depositata".




Sette dicembre 2021: Le Eolie sulla Gazzetta del sud con un articolo del nostro direttore Salvatore Sarpi sulla Gazzetta del sud del 7 dicembre 2021


 

I ringraziamenti della famiglia di Graziella Mirabito

La famiglia sentitamente ringrazia quanti hanno partecipato in vari modi al dolore per la perdita della cara Graziella. Addolorati per il vuoto che ha lasciato ma consapevoli del grande insegnamento ricevuto, vogliamo ricordarla con le parole di un Santo a lei molto caro, Padre Pio da Pietrelcina, affinché diano a tutti noi conforto e speranza.

"Ogni giorno è un giorno in più per amare, un giorno in più per sognare, un giorno in più per vivere."

Grazie, Luana


Il Pensiero del giorno con Don Bernardino Giordano: Respirare

Auguri di...

Buon Compleanno a Enrico Nulli, Manuela Saltalamacchia, Concetta Russo, Immacolata Saporita, Titti Cannistrà, Umberto Lachina,, Cettina Lopes, Salvatore Cracolici, Bartolo Esposito 


Oggi: Sant'Ambrogio

-
Sant' Ambrogio


Di nobile famiglia romana, nacque a Treviri nelle Gallie ove suo padre era prefetto e a pochi mesi di vita uno sciame di api portò alla sua bocca del miele. Ancora giovane, per la sua grande prudenza ed imparzialità, fu mandato governatore a Milano.

Essendo in quel tempo rimasta vacante quella sede episcopale, vi erano grandi discordie tra cattolici ed ariani per l'elezione del nuovo Vescovo. Ciascuno lo voleva secondo la propria fede, e fu necessario l'intervento del governatore Ambrogio per pacificare gli animi. Ma appena Ambrogio comparve in mezzo alla folla, un bambino si diede a gridare: Ambrogio vescovo, Ambrogio vescovo, e subito dopo di lui, cattolici ed ariani unanimemente vollero l'elezione di Ambrogio.

Essendo egli solamente catecumeno, dovette prima ricevere il battesimo, poi il sacerdozio e finalmente malgrado la sua umile riluttanza, la consacrazione episcopale.

Eletto dunque vescovo, con cuore di padre governò le anime a lui affidate.

Amorevole con tutti, si mostrava nello stesso tempo severo ed intransigente verso i nemici ostinati della Chiesa.

Con la sua straordinaria perspicacia nella scelta dei pastori di anime, diede il colpo di grazia alla setta degli ariani. Questi eretici, riconoscendo Gesù Cristo solo come uomo, negavano recisamente la sua divinità.

Ma se potenti erano gli eretici, più potenti furono i difensori suscitati da Dio per la integrità della fede.

Frutti insperati raccoglieva il Santo coi suoi sermoni : va ricordata in modo speciale la conversione di S. Agostino.

Stando una volta l'imperatore Teodosio nel presbiterio della chiesa, posto riservato unicamente ai sacerdoti, coraggiosamente mandò ad avvertirlo, ma con tale carità, che Teodosio ringraziò il santo vescovo di tale avvertimento.

Allorché lo stesso imperatore osò entrare in chiesa dopo la strage di Tessalonica, Ambrogio glielo impedì, e quando l'imperatore per scusarsi addusse l'esempio del re Davide, il santo Vescovo coraggiosamente rispose : Se avete imitato Davide nel peccato, imitatelo anche nella penitenza.

Finalmente, dopo molte lotte e sacrifici, andò a ricevere la corona delle sue fatiche in cielo, il 4 aprile dell'anno 397.

PRATICA. Facciamo penitenza dei nostri peccati finchè siamo in vita, se non vogliamo farla in Purgatorio.

PREGHIERA. O Signore che nell'elezione e nella vita del vescovo Ambrogio hai dato al tuo popolo un esempio della tua immensa misericordia e provvidenza, fa' che per i meriti di Gesù Cristo un giorno siamo compagni di colui che ora veneriamo in terra.

Oggi è il 7 dicembre. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie


 

Hotel prestigioso a Lipari inizia a selezionare per la stagione 2023  le seguenti figure per inserire nel proprio staff :

- Addetta alle camere piani e  lavanderia 

- Addetto ricevimento e contabilità 

- Cameriere/tuttofare 

- Addetto banco bar e sala 

Telefonare subito per un colloquio al 3356529150

A Canneto: Residence La Villetta


Un sano relax e una stupenda vacanza nella quiete di Canneto, a soli 50 metri dal mare
Residence La Villetta - Via Calandra Coste, 1 - 98052 Canneto Lipari (Isole Eolie) Tel.: 090 9813000/Fax: 090 9880716
Maggiori informazioni e possibilità di visita virtuale alla nostra struttura sul sito www.lavilletta.it

martedì 6 dicembre 2022

Raccolta differenziata rifiuti: Venerdì incontro con i cittadini di Pianoconte e Quattropani

Riceviamo dall'assessore Iacolino e pubblichiamo:
"Avuta la disponibilità delle scuole: venerdì prossimo ore 16,00 a Quattropani ed ore 17,30 a Pianoconte. Incontro sulla raccolta rifiuti"

Stromboli in eruzione e sisma. I due articoli del nostro direttore Salvatore Sarpi sulla Gazzetta del sud del 6 dicembre 2022



Gli articoli diventano leggibili cliccandoci sopra 

Piccoli rossoblù crescono. Buona la prima per il settore giovanile del Lipari IC


Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato

 Le giovanili dell’ASD LIPARI IC vincono in trasferta sul campo della FOLGORE per 2 ad 1. 

