Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 31 dicembre 2011

Lipari. Consiglio comunale approva salvaguardia equilibri di bilancio

Il consiglio comunale di Lipari ha approvato stamattina la salvaguardia degli equilibri di bilancio per un importo di 250 mila euro. Favorevoli in 5 . Si sono astenuti in quattro.

"Lipari rialzati. Io sono fiducioso" . L'editoriale del direttore Salvatore Sarpi

Amici lettori di Eolienews, eoliani in particolare, nel pensare al titolo di questo editoriale di fine anno non ho avuto dubbio alcuno.
"Io sono fiducioso" mi è sembrato il titolo più appropriato per affrontare due argomenti ben precisi e collegati tra di loro.
"Io sono fiducioso" che queste isole sapranno, nell'anno che sta per arrivare, risollevarsi dal degrado morale e civile, dal malcostume, in cui purtroppo sono cadute. Degrado da imputare alla responsabilità di una minima parte dei loro abitanti  ma che pesa sull'intera collettività.
"Lipari rialzati", una frase che qualche tempo fa pronunciò un personaggio più importante di me, mi appare l'incitamento più normale in questo momento.
Non si può assistere impotenti, incapaci di imprimere una vera e propria inversione di rotta ad un tran tran quotidiano fatto ormai di continui, anche gravi episodi di cronaca che non rientravano, sino a tempo fa, nella cultura di queste isole e dei suoi abitanti.
Non si può restare a guardare... sino a quando non viene invaso il nostro orticello... sino a quando non viene violata la nostra casa... la nostra vita quotidiana.
Non può restare a guardare nessuno. Dai politici alla stampa, dal lavoratore precario all'impiegato, dalle forze dell'ordine ai religiosi. Ne va del futuro delle nostre isole, dei nostri figli, dei nostri nipoti, delle generazioni a venire.
Non dare una svolta adesso significa solo ed esclusivamente... scrivere una condanna per il futuro.
"Io sono fiducioso" in un impeto di "ribellione" civile che coinvolga tutti noi, non solo i cinquecento che ieri hanno sfilato per le vie di Lipari.
"Io sono fiducioso che Lipari si rialzerà" perchè il fondo è stato toccato e non ci si può adagiare su di esso... sono fiducioso... perchè ho visto tanti ragazzi e giovani intenzionati a non arrendersi di fronte a questo stato di cose.
Ed allora se bisogna rialzarsi c'è bisogno dell'aiuto di tutti... nessuno escluso. C'è bisogno di stringersi intorno alle forze dell'ordine, mettere da parte le critiche, instaurare un clima di collaborazione, ricacciare indietro quella cattiva abitudine che sta prendendo piede: "l'omertà". Un termine che non è nostro, che non ci appartiene.
E il mio secondo "Io sono fiducioso" è strettamente collegato all'operato delle forze dell'ordine su quello che non può non essere ancora l'argomento principe in queste isole: la cattura dell'assassino, degli assassini della povera Eufemia Biviano.
Lipari, come tutte le piccole comunità d'altronde, vive intensamente fatti così gravi. Ma è anche un paese strano. Un paese dove c'è chi si affanna a criticare e pensa ad una "nuova Brembate" e c'è chi, invece, vede partire nottetempo motovedette con presunti assassini a bordo; dove circolano con insistenza nomi di persone che sarebbero state arrestate o che starebbero per essere arrestate.
Non so da fonti ufficiali , ed è giusto che sia così, se gli inquirenti hanno già messo gli occhi addosso su personaggi specifici. Se i miei sospetti - che tengo per me, per rispetto delle persone e di chi sta indagando - siano fondati o meno. Ho però una certezza e per questo "sono fiducioso": le forze dell'ordine, i carabinieri nello specifico, si stanno prodigando per arrivare all'individuazione del colpevole o dei colpevoli. Non stanno tralasciando nulla, si stanno muovendo senza soste. Senza lasciare nulla di intentato per risolvere il caso al più presto.
Anche oggi vigilia del Nuovo anno sono al lavoro a Quattropani... così come in caserma... così come in giro per il paese.
La mia impressione e che abbiano imboccato la pista giusta... forse individuato anche il/i responsabile/i dell'efferato omicidio.
Ma siccome non ci serve un colpevole... ma il colpevole... mi sento di dire.. lasciamoli lavorare.
Come ha detto Don Giuseppe "Chi sa parli". Esistono mille modi per aiutare gli inquirenti. Anche se sono contrario... esistono anche le telefonate anonime..
E allora, nell'augurare alle Eolie e agli eoliani un 2012 più sereno, ricco di quella sana "ribellione" sociale e civile... di ritrovare le radici e quanto ad esse legate, non posso che invitare tutti a stringersi intorno alle forze dell'ordine.
Il mio, il vostro augurio.. in questo momento... più che mai va sicuramente a loro !
Salvatore Sarpi

Gli auguri di Saverio Merlino

Non mi aspetto chissà che cosa da questo nuovo anno....…
Ormai tutti sembrano essere uguali…....
Spero almeno che i miei cari possano stare bene e che la mia vita sia circondata sempre da amore e mai da odio.
QUESTO AUGURIO E’ PER TUTTI
BUON ANNO!
 
Saverio Merlino

Gli auguri di CittadinanzAttiva

E' con tutto il cuore che l'Assemblea Territoriale di Lipari augura un buon fine anno e un 2012 pieno di prosperità, salute e meno preoccupazioni di quanto ne abbiamo avuti nell'anno passato a tutti i CITTADINIATTIVI  Eoliani. Colgo l 'occasione per ringraziare i nostri iscritti e la popolazione tutta per la nutrita presenza alla  FIACCOLATA DELLA LEGALITA' svoltasi Venerdi 30 u.s. .
B. M. Tedros

Duecento eoliani bloccati a Milazzo. Monta la rabbia

Sulle isole Eolie soffia vento da nord-nord ovest ad una velocita' di 22 nodi. Il mare e' molto mosso (forza 7) e cio' costringe aliscafi e traghetti a rimanere nei porti. Da Milazzo non e' partito il traghetto ''Novelli'' della Siremar e oltre duecento persone - tra isolani e turisti - sono bloccate nella citta' del Capo.
   ''La cosa incredibile - hanno raccontato alcuni isolani che si trovano a Milazzo - e' che da Lipari stamane e' partito il traghetto della Siremar e all'arrivo nella citta' mamertina i passeggeri hanno riferito che la traversata non e' stata particolarmente difficoltosa''.
 I cittadini eoliani sono arrabbiati anche perche' a Milazzo vi sono numerosi bambini e corrono il rischio di dover trascorrere Capodanno lontano dai propri cari.
   Gli isolani hanno invitato i quattro sindaci eoliani a sollecitare la Siremar ad effettuare almeno una corsa nell'arco della giornata.
Intanto a Milazzo la rabbia monta anche perchè da Lipari è partito un aliscafo dell'Ustica Lines in direzione Città del Capo. Ed è stato già reso noto che non ripartirà per Lipari.
La "speranza" è per il traghetto delle 18 e 30

Lipari: Nessun arresto al momento

La nostra redazione, il nostro telefonino, nelle ultime ore, è stata tempestata di mail e telefonate per avere conferme di una voce che da ieri circola a Lipari. Ovvero che i carabinieri hanno proceduto all'arresto dell'assassino della signora Eufemia Biviano.
Così come abbiamo fatto per mail e telefonicamente smentiamo categoricamente tale notizia. Nessun arresto, al momento in cui scriviamo, è stato effettuato.
Continuano invece le indagini, le verifiche e tutta una serie di comparazioni, comprese quelle relative al DNA.
Gli inquirenti non si sbottonano più di tanto ma da quanto siamo riusciti a capire l'assassino e eventuali complici potrebbero avere se non le ore contate, quanto meno i giorni.
I carabinieri sono convinti di aver individuato la pista giusta e, probabilmente, anche se non lo dicono, hanno all'attenzione il/i possibile/i responsabile/i.

