Cerca nel blog

sabato 16 gennaio 2021


Covid: In Sicilia 1.954 nuovi casi, seconda in Italia; 38 morti

Sono 1.954 i nuovi casi Covid in Sicilia, che è seconda in Italia per incremento di contagiati, dietro solo alla Lombardia. Un significativo aumento, in linea con quello dell’ultimo periodo che ha determinato la decisione di istituire la zona rossa per due settimane a partire dalla mezzanotte. Il totale degli attuali positivi è di 45.452: 1.406 ricoverati con sintomi, 212 in terapie intensiva (16 di oggi), 2 in più di ieri, 3 43.384 in isolamento domiciliare. Sono 2.954 i deceduti, 38 in più. I casi totali sono 119.290, i dimessi guariti 70.884 (+1.509). L’incremento dei tamponi processati è pari a 25.097.

Lipari: Modificata temporaneamente la viabilità nel porto di Sottomonastero


 

PRIMIGI STORE Lipari
VIA SAN VINCENZO snc
CANNETO LIPARI 
Tel: 090/9817388
facebook: PRIMIGI STORE LIPARI

Giorgianni: "Da parte mia nessun'altra restrizione oltre a quelle previste dal Dpcm e dall'ordinanza di Musumeci"

Nelle Eolie "rosse", non perchè ve ne sia la necessità, ma perchè lo è la regione Sicilia, alla quale apparteniamo, non vi saranno ulteriori restrizioni, oltre a  quelle previste dal Dpcm e dall'ordinanza del presidente Musumeci

Lo ha evidenziato il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni, nel corso della diretta di oggi su fb.

Nel corso della diretta diversi cittadini hanno postato commenti preoccupati circa la riapertura da lunedì delle scuole, sino alla prima media. Preoccupazioni dovute al fatto che la larghissima maggioranza dei docenti proviene dalla costa sicula, dove come è chiaro il virus circola.

I ringraziamenti delle famiglie Mollica - Ivaldi - La Macchia

E' accaduto il 16 gennaio... lo scorso anno


 

Gattopardo Park Hotel cerca per la prossima stagione la figura di "Receptionist".
La figura professionale dovrà svolgere le seguenti attività: ricevimento clienti, check in e check out, gestione online delle prenotazioni.
I requisiti fondamentali per lo svolgimento del ruolo sono: capacità di lavorare in team, buone doti relazionali con il pubblico, esperienza pregressa nella mansione, buona conoscenza della lingua inglese.
Si invitano i candidati ad inviare Curriculum Vitae al seguente indirizzo mail "info@gattopardoparkhotel.it" o telefonare al numero 090 9811035.

Ricordando... Tindara Costanzo in Fonti, nel giorno del suo compleanno




Il top nell'abbigliamento per bambini/e e ragazzi/e
è
di Profilio Patrizia----
Via Vittorio Emanuele, 148
98055 Lipari - Isole Eolie (ME) 
tel/fax:      090-9880050
facebook: GIROTONDO LIPARI






" Da Girotondo, potete trovare un angolo OUTLET 
con abbigliamento e calzature da 5€ a 25€ !"


Zona Rossa, il Governo regionale: “Scelta meditata, pronti a ulteriori misure se situazione non migliora"

La Sicilia in zona rossa fino al 31 gennaio come atto di responsabilità per fronteggiare l’impennata di contagi, con l’opzione di “chiudere elementari e prima media” se i dati non miglioreranno tra 15 giorni; intesa col governo nazionale per ripianare il disavanzo in dieci anni anziché tre per consentire di mettere finalmente ordine nei conti della Regione, dopo decenni di “allegra gestione”. I provvedimenti su questi due temi sono stati illustrati questa mattina al PalaRegione di Catania dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e dagli assessori all’Economia Gaetano Armao, alla Salute Ruggero Razza e all’Istruzione Roberto Lagalla.

La zona rossa, ottenuta dal governo regionale a seguito della richiesta avanzata al ministro della Salute, è stata chiesta sulla base dei dati relativi alla costante e graduale crescita dei contagi: un indice Rt regionale che nel suo punto massimo segnava già 1,25 e i 2000 nuovi positivi al giorno hanno fatto valutare al Comitato tecnico scientifico e all’Osservatorio epidemiologico dell’assessorato alla Salute l’opportunità di anticipare di una settimana quello che quasi certamente si sarebbe verificato fra sette giorni. Anche i dati di contact tracing hanno suggerito l’adozione del provvedimento, posto che in genere la media regionale è oltre la soglia dei 50 positivi su 100mila abitanti e in molti casi addirittura sopra i 250/100mila (400/100mila a Messina).

E’ stato chiarito che l’apertura delle scuole fino alla prima media è in linea con lo screening avviato il 14 gennaio, che restituisce dati di positività molto bassi: la prima giornata di monitoraggio indica che su oltre 14mila test ci sono stati 48 positivi, per una percentuale dello 0,33%, con un minimo ad Agrigento (0,086%) e un massimo a Catania (0,6%). Questa la fotografia dei soggetti che rientreranno a scuola lunedì.
Chiarito anche che per bar e ristoranti valgono le stesse disposizioni del DPCM emanato dal governo Conte.

Sull’altro tema affrontato in conferenza stampa, l’accordo Accordo Stato-Regione sul disavanzo è stato raggiunto al termine di un inter avviato a dicembre 2019 e finalizzato l’altro ieri sera, dopo un serrato negoziato, con l’intesa approvata dal Consiglio di Ministri. L’accordo prevede la ripartizione di un disavanzo di quasi 2 miliardi in dieci anni, a partire dal 2022, la “liberazione” di 421 milioni per il bilancio 2021 e una operazione di riqualificazione della spesa che dal 2021 al 2029 porterà a risparmi per 1 miliardo e 740 milioni. In quest’ambito sono state individuate aree di intervento sui cui agire in quota percentuale, senza dover indicare con puntualità le riduzioni di spesa voce per voce.

“La zona rossa– ha detto il presidente Musumeci - è stata una decisione sofferta e a lungo meditata. Applicheremo le restrizioni per due settimane, se i risultati non saranno soddisfacenti adotteremo ulteriori misure di restrizione e prorogheremo la zona rossa. Per quanto riguarda le scuole, se il dato non migliora chiuderò anche prima media ed elementari. Rinnovo l’appello a prefetti e sindaci a far rispettare le restrizioni. In merito all’accordo con Roma sul disavanzo – ha aggiunto Musumeci – permetterà alla Regione, come diceva Piersanti Mattarella, di avere finalmente “le carte in regola”. E’ un accordo che rappresenta l’autonomia della responsabilità”.

“Dalla fine del 2019 a oggi – aggiunge l’assessore Armao - abbiamo spinto per spalmare il disavanzo risultante dal rendiconto 2018 in dieci anni anziché in tre anni. Il negoziato col ministero dell’Economia ci ha consegnato risultati importanti: 740 milioni di minori entrate a causa del Covid che saranno interamente ricoperte dallo Stato, 13 milioni di differimento delle rate di muto come ottenuto da altre regioni, la possibilità di “liberare” 421 milioni di cui disporre nel bilancio 2021 e affrontare in serenità quest’anno. Complessivamente, il nuovo accordo costituisce una manovra che vale 2.161 milioni di euro, composta da una progressiva riduzione di spesa sino al 2029 che va nella direzione già intrapresa dal governo Musumeci e da investimenti. In più Abbiamo ottenuto una franchigia del 10% sugli obiettivi di riduzione di spesa accorpati per gruppi, cosa che ci lascia ambiti di manovra”.

Tornando alla istituzione della zona rossa, l’assessore alla Salute, Ruggero Razza, ha precisato che la richiesta è nata con l’obiettivo di “proteggere il nostro sistema sanitario e produttivo e garantire una adeguata campagna vaccinale nelle prossime settimane. Obiettivo, evitare che se aumentino i contagi si sia costretti a convertire strutture sanitarie in reparti Covid: dobbiamo garantire le cure ordinarie a chi non è malato di Covid, non farlo sarebbe un errore. Ci dispiace, infine, avere dovuto sospendere la campagna vaccinale in alcune province per garantire i richiami, ma abbiamo fatto magazzino per garantire la seconda dose ai vaccinati, aspettiamo che lunedì il commissario Arcuri faccia chiarezza sulle forniture e che l’Ema “liberi” l’uso di altri vaccini che altri Paesi hanno già adottato”.

Sul fronte della scuola, l’assessore Lagalla ha replicato a chi ha parlato di incoerenza: “Abbiamo ricevuto tanti consensi, lavoriamo affinché la vita scolastica prosegua nel rispetto delle regole e nelle condizioni di sicurezza per docenti e studenti, in piena coerenza con l’ordinanza regionale 5/2021 e il dpcm del 15 gennaio. A chi dice che abbiamo iniziato lo screening troppo tardi, dico che occorreva disporre campionamenti quasi in concomitanza del ritorno a scuola per fotografare la situazione attuale. Adesso abbiamo 15 giorni per verificare cosa succederà, ma siamo pronti a riammettere a scuola anche il 50% degli studenti delle superiori. Grazie all’assessorato alle Infrastrutture è pronto un piano per potenziare i trasporti pubblici. Ci stiamo anche occupando di combattere la dispersione scolastica accentuata dalla Dad. Nei prossimi giorni presenterò al presidente Musumeci un piano complessivo di interventi per la resilienza in campo scolastico e per il ritorno alla conoscenza, confidando su una campagna vaccinale prioritaria per i docenti maggiormente esposti: sostegno, infanzia e quelli con fragilità particolari”.

I ringraziamenti della famiglia Biviano

E' deceduto Luigi D'Auria

Le onoranze funebri sono a cura della ditta

ALFA E OMEGA DI LIPARI

Alla famiglia le nostre condoglianze

SCELTE SCIENTIFICHE O SCELTE POLITICHE (di Francesco Finocchiaro)

Una cosa che ognuno di noi dovrebbe essere in grado di fare è almeno riuscire a capire se una determinata scelta è frutto di un ragionamento scientifico oppure, laddove esso sia assente, si debba presumere che vi siano altre logiche alla base.


Torniamo a parlare di tamponi molecolari. 

Avevamo già spiegato mesi fa i motivi per cui una semplice positività al tampone, in mancanza di altri dati, non significa nulla "scientificamente" parlando, seppur politicamente ha legittimato, e continua a fare, le strategie governative di progressive restrizioni.

La nostra tesi non solo non è stata smentita, ma anzi ha trovato conferme tra i più stimati virologi,trovate l'articolo qua 


https://www.affaritaliani.it/coronavirus/tamponi-positivi-contagiosita-699129.html?refresh_ce


ciononostante i “decisori” politici sembrano non tenerne minimamente conto e gli screening continuano.


Si può tranquillamente affermare che la scelta di utilizzare i tamponi molecolari per rilevare le infezioni da covid, insieme a quella di considerare i “positivi asintomatici” pericolosi, è stata quella che senz’altro ha impattato di più sulla vita dei cittadini e del pianeta in generale, in quanto l’idea di fondo di tale ragionamento è che “chiunque” ( seppur sanissimo ed in perfetta salute ) sia potenzialmente contagioso e che grazie a questi test sia possibile “scovare” questi malati nascosti. E che anche una volta avuto un risultato negativo, dopo poche ore si ritorna ad essere potenziali untori...


Possiamo dire che il concetto stesso di "malato asintomatico" nasce in ossequio ai risultati dei tamponi, altrimenti non avrebbe senso di esistere.


Da questa idea deriva in linea concettuale tutto il resto delle restrizioni ( altrimenti basterebbe isolare i malati ed i loro contatti ) come pure il ragionamento che si debba usare la mascherina sempre e dovunque,e non solo quando si ha a che fare con malati o si è malati ( come si faceva prima,cit.), poichè “chiunque” è un potenziale pericolo.

L'adozione dei test PCR di massa è dunque alla base della distruzione di intere economie e della limitazione della libertà alle persone.


Tutto questo costrutto, per stare in piedi, si basa sull'idea che questi test siano ovviamente affidabili. 


Ma dovete anche sapere una cosa…


L’unico studio esistente ( non lo diciamo noi, è cosa nota) che certifica il fatto che i tamponi ( molecolari e non ) rilevano effettivamente una porzione del virus Sars-Cov-2, e dunque possono essere utili alla diagnosi della malattia, è questo


https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31992387/


uno studio dal titolo “Detection of 2019 novel coronavirus (2019-nCoV) by real-time RT-PCR”, altrimenti noto tra gli addetti ai lavori come studio “Corman-Drosten”, pubblicato il 23 gennaio 2020.


Un’unico studio dal quale sono dipese le sorti di intere nazioni e di miliardi di persone. L’unico studio che ha legittimato la “tamponatura” di massa della popolazione.


Speriamo sia corretto, giusto? Che sia almeno particolarmente accurato. 

Chiunque darebbe per scontato di si, e viste le valanghe di restrizioni che dipendono da questo piccolo dettaglio si suppone che si sia valutata bene la questione…


Voi l’ avete letto?


Un gruppo di ricercatori indipendenti lo ha fatto, andando ad esaminare la correttezza delle procedure e la fondatezza dei dati, ed ha pubblicato il 27 novembre 2020 un report su Eurosurveillance dal titolo


“ External peer review of the RTPCR test to detect SARS-CoV-2 reveals 10 major scientific flaws at the molecular and methodological level: consequences for false positive results.”


Che trovate  a questo link 


https://cormandrostenreview.com/report/


ed in fondo all’articolo trovate una chat dove si svolge in modo trasparente una discussione tra i vari ricercatori di tutto il mondo che vogliono esaminare le conclusioni di questo report o discuterne con gli autori. 


Abbiamo aspettato un po' prima di divulgarlo perché oggi possiamo affermare che in quasi 2 mesi nessuno ha trovato errori nella revisione! 


In religioso silenzio vi traduco solo questo passaggio che riassume quanto riscontrato dai revisori, e vi ricordo nuovamente che se lo studio Corman-Drosten è sbagliato vuol dire che i milioni di tamponi fatti in tutto il mondo finora sono stati inutili, siamo andati a alla cieca e abbiamo distrutto una civiltà intera rilevando positività e negatività a casaccio.


“Il protocollo del RT-qPCR pubblicato per la rilevazione e la diagnosi del Cov-2019 e lo studio annesso soffrono di numerosi errori tecnici e scientifici, incluso una insufficiente elaborazione dei primer, un protocollo PCR problematico e insufficiente, l’assenza di un’accurata validazione dei test. Nè il test presentato nè lo studio hanno minimamente i requisiti perchè una pubblicazione scientifica sia ritenuta accettabile. Infine, il brevissimo tempo intercorso tra la sua presentazione e la sua pubblicazione (24 ore) sta a significare che non è stato svolto il classico lavoro di esame che si fa prima di una pubblicazione, o è stato fatto molto superficialmente. Noi forniamo prove inoppugnabili di varie inadeguatezze scientifiche, errori e difetti. 

Considerando le varie imperfezioni sia metodologiche che scientifiche, noi siamo certi che il board editoriale di Eurosurveillance non abbia altra scelta se non quella di ritirarlo.

Questo nostro lavoro vi mostrerà i numerosi errori del paper Corman-Drosten, sulla base del quale in tutto il mondo si sono verificate diagnosi errate ed erroneamente attribuite al covid-19,  distrutte le vite di milioni di persone e imposte restrizioni dai governi di tutto il mondo.”


Chiunque voglia farci pervenire le sue considerazioni può farlo alla seguente mail

calmorespiro@protonmail.com


Grazie dell'attenzione

Francesco Finocchiaro 

Si vende imbarcazione di circa 7 metri con licenza di pesca costiera locale motore kW 13 cavalli 17 abilitata a circuizione, attrezzi da posta, palangari...per info chiamare 3208708185

Accessibilità agli atti della SRR e richiesta informazioni. La nota del sindaco Arabia


Cercasi insegnante di doposcuola per un alunno del quinto geometra.
Serve un aiuto per le materie tecniche cioè costruzioni e topografia. 
Chiamate al numero 3479891792 O mandate un messaggio su WhatsApp al 3313967251. 
Se sapete invece chi consigliare scrivete su messenger a Giusy Marsiglia

Uno "sguardo" all'Albo pretorio del Comune di Lipari. Rubrica di Eolienews.

Pubblichiamo questo link cliccando sul quale si potrà accedere all'albo on line del comune di Lipari per visualizzare determine, ordinanze, autorizzazioni ecc. emesse dagli amministratori e/o dagli uffici.
Le stesse appariranno in ordine cronologico dall'ultima emessa a ritroso
http://www.comunelipari.gov.it/mc/mc_p_ricerca.php?x=97d21bd6b604cf80a60b1f2f90960edd

Nei "palazzi" della politica locale (36° puntata): Antonio Casilli, Giuseppe Finocchiaro, Antonio Gugliotta (consiglieri comunali). Alle spalle vigili Agostino Portelli e Giacomo Marino (Acquacalda 17 febbraio 2009)


 

Accadde alle Eolie.16 gennaio 1963: Torna a Lipari la salma di Mons. Bernardino Re


 

Per una vacanza di pieno relax a Lipari, in una zona tranquilla e a poche centinaia di metri dal centro storico dell'isola, HOTEL-ALBERGO "VILLA DIANA"
Villa Diana è in Via Edwin Hunziker (ex via Tufo) n°1
98055 LIPARI (ME) - Tel. e Fax: 0909811403 
www.villadiana.com - www.edwinhunziker.it 
email: info@villadiana.com - PEC: villadianalipari@pec.it

Alfa e Omega: Onoranze funebri nelle Eolie


 

Martedì interruzione energia elettrica sul Corso Vittorio Emanuele di Lipari e vicoli adiacenti

Buon Compleanno a Maria Lauricella, Concetta Favorito, Anna Cincotta, Don Gino Profilio, Angelo Groppo, Dario Guarnuto, Maurizio Di Pietro, Tatiana Pisagatti,Generosa Cafarella

Lipari: CittadinanzAttiva sollecita istituzione Garante comunale tutela disabili

Lettera del Coordinatore territoriale  di CittadinanzAttiva, Benedetto Marcello Tedros, al Presidente del Consiglio comunale di Lipari , Giacomo Biviano; al sindaco Marco Giorgianni e per conoscenza ai consiglieri comunali, al segretario comunale e al Prefetto di Messina



OGGETTO: Proposta nomina “Garante Comunale dei diritti della persona Disabile”
Facendo riferimento alla missiva da noi inoltrata in data 21.10.2020, avente oggetto, ut supra. Ribadendo che la Ns. Associazione “CITTADINANZATTIVA”, ha per obbligo statutario di intervenire per proporre e favorire la realizzazione degli istituti preposti alla tutela delle persone con disabilità, e agisce nei confronti di qualsiasi soggetto, sia di diritto pubblico che di diritto privato, anche attraverso attività di proposta, conciliazione e mediazione sociale, in virtù della Legge Regionale 47/12, la quale ha istituito il garante alla Disabilità Regionale, affermando oltre, con l’art. 6, 2° comma che: “Il Garante svolge la propria attività in piena autonomia e con indipendenza di giudizio e valutazione”; ed esso non è sottoposto ad alcuna forma di controllo gerarchico o funzionale, altresì con l’art. 7 comma 1, ne precisa i destinatari della tutela.
Si richiedeva al Sig. Presidente del Consiglio Comunale, al Sig. Sindaco, e per conoscenza ai Sigg. Consiglieri Comunali, di potersi attivare, in tempi ragionevolmente rapidi, al fine di istituire ai sensi delle varie disposizioni normative, sia nazionali che regionali (D.L., Leggi, Decreti ministeriali ed alle convenzioni internazionali), la detta figura del : GARANTE COMUNALE a tutela della persona disabile, i quali per numero di casi, ai noi, nel nostro territorio (Isole Eolie), sono tutt’altro che tascurabili.
Non avendo a tutt’oggi avuto riscontro dalle SS.LL., nonostante i tempi concessi per Legge, in violazione all’art. 328 comma2 del Codice Penale; all’art. 3 Reg. Com. D.CC n. 4/96; all’art. 12 del R.C. n. 212/06, se ne richiedono le motivazioni, sia di diniego, con eventuali specifiche, o accoglimento, per la predisposizione dei bandi.
Nello spirito della reciproca collaborazione, cogliamo l’occasione per porgere
Distinti saluti
IL COORDINATORE
Benedetto Marcello Tedros

Metti la sicurezza e la qualità dei tuoi impianti nelle giuste mani... a prezzi assolutamente competitivi

Si rilasciano preventivi gratuiti 

Il servizio è attivo in tutte le isole dell'arcipelago eoliano
 

Oggi è il 16 Gennaio. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Pollara (Comune di Malfa - Isola di Salina) -
Santo del giorno:  San Marcello I° - 

San Marcello I


Nei primi tre secoli del Cristianesimo, non tutte le persecuzioni furono uguali. Da Nerone a Diocleziano, fu un alto e basso, un incrudelire e un blandire. Qualche Imperatore, come Decio, mirò più a fare apostati, cioè rinnegati, che Martiri, cioè « testimoni ».

L'ultima persecuzione, prima che Costantino accogliesse come insegna la Croce, fu quella del vecchio Diocleziano, e fu la più lunga e cruda. Ebbe inizio nel 303. Distrutte le chiese, bruciati i libri sacri, i Cristiani che si rifiutavano di sacrificare agli dèi erano considerati peggio di schiavi, I nobili, se cristiani, perdevano i loro titoli; gli ufficiali, i loro gradi; i funzionari, i loro uffici; i mercanti, i loro averi.

Ma a queste persecuzioni morali si aggiunsero presto anche quelle materiali. Accusati d'aver bruciato il Palazzo imperiale i Cristiani vennero arsi, affogati, decapitati, crocifissi, sbranati. Città intere restarono spopolate; l'esercito decimato.

Dinanzi a questo vero e proprio « terrore », molti Cristiani cedettero: abiurarono e apostatarono. Non tutti furono capaci di reggere, specialmente alla persecuzione civile, e per conservare, non tanto la loro vita, quanto la loro dignità, i loro gradi, i loro uffici, i loro averi, caddero nell'apostasia.

Vennero chiamati lapsi, cioè caduti; e relapsi quando erano ricaduti più di una volta nell'apostasia.

Per questi suoi figli infelici, la Chiesa devastata, smembrata, prese il lutto, e alla morte del Papa Marcellino si ebbe un lungo periodo di vacanza della sede apostolica.

In questo momento difficilissimo, anzi, addirittura tragico, s'alzò la figura di San Marcello, presbiterocapo della Chiesa Romana. Nei calendari e negli elenchi dei Pontefici, gli viene dato il titolo di Papa, trentunesimo della serie Apostolica. Ma forse egli non fu Papa, ma soltanto « Presbiterocapo », cioè primo tra i sacerdoti romani.

In ogni modo, il suo pontificato ebbe inizio quattr'anni dopo la morte del suo predecessore, e fu di breve durata. La Chiesa, dopo la persecuzione e l'assenza di un capo, mostrava le piaghe dell'infedeltà e le cicatrici del tradimento. San Marcello fu severo coi lapsi, ai quali impose gravi penitenze; severissimo coi relapsi. Duro con coloro i quali, addirittura, avevano formato una specie di partito « lassista », che tentava di giustificare, se non addirittura difendere, l'operato dei cristiani rinnegati.

E la durezza di San Marcello era santa e salutare, perché se i deboli possono destare pietà, i traditori compiaciuti e i protervi non possono suscitare che la riprovazione e la condanna.

Con la morte di Diocleziano e la successione di Massenzio, che doveva essere poi l'avversario sconfitto da Costantino, la persecuzione parve placarsi. La Chiesa romana si riorganizzò sotto la guida inflessibile di San Marcello, finché anche l'Imperatore Massenzio, insospettitosi, mandò in esilio il Pontefice, o « Presbiterocapo », della Chiesa Romana.

E in esilio morì, nel 309, per quanto le leggende, e anche il Martirologio accennino ad una fine diversa e più colorita.

Narrano infatti come Marcello celebrasse nella casa che una ricca matrona, Novella, aveva lasciato alla Chiesa, convertendosi al Cristianesimo, e che si trovava sulla via Lata. L'Imperatore, avrebbe fatto trasformare quella casachiesa in una stalla per i cavalli dei corrieri imperiali; e San Marcello, dopo essere stato battuto con le verghe, fu condannato a servire come stalliere.

Nel qual servizio — conclude la Leggenda — dopo molti anni di fatiche e di strapazzi, si riposò in pace », cioè morì. Ecco perché San Marcello, presbitero-capo e Papa, viene venerato come Patrono degli stallieri e protettore delle scuderie, men duro forse verso le bestie che con i relapsi compiaciuti e protervi!

Per auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc. chiamate il 339.57.98.235 .

Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro (pubblicazione x48 ore) , ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono. 

Foto - tessera e foto per tutti documenti da "I colori dell'isola" sulla XXIV Maggio a Lipari


venerdì 15 gennaio 2021

Covid: ordinanza di Musumeci, zona rossa con maggiori restrizioni. Vietati anche gli spostamenti, nei limiti di 2 persone, per fare visita ad amici e parenti.

COMUNICATO

La Sicilia sarà “zona rossa” dalla mezzanotte tra sabato e domenica (17 gennaio) per due settimane (fino a domenica 31 gennaio). Lo stabilisce l’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che recepisce i contenuti dell’ultimo Dpcm e in linea con quanto deciso dal governo nazionale per l’Isola.

Alle regole previste dalla normativa nazionale per la “zona rossa”, nell’ordinanza del presidente Musumeci, d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, sono state aggiunte delle misure ancora più restrittive: non sarà consentito fare visita ad amici e parenti.
Per quanto riguarda le lezioni scolastiche, saranno in presenza i servizi educativi per l’infanzia (asili nido), la scuola dell’infanzia, la primaria e il primo anno della scuola secondaria di primo grado, come prevede il Dpcm, mentre per le altre classi si continuerà con la didattica a distanza.

«Ho appena firmato l’ordinanza con la quale si recepisce il Dpcm e quindi la condivisione che il ministro Speranza ha voluto fare della nostra richiesta di istituire in tutta la Sicilia la zona rossa – afferma il presidente Musumeci - I dati dei contagi sono allarmanti e purtroppo non c’è altra soluzione. Non si può giocare con la vita e la salute delle persone. Sul fronte scolastico torneranno a scuola i ragazzi delle elementari e della prima media. Per tutte le altre scuole di ogni ordine e grado varrà la didattica a distanza. Sono convinto che l’ordinanza senza le misure di vigilanza e senza le necessarie sanzioni rischia di essere inutile. Ecco perché rivolgo ancora una volta un appello ai prefetti e ai sindaci perché le forze dell’ordine e la polizia municipale possano essere mobilitate per questo tipo di attività».

MOBILITÀ
Divieto di entrata e di uscita dal territorio regionale, divieto di accesso e allontanamento dal proprio comune, salvo che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute. Divieto di circolare, a piedi o con qualsiasi mezzo pubblico e privato, all’interno del territorio comunale, ad eccezione di comprovate esigenze di lavoro, per l’acquisto di generi alimentari e beni di prima necessità, per ragioni di natura sanitaria.
Diversamente da quanto previsto dal Dpcm, sono vietati anche gli spostamenti, una volta al giorno, verso una sola abitazione privata nei limiti di due persone per fare visita ad amici e parenti.
Vengono mantenuti i controlli per i passeggeri in arrivo nell’Isola (registrazione obbligatoria sul sito dedicato e tampone rapido).

ATTIVITÀ DIDATTICHE
In linea col Dpcm, svolgeranno attività didattica in presenza i servizi educativi per l’infanzia, la scuola dell’infanzia, la primaria e il primo anno della scuola secondaria di primo grado. Tutte le altre classi scolastiche e le Università continueranno con la didattica a distanza. Resta la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori e per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. 

ESERCIZI COMMERCIALI
Restano sospese tutte le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per la vendita di generi alimentari e di prima necessità. Aperti lavanderie, barbieri e parrucchieri, edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.

 

Il  video con intervento del presidente Musumeci su : https://www.facebook.com/regionesiciliana/posts/2808789559368245/

LN Garden a Lipari - Marina Lunga (a 50 metri dal porto) con la qualità, la competenza e la professionalità di sempre

La competenza dell'agronomo Luigi e la professionalità del biologo naturalista Nuccio sono a vostra disposizione. Da noi troverete un vasto assortimento di piante ortive ornamentali e fiorite, alberi da frutta, mangimi per animali, concimi, prodotti per il giardinaggio e l'agricoltura e tanto altro ancora. 
Da noi troverai anche FIORI DA TAGLIO 

LN Garden allarga il suo raggio d'azione grazie alla professionalità e competenza del proprio team. 
Da oggi potete rivolgervi a noi per la realizzazione di composizioni per battesimi, comunioni, matrimoni ecc.
Questi alcuni dei nostri lavori 






LN Garden dei fratelli Giorgianni è rivendita ufficiale mangimi Leocata e Mignini&Petrini . Venite a trovarci. Vi aspettiamo a Lipari - Marina Lunga ( a 50 metri dal porto). Oppure potete contattarci ai numeri 3393307932 3338918437
Da noi potete trovare anche croccantini e riso soffiato per cani. Lettiera e mangimi per conigli nani e criceti

Potete anche seguirci sulla pagina facebook  "Luigi Nuccio LN Garden"

Il virus "corre" in Sicilia: oggi 1945 nuovi casi e 39 vittime

Sono 1.945 i nuovi casi di Coronavirus in Sicilia, cifra vicina al record di pochi giorni fa. I tamponi processati sono stati 24.005 (da oggi vengono conteggiati anche i test rapidi) con un tasso di positività dell'8,1%. Le vittime odierna sono 39, mentre aumenta il numero dei guariti: ben 1.726 nelle ultime 24 ore. Negli ospedali ci sono 11 pazienti Covid in più rispetto a ieri: 1.403 ricoverati in regime ordinario (+6) e 210 in terapia intensiva (+5).

Il totale dei casi di Coronavirus registrati sull'isola da inizio pandemia è di 117.336. I decessi sono 2.916 mentre i guariti dall'infezione ammontano a 69.375. Attualmente i positivi sono 45.045, di cui 43.432 in isolamento. Questa la suddivisione dei nuovi contagi per provincia: Palermo 510, Catania 456, Messina 327, Trapani 312, Siracusa 185, Caltanissetta 87, Agrigento 38, Ragusa 29 ed Enna 1.

Conte firma il nuovo Dpcm, Sicilia rossa : ecco cosa si può fare

Per visualizzare il Dpcm cliccare sul link  

Ricordando... Giacomo Biviano

 
Ricordiamo che le foto vengono pubblicate in modo casuale e a titolo gratuito dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta non sono a titolo gratuito

Il "Salumaio" a Lipari sinonimo di garanzia e qualità.


Macellaio si, ma con stile ed esperienza!!
Una tradizione familiare che, dopo 70 anni di attività, continua a selezionare le carni con la stessa cura e attenzione di un tempo ma tenendo ben presenti le esigenze di oggi.
Oltre alle carni (italiane), i polli e la salsiccia, da noi troverete preparati di ogni tipo, gustosi e pronti da cuocere e, per i più esigenti ….  basta ordinare !!
Inoltre.. vi attende un fornito banco di salumeria e formaggi vari e tutti i generi alimentari di prima necessità e non!!
Il mercoledì e il sabato da noi troverete la vera e certificata mozzarella di bufala campana
Cose semplici …..carni ottime e di qualità!   
Vi ricordiamo che da noi troverete anche carni della macellazione locale di vitellone e agnello.
Dal "Salumaio" trovi in vendita il maiale nero dei Nebrodi. 
Vi proponiamo, inoltre, gustosissime novità quali:
Salsiccia con capperi e malvasia
Salsiccia di manzo
Spiedini di pollo al limone
Crocchette di carne e salumi

Venite a trovarci in Via G. Franza a Lipari o telefonate allo 090.98.11.854 …..Vi aspettiamo!!
Orario di apertura : 
Mattino dalle 07.00 alle 13.30
Pomeriggio: dalle 16.00 alle 20.30
La domenica aperto solo al mattino dalle 7 alle 13
La Macelleria Salumeria "Il Salumaio" di Russo Daniela è in Via G. Franza a Lipari - tel. 090.9811854

Supermercati Spesa mia a Canneto, Lipari e Pianoconte. Le offerte dal 16 gennaio




LIPARI: TAMPONI RAPIDI COVID 19 MODALITA’ DRIVE IN DOMANI A PIAZZA MAZZINI

COMUNICATO

Si avvisa la cittadinanza che

SABATO 16 GENNAIO 2021 DALLE ORE 10:00 ALLE ORE 13:00

si svolgerà l’attività di screening per la popolazione promossa dalla Regione Siciliana e diretta dall’ASP Messina.

VERRÀ ATTIVATA UNA POSTAZIONE DRIVE IN PIAZZA MAZZINI DOVE CI SI POTRÀ SOTTOPORRE A TAMPONI ANTIGENICI RAPIDI SU BASE VOLONTARIA E IN FORMA GRATUITA.

L’invito a partecipare a tale attività, così da poter monitorare e seguire l'andamento epidemiologico nel nostro territorio e potere, eventualmente, mettere in campo le necessarie azioni di prevenzione e controllo, è rivolto a tutta la cittadinanza in particolar modo alla popolazione scolastica (personale docente e non docente, alunni), in vista della possibile ripresa delle attività didattiche in presenza.

A tale scopo saranno eventualmente previste e comunicate ulteriori date di effettuazione dei tamponi rapidi che potranno coinvolgere anche chi presta attività lavorativa nel nostro Comune, così come sarà organizzato uno screening dedicato al personale scolastico pendolare, sempre su base volontaria, alla riapertura delle scuole.

Si ricorda che non potranno partecipare allo screening coloro che sono sottoposti a isolamento fiduciario o quarantena e coloro che presentano una sintomatologia compatibile con il Covid -19 ovvero febbre superiore a 37,5°, tosse, difficoltà respiratoria, assenza di gusto e olfatto.

Ci si scusa per il breve preavviso ma la scelta della data è stata condizionata dalle nuove disposizioni nazionali emanate in data odierna e che avranno effetto da domenica 17 gennaio, con cui si ritiene di non dover entrare in contraddizione.

Si ringrazia il personale USCA e la Direzione Sanitaria dell’ASP Messina.

Lipari, 15/01/2021

                                                         L’Amministrazione Comunale

Pescando nel nostro archivio sportivo. Anno 2014 : Calcio a 5, derby di andata tra Ludica Lipari e Salina