Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 24 gennaio 2015

LIPARI, AUTOGESTIONE E RESPONSABILITA'. (di Laura Natoli)

Che bello sentire finalmente che non tutti tacciono! E’ confortante percepire che la coscienza ed il pensiero critico sopravvivono ancora in questa realtà così depauperata di valori e conoscenza. Mi unisco fortemente al pensiero di Marcella Di Marca, Mimma Sparacino, Alessandra Falanga, Eleonora Zagami e gli altri che ci hanno offerto degli interessanti spunti di riflessione.
E’ ancor più confortante sentire finalmente la voce di un insegnante che si leva contro il “muro di gomma” del sistema marcio che governa da troppo tempo anche il mondo delle nostre scuole. Ha pienamente ragione Lina Paola Costa, insegnante esperta, preparata e dedita al suo lavoro. E’ senza alcun dubbio INDECENTE ciò che accade ripetutamente sotto gli occhi di tutti e a discapito dei soli alunni.
E’ scandaloso che chi dovrebbe controllare “acconsente tacitamente” e che ad andare in vacanza per prime siano le coscienze……
Da tempo ribadisco che i problemi comuni degli studenti dei vari istituti di Lipari vadano affrontati “in comune” e che, se ci fosse la volontà, se ne potrebbero risolvere immediatamente alcuni. Le mie due figlie frequentano l’ I.C. Lipari 1 ma tra non molto si ritroveranno alle superiori e anche noi ci confronteremo con problemi “superiori”.
Anch’io, in qualità di ex studentessa “nomade” del Liceo Scientifico di Lipari, ho vissuto sulla mia pelle i problemi della discontinuità didattica, della mancanza di insegnanti nei giorni di maltempo, di locali e infrastrutture inadeguati ma ho anche scoperto l’ interesse per materie ed argomenti inaspettati e soprattutto il grandissimo valore di una preparazione a 360 gradi. Nonostante ciò ho constatato anch’ io la grande differenza tra la mia preparazione e quella dei ragazzi con cui mi sono confrontata negli anni dell’ università molto lontano da qui. Allora pensavo che se avessi potuto tornare indietro avrei sicuramente approfittato meglio degli anni del liceo per acquisire altre conoscenze e colmare le mie lacune. Ma non si può tornare indietro e negli anni della scuola quel che è perso è perso!
Per questo motivo è importante partire bene sin dall’ inizio, dalla scuola elementare ed insegnare ai bambini che proprio il rispetto delle regole e la conoscenza ci rendono uomini liberi. Per questo motivo bisogna battersi affinchè sia garantito il diritto allo studio e la sua continuità attraverso tutti e tre i cicli: primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado. Ma soprattutto bisogna battersi perché si ricostituisca il giusto equilibrio tra diritti e doveri a tutti i livelli e si torni (tutti) a rispettare le regole, non sulla carta ma nei fatti di ogni giorno. 
Laura Natoli

Perchè Filicudi non parteciperà al Carnevale eoliano 2015. Ci scrive Roberto Favaloro

Riceviamo da Roberto Favaloro e pubblichiamo:
Caro direttore,

le scrivo in merito al Carnevale Eoliano 2015.  Io, sino ad un paio di anni fa, partecipavo ogni anno alla manifestazione, unitamente ai ragazzi di Lipari.

Adesso per motivi di lavoro mi sono trasferito a Filicudi. Come è risaputo lo scorso anno abbiamo partecipato al Carnevale eoliano, affrontando la trasferta di Lipari e con molti sacrifici.
Quest'anno avevamo iniziato a lavorare ma, purtroppo, abbiamo avuto problemi nella realizzazione del capannone e quindi abbiamo chiesto (ad ottobre) al Comune un'autorizzazione per realizzarlo. 
Nonostante la richiesta, fatta con largo anticipo, fino ad oggi a ieri non hanno fatto niente e quindi, in pratica, ci hanno impedito di partecipare al Carnevale.
Voglio, quindi, evidenziare che, da parte nostra, c'è stato tutto l'interesse, così come l'impegno. 
Purtroppo la mancata risposta del Comune alla nostra richiesta ci ha impedito di poter partecipare.
Le chiedo di pubblicare questa mia nota adffinchè tutta la popolazione sappia il motivo per cui quest'anno Filicudi non ci sarà.

Scuola primaria di Filicudi. Presidente e vice-presidente della circoscrizione scrivono al segretario confederale SINALP

Al Segretario Confederale SINALP
Sig. Bartolo Pavone
Visto che non è stato ancora possibile istituire il tavolo tecnico , chiediamo ufficialmente alla S.V. , nella qualità di Segretario Confederale SINALP, di occuparsi della questione Scuola primaria di Filicudi, rendendo edotti i genitori degli alunni e questo consiglio, a cui gli stessi si sono ripetutamente rivolti, su tutte le normative vigenti che regolano l’attività didattica nelle isole minori, in special modo Filicudi e Alicudi, facendo anche riferimento al numero dell’organico previsto alla Scuola Primaria e al regolamento delle supplenze.
Cordiali saluti
Maria Grazia Bonica Presidente di Circoscrizione Filicudi e Alicudi
Daniela Tagliasacchi Vicepresidente “ “ “
Filicudi 24 Gennaio 2015

EUROPA-REGIONI: ARS; ARDIZZONE NEW ENTRY NEL COMITATO UE

Il Parlamento regionale siciliano avrà un proprio delegato nel Comitato delle Regioni, l’Assemblea dei rappresentanti regionali e locali dell'Unione europea a Bruxelles. Si tratta del presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone. A designarlo la Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome.
“E’ un riconoscimento per tutta l’Assemblea regionale siciliana - afferma Ardizzone - perché, per la prima volta dalla sua istituzione nel 1994, del Comitato faranno parte anche i rappresentanti dei Consigli regionali. Nella costruzione della nuova Europa, i territori devono farsi sentire di più per questo sono consapevole della responsabilità assegnatami, ma anche dell’importanza del ruolo. Ringrazio i colleghi della Conferenza dei presidenti che hanno voluto indicarmi quale componente titolare della delegazione italiana”.
Insieme ad Ardizzone a rappresentare le Assemblee legislative nell’organismo consultivo saranno i presidenti dei Consigli regionali della Lombardia, Raffaele Cattaneo, del Friuli Venezia Giulia, Franco Iacop e dell’Emilia Romagna, Simonetta Saliera.
L'avvio del nuovo mandato, che dura cinque anni, è fissato per la seduta plenaria del Comitato l’11 febbraio. In quell’occasione saranno eletti un presidente e un vice e i coordinatori delle sei commissioni di lavoro: politica di coesione territoriale, politica economica e sociale; istruzione, gioventù e cultura; ambiente, cambiamenti climatici ed energia; cittadinanza,governance, affari istituzionali ed esterni; risorse naturali. La Commissione, il Consiglio e il Parlamento dovranno consultare il Comitato delle Regioni prima che l'Ue prenda decisioni su temi di competenza delle amministrazioni locali e regionali.

Calcio a 5 - Serie C2: Il Salina cade a Castroreale. Ludica Lipari in campo domani

Trasferta amara per il Salina sul campo del Castroreale. La formazione del presidente Santino Ruggera è stata superata per due a zero dai padroni di casa.
La Ludica Lipari scendere in campo domani, sul campo neutro di Milazzo, contro la Libertas Zaccagnini, fanalino di coda del torneo

Sicilia: Commissione bilancio approva Dpef

La commissione Bilancio della Regione siciliana ha approvato il Dpef 2015-2017 che ora andrà in Aula per il voto definitivo. Dalla relazione dell’assessore all’Economia, Alessandro Baccei, emerge la sintesi delle indicazioni fondate sulle riforme suggerite dal governo centrale nel corso del recente incontro informale del sottosegretario Delrio con gli assessori regionali. La riduzione e la qualificazione della spesa partirà dalla ristrutturazione degli enti strumentali e della burocrazia, dal ridimensionamento degli incentivi e dei vertici,dalla revisione delle missioni delle partecipate, dalla riqualificazione della spesa per precariato e forestali e dall’istituzione di una centrale acquisti (se ne parla da anni e mai realizzata). Altre indicazioni riguardano le risorse extra regionali, in primis l’uso dei 20 mld che la Sicilia avrà a disposizione dalla chiusura della programmazione comunitaria 2007-2013 e dalla nuova programmazione 2014- 2020.
Questi i settori stategici per lo sviluppo indicati dal governo nel Dpef: Turismo, Beni culturali, Sanità e scienza della Vita, Agroalimentare ed Economia del mare; Energia e Smart cities. Si punta all’aumento delle entrate. Come? Con l’intensificazione delle riscossioni esistenti, l’ individuazione di nuove risorse, la gestione più efficiente del patrimonio regionale per migliorarne la redditività.

Calcio a 5- Serie C2. Salina di scena oggi a Castroreale. La Ludica, in campo neutro, affronta domani la Libertas Zaccagnini

Per il campionato di Serie C2 di calcio sono in programma per le due formazioni degli incontri che, sulla carta, sembrano essere abbastanza abbordabili.
Il Salina scenderà in campo oggi pomeriggio a Castroreale per affrontare la formazione locale che, con 15 punti, è quart'ultima in classifica.
Una vittoria del Salina, oltre a rafforzare la posizione in classifica dei ragazzi del presidente Ruggera, rappresenterebbe anche un gradito "favore" per la Ludica Lipari, impelagata anch'essa nei bassifondi della classifica.
Ludica Lipari che, dopo la vittoria ottenuta nello scorso turno, guarda con fiducia all'incontro che disputerà domani, sul campo neutro di Milazzo, contro la Libertas Zaccagnini, fanalino di coda del torneo

L'indiscreto: Tra la Siremar-Cdi e il dottor Seminara è "divorzio"

Il dottor Alessandro Seminara (foto a destra) non è più l'amministratore delegato di Siremar-Cdi. 
La notizia era nell'aria e sarebbe susseguente alla riunione del consiglio d'amministrazione della società di navigazione che effettua i collegamenti con le Eolie e le altre isole siciliane.
Da quanto trapela, in occasione di tale riunione, non gli è stata rinnovata la fiducia. 

Per quanto riguarda il suo successore il nome che trapela è quello di Giampiero Romiti.

venerdì 23 gennaio 2015

L'indiscreto: Lascia l'assessore Tiziana De Luca. Ma c'è un'altra poltrona che cambierà titolare.

Dovrebbe essere ormai questione di ore ma la notizia è certa.
L'assessore Tiziana De Luca lascia l'amministrazione Giorgianni.
L'esponente del PD ha già pronte le dimissioni motivate dall'avanzato stato di gravidanza. Contrariamente i "rumors" sostengono che importante sarebbe stato in tal senso l'input del partito.
Partito - che attraverso il segretario Merlino - smentisce le paventate pressioni.
La settimana prossima, non appena le dimissioni saranno ufficiali, il PD si riunirà per individuare il nuovo assessore (dovrà essere per forza di cose una donna) da segnalare al sindaco Marco Giorgianni.
Ma non è l'unica indiscrezione "certezza" della quale siamo venuti a conoscenza. C'è, infatti, ma non nella giunta Giorgianni, un'altra poltrona che cambierà titolare. Ma per questo vi rinviamo a domani.

L'importanza del Liceo Scientifico (di Mimma Sparacino)

Riceviamo e pubblichiamo:
Ho letto con grande attenzione e altrettanta emozione la lettera di Marcella Di Marca “Battetevi per ricevere la più alta istruzione possibile”.
Ho letto la lettera di Sandra Falanga ,che è un altro punto di vista ,ma non per questo meno stimolante o meno importante.
Desidero anch’io esprimere la mia opinione, dando tutto il mio appoggio alle madri che stanno affermando le loro idee e hanno partecipato insieme a me e a tanti altri alle riunioni tenutesi all’istituto Isa Conti, nei giorni dell’autogestione.
Dicevo di aver letto con grande emozione la lettera di Marcella perché come me ha vissuto l’esperienza del liceo scientifico che era una sezione staccata del liceo Ettore Maiorana di Milazzo senza fissa dimora e con pochissimi iscritti.
Un pensiero caro va ‘ al mio papà che in quegli anni insieme a qualche altro genitore iscriveva al liceo i ragazzi che sapeva non avrebbero continuato gli studi per far si che si formasse la classe con grande amore ma anche con grande dispendio di energie e denaro.
Sono stata più fortunata di Marcella, perché ho avuto solo insegnanti preparatissimi e meravigliosi con i quali intrattengo ancora oggi rapporti affettuosi e di vera amicizia.
Approfitto dei notiziari e del dibattito in corso per sottolineare l’importanza del liceo scientifico tradizionale senza nulla togliere agli altri indirizzi scolastici, e a tal proposito un plauso va alla Preside Dott: Tommasa Basile, che con grande tenacia volontà e coraggio ha dato ai nostri ragazzi nuove opportunità di studio.
Con grande dolore però so che lo scorso anno non si è formata la prima classe del liceo scientifico tradizionale e intendo con altre mamme fare una campagna di promozione ,sensibilizzazione, pubblicizzazione per la valorizzazione del liceo tradizionale che ha dato a me e a tanti altri come me seppure in tempi diversi e forse più difficili quella formazione classica propedeutica a qualunque tipo di attività.
Approfitto ancora per pubblicare un bellissimo articolo che Federica Alessandro studentessa di quarta liceo ha scritto sul giornalino di istituto e vi invito a riflettere…
Affettuosamente
Mimma Sparacino


Per la serie "Non ci facciamo mancare nulla" Sottomonastero...la pioggia...e le fontane. (video)

Fondi per "Navetta del sorriso". Dall'Associazione Salus Carmeloantonio D'Agostino: "Grazie Lipari"

ASSOCIAZIONE SALUS (C. D'Agostino)
GRAZIE LIPARI!
Un grazie all'Associazione "Borgata Lami", ai parroci, alla Caritas, a tutte le persone di Lipari giovani e meno giovani, che con un gesto d'amore hanno dato della loro vita una testimonianza di altruismo, portando a tutti noi una carica sconfinata di amicizia e carità.
Siamo profondamente grati a tutti i cittadini che con la loro personalità, aperta al sorriso, hanno dimostrato di essere "missionari di bontà" nei confronti di ammalati e sofferenti.
Grazie per il "MIRACOLO" che avete compiuto dando a noi la possibilità di acquistare una nuova navetta che renderà più confortevole e sicuro il tragitto delle persone che si sottoporranno a chemioterapia presso l'Ospedale S. Vincenzo di Taormina. 
Sicuramente daremo un segno tangibile alla vostra generosità di cui vi daremo testimonianza.
Da tutti i componenti l'Associazione Salus Carmeloantonio D'Agostino, una infinita gratitudine e un fortissimo abbraccio.
Graziella Paino

Stromboli vista dallo spazio. La foto dell'astronauta italiana Cristoforetti

L’astronauta italiana Samantha Cristoforetti ha fotografato l’isola di Stromboli, in Sicilia, dallo spazio.

Stromboli. Aliscafo in approdo rompe tre finestrini.

Momenti di apprensione stamani a bordo dell'aliscafo "Mirella Morace" dell'Ustica Lines il quale, durante l'operazione di approdo nel porto di Scari a Stromboli, ha urtato contro la struttura portuale con la parte inferiore del salone di prua. Nell'impatto tre finestrini sono andati in frantumati e all'interno del mezzo è penetrata l'acqua di mare. 
Per fortuna non hanno riportato danni nè gli undici passeggeri nè i componenti l'equipaggio. Personale di bordo che, dobbiamo scrivere, si è immediatamente attivato sia per tranquillizzare i passeggeri sia per mettere in sicurezza, nel miglior modo possibile, l'area interessata dall'incidente. Il mezzo, completate le operazioni di imbarco e sbarco nell'isola, ha proseguito la sua corsa raggiungendo Panarea e Santa Marina Salina. Qui i passeggeri che dovevano proseguire per Lipari, Vulcano e Milazzo sono stati trasbordati sull'Emma Morace della stessa "Ustica Lines". Il mezzo "incidentato", senza passeggeri a bordo, ha proseguito per Milazzo dove sarà sottoposto ai necessari intervento. A causare l'incidente sarebbero stati la forte risacca e il vento. C'è da sottolineare, comunque, da quanto si è potuto apprendere che il mezzo veloce è stato "costretto" ad ormeggiare sul lato nord del molo perchè dalla parte opposta, dove la risacca era meno violenta, un gavitello (presumibilmente abusivo) rendeva impossibile - come segnalato dagli stessi ormeggiatori in servizio a Stromboli- le operazioni di approdo.

Gesù Bambino nelle case a Malfa. (Articolo di Antonio Brundu)


L’antichissima tradizione di portare Gesù Bambino per le case si svolgeva, nel periodo dell’Epifania, in tutte le contrade dell’Arcipelago Eoliano. Oggi, invece, questa usanza ultrasecolare si ripete in alcune località delle Eolie e, in modo particolare, a Malfa, nell’isola di Salina.
Di buon mattino, infatti, gruppi di giovani (più che altro appartenenti alla Confraternita di San Lorenzo, patrono del paese ) iniziano il lungo giro fra le case del paese partendo dalla chiesa parrocchiale, dove uno scampanìo festoso annuncia l’uscita di Gesù Bambino, che viene portato dentro una culla ricoperta da un tessuto bianco e celeste, con rifiniture merlettate di cotone ricamato e con un addobbo di fiori dai colori svariati.
Una orchestrina, formata da chitarre e fisarmonica, (una volta c’erano anche il violino e il mandolino) allieta con motivi musicali, popolari e religiosi il passaggio in tutte le abitazioni, dove le famiglie accolgono, con devozione e sentimento, il simulacro del Bambinello, portatore di pace, serenità, gioia e benessere per gli animi e di protezione per la famiglia e per la casa (quest’anno anche il nuovo parroco P. Maurizio ha seguito il gruppo nelle case sia per benedirle, sia per conoscere più da vicino i singoli nuclei familiari.
Dopo una breve pausa, caratterizzata da momenti di raccoglimento e di preghiera, i componenti della  famiglia baciano “U Bambinieddu” e, di solito, il più anziano e il più piccolo pongono, nella culla, una offerta; mentre ai presenti e ai suonatori vengono dati i dolci tipici delle festività natalizie, il rosolio e la rinomata malvasia. E così il gruppo che, mano a mano, si va sempre più ingrossando, si porta di casa in casa accompagnato dal ritmo musicale dell’orchestrina, i cui motivi e gli echi si spandono tutt’intorno e creano una atmosfera di allegria e di festa.


Verso sera i numerosi accompagnatori di Gesù Bambino, stanchi ma soddisfatti, concludono il loro girovagare fra le abitazioni, nelle strade e nei vicoli del paese; quindi si recano in chiesa per assistere alla celebrazione eucaristica (sia il giorno dell’Epifania che la domenica successiva), durante la quale l’orchestrina esegue motivi musicali antichi e natalizi. Una volta, prima di entrare in chiesa, il gruppo sostava nella casa più vicina alla chiesa stessa e venivano sparati mortaretti e fuochi d’artificio.
Quindi si rimaneva in attesa che suonasse la campana: “U signu sonò” – dicevano. Si trattava di tre colpi di campana che servivano come segnale per far sapere che il parroco era pronto per iniziare il sacro rito della Messa. Attualmente questa usanza, che risale al 1600, si ripete con grande fervore ed entusiasmo. Una consuetudine che è rimasta quasi intatta nel tempo e che si tramanda, di generazione in generazione, con lo stesso spirito spontaneo e devozionale che ha animato, nelle varie epoche, gli antenati. (Nella foto di Antonio Brundu : il gruppo appena uscito dalla chiesa… oggi gennaio 2015 e… ieri gennaio 1935 nella foto d’epoca scattata dal parroco pro tempore P. Giovanni Marchetti).