venerdì 30 dicembre 2011

“  U  sacciu  ca  a  firma  mia  ‘un  vali  nenti,  ma  scrittu  cu  lu  cori  e’  cchiu’  importanti.  Auguri  di  Buon  Anno   2012 a  tutta  la  redazione
Giovanni Giardina

Incidente in mare a Milazzo. Il Comunicato ufficiale della CP mamertina- Guardia Costiera

Fiaccolata per la legalità a Lipari. In 500 in corteo (video)

Nonostante le condizioni meteo non erano proprio quelle ideali (ha piovuto in coincidenza con la partenza del corteo) oltre 500 persone tra giovanissimi, giovani ed adulti, molti provenienti dalle frazioni, hanno sfilato lungo il Corso Vittorio Emanuele di Lipari sino a Marina Corta per ribellarsi alla crescente "illegalità" e a tutta una serie di eventi preoccupanti, ultimo l'omicidio di Eufemia Biviano, la 62enne di Quattropani.
Il corteo ha preso il via da Sottomonastero.
Vi proponiamo due video.
Ci scusiamo per la non perfetta qualità delle immagini ma le luci gialle del Corso V.E. non ci hanno aiutato

Slitta di mezz'ora concerto du stasera della Compagnia Popolare Liparense

La Compagnia Popolare Liparense, venuta a conescenza dello svolgimento della fiaccolata per la legalità che si svolgerà a Lipari per le 18.30, al fine di non intralciare la stessa manifestazione, anzi con lo spirito di voler offrire un momento di raccoglimento alla fine della stessa.
                                                                          C O M U N I C A
che il concerto "Nasciu Lu Bambinieddu" previsto per le ore 19.00 nella saletta delle Lettere di Corso Vittorio Emanuele slitterà di mezz'ora circa per dare la possibilità a quanti manifesteranno di unirsi al nostro augurio di pace e serenità per l'anno che viene sotto la protezione del Bambino Gesù e della Sacra Famiglia.

Festeggiamenti per il 50° anniversario della posa della prima pietra della Chiesa di Vulcano Porto

Gentile direttore,
la comunità Parrocchiale di Vulcano il 31 Dicempre festeggia il 50° anniversario della posa della prima pietra della Chiesa di Vulcano Porto dedicata alla Madonna del Rosario di Pompei, avvenuta il 29 Dicembre 1961, per volontà del Vescovo Bernardino Re; il quale ha benedetto la prima pietra e poi il 29 luglio 1962 la nuova Chiesa, sul terreno donato dalla Sig.ra Giovanna  Favaloro Vitale.
Sarà ricordato il 50° anniversario il 31 Dicembre alle ore 17:30 nella Chiesa del  Porto durante la Messa di ringraziamento di fine anno presieduta dal Parroco don Lio Raffaele.
Angelo da Vulcano

Stasera a Lipari "Fiaccolata della legalità"

OGGI ALLE ORE 18,30 SI TERRA' A LIPARI  LA
"FIACCOLATA DELLA LEGALITA’"
Si snoderà dal porto di SOTTOMONASTERO fino a MARINA CORTA.
Si invita la cittadinanza tutta a partecipare a questo momento di aggregazione organizzato dalla società civile per illuminare simbolicamente le vie e le coscienze delle Isole Eolie

Solo un ferito nello scontro tra aliscafo e motoscafo

(Angelo Laquidara) Aliscafo Siremar si scontra con un motoscafo, un ferito. Questo il bilancio di quella che poteva essere una nuova tragedia. Per fortuna il milazzese che era a bordo dell'imbarcazione di 10 metri, Antonio De Gateano, 59 anni, meccanico, ha avuto la prontezza dei riflessi di buttarsi in mare e si è salvato. Il suo natante invece è stato travolto dall'aliscafo, spaccato in due ed è affondato. E' accaduto in prosismità di Capo Milazzo. Il milazzese è rimasto leggeremente ferito, ma nulla di grave, a parte la paura. Sull'aliscafo "Tiziano" che viaggiava a tutta velocità, non ci sono stati feriti, ma anche qui non è mancata la paura. L'aliscafo era partito alle 8,30, comandato da Maimone. A bordo una trentina di passeggeri diretti a Lipari. Probabilmente a non far vedere l'imbarcazione con il solo pilota a bordo, è stata la presenza in mare di una petroliera. Il natante era uscito dal porto di Vaccarella ed era diretto a Giammoro. L'aliscafo è rientrato a Milazzo e i passeggeri proseguiranno per le isole con altro mezzo. La Capitaneria di porto di Milazzo ha aperto una inchiesta

Aliscafo Siremar travolge motoscafo

Possibile tragedia a Capo Milazzo. L'aliscafo Tiziano della Siremar, partito dalla città del capo alle 08.30 per raggiungere Vulcano e Lipari, ha travolto un motoscafo che gli ha tagliato improvvisamente la strada. Al momento non è possibile sapere se ci sono morti. Sul posto è giunta la capitaneria di porto di Milazzo e sono in corso verifiche e ricerche. Vi rinviamo ai prossimi aggiornamenti.

I funerali di Eufemia Biviano e le indagini. Articolo di Salvatore Sarpi sulla Gazzetta del sud di oggi

Il monito del parroco davanti al feretro: chi sa qualcosa non può tacere Gli inquirenti hanno acquisito i dati della cellula telefonica della zona dove è stato compiuto l'omicidio 
Salvatore Sarpi
Lipari
«Chi sa parli. Stringiamoci attorno alle forze dell'ordine e incoraggiamo e aiutiamo il loro operato per individuare il responsabile dell'efferato delitto della sorella Eufemia».
L'appello lo ha lanciato durante l'omelia, tenuta nel corso dei funerali di Eufemia Biviano, la donna barbaramente uccisa la vigilia di Natale, il parroco di Lipari don Giuseppe Mirabito che, unitamente a padre Alessandro Lo Nardo, ha officiato il rito funebre.
In una chiesa gremita di gente, e con il sagrato altrettanto stracolmo (complessivamente saranno stati presenti almeno in 600) Don Giuseppe ha anche evidenziato come il tragico episodio ha scosso e turbato tutta la collettività eoliana e non solo quella dell'isola di Lipari.
«Un omicidio come quello della cara Eufemia- ha continuato Don Giuseppe- appare generato entro il contesto di un pericolosissimo decadimento civile e morale. Niente e nessuno è risparmiato da questa penosa decadenza di valori, da questa assenza di riferimenti che colpisce soprattutto le nuove generazioni. Dobbiamo tutti- ha concluso padre Giuseppe Mirabito- rieducarci alla vita dell'amore e ricondurci reciprocamente al rispetto del bene comune».
In chiesa era presenti, oltre ai familiari della vittima e a tutti i cittadini che hanno voluto portare la loro testimonianza di affetto e stringersi attorno alle spoglie mortali della pensionata, anche i rappresentanti della pubblica amministrazione, sindaco Mariano Bruno in testa, e di tutte le forze dell'ordine presenti sull'isola. I carabinieri erano rappresentati, oltre che dal maresciallo Francesco Villari, anche dal tenente Antonio Ruotolo, comandante della Compagnia di Milazzo.
Il feretro, all'uscita della chiesa è stato salutato dagli applausi della folla e, dopo una tappa davanti all'abitazione della povera donna, ha raggiunto il cimitero della frazione dove è stato tumulato.
Intanto le indagini proseguono a ritmo serrato e sino a ieri sera,a tarda ora, i carabinieri di Lipari, con il supporto del gruppo operativo sbarcato nell'isola nei giorni scorsi, erano all'opera a Quattropani. Carabinieri in divisa ed in borghese erano presenti durante la cerimonia funebre anche all'interno e all'esterno della chiesa per monitorare i presenti ma anche eventuali assenze. L'impressione che si ha parlando con gli inquirenti – che comunque continuano a restare abbottonati – che si sta puntando ormai su una pista ben precisa e che presto, una volta messi a posto gli ultimi tasselli, il cerchio si possa stringere intorno all'assassino e ad eventuali complici. Abbandonata la pista del furto, sfociato in omicidio, nel mirino sarebbero finiti persone ben conosciute alla donna. In questo contesto gli inquirenti non stanno tralasciando nulla.
Dai reperti acquisiti sul luogo del delitto ed in casa della 62enne pensionata, agli interrogatori serrati di conoscenti e parenti, sino all'acquisizione di dati dalla cellula telefonica che copre la zona, onde individuare possibili telefonate in arrivo e in partenza nelle ore in cui si presume sia stato compiuto l'atroce delitto. Sembrerebbe che gli uomini dell'Arma abbiano anche acquisito le immagini dell'attività commerciale dove la donna avrebbe effettuato quel giorno la spesa (si è risaliti attraverso lo scontrino) per verificare se qualcuno la stesse seguendo e/o pedinando.

