Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 18 dicembre 2010

Natale: a Ginostra cercano sacerdote per celebrare la messa

''Cercasi parroco per la messa da celebrare la notte di Natale'': e' l'appello dei 30 abitanti di Ginostra minuscola frazione di Stromboli nelle Eolie. Gli isolani rischiano di trascorrere la notte di Natale senza la Messa. A Ginostra non c'e' il sacerdote che arriva da Stromboli con l'aliscafo. Don Luciano D'Arrigo pero' deve badare anche alle 400 anime della vulcanica isola e per trasferirsi nella vicina borgata deve fare i conti con il mare agitato.

Nella chiesa di San Vincenzo a Ginostra, dopo oltre un mese, la messa e' stata celebrata domenica scorsa

Randagismo e pericolo. Interviene anche il consigliere Biviano

Una nuova sollecitazione affinchè si intervenga nei confronti del randagismo canino dilagante e pericoloso per la pubblica incolumità. Arriva dal consigliere del PD,Giacomo Biviano. In mattinata avevano pubblicato la richiesta di una analoga iniziativa da parte del consigliere Gesuele Fonti (Il Faro)

Al Sindaco del Comune di Lipari
Dott. Mariano Bruno
Al Dirigente del IV settore
Dott. Stefano Blasco
A S.E. il Prefetto di Messina
Dott. Francesco Alecci
Azienda Sanitaria provinciale – Area Dipartimentale Sanità Pubblica Veterinaria di Messina
OGGETTO: Emergenza randagismo nei pressi della scuola elementare e media della frazione di Pianoconte – bivio San Calogero – Richiesta d’intervento urgente.
Gentili Signori,
Come certamente non Vi sarà sfuggito, negli ultimi mesi il problema del randagismo ha assunto i connotati di un’autentica piaga locale, divenuta particolarmente intensa nelle frazioni periferiche dell’isola.
Qui, infatti, la presenza dei suddetti cani fa sì che i cittadini non si sentano più liberi di fruire in tranquillità delle strade e degli spazi pubblici¸ né si sentano più sicuri di mandare in strada i loro figli. I fatti avvenuti in questi ultimi mesi nella suddetta località, dove ci sono state aggressioni oltre che ad animali anche, purtroppo, a bambini e anziani, da un lato aumentano la preoccupazione nella gente, dall’altro mostrano come ancora il nostro comune non sia organizzato e preparato per affrontare tale fenomeno.
In particolar modo si segnala una situazione ormai divenuta insostenibile proprio nelle vicinanze della scuola elementare e media di Pianoconte, bivio di San Calogero, dove gruppi di randagi aggrediscono da mesi i passanti e creano il panico tra le abitazioni vicine.
Oltretutto, la presenza di una scuola nelle vicinanze aumenta le preoccupazioni di tutti a causa della presenza di numerosi bambini che ogni giorno percorrono il tratto di strada interessato e che rischiano di essere aggrediti in qualsiasi momento.
Si chiede, pertanto, di intervenire urgentemente, se il caso anche attraverso una procedura di somma urgenza, nella suddetta zona di Pianoconte, all’altezza dell’incrocio che conduce alla strada provinciale di San Calogero, affinchè vengano catturati i pericolosi gruppi di cani randagi che da mesi terrorizzano gli abitanti vicini e i numerosi bambini che ogni giorno percorrono la strada per recarsi a scuola.
Visti i precedenti e tragici fatti accaduti anche in Sicilia conto in un vostro tempestivo e pronto intervento.
Qualora nei prossimi 15 giorni nessun intervento verrà avviato dalle autorità competenti il sottoscritto adirà per ulteriori vie che riterrà opportuno, se il caso anche giudiziarie, denunciando chi di competenza.
Distinti saluti
Il Consigliere Comunale
Partito Democratico
Dott. Giacomo Biviano

