Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 4 gennaio 2014

Cinque ristoranti eoliani tra i "Ristoranti d'Italia 2014"(Sicilia) della Guida dell'Espresso

Sono 5 i ristoranti delle Eolie inseriti nella Guida de L'Espresso dei "Ristoranti d'Italia 2014 (Sicilia)".
A Lipari spicca solitario il Ristorante "E' Pulera",  a Salina segnalati il "Signium" e il "Capofaro Malvasia Resort" di Malfa, a Panarea l'Hycesia e a Vulcano "Il Cappero" ristorante del Therasya Resort. 
Il Ristorante "E' Pulera" è l'unico tra i cinque che non è un ristorante connesso ad attività alberghiera

Ars. Bilancio e Finanziaria lavori d’Aula rinviati a martedì 7 gennaio 2014

L’Assemblea regionale siciliana nella seduta di sabato 4 gennaio 2014, presieduta dal Presidente Giovanni Ardizzone, ha avviato la discussione generale dei documenti finanziari della Regione con la relazione di maggioranza, svolta dal relatore e presidente della Commissione Bilancio, onorevole Nino Dina, e quella di minoranza, svolta dall’onorevole Marco Falcone. Al dibattito è intervento anche il Presidente della Regione.
Il Presidente Ardizzone, prima di dare la parola ai relatori, ha sottolineato la particolare complessità e delicatezza del lavoro che ci si accinge a svolgere sui disegni di legge di bilancio e finanziaria, una manovra che si svolge entro un contesto finanziario e sociale che sconta difficoltà e tensioni a tutti note e ha comunicato che la Conferenza dei Presidenti dei gruppi parlamentari è convocata per martedì 7 gennaio 2014, alle ore 12.00.
L’Aula ha osservato in apertura un minuto di silenzio per la scomparsa dell’ex Presidente della Regione Santi Nicita, deputato regionale in più legislature.
L’Aula è stata rinviata a martedì 7 gennaio 2014, alle ore 16.00, con il seguente ordine del giorno:
I) Comunicazioni; II) Discussione dei disegni di legge:
1) “Bilancio di previsione della Regione siciliana per l’anno finanziario 2014 e bilancio pluriennale per il triennio 2014-2016.” (Seguito); 2) “Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2014. Legge di stabilità regionale.” (Seguito); 3) “Promozione della ricerca scientifica in ambito sanitario”. (Seguito) ; 4) “Disegno di legge voto da sottoporre al Parlamento della Repubblica, ai sensi dell’articolo 18 dello Statuto, recante “Norme per l’apertura di una casa da gioco nei Comuni di Taormina e Palermo”. (Seguito); 5) “Schema di progetto di legge costituzionale da proporre al Parlamento della Repubblica ai sensi dell’articolo 41 ter, comma 2, dello Statuto, recante “Modifica dell’articolo 36 dello Statuto della Regione, in materia di entrate tributarie.”; 6) “Modifiche alla legge regionale 20 aprile 1976, n. 35″.; 7) “Norme per la tutela della salute e del territorio dai rischi derivanti dall’amianto”.; 8)”Disposizioni in materia di pagamenti della Pubblica Amministrazione. Anticipazione finanziaria alla società Riscossione Sicilia”.

Calcio a 5. Serie C2: Continua il "volo" della Ludica Lipari. Pari del Salina

Ancora una affermazione per la Ludica Lipari di calcio a 5 che ha superato al Freeland Club di Bartolo Giunta per 5 a 4 il Real Aci.  
Marcatori: Pellegrino Daniele 2 - Puglisi 2- Lo Schiavo Giuseppe
Il Salina ha pareggiato per 4 a 4 nell'incontro interno con il Viagrande

Il 9 gennaio sciopero del personale della CdI

E' stato programmato per il prossimo 9 gennaio lo sciopero di 24 ore del personale della Compagnia delle isole-Ex Siremar. La protesta è stata indetta da Federmar-Cisal. Saranno garantite le corse essenziali.

BERLUSCONI NOMINA 7 COORDINATORI LA SICILIA RESTA FUORI

La Sicilia è stata lasciata fuori dalla prima tornata di nomine. Dopo avere ascoltato i collaboratori più stretti ed avere dato uno sguardo al lavoro fatto da Marcello Dell’Utri e gli altri talent scout, Silvio Berlusconi ha nominato sette nuovi coordinatori regionali. Gli altri incarichi nazionali e regionali verranno definiti entro breve.
L’isola, dunque, è stata rimandata alla prossima tornata, segno che il presidente di Forza Italia non ha ancora le idee chiare sul da farsi. Dovrebbe essere il senatore Vincenzo Gibino il coordinatore regionale in Sicilia.
Il parlamentare, del resto, è già entrato nella “parte”, intervenendo nel dibattito politico. “A Roma come a Palermo”, ha dichiarato nella sua più recente nota diffusa dalla agenzie di stampa, “il fallimento dei governi di sinistra è sotto gli occhi di tutti, tante promesse non mantenute e tanto caos. Enrico Letta e Rosario Crocetta, continua Gibino, “hanno in comune l’incapacità di fare sintesi politica, di accogliere le buone idee e le giuste soluzioni soprattutto quando provenienti dall’opposizione, e di condurle a realizzazione”.
Il senatore rivolge infine un appello a favore delle fasce più deboli uscendo dall’immobilismo. L’ingresso di chi entra in un luogo che non ha abitato. Il comunicato non dà alcuna indicazione del ruolo attribuito in Sicilia a Gibino.
E’ probabile che Berlusconi prima di procedere alla nomina voglia ascoltare “da vicino” tutte le componenti del partito, a cominciare dai palermitani, e cioè Gianfranco Miccichè, e dalla siracusana Stefania Prestigiacomo.
Ecco i sette coordinatori nominati da Berlusconi. Lombardia: Mariastella Gelmini; Liguria: Sandro Biasotti; Toscana: Massimo Parisi; Valle d’Aosta: Massimo Lattanzi; Friuli Venezia Giulia: Sandra Savino; Lazio: Claudio Fazzone; Veneto: Marco Marin.
E’ prevista la costituzione di un Comitato di presidenza regionale con tre componenti che affiancheranno i coordinatori nello svolgimento delle loro funzioni.

Partylandia augura Buon Compleanno a Stella Ziino

Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno a Stella Ziino

Dietro front. Musei e siti archeologici siciliani aperti domenica e lunedì prossimi

Domenica e lunedì prossimi musei e siti archeologici in Sicilia saranno regolarmente aperti. Ne da’ notizia il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, dopo l’incontro di ieri pomeriggio, con l’assessore ai Beni culturali Mariarita Sgarlata e il dirigente del dipartimento Sergio Gelardi. Il dipartimento ha già predisposto la revoca del provvedimento con il quale si informava della chiusura domenicale dei siti e che aveva suscitato la netta opposizione del governatore.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi

Eolienews augura Buon Compleanno a Gianluca Zanca, Rosy Bertè, Emilio La Rosa e Stella Ziino

venerdì 3 gennaio 2014

Musei siciliani chiusi la domenica. Il presidente Crocetta non ci sta

Musei siciliani chiusi la domenica. Anzi no. E’ polemica tra il governatore Crocetta e l’assessore regionale ai Beni culturali Mariarita Sgarlata insieme al dirigente del dipartimento Sergio Gelardi dopo la diffusione della nota che prevede le porte chiuse all’arte durante i giorni festivi. “La domenica musei e siti archeologici devono assolutamente rimanere aperti”, replica il presidente della Regione all’Ansa, bocciando così senza riserve il piano assessoriale finalizzato a contenere i costi a fronte dei miseri incassi dei siti artistici e archeologici dell’Isola.
Crocetta ha convocato per questo pomeriggio una riunione con l’assessore e il direttore per trovare una soluzione che consenta le riaperture domenicali, aprendo alla possibilità di utilizzare razionalmente il personale interno e i migliaia di precari.
“Trovo assurdo che in una Regione dove esiste un precariato diffuso si arrivi a varare un piano che penalizza fortemente lo sviluppo turistico, producendo un grave danno per la Sicilia”, ha affermato Crocetta.

Ramona Parisse dedica la canzone Memory di Barbra Streisand alla nonna Provvidenza

RSU. ORDINANZA SINDACALE PROROGA SERVIZI SINO AL 30 Aprile

Una ordinanza del sindaco Marco Giorgianni proroga, fino al prossimo 30 aprile, la continuazione del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani nel territorio del comune di Lipari. . Questo in attesa che entri nella piena funzionalità la SRR ” Messina-Isole Eolie s.c.r.l. 
In conseguenza di ciò la Eco S.E.I.B. di Giarratana continuerà a svolgere il servizio di igiene ambientale e di gestione della differenziata. La Eolie Multiservizi il trasporto dei gommati interisole e a terraferma. L’Ato Me 5 "Eolie per l'ambiente" società in in liquidazione continuerà a controllare il servizio.

Mancano i fondi. Musei e siti archeologici chiusi la domenica in Sicilia

Mancano i fondi e musei e siti archeologici in Sicilia saranno chiusi la domenica. Così, ad esempio, il Satiro di Mazara del Vallo e la Venere di Aidone non potranno essere ammirati nei festivi fino a giugno. I beni culturali siciliani da tempo sono nella bufera soprattutto dopo che la regione si è accorta che gli incassi per le entrate sono una miseria rispetto alle uscite dei costi per pagare i custodi, gli straordinari e le indennità per i festivi. Un esempio fra tutti: nel 2012 il museo di Centuripe ha incassato 1360 euro e i custodi in servizio sono venti. L'ultima novità svela una nota del dirigente generale dell'assessorato ai beni culturali, Sergio Gelardi, inviata il 27 dicembre scorso, ai responsabili di musei, gallerie e parchi archeologici in cui prescrive la chiusura nei giorni «rossì del calendario, epifania esclusa, per il primo trimestre del'anno. Il calendario prevede, per ora, la chiusura durante 27 festivi dei parchi archeologici di Selinunte e Segesta, di 13 della Valle dei Templi, di 34 del museo archeologico Salinas, di 30 di palazzo Abatellis, di 34 del museo di arte moderna di Palermo, di 13 della Villa romana del Casale. La regione ha annunciato da tempo un piano di razionalizzazione del lavoro dei dipendenti dei musei e dei siti di beni culturali ma la prima mossa fatta è quella delle chiusure nei festivi. Gelardi dice di aver chiesto ai responsabili dei vari siti un piano per la turnazione dei dipendenti e non avendo ricevuto risposta ha stilato le turnazioni che prevedono la chiusura la domenica: «Non avevo altra scelta per garantire l'apertura nel periodo estivo».

"Gesto ignobile e perseguibile per legge ai danni della colonia felina allocata nel giardino del Centro Studi". La lettera della dottoressa Gulotta

Egr. Direttore,
scrivo per manifestare il mio sdegno e l'incredulità per quanto accaduto nel giardino del Centro Studi dove, risaputamente, vive una colonia felina curata amorevolmente da Norma e Lucia, volontarie dell'associazione Eolo a 4 zampe.
Ieri, come tutti i giorni, recandosi sul posto, per dar da mangiare e dar cura ai gatti, Norma e Lucia si sono ritrovate una scena alquanto inquietante: il tetto di una cuccia ed un trasportino presi di mira da qualche "ragazzino di buona famiglia"!
Scrivo ragazzino poichè l'incoscienza di un'età immatura può indurre a tanto per non pensare ad un gesto adulto!
Scrivo di "buona famiglia" poichè ironicamente non posso e non voglio pensare che ancora oggi in una famiglia ci possano essere sentimenti di crudeltà verso gli animali! Vorrei poter sperare ad un evento unico che mai potrà ripetersi e non lascio la speranza di immaginare un paese civile nel quale il rispetto per gli animali non sia solo di pochi cittadini!
I botti di capodanno, che personalmente non condivido, lanciati con l'intento di far male e spaventare, di certo dalla mano che li ha lanciati rappresentano un gesto di ignobile e perseguibile dalla legge (legge 189 del 2004 art. 544 ter).
Questo è l'inizio di un nuovo anno e... dei buoni propositi!
Laura Gulotta

Chiusura Ospedale di Lipari. Il Ministero della Salute risponde alla nota di Biviano (PD) : "Al momento non è stata assunta alcuna decisione"

Egregio Dottore, con riferimento alla Sua nota del 16/12/2013, su indicazione del Direttore Generale, Dott. Francesco Bevere, si trasmette, per opportuna conoscenza e per ogni utile valutazione, il comunicato stampa allegato.
"Ci troviamo ancora una volta costretti a smentire numerosi organi d'informazione che da giorni divulgano notizie destituite di ogni fondamento in merito al taglio di ospedali sul territorio nazionale. La materia è attualmente al vaglio della conferenza Stato-Regioni, farà parte del Patto della Salute, nessuna delle proposte in discussione contiene i dati pubblicati in questi giorni e al momento non è stata assunta alcuna decisione dal Ministero".

Concorso internazionale Vincenzo Bellini per cantanti lirici. Terzo posto per il baritono liparese Giovanni Tiralongo

Si è conclusa, con il “Concerto dei vincitori” al Teatro Politema di Palermo, la 44^ edizione del “Concorso internazionale Vincenzo Bellini per cantanti lirici”, manifestazione organizzata dall’associazione Amici della musica di Caltanissetta, che ha portato in Sicilia ben 52 cantanti provenienti da Danimarca, Cina, Corea del Sud, Giappone, Russia, Polonia, Romania, Uzbekistan, Australia e Canada.
Assegnati, al termine della finale di giovedì al teatro Margherita di Caltanissetta, sei secondi posti e sette terzi posti “ex aequo”. La giuria, presieduta quest’anno dal tenore Pietro Ballo, ha assegnato i secondi posti al tenore Kim Dong Niuk  (Corea del Sud), al baritono Lim Bong Suk (Corea del Sud), al tenore Maria Francesca Mazzara (Italia), al tenore Francesco Paolo Vultaggio (Italia), al basso Zhang Maolin (Cina) e al tenore Zhang Yu Fang (Cina), mentre i terzi premi sono andati al soprano Cristina Grigoras (Romania), al soprano Kim Eun Hee (Cina), al tenore Kim Han Mo (Corea del Sud), al soprano Noemi Muschetti (Italia), al soprano Angelica Mecu Salomon (Romania), al baritono Giovanni Tiralongo (Italia) (nella foto) e al soprno Xu Han (Cina). Non ancora assegnati i primi premi nonché i premi ” Maria Callas” e “Giuseppe Verdi”.  Ad accompagnare i cantanti nelle due serate finali è stata l’Orchestra sinfonica siciliana diretta da Gaetano Colajanni.
E’ stata una bella edizione – ha commentato il patron della manifestazione, il tenore Giuseppe Pastorello – con tanti cantanti dotati, che hanno reso la vita difficile alla giuria. Le serate finali sono il coronamento di un lavoro lungo e faticoso, che ha avuto come prologo le preselezioni da me effettuate in Cina, Corea del Sud, Giappone e Russia, Paesi dove il concorso gode di grande fama. Ringrazio quanti, come il Comune di Caltanissetta, non hanno fatto mancare il proprio appoggio alla manifestazione, ma devo pure sottolineare come, dopo 44 anni, per la prima volta, sia venuto a mancare il sostegno economico della Regione Siciliana; comprendo – ha concluso Pastorello – le ragioni dettate della crisi, ma non è ammissibile che non si dia sostegno alla cultura, che deve essere considerata invece come uno dei motori della nostra economia”.

M5S VELENO PER CROCETTA “PROVINCE? ORA TUTTI A CASA”

“Crocetta si tiene le province e perde la maggioranza. Ora tutti a casa”. Non usa mezze parole, attraverso il blog di Beppe Grillo,  Giancarlo Cancelleri, coordinatore del M5S all’Assemblea regionale siciliana, torna sul “flop” subito dal governatore siciliano sabato scorso, in occasione della bocciatura della proroga dei commissariamenti delle Province.
“Si è consumato l’inciucio alla siciliana – scrive Cancelleri – fra la finta opposizione e la fintissima maggioranza”.
“Pdl e Pd con le loro allegre damigelle nuziali (Udc Lista Musumeci, Articolo 4 e Democratici riformisti)  hanno consumato lo sposalizio celebrato da un eccellente funzionario, il presidente dell’Assemblea, che non ha tenuto conto di ben 6 deputati che denunciavano di non aver potuto votare per malfunzionamento del tesserino e chiedevano di rivotare. Hanno fatto bocciare la norma di riforma delle ex province, facendo rivivere di fatto lo spettro delle elezioni provinciali. Esulteranno tutti i trombati della politica”.

Auguri da Partylandia ad Alessia Giardina, Giulia Lauricella Cincotta, Sara Geraci e Gennaro Famularo

Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno ad Alessia Giardina che compie 8 anni, a Gennaro Famularo che ne compie 5, a Giulia Lauricella Cincotta e Sara Geraci che ne compiono 10

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi

Eolienews augura Buon Compleanno a Giuseppe Saporita, Rosa Virgona, Lica Tibuleac, Francesco Cannistraci, Salvatore Paino, Bartolo Basile, Ersilia Cocco, Tindara Paino e Caterina Persiani


Silvia, Christian e Salvatore Sarpi augurano ancora Buon Compleanno a Sara Geraci e a Giulia Lauricella Cincotta

giovedì 2 gennaio 2014

È MORTO PUCCIO CORONA. ERA NATO A CATANIA. CON "LINEA BLU" AVEVA "SOLCATO" DIVERSE VOLTE IL MARE EOLIANO

È morto martedì pomeriggio, a Roma, lo storico giornalista della Rai Puccio Corona. Lo rende noto solo oggi-rispettando la volontà dei familiari- il collega e amico di sempre Paolo Di Giannantonio
Puccio Corona, che ad aprile aveva compiuto 71 anni, nel corso della sua lunga carriera in Rai è stato tra l’altro conduttore di Lineablu e Uno Mattina oltre che storico inviato di Tutto il calcio minuto per minuto e poi di Speciale Tg1.
Con Linea Blu "solcò" diverse volte il mare eoliano. L'ultima volta che lo incontrammo fu nel 1995 (allora questo direttore era un redattore dell'emittente Teleisole) quando sbarcò a Lipari in occasione del Constitutum dell'Abate Ambrogio. In quell'occasione, tra l'altro, intervistò l'allora sindaco di Lipari, Michele Giacomantonio

Pagamento della maggiorazione TARSU nel comune di Lipari. Si paga senza mora sino al 24 gennaio

A tanti abitanti del comune di Lipari è stata recapitato questo avviso di pagamento.
Esso indica come data ultima di pagamento il 16 dicembre (pena sanzioni) ma- come ci è stato evidenziato da diversi lettori- l'avviso è stato recapitato in data successiva alla scadenza.
Per capirne di più abbiamo contattato l'ufficio tributi del comune di Lipari. Qui abbiamo appreso, e lo comunichiamo ai lettori, che con la Finanziaria è stato previsto quale termine ultimo per il pagamento(senza mora/sanzione) il 24 Gennaio.
Gli avvisi riportano la data del 16 dicembre in quanto stampati prima

Scossa di magnitudo 3 nel distretto sismico Golfi di Patti e Milazzo

(Adnkronos) – Una scossa di magnitudo 3 e’ stata registrata alle 7,13 di oggi sulle coste nordorientali della Sicilia, in provincia di Messina. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete sismica nazionale dell’Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) nel distretto sismico Golfi di Patti e di Milazzo. Il sisma ha avuto ipocentro a 10,6 km di profondita’ 
Non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose.

Guardia Costiera – Operazione “Clear Label”.

La Capitaneria di Porto Guardia Costiera di Milazzo, nell’ambito di una operazione complessa di polizia marittima disposta dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto denominata “Clear Label”, ha effettuato una intensa attività di vigilanza e controllo in materia di pesca marittima dal 2 al 31 dicembre 2013. I militari della Capitaneria di porto di Milazzo e dei dipendenti Uffici di Lipari e Sant’Agata di Militello, hanno espletato i controlli in materia di pesca marittima e lungo la filiera commerciale del prodotto ittico, effettuando controlli quotidiani con verifiche, a mare attraverso l’impiego dei dipendenti mezzi navali ed a terra con controlli ed ispezioni presso i punti di sbarco, ovvero negli esercizi commerciali al dettaglio, presso le rivendite all’ingrosso di prodotto ittico, ai mezzi di trasporto, ai ristoranti etc..
Durante l’attività sono stati effettuati controlli incrociati, finalizzati ad accertare gli adempimenti previsti in materia di rintracciabilità da parte degli operatori del settore ittico. Detta attività ha portato all’accertamento di numerosi illeciti amministrativi relativi in particolare alla mancata registrazione sull’apposito portale del Ministero, da parte degli operatori del settore responsabili della prima immissione sul mercato dei prodotti della pesca, ovvero della mancata emissione dei documenti previsti per la rintracciabilità.
Durante l’operazione in parola è stata, inoltre, intensificata l’attività di contrasto al fenomeno dell’ambulantato, concretizzatasi nell’accertamento di numerose violazioni alle vigenti normative in materia di tracciabilità del prodotto ittico e di corretta prassi igienico sanitaria, quest’ultima attraverso il coinvolgimento del servizio veterinario della competente ASP, ha portato al sequestro di circa 130 Kg. di prodotto ittico.
Nell’operazione di che trattasi si è, inoltre, effettuata una attività di contrasto alla pesca ricreativa esercitata in maniera illegale, sanzionando la detenzione e l’utilizzo di attrezzi da pesca non consentiti (n.1 palangaro, e circa 2.500 mt. di reti da posta fissa e reti a circuizione).
In merito alle barche che esercitano la pesca professionale è stato espletato un mirato controllo agli strumenti da pesca utilizzati, alla composizione degli equipaggi, alla regolare tenuta dei documenti di bordo, ed al rispetto dei divieti vigenti in materia di pesca marittima. Sono state, altresì, effettuate ispezioni ai principali stabilimenti CE che operano nell’ambito della giurisdizione, espletando in tale contesto anche gli accertamenti e verifiche in materia di rispetto delle misure minime degli esemplari commercializzati. Nell’ambito dell’operazione sono stati effettuati complessivamente n. 257 controlli a seguito dei quali sono stati accertati n. 50 illeciti amministrativi e n. 2 illeciti penali, sono stati effettuati, inoltre, n. 15 sequestri amministrativi e n. 2 penali. Si evidenzia, infine, che l’importo complessivo delle sanzioni amministrative irrogate ammonta ad Euro 68.649

Da Partylandia auguri ad Alessandra Merlo

Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno ad Alessandra Merlo che oggi compie 18 anni

Auguri a...Barbara Barbuto

Il direttore di Eolienews augura Buon Compleanno alla nipote Barbara

Come eravamo. Portieri del glorioso CS Lipari: Nicola Puleo e Bartolino Famularo

La foto è scattata al vecchio comunale di Santa Lucia prima di Lipari-Rosolini del 1967. Puleo era il titolare, Famularo il n°12

RESIDUI ATTIVI, 15 MILIARDI ENTRATE BALLERINE SOTTO ESAME

Alla fine la finanziaria è stata varata. E’ una nave che esce dal bacino di carenaggio senza la bottiglia di spumante, lanciando schizzi di acqua fredda in faccia a coloro che l’hanno messa sul “binario”. E c’è chi vorrebbe fermarla prima che tocchi la superficie del mare e galleggi, tormentato dal sospetto che faccia acqua e il carico della sentina sia eccessivo. Solo un attimo, prevale l’euforia: finalmente, bene o male, è fatta.
La finanziaria della Regione siciliana è tradizionalmente un parto complicato. Le doglie durano settimane e alla fine ci vuole il cesareo, non è mai un concepimento naturale. E quest’anno non fa eccezione.
Messa in mare la nave, però, non può ancora navigare. Deve attraversare il collo di bottiglia, rappresentato dal controllo del commissario dello Stato, è ancorata al “patto di stabilità”, una specie di cintura di castità, e riceve perciò una vigilanza stretta.
Il guardiano della nave, in Sicilia, è appunto il Commissario dello Stato. Che non è Caron dimonio con gli occhi di bragia, ma un coscienzioso funzionario prefettizio che è stato demandato il compito di correggere i compiti dei deputati regionali, piaccia o non piaccia. In più, questa volta, c’è un convitato di pietra, la Corte dei Conti, che ha avviato una indagine sui residui attivi del bilancio della Regione siciliana. Sono ben quindici miliardi di euro che danzano, anno dopo anno, sotto gli occhi dei vigilantes, e non si capisce dove andranno a parare.
Le entrate sono La spada di Damocle, dunque. Quelle vere e le altre, meno vere: paletti di sostegno ad una impalcatura che sta in piedi per virtù dello Spirito Santo. La tentazione di sganciare i paletti e lasciare che il Palazzo resti in piedi con il suo cemento armato arrugginito o finto, c’è ed è grande, ma una volta presa la decisione, che succederebbe? Il crollo, i detriti che tracimano, la polvere che soffocherebbe tutto e tutti.
I parametri sono perciò quelli dell’emergenza, della cautela, delle procedure di raffreddamento, del cammino di Santiago di Compostela: saggezza, fede e buone pratiche. Bacchettate alle furbizie, una mano alla buona volontà.
Il collo è stretto, come s’è sopra segnalato, ma bisogna entrarci, attraversarlo e uscirne. Non c’è niente da fare. La nave va e il triangolo delle Bermude resta all’orizzonte.

Buon Anno 2014 da Ramona Parisse che interpreta Nobody's Perfect

mercoledì 1 gennaio 2014

Auguri Don Gennaro. Mons. Divola ha festeggiato oggi il suo 84° compleanno


Don Gennaro Divola ha spento oggi l'ottantaquattresima candelina di una vita trascorsa in larghissima parte al servizio della Chiesa e della comunità di Canneto in particolare (dove è arrivato il 24.1.59).
Attorno a lui si è stretta l'intera comunità parrocchiale grata per tutto ciò che, nel tempo, Don Gennaro ha fatto e continua a fare per la Chiesa di Canneto sia dal punto di vista strutturale (come dimenticare l'impegno profuso per "trasformare" la chiesa di San Cristoforo e il suo impegno affinchè questa venisse elevata a Basilica minore) che da quello pastorale e spirituale.
A Don Gennaro, che nelle foto vediamo in occasione della celebrazione del suo 60° di sacerdozio e in una foto di gruppo dove è presente anche Don Lillo (che da qualche mese lo affianca), vanno gli auguri più sentiti e affettuosi da parte del direttore di Eolienews e di tutti i collaboratori


Personaggi che non ci sono più: Turi Alivu

IL GOVERNO ARRANCA, MA CROCETTA HA LA SUA “ARMA LETALE”

La battaglia non è alle spalle, anzi. L’aveva infilata in finanziaria, la riforma delle partecipate, ma ha dovuto ritirarla, dovrà riproporla a parte, mentre in commissione Bilancio cade il taglio del salario del 10 per cento di tutti i dirigenti della sanità pubblica e l’articolo che prevedeva un costo ridimensionato per la vendita degli alloggi popolari. L’Ars insomma, corregge, lima, rinnega, in qualche caso, restaura. Manipola e ridimensiona l’idea del governo. In parte era messo in conto, in parte no.
Ma riportiamo indietro il film. “Con il voto di oggi è finita la maggioranza che ha eletto Crocetta e il governatore ne prenda atto. La maggioranza oggi si è liquefatta nel segreto dell’urna”. Il commento di Giuseppe Castiglione alla vicenda d’aula che ha portato alla bocciatura della proroga dei commissari delle Province è compiaciuto quanto basta. Non va oltre, non attacca. È composto. Rileva. Constata. Non affonda. In passato lo scambio “istituzionale” di cortesie, è stato non frequente, ma puntuale. Ncd, la forza che sta alla finestra a Roma ed a Palermo.
Se ci sarà un “tutti dentro”, l’arma segreta del governatore finalizzata anche a contenere un eccesso di velleità del suo partito, il Pd, Castiglione “si sacrificherà”. Crocetta, il governatore che, secondo alcuni, cavalcherà nei prossimi mesi la logica del “tanto peggio tanto meglio”, l’uomo che sfugge ad ogni maggioranza organica, l’uomo che non la vuole. Troppi vincoli, troppi accordi, poco spazio per l’agire ”rivoluzionario”.
Entrando in sala stampa un deputato di FI, mascherando un sorriso contenuto dopo il voto del ko su proroga dei commissario delle Province, si lasciava scappare: ”Questa legge sarà il punto di non ritorno o passa o sarà lo stesso Crocetta a chiedere di fare un governo con chi ci sta”.
Lui, Crocetta l’indomito sfibrato, ha utilizzato l’energia nervosa rapidamente. Sprofondato nella sedia, dopo il voto contrario di sabato, ha subìto il conteggio dopo essere andato al tappeto, mentre i suoi occhi rapidissimi fiutavano al volo l’opportunità dell’ennesima denuncia-attacco al sistema di ieri che non muore oggi, la sua formidabile tecnica di difesa. Continuerà a farlo anche in queste ore, ma sarà dura.
Il voto che entro 45 giorni dovrà dire se sulle Province ha ragione Crocetta o Musumeci, viene caricato di un significato che va oltre le cose. Cade, con eccesso di casualità, nello stesso periodo del rimpasto tanto annunciato quanto rinviato. I rapporti di Crocetta con D’Alia sono al minimo storico.
La finanziaria smantellata, è un altro sintomo. L’occasione persa, come la definisce il presidente, riferendosi ai grillini, di governare insieme, non è un’idea riproponibile. Insomma è il momento, per tutti, di transitare dalle parole ai fatti. O di tacere tutti insieme. Nell’imbarazzo generale di una caduta che non risparmierebbe nessuno.
E qui arriva “l’arma letale”, neanche tanto segreta, che Crocetta ha riposto con cura il giorno in cui è stato eletto. Le dimissioni. Da sbandierare, da agitare, da rimuovere e poi, ancora da riprendere. Fare un passo concreto, dallo “spauracchio” all’ipotesi. Bluffare in attesa che qualcuno venga a vedere le sue carte, puntando ad improbabili rilanci. Ogni bluff però, ha le sue probabilità di rischio. Ecco che le parole di Castiglione suonano più chiare, meno sibilline. Accordo istituzionale di lungo periodo o aut aut?
La fotografia di un tiepido sabato di dicembre all’Ars, è quella di una classe politica siciliana intorpidita tra “cortigiani e maddalene pentite”, nelle parole di Musumeci, alle prese con un governatore che ha da perdere, forse meno di tutti gli altri. Ad uno, singolarmente, e complessivamente. Chissà se domani i cortigiani aumenteranno ancora.

Etna ed altri vulcani. Il controllo dell'attività anche attraverso i dati satellitari

Utilizzare i dati dei satelliti per la rilevare possibili risalite di magma che “annunciano” l’attività eruttiva all’Etna. Questo lo studio pubblicato su Scientific Reports di Nature e realizzato congiuntamente dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) e l’Agenzia spaziale italiana (Asi).
Lo studio della struttura interna di un vulcano e del suo funzionamento sono alla base dei tradizionali studi vulcanologici. I dati analizzati sono quelli raccolti sulla superficie del vulcano, sulla lava, sui gas e sulle ceneri. Il nuovo studio del Cnr, Ingv e Asi si concentra invece, da un lato sulle misure della deformazione del suolo, calcolate utilizzando dati di radar satellitari come Ers/Envisat e Cosmo-SkyMed, e dall’altro sulle informazioni sulle piccole variazioni del campo gravitazionale misurate in prossimità della superficie del vulcano.
“Uno degli strumenti più importanti per la comprensione dei fenomeni che avvengono in profondità è lo studio delle deformazioni della superficie terrestre – spiega Eugenio Sansosti del Cnr -. Deformazioni del suolo anche molto piccole, fino ad un centimetro, possono essere misurate dallo spazio utilizzando sensori radar ad apertura sintetica, chiamati Sar, montati a bordo di satelliti”.
È per questo che l’Etna è costantemente monitorato dai satelliti della costellazione dell’Asi Cosmo-SkyMed che dal 2009 acquisiscono con estrema regolarità, sul vulcano italiano. Piccole variazioni della superficie terrestre sono l’effetto misurabile di vari processi geofisici, spesso complessi e sovrapposti. Tuttavia, nonostante l’estrema precisione delle tecniche Sar satellitari, non sempre fenomeni importanti, quali la risalita di magma in un vulcano, danno luogo a deformazioni del suolo significative.
“È proprio in questi casi che l’integrazione con altri dati fornisce i risultati più interessanti – prosegue Sansosti -. Nel nostro lavoro, in aggiunta ai dati Sar, abbiamo utilizzato dati gravimetrici raccolti dall’Ingv. Con tali dati, che misurano le variazioni del campo gravitazionale, è possibile avere una stima delle masse magmatiche presenti sotto la superficie del vulcano. Questo permette di individuare fenomeni di risalita del magma anche se non causano deformazioni del suolo misurabili”.
Un lavoro che apre nuove prospettive per la comprensione del funzionamento dei vulcani. La risalita di magma, tuttavia, non è l’unico fenomeno che causa variazioni della superficie terrestre e del campo gravitazionale. “In un sistema vulcanico così complesso come l’Etna, molti sono i fattori che influenzano questi parametri – spiega Gilda Currenti dell’Ingv -. La capacità di creare nuovi modelli numerici che permettano, mediante simulazioni al computer, di separare i diversi fenomeni che avvengono contemporaneamente, permetterà di capire con maggiore precisione quando il vulcano inizierà una nuova fase eruttiva”. Ed è questa la sfida per il futuro.
Questo studio è stato co-finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana tramite il progetto Sar4Volcanoes che ha anche messo a disposizione i dati Sar acquisiti dai satelliti Cosmo-SkyMed. Per favorire la conoscenza dei fenomeni vulcanici, l’Asi aderisce all’iniziativa internazionale Supersites, mettendo a disposizione della comunità scientifica internazionale i dati della missione Cosmo-Skymed su alcuni vulcani nel mondo come Hawaii e Islanda.

da Siciliainformazioni IL VIA LIBERA AI FONDI PER LA CULTURA ECCO I FINANZIAMENTI: SCHEDA

La delibera della Giunta Regionale n. 394 del 9/12/2103 e successive modifiche e integrazioni (disponibile integralmente nel sito web dell’Ufficio delle Segreteria di Giunta) ha destinato all’Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana risorse per complessivi € 1.616.323,00, da ripartire tra i  richiedenti contributi ai sensi dell’avviso di cui al decreto del 28 agosto 2013 del Segretario Generale (GURS del 6 settembre 2013, parte prima, n. 41).
Le richieste pervenute sommavano importi stimati ammissibili per oltre 4 milioni di  euro, relative a 63 soggetti valutati come finanziabili. I soggetti richiedenti e relativi programmi di attività sono stati preliminarmente valutati da una commissione nominata dall’Assessore, secondo la previsione del citato decreto. La commissione, al termine dei lavori, ha elaborato due elenchi di soggetti ammissibili a contributo: a) un primo elenco riguardante i soggetti aventi priorità in quanto destinatari di precedenti espresse norme regionali di riconoscimento di specifici contributi; b) un secondo elenco riguardante altri soggetti istanti. Entrambi gli elenchi hanno compreso soggetti qualificati al minimo con punti 70 di valutazione, ovvero il punteggio minimo per accedere al contributo. Per quanto attiene la quantificazione del contributo si è proceduto in aderenza a quanto previsto dal citato decreto, in misura proporzionale alle risorse assegnate ed al punteggio ottenuto, modulando l’entità del finanziamento secondo i seguenti criteri:
- il 60% per punteggi tra 100 e 95; il 50% per punteggi di 90; il 30% per punteggi tra 85 e 75; il 28% per punteggi di 70, rispetto all’importo massimo
- un tetto massimo € 200.000 per soggetto richiedente;
- una premialità del 10% a soggetti titolari di museo fruibile.
L’adozione di tale modalità di modulazione del contributo ha consentito:
• di evitare l’individuazione di poche o pochissime istituzioni beneficiarie, a fronte dell’oggettiva limitatezza del fondo finanziario, con la conseguenza di scongiurare la fine di molte attività culturali, nonché l’aggravamento di meccanismi di crisi i cui sviluppi avrebbero potuto incidere negativamente sia sulla consistenza qualitativa e quantitativa dell’offerta culturale in Sicilia sia sulla stessa esposizione della Regione;
• di interpretare con incisività la ratio dell’avviso, ampliando i beneficiari, fino a 48 (40 già destinatari di precedenti espresse norme regionali di riconoscimento di specifici contributi, quindi con priorità, più 8 non rientranti tra questi ultimi, senza priorità, cui è stato assegnato un contributo al 22% circa) in assoluta aderenza con quanto previsto nell’avviso stesso sia per quanto attiene a tutti i soggetti valutati prioritariamente, sia ad altri soggetti che non hanno una legge regionale di riferimento ma hanno ottenuto punteggi di tutto rilievo;
• di sostenere, con la premialità del 10%, in modo più consistente i soggetti che possiedono spazi espositivi aperti al pubblico con conseguente riconoscimento di parte delle spese connesse di gestione
“Ho sempre pensato – commenta l’assessore Mariarita Sgarlata – che la tabella H sia un non sense che ha creato una casta di fondazioni, enti e associazioni che hanno goduto, spesso immeritatamente, di fondi regionali mentre sono rimaste fuori attività di nuova formazione che avrebbero meritato una diversa considerazione. L’esito del lavoro della commissione mi consente di correggere il mio punto di vista dato che le valutazioni sono andate nella direzione meritocratica che avevo auspicato. L’esiguità del fondo assegnato alle attività culturali (solo €. 1.616.323,00) ha suggerito di applicare interventi correttivi che, nella distribuzione dei contributi, evitassero di concentrare le risorse su pochi, garantendo comunque un sostegno che, pur non rispondente alle aspettative dei richiedenti, di fatto non penalizza nessuno di quelli che hanno ottenuto punteggi alti. Al tempo stesso, mi è sembrato opportunonon limitare il contributo solo ai soggetti richiedenti aventi priorità, come le scarse risorse avrebbero consigliato, ma estenderle ai primi otto della graduatoria dei soggetti non protetti da una legge regionale e comunque promotori di attività culturali di altissimo livello”. Per visualizzare la TABELLA H cliccare su questo link
http://www.siciliainformazioni.com/wp-content/uploads/2013/12/TABELLA-H.pdf

Rai: Silvana Polizzi capo Tgr Sicilia

Silvana Polizzi sarà il nuovo capo redattore della Tgr Sicilia. La sua nomina è stata proposta dal direttore della Tgr, Vincenzo Morgante. Silvana Polizzi, messinese, 59 anni, laureata in Scienze Politiche, è componente della redazione siciliana della Rai dal 1988 dove ha svolto vari ruoli. Per alcuni anni è stata prima corrispondente da Messina e quindi redattrice del giornale L'Ora.

PROVINCE, SE SALTA LA RIFORMA TUTTI A CASA. E L’ARS PERDE LA FACCIA

L’Assemblea regionale siciliana ed il governo della Regione hanno l’opportunità di perdere la faccia, definitivamente, entro un breve lasso di tempo. Ce la faranno a coglierla? Un’occasione irripetibile gli viene offerta dal disegno di legge sull’abolizione delle Province e la nascita dei liberi consorzi di Comuni. La Sicilia, infatti, è antesignana, nell’era repubblicana, di un lucido disegno riformatore degli ambiti territoriali. I padri costituenti dell’autonomia, con grande lungimiranza, vollero che nello Statuto speciale fossero abolite prefetture e amministrazioni provinciali e le questure dipendessero dal presidente della Regione, Capo della polizia.
La permanenza delle province nell’unica Regione che non le prevede nel suo statuto speciale meriterebbe alcune righe nei libri di storia, l’ultimo capitolo di un percorso a ritroso cominciato mezzo secolo fa.
Le Province hanno subito un maquillage dopo 40 anni e sono rimaste quelle disegnate da Benito Mussolini, i presidenti della Regione non sono mai stati capi della polizia, ma sono finiti in galera o si sono trovati sulla soglia delle carceri per loro meriti personali; i prefetti ci sono ancora e contano più di prima. Anzi, ad onor del vero la Sicilia ne ha uno in più rispetto alle nove Province, il decimo è commissario dello Stato e conta di più del parlamento regionale, dato che gli fa le bucce seduta dopo seduta, a buon ragione qualche volta.
Ma tutto questo è niente rispetto a ciò che l’Assemblea è sul punto di scodellare nei prossimi mesi. Dopo avere gridato ai quattro venti che in Sicilia, prima che altrove, la Sicilia avrebbe abolito le Province rispettando finalmente la sua carta costitutiva, e avere fatto una legge all’uopo, qualche giorno fa con uno scarto di un voto, ha bocciato la proroga dei nove commissari che amministrano in gestione straordinaria le amministrazioni provinciali per traghettare l’Isola verso la riforma. Il tritolo dopo avere scavato le fondamenta del palazzo.
La proroga non boccia la legge che abolisce le province, ma crea le condizioni perché ciò avvenga. Se entro i prossimi mesi, infatti, l’Assemblea non dovesse approvare il nuovo assetto territoriale, si tornerà a votare per i consiglieri provinciali ed il presidente della Provincia. E la Regione siciliana rimarrebbe l’unica, in Italia, a mantenere le province (che però, qui si chiamano regionali, e quindi è come se fossero un’altra cosa).
La Sicilia, in caso di bocciatura della legge che abolisce le province, non perderebbe tuttavia solo la faccia – non sarebbe un trauma – ma andrebbe a nuove elezioni, essendo difficile sopravvivere ad una puttanata di tale portata storica, visto che nell’Isola, non altrove, sono nati i liberi consorzi di comuni. La marcia del gambero è consentita ovunque, ma non nell’Isola, costituendo un’abiura, clamorosa, dello Statuto e dell’autonomia speciale.
È vero che la Regione siciliana si è giocata gran parte della credibilità per il modo ignobile con il quale ha usato le competenze speciali, usando lo Stato per ottenere privilegi di casta, ma questo non giustifica affatto che la china debba essere percorsa fino in fondo e trascinare la storia dell’Isola verso la pagina peggiore, il non-ritorno.
C’è chi nega che si tratti la bocciatura della proroga sia da annoverare come una questione politica, la fisiologica conseguenza di uno scontro fra fazioni interne ai partiti, o fra maggioranza ed opposizione, o governo e parlamento. Si tratterebbe di una trasversale resistenza al cambiamento, vecchia storia, che trova epigoni in tutti gli schieramenti politici. Una asserzione che lascia le cose come stanno e non fa capire niente.
C’è chi, invece, gettando il cuore contro l’ostacolo, si schiera a favore del vecchio assetto provinciale senza sentirsi né un traditore né un troglodita, addirittura reputando di dare il meglio di sé.Nello Musumeci, antagonista di Crocetta nelle ultime regionali, e leader solitario dell’opposizione di centrodestra, seguace di Storace, ha detto chiaro e tondo che “l’abolizione delle province all’Ars non la vuole nessuno, ed è bene che questa verità venga fuori”. E per spazzare via i dubbi che attanagliano coloro che guardano ai costi della politica, propone che gli eletti – direttamente dal popolo, come prima – svolgano la loro attività a titolo gratuito. E alle famiglie degli eletti chi le campa? Qualcuno ha chiesto, inascoltato.
Le balle, colossali, si sprecano. E le furbizie, naturalmente. Musumeci va capito – le Province sono un segno inequivocabile del Ventennio – ma gli altri? L’abolizione delle Province è diventato il momento topico per la resa dei conti. Rosario Crocetta, esasperato, denuncia: “C’è chi gioca sporco, vogliono mantenere i privilegi”.
Ce l’hanno in tanti con lui e con tutto ciò che fa, ma lui una mano, ai suoi detrattori in servizio permanente, la concede con generosità. Come la storia della quarta area metropolitana, che non sta né in cielo né in terra. Il governatore ci mette buona volontà nell’offrire pretesti e alibi, sicché tutto finisce dentro una cortina fumogena, nella quale non è facile distinguere favorevoli, contrari e dubbiosi, a causa delle polemiche, botta e risposta, agguati, proclami e controproclami. Roba da Cottolengo, che viene la voglia di prendere il primo aereo e trasferirsi in Guinea-Bissau, dove si combatte ma almeno si capisce come stanno le cose, dove sono i nemici e dove gli amici.
Anche le suorine di Maria Addolorata, in convento giorno e notte, si sono persuase che questa storia delle Province ormai va portata a conclusione con un poco di buonsenso, perché tornare indietro o imbrogliare le carte diverrebbe un caso nazionale, e farebbe tale di quel danno, che i figli ed i figli dei figli di coloro che combinano la frittata dovrebbero cambiare le generalità per sopravvivere alla gogna mediatica, prevedibilmente così intensa e feroce.

Auguri a...

Eolienews augura Buon Compleanno a Massimo Ristuccia, Katiuscia Cavallo, Giampiero Di Marco e Katia Cortese

martedì 31 dicembre 2013

L'impegno dell'Associazione Borgata Lami e la solidarietà della gente di Lipari portano 2.060 euro alla "Navetta del sorriso"

 Noi dell’Associazione Borgata Lami vogliamo ringraziare tutti quelli che hanno contribuito per questo Natale, all’azione di solidarietà che ci ha visto impegnati a sostenere il progetto dell'Associazione Salus D’Agostino “La navetta del sorriso”, che trasporta gratuitamente pazienti eoliani chemioterapici all'ospedale di Taormina.
La cifra raccolta è stata di 2.060,00 € ed è già stata versata all’Associazione Onlus Salus D’Agostino.
In un periodo difficile, la generosità della gente dell’isola di Lipari ha saputo, ancora una volta, andare incontro a chi veramente bisogno di aiuto.
E’ questa anche l’occasione per gli auguri più sinceri che mi sento di fare.
Di fronte a questo momento particolare di difficoltà e di crisi, auguro, oltre ad ogni bene, di ritrovare quel sentimento prezioso e vitale: la solidarietà.
Che sia un 2014 dove sempre meno le persone possano sentirsi sole.
Più solidarietà e meno indifferenza.
Buon anno a tutti.
Saverio Merlino
Presidente Associazione Borgata Lami

Natale 2013: Il presepe vivente dei Cantori Popolari delle Eolie nelle foto di Massimo Bonfante (Parte decima e ultima di 10)






 Le fotografie si ingrandiscono cliccandoci sopra

Natale 2013: Il presepe vivente dei Cantori Popolari delle Eolie nelle foto di Massimo Bonfante (Parte nona di 10)







Le foto si ingrandiscono cliccandoci sopra

Natale 2013: Il presepe vivente dei Cantori Popolari delle Eolie nelle foto di Massimo Bonfante (Parte ottava di 10)





Le fotografie si ingrandiscono cliccandoci sopra

Scossa tellurica fra i golfi di Patti e Milazzo. Trema anche il Tirreno meridionale

Una scossa tellurica, di magnitudo 2.7, è stata registrata stamani, ad una profondità di 118.9 km., dai simografi dell'INGV alle 02.43 fra i golfi di Patti e Milazzo.
Un'altra scossa alle 7 e 44, di magnitudo 3.3, è stata registrata nel Tirreno Meridionale ad una profondità di 9,5 km.

Natale 2013: Il presepe vivente dei Cantori Popolari delle Eolie nelle foto di Massimo Bonfante (Parte settima di 10)



 Le foto si ingrandiscono cliccandoci sopra

ARDIZZONE: “EVITATO UN DANNOSO ESERCIZIO PROVVISORIO”

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, esprime apprezzamento ai componenti della Commissione Bilancio e agli uffici dell’Ars per la maratona no-stop che ha portato all’approvazione della legge di stabilita’. “Nonostante il ritardo, per motivi oggettivi, con il quale i documenti sono arrivati in Assemblea – afferma Ardizzone in una nota – il lavoro serrato della Commissione ha consentito di incardinare la manovra finanziaria in Aula entro il 31 dicembre, evitando cosi’ un dannoso esercizio provvisorio”.
“Niente per lo sviluppo e per le imprese, i soliti favori agli amici degli amici”. Il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle all’Ars boccia la Finanziaria che si avvia alla maratona dell’Aula e la bolla come “la peggiore delle manovre possibili”. “Dopo il suk dell’anno scorso – affermano i deputati 5 stelle – siamo alle svendite, alle elemosine ed alle questue di quest’anno. Una finanziaria che ci aspettavamo fosse di rigore e sviluppo, con aiuti alle imprese in difficolta’ ed ai molti lavoratori ormai posti ai margini del mondo produttivo, e’ in realta’ una spartizione di elemosine e prebende per amici ed amici degli amici. Dopo le ultime vicende legate alla bocciatura delle proroghe ai commissari delle Province e’ chiaro che questo governo e’ ormai alla frutta e per garantirsi una maggioranza, quale essa sia, in grado di approvare questa finanziaria, si e’ adoperato nell’impresa di rincorrere i deputati uno ad uno, ricorrendo all’unico sistema che la politica e’ in grado di comprendere: regalie, prebende ed elemosine, finalizzate ad assecondare interessi personali e particolari a dispetto del bene comune e dell’interesse collettivo”. Dalla seconda commissione sono usciti indenni solo sette-otto emendamenti targati 5 stelle sui 180 presentati, tra cui quello che promuove strumenti di democrazia partecipata o quello che prevede l’istituzione di consorzi sociali tra persone svantaggiate, cui affidare la coltivazione di terreni con finalita’ solidaristiche. “Ma ne sono stati bocciati altri molto importanti – affermano i deputati del Movimento – come quello che prevedevano contributi per la stipulazione di contratti di solidarieta’ tra lavoratori e accordi sindacali tra imprese e lavoratori per evitare l’interruzione o la sospensione di rapporti di lavoro”.

Natale 2013: Il presepe vivente dei Cantori Popolari delle Eolie nelle foto di Massimo Bonfante (Parte sesta di 10)





Le  foto si ingrandiscono cliccandoci sopra

Auguri a..

Eolienews augura Buon Compleanno a Claudia Campagna, Eleonora Di Giglio, Ivan Ferlazzo, Valentina Agrip e Gaetano Giuffrè

Filicudi, ladri rubano piatti e alcolici da un ristorante

Il ristorante “Invidia" di Filicudi, di proprietà di Maria Grazia Virgona e Vanessa Micco, è stato preso di mira dai ladri che hanno rubato piatti, alcolici e materiale vario
Sull’episodio indagano i carabinieri. 

Sotto la pioggia. L'ultimo dell'anno alle Eolie

Ultimo giorno dell'anno decisamente  bagnato nelle  Eolie. Così come d'altronde era nelle previsioni. Dalla tarda serata di ieri, sino al momento in cui scriviamo. piove quasi ininterrottamente. Per fortuna non violentemente.
Le previsioni per il resto della giornata (l'augurio è che "saltino") non sono delle migliori.

lunedì 30 dicembre 2013

Milleproroghe. Saltano accise tabacchi e tassa sbarco isole (da www.tgcom24)

Pubblichiamo la notizia riportata su:
 http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/2013/notizia/milleproroghe-ok-colle-ai-2-decreti_2018266.shtml
Saltano accise tabacchi e tassa sbarco isole - Nella nuova formulazione del decreto Milleproroghe in due distinti provvedimenti saltano le norme relative alle accise sui tabacchi e alla tassa di sbarco sulle isole minori fino a un massimo di 2,50 euro. E' quanto emerge dal comunicato di Palazzo Chigi che illustra i due decreti.

Donna investita a Canneto all'uscita dalla Basilica di San Cristoforo

Incidente, circa trenta minuti fa a Canneto. La signora F.F. è stata investita da un'auto nella piazza di Canneto. La donna stava uscendo dalla Basilica di S. Cristoforo e stava attraversando la strada. 
Per fortuna il conducente dell'auto viaggiava a velocità minima. 
La donna, finita a terra, è stata soccorsa dai presenti che hanno allertato l'ambulanza del 118, giunta prontamente in zona.
La donna, trasportata all'ospedale di Lipari, a quanto pare non avrebbe riportato fratture o lesioni gravi. 

Allerta Meteo Sicilia: sarà una Vigilia di Capodanno sotto il diluvio, piogge anche giorno 1

Il maltempo è arrivato in Sicilia nelle ultime ore, puntuale come un orologio svizzero, e sta provocando forti piogge nelle zone occidentali e in quelle tirreniche. Questi i parziali pluviometrici odierni più significativi: Cinisi43mm, Carini 39mm, Brolo 27mm, Cefalù 26mm, Palermo 25mm, Capo d’Orlando 17mm, Trapani16mm, Partinico 15mm, Marsala 14mm. Nelle prossime ore il maltempo si estenderà a tutta l’isola con forti piogge soprattutto nel messinese tirrenico e nelle zone sud/orientali, tra catanese, ragusano e siracusano, dove nella mattinata di domani avremo veri e propri nubifragi con piogge torrenziali.
Sarà una Vigilia di Capodanno sotto il diluvio su gran parte dell’isola a causa del transito di una goccia fredda in quota proprio sulla Sicilia, da nord/ovest verso sud/est. Il maltempo persisterà anche mercoledì 1 gennaio, nel giorno di Capodanno, in modo particolare nelle zone tirreniche tra palermitano e soprattutto messinese. Sui rilievi cadrà copiosa la neve ma solo in montagna, oltre i 1.500 metri di quota.

DOCUMENTI CONTABILI INCARDINATI: EMENDAMENTI VENERDÌ, AULA 4 GENNAIO

Si riparte dal Bilancio e dalla Legge di stabilità. L’Ars torna a riunirsi dopo il voto a sorpresa di sabato scorso in cui, il governo regionale è andato sotto per un voto.Arrivano in aula Bilancio e legge di stabilità, dopo la maratona della commissione Bilancio, conclusasi oggi dopo oltre venti ore di lavoro.
Grillini scontenti per le misure e l’attenzione riservata alle piccole e medie imprese, e facce stanche tra i deputati che si apprestano a riprendere i lavori d’aula.
Preliminarmente il presidente della commissione Bilancio Dina ha comunicato all’Aula di volere svolgere le due relazioni, di maggioranza e minoranza, alla prossima seduta d’aula.
Pippo Gianni ha stigmatizzato il comportamento della Presidenza dell’Ars, per il ritardo di quasi due ore con cui va a cominciare la seduta. Tocca al vice presidente Salvo Pogliese di comunicare che è fissato a venerdì prossimo alle ore 16 il termine ultimo per la presentazione degli emendamenti.
Finalizzato ad una precisa richiesta di rinvio, l’intervento di Toto Cordaro: “Non è stata ne concordata né condivisa la data di presentazione degli emendamenti in oggetto, ma è inaccettabile che lo stesso termine ci venga calato dall’alto, anche se autorevolmente dalla presidenza dell’Ars. Chiedo formalmente come presidente del gruppo che si proceda alla sospensione dell’aula, contestuale conferenza di capigruppo e calendarizzazione dei lavori”.
Stessa posizione viene ribadita da Formica, capogruppo de la Destra
Assoluta coincidenza di intenti e di vedute sull’argomento per Giancarlo Cancelleri:
A Pogliese non rimane quindi fare altro che procedere alla sospensione dei lavori e alla convocazione della conferenza dei capigruppo, che ha già deciso di fissare il termine a venerdì 3 (entro le ore 16) per la presentazione degli emendamenti, e il 4 per la successiva trattazione in aula.