Torneo Christmas Cup 2011 di judo a Lloret de Mar. Eoliani protagonisti anche all'estero

(Adalgisa Ferlazzo) Ieri qui a LLoret De Mar, ( Barcellona) i nostri giovani  judoka hanno partecipato al Torneo Christmas Cup 2011, hanno dato tutti il meglio di se disputando una competizione bella che ha portato i nostri ragazzi sul podio.
Abbiamo due primi posti con Leonardo Ziino e Andrea De Salvo, un argento con Alex Belletti, Enya Livoti, Luca Merlino  e Federica De Salvo hanno conquistato il bronzo.
La gara disputata con  " Girone all'italiana" ha permesso agli atleti di disputare  almeno tre incontri ciascuno,con un massimo di sei incontri ( De Salvo Andrea, Belletti Alex, Ziino Leonardo e Merlino Luca)   quindi una competizione molto intensa che ha fatto emrgere il valore della tecnica e la preparazione dei nostri piccoli atleti.
In questa nostra trasferta, iniziata anticipatamente il giorno di Natale per i disagi dovuti al cattivo tempo, abbiamo potuto unire alla competizione il piacere di dividere con gli atleti e le loro famiglie la possibilita' di visitare la citta' di Barcelona dalle passegiate sulla Rambla alla visita all'acquario e i piu' importanti siti della citta'.
La manifestazione e' stata ripresa dalla  tv catalana.

Stasera a Lipari concerto di Natale della Compagnia popolare liparense

La Compagnia Popolare Liparense invita a partecipare al Concerto di Natale
Nasciu Lu Bambinieddu, un intenso viaggio tra i canti della tradizione popolare
Eoliana in lingua dialettale.
Sarà l'occasione per stare insieme e scambiare gli auguri. 

Venerdì 30 Dicembre ore 19.00 Presso La Sala delle Lettere - sede del circolo eoliano pensionati con ingresso da Corso Vittorio Emanuele - Piazzetta della Palma

giovedì 29 dicembre 2011

Oggi "Minibasket sotto l'albero"

Si è svolta oggi 29 dicembre 2011 presso il palasport "Nicola Biviano" di  Lipari la manifestazione natalizia "Minibasket sotto l'albero - 2011" organizzata dalla A.S.D. Basket Eolie, guidata dall'Istruttrice Nazionale  Minibasket Annalisa Piazza, con la collaborazione dell'Associazione "Filippo La Rosa Onlus", inserita nel calendario degli eventi natalizi del Comune di Lipari. Hanno partecipato all'evento tutti i bambini e bambine che frequentano i corsi di minibasket, esibendosi in giochi, gare e partite in un'atmosfera di gioia e divertimento. In programma anche un momento di gioco dedicato ai genitori, che sono scesi in campo partecipando in modo simpatico e coinvolgente. La manifestazione s'è conclusa con la premiazione e la foto di
tutti i partecipanti all'evento sportivo.
Il Dirigente Responsabile
A.S.D. Basket Eolie
Annalisa Piazza


Eolienews. Ancora una soddisfazione. Le nostre immagini del funerale su Mediaset

Ancora una soddisfazione per il nostro sito e per il nostro direttore Salvatore Sarpi.
Mediaset ha acquisito le immagini realizzate durante il funerale di Eufemia Biviano e nel corso dei servizi è stato evidenziato che le immagini sono di Eolienews di Salvatore Sarpi

Sinfonia (di Francesco Coscione)

In un tempo molto difficile sia a livello locale che mondiale, soprattutto a livello morale e spirituale, mi permetto di segnalare a tutti un momento bello e intenso che, attravesro il web, possiamo vivere anche se a distanza. La musica è da sempre fonte di serenità e gioia per tutti, e se ad essa si unisce la perfezione dello Spirito e della fede si ottiene un insieme meraviglioso. Nei giorni scorsi si è tenuto a Betlem, la patria di Gesù, un concerto sinfonico-catechetico intitolato "La sofferenza degli Innocenti" che tanto attuale è ,oggi e sempre, non ostante il progresso raggiunto nel sociale. L'autore è Kiko Arguello, iniziatore del Cammino Neocatecumenale che è parte della Chiesa da oltre quarant'anni e presente anche a Lipari da oltre trenta. La fede non ci toglie i problemi, seppur gravi, ma da senz'altro a tutti la forza per viverli ed affrontarli.
Potete vedere e, soprattutto, ascoltare le intense note sul nostro sito nella sezione Video a questo link: http://www.eoliepertutti.it/avvenimenti-1.html
oppure nel nostro canale Youtube a questo link: http://www.youtube.com/my_videos?feature=mhee
Nelle tre parti del video è presente la parte musicale e catechetica di presentazione.
Buon ascolto da www.eoliepertutti.it

Lipari, domani consiglio su salvaguardia equilibri di bilancio. E la "sicurezza" chiede Sabatini?

Il presidente Pino Longo per domani alle 13 ha convocato il consiglio comunale di Lipari in sessione urgente alle 13. All'ordine del giorno un solo argomento: salvaguardia equilibri di bilancio.
Avremmo gradito - scrive il consigliere Sabatini- che all'ordine del giorno fosse inserito anche l'argomento "sicurezza...".

Il funerale di Eufemia Biviano negli scatti di Giuseppe Allegrino

L'omicidio Biviano. L'articolo di Salvatore Sarpi sulla Gazzetta del sud di oggi

Investigatori certi: Eufemia Biviano conosceva bene il suo assassino Oggi nella Chiesa di Quattropani i funerali della pensionata. Proclamato da Bruno il lutto cittadino

L’omicida di Eufemia Biviano, la 62enne uccisa la vigilia di Natale,nel garage della sua abitazione di Quattropani,  potrebbe essere un conoscente della donna. Questa sarebbe la pista principale seguita dagli inquirenti che adesso, rispetto al primo momento, ritengono secondaria la possibilità (se non ad escluderla del tutto) che l’omicidio possa essere da addebitare ad un ladro sorpreso nell’immobile.  Una ipotesi investigativa suffragata anche dal fatto che dall’abitazione non mancherebbero ne denaro, né preziosi e che la stessa è stata trovata in perfetto ordine. Unica anomalia la porta di casa aperta. Il che potrebbe fare pensare che la Biviano possa avere aperto al suo assassino con il quale potrebbe essere scoppiata una lite, conclusasi nel garage con l’accoltellamento. Il “teatro” del delitto, infatti, non ci sono dubbi è proprio quello. In quest’ottica investigativa i carabinieri, oltre ad aver acquisito una serie di reperti ritenuti utili ai fini delle indagini, stanno procedendo a verificare le amicizie e le frequentazioni della 62 enne e ad ascoltare decine e decine di residenti in zona e tutti i parenti e conoscenti. Sentiti anche residenti in altre parti dell’isola. Contestualmente proseguono i sopralluoghi e le verifiche nel garage e nella casa poste sotto sequestro.  Un elicottero dell’Arma ha anche sorvolato a lungo Lipari, in particolare la frazione di Quattropani. L’impressione- stando anche a quanto affermato ieri dal colonnello dei carabinieri Claudio Domizi durante la riunione straordinaria del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza – è che gli investigatori stiano seguendo una traccia abbastanza precisa e che potrebbe portare a breve all’individuazione e all’arresto dell’omicida o degli omicidi. In questo senso si registra, infatti, un certo ottimismo. Tra i cittadini della frazione ancora scossi per l’efferato delitto ha provocato ulteriore rabbia la notizia diffusa dal nostro giornale ieri e cioè che la donna è deceduta soffocata dal suo stesso sangue. Intanto ieri mattino- come anticipato- si è tenuta in prefettura a Messina la riunione straordinaria del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, convocata dal prefetto Francesco Alecci su espressa richiesta del sindaco di Lipari, Mariano Bruno, proprio all’indomani del delitto. Sul tavolo non solo l’omicidio Biviano ma tutte le problematiche legate all’escalation di fatti criminosi nell’isola, in primis furti ed incendi di auto. Oltre al prefetto e al sindaco vi hanno preso parte il questore Carmelo Gugliotta e i colonnelli Claudio Domizi (carabinieri) e Ferdinando Falco (Guardia di Finanza). La riunione- come ha comunicato il sindaco Mariano Bruno nella conferenza stampa indetta al suo rientro a Lipari e nella quale ha illustrato cosa è stato deciso a Messina- è durata circa tre ore. Bruno, tra l’altro, ha evidenziato la preoccupazione per l’infiltrazione nel tessuto sociale isolano di soggetti abituati a delinquere e che potrebbero trovare “seguaci” in loco. Nella riunione si è deciso di procedere ad  potenziamento delle forze dell'ordine e dei controlli. In questi sarà impegnata anche  la polizia municipale. Il prefetto Alecci  ha espressamente detto che sarà il questore di Messina a coordinare le iniziative e i controlli sul territorio eoliano. Non è esclusa la presenza, anche se saltuaria, della polizia di Stato. Da parte dei carabinieri è stato posto l'accento sul fatto che spesso i cittadini liparesi non denunciano episodi criminosi e che vi è una mancanza di collaborazione. Inoltre il colonnello Domizzi ha annunciato che il personale della motovedetta di stanza a Lipari dal 1° febbraio passerà alle dirette dipendenze della stazione di Lipari e che i militari saranno impiegati anche nei servizi a terra. Il sindaco Bruno- a conclusione della conferenza stampa – ha annunciato che oggi sarà lutto cittadino a Lipari, in concomitanza con i funerali della 62enne. Funerali che si terranno alle 10 e 30 nella Chiesa Nuova della frazione liparese dove da ieri sera alle è aperta la camera ardente per la sfortunata pensionata. Bruno ha comunque precisato che si tratta di un fatto eccezionale legato all’emotività che ha suscitato nella popolazione il tragico evento e che da queste parti non si verificava da oltre 50 anni.

 

Celebrati i funerali della donna uccisa a Quattropani.

Si è da poco conclusa nella Chiesa Nuova di Quattropani la cerimonia funebre, officiata da Don Giuseppe Mirabito e Don Alessandro Lo Nardo, per la povera Eufemia Biviano, barbaramente uccisa la vigilia di Natale.
In una chiesa stracolma di gente,era  pieno anche il sagrato, Don Giuseppe ha evidenziato come il tragico episodio ha scosso e turbato l'intera collettività isolana.
"Stringiamoci attorno alle forze dell'ordine - ha detto ancora padre Mirabito- e incoraggiamo il loro operato per individuare il responsabile di questo efferato delitto. Un omicidio così efferato come quello della cara Eufemia appare generato entro il contesto di un pericolosissimo decadimento civile e morale. Niente e nessuno è risparmiato da questa penosa decadenza valoriale, da questa assenza di riferimenti che colpisce soprattutto le nuove generazioni; dobbiamo, tutti- ha concluso padre Giuseppe Mirabito- rieducarci alla vita dell'amore e ricondurci reciprocamente al rispetto del bene comune".
Il feretro, salutato all'uscita dalla chiesa dagli applausi della folla è stato trasportato fuori dall'abitazione di Aria Morta della povera donna e subito dopo trasferito al cimitero della frazione.
Presenti anche il sindaco Mariano Bruno e i rappresentanti delle forze dell'ordine. Tra cui il tenente dei carabinieri, Ruotolo.
A Lipari la larga maggioranza delle attività del centro storico ha chiuso i battenti per un'ora per il lutto cittadino.
Per nostra scelta vi proponiamo solo un brevissimo filmato girato all'interno della Chiesa prima dell'inizio della cerimonia funebre. A seguire, invece, un ampio servizi fotografico
Le onoranze funebri sono state della ditta Alfa&Omega di Lipari.
IL VIDEO:

Concerto della banda "Città di Lipari". Il plauso del dottor Iacolino

(Gianni Iacolino) Momenti di vera gioia ed orgoglio ieri sera al concerto della banda musicale diretta dal Maestro Giovanni Cullotta.
Gioia per le emozioni che i musicisti ci hanno elargito con le loro ineccepibili esecuzioni, tecnicamente perfette ed eseguite con perizia davvero professionale, diretti da un maestro che ha dimostrato piena maturita'  musicale e grande capacita' di amalgamare un'orchestra ricca di giovanissimi esecutori .
Finche' ci saranno giovani di tale calibro, le nostre speranze sapranno dove potersi aggrappare

L'arrivo della salma della signora Biviano, ieri sera a Sottomonastero.

Grande commozione tra i cittadini presenti  ieri sera a Lipari all'arrivo alle 20 e 30 della salma della signora Eufemia Biviano, 62 anni,  barbaramente assassinata nella sua casa di Quattropani. La donna è giunta con il traghetto della Siremar . Tra gli altri  il sindaco Mariano Bruno, il parroco Giuseppe Mirabito e i rappresentanti forze dell'ordine. All'arrivo le navi che erano in porto fatto suonare le sirene, mentre un sentito applauso si è levato dai cittadini.
Vi proponiamo le foto scattate da Giuseppe Allegrino, che ringraziamo:
In occasione dei funerali della signora Eufemia Biviano, barbaramente trudicata a Quattropani, questo giornale, in segno di lutto, sospende le pubblicazioni. 
Le stesse riprenderanno intorno alle 12 e 30, dopo i funerali

mercoledì 28 dicembre 2011

Ciao Eufemia ! Una poesia di Franco Gitto per la donna uccisa a Quattropani

Per l'ultima volta, ti fermi a Vulcano...
ma, solo per la prima, non scendi...
la tua borsetta a spalla
...
compagna assidua della tua fatica,
giacerà silente e immobile come te,
nell'incredulità del destino.
non hà lacrime... ma fa piangere
al ricordo, quanti ti conobbero.
Ci lasci, per un mondo migliore...
perdonando l'immane violenza
che la stessa tua carne professa
col linguaggio del sangue.
Or dell'infimo legno compagna
porgi al mondo un messaggio silente
che echeggia sovrano
per l'intero Universo:
amatevi fratelli ! Null'altro è vita!!!

FRANCO GITTO

Auguri da Fine del Mondo! (di Marco Saltalamacchia)

Carissimi amici,
 secondo la oramai ben nota profezia maya, il mondo finirà tra circa un anno esatto, il 20-12-2012. Il tempo stringe dunque e sarà bene darsi da fare.
 A causa del mio inguaribile ottimismo, la mia personale interpretazione della profezia è invece positiva ed è la seguente:
 “nel 2012 finirà il mondo per come lo abbiamo finora conosciuto e ne nascerà uno nuovo”
 Per molti aspetti la nostra generazione è una generazione fortunata. Siamo la prima generazione europea occidentale a non aver conosciuto guerre sul proprio territorio per oltre sessant’anni. Abbiamo conosciuto il fallimento delle ideologie che avevano condotto i nostri genitori sull’orlo del baratro ed abbiamo progressivamente imparato a condannarle ed a liberarcene definitivamente. Stiamo cominciando (lentamente) a capire che anche l’attuale sistema di vita, che pure avevamo eletto a modello universale di riferimento, è insostenibile ed cominciamo a capire che occorre pensarne uno nuovo.
 Senza bisogno di complesse teorie economiche, la constatazione di aver vissuto al di sopra dei propri mezzi è assolutamente evidente. Ci troviamo di fronte al rischio di trasferire ai nostri figli un mondo meno bello di quello in cui abbiamo vissuto e questo è assolutamente inaccettabile.
 Nel contempo, disponiamo oggi di tecnologie e strumenti tali da permetterci  una grande comprensione del mondo e di condividerne la conoscenza  in un modo che solo pochi anni fa era semplicemente impensabile.
 Il Futuro ci appartiene e soprattutto appartiene ai nostri figli.  Questo sia allora il mio augurio per noi tutti:
 “Che il 2012 sia l’anno in cui dalle ceneri degli egoismi individuali e collettivi rinasca la nuova consapevolezza che un Nuovo Mondo di solidarietà, di fratellanza universale e di felicità per tutti è possibile e dipende solo dalla nostra buona volontà ”.
 Per un 2012 di riscossa.
 Fraternamente,
 Marco Saltalamacchia

Sicurezza del territorio, la conferenza stampa del sindaco Mariano Bruno. Registrazione Teleisole

Vi proponiamo la conferenza stampa di oggi pomeriggio del sindaco Mariano Bruno, ripresa dall'operatore Bartolo Bonfante per Teleisole. Per visualizzarla cliccare sul link che segue.
http://www.teleisole.it/wordpress/archives/686

Domani lutto cittadino. Lo annuncia il sindaco Bruno... che precisa (video)

Lipari: Potenziamento delle forze dell'ordine e dei controlli. "Supervisione" affidata al questore.

Si è tenuta stamani a Messina la riunione straordinaria del Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza, convocata dal prefetto Alecci su richiesta del sindaco Bruno.
Oltre al prefetto e al sindaco vi hanno preso parte il questore Gugliotta e i colonnelli Domizzi (carabinieri) e Falco (Guardia di Finanza).
Si è affrontata la delicata questione liparese, non solo dal punto di vista dell'omocidio Biviano, e si è deciso per un potenziamento delle forze dell'ordine e dei controlli. In questi sarà impegnata la polizia municipale. Il prefetto ha espressamente detto che sarà il questore di Messina a coordinare le iniziative e i controlli sul territorio eoliano. Non è esclusa la presenza, anche se saltuaria, della polizia di Stato.
Da parte dei carabinieri è stato posto l'accento sul fatto che spesso i cittadini liparesi non denunciano episodi criminosi e che vi è una mancanza di collaborazione. Inoltre è stato detto dal colonnello Domizzi che il personale della motovedetta di stanza a Lipari dal 1° febbraio passerà alle dirette dipendenze della stazione di Lipari. I carabinieri si sarebbero dichiarati ottimisti di risolvere a breve il "caso Biviano".
Questo è il succo di quanto emerso a Messina e che ci è stato riferito dal sindaco Mariano Bruno in una conferenza stampa conclusasi da pochi minuti. IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA:


Omicidio di Quattropani. Le riflessioni di Don Giuseppe Mirabito

Om

Che squallore ! Ci scrive l'assessore Corrado Giannò.

Che squallore!
E’ questa la prima e meno volgare espressione che mi viene in mente, in un momento così drammatico, allorquando da questi siti on-line si leggono dichiarazioni e/o pensieri che per l’ennesima volta si scagliano contro la figura del Sindaco e quindi del Primo Cittadino, massima Istituzione del paese, non perdendo l’occasione sterile, puerile e meschina di attaccarlo su vicende ed accadimenti politici che nulla hanno a che vedere con i gravissimi fatti delinquenziali della vigilia del Santo Natale.
Che squallore!
Leggere frasi, dichiarazioni che non tendono assolutamente ad unire ed insieme a combattere e vincere il male, ma che al contrario mirano a dividere e seminare odio nel paese.
Che squallore!
Fare campagna elettorale sfruttando l’omicidio di una donna e quindi un fatto criminoso.         
Che vergogna!
Isoliamo questi pochi ed ormai soliti noti che non hanno rispetto forse nemmeno per se stessi, figuriamoci per gli altri.
Ha perfettamente ragione ed è assolutamente condivisibile l’intervento della Dott.ssa D’Albora allorquando scrive ”Qui come ho già espresso in altra sede, lascio fuori la politica e guai chi in un momento così, pensi solo di poter strumentalizzare questo gesto infame e indegno che dovrà trovare giusta punizione nelle sedi di giustizia”.
E continua ”Sono qui a chiedere a tutti gli enti preposti ed anche a noi cittadini, di fare immediatamente cento passi indietro, usare la coscienza che esiste dentro ognuno di noi, di fare un vero PATTO di SOLIDARIETA’”
Questi sono i messaggi forti, veri, fondamentali che necessitano di grande coesione, isolando, pochissime per fortuna, quelle menti distorte ed alla continua ricerca dello scontro, unico scopo della loro vita.
E’ giusto che le varie realtà sul territorio si muovano per manifestare il loro sdegno, forse sarebbe ancora più giusto che ciò avvenisse all’unisono senza disperde da più parti le innumerevoli forze sane del paese, e quindi unendosi in un unico grande movimento che sicuramente vedrà i rappresentanti delle Istituzioni presenti ma non per esigenze politiche ma, per vicinanza e condivisione nei confronti dell’intera cittadinanza che vuole giustizia, serenità e pace sociale.
Sentimenti questi assolutamente condivisi sia da parte del Sindaco Mariano Bruno che dall’intera Amministrazione Comunale.
Insieme per ritrovare la “PACE”
Il resto è veramente: SPAZZATURA!                                                                       
                                                                                                               Corrado Giannò
                                                                                                              (Assessore Comune Lipari)

Acquacalda. Telefoni fissi muti per un atto "vandalico" alla centralina Telecom

Lunedì sera un atto, speriamo solo vandalico, alla centralina Telecom ha "silenziato" tutti i telefoni fissi di Acquacalda. Ovvia la preoccupazione tra la popolazione alla luce dei recenti fatti di cronaca. Sul posto sono giunti i tecnici Telecom e i carabinieri. Carabinieri che poi sono ritornati nella frazione allertati da alcuni cittadini che avevano avvertito strani rumori. Il sopralluogo ha dato esito negativo.

Cronaca di una morte annunciata. Ci scrive Lucia D'Albora

Buongiorno Direttore,
Da cittadina di quest'isola mi sento in dovere tra le tante cose lette in questi ultimi giorni di esprimere alcune considerazioni che vogliono rappresentano il pensiero di tanti/molti/ abitanti civili delle nostre isole.
Stante gli accaduti di questi ultimi anni e quest'ultimo atroce ed eclatante gesto che ha visto vittima una (riteniamo casuale) concittadina liparese,è d'obbligo mettere in luce il "malessere sociale" dettato dal disagio creatosi dalla mancanza di crescita e controllo delle nostre Isole,in un momento epocale così difficile di transizione tra tradizioni e modernità, tra orientamenti di tipo idealista e di tipo materialista, tra valori di tipo consumistico e voglia di benessere che ha espresso segnali di degrado ben visibili negli ultimi anni..,segnali sottovalutati,disattesi da tutti gli organi preposti allo sviluppo, controllo e formazione e gestione e cura del territorio, della nostra società.
Qui come ho già espresso in altra sede, lascio fuori la politica e guai chi in un momento così, pensi solo di poter strumentalizzare questo gesto infame e indegno che dovrà trovare giusta punizione nelle sedi di giustizia.
E' d'obbligo pertanto chiedersi di farci conoscere "i motivi ostativi" che hanno causato la perdita di controllo del territorio della società eoliana.
La mancanza di tali azioni la troviamo espressa in ogni angolo del nostro arcipelago...vorrei ricordare a molti, che non esiste una società individuale ma esclusivamente collettiva e pertanto il benessere va distribuito equamente insieme alla formazione ed al controllo.
Questa miopia e sordità oggi ci regala il fondo del secchio!!! 
Siamo esausti!non sopportiamo più questo stato di abbandono! e principalmente pretendiamo che l'intelligenza sia espressa e una volta per tutte!
La mancanza di cultura legata ad un disperato bisogno di visibilità personale che ha albergato in questi anni, non ha fatto altro che creare tutto quello che ci ritroviamo tra le mani oggi: una società distrutta nei valori negli ideali e principalmente violenta! E al di là delle giuste punizioni,si dovrà operare nel recupero di questa parte nuova di società che inevitabilmente rappresenta il futuro delle nostre isole.
L'esempio di "violenza gratuita" è la manifestazione peggiore di una società.
Cosa abbiamo preparato per i nostri figli? Che società abbiamo creato? cosa abbiamo trasferito?dov'è l'esempio da seguire?Quali sono i modelli?
La fortuna di vivere nelle isole è proprio quella di poter avere a differenza della terra ferma, il controllo, la gestione e la crescita misurandone la temperatura costantemente e che non deve venire espressa attraverso un possesso patrimoniale ma attraverso il trasferimento dei giusti valori e sani ideali che regolano e rendono civile un popolo.
Sono qui a chiedere a tutti gli enti preposti ed anche a noi cittadini, di fare immediatamente cento passi indietro,usare la coscienza che esiste dentro ogniuno di noi di fare un vero "Patto di Solidarietà" per tornare indietro sulla giusta strada, perchè cari signori,... le isole possono diventare anche delle "trappole" e principalmente desidero che si reagisca insieme a questa forma di "schiavitu" dove tutti rientriamo.
I valori, l'educazione, il rispetto,cari signori, non sono valori intrinsechi in ogni individuo ma vanno seminati, coltivati e finalmente raccolti....e sicuramente oggi questa raccolta non serve a nessuno.
Lucia d'Albora

E' morta soffocata dal suo stesso sangue. Articolo di Salvatore Sarpi sulla Gazzetta del sud

GLI ARTICOLI:
È morta soffocata dal suo stesso sangue Il movente del delitto rimane ancora oscuro: perde terreno l'ipotesi di una rapina finita tragicamente 
Salvatore Sarpi
Lipari
L 'autopsia di Eufemia Biviano, la pensionata di 62 anni, uccisa la vigilia di Natale, nel garage della sua casa di Quattropani, svoltasi al Policlinico di Messina ha confermato che la donna è morta dopo essere stata accoltellata alla gola, forse soffocata dal suo stesso sangue. Si è avuta conferma di quanto era stato ipotizzato a caldo dagli inquirenti dopo il ritrovamento del corpo. La vittima era distesa in una pozza di sangue.
Gli inquirenti, che indagano sull'assassinio, attendono gli esiti degli accertamenti del Ris di Messina che, lunedì e ieri, ha effettuato i rilievi nel garage dell'abitazione della Biviano, luogo in cui è avvenuta l'aggressione. I carabinieri del Ris hanno sequestrato alcuni oggetti nel garage e in casa per effettuare analisi e scoprire eventuali impronte digitali che potrebbero essere utili per le indagini di un omicidio che appare tuttora avvolto nel mistero.
Il movente del delitto è oscuro . Potrebbe essersi trattato di una rapina finita male: i banditi potrebbero essere stati sorpresi dalla donna e, presi dal panico, averla uccisa. Nell'abitazione, però, non mancherebbe nulla. Gli inquirenti non escludono altre ipotesi: ad esempio che gli assassini abbiano atteso la donna, che era andata a fare spesa in paese, nel garage.
La donna viveva sola in una villa circondata da agrumi e ulivi in una zona detta Area morta nella frazione Quattropani a Nord Ovest dell'isola. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, che lavorano coordinati dal sostituto procuratore di Barcellona Pozzo di Gotto Mirko Piloni, Eufemia Biviano nel pomeriggio del 24 dicembre è tornata a casa dopo aver fatto la spesa. Ha aperto il cancello per entrare in auto, attraverso una strada interna alla villa, nel garage: un corpo indipendente dall'abitazione. Lì la donna sarebbe stata uccisa. L'allarme è stato dato da un amico di Biviano, Giacomo Alessi: «Ho fatto una decina di telefonate e non rispondeva. Volevo invitarla alla messa della notte di Natale a Chiesa Nuova. Ci siamo subito recati nella sua casa e l'abbiamo trovata morta in garage. Il portone di casa aperto. Le stanze non erano a soqquadro». La nipote Annamaria Alizzo giunta da Salina ha dettio: «Non volevo crederci quando i miei parenti mi hanno telefonato. Era una donna buona. Non aveva mai fatto del male a nessuno. Era riservata: casa e lavoro. Era stata invitata per Natale da diversi parenti ma siccome c'era maltempo aveva preferito restare a casa. Aveva lavorato per oltre 15 anni in un albergo. E con tanti sacrifici si era ristrutturata la casa».
Nel frattempo si susseguono sopralluoghi e rilevamenti, così come gli interrogatori, al fine di fare luce al più presto su questa tragica vicenda che ha scosso e non poco l'intera collettività isolana. Comunità che si sta mobilitando per fare sentire la propria voce e per dire no a tutti questi episodi che non rientrano certo in quella che, sino a tempo fa, era la quotidianità dell'isola.
Si muovono anche le Istituzioni. Domani, alle 10, a Messina della riunione straordinaria del Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza convocata dal prefetto Francesco Alecci su espressa richiesta del sindaco di Lipari, Mariano Bruno. Oltre al prefetto Alecci e al sindaco Bruno vi parteciperanno il presidente della Provincia Nanni Ricevuto, il questore e i comandanti provinciali e locali dei carabinieri e della guardia di finanza.
Intanto, l'associazione dello Snoopy club intende organizzare una manifestazione di protesta e con lo slogan "Cerchiamo di recuperare la nostra identità di eoliani veraci. Facciamo sentire la nostra voce ed isoliamo coloro che si rendono colpevoli di questi crimini" ha convocato una riunione. Una " fiaccolata per la legalità", proposta dall'avvocato Giuseppe Cincotta, ha incontrato unanimi consensi e potrebbe concretizzarsi già nel giro di qualche giorno. Iniziative similari si stanno studiando a Quattropani, la frazione dove risiedeva Eufemia Biviano. .
 
Bruciata la vettura di un imprenditore  
Lipari Una vera e propria "sfida" alle forze dell'ordine sembra essere in corso a Lipari. L'impressione che si ha, dopo l'ultimo fatto di cronaca avvenuto lunedì sera, un incendio di auto nei pressi del porto, sembra essere proprio questa. Una situazione che nella riunione di domani a Messina del Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza, convocata dal prefetto Alecci (ne parliamo in un altro articolo), non potrà non essere valutata Ma andiamo alla cronaca. In un paese ancora scosso dalla tragica morte di Eufemia Biviano, e con numerosi altri carabinieri sbarcati nell'isola, lunedì sera alle 22 circa un'auto è stata data alle fiamme di fronte alla nuova sala d'aspetto degli aliscafi di Sottomonastero.
L'automezzo è stato dato alle fiamme perchè stavolta, rispetto ad altri incendi di auto, non c'è dubbio che sia andata proprio cosi. Nei pressi è stata, infatti, ritrovata una bottiglia in plastica di due litri dove era chiaro vi era stata deposta della benzina. Il contenitore è poi acquisito dai carabinieri.
La vettura, una Opel, di proprietà di Francesco Bartolone, un imprenditore di Malfa, era tranquillamente parcheggiata lì da diverso tempo. Solo il tempestivo intervento dei vigili del fuoco (caposquadra Panuccio Salvatore) ha impedito che le fiamme si propagassero a tutta l'auto e che potessero estendersi ad altri mezzi

Domani a Quattropani i funerali della donna uccisa la vigilia di Natale.

Saranno celebrati domani mattino alle 10 e 30 nella Chiesa Nuova di Quattropani i funerali di Eufemia Biviano, la 62 enne uccisa la vigilia di Natale.
La salma della donna, dopo l'effettuazione dell'autopsia, arriverà a Lipari stasera alle 20 e 30 con il traghetto di linea.
I funerali della signora Eufemia Biviano saranno curati dalla ditta Alfa e Omega di Lipari.
Come anticipato dal sindaco Bruno dovrebbe essere dichiarato il lutto cittadino
E a proposito dell'autopsia- secondo indiscrezioni- apprendiamo che i colpi, presumibilmente di coltello, inferti alla gola della donna, sarebbero due. Vi sarebbe inoltre una ferita al capo provocata da un corpo contundente.

martedì 27 dicembre 2011

Fatti crimosi. Consiglieri di minoranza chiedono autoconvocazione consiglio comunale di Lipari


                                               Al Presidente del Consiglio Comunale
                                               Giuseppe Longo
Con la presente a seguito dei gravissimi fatti criminosi che hanno interessato la nostra comunità, riteniamo utile che il Consiglio Comunale, lontano da ogni squallida speculazione, affronti la questione della “sicurezza nelle nostre isole”.-
Quanto sopra per dare voce ufficiale a un sentimento di preoccupazione e sconcerto che percepiamo diffusissimo tra i nostri concittadini.-
Al Presidente Longo rammentiamo che per una convocazione urgente non mancano certamente le occasioni formali, compresa una autoconvocazione già presente all’ordine del giorno degli ultimi Consigli Comunali e mai discussa.-
La nostra autoconvocazione “rafforzamento delle forze dell’ordine all’interno del territorio Comunale”, pur non essendo esaustiva per l’argomento che ci pare importante affrontare, rappresenta comunque un punto di partenza per una discussione da noi più volte sollecitata ma mai affrontata.-
Certi di una Sua immediata attenzione.-
 Lipari 27 dicembre 2011
Adolfo Sabatini
Giacomo Biviano
Bartolo Lauria
Pietro Lo Cascio
Nunziata D’alia
Rosario Centorrino

Lipari: Proseguono serrati gli accertamenti dei carabinieri per l’omicidio di Eufemia Biviano

Nel primo pomeriggio, è stata condotta una ricognizione aerea con un velivolo del IX° Nucleo Elicotteri di Palermo sull’isola di Lipari (ME), ed in particolare nella contrada Quattropani, ove è stato consumato l’omicidio della 62enne Eufemia BIVIANO.
Ricordiamo che già nei giorni scorsi, sull’Isola dell’arcipelago eoliano, a supporto dei militari della Compagnia Carabinieri di Milazzo, erano intervenuti i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale ed il personale specializzato del RIS dei Carabinieri di Messina.
Le indagini dei Carabinieri, tutt’ora in corso, procedono nel più stretto riserbo.

Non solo auto... bruciata anche una vespetta

Non solo incendio di auto a Lipari. Venerdì notte è stata bruciata una vespetta  a 2 metri dalla porta della casa della proprietaria, Samantha Stramandino.

Lutto cittadino per Eufemia Biviano. Lo annuncia il sindaco Bruno

Sarà proclamata una giornta di lutto cittadino in memoria di Eufemia Biviano. Lo ha annunciato il sindaco di Lipari, Mariano Bruno.
" Attendiamo, prima- ha dichiarato il primo cittadino- l'arrivo della salma da Messina".

Continua ad imperversare il maltempo sulle Eolie. Oggi ha viaggiato solo la NGI (video)

Continua ad imperversare il maltempo nelle Eolie. L'unico mezzo che ha viaggia è stato il traghetto "Helga" della società privata Ngi. A bordo vi era il carro funebre che ha provveduto a trasportare fuori Lipari la salma della donna di Quattropani, Eufemia Biviano, 62 anni, assassinata la vigilia di Natale. Non risponde, infatti, al vero che con la Helga è ritornato anche il corpo della povera donna. La nave, in mattinata, ha raggiunto Vulcano, Lipari (vedi filmato) e Salina Alle 13 e 30 è ripartita per Milazzo.
IL VIDEO:

Merlino propone il lutto cittadino

Mi auguro che l'Amministrazione Comunale di LIPARI decida di proclamare una giornata di LUTTO CITTADINO per ricordare la Signora Eufemia Biviano
Saverio Merlino

Le Eolie.. gli eoliani ed altro.. visti da Giancarlo D'Ambra e dalla sua macchina fotografica

Le Eolie.. gli eoliani ed altro.. visti da Giancarlo D'Ambra e dalla sua macchina fotografica. Continua il rapporto di collaborazione con il bravissimo fotografo dilettante Giancarlo D'Ambra. Nelle foto la mareggiata di oggi:

Il mare in tempesta a Sottomonastero (Lipari)

Il molo di Sottomonastero (ma non solo quello)  per tutta la giornata odierna è stato investito dai marosi. Vi proponiamo il video girato stamani intorno alle 10 e 30

Nuovo portale booking eolie. Nuovo "prodotto" di Eolnet

Caro operatore turistico delle Isole Eolie, quest’anno Eolnet, oltre a farti i più sentiti auguri per le prossime festività ti porta, sotto l’albero, uno splendido regalo per te.
Eolnet che nel 2012 compie i 10 anni di presenza alle Isole Eolie e che ormai è il sito più visto dell’arcipelago Eoliano e che quindi ha grandi potenzialità nel presentare offerte e strutture,  per venire incontro a tutti coloro che si occupano di turismo alle isole Eolie ha creato, facendo ricorso agli standard già presenti sul mercato, un portale di prenotazione dedicato esclusivamente alle strutture ricettive delle Isole Eolie.
Usciamo con il marchio Eoliebooking © che abbiamo registrato.
Entrando in http://booking.eoliebooking.com i navigatori di internet che cercano sistemazione alle Eolie troveranno un ambiente di prenotazione che ha caratteristiche standard e riconoscibili.
Per te c’è ovviamento l’affiliazione gratuita al portale e si richiede esclusivamente una piccola percentuale, a prenotazione avvenuta, come pagamento del nostro servizio pubblicitario.
Gli utenti potranno pagare la prenotazione con Paypal con Carta di credito o con il bonifico e tu avrai nella tua area riservata  la situazione delle camere vendute, del periodo in cui sono occupate e se necessario (perché hai venduto direttamente) potrai bloccarne la vendita on line per quel certo periodo.
Gli utenti potranno anche chiedere informazioni,  e noi con il nostro Call Center faremo da tramite tra te e il cliente.
Nella tua area riservata potrai inserire informazioni, immagini, prezzi, sconti relativi alla tua struttura e tutto sarà subito on line.
Un aiuto telefonico ed on line sarà a disposizione per aiutarti e per iniziare ad usare il sistema.
Per avere specifiche informazioni e ricevere ulteriori più precise indicazion e per sapere come affiliarti  compila il modulo che trovi cliccando su  http://www.eoliebooking.com/affiliazione/affiliazioni_ita.asp.
Eventualmente invia una email di richiesta informazioni a info@eoliebooking.com.
Ti risponderemo immediatamente. E' una occasione in più da non perdere.
Nel rinnovarti i miei personali auguri e di tutti coloro che lavorano con noi ti attendo per illustrarti ulteriormente l’opportunità che ti sto proponendo e sperando tu voglia prender parte all’iniziativa ti porgo i miei più cordiali saluti
Dott. Matteo Salin
Amm. Unico Eolnet srl - Lipari
Booking.Eoliebooking.com
Solo una piccolo nota, entrando nel portale http://booking.eoliebooking.com troverai per il momento un ambiente di prova. Stiamo verificando quotidianamente che tutto funzioni correttamente risolvendo via via i problemi che ovviamente si possono incontrare in un prodotto nuovo. Non avere paura il tempo che tu ci mandi il materiale e sarà tutto a posto.
Ancora tanti auguri
MatteoSsalin

Sindaco sfigato (di Adolfo Sabatini)

Ho letto con interesse la nota di Aldo Natoli, che condivido interamente.-
Io, vorrei aggiungere, che un sindaco è come un padre di famiglia.
Il “buon” padre di famiglia si occupa dell’istruzione dei figli, del loro inserimento sociale, del loro lavoro, del disaggio personale, della loro sicurezza.-
In poche parole del loro presente e del loro futuro.-
Un buon sindaco si sarebbe dovuto occupare dei suoi cittadini, dando loro ciò che un buon padre di famiglia da ai suoi figli.-
Il sindaco Bruno no!
Non ha dato lavoro ai suoi cittadini (anzi solo uno).-
Non si è occupato della loro istruzione (non doveva cambiare gli indirizzi scolastici?).-
Non ha dato sicurezza.-
Non si è occupato del loro inserimento sociale (cosa ha fatto per i giovani dopo il terribile gesto del giovane che si è tolto la vita?).-
Un sindaco latitante ed egoista, legato solo alla fascia tricolore che “sguaina” come una spada ad ogni piccola occasione.-
Che urla ed è forte solo nel palazzo Comunale dove è protetto dal ruolo che ricopre, fuori dallo stesso è come un cucciolo bastonato che passa rasente i muri, perché sa di aver deluso tutti.-
Ma è un sindaco incapace o sfigato?
Durante la sua sindacatura alle eolie è accaduto di tutto: furti, omicidi, l’onda anomala, macchine incendiate, scippi, perdita di posti di lavoro, quasi dissesto finanziario, la politica fatta nei bar e dilaniata dalle liti.-
Che porti male???
Io nel dubbio ho comprato un corno portafortuna.-
Adolfo Sabatini
n.b.
Il lettore non si stupisca se scrivo sindaco con la “s” minuscola, perché questo sindaco rimarrà negli annali come un “piccolo sindaco”.-  

Fiaccolata per la legalità a Lipari. Ci si muove

Caro direttore,
non pensavo che l’idea della fiaccolata per la legalità, lanciata attraverso l’email inviata agli organi di stampa, poteva smuovere così tanto la coscienza del popolo eoliano.
Tra ieri sera e stamattina ho ricevuto tante telefonate ed e-mail di persone che mi chiedono informazioni in merito.
Questo è bello e mi fa pensare che a Lipari c’è ancora tanta gente pronta a lottare per i propri diritti e per la legalità.
So che gli abitanti di Quattropani hanno già fissato un incontro per discutere di alcune iniziative, sarà pertanto mia premura contattare padre Giuseppe Mirabito per seguire gli sviluppi e per concordare le iniziative da intraprendere per organizzare una manifestazione che coinvolga tutta la cittadinanza.
Naturalmente, attraverso gli organi di stampa, terremo tutti i cittadini aggiornati sulle iniziative.
 Saluti
 Peppe Cincotta

Ora basta. Lo Snoopy si muove per organizzare manifestazione

L'Associazione dello SNOOPY CLUB a seguito degli ultimi episodi verificatisi sul'isola intende organizzare una manifestazione di protesta in modo da dire ORA BASTA.
Cerchiamo di recuperare la nostra identità di eoliani veraci.
Chiunque fosse interessato è invitato a partecipare alla riunione indetta per staserea ore 20,00 presso la sede sociale dell'Associazione sita presso i campi da tennis.
Facciamo sentire la nostra voce ed isoliamo coloro che si rendono colpevoli di questi crimini.

Da un po di tempo (di Saverio Merlino)


Da un bel po’ di tempo ormai nell’isola di Lipari appaiono notizie di furti di giorno, di notte, furti che non arricchiscono di sicuro perché le abitazioni “ visitate” non appartengono certo a persone ricche e benestanti, ma spesso sono le umili dimore di persone che hanno sudato e fatto sacrifici per potersele permettere.
Spesso quello che è rubato non è solo denaro o monili preziosi, che valgono solo per chi li possiede, perché sono il ricordo di qualcuno, il segno d'amore di un marito per la moglie, la vera di matrimonio.
Nessuno mette in conto il danno morale.
Magari non ci si rende conto della traccia di dolore che il furto lascia nel cuore e nell'anima.
Quando al mattino ti svegli e ti accorgi che qualcuno, durante la notte, è entrato nella tua casa, nella tua camera, nella tua intimità, ti senti defraudato di un diritto sacrosanto: la violazione del tuo mondo, della tua vita.
Nessuno mai pagherà per ciò che resta nelle persone che hanno subìto questa violenza.
Il primo pensiero è ovviamente far riparare le porte, le finestre, mettere qualche catenaccio, cercare qualche sistema più sicuro per evitare nuove sorprese.
Ma durante la notte, anche se ormai ogni finestra è dotata di allarme, se la porta è blindata, ogni piccolo rumore, uno scricchiolio, fanno tenere gli occhi sbarrati, mentre il cuore sembra scoppi nel petto, e inghiotti la saliva senza far rumore, per paura che qualcuno ti senta, il respiro si fa più veloce, cerchi con gli occhi un bagliore, una luce che ti segnali la presenza di qualcuno…
Poi ti accorgi che era un falso allarme, che puoi dormire tranquillo, ma non dormirai più molto tranquillo.
Certo, piano piano la paura se ne va e la paranoia dei primi giorni ti abbandona, lasciando però un dolore cieco, sordo, perché qualcuno è entrato nella tua casa, il luogo dove ognuno dovrebbe sentirsi al sicuro, nel tuo rifugio, ha camminato per le tue stanze, toccando i tuoi soprammobili, aprendo i cassetti, scarmigliando le tue carte, rubandoti quei pochi soldi che magari tenevi pronti per le emergenze, per fare il regalo al nipote, per pagare le bollette, il mutuo…
 Ed ecco che ti accorgi che in quel momento eri completamente in balia di qualcuno, che poteva decidere del tuo destino, della tua vita, magari com’è successo la notte di Natale a Quattropani, una notte che gli eoliani ricorderanno sempre.
Abbiamo toccato il fondo.
E questo ti lascia sgomento, angoscia, nel capire che tu o i tuoi figli o i tuoi nipoti ci si può trovare alla mercè di persone la cui reazione non avresti mai potuto prevedere.
In questi giorni i commenti si sprecano, tutti lanciano proclami, anche chi doveva pensarci già da molto tempo.
Sono convinto, comunque, che nonostante tutto non mancherà a noi liparesi, senza che ce lo ricordi nessuno, quello scatto d’orgoglio necessario per riprenderci, in ogni maniera, quella tranquillità e serenità che appartiene alla nostra isola.
Diamoci una scossa, tutti: Amministratori, Magistrati, Forze dell’Ordine, Operatori turistici e commerciali, Cittadini, Scuola e Chiesa.
Non stiamo parlando di trasporti, di turismo, di Piano Regolatore, di Mega Porto……questa volta, uniti, dobbiamo trovare l’intelligenza di mettere in campo azioni forti e concrete per difendere  la vita nostra, dei nostri figli e dei nostri nipoti.
Si vis pacem, para bellum ( se vuoi la pace prepara la guerr)
Io ci sono……

                                                                                                   Saverio Merlino

Allaccio alla rete fognaria. L'interrogazione di Giovanni Sardella


Il sottoscritto, nella qualità di Consigliere Comunale, interroga la S.S. per conoscere, con risposta scritta:
- se per il rilascio delle autorizzazioni di allaccio alla rete fognaria comunale, obbligatorio per Legge e per Regolamento Comunale (n° 92/2002) deve essere acquisto dagli Uffici, oltre che il titolo di proprietà che ne giustifica la titolarità e ne indica l’immobile di riferimento, la pianta del fabbricato oggetto della richiesta.
- se tale pianta del fabbricato è stata richiesta ed acquisita dagli Uffici dall’entrata in vigore del R.C. ad oggi, e risulta essere allegata ad ogni autorizzazione di allaccio fognario rilasciata fino alla data odierna.
- se il citato allegato è compreso nel modulo di istanza per l’allaccio che il Servizio Comunale distribuisce ai cittadini che ne fanno richiesta.
Il sottoscritto resta in attesa di una risposta nei termini di Legge e porge distinti saluti.
Giovanni Sardella
          Consigliere UDC