RIFIUTI: LIQUIDAZIONE ATO, PIANO RIENTRO COMUNI E PERSONALE

I Consorzi e le Societa' d'ambito dovranno nominare il soggetto liquidatore entro 30 giorni dalla data di pubblicazione, nella Gazzetta ufficiale della Regione siciliana. E' questo il contenuto della circolare emanata dall'assessore all'Energia e ai Servizi di pubblica utilita', Giosue' Marino. In caso di inosservanza, ferme restando le responsabilita' penali e contabili, l'assessore provvedera' alla nomina in via sostitutiva.
I liquidatori dovranno quantificare debiti e crediti dei Consorzi e delle Societa' d'ambito maturati al 31 dicembre 2010, accertare le percentuali di copertura dei costi di gestione del servizio delle precedenti Autorita' e quantificare le quote che gli utenti hanno versato come Tia o Tarsu. Crediti e debiti pregressi dovranno essere riportati al 31 dicembre 2010, in modo da consentire il rispetto del principio della "par condicio creditorum". Liquidatori ed eventuali commissari, fino al definitivo avvio del servizio di gestione integrata dei rifiuti, sono tenuti a garantire la continuita' del servizio e il pagamento dei debiti, con il divieto di procedere a nuove operazioni che potrebbero compromettere o distrarre le risorse destinate in via esclusiva alle esposizioni debitorie.
La circolare contiene linee guida per attuare le disposizioni della legge regionale 9 dell'8 aprile 2010, che disciplina la riforma in Sicilia della gestione integrata dei rifiuti, la messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati, nel rispetto della salvaguardia della salute pubblica e della tutela dell'ambiente.
"Le linee guida - spiega l'assessore Marino - hanno tre obiettivi: sollecitare i Consorzi e le Autorita' d'ambito a rispettare le previsioni di legge di loro competenza, stabilire le diverse fasi di azione nell'attesa della costituzione delle Srr (le nuove Societa' per la regolamentazione del servizio di gestione dei rifiuti) secondo un preciso programma di adempimenti, che va dalla liquidazione delle Societa' fino al transito del personale nelle nuove societa', per evitare che nella fase transitoria il servizio si interrompa. Sono state emanate - sottolinea Marino - non solo per dare attuazione alla normativa, ma per mettere ordine, con soluzioni concrete ed efficienti, in un settore dove i problemi infrastrutturali e soprattutto economici si sono negli anni cristallizzati".
La circolare sollecita i Consorzi e le Autorita' d'ambito ad attuare le disposizioni di legge per la liquidazione degli Ato, il cui coordinamento e' affidato alla Ragioneria generale della Regione, in modo da garantire omogeneita' di indirizzo nelle attivita' liquidatorie.
A partire dal primo bilancio, i liquidatori dovranno accertare la reale consistenza dei crediti e dei debiti delle Societa' e dei Consorzi d'Ambito, comprese le eventuali perdite o disavanzi relativi ai rapporti tra le AutoritA' e gli enti locali, che, in quanto soci, sono tenuti a pagare i propri debiti contratti con gli Ato, e a concorrere alla copertura delle perdite.
Conclusa questa ricognizione, ciascun ente locale potra' predisporre il proprio piano di rientro secondo quanto prevede la legge 11 del 2010.
Il dirigente generale del dipartimento Acque e Rifiuti, Enzo Emanuele, ha gia' firmato anche la circolare che fissa le modalita' e gli interventi della Regione in favore dei comuni per il ripianamento dei debiti.
"Finalmente - ha detto Emanuele - un passo concreto che brucia le tappe per attuare le disposizioni di legge, anche in vista della definizione del Piano rifiuti regionale".
Il personale che transitera' nelle nuove Srr, sara' individuato dall'assessorato, di concerto con l'Anci e l'Upi, tra i lavoratori attualmente in servizio, alla data di entrata in vigore della legge, nelle Societa' o nei Consorzi, e proveniente dai comuni, dalle province e dalla Regione. Entro 15 giorni dalla pubblicazione della circolare gli enti dovranno inviare al Dipartimento dell'Acqua e dei Rifiuti l'elenco delle unita' di personale, indicando le generalita' degli interessati, i profili di appartenenza e le relative modalita' di utilizzo. Sara' compito del liquidatore effettuare tutte le necessarie verifiche per individuare, in maniera puntuale, i lavoratori che traghetteranno nelle Srr che si stanno costituendo.
Le due circolari sono gia' state pubblicate nel sito del Dipartimento Acque e Rifiuti dell'assessorato all'Energia e ai Servizi di Pubblica utilita'

Randagi a Pianoconte e in tutto il territorio comunale. Il consigliere Fonti richiede intervento urgente


SIGNOR SINDACO
COMUNE DI LIPARI
Dott. Mariano Bruno

DIRIGENTE IV° SETTORE
Dott. Stefano Blasco


OGGETTO: RANDAGISMO CANINO –RICHIESTA INTERVENTO URGENTE

A seguito di numerosissime segnalazioni ricevute dal Consigliere scrivente, giunte da cittadini allarmati e preoccupati, si segnala la presenza e l‘inarrestabile proliferare di cani randagi in branchi, oltre cinquanta animali, nei pressi della scuola di Pianoconte e verso il bivio che conduce a San Calogero.
Numerose abitazioni sono state oggetto nei giorni scorsi dell’incursione dei randagi affamati, che hanno fatto razzia di tutto ciò che è passato sotto la loro strada, animali domestici, galline etc… Ciò che desta la maggiore preoccupazione, oltre ai gravissimi disagi procurati alla popolazione, è il serissimo pregiudizio che la presenza incontrollata dei randagi crea per la pubblica incolumità dei cittadini, ancor più grave tenuto conto della vicinanza con il centro abitato e con le scuole elementari e medie di Pianoconte.
In considerazione di quanto argomentato, nelle more di una indifferibile campagna di sterilizzazione e microchippatura della popolazione canina,
il sottoscritto Gesuele Fonti,
in qualità di Consigliere Comunale
CHIEDE
un intervento URGENTE di accalappiamento su tutto il territorio comunale, ed in particolare a Pianoconte, nei pressi delle scuole e verso il bivio che conduce a san Calogero, al fine di tutelare la pubblica incolumità e scongiurare i gravissimi danni, anche di ordine igienico sanitario, che potrebbero essere causati alla popolazione, in caso di mancato intervento.
Lipari lì 17/12/2010
GESUELE FONTI

Autogestione al Conti. Oggi ultimo giorno. Non solo contro la riforma Gelmini ma anche per le problematiche degli studenti isolani

Ultimo giorno oggi dell'autogestione indetta dagli studenti del "Conti" di Lipari. Un'autogestione effettuata responsabilmente in modo ridotto (tre giorni) in quanto gli studenti hanno tenuto in debita considerazione i giorni scolastici già "saltati" per via dei collegamenti marittimi. Tra l'altro è stato garantito lo svolgimento dei compiti in classe già programmati.
Un'autogestione per protestare contro la riforma Gelmini ma non solo. All'attenzione degli studenti le tante, troppe problematiche degli studenti isolani.
Finita l'autogestione gli studenti hanno in cantiere altre iniziative tra cui un corteo.
Abbiamo intervistato Adele Cincotta e Giulia Mastroeni:

Scambio di auguri al Centro Studi

COMUNICATO STAMPA

Si è tenuta presso l’Hotel Tritone di Lipari la consueta cena organizzata dal Centro Studi Eoliano per lo scambio di auguri natalizi con Soci, Amici e Simpatizzanti. Nel corso della serata è stato proiettato un filmato video accompagnato da foto, musiche e filmati RAI, che riassumeva le attività svolte dal Centro Studi nell’anno 2010. A seguire sono state proiettate, in anteprima, alcune delle foto originali dal set del film “Edda Ciano e il comunista” girato a Lipari, in uscita la prossima primavera. Agli ospiti è stata fornita una relazione con il resoconto delle attività svolte quest’anno ed a fine serata, come sempre, i partecipanti sono stati omaggiati di un presente. L’affetto dimostrato è fonte di gioia e sprona, anche con sacrifici, a dare il massimo impegno per valorizzare e sponsorizzare la cultura eoliana. Il Centro Studi ringrazia i loro sostenitori e collaboratori, perché è grazie all’aiuto di tutti che si ottengono importanti e tangibili risultati. L’ultima pubblicazione del Centro Studi, presentata a Roma, il volume “Cineolie” di Nino Genovese, è segnalata nella rubrica del sito www.chetempochefa.rai.it (sito del noto programma condotto da Fabio Fazio) tra i libri del mese consigliati dalla redazione. Essere consapevoli che quello che è l’impegno di questa associazione è riconosciuto, importante, serio, costante, garantisce una nostra promessa per il domani. Si coglie l’occasione per augurare a tutti delle serene festività. “La vera generosità verso il futuro consiste nel donare tutto al presente” (A. Camus)

Di tutto un po: Notizie

Mercatino di Natale a Lami: Salta l'appuntamento di oggi. Tutto rinviato a domenica - L'appuntamento del Mercatino di Natale nella caratteristica piazzetta di Lami, previsto per oggi, sabato 18 dicembre, viste le condizioni meteo in arrivo, è rinviato a domenica 19.00 dalle ore 11.oo con orario continuato sino alle ore 19.00.
Alle ore 17.00 poi, appuntamento nella Chiesa di Lami con gli amici dell'Associazione Filippo La Rosa e gli attori della Compagnia Piccolo Borgo Antico per la lettura ai bimbi delle più belle filastrocche di Natale.
Il Natale è sempre più vicino e Lami, da semplice Borgata, desidera contribuire a renderlo più felice.
Vi aspettiamo.
Associazione Borgