Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 14 aprile 2012

Tassadi sbarco nelleisole minori. Emendamento al dl fiscale

(AGI) Roma - I comuni che hanno sede in un'isola minore o che comprendono isole minori sul loro territorio potranno applicare un'imposta di sbarco fino a 1,50 euro che verrebbe caricata sui biglietti delle compagnie che effettuano i collegamenti marittimi. E' quanto prevede l'emendamento al dl fiscale presentato da Dore Misuraca del Pdl alla Commissione Finanze della Camera. L'emendamento ha ricevuto il parere positivo del relatore. I pendolari e i residenti saranno comunque esentati. (AGI) .

Scuola ed "emergenze" scolastiche. La disamina del candidato Bartolo Pavone

Carissimo Direttore,
La situazione di crisi che il nostro territorio eoliano sta attraversando e, che è alla luce di tutti, m’impone come cittadino e come operatore scolastico, a segnalare alcune emergenze strutturali, operative,didattiche e organizzative riscontrate più volte e segnalate, ma, conesito negativo riscontrato. Tutti noi sappiamo che la scuola e l’istruzione sono dei punti di forza per la nostra comunità, e quindi, occorre rafforzarle, contribuire ad affrontare le emergenze per far risorgere le nostre scuole isolane.
Una radiografia negli istituti di ogni ordine e grado, va fatta, analizzando il funzionamento degli aspetti essenziali della vita scolastica dagli edifici (sicurezza, barriere architettoniche) ai servizi, ai problemi degli organici, al numero di alunni per classe, all’organizzazione didattica, al diritto allo studio per le persone con disabilità.
“Le scelte politiche devastanti di questi anni, che si sommano a problemi antichi come quelli dell’edilizia scolastica, hanno creato una situazione gravissima nell’istruzione pubblica del nostro territorio eoliano: un profilo formativo sfigurato dai tagli di organici, aule in alcune scuole affollate contro che ogni norma di sicurezza, i già scarsi servizi di supporto gestiti dagli enti locali gravemente depotenziati.
Intollerabile è poi la violazione dei diritti degli studenti con disabilità e delle loro famiglie, nonostante le indicazioni ribadite dalla corte costituzionale: riduzione delle ore di sostegno, tagli all’assistenza igienico-sanitaria”.
La Sicilia è la regione d’Italia maggiormente penalizzata, compreso le scuole situate in piccole isole. Tengo a precisare, come eoliano, sindacalista, come docente di scuola primaria e, soprattutto, come cittadino residente nel Comune di Lipari, tra l’altro candidato alle elezioni Comunali del 6/7 maggio 2012, che questi problemi sopraindicati e da me denunciati sono essenziali per dare spunto a chi sarà eletto come consigliere e come Assessore alla P.I. per attivarsi per un bene comune.
Ins. Bartolo Pavone

I ringraziamenti della famiglia D'Albora

Gentili concittadini,Amici Rotaryani,
L’incontro di ieri oltre ad essere un momento molto importante dedicato a nostro padre, è un momento di raccoglimento per tutti noi, che nel ricordarlo dopo tanto tempo, vuol dire che è stato una realtà vera per tutta la comunità Eoliana .
La sua figura ha dato un vero significato ed una svolta nei tempi da lui vissuti per tutto il territorio eoliano, vuoi forse per le necessità del tempo ma vuoi anche e soprattutto per l’amore che ha sempre nutrito in maniera leale forse anche morbosa , per tutto il territorio stesso che nel suo modo di essere quasi gli apparteneva e che difendeva nel tempo stesso.
La sua abnegazione al lavoro, l’impegno profuso a tutto raggio e la sua costanza, hanno fatto sì che insieme agli amici più cari di un tempo, a valori antichi e nobili, di prefiggersi alcuni obbiettivi primari importanti per lo sviluppo socio-economico-turistico la crescita e la valorizzazione del nostro arcipelago, ma soprattutto con una particolare attenzione umana ai bisogni di tutta la collettività eoliana.
Oggi dunque è un momento importante ed emozionante per tutti noi familiari e ritengo per tanti concittadini, che ringraziamo, accogliendo con grande onore e gioia la decisione di questa amministrazione e del sindaco Bruno che insieme alla chiesa umile casa di nostro Signore vuole porre questa targa di intitolazione della piazza Comunale al ns/caro Marcello che non fa altro che consolidare ancor di più il ricordo di tutti noi per un prosequio nel tempo che verrà, ricordandolo sempre con fermezza amore e consolidando quei principi di fede insieme agli ideali che anche io come uomo continuo a seguire è per credere che comunque il nostro paese potrà certamente avere tempi ancora migliori per tutti noi.
Grazie per la vostra onorata presenza
Famiglia d’Albora

A proposito della sala d'attesa di Sottomonastero di Aldo Natoli

Condivido quanto segnalato dall'articolista sconosciuto sulla "sala di attesa" recentemente realizzata in prossimità della biglietteria degli aliscafi di Sottomonastero. Si tratta di una struttura, a prescidere dalla tipologia funeraria, che non assolve minimamente alla funzione cui è stata realizzata, costituendo così uno spreco di denaro pubblico dell'Amministrazione Comunale per il quale oggi si chiedono ulteriori sacrifici economici ai cittadini. Aver portato l'Ente ad un passo dal dissesto economico con spese facili ed inutili avrebbe dovuto suggerire, almeno al protagonista indiscusso, di mettersi da parte, ma evidentemente la "sete" di potere e di protagonismo è tale da non rendersi conto che il Paese ha bisogno di una "nuova stagione" che non può estrinsecarsi con la  continuità
amministrativa del "non fare" o del "fare male" o addirittura del "non vedere, non sentire e non parlare". La sala di attesa è una di quelle opere realizzate senza rendersi conto del suo uso e dell'importanza del servizio che doveva rendere ai viaggiatori, sia in inverno che in estate. E' infatti immaginabile che un utente debba prima andare in biglietteria, poi uscire, fare il giro del manufatto, attraversare lo spazio retrostante, per arrivare nella sala, semprechè la trovi aperta e pulita, per poi fare lo stesso percorso per raggiungere l'aliscafo in arrivo o in partenza. A parte il fatto che essendo una struttura isolata e senza vigilanza diventa pericolosa sotto molti aspetti. Oggi, considerato che i soldi spesi non sono noccioline, per un uso adeguato e funzionale, bisogna smontarla e collocarla  accando alla biglietteria sul lato Nord in modo da rendere i due manufatti comunicanti.
Mi auguro che il prossimo inquilino del Palazzo Comunale abbia questa accortezza.

Programma del candidato sindaco Gianfranco Grasso

Sostenuto dalle liste PDL, MPA E PUNTO FRECCIA (LISTA CIVICA).
Il difficile momento, politico ed economico, che stiamo vivendo, ha focalizzato l’attenzione su alcuni principi fondamentali del vivere civile:
-         Il ruolo della politica
-         la necessità di una politica del territorio
-         Il modo di fare politica
Queste tre affermazioni, che a un approccio superficiale potrebbero sembrare banali o retoriche, ben rappresentano invece  quello che spesso è mancato nei rapporti tra cittadino e istituzioni.
  La buona politica deve avere il ruolo di organizzare, tutelare e migliorare la cosa pubblica.
Una strada piena di buche, un aliscafo che non parte, non sono semplici disfunzioni, ma esempi di assenza della politica, di politica cioè che ha mancato al suo ruolo.
La politica locale, in un piccolo centro, raramente si occupa di grandi ideologie, ma più spesso si trova ad amministrare le necessità e le aspirazioni del vicino di casa, dell’amico d’infanzia e le prospettive di futuro di giovani che magari siedono nel banco accanto a quello di nostro figlio. Tutto questo fa si che le distanze tra eletto ed elettori siano veramente ridotte al minimo. Ciò, a nostro avviso, rappresenta il punto focale di un’autentica politica del territorio. Una politica cioè in cui un sindaco, essendo investito in prima persona dagli stessi problemi dei suoi concittadini, si proponga come strumento per risolverli. In che modo? con il buon senso, l’onestà e la trasparenza, caratteristiche sulle quali, proprio per la minima distanza tra elettori ed eletto, difficilmente si può bluffare.
Perché il Comune, di questo ne siamo convinti, è ben più di una macchina burocratica, ma rappresenta  l’Istituzione a noi più vicina, cui tutti ci rivolgiamo per ogni necessità o problema.
Alla luce di tutto questo, per la realizzazione del programma politico – amministrativo indicato per linee guida nelle pagine seguenti, non ci siamo ispirati a voli pindarici o promesse fantasmagoriche,   perché in una situazione economica come quella attuale, ci sembrerebbe irrealistico e soprattutto irrispettoso dell’intelligenza degli elettori. Ricordiamo inoltre che la presenza di un “patto di stabilità” imposto a tutti i comuni dal governo centrale, limita fortemente i voli di fantasia, permettendoci di relegare nel modo dei sogni le solite promesse preelettorali, che sono quanto di più distante dalla buona politica che vogliamo proporre.

PROGRAMMA POLITICO AMMINISTRATIVO
LINEE GUIDA
1) Trasparenza e legalità
Primo punto del programma, ma anche necessaria premessa per chiunque voglia candidarsi al ruolo di amministratore del denaro dei contribuenti.
 Questi due principi saranno la stella polare della nostra amministrazione, mediante anche la messa a punto di opportuni e innovativi meccanismi di comunicazione (es: pagina pubblica del Sindaco sui principali social network, in cui, oltre ad ascoltare i desideri o le istanze dei cittadini, renderà conto della gestione del denaro pubblico) che ci permettano di interagire meglio con tutti i cittadini.
Inoltre, riteniamo essenziale, garantire una gestione equa e legale di quel bene prezioso che è il suolo pubblico, ivi compreso il suo utilizzo, così necessario in un comune come il nostro, dalla spiccata vocazione turistica.
2) Portualità e trasporti
Le notevoli difficoltà di collegamento con la terraferma che tutti noi abbiamo incontrato negli ultimi anni e che continuiamo a incontrare, ciascuno nel proprio ambito (operatori turistici, commercianti, professionisti, studenti, cittadini tutti) richiede a nostro avviso una programmazione più ampia e lungimirante che vada oltre il semplice promettere nuove infrastrutture, molto probabilmente irrealizzabili nell’attuale situazione economica. Spesso i mezzi non viaggiano, ma quante volte ci è capitato di arrivare a Milazzo dopo una traversata tranquilla e soleggiata e vedere che la coincidenza dell’autobus era appena partita? Oppure, al contrario, quante altre volte abbiamo passato giornate intere al porto di Milazzo, facendo continuamente la spola tra un bar (unico possibile rifugio sotto la pioggia) e una delle agenzie, sperando che ci dicessero quando e soprattutto se saremmo tornati alle nostre case?
Una modernizzazione delle strutture portuali è indubbiamente necessaria, ma sarebbe vana speranza vederla come la panacea di ogni male.
Se verremo eletti, la nostra amministrazione vorrà e dovrà immancabilmente tener conto delle esigenze e soprattutto del diritto alla mobilità di tutti, con la consapevolezza che nulla di buono potrà essere ottenuto, senza un’adeguata programmazione e coordinamento, da “stimolare” ed attuare a tutti i livelli.
Infine riteniamo che il già esistente progetto sulla portualità non debba essere né aprioristicamente osteggiato per motivi settaristici, né osannato in quanto tale senza conoscerne limiti e conseguenze. Per questo riteniamo realistico concentrarci su quegli aspetti del progetto che realmente necessitano ad un corretto svolgimento della vita e delle attività economiche delle nostre isole, nel rispetto dell’ambiente e della legalità.
3)  Contenimento e razionalizzazione della spesa pubblica
Consideriamo doveroso, al fine di non gravare ulteriormente sulle tasche dei cittadini e di risanare il bilancio comunale, sfoltire notevolmente le spese per consulenze ed incarichi esterni ed attribuire quelli inevitabili, in base a criteri rigidamente meritocratici.
Intendiamo inoltre instaurare un sistema di controllo scrupoloso sulle spese derivanti dal contenzioso legale del comune.
La semplice iniziativa di accorpare assessorati convergenti e contigui per attività e competenze , produrrebbe, poi, a nostro avviso un notevole risparmio nei bilanci del comune.
4)  IMU e nuove tasse
Tenendo conto del difficile momento che tutti stiamo attraversando ci impegniamo fin da ora in caso di elezione, a contenere  la pressione fiscale sui cittadini, applicando, ove possibile, le aliquote minime previste dalla legge.
5)      Incentivazione e destagionalizzazione del turismo
Riteniamo, innanzitutto, necessario potenziare  tutte le risorse naturali  che caratterizzano le nostre isole, quali le risorse termali, inutilizzate oramai da decenni, i sentieri purtroppo in stato di abbandono, le aree pomicifere e l’infinito elenco di bellezze naturali delle nostre isole che vanno valorizzate senza alterarle, perché siano fonte di ricchezza anche per le generazioni future.
La tutela, la pulizia e il ripascimento delle spiagge delle isole saranno non un “cavallo di battaglia” della campagna elettorale, ma un obbiettivo primario che ci proponiamo come potenziale amministrazione.
In un mondo globalizzato, in cui  qualunque destinazione turistica è facilmente raggiungibile, solo la diversificazione della proposta (non solo turismo balneare, ma anche turismo naturalistico, turismo culturale e di puro intrattenimento)  può garantire la competitività delle Eolie.
A tal proposito lo studio di soluzioni per i parcheggi e per una maggiore efficienza dei servizi per Eoliani e turisti, si configurano come punti altrettanto essenziali per il miglioramento non solo del “nostro” quotidiano, ma anche come trampolino per l’avvio di un processo di destagionalizzazione, che dovrà comunque essere oggetto di programmazione da attuarsi con l’ausilio di tutte le attività produttive presenti sul territorio.
Desideriamo un territorio accogliente per chi ci vive e per chi lo sceglie per le proprie vacanze (incremento degli spazi verdi, delle aree destinate ai bambini ed alle attività sportive, adozione del  piano del colore e del decoro urbano).
In questo contesto non possiamo dimenticare i problemi che investono le frazioni che si affacciano sul mare. In zone come Acquacalda e altre ancora che si affacciano sul mare i lavori di sistemazione, messa in sicurezza e riqualificazione ambientale   rappresenteranno  un passaggio fondamentale della nostra azione amministrativa.  
6)  Sanità
Adotteremo ogni opportuna iniziativa per impedire che le isole Eolie vengano penalizzate dal punto di vista della difesa della salute ed al fine di  garantire i servizi essenziali, che includono sicuramente il mantenimento dell’ospedale, con i reparti di chirurgia, medicina, radiologia e ginecologia con incluso punto nascita. Siamo consapevoli, infatti, che le peculiarità del nostro arcipelago non consentono di fare esclusivo affidamento sul servizio di elisoccorso, senza mettere a repentaglio la sicurezza dei cittadini. Perché il diritto alla salute è un bene inalienabile. Perché la tutela della maternità è un valore in cui crediamo. Perché non si può pensare di fare turismo senza garantire a chi viene adeguati servizi sanitari. Perché il diritto ad essere Eoliani non può essere disgiunto dal diritto a nascere Eoliani. 
7)  Scuola e giovani
I giovani rappresentano il futuro ed è nostro preciso dovere indirizzarli e aiutarli a formarsi per poter “vivere” e non “sopravvivere”.
In un arcipelago a vocazione prevalentemente turistica, la mancanza di scuole di formazione in questo settore, per i giovani, rappresenta una mancanza di non poco conto, che necessita di essere colmata, per dar modo alle generazioni future non solo di crescere, ma di far crescere le Eolie.
8) Amministrazione ed isole minori
Rimettere in moto la macchina amministrativa, motivare e valorizzare i dipendenti comunali dove non mancano le professionalità e inoltre tenuto conto del costante evolversi delle normative fare frequentare dei corsi di formazione e di aggiornamento per potere dare delle risposte puntuali e tempestivi all’utenza.                                                                                
Vanno inoltre attenzionati i problemi delle isole minori dell’arcipelago  amplificati dalla frammentazione del nostro territorio che comprende sei isole (appare evidente che ogni problema va moltiplicato per sei) e delle frazioni dell’isola di Lipari. La loro soluzione può avvenire con un contatto costante che dovrà essere  mantenuto con le popolazioni residenti e con le circoscrizioni.
Elenco degli assessori da nominare:
 1.       Girone Patrizia Giuseppa, nata a Messina (ME) il 14/06/1954
2.       Ferlazzo Giuseppe, nato a Lipari (ME) il 30/03/1939
3.       Corrado Ferdinando, nato a Lipari (ME) il 31/10/1950

A quinta i luna! di Giovanni Giardina


Il  grande  poeta  e  scrittore  QUINTUS  ORATIUS  FLACCUS  sosteneva :
( pictoris  atque  poetis  quidlibet  audendi  semper  fuit  aequa  potestas )
Poeti  e  pittori  hanno  pari  dignita’ di  esternare  il  personale  loro talento  nei  modi  e  nelle  forme  che  piu’ gli  aggradano.
A  quinta  i  luna!         di   Giovanni  Giardina   14-04-2012-

Ti  vogghiu  tantu  beni  Lipari  mia,
ca  u  pinsieri  mia  e’ sempri  a  ttia
t’ammiru  e ti  vardu  d’ogni  latu
e  cchiu’ ti vardu, cchiu’ cadu  malatu 
Ti  viu  stanca  di quantu   nna  passatu !
Chianci  pi  tutti ddi  figghi  emigrati;
ma  chista  e’ la  nostra  terra  biniditta
cumu  na  cara  mamma, ancora v’aspetta.
“Un  ci  ha  pututu vientu  e  timpurali !
‘Un  ci  ha  pututu  mari  e  tirrimota !
ci sta  pruvannu    u  figghiu  tua  divotu,
ca   p’interessi   sua,  e’  m’bastardutu.
Ti  mancanu  ddi  viecchi  mastri  artigiani
quannu  t’arricamavanu  chi  mani,
ora  su  tutti  esperti,  e  prufissura
‘un  su  cchiu’  purtaturi  i dda cultura.
Pi  anni  fusti   terra  Mmaculata,
oggi   priva  d’amuri , Addulurata
puru  i  to  figghi  su  tutti  canciatii,
stannu  fasciennu  peggiu  i ddi  pirati.
Pi  mamma  ha  sempri  Roma  Capitali,
t’havissi  a  dari  aiutu, quannu sta mali,
quannu dda Lupa havia latti: nutria  a  tutti:
ora : sulu a na massa di  latri e  farabutti.
Ma  i  politici  ci su  pi  guvirnari !
pi  iddi, ’un c’e’ problema,  ponnu  manciari,
su  tutti  bravi  a  superari  a  crisi
e  poi  aumentanu  tassi  tutti  i  misi.
Forsi  ‘un  t’aspittavi  sta  mala  sorti
Paisi  mia!  si   cunnannata  a  morti!
Su  tutti  buoni  pi  jttari  lagni
ma  poi: ognunu  pensa  ai so uadagni! 
              Versu  l’elezioni
Passo’  la  S.Pasqua, finieru  i fiesti,
gia’  ti  ricamaru   i  mura  a  manifesti
poi  trummi, comizi  e  forza  i  volantini
pi  l’indecisi  e  l’ultimi  cretini.
Cumpari  i cca,  cumpari  i dda,..“ Tutti  pu  zu  Puddu”
Ma  dopu   l’ottu   Maggiu……….’un  si  cchiu’  nuddu”.
Ancora  di  stu  lustru  i  luna.. …..sugnu  sicuru,
ma  dopu  sta  quinta  i  luna,…….arriva  u  scuru!

Legambiente Circolo delle Isole Eolie. Comunicato stampa: trasporto generi alimentari sugli aliscafi

La situazione denunciata in questi giorni sulle difficoltà di trasferimento dei generi alimentari con gli aliscafi non è una novità (basta rileggere alcuni articoli di stampa dal 2004 al 2010 sulla questione), è quasi ormai un decennio che tale situazione è ampiamente conosciuta dai soggetti che hanno competenza in materia, dal sindaco, alle compagnie di navigazione, agli operatori commerciali. Quello che si evidenzia e manifesta oggi è il frutto dell’indifferenza dell’amministrazione comunale che ha governato negli ultimi dieci anni il comprensorio delle Isole Eolie e soprattutto il Comune di Lipari.
Parliamo, soprattutto, del trasferimento di prodotti alimentari con mezzo veloce e non con le navi di linea, prodotti che per le loro caratteristiche (medicine, pesce, pane, frutta, prodotti freschi da consumare in giornata) debbono essere consumati in giornata e devono essere trasferiti in sicurezza.
La giustificazione che gli aliscafi non sono attrezzati per questi tipo di merce (esiste una circolare del RINA del 1995 con all’oggetto “Trasporto merci e prodotti alimentari su aliscafi” che stabiliva quanto segue: “fermo restando che gli aliscafi operanti nella zona non sono adibiti al trasporto merci, si ritiene che la sistemazione a bordo di qualche contenitore a bordo di piccole dimensioni e di peso totale limitato fuori dai locali e spazi adibiti ai passeggeri, non possa modificare le caratteristiche proprie dell’unità in relazione alla sicurezza della navigazione”.) non giustifica l’indifferenza e l’assoluta mancanza di iniziativa da parte del sindaco di Lipari e dei diversi assessori che si sono succeduti nelle sue giunte.
Riteniamo che non sia più rinviabile una proposta che conduca le compagnie di navigazione che operano all’interno del territorio delle Isole Eolie ad attrezzarsi, in modo serio e definitivo, per il trasporto di tale tipologie di prodotti
Proponiamo, pertanto, di indire una conferenza di servizi fra i diversi soggetti competenti che conduca ad un preciso risultato: la realizzazione all’interno dei mezzi veloci di piccole celle idonee dove collocare i contenitori degli alimenti (anche termici) da trasferire in modo tale da potersi adeguare alle norme igienico sanitarie per il trasferimento delle merci in modo definitivo.
Il Presidente del Circolo delle Isole Eolie (Dott. Giuseppe La Greca)

La sala d'aspetto di Marina Lunga e lo spreco

Credo che nell'ambiente di Marina Lunga sono ormai risapute le vicissitudini della sala d'attesa, uno dei tanti modi in cui vengono "spesi" (giusto per usare un eufemismo) i soldi pubblici: non mi soffermerò più di tanto sull'estetica della struttura, per me è un pugno nell'occhio nel panorama di Monte Rosa, quanto più sulle condizioni in cui versa la struttura stessa, nel migliore dei casi disgustose: sporcizia, cattivi odori, "acqua" riversata sul pavimento.
Ma da qualche settimana a questa parte, questa struttura poco curata è rimasta chiusa, pertanto la domanda che sorge  spontanea è: dove possono attendere le persone se la sala d'attesa non è agibile? Per di più, quando Eolo scatena la sua  furia ventosa e Zeus la sua acqua, dove potranno mai trovare un seppur minimo rifugio gli sventurati di passaggio? Di solito le persone trovano riparo nella biglietteria degli aliscafi, dove l'ambiente non è propriamente accogliente dato che  mancano dei sedili e lo spazio per muoversi è molto ristretto e limitato. 
Inoltre, come già accenato, la posizione di questa costruzione, oltre ad essere antiestetica, è più che altro scomoda, infatti sono pochi i viaggiatori che, una volta acquistato il biglietto d'aliscafo, entrano (quando è aperta, ovviamente!)  in questa cosiddetta sala d'attesa, preferendo attendere l'aliscafo in piedi oppure seduti sul muretto, le cui condizioni  igieniche, data anche la presenza pressoché abituale di cani randagi, lasciano molto a desiderare.
Credo inoltre che, nonostante come già detto la sala sia chiusa, dall'esterno è possibile vedere che le luci continuano a rimanere accese. 
Perché tanto spreco?
Saluti,
Barbaro Erudito

 COMUNICATO STAMPA.
 Grazie alla partecipazione di numerosi cittadini che hanno dato il loro contributo sia collaborando nei gruppi di lavoro, sia attraverso interventi sui social network, i "CANTIERI DELLA SINISTRA" hanno elaborato la versione definitiva del programma amministrativo, dove sono stati approfonditi e integrati i punti della piattaforma originaria, on-line già da alcuni mesi. La nuova versione è scaricabile in formato pdf dal sito www.lasinistra.altervista.org, cliccando su "il nostro programma" http://www.lasinistra.altervista.org/La_Sinistra/Il_nostro_programma.html
 "La Sinistra"

Piove sul bagnato !!! di Aldo Natoli

Per disposizione delle Società di Navigazione i medicinali che più volte al giorno venivano ordinate dalle Farmacie locali per sopperire alle necessità, a volte urgenti, dei cittadini non possono essere più trasportati.
Il trasporto deve avvenire a mezzo di un furgone autorizzato, quindi soltanto con le navi. Quindi in caso di urgenza il malcapitato deve attendere la nave della sera o recarsi a Milazzo per fornirsi personalmente. Ogni giorno ci viene tolto qualcosa. E, la barca va',,,!

Candidati sindaci incontrano Federalberghi

Promosso dalla Federalberghi delle Eolie si è tenuto stamani presso il Circolo Pensionati un incontro tra gli operatori turistici e i cinque aspiranti alla poltrona di primo cittadino di Lipari.
Sul tavolo, ovviamente, le problematiche del settore e cosa si può e deve fare per un rilancio dello stesso

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO ELETTORALE del candidato Sindaco Avv. Francesco Rizzo

Premessa
Il programma elettorale dell’Avv. Francesco Rizzo, candidato Sindaco del Comune di Lipari per il mandato amministrativo 2012-2017, è il frutto di una lunga ed intensa serie di riunioni e di incontri, di confronti e di manifestazioni, di iniziative di vario genere e di assemblee popolari aperte alla cittadinanza.
Nel contesto liparese, infatti, il movimento fondato dall’Avv. Rizzo, il “Vento Eoliano”, si è contraddistinto fin dalla sua costituzione, avvenuta ufficialmente nel marzo 2011 ad opera di un cospicuo gruppo di giovani -universitari, professionisti, commercianti, albergatori e molto altro- provenienti dalle esperienze sociali, culturali e generazionali le più disparate, come un vero e proprio laboratorio, per meglio dire come una “fucina”, di idee e di proposte utili a migliorare la condizione globale dell’Arcipelago, nel tangibile segno della partecipazione popolare alle scelte strategiche di natura politico-amministrativa.
E’ dalla partecipazione, quindi, che si ritiene di dover partire, dal momento che alle Eolie esiste una generazione, quella simbolicamente rappresentata dal “Vento” ma evidentemente molto più diffusa, che ha definitivamente deciso “di non restare a casa”, di non subire più cioè passivamente le scelte e gli indirizzi intrapresi dalle precedenti Amministrazioni e chiaramente ritenuti come errati, in definitiva di proporsi quale valida alternativa di governo del territorio nel segno della discontinuità e della innovazione.
L’ingresso nell’agone politico-amministrativo della Comunità giovanile si caratterizza però anche per una impronta marcatamente solidale e sussidiaria. Il riscatto di una generazione che intende prendere in mano le sorti delle Isole Eolie ha infatti, a ben guardare, una vocazione “intergenerazionale” e non egoistica: in un momento di grave e profonda crisi economica quale è quello che si sta vivendo, di evidente contrazione della spesa corrente e dei consumi, di aumento del prelievo fiscale, di riduzione dell’offerta di servizi pubblici essenziali, la generazione passata e quella presente, afflitte da difficoltà socio-economiche di differente natura, dovranno reciprocamente sostenersi, mettendo a disposizione il proprio bagaglio di conoscenze per il bene della Comunità e coalizzandosi in una difesa corale “di ciò che già appartiene a questa Comunità”, e ciò anche e soprattutto per le generazioni future.
L’Amministrazione che verrà dovrà inoltre abbandonare la logica di “autoreferenzialità” e di isolamento amministrativo cui finora è sembrato che si sia vincolata, e ciò alla luce del mutato quadro socio-economico, che vede oggi settori un tempo importantissimi, come quello della pesca o della estrazione della pomice, in dichiarata crisi e che pertanto non riescono più da soli a sorreggere le esportazioni e di conseguenza la produzione di ricchezza per la Comunità.
Pertanto, il Comune di Lipari, e per esso il suo Sindaco, che per questo e per molte altre ragioni sarà “il Sindaco-viaggiatore”, dovrà essere in grado di instaurare un dialogo costante e costruttivo con la “terraferma”, prospettando nelle competenti sedi decisionali (Palermo, Roma e Bruxelles) le esigenze del territorio e le proposte che generosamente e con determinazione gli eoliani sapranno offrire in una prospettiva di crescita globale.
A tal fine, si propone l’istituzione di un’equipe di esperti di progettazione, che sappia mettere a frutto la partecipazione ai numerosissimi bandi di gara costantemente indetti soprattutto a livello comunitario, con la specifica finalità di attrarre verso il Comune di Lipari cospicui finanziamenti volti alla realizzazione di specifici progetti, che quindi possano, tra le altre cose, drenare risorse e sopperire alle conclamate carenze strutturali ed alla necessità di non violare il Patto di stabilità.
In quest’ottica, una particolare attenzione dovrà certamente essere dedicata alle cc.dd. “isole minori”, per le quali si propone fin d’ora la convocazione di apposite riunioni di Giunta itineranti, su ogni isola ed almeno una volta l’anno, al fine di ascoltare concretamente la cittadinanza e di programmare le attività auspicate con assoluta precisione e nel segno della più ampia partecipazione, nonché di verificare lo stato di avanzamento degli obiettivi via via prefissati.
SANITA’ - OSPEDALE
La difesa di ciò che abbiamo, come già accennato, è certamente un’importante chiave di lettura dell’intera azione amministrativa che questa coalizione, ove eletta dalla popolazione alla sindacatura, si propone di realizzare. Le vicende trascorse a proposito dello smantellamento dei reparti dell’Ospedale di Lipari, che rischiano peraltro di condurre gradualmente alla definitiva chiusura della struttura sanitaria, rappresentano l’emblema di questo messaggio.
In un moto di orgoglio senza precedenti, i cittadini eoliani hanno dimostrato nell’autunno scorso di essere in grado di riappropriarsi di ciò che gli appartiene, di lottare per non subire ingiusti ed inusitati strappi, adottando anche gesti eclatanti, come l’occupazione del nosocomio o la manifestazione ed il sit-in a Palermo dinanzi all’Assemblea Regionale Siciliana, nel corso dei quali il Vento Eoliano non ha fatto mancare la sua voce, ponendosi anzi come protagonista e portavoce delle numerose istanze.
In tema di sanità, quello degli sprechi è argomento centrale, specie se si pensa di sopperirvi non eliminando i medesimi alla radice ma -si ribadisce- contraendo l’offerta complessiva dei servizi. E’ il caso questo, tra gli altri, della convenzione con la Società Elicotteristica, che si propone quindi di rivedere in un’ottica di risparmio e di assoluta trasparenza amministrativa.
Anche nella descritta prospettiva, i giovani non potranno che essere protagonisti: si prospetta così, anche avvalendosi delle competenze dei tanti eoliani specializzati in discipline mediche, l’istituzione di una piattaforma di confronto fra cittadinanza/utenza ed Istituzioni, locali e regionali, volta a creare le migliori condizioni di qualità nell'erogazione del servizio sanitario, partecipando la cittadinanza delle scelte di management sanitario.
Anche le ricchezze termali delle isole Eolie dovranno essere valorizzate, come quelle dell’isola di Vulcano o le Terme di San Calogero, ad esempio tramite la stipula di un’apposita convenzione con il Servizio sanitario nazionale, su modello di ciò che già avviene sull’isola di Ischia.
TRASPORTI
L’abbiamo chiamata “Odissea del viaggiatore”, a significare simbolicamente le difficoltà che a tutt’oggi incontrano residenti, pendolari e turisti ai fini dell’approdo alle isole Eolie.
Il primo aspetto su cui puntare è la “catalizzazione delle attese”, che intrinsecamente fanno parte della quotidianità degli eoliani e che tuttavia non dovranno più essere viste come una perdita di tempo, ma piuttosto come un momento di risorsa. Ciò potrà avvenire implementando quanto più possibile i già esistenti servizi sussidiari al trasporto, e garantendone di nuovi.
Per ottenere questo risultato, il Comune di Lipari, tramite l’esercizio della propria autorità, anche di indirizzo, dovrà promuovere la sottoscrizione di un “Piano ufficiale dei trasporti” unitamente a tutti gli attori in campo, anche privati.
In particolare, si propone di:
-favorire l’accesso alle strutture a tutte le persone che hanno difficoltà motorie, eliminando ogni tipo di barriera architettonica ancora esistente;
-mettere in sicurezza le banchine, che ancora oggi subiscono gravi incidenti;
-rendere reperibili tutte le informazioni necessarie per gli utenti;
-porre in essere un serio coordinamento tra mezzi marittimi e mezzi di terra;
-garantire una seria attendibilità del controllo meteo-marittimo.
Si dovrà poi predisporre un vero e proprio “Documento del Passeggero”, sulla scorta di quanto già sperimentato dall’ENAC. Questo documento, ovviamente condiviso con le Società di navigazione ed adottato all’esito di uno studio minuzioso con esperti del settore, dovrà monitorare e migliorare le frequenze, il comfort complessivo ed i disagi che insorgono per effetto delle improvvise soppressioni. Su quest’ultimo punto, occorrerà fare in modo che la scelta di eliminare le singole corse per effetto del maltempo venga ancorata a parametri più oggettivi e meno arbitrari, ottenendo che i vettori si dotino di mezzi idonei a navigare con ogni mare, quantomeno per garantire una corsa al giorno.
Si propone, infine, la stipula di una apposita convenzione anche con il Comune di Milazzo, per garantire:
-soggiorni a prezzi agevolati presso le attività ricettivo/alberghiere per chi, a Milazzo come alle Isole, si vede costretto a soggiornare più tempo del previsto;
-sosta agevolata per 24 ore e nei week-end con esposizione di un apposito Eolian pass nelle strisce blu e/o nei garage privati adiacenti al Porto di Milazzo a favore di eoliani e pendolari.
TURISMO
La destagionalizzazione è il primo obiettivo necessario per consentire nel settore del turismo risultati quali: la ripresa dell’economia; l’auspicato allungamento del periodo lavorativo; complessivamente, l’indotto turistico.
L’idea forte è quella di unire tutte le forze produttive che vivono di turismo in un vero e proprio “Consorzio Eolie”, che facciano in modo di creare un comparto organizzato sia per la promozione del territorio sia per l’organizzazione dello stesso. Al tempo stesso, potrà essere Creazione e promozione del “Prodotto Eolie”, oggi inesistente sui mercati perché molto frammentato e poco sfruttato, attraverso la predisposizione del consorzio sopra indicato. 
Coinvolgimento delle associazione di categoria degli albergatori in modo da porsi come un filtro nella scelta dei tour operator e dei disegni turistici da perseguire.
Questo obiettivo si potrà realizzare soltanto attraverso l’esaltazione delle principali caratteristiche delle Isole, arrivando così a predisporre una serie di linee guida specifiche per ogni isola, in modo da poter creare un quadro organico di sviluppo per ogni territorio.
Altro passaggio fondamentale per il turismo è la messa in sicurezza dei porti, con annessa valutazione di creare nuovi scali portuali alternativi.
TUTELA DEL TERRITORIO, PORTUALITA’ E DIFESA COSTIERA
Un territorio così particolare come quello delle Isole Eolie risulta essere assoggettato, come è noto, ad una serie di strumenti legislativi ed urbanistici che cercano di salvaguardare, sotto vari aspetti, l’esistente (es. P.T.P., SIC e ZPS, riserve, Unesco, Parco etc.), all’insegna della conciliazione dello sviluppo con la tutela del territorio. A ciò si aggiunta la recentissima ed auspicata approvazione, dopo tanti anni di attesa, del Piano Regolatore Generale e del Regolamento edilizio.
In questo contesto, si segnala la necessità di una accurata regolamentazione sia del centro storico che degli altri agglomerati urbani (ad esempio Lipari centro, la baia di Marina Lunga e Canneto), di attenzionare scientificamente la cura del verde ed il decoro dei palazzi, ed in particolare per Marina Corta la predisposizione di una vero e proprio Piano del colore, con la finalità di uniformare e valorizzare l’estetica del caratteristico abitato del borgo, che potrebbe diventare, anche grazie al coinvolgimento dei commercianti, il “salotto di Lipari”.
Anche la difesa costiera, con la tematica del dissesto idrogeologico che per effetto delle preoccupanti mareggiate dell’ultimo anno, non dovrà essere sottovalutata, con la predisposizione di specifici interventi a protezione dei centri abitati costieri e la preposizione di adeguate barriere costiere, in particolare, a tutela di: Acquacalda, Alicudi, Canneto, Filicudi Porto, Portinenti e Stromboli.
La realizzazione di nuovi “scali portuali alternativi” è un altro aspetto importantissimo del programma elettorale, onde consentire un utilizzo pieno e proficuo di tutti i punti di approdo esistenti. Anche ai fini del dragaggio dei fondali che si rende costantemente necessario, occorrerà provvedere all’acquisto autonomo di un “pontone”, per evitare di doversi sistematicamente rivolgere a terzi, come avviene oggi con notevole dispendio di risorse.
Si dovrà inoltre provvedere al ripascimento ed alla messa in sicurezza delle spiagge ed allo studio della riapertura delle spiagge interdette (Vallemuria, praia di Vinci, spiaggia dei gabbiani, Pietraliscia, Porticello etc.).
Altro aspetto importante sarà l’avvio di una razionalizzazione delle concessioni demaniali marittime, e ciò anche alla luce del fatto che, in ragione delle nuove prescrizioni vigenti, ogni concessionario (campi boe, pontili galleggianti, lidi etc.) dovrà rendersi parte diligente contribuendo, di concerto con il Comune e la Guardia costiera, alla redazione del Piano spiagge.
Un bene inestimabile è costituito dai sentieri e dalle strade secondarie. Occorrerà porre in essere tutte le iniziative utili a renderli pienamente fruibili, per consentire, ancor più di quanto avviene oggi, di ammirare le bellezze naturali delle nostre isole. Un’iniziativa concreta per il territorio, sul punto, è quella denominata “Adotta un sentiero”: un’attività di volontariato promossa dal Comune per il ripristino, la manutenzione e l’abbellimento dei sentieri.
INFORMATIZZAZIONE
La telematizzazione e l’incremento dei sistemi e delle reti telematiche che garantiscano sistemi quanto più efficienti nei vari settori amministrativi dovrà essere un punto centrale del programma elettorale della futura Amministrazione comunale. Si segnalano, sinteticamente, le linee direttrici che si intende perseguire:
-trasparenza amministrativa, tramite il potenziamento delle rete civica informatica e la garanzia dell’accesso agli atti della P.A. in modo celere ed economico;
-estensione graduale della rete “Wi-Fi free” sul territorio comunale, consentendo ai giovani di fruire sempre più soprattutto degli spazi di aggregazione esistenti, oltre a crearne di nuovi;
-sanità telematica, in particolare lo sviluppo della c.d. “telemedicina”.
CAPITALE EUROPEA DELLA GIOVENTU’ 2015
Una delle idee portanti, come già detto in questo inizio di campagna elettorale, è quella di lanciare la candidatura dei quattro Comuni eoliani (quello di Lipari in partnership con i tre Comuni di dell’isola dei Salina, Malfa, Leni e S. Marina), come Capitale europea della Gioventù per l’anno 2015, che dovrà essere presentata entro l’1 maggio 2012 dall’Amministrazione comunale uscente su proposta del “Vento Eoliano”.
Si fa presente comunque che, in caso di esito negativo sull’istruttoria da parte del Forum europeo della Gioventù, la candidatura potrà essere riproposta ed implementata per gli anni successivi, ed è esattamente ciò che farà questa coalizione sia che venga chiamata ad amministrare la Comunità eoliana (anche tramite la costituzione di apposito Ufficio comunale, ovviamente con l’impiego di risorse umane già a disposizione dell’Ente) sia che ciò non avvenga, dal momento che questo obiettivo appare strategico e prioritario per risollevare le sorti dell’Arcipelago.
Questa idea vuole essere il segno tangibile dell’ambizione di far “prendere  il largo” alle Isole Eolie ben al di fuori del territorio regionale -ove riteniamo siano allo stato relegate- dal momento che esse esprimono un potenziale di ricchezze turistiche, culturali e naturalistiche e molto altro con pochi pari, per l’appunto, in Europa. Molte esperienze del passato ci insegnano peraltro che l’attrazione di grandi eventi è volano di sviluppo e di crescita economica per il territorio di riferimento, ed è proprio questo quel che vorremmo fare con questa proposta.
Si tratterebbe di un’importante occasione anche per “internazionalizzare” i tanti eventi già esistenti (dai campionati di Judo alla International Summer School organizzata in collaborazione con l’Università di Catania, dal tipico Carnevale eoliano al Festival del cinema annualmente organizzato dal Centro Studi, etc.) e per istituirne di nuovi (si pensa, ad esempio, alla valorizzazione dei percorsi del trekking e del termalismo, tramite progetti mirati di inclusione sociale).
ARTE, CULTURA, SPORT E SPETTACOLO - GRANDI EVENTI
Sempre nell’ottica della organizzazione dei grandi eventi, si porta l’esempio del concerto jazz di Monty Alexander, tenutosi lo scorso 31 luglio presso l’Anfiteatro, per significare che è certamente possibile, e si tratta di una strada che va percorsa con tenacia sempre maggiore, sfruttare la splendida ed unica cornice paesaggistica delle isole Eolie per attrarre personalità del mondo dello spettacolo, dell’arte e della cultura anche in sinergia con gli Enti di settore insistenti sul territorio provinciale. Per conseguire questi obiettivi, si preannuncia già in questa fase che ci si avvarrà della prestigiosa collaborazione del Maestro Carmelo Travia, affermato compositore musicale di origini liparesi.
Alla stessa stregua, si intende istituire una Film commission comunale, che sponsorizzi il territorio eoliano al fine di attirare le produzioni cinematografiche -come in passato è frequentemente avvenuto, ancorché in maniera “disordinata”- che consentirà di mettere a sistema i luoghi, le strutture ed i servizi, ed infine anche i talenti eoliani, agevolando coloro che nel settore del cinema, provenienti da tutto il mondo, vorranno investire sul territorio isolano.
Mancano poi adeguati luoghi per lo sport e per la socializzazione dei giovani. Per questo, sarà necessario: la manutenzione ed il miglioramento delle strutture sportive esistenti; l’avvio di una politica di collaborazione e di apertura con le società sportive insistenti sul territorio ai fini della realizzazione di nuove strutture sportive al coperto; la creazione di piccoli centri sportivi e sociali per ognuna delle isole (pista ciclabile, campi da tennis, palestre o luoghi al coperto dove poter fare sport e socializzare).
L’asilo nido situato vicino ai capannoni dell’ospedale, così come altri immobili eventualmente utili al fine, potrà diventare un importante spazio pubblico ad uso sociale da affidare, anche in gestione, alla gioventù eoliana.
Dovranno essere infine reperiti i fondi per la ristrutturazione dello stadio “Franchino Monteleone” e per la realizzazione di una piscina coperta.
Un’idea che ci è stata sollecitata dalla cospicua comunità studentesca proveniente dalle isole minori è la realizzazione di una “Casa dello studente” per gli studenti delle scuole di istruzione primaria e secondaria che evidentemente sono costretti a soggiornare sull’isola di Lipari, specialmente durante l’inverno, per assolvere agli obblighi di istruzione.
Si intende inoltre creare il servizio “Lipari ti ascolta”, per combattere l’emarginazione e dare assistenza a tutti i cittadini bisognosi, anche tramite il coinvolgimento degli enti solidaristici operanti sul territorio, in modo da promuovere il terzo settore in tutto l’Arcipelago.
PESCA
            Sappiamo bene che “i pescatori vogliono poter andare a pescare”. Anche per loro, i giovani non staranno a casa. Tuttavia, alla luce delle restrizioni imposte dalla normativa comunitaria, intendiamo affrontare l’argomento con serietà e prudenza.
Pertanto, le proposte concrete che riteniamo di poter avanzare sin da subito in quanto ad avanzato stadio di fattibilità sono:
-la realizzazione di uno scalo di alaggio. Allo stato, infatti, ne esiste uno solo, in località Porticello, ma nella prassi risulta troppo distante, piccolo e strutturalmente inefficiente. Per questo si propone di realizzarne uno nell’area che va da Marina lunga a Pignataro;
-la creazione di una pescheria, gestita direttamente dai soci delle cooperative, da realizzarsi accanto alla biglietteria degli aliscafi, dove già di fatto i pescatori esercitano questa attività, essendo muniti dell’autorizzazione per vendere il pesce dalle barche.
Un’ulteriore importante accorgimento sarà quello di instaurare una sinergia tra i fondi europei messi a disposizione dai neocostituiti “G.A.C.” e quelli comunali.
FINANZE
Il quadro è certamente allarmante, è opinione condivisa, quantomeno rispetto agli standards cui la Comunità eoliana era abituata.
Occorre monitorare e adottare specifiche misure di “calmieramento” per quanto riguarda le tariffe per l’occupazione del suolo pubblico e le tariffe idriche. Non è infatti con un aumento indiscriminato di tutti i tributi locali che si ottiene il risanamento. Occorre sul punto istituire almeno due importanti Osservatori comunali, uno sui prezzi e l’altro sui canoni dei contratti di locazione.
Allo stesso tempo, dovrà essere varato un piano di misure straordinarie per consentire il rientro dal deficit comunale che recentemente sarebbe stato quantificato in un ammanco di circa 10 milioni di euro.
Tra queste, si propone:
-un programma di alienazione e di dismissione degli immobili pubblici comunali ritenuti superflui, che sia ispirato ad una logica pienamente concorrenziale, con prezzi di mercato e non certamente ispirato ad una “svendita” dei beni posseduti. Ciò consentirebbe di procurare liquidità da mettere in circolo;
-un piano di recupero dell’evaso con tutti i possibili sistemi di rateizzazione;
-un sistema di progettualità su fondi europei, finanziamenti regionali e trasferimenti statali;
-il migliore e proficuo utilizzo di tutte le risorse umane di cui l’Amministrazione comunale a vario titolo dispone.
Seguendo questi parametri, il risanamento finanziario è assolutamente possibile.
* * * * *
Ai fini della realizzazione del presente programma elettorale, ed in ossequio al prescritto adempimento di legge, si indicano quali Assessori designati i Signori:
            1) Massimiliano Cortese, nato a Lipari il 7 febbraio 1977;
            2) Annarita Gugliotta, nata a Lipari il 22 maggio 1985.
Lipari, 11 aprile 2012
(Avv. Francesco Rizzo)

Eolie isolate

Arcipelago al momento isolato. Forti raffiche di vento, provenienti da ovest a una velocità di circa 30 nodi, stanno investendo le isole. Il mare è molto mosso (forza 7) e aliscafi e traghetti, al momento, sono bloccati nei porti.

Auguri a....

Gli auguri oggi sono per Nancy Zaia
 Volete fare gli auguri ai vostri cari? Inviateceli. Raccomandiamo solo di farlo con qualche giorno in anticipo. L'indirizzo a cui spedirli è s.sarpi@libero.it
N.B. Gli auguri (di qualunque genere) con le foto sono a pagamento (vedi tariffario in alto a questa pagina), così come gli auguri (anche senza foto) che non siano di Buon Compleanno.
Volete fare gli auguri ai vostri cari? Inviateceli. Raccomandiamo solo di farlo con qualche giorno in anticipo.
L'indirizzo a cui spedirli è s.sarpi@libero.it
N.B. Gli auguri (di qualunque genere) con le foto sono a pagamento (vedi tariffario in alto a questa pagina), così come gli auguri (anche senza foto) che non siano di Buon Compleanno

venerdì 13 aprile 2012

Gemellaggio tra Lipari e comuni del Casentino

Celebrazione domani del Gemellaggio Istituzionale tra il Comune di Lipari e l’Unione dei Comuni Montani del Casentino, presso il Palazzo dei Congressi in via Falcone e Borsellino.
Durante lo svolgimento dello stesso verra’ proiettato il film documentario “Gente Lontana” realizzato dal regista Lionetto Fabbri che tratta la vita dei lavoratori della pomice negli anni 50.
Si invita la cittadinanza a partecipare.

Cosa succede in via Agliozzo? (di Pino La Greca)

Numerosi cittadini ci segnalano che lungo la stradina di Agliozzo che conduce alle spiagge bianche sono in corso dei lavori edili che fanno presumere la prossima realizzazione di un muro lungo la strada pubblica che supererà l’altezza di 2 mt., dal piano di strada, annullando completamente la visuale del mare e della costa, sia ai residenti sia a tantissimi turisti che transitano lungo tale strada
E' sorprendente la facilità con cui si opera nel nostro territorio in aree all’interno della fascia costiera e ad alto valore panoramico.
Invitiamo le autorità competenti a voler immediatamente verificare se chi sta operando è titolato ed autorizzato a tale tipologia di lavori.
Il Presidente del Circolo Legambiente delle Isole Eolie
Dott. Giuseppe La Greca

Gerontocrazia (di Luca Chiofalo)

Ho 36 anni... Troppo giovane in Italia (Lipari non fa eccezione) per esprimere pensieri autonomi e meritevoli di attenzione.
Se proprio mi scappa un pensiero su come meglio organizzare e gestire la vita di questo disastrato paese, devo consentire che venga filtrato da persone più mature ed esperte, supposte depositarie della "verità" ed impettite da lunghi trascorsi politici, la cui utilità per la comunità però è difficile da ravvisare. Rispetto chi è più anziano di me, se non altro perchè il "maggiore vissuto" porta con sè una visione più lucida e saggia delle cose della vita, ma una classe dirigente composta unicamente da persone sopra i 50 anni mi sembra follia. I paesi più dinamici e civilizzati d'Europa eleggono premier che hanno meno di 40 anni, adeguando più velocemente leggi ed indirizzo politico ad una realtà in continua evoluzione. Non si risolvono i problemi di oggi con "cervelli" che hanno cristallizzato le loro convinzioni in tempi molto diversi dagli attuali, che hanno difficoltà a comprendere realtà completamente nuove, le quali richiedono soluzioni nuove. Si smetta di accampare la scusa banale che i giovani non si propongono, perchè la volontà malcelata di chi detiene il potere è quella di conservarlo vita natural durante e le piccole concessioni di spazio sono riservate solo a fedelissimi discepoli preventivamente indottrinati.   
Cosicchè, il futuro e i potenziali interpreti del nuovo tempo sono già invecchiati e usurati prima di realizzarsi, frustrati dalla costante opera di svuotamento della loro volontà che compiono le attuali classi dirigenti; una zavorra che tarpa le ali al progresso civile e culturale, ancorandoci anacronisticamente a schemi e pensieri superati. Libertà intellettuale e ideale sono risorse da valorizzare non pericoli da scongiurare, sul pensiero unico deve sempre prevalere il pluralismo di idee, perchè, in uno sforzo di lungimiranza, sono l'antidoto ad ogni tensione sociale. Chi non si sente rappresentato o ascoltato è tentato quasi sempre dal disimpegno e matura un atteggiamento anarchico rispetto alle istituzioni e alle regole del vivere civile. Le orde di giovani in preda agli istinti più distruttivi, di cui sono piene le pagine dei giornali, sono figlie della rinuncia alla responsabilità, indotta anche dalla difficoltà di trovare spazi in cui esprimersi e realizzarsi.
Allora, ai miei coetanei dico che è forse tempo di "superare i padri": di avere il coraggio di proporre qualcosa di nuovo senza rifarsi necessariamente agli schemi che le generazioni precedenti ci impongono.
Ai "cari vecchi", se tengono al futuro del paese, rivolgo, invece, l'invito a scommettere sui giovani "veri", quelli capaci di pensare con la propria testa e non già supini e rassegnati a fare le comparse; ad accettate e valorizzare, insomma, la voglia e l'esuberanza di chi la vita vuole costruirsela senza "padrini" che dispensino imbeccate e aiutini, ma col proprio, quotidiano impegno...
P.S. La scrissi qualche tempo fa. Spero serva come motivo di riflessione a chi, in questa tornata elettorale, ha convinto molti "giovani" che stare con i "più forti ed esperti" e piegarsi al loro metodo sia l'unico modo per emergere e "contare"... Io, dopo profonda e sofferta riflessione, ho capito che non voglio "partecipare" a queste condizioni.
 L'esito di questo stillicidio di illusioni lo vedremo...
CORDIALMENTE
LUCA CHIOFALO

La parola ai candidati a sindaco: Gianfranco Grasso (PDL-MPA- Punto e Freccia

Si conclude con l'intervista al candidato a sindaco rag. Gianfranco Grasso la presentazione dei candidati alla poltrona di primo cittadino del comune di Lipari.
L'intervista con Grasso:

Le liste che appoggiano la candidatura Grasso:
Mpa
1) China Giulio
2) Finocchiaro Giuseppe
3) Carnevale Emanuele
4) Spadaro Amalia
5) Ziino Bartolo
6) Natoli Giuseppe
7) Casella Giuseppe
8) Beninati Rosa
9) Turcarelli Maurizio
10) Lo Schiavo Giovanni
11) Reitano Gian Luca
12) De Fina Antonia
13) Lo Surdo Giacomo
14) Corrieri Dario Bartolo
15) Perini Lucia
16) Cincotta Daniele

PDL
1) Bruno Mariano
2) Casilli Antonino
3) Costa Anna maria
4) Di Lillo Giuseppe
5) Famà Natale
6) Famularo Fabrizio
7) Formica Leandro
8) Giannò Corrado
9) Girone Patrizia Giuseppa
10) Liberatore Roberta
11) Longo Giuseppe
12) Mandarano Claudio
13) Micali Salvatore Antonio
14) Pittari Assunta
15) Ragusi Antonino detto Ninni
16) Recupero Mariano
17) Roussak Svetlana
18) Scorsone Rosario
19) Seminara Giorgio
20) Spinella Anna Maria Paola 

PUNTO - FRECCIA 
1) Mariano Fabio Branca
2) Nunzia Cincotta
3) Laura Catena Costanzo
4) Bartolomeo Crisafulli
5) Valentina De Matteis
6) Stefania Lombardo
7) Ariana Longo
8) Loris Li Donni
9) Daniela Carmela Lucchesi
10) Tiberio Luciani
11) Angela Giovenco
12) Rosetta Mollica
13) Alessandro Pittari
14) Antonio Todaro
15) De Domenico Giacomo.

Ricordiamo che Eolienews mette a disposizione dei candidati a sindaco e/o al consiglio comunale di Lipari, Santa Marina Salina e Malfa appositi spazi elettorali a pagamento.
Tale spazio consiste nella pubblicazione di interviste (durata max 5 minuti), di spot video brevi (max 3 minuti), pubblicazione di foto dei candidati a sindaco e/ o consigliere comunale (di dimensioni diverse) con o senza slogan, banner di dimensioni diverse.
 Il materiale, se fornito dal candidato, resta di proprietà della redazione.
E' possibile prenotare tali spazi sino a tre giorni prima della consultazione elettorale. 
Il pagamento degli spazi elettorali è da effettuarsi al momento della prenotazione.
Per informazioni  chiamare il 339.57.98.235 o inviare una mail a s.sarpi@libero.it
Cogliamo l'occasione per comunicare a tutti i candidati a sindaco di Lipari, Santa Marina Salina e Malfa e ai candidati ai rispettivi consigli comunali che non saranno pubblicate note e interventi ad essi e all'interesse degli stessi riconducibili. Per tali finalità offriamo degli spazi a pagamento ( pubblicità sui vari banner ben visibili nella home) o spazi autogestiti ( interviste, appelli ecc. ) . Per informazioni 339.57.98.235

D'Alia: " Voteremo contro bilancio Regione"

"Voteremo contro il bilancio della Regione siciliana". Gianpiero D'Alia, presidente dei senatori dell'Unione di Centro e segretario regionale in Sicilia del partito, detta la linea nel corso della conferenza stampa di presentazione della lista e dei candidati alle prossime amministrative al Comune di Palermo e nelle circoscrizioni cittadine. Con lui il candidato sindaco a Palermo di Udc, Pdl, Grande Sud e Lista Costa, Massimo Costa. D'Alia argomenta anche i motivi del 'no' al bilancio: "Il ritardo con il quale si sta approvando il documento economico finanziario - spiega - conferma in maniera chiara quanto il nostro partito dice da mesi e spiega perche', sin da dicembre, abbiamo preferito collocarci all'opposizione del governo di Raffaele Lombardo. Questo esecutivo non e' in grado di dare risposte alle difficolta' della Sicilia, ma vive solo di nomine e rimpinguando il 'carnet' di consulenze". "Un bilancio senza riforme strutturali - continua il segretario regionale dei centristi - e' impossibile da avvallare". Sul fronte amministrativo, D'Alia, spiega come "la scelta di puntare su Massimo Costa rientri nell'ottica di voler offrire un progetto chiaro e semplice per Palermo, che deve riconquistare il suo ruolo di capoluogo e la sua centralita' nel contesto euro mediterraneo. Proprio per lasciare liberta' d'azione a Costa non abbiamo indicato ne' uomini di partito tra gli assessori, ne' posta alcuna condizione". "Oggi è stata presentata una lista forte e di persone nuove. L'Udc è un partito che ha dimostrato coraggio, coerenza e libertà - incalza Massimo Costa -. L'onorevole Pier Ferdinando Casini e il segretario regionale Gianpiero D'Alia hanno sostenuto questa linea di rinnovamento appoggiandomi nella competizione elettorale. Hanno scelto di sostenere una candidatura civica che guarda al di la' delle vecchie divisioni partitiche e mira al bene comune di Palermo". Per quanto riguarda la lista dell'Udc a Palermo per le amministrative, 50 candidati al Comune, 118 alle Circoscrizione, D'Alia e' chiaro: "Abbiamo scelto sulla base di un'unica idea, riavvicinare la gente alla politica. Tra i candidati ci sono professionisti, donne impegnate nella famiglia, nel lavoro, in politica, giovani, persone che hanno dovuto sottoscrivere prima di candidarsi non solo l'adesione al codice antimafia, ma anche il codice deontologico dell'Udc e quello di trasparenza dell'Ue. Non era previsto dalla legge, pero' abbiamo preferito fare cosi'". "La chiarezza e la coerenza in politica sono segni di forza - ha concluso il senatore dell'Udc - ed e' la risposta ad alcuni furbetti che, manifestando chiara debolezza, stanno cercando di ingarbugliare la competizione elettorale con liste civetta dal simbolo uguale a quello del nostro partito. Abbiamo gia' provveduto a presentare ricorso alla commissione elettorale".

Pericolo di crolli. Chiusa dai pompieri la chiesa di Santa Lucia a Lipari

In data odierna, una squadra del Comando Provinciale VVF del Distaccamento Lipari, è intervenuta in via Torrente S.Lucia, per una verifica statica della omonima Chiesa. Al termine del sopralluogo, alla presenza di Mons. Gaetano Sardella, veniva dichiarata la non agibilità della stessa e dei locali pertinenti, a causa delle criticità riscontrate sia all'interno che all'esterno dell'edificio. L'insieme di più fattori di rischio potenziale per la tutela della pubblica incolumità, portavano alla drastica decisione di interdire l'accesso e dunque l'utilizzo della Chiesa.

La parola agli aspiranti sindaci: Ersilia Pajno (Il Faro)

Eolienews mette a disposizione dei candidati a sindaco e/o al consiglio comunale di Lipari, Santa Marina Salina e Malfa appositi spazi elettorali a pagamento.
Tale spazio consiste nella pubblicazione di interviste (durata max 5 minuti), di spot video brevi (max 3 minuti), pubblicazione di foto dei candidati a sindaco e/ o consigliere comunale (di dimensioni diverse) con o senza slogan, banner di dimensioni diverse.
 Il materiale, se fornito dal candidato, resta di proprietà della redazione.
E' possibile prenotare tali spazi sino a tre giorni prima della consultazione elettorale. 
Il pagamento degli spazi elettorali è da effettuarsi al momento della prenotazione.
Per informazioni  chiamare il 339.57.98.235 o inviare una mail a s.sarpi@libero.it
Cogliamo l'occasione per comunicare a tutti i candidati a sindaco di Lipari, Santa Marina Salina e Malfa e ai candidati ai rispettivi consigli comunali che non saranno pubblicate note e interventi ad essi e all'interesse degli stessi riconducibili. Per tali finalità offriamo degli spazi a pagamento ( pubblicità sui vari banner ben visibili nella home) o spazi autogestiti ( interviste, appelli ecc. ) . Per informazioni 339.57.98.235
L'INTERVISTA ALLA DOTTORESSA ERSILIA PAJNO

IL FARO (Insieme si può) (Candidato a sindaco Pajno Ersilia)
1) Pajno Ersilia
2) Megna Francesco
3) Fonti Gesuele
4) Vitagliano Luca
5) Sobrero Patrizia
6) Favata Giuseppe
7) Faralla Cristian
8) Greco Maria
9) Mandarano Caterina
10) Milano Bartolomeo
11) Zaia Felicia
12) Cocco Gianandrea
13) Mantineo Marzia
14) Cortese Fiorella Assunta
15) Girone Sabino
16) Federico Immacolata
17) Scafidi Angela
18) Cusumano Maria Elena
19) Russo Giuseppe