20 anni di Centro Giovanile a Lipari (di Cinzia Favaloro)

Quando si parla con i ragazzi che hanno vissuto la realtà del Centro Giovanile c’è una frase che accomuna la loro esperienza: “il Centro è stata la mia seconda casa”. Questo la dice lunga su cosa rappresenti questa realtà che da 20 anni è punto di incontro per i giovani di Lipari.

Come ogni casa che si rispetti c’è chi l’ha progettata, il carissimo Mons. Miccichè che ha fortemente voluto la nascita del Centro Giovanile e lo ha affidato a Gianna Sidoti, pilastro di questo progetto. Tante sono le persone che nel tempo hanno collaborato con lei, nelle varie iniziative e sempre costante è stato il sostegno di Don Gaetano Sardella che ha creduto in questa realtà.
Ma cosa sarebbe questa “casa” se non ci fossero stati centinaia di giovani che si sono susseguiti in questo tempo? Ragazzi intraprendenti o timidi, spavaldi o introversi, più o meno credenti...tutti sono stati accolti senza riserve o giudizi e ognuno ha trovato il modo di rendersi utile, portando il proprio vissuto, il proprio carattere fatto di pregi e difetti, ma soprattutto portando la propria ricchezza!
Io sono stata una di quegli adolescenti che ha frequentato il Centro Giovanile, sentendosi a casa propria. Lì ho potuto fare nuove conoscenze ed esperienze che mi hanno fatta crescere: mi sono divertita con le varie attività ricreative ma ho anche avuto modo di affrontare discorsi seri. 
Il Centro Giovanile è un luogo dove si discute, si litiga, ci si diverte, è il luogo dove si parla di Dio, del mondo che cambia, della scuola, dello sport, dei programmi che ci sono in tv e del buco dell’ozono: in pratica è parte viva e attiva della nostra società!!!
È per questo che vogliamo ricordare e festeggiare questi 20 anni trascorsi con tutta la comunità, in occasione dell’ ormai storico appuntamento dei ragazzi del Centro Giovanile, il 31 gennaio, festa di San Giovanni Bosco, con il Recital “Il Valzer della Responsabilità”.
Grazie a tutti coloro che hanno sempre creduto e sostenuto il Centro Giovanile

Cinzia Favaloro

Stasera al Centro Studi l'inchiesta del 1970 sulle cave di pomice

Stasera, alle 19,00 nuovo appuntamento al Centro Studi. nel corso della serata dedicata a Vincenzo Consolo sarà presentata l'inchiesta dell'autore siciliano fatta a Lipari nel 1970 sulle cave di pomice e della quale alleghiamo la prima pagina. nel corso della serata, inoltre, sarà possibile ammirare il servizio fotografico di Melo Minnella che correda il servizio giornalistico.
L'ufficio Stampa

Partylandia augura Buon Compleanno a Giada Bonfante per il suo compleanno

Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno a Giada Bonfante che compie 1 anno. 

Lipari. Vigili urbani...a mollo. Ma non è l'unico problema negli uffici del comando di polizia municipale.

Il comune di Lipari, in certi uffici, fa decisamente acqua. 
Attenzione non è una critica all'operato di dirigenti, funzionari e impiegati ma un dato di fatto concreto. 
Stamani a fare i conti con l'acqua piovana penetrata all'interno dell'edificio di piazza Mazzini. Corridoi ed uffici allagati dopo la pioggia di ieri che ha trovato terreno fertile in quella parte della struttura che non rappresenta certo il massimo per ospitare gli addetti ai lavori e i cittadini che vi si recano. 

Ma non è l'unico "inconveniente" dell'ala che ospita i vigili urbani: umidità e muffa la fanno da padrone con grave pregiudizio per la salute dei vigili. Molti dei quali, ci risulta, hanno avuto ed hanno problemi respiratori. 
Tali "inconvenienti" (se così li vogliamo chiamare) sono stati più volte segnalati a chi di competenza, auspicando il trasferimento in altra sede. Ma senza alcun riscontro concreto.

Lunedì 26 gennaio sarà a Lipari il Dottor Francesco Salpietro nella qualità di R.S.P.P. (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione) a riscontro di una ennesima segnalazione fatta dall'ispettore di polizia municipale Giacomo Marino, un componente della RSU. 
Le barchette - che oggi sono spuntate nei locali della polizia municipale- sono l'immagine che tende a dimostrare che si fa "acqua" da tutte le parti e ... nessuno prende provvedimenti.

Viaggio (quasi) al centro della Terra. Così la Nasa esplorerà il cuore dei vulcani

SE PENSIAMO alla Nasa ci vengono in mente le missioni spaziali e i viaggi su altri pianeti. Eppure all'agenzia spaziale americana c'è chi pensa a guardare nelle profondità del nostro, di pianeta. Al prestigioso Nasa Jet Propulsion Laboratory (JPL) di Pasadena, in California, un gruppo di scienziati ha infatti sviluppato il primo VolcanoBot, piccolo robot dedicato allo studio dei vulcani. Grande poco più di una mano, questo robottino può infatti intrufolarsi nelle fessure eruttive da dove fuoriesce il magma dei vulcani. Questi piccoli dispositivi possono così esplorare strutture sotterranee che spesso sono troppo piccole per essere visitate direttamente dall'uomo. 

Come annunciato sul sito del JPL, la prima campagna di test di VolcanoBot, condotta al vulcano Kilauea nelle isole Hawaii, è stata un successo. 
I dati raccolti da VolcanoBot 1 stanno infatti aiutando gli scienziati a costruire mappe 3D delle fessure vulcaniche con un dettaglio mai raggiunto prima, di grandissima importanza per capire la struttura dei vulcani e i processi che causano le eruzioni.
Nella pancia dei vulcani. "Non sappiamo esattamente come i vulcani eruttino. Abbiamo dei modelli, ma sono tutti molto, molto semplificati. Questo progetto mira ad aiutare a rendere quei modelli più realistici", sottolinea Carolyn Parcheta, una delle menti dietro ai VolcanoBot. Parcheta, che ora lavora come giovane ricercatrice al JPL, è sempre stata affascinata dai vulcani, ed è stata una delle prime a proporre l'idea di esplorarli con i robot. Un'idea senza dubbio innovativa, che le ha permesso anche di arrivare in finale al concorso Expedition Granted bandito dal National Geographic. Per realizzare questa idea, Parcheta ha lavorato sotto la supervisione di Aaron Parness e Karl Mitchell, esperti di robotica al JPL. Insieme, i tre hanno deciso di "riciclare" alcune parti del progetto Durable Reconnaissance and Observation Platform (DROP), un piccolo robot capace di scalare pareti verticali e di resistere a cadute dall'alto. È nato così l'anno scorso il primo prototipo della serie, chiamato VolcanoBot 1, che è largo 30 centimetri e si può muovere grazie a due ruote grandi circa 17 centimetri.
Un robot al guinzaglio. Dopo i primi test, VolcanoBot 1 è stato subito messo alla prova nel maggio dell'anno scorso. I ricercatori lo hanno fatto scendere lungo una fessura del Kilauea, uno dei vulcani oggi attivi alle isole Hawaii. Per cinque giorni il piccolo robot ha esplorato la fessura, al momento inattiva, scendendo a 25 metri di profondità e comunicando con la superficie attraverso un cavo dati. "Per poter capire come predire le eruzioni e condurre delle stime di rischio, dobbiamo capire come il magma arriva al suolo. Questa è la prima volta che siamo stati capaci di misurarlo direttamente, dall'interno, con una precisione a livello dei centimetri", ha ricordato Parcheta. Questi primi risultati raccolti da VolcanoBot 1 sono certamente all'altezza delle aspettative, e stanno aiutando a costruire una mappa 3D della fessura, che sembra continuare più in profondità anche dove il robot non è arrivato. La principale limitazione, ricordano gli scienziati, è infatti stata la lunghezza del "guinzaglio" di comunicazione dati, che non ha permesso di scendere più in basso. 
Una nuova generazione. Incoraggiati dai risultati di questi primi test, Parcheta e colleghi hanno deciso di spingersi oltre, sviluppando la seconda generazione di VolcanoBot, leggermente più piccola della prima. VolcanoBot 2, completato di recente, misura 25 centimetri e ha delle ruote da 12 centrimetri, più robuste di quelle di VolcanoBot 1. Inoltre il nuovo prototipo ha un sistema per memorizzare su disco i dati e le immagini raccolte. Inoltre, il nuovo robot è dotato di un sistema di "occhi" elettronici ancora più sofisticati, per riprendere meglio le strutture interne delle fessure vulcaniche. VolcanoBot 2 dovrebbe avere il suo primo "battesimo del fuoco" il prossimo marzo, quando Parcheta e colleghi torneranno al Kilauea per continuare le esplorazioni condotte da VolcanoBot 1. Ma nel frattempo, alla Nasa c'è già di chi pensa ai vulcani su altri pianeti. Sulla Terra le fessure sono il principale canale che porta il magma in superficie, e lo stesso vale probabilmente anche per i vulcani che sono stati attivi nel passato nel Sistema Solare, ad esempio su Marte, Mercurio o sui satelliti naturali come la nostra Luna, Encelado, o Europa. Come potessero avvenire queste eruzioni vulcaniche extraterrestri resta ancora un mistero, e magari i VolcanoBot ci aiuteranno a svelarlo: "Negli ultimi anni, le sonde della Nasa hanno inviato immagini incredibili di caverne, fessure e ciò che sembrano camini vulcanici. Non abbiamo ancora la tecnologia per esplorarli, ma sono così allettanti!", aggiunge Parness. Nel frattempo, VolcanoBot 2 si prepara alla sua prossima discesa nelle viscere del vulcano. Un vulcano terrestre ma, non per questo, meno misterioso.

Per il tour siciliano #diventeràbellissima oggi a Messina incontro dal titolo: "Il mare siciliano: frontiera d'Europa o cuore pulsante del Mediterraneo?"

Oggi, 24 gennaio, alle ore 11:00 presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca a Messina, nell'ambito del tour siciliano denominato #diventeràbellissima promosso dall'On. Nello Musumeci, si terrà un'incontro dal titolo: "Il mare siciliano: frontiera d'Europa o cuore pulsante del Mediterraneo?".
Interverrà l'On. Nello Musumeci insieme con esponenti del mondo politico e delle associazioni messinesi e siciliane.

giovedì 22 gennaio 2015

Previsioni meteomarine Eolie a cura di Giuseppe La Cava

Brusco peggioramento a partire dalla tarda mattinata di Giovedi 22 con piovaschi che, nel corso delle prime ore pomeridiane, si manifesteranno sotto forma di pioggia moderata, localmente intensa durante i temporali. 
Il vento di scirocco soffierà con forte intensità durante il passaggio del fronte con raffiche fino ai 40 nodi nel pomeriggio, quando la ventilazione si disporrà da libeccio seguendo il minimo della bassa pressione che dalla serata si localizzerà nelle coste tirreniche calabre. 
Il moto ondoso sarà temporaneamente molto mosso al largo nel pomeriggio, mosso nella sottocosta milazzese 
Le precipitazioni si ripresenteranno nel pomeriggio-sera di Venerdi con piovaschi alternati a locali rovesci serali accompagnati da isolati temporali. Il vento continuerà a soffiare moderatamente da libeccio con raffiche tese ed il mare sarà mosso, tendente a molto mosso dalla sera a causa del rinforzo del vento che ruoterà a maestrale. 
Sabato 24 la giornata si presenterà variabile, ventosa e fresca a causa del lo spirare del maestrale che farà diminuire le temperature fino a toccare gli 11 C , e causando un aumento del moto ondoso fino a molto mosso.Piovaschi saranno presenti nella seconda parte della giornata. 
Le previsioni a medio-lungo termine ipotizzano un nuovo peggioramento in arrivo da domenica 25 che aprirà una fase di tempo piovoso e fresco, con temperature che nella prima parte della prossima settimana si attesteranno mediamente di circa 5 gradi al di sotto la media del periodo

Autorità Portuale dello Stretto: "Basta perder tempo, si istituisca un unico distretto di competenza"

INTERROGAZIONE

Autorità Portuale dello Stretto:"Basta perder tempo, si istituisca un unico distretto di competenza"
"Sono trascorsi quasi due mesi dall'insediamento del Comitato di esperti, voluto dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, per elaborare quel "Piano strategico nazionale della portualità e della logistica" con cui, tra le altre cose, si dovrebbe ridurre il numero delle Autorità portuali per inserirle in un più ampio contesto di distretto logistico. Eppure, ad oggi, al Meridione siamo ancora al palo, senza alcuna pianificazione strategica né della portualità né della logistica, senza alcun miglioramento della competitività del sistema portuale". Non ha mezzi termini il Portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera, Francesco D'Uva, che stamani ha presentato un'interrogazione scritta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sull'astiosa situazione dell'Area Metropolitana dello Stretto di Messina, ma non solo.
"Senza linee guida chiare e precise - ha dichiarato il deputato - il rischio è che quest'accorpamento di Autorità Portuali si tramuti in un mero passaggio di funzioni organizzative e gestionali, che potrebbero comprometterne definitivamente il già delicato sistema. E' illogico che, proprio in assenza di linee guida strategiche, si è contribuito a creare il paradosso che vede la piattaforma logistica mediterranea saldamente insediata nel Mare del Nord, e che consente (là ma non qua) la creazione di milioni di posti di lavoro nel settore della Logistica integrata, oltre a costituite un formidabile aiuto alla industria manifatturiera di quelle zone".
Quel che auspica D'Uva è che, con particolare riferimento all’Area metropolitana dello Stretto di Messina, venga istituito un unico distretto di competenza e che, al contempo, a tale Autorità venga affidata la gestione dei traffici marittimi tra le due sponde, assicurandone la continuità territoriale e commerciale necessaria.
"Il problema del traffico ferroviario, gommato e pedonale tra le due sponde non può più tenere sotto scacco la Sicilia - ha affermato D'Uva - né le soluzioni estemporanee che penalizzano la programmazione economica delle imprese e l’imponente pendolarismo possono essere considerate una soluzione reale".
Alle parole del deputato, fanno eco quelle della Portavoce all'Assemblea Regionale Siciliana, Valentina Zafarana.
"La continuità territoriale è un diritto che, fino ad oggi, non sembra esser esistito - ha dichiarato la Zafarana - nonostante la posizione geografica privilegiata di cui gode lo Stretto che, in una visione illuminata, potrebbe davvero divenire fulcro di flussi mercantili mediterranei, scambi interregionali europei nonché di posti di lavoro".
La parola adesso spetta al Comitato di esperti a cui il Ministero dovrebbe dare delle linee guida che valorizzino le potenzialità del Meridione e ne eliminino problemi decennali e nocivi.
Ma proprio in riferimento alla nomina del Comitato di esperti, il MoVimento 5 Stelle aveva già espresso grossi dubbi in un'interrogazione firmata lo scorso 20 novembre. In particolare si evidenziava come ci fosse qualcosa di anomalo nel fatto che il Comitato fosse "composto da personalità in pieno conflitto di interesse, come i manager delle imprese private, ex parlamentari NCD, personaggi appartenenti alla Fondazione Italiadecide presieduta dall'On. Luciano Violante", mentre fossero assenti i" soggetti portatori di interessi generali, come i rappresentanti delle regioni benché la portualità e la logistica siano materie di legislazione concorrente tra Stato e Regioni, il Comando Generale delle Capitanerie di Porto organo competente in materia di sicurezza della navigazione".

Come eravamo: I "bacchettoni" del Corso (anno 1991)

CARCERI: LISTA MUSUMECI, CROCETTA NOMINI SUBITO IL GARANTE DEI DIRITTI DEI DETENUTI

Un'interrogazione parlamentare è stata presentata all'Ars dai deputati di Lista Musumeci - Gino Ioppolo primo firmatario, Nello Musumeci, Santi Formica - per chiedere come mai il governo regionale non abbia ancora nominato il “Garante per la tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e per il loro reinserimento sociale”, la cui carica, istituita presso la Presidenza della Regione, è rimasta vacante da oltre un anno e mezzo. 
"Tale figura, prevista dalla legge regionale n.5 del maggio 2005 oggi è importantissima per la riabilitazione sociale del detenuto - osservano i parlamentari - visto che tra i suoi compiti rientrano la promozione e la agevolazione dell'inserimento lavorativo, il recupero culturale e sociale, la formazione scolastica e universitaria, il sostegno alla famiglia e ai figli minorenni, la vigilanza sull'esercizio dei diritti fondamentali dei detenuti e dei loro familiari". La stessa legge stabilisce che il Garante è nominato con decreto del Presidente della Regione e che dura in carica sette anni". I parlamentari chiedono di sapere quali siano i motivi del ritardo e se il Presidente della Regione, non ritenga urgente e indifferibile procedere a tutela e promozione di inviolabili diritti umani.

Come eravamo: 1° Maggio 2012 a Leni

Come eravamo: Don Pino, Mariano Sparacino e Giulio China

MAFIA: AGENZIA BENI CONFISCATI; ARDIZZONE, BENE NOMINA MONTANTE

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, esprime apprezzamento per la nomina del presidente di Confindustria Sicilia, Antonello Montante, nel Consiglio direttivo dell’Agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.
“E’ un importante e giusto riconoscimento - afferma Ardizzone - nei confronti del leader degli industriali siciliani per l’impegno sul fronte della lotta all’illegalità e alla corruzione. Sono certo che nel nuovo Consiglio il presidente Montante, unico componente siciliano, rappresenterà un valore aggiunto per l’esperienza maturata in tanti anni di attività imprenditoriale sempre ad altissimi livelli”.

Demanio marittimo di Milazzo. Il Sindaco Lo Schiavo scrive all'Assessore Regionale Croce

COMUNICATO

Nuova presa di posizione del Sindaco di Santa Marina Salina Massimo Lo Schiavo contro le inadempienze degli uffici regionali. Il primo cittadino eoliano, anche a seguito di numerose segnalazioni provenienti da altre isole dell'Arcipelago, in una nota rivolta all'Assessore Regionale al Territorio e all'Ambiente Croce, al Dirigente Generale dell'Assessorato Lupo ed al Direttore del Sevizio 5 Demanio Marittimo De Martino, ha richiesto un approfondimento in merito alle problematiche che sembrano affliggere l'Ufficio periferico del Demanio Marittimo di Milazzo.
La sede mamertina dell'Ente, stando anche come detto alle lamentele manifestate da molti cittadini e puntualmente riportate sugli organi di stampa locali, faticherebbe ad evadere con tempestività le pratiche trattate. Alcune di queste, sottolinea il Sindaco Lo Schiavo nella nota, riguardano certamente il Comune di Santa Marina Salina. Si tratta nello specifico della richiesta di concessione di uno specchio acqueo da adibire a campo boe comunale, che si é inspiegabilmente arenata e della concessione di un'area sottostante la via Simone Neri da adibire al ricovero dei tradizionali gozzi eoliani, oggi esposti inesorabilmente all'azione del mare. Entrambe le pratiche sono bloccate a Milazzo da circa tre anni.
Il Sindaco Lo Schiavo ha pertanto sollecitato tanto l'Assessore Croce quanto i Dirigenti competenti a verificare l'esistenza di eventuali problematiche che limitano l'operativitá dell'Ufficio periferico del Demanio Marittimo della Cittá del Capo ed a disporre ogni atto che si rendesse necessario per superare tempestivamente le stesse. Ci sono in gioco, come si evince dalle conclusioni della nota del Sindaco, le aspettative di tanti utenti, sia pubblici che privati, i quali subiscono un inopportuno e forzato stop alle proprie iniziative, molte delle quali aventi rilevate interesse sia pubblico che economico. Non va sottovalutata inoltre l'esigenza, che dovrebbe essere fatta propria da ogni Pubblica Amministrazione, di lanciare un messaggio di efficienza nei confronti degli utenti, pubblici o privati che siano, partendo dal rispetto delle tempistiche imperativamente previste dalla vigente normativa per evadere le pratiche trattate.

Rinviato l'atteso convegno: "FOCUS SUI COLLEGAMENTI MARITTIMI CON LE ISOLE MINORI DELLA SICILIA"

Ironia della sorte, il convegno “Focus sui collegamenti sui collegamenti marittimi con le isole minori della Sicilia - impegni e obiettivi a breve e medio termine” salta a causa delle condizioni meteo avverse. All’atteso convegno, organizzato da Federalberghi Isole Minori della Sicilia col patrocinio del Comune di Lipari, avevano aderito oltre all’Assessore Regionale ai trasporti, Giovanni Pizzo, il Presidente della IV Commissione all’ARS Giampiero Trizzino, i Sindaci delle isole minori e tutti i rappresentanti delle compagnie di navigazione che in atto garantiscono i collegamenti con le isole siciliane.
Vista la delicatezza dell’argomento in questione e l’interesse manifestato in questi giorni dagli amministratori pubblici, dalle comunità locali e dagli operatori turistici, il convegno sarà riproposto nei prossimi giorni.

Federalberghi Isole Minori della Sicilia
Federalberghi Isole Eolie

Invito alla riflessione: lettera aperta di una mamma agli studenti del Conti

Lettera aperta a...
Anno scolastico 2014-2015 ennesima autogestione dei ragazzi della scuola superiore di Lipari: invito alla riflessione.
Cari ragazzi,
premetto che scrivo perchè mi state molto a cuore e quindi per amore, con molta umiltà e senza alcuna intenzione di giudicarvi.
Sono madre di tre adolescenti di cui due frequentanti l'Istituto Comprensivo di Istruzione Superiore Isabella Conti. Il mio terzo figlio studia a Milano dove abbiamo deciso di mandarlo, a costo di grandi sacrifici, principalmente perchè possa essere preparato meglio dal punto di vista della sua istruzione ad affrontare il futuro e inseguire il suo sogno di diventare calciatore.
Anch'io ho frequentato la scuola superiore di Lipari, in particolare il Liceo Scientifico, che allora era sezione staccata di quello di Milazzo. Quando iniziai, alcuni genitori lottarono perchè si potesse formare la classe e assicurare la continuità dell'indirizzo e sono loro molto grata. Non avevamo una sede fissa, il primo anno iniziammo in un appartamento, successivamente vagammo di edificio in edificio. La classe era composta da pochissimi ragazzi e negli ultimi anni del triennio si assestò su cinque elementi. La mia giornata tipo da studente si svolgeva nel seguente modo: scuola al mattino, pausa pranzo, studio tutti i giorni fino alle 19,00, pausa, cena, studio spesso anche fino a tarda sera. Questa era la vita che conducevo non solo io, ma anche altri ragazzi che come me sono ora genitori di alcuni studenti della scuola superiore di questa città. Ero interrogata tutti i giorni in tutte le materie e dovevo essere sempre preparata. Studiavo non solo perchè, vista la situazione, non potevo farne al meno, e perchè i miei genitori mi incoraggiavano a farlo, insegnandomi che siamo noi responsabili del nostro futuro con il nostro impegno in prima persona, ma studiavo anche, e forse ad alcuni di voi potrà sembrare strano, perchè mi piaceva. Ebbi insegnanti sia meravigliosi che terribilmente inadeguati (impreparati, incapaci e persino mentalmente disturbati). Cercavo di colmare le lacune create da quest'ultimi chiedendo aiuto a mio padre per alcune materie e studiando da autodidatta, per altre. Leggevo tantissimo. Quando si organizzavano scioperi con l'unico scopo di non fare lezione, io e le mie sorelle eravamo sempre presenti perchè i miei genitori non ci permettevano di essere assenti, motivando la loro decisione con il fatto che frequentare la scuola era nostro diritto e dovere. Voi penserete che io ero la classica "secchiona", tuttavia, nonostante tutto, trovavo il tempo per fare dello sport e coltivare delle amicizie. Lo studio era per me però la massima priorità, tutto il resto passava in secondo piano. Ho proseguito i miei studi al Nord dove ho riscontrato un livello molto più alto al quale ho cercato di adeguarmi il più possibile. Anche nella mia esperienza di vita all'estero mi sono resa conto che il sistema di istruzione italiano presenta molti difetti.
Mi piace essere franca e diretta, così vi dico apertamente che ritengo che per alcuni di voi l'autogestione sia "un periodo di pausa" che pensiate "vi spetti" ogni anno, tanto un motivo fondato per protestare si trova sempre. Innanzitutto mi chiedo come un soggetto, che per legge è considerato minorenne, possa decidere di aderire ad una autogestione scolastica. Inoltre, per quanto ho appreso, la gestione delle lezioni è stata deludente; d'altronde se la preparazione delle lezioni è complessa per un insegnante preparato e con anni di esperienza, figuriamoci per dei ragazzi che non hanno neppure completato il ciclo di istruzione superiore. Ciò che mi amareggia di più in questi giorni di autogestione è la grave mancanza di rispetto, espressa, a detta di alcuni ragazzi e genitori, come vera e propria aggressività verbale e bullismo, nei confronti della cosidetta minoranza che la pensa diversamente e vorrebbe fare lezione in modo regolare, ma che ne viene impedita. Mi pare che a questo proposito si leda il diritto di questi studenti ricevere un'istruzione adeguata. Non posso quindi che esprimere tutta la mia solidarietà e elogiare questi ragazzi che non hanno avuto paura di andare controcorrente e sono stati anche pesantemente attaccati, offesi, calunniati. Il mio elogio va pure a chi ha votato contro e a chi sta facendo regolarmente lezione. Tutti questi studenti, a mio avviso, hanno mostrato grande coscienziosità e maturità. Ma coloro che sono a capo della protesta perchè hanno preso tale decisione? Desiderio di far nulla, promesse elettorali tra studenti, tradizione, voglia di protagonismo e di potere? O, se agiscono in buonafede, sono davvero convinti che con qualche giorno di autogestione potranno cambiare la loro scuola, Lipari, l'Italia e addirittura il mondo? Si rendono conto che stanno giocando con le loro vite e quelle degli altri? Guardatevi ragazzi per favore dagli adulti che in malafede vogliono sfruttare la vostra protesta e strumentalizzarvi! Le soluzioni ai nostri problemi non cadono dal cielo e nulla ci è dovuto ma bisogna che ce lo conquistiamo ogni giorno con fatica e sacrifici. Una volta individuati i problemi, va considerato il fatto che i risultati si ottengono con un lungo e costante impegno in prima persona e quasi sempre bisogna appoggiarsi a chi (nel vostro caso gli adulti) ha più esperienza, più potere di voi, anche se magari meno energia, entusiasmo e tempo. Più si uniscono gli sforzi, più si può sperare di raggiungere gli obiettivi che ci si è prefissati. A proposito di obiettivi, non dovreste forse lottare per ricevere la più alta istruzione possibile per vivere meglio, assicurarvi un futuro felice ed essere liberi? Si, perchè, come ben sapete, l'ignoranza è schiavitù. La prima vera protesta per cui per voi varebbe la pena di lottare è ricevere un'istruzione adeguata. Ciò non significa forse impegnarsi il più possibile nello studio, rispettare le norme scolastiche, adoperarsi perchè la vostra scuola funzioni al massimo delle sue possibilità e delle sue risorse umane e materiali, lavorando per migliorarle, segnalando le inefficienze e le incompetenze, anche esponendovi in prima persona, ma dando il proprio contributo concreto alla soluzione dei problemi. Chi, tra i maggiorenni, volesse partecipare attivamente alla gestione della scuola perchè non propone un piano di "un'autogestione di emergenza" per sopperire al numero insufficiente di insegnanti nei giorni di maltempo ed evitare quindi di tornare a casa? L'obiettivo principale: non perdere neppure un minuto di vera scuola e adeguarsi ai livelli dei Paesi leader a livello mondiale! Com'è noto l'Italia e ancor più la Sicilia occupano posizioni molto basse rispettivamente in ambito mondiale e nazionale. Smettete di considerare l'Italia l'ombelico del mondo! Se non vi rimboccate le maniche seriamente non avrete alcuna chance rispetto ai giovani di altri Paesi. Certo gli edifici scolastici più o meno in tutta Italia sono ormai fatiscenti o c'è carenza di strutture. Vi ricordo però che i vostri nonni e anche alcuni dei vostri genitori sono stati istruiti in condizioni molto peggiori delle vostre con risultati talvolta anche migliori. Sono tempi di grave crisi economica mondiale in cui bisogna far tesoro di quello che si ha, esserne grati, conservarlo, utilizzarlo al meglio ed essere solidali. Amate, apprezzate, ringraziate e siate riconoscenti nei confronti di tutti coloro che nella vostra scuola, soprattutto degli insegnanti che, oltre a svolgere con professionalità il proprio lavoro, anche a costo di grandi sacrifici, non si accontentano di ricevere uno stipendio, sono consci della loro grande missione e cioè di formare gli uomini e le donne del domani e hanno a cuore voi e il vostro futuro. E a guardarci meglio questi insegnanti sono proprio quelli più esigenti e che voi bistrattate di più. O forse la cultura, l'istruzione, la conoscenza non vi interessano? E se è questo il caso, ma allora perchè voi ragazzi del triennio continuate ad andare a scuola per perdere solo tempo e con il vostro disinteresse per lo studio impedite a chi vuole veramente studiare di farlo? Uscite per un attimo col pensiero dai confini del nostro Paese, guardate cosa succede nel mondo, dove bambini e ragazzi della vostra età, non vanno a scuola perchè semplicemente non ce l'hanno, non ce l'hanno mai avuta o è stata distrutta dalla guerra o pensate a quelli che percorrono a piedi parecchi chilometri al giorno per andarci e fanno lezione in condizioni molto disagiate. (Vi consiglio a questo proposito di guardare il film "Sur le chemin de l'école".) Pensate a coloro i quali devono pagare per studiare o a quelli che invece di ricevere un'istruzione viene messo in mano un fucile per combattere. Riflettete, infine, sul caso di Malala, vostra coetanea, che all'età di 11 anni ricevette un proiettile in testa dai Talebani perchè si batteva per il diritto delle bambine di ricevere un'istruzione nel suo paese in Pakistan e che per il suo impegno è stata insignita nel 2014 del premio Nobel per la Pace.
Rivolgendomi a tutti i genitori e adulti di questa comunità voglio ricordare a me e a tutti voi che noi siamo responsabili di questi ragazzi, di come sono e saranno, e abbiamo il dovere morale di guidarli con il nostro buon esempio e esorto me e voi a farlo; loro sono il futuro, dobbiamo impedire che commettano i nostri stessi errori e incoraggiarli a migliorare il mondo in cui viviamo.
Concludendo vorrei che noi tutti, ragazzi e adulti, riflettessimo sulle celebri parole del grande filosofo Socrate: "Esiste un unico bene, la conoscenza, e un solo male, l'ignoranza".
Buona scuola ragazzi!
Marcella Di Marca

Navetta del sorriso. Raccolti a Lipari € 4.000 dalla Borgata Lami e dalla Caritas Interparrocchiale

Eseguito un bonifico di €4.000,00 a favore dell'Associazione Salus C. D'Agostino.
La somma è quella raccolta dall'Associazione Borgata Lami e dalla Caritas interparrocchiale di Lipari la scorsa domenica 18 gennaio, nelle parrocchie di San Pietro, San Giuseppe e Porto Salvo di Lipari, Canneto, Acquacalda, Quattropani, Pianoconte per l'acquisto di un pulmino per la Navetta del Sorriso.
Pregevole è stato l'appello e l'opera di sensibilizzazione da parte dei parroci don Gaetano Sardella, don Giuseppe Mirabito, don Lio Raffaele e don Lillo Maiorana.
Alla gente dell'isola di Lipari va la nostra gratitudine profonda, per la risposta eccezionale quanto inaspettata.
Saverio Merlino, Presidente Associazione Borgata Lami
Caritas Interparrocchiale di Lipari

Scuola primaria di Filicudi di nuovo senza insegnanti. I genitori si rivolgono ai Carabinieri

Oggi 22 Gennaio 2015, la scuola primaria di Filicudi è di nuovo senza insegnanti .
L 'unica titolare, assentatasi ancora per motivi di malattia, tempestivamente comunicata, non è stata sostituita da nessuna supplente come previsto dalla normativa vigente anche per assenze entro i dieci giorni.
Gli alunni delle quattro classi sono stati affidati all'unica insegnante di scuola media, attualmente presente sull'isola.
Permanendo quindi lo stato di disagio scolastico lamentato sin dall'inizio del mese di Settembre, i genitori si sono rivolti a questa Presidenza di Circoscrizione e ai Carabinieri. Soprattutto in considerazione del fatto che, pare sia stato loro riferito dalla Direzione Didattica, che i mezzi di collegamento marittimo oggi non sono disponibili per Filicudi.
Si coglie l 'occasione per ribadire pubblicamente all 'Assessore alla pubblica istruzione del Comune di Lipari e allo stesso Sindaco, di sollecitare il tavolo tecnico di confronto, già chiesto per il mese di Dicembre.
Di porre quindi attenzione ad una situazione che ormai è di continua interruzione di un pubblico servizio.
Il Presidente di Circoscrizione
Maria Grazia Bonica

mercoledì 21 gennaio 2015

Laccoto "necessita un aeroporto tra Milazzo e Barcellona"

La realizzazione di un aeroporto in Provincia di Messina e la riduzione delle tariffe aeree da e per la Sicilia sono argomento di due mozioni presentate dal deputato regionale del Partito Democratico Giuseppe Laccoto.
Nella prima, si impegna il governo regionale “a porre in essere tutte le iniziative necessarie a sostenere attivamente la realizzazione di un aeroporto di 3° livello nella Provincia di Messina, tra i Comuni di Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto e favorire così il suo rilancio turistico, economico ed occupazionale”. Laccoto ricorda che Il Piano Regionale Trasporti prevede “un aeroporto nell’area costiera del messinese collegato con l’autostrada Me-Pa” e le battaglie condotte in questi anni dai Comitati territoriali che hanno raccolto quasi 85mila firme a sostegno del progetto, oltre ai diversi ordini del giorno approvati dai comuni ricadenti nell’area interessata.
Secondo il deputato Pd, “la realizzazione di un aeroporto in Provincia di Messina costituirebbe uno straordinario volano per il turismo, con indubbie ricadute da un punto di vista economico ed occupazionale, diretto e indiretto”. Infatti “la Provincia di Messina è leader in Sicilia, sia come numero di posti letto sia come arrivi e presenze turistiche” e “la realizzazione di un aeroporto favorirebbe il processo di mobilità e trasporti in un’area da sempre marginalizzata, ma che possiede grandi potenzialità di sviluppo economico in considerazione della presenza sul territorio di aziende florovivaistiche e agroalimentari”. “Non si può tagliare fuori dalle grandi vie di comunicazione una realtà importante sotto il punto di vista turistico come la Provincia di Messina – afferma il deputato Pd – la Regione ha il dovere di sostenere in ogni forma la realizzazione dell’aeroporto, anche in considerazione del forte interesse mostrato da diversi gruppi privati”.
Nell’altra mozione, Laccoto affronta i temi del taglio di molte tratte aeree e dell’elevato costo dei biglietti e chiede al governo di impegnarsi per “convocare un tavolo tecnico tra il Ministero dei Trasporti e l’Enav che affronti in maniera definitiva la questione”. “La chiusura di alcune compagnie low cost e la soppressione delle tratte di altre compagnie aeree – spiega Laccoto – ha lasciato all’Alitalia la possibilità di agire quasi in regime di monopolio, con il conseguente aggravio delle tariffe.
E’ indispensabile attivare ogni iniziativa utile a risolvere il problema – continua – a cominciare dall’attuazione dell’atto di indirizzo approvato dall’Assemblea Regionale Siciliana per assicurare alla Sicilia, così come avviene in Sardegna, la continuità territoriale, cioè l’istituto europeo che permette di fissare tariffe aeree agevolate e fisse per i residenti e non solo”.

Salina: durante controlli filiera pesca "sequestrate" 13 “mupe”

COMUNICATO
In data Mercoledì 21 Gennaio, il personale militare della Delegazione di Spiaggia di Salina, al Comando del Capo di 1ª Classe NP/MS Marco Miuccio, coadiuvato dal Dott. Veterinario Antonino Calabrò dell'ASP 5 di Messina e dal Tecnico Dr.sa Amelia Di Franco, unitamente all'intervento del Comando della Stazione dei Carabinieri di Salina, alla presenza del M.llo Gabriele Bianchi, hanno proceduto ad un'operazione di Polizia, in materia di contrasto alla commercializzazione di prodotto ittico proveniente da fonti diverse dalla pesca professionale, di tracciabilità ed etichettatura, di filiera commerciale e tutela del consumatore finale.
I controlli, effettuati sull'isola di Salina, nei Comuni di S.Marina Salina e Malfa, hanno portato, in due diversi accertamenti effettuati, al rilievo di altrettante infrazioni amministrative in materia di "Commercializzazione di prodotto ittico derivante da pesca ricreativa" e "Carenza di parte delle informazioni minime obbligatorie contenute nelle etichette del prodotto esposto alla vendita", comportando l'elevazione di PP.VV. di contestazione amministrativa per un totale di € 3.166,00.
Contestualmente sono stati posti sotto sequestro amministrativo, una bilancia di tipo "Stadèra" ed un quantitativo di prodotto ittico, consistente in n°13 esemplari della specie conosciuta localmente con il termine "Mupa" (Pagellus Bogaravèo); quest'ultimo, una volta effettuato l'accertamento sanitario, in merito alla possibilità di destinazione al consumo umano, è stato donato alla Casa di Riposo del Santuario della Madonna del Terzito di Valdichiesa del Comune di Leni.
I 24 (ventiquattro) ospiti della Casa di Riposo, riceveranno dalle mani del responsabile, Padre Alessandro Lo Nardo, il prodotto ittico per unirsi in un gradito momento conviviale!
L'operazione rientra nella programmazione dei controlli in materia di pesca marittima e controllo della filiera del prodotto ittico che il Comandante del Circondario Marittimo di Lipari, Tenente di Vascello (CP) Paolo Margadonna, ha coordinato e seguito in ogni fase del loro svolgimento e che continueranno nei prossimi giorni, con particolare attenzione ai divieti di cattura stagionali, come il divieto di cattura di Totani fino al 31 Gennaio, il divieto di cattura del Pesce Spada per l'intero mese di Marzo, nonchè il divieto di cattura di Aragosta ed Astice sino al 30 Aprile.

CAS - Insediati il Direttore Generale ed il Direttore Amministrativo

L’ing. Salvatore Pirrone è il nuovo Direttore Generale del Consorzio Autostradale.
Palermitano, laureato in ingegneria civile alla Università di Palermo ed abilitato all’esercizio della professione, l’ing. Pirrone è Dirigente della Regione con lunga e significativa esperienza in diversi rami della Amministrazione regionale. 
Ingegnere Capo del Genio Civile di Trapani fino allo scorso 31 dicembre, ora è al CAS per dirigere l’Ente sostenendo il piano di rilancio della rete autostradale programmato dall’Amministrazione presieduta dal Dott. Rosario Faraci e per coordinare, dirigere e sovrintendere i grandi lavori avviati e quelli recentemente appaltati (costruzione Lotti 6-7-8 della Siracusa-Gela, Viadotto Ritiro, Messa in sicurezza delle Gallerie Tindari e Capo d’Orlando). 
Nel suo excursus professionale si segnalano la responsabilità di diversi Servizi del Dipartimento Regionale Infrastrutture e dell’Ispettorato Regionale Tecnico per i controlli sulle opere di competenza della Regione nonché di congruità e vigilanza della spesa. 
Dal 1989 al 1990 è stato Dirigente Tecnico del Genio Civile di Palermo, dal 2002 al 2006 è stato Presidente della Commissione di Controllo Tecnico-Amministrativo per la verifica delle gestioni di tutti gli impianti di dissalazione di proprietà della Regione Siciliana (Gela, Porto Empedocle, Linosa, Lampedusa, Pantelleria, Lipari, Ustica). Tra il 2006 ed il 2009 è stato componente del Nucleo Ispettivo per il controllo della attività amministrativa del Comune di Palermo e per varie verifiche concernenti il Dipartimento Regionale Protezione Civile. Per più anni è stato Consulente della Procura della Corte dei Conti della Sicilia per accertamenti di danno all’erario di vari comuni ed in genere della pubblica amministrazione siciliana.

E’ già al lavoro pure il nuovo Direttore Amministrativo Dott. Antonino Caminiti 

proveniente in comando dal Comune di Taranto dove era Dirigente della Direzione Programmazione Economico Finanziaria e Responsabile del Servizio Finanziario.
Nato a Santa Teresa Riva, laureato in Economia e Commercio, abilitato all’esercizio della professione di Dottore Commercialista, Revisore Contabile, vincitore di concorso pubblico negli enti locali è in possesso di una notevole esperienza amministrativa-finanziaria acquisita in Comuni di media e grande dimensioni. 

Dichiarazioni del Presidente Dott. Rosario Faraci

Un anno importante per ulteriori e significativi obiettivi. Anche per questo sono state potenziate le professionalità esistenti, in applicazione della normativa vigente, con nuove qualificate presenze a cominciare dai Dirigenti di massimo livello. 

Come eravamo: Marina Corta


Divieto di utilizzo di acqua potabile in alcune zone di Lipari. Rizzo e Gugliotta (Vento Eoliano) chiedono chiarimenti al sindaco

Al Sindaco del Comune di Lipari 
Rag. Marco Giorgianni 
Oggetto: Ordinanza Sindacale n° 06 del 19.01.2015

- Letta l’ordinanza del Sindaco di Lipari n° 06 del 19.01.2015 relativa al divieto di utilizzo dell’acqua per scopi potabili ed alimentari nelle zone di: Pianogreca, Monte, Pianoconte, Quattropani, Acquacalda-Porticello, Serra, Monte Rosa, Pirrera e Lami; 
- Letta la motivazione giustificativa del provvedimento secondo la quale i risultati dei campionamenti hanno evidenziato una parziale non conformità delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D. Lgs. 31/2001;
- Letto altresì che sempre a scopo precauzionale nelle zone suddette è stata sospesa lì erogazione dell’acqua; 
- Si chiede di conoscere
- Quando sono pervenuti i campionamenti di cui trattasi e quando è stato effettuato il prelievo dell’acqua soggetta agli esami, da chi è stato effettuato , se sono state rispettate le norme previste per il prelievo, le modalità del prelievo;
- se sono state predisposte delle controanalisi per ottenere un immediato esito a conferma o smentita di quanto rilevato, ed in caso di ulteriore prelievo si chiede di conoscere tempestivamente i successivi esiti delle analisi;
- se è stata disposta e quando verrà eseguita una disinfezione e pulitura della rete idrica e dei relativi serbatoi di accumulo;
In attesa di urgente ed improrogabile riscontro si porgono Distinti Saluti. 
Avv. Francesco Rizzo e Dott.ssa Gugliotta Annarita (Fondatore “Vento Eoliano" eCons. Com. “Vento Eoliano”) 

PARLIAMO DI LIBRI… Rubrica settimanale della Biblioteca Comunale di Malfa, isola Salina a cura di Antonio Brundu. OGGI EOLIE DI VENTO E DI FUOCO Natura, storia, arte, turismo

Il libro “EOLIE DI VENTO E DI FUOCO” di Gin Racheli è diviso in quattro parti.
Nella prima viene fornita al lettore una presentazione generale delle sette isole dell’arcipelago; di ciascuna sono indicate le caratteristiche essenziali, le attrezzature alberghiere, i ristoranti, gli enti di informazione turistica e di assistenza alla navigazione e così via.
Oltre a ciò l’Autrice, con il valido aiuto di amici  collaboratori, ha voluto fornire un quadro esauriente delle condizioni di vita sociali ed economiche delle Eolie, presentando anche una serie di flash sulla fauna e sulla flora, in modo da provocare la curiosità e stimolare l’interesse di chi legge.
La seconda parte, interamente dedicata alla splendida e prepotente natura vulcanica  delle sette isole dell’arcipelago eoliano, presenta cenni e riferimenti anche scientifici (corredati da varie tavole esplicative) sulla natura e formazione dei vulcani nel contesto della situazione vulcanologica italiana.
Per finire, nella terza  e quarta parte del volume, oltre all’esame dei periodi che vanno dalla comparsa dell’uomo nelle Eolie fino alla distruzione dei villaggi avvenuta al termine dell’Età del Bronzo, l’Autrice ha ritenuto utile far conoscere – sia pure in una ricostruzione veloce – la lunghissima traiettoria storica della vita nelle isole, fino ai giorni nostri.
Insomma, si tratta di un’opera veramente completa e utile per chi si appresta a conoscere più da vicino queste isole, e che adombra la segreta speranza di contribuire a mantenerle integre nella loro «qualità» e indenni, il più possibile, dall’assalto distruttore del turismo di massa.

ENTI LOCALI: ARDIZZONE, RIDUZIONE INDENNITA’ GIA’ PREVISTA

“Non si può pensare di risolvere i problemi della Sicilia tagliando le indennità degli amministratori pubblici locali, per altro non così alte come si vuol far credere. Quindi meglio evitare di confondere l’opinione pubblica, aumentando ancora di più la distanza tra cittadini e politica. Le vere riforme devono avere un più ampio respiro. Certamente il tema delle spese per sindaci e consiglieri, oggi più che mai, fa molta presa sulla gente, ma sposta l’attenzione dal nocciolo della questione: lo sviluppo e il rilancio. In particolare, la vera scommessa è rendere efficiente il sistema delle autonomie locali, che rappresentano il vero front office del cittadino rispetto alla pubblica amministrazione. In ogni caso, comunque, per evitare ulteriori infingimenti, a ottobre scorso, su mia iniziativa, nel disegno di legge predisposto dagli uffici della presidenza dell’Ars, in materia di liberi consorzi comunali e città metropolitane, l’articolo 22 ha già previsto l’equiparazione dello status degli amministratori locali siciliani a quello del resto d’Italia”.
Ogni Giovedì presso il 
Negli altri giorni potrai gustare una qualsiasi delle nostre pizza pagando solo 10 euro (bibita compresa). 
Il Ristorante 25 è a Lipari -Via Maurolico tel.090.9812908 /339.3522877

Sottomonastero dovrebbe finalmente "respirare". Installate due nuove pompe per i liquami


Sottomonastero dovrebbe finalmente "respirare" e liberarsi dai miasmi della fogna. 
La Geomar, infatti, ha installato, all'inizio di Marina Lunga, due nuove pompe. 
Con questo posizionamento dovrebbe essere risolto definitivamente l'allagamento "da fogna" di Sottomonastero. 
La strada, interessata nei giorni scorsi e a più riprese dalla fuoriuscita di liquami, è stata "bonificata" con un accurato intervento di lavaggio

Acqua: bolletta da 13 mila euro a Lipari. Ma c'è un errore

"Roba da infarto". Cosi' ha commentato il signor Mario Casamento quando dall'Ufficio Idrico del Comune di Lipari si è visto recapitare una bolletta di oltre 13 mila 500 euro per il consumo dell'acqua relativo all'anno 2013. Ironia della sorte il signor Mario è il figlio di Riccardo, ex capo dell'Ufficio Eas di Lipari. Fatta la verifica è stato accertato che si è trattato di un errore: invece di segnare 37 metri cubi, il conusmo reale, l'ufficio ha registrato 7800 mc. L'Eas che è in liquidazione nelle ultime settimane ha inviato bollette per il pagamento dell'acqua consumata nel 2008, con importi anche esorbitanti, comunque già caduti in prescrizione.(ANSA).

Studenti del "Conti" in corteo. Nel palazzo di piazza Mazzini hanno incontrato il sindaco

Studenti dell'Istituto "Isa Conti" di Lipari in corteo stamani per le vie del centro per rivendicare il diritto ad una scuola migliore, anche strutturalmente. Il corteo, formato da un centinaio di studenti, ha poi incontrato nell'aula consiliare, esponendo le loro problematiche, il sindaco Marco Giorgianni, il presidente del consiglio Adolfo Sabatini e il presidente del consiglio d'istituto Salvatore Rijtano. Presente anche una delegazione di genitori.

Partylandia augura Buon Compleanno a Giulio Natoli

Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno a Giulio Natoli che compie 2 anni

martedì 20 gennaio 2015

Istituto Conti: Domani protesta degli studenti per le vie di Lipari

Comunicato
I rappresenti dell’Isa Conti E. V. (Componente studentesca) invitano la cittadinanza ad unirsi alla manifestazione di domani che avrà inizio alle ore 9.30 davanti il plesso scolastico concludendosi presso la sede comunale di Lipari.
Grazie a quanti si uniranno.
I rappresentanti
Sharon Allegrino
Francesco Allegrino
Giuseppe G. Farchica
Alessandro Di Giuseppe

Marina militare e vigili del fuoco: Siglato accordo di collaborazione

Ritrovato il cadavere del pescatore a Milazzo

E’ stato ritrovato poco dopo mezzogiorno, dagli uomini della Guardia costiera, il corpo senza vita del pescatore Franco D’Amico, 78 anni. Subito dopo l’allarme scattato intorno alle sei, questa mattina, il comandante del porto, capitano di fregata Matteo Lo Presti, oltre a richiedere l’intervento dell’elicottero, ha mandato sul posto le motovedette della Guardia costiera e le barche dei piloti, ormeggiatori, barcaioli, mare pulito e il gommone dei sommozzatori.
Nonostante il peso dei lunghi stivali, il corpo dello sfortunato pescatore era riemerso poco distante dal punto in cui era finito in mare. Poco meno di un miglio da Capo Milazzo, proprio sulla secca di Ponente, dove, come tante altre volte si era recato assieme al fratello Santo di 83 anni ed un altro amico più giovane che li aiutava a varare la barca dalla spiaggia di Ponente. Adesso si attende l’arrivo del magistrato prima della restituzione del corpo ai familiari.
Il sostituto procuratore della Dda di Palermo, Nino Di Matteo, parteciperà alla seduta della Commissione Antimafia di domani21 gennaio 2015, che sarà dedicata ai rapporti tra mafia e politica in Sicilia ed alle iniziative finora assunte dall'organismo parlamentare.

«Il nostro incontro - ha detto il presidente Nello Musumeci - sarà anche l'occasione per testimoniare la nostra vicinanza al dottor Di Matteo. I magistrati tornano ad essere destinatari di pesanti minacce come accadeva nel passato, quando si pensava di isolare chi combattte la mafia. La cooperazione tra istituzioni deve servire proprio a neutralizzare ogni tentativo di isolamento».
I lavori della commissione avranno inizio alle ore 10.30 e si svolgeranno a porte chiuse.

Niente pediatra a Stromboli, bimbo curato via Whatsapp La mamma ha inviato registrazione con respiro a una specialista (notizia Ansa)

(ANSA.it) Per curare il suo bambino, affetto da una prolungata e fastidiosa bronchite, una mamma che abita a Stromboli, una delle sette isole delle Eolie, ha deciso di fare di necessità virtù utilizzando la tecnologia e più precisamente Whatsapp. Sull'isola c'è infatti solo una Guardia medica e manca l'assistenza pediatrica. Così Carolina Barnao, una donna palermitana che per amore si è trasferita sull'isola, ha deciso di chiedere aiuto a una sua amica pediatra inviando, attraverso Whatsapp, la registrazione del respiro di suo figlio. Alla specialista è stato sufficiente "auscultare" il piccolo paziente per individuare il problema e indicare la cura.
E' stata la stessa signora Barnao a rendere nota la vicenda pubblicando un post su Facebook: "Stromboli, Italia - scrive - qui il pediatra non c'è, i bambini si! Ho curato Tommaso da una brutta bronchite grazie a Whatsapp, inviando la registrazione del suo respiro a un'amica pediatra! Viva la tecnologia, viva gli smartphone e soprattutto... Viva Delia Russo! Grazie dottoressa!". La mamma di Tommaso spiega poi all'ANSA la difficile situazione sanitaria di Stromboli, peraltro analoga a quella di altre isole dell'arcipelago. "Guardia medica e medico di base - dice - sono molto disponibili ma non sono pediatri. Il pediatra si trova a Lipari. Di mezzo c'è il mare e d'inverno è quasi sempre agitato e rimaniamo isolati dal mondo. Beh, sarebbe opportuno avere un pediatra sull'isola almeno periodicamente.
Dove sta il diritto alla salute dei nostri figli? Comunque, la cosa importante è che il mio piccolo adesso sta meglio".

"Focus sui collegamenti marittimi con le isole minori della Sicilia". Convegno sabato prossimo a Lipari

"Focus sui collegamenti marittimi con le isole minori della Sicilia – impegni e obiettivi a breve e medio termine". Questo il titolo del convegno organizzato da Federalberghi Isole Minori della Sicilia che si terrà a Lipari, sabato 24 gennaio. 
Il convegno è organizzato col patrocinio del Comune di Lipari e la collaborazione dei comuni di Favignana, Lampedusa, Leni, Malfa, Pantelleria, Santa Marina Salina e Ustica. Sarà presente l'Assessorato Regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti e la presidenza della IV Commissione dell'Assemblea Regionale Siciliana, competente in materia di trasporti. Interverranno, inoltre, le società di navigazione che in atto operano sulle tratte che collegano le isole minori alla terraferma: Siremar Compagnia delle Isole, Usticalines e NGI. 
Tra gli invitati, figurano anche i principali attori del sistema dei collegamenti marittimi con le isole minori. Si tratta di un'occasione importante per mettere attorno ad un tavolo i principali stakeholders e decisori locali e ragionali. Ciò, anche alla luce dei bandi scaduti (ad Ustica, alle Pelagie e a Pantelleria) ed in scadenza (Egadi e Eolie) per i servizi integrativi regionali e mantenendo l'attenzione sulle vicende che occupano Siremar Compagnia delle Isole.
L'obiettivo è quello di arrivare alla condivisione di soluzioni che portino ad un'ottimizzazione nell'impiego delle risorse e a garantire maggiore affidabilità e qualità ai collegamenti con le piccole isole siciliane.

Isole minori potrebbero sperimentare i sistemi energetici a base di fonti rinnobabili ma restano ancorate ai generatori diesel

(Rinnovabili.it) – Sarebbero il territorio ideale per sperimentare i sistemi energetici a base di fonti rinnovabili e invece rimangono ancorati a generatori diesel. Stiamo parlando delle “Isole minori italiane non connesse” in cui la mancanza di connessione alle rete elettrica nazionale ha costretto in passato a dotare ciascuno di questi luoghi con gruppi elettrogeni alimentati a gasolio, spesso motori di vecchie navi dismessi ed adattati all’utilizzo. Si tratta di sistemi non solo nocivi per l’ambiente e in gran parte poco efficienti (gran parte dell’energia è dispersa sotto forma di calore), ma che rappresentano un costonon indifferente per le bollette elettriche italiane: più di 60 milioni di euro. A ricordare la spesa è oggi il senatore Gianni Girotto, commentando le osservazioni inviate all’Autorità dell’Energia AEEGSI. “Non è più accettabile la continua emorragia di risorse pubbliche per alimentare sistemi elettrici vecchi ed inefficienti come quelli presenti sulle isole minori italiane, non connesse alla rete elettrica nazionale. Ogni anno i cittadini pagano in bolletta oltre 60 milioni di euro per l’energia prodotta da generatori diesel. Uno spreco che deve finire al più presto, investendo invece sulle energie rinnovabili”, afferma Girotto.
In realtà nel decreto taglia bollette è stato inserito un articolo per rendere più efficienti e meno inquinanti i sistemi elettrici delle Isole minori e l’Autorità sta ora cercando di individuare possibili soluzioni, con particolare attenzione alla regolazione tariffaria del trasporto elettrico;obiettivo: dare tempo ai distributori e venditori di adeguare la fatturazione “garantendo gli opportuni livelli di trasparenza e affidabilità” ai clienti finali. Uno sforzo apprezzato dal M5S che sottolinea tuttavia la necessità di “spingere sul pedale dell’acceleratore e rendere più chiari e trasparenti i passaggi che ci allontanano dal passato. Alimentare le isole minori con energia generata da fonti rinnovabili è possibile. Lo dimostrano esperienze come quella di Ginostra, sull’isola di Stromboli, e altri esempi in giro per l’Europa”. nella frazione del comune di Lipari, infatti esiste dal 2004 un piccolo impianto fotovoltaico da 100 kW, che copre buona parte delle esigenze locali.
“Le nostre isole – spiega il senatore grillino – possono rappresentare un laboratorio di sperimentazione per lo sviluppo di tecnologie e sistemi sostenibili, esportabile il tutto il mondo”. Senza contare che oggi il costo del gasolio, che viene rimborsato ai produttori locali risulta la voce più significativa nel conto economico delle imprese elettriche minori e che tale opzione richiede continui, e non privi di rischi, rifornimenti con navi cisterne. “Dobbiamo quindi imboccare la strada dell’innovazione tecnologica, puntando sulla transizione energetica verso un sistema energetico “low-carbon” basato sull’integrazione fra fonti rinnovabili ed efficienza energetica. Le isole minori italiane – conclude Girotto – offrono oggi l’opportunità di diventare un tema strategico per l’economia del nostro Paese, perché possono fare da laboratorio per la transizione energetica, creando prospettive che vanno ben oltre le specifiche realtà locali”.