Prima trasferta per i nostri piccoli atleti. Prima volta insieme e prima volta a gioire per i colori del Lipari. Giornata emozionante per ragazzi, genitori e dirigenza. Dal punto di vista sportivo si è messo in evidenzia il duro lavoro dei giovani con mister Rigano’ e le ottime basi che si stanno ponendo per il prossimo anno. 

Si ringrazia la società Folgore per l’opportunità data ai nostri ragazzi di confrontarsi in una partita vera. Grazie grazie grazie…

U Marmuraru di Bartolomeo Basile, artigiano in Lipari - Via Francesco Crispi (Marina Lunga)

Lavorazione di marmi, graniti, soglie, scale, rivestimenti in pietra, pulitura bocciardatura, lavori edili e cimiteriali di ogni genere.

Artista della pietra locale con la scultura come hobby.

"La natura crea, io la modello: la mia professione ed esperienza, acquisita negli anni, tramandatami prima dal nonno e, poi, da mio padre, si vede in ogni lavoro che eseguo usando mani, testa, cuore e passione.

Massima puntualità e serietà per soddisfare le vostre esigenze"

Alcuni dei lavori funerari realizzati di recente:



Contatti: 345 4239 640 - mail: bartolobasile74@gmail.com

Onde Sonore è Back for Good. I Beans, Le Portinaie, musical e non solo: gli eventi natalizi di C&T tornano sulle navi in navigazione sullo Stretto per Terra di Gesù Onlus.



COMUNICATO STAMPA
Messina - 6/12/2022 - Ci sono grandi nomi e talenti locali, vecchie glorie e giovani promesse nel programma sapientemente confezionato dal direttore artistico Max Garrubba per l’edizione 2022 di “Onde Sonore”, la kermesse di arte, musica e intrattenimento tradizionalmente organizzata in prossimità delle festività natalizie da Caronte & Tourist per fini benefici e solidaristici. 

Back for good”, cioè “Tornati per far cose buone” è il claim e il mood di questa edizione, l’ottava della serie e la prima post emergenza pandemica che segna - come ha ricordato Tiziano Minuti, capo dell’Area Comunicazione del Gruppo C&T - “un ritorno all’antico, cioè agli spettacoli live sulle navi in navigazione nello Stretto, agli artisti che torneranno ad avere di fronte un pubblico”.

Molta la carne al fuoco, si diceva, a partire dal programma. 

Si partirà il 23 dicembre, con un tuffo in un Mare di Ricordi con i Beans, band catanese che negli anni ’70 ha conquistato il pubblico nazionale con grandi successi come “Soli” – canzone con la quale parteciparono a Sanremo ’78 - e “Come Pioveva”. Per Onde Sonore ripercorreranno proprio quegli anni, nella formazione originale della band.

La musica continuerà poi, il 30 dicembre, con l’accademia On Stage di Paride Acacia e Sarah Lanza, che proporranno le canzoni più iconiche tratte dal celebre musical Jesus Christ Superstar.

Il programma è variegato, si preannunciava, e per la vigilia dell’epifania, il 5 gennaio 2023, tornano Le Portinaie, il famoso gruppo di Drag Queen dello Stretto - ormai affezionato alla kermesse di C&T nell’ambito delle politiche di Diversity and Inclusion del Gruppo - pronto a colorare l’atmosfera delle navi di C&T con Rainbow Boat, uno spettacolo adatto a tutti, fatto di musica e intrattenimento. 

Dopo le tre diverse location dell’anno scorso, quest’anno gli artisti di “Onde Sonore” torneranno finalmente a esibirsi live sulla Elio, in partenza da Messina e Villa San Giovanni a partire dalle 18:30.

Con il grande ritorno di Onde Sonore, tornano anche le apprezzatissime feste per i bambini sulla nave Telepass: domenica 18 dicembre, dalle 10:20 alle 18:20, i piccoli passeggeri e le loro famiglie potranno incontrare Babbo Natale mentre il 6 gennaio, negli stessi orari, la befana volerà proprio sulla nave gialla di C&T; in entrambe le occasioni i personaggi consegneranno dei doni ai giovani partecipanti.

Tutti gli eventi di Onde Sonore saranno finalizzati alla raccolta fondi per la Onlus Terra di Gesù, associazione attivissima sul territorio locale e ben oltre, sino in Africa. Come ogni anno, il provento sarà raddoppiato da C&T.

Per partecipare agli eventi sarà possibile richiedere il biglietto dedicato presso le biglietterie pedonali di Villa San Giovanni e Messina al costo di 5 euro per gli spettacoli di Onde Sonore e di 2,50 euro per le feste bambini. In tutti i casi, i minori di 10 anni potranno accedere gratuitamente. 

Chi viaggerà sulle due navi in servizio sullo Stretto potrà inoltre apprezzare per tutto il periodo delle feste le installazioni natalizie ecosostenibili progettate e realizzate dagli studenti del Liceo Artistico “E. Basile”, il cui prototipo è stato presentato durante la conferenza stampa.

Sponsor etico di “Onde Sonore” sarà come sempre “Posto Occupato”, un posto lasciato vuoto per una donna vittima di femminicidio che avrebbe voluto, potuto e dovuto esserci, per ricordare che la violenza sulle donne è un problema culturale e una responsabilità sociale, che riguarda tutti.

Continua lo sciame sismico nell'area di Vulcano. Oggi altri due eventi

Continua lo sciame sismico nel tratto di mare, antistante l'isola di Vulcano, da dove domenica si è generato il sisma di magnitudo 4.6.

Oggi pomeriggio, alle 14:02, è stata registrata una scossa di magnitudo 1.1, ad una profondità di 8 km.

In mattinata (08:40) un terremoto di magnitudo 2.2 si era verificato ad una profondità di 10 km.

Entrambi non sono stati avvertiti dalla popolazione e sono stati localizzati dalla Sala Operativa INGV - OE (Catania).

Sostieni con un contributo la nostra libera informazione.

Sottoscrivi un “abbonamento virtuale” ad Eolienews per il 2023.

Il contributo, anche minimo, può essere versato sulla postepay 

n° 5333 1711 3224 2930. -  CF. SRP SVT 59 B14 E606P 

con bonifico bancario sull’ IBAN IT20 C 05034 26000 000000200502.

Grazie per quanto farete.

 

Stromboli, 4 dicembre 2022: tsunami sì o tsunami no?. L'INGV chiarisce


(fonte: INGV) 
 Il 4 dicembre 2022, il sistema locale di rilevamento degli tsunami a Stromboli, ideato e gestito dal LGS dell'Università di Firenze, ha fatto scattare l’allerta sull’isola a seguito di alcuni eventi vulcanici che hanno coinvolto l’area craterica dello Stromboli e la Sciara del Fuoco. Fortunatamente lo tsunami è stato modesto e non ha provocato danni.

Prima di tutto sgombriamo il campo da un equivoco: uno tsunami (o maremoto) può essere grande o piccolo, come un terremoto, un temporale o un’eruzione vulcanica. Anche uno tsunami di pochi centimetri, se generato per una perturbazione del mare indotta da un terremoto, da una frana o da un’eruzione vulcanica, rimane uno tsunami. È noto peraltro che anche uno tsunami di ampiezza pari a 50 centimetri possa essere molto pericoloso, a causa della sua grande energia e della lunghezza d’onda, che lo fa essere simile a un torrente in piena.

Tornando all'evento del 4 dicembre, a quanto si è capito finora osservando i dati delle telecamere e degli strumenti che hanno rilevato il fenomeno, lo tsunami è stato generato dall’impatto sulla superficie del mare di un flusso piroclastico piuttosto intenso, analogo a quello avvenuto all’inizio di ottobre (ma più intenso). In questo caso, diversamente dal 9 ottobre, la soglia di attivazione è stata superata, i dati sono stati trasmessi al sistema di allerta del Dipartimento di Protezione Civile che subito dopo l’identificazione del maremoto ha diramato l'allerta, facendo suonare le sirene. Infatti, i sensori di pressione ubicati al di sotto delle due mede elastiche che fanno da sentinelle alla Sciara del Fuoco hanno rilevato un’anomalia del livello del mare di circa 1.5 metri picco-picco (nel caso del 9 ottobre si erano registrati soltanto +/- 5 cm). In particolare, il segnale mostra una prima onda positiva di circa 50 cm e un successivo abbassamento di circa 1 metro. Seguono altre onde successive, di ampiezza confrontabile e poi decrescente. Anche il mareografo di Ginostra, appartenente alla Rete Mareografica Nazionale dell’ISPRA, ha rilevato un’anomalia di poco inferiore.  Fortunatamente, queste onde non hanno causato danni nelle zone costiere dell’isola di Stromboli né in quelle delle altre isole Eolie.

Il Centro Allerta Tsunami dell'INGV sta seguendo con attenzione il fenomeno, in collaborazione con il Laboratorio di Geofisica Sperimentale dell'Università di Firenze e il Centro per il Monitoraggio delle Isole Eolie dell'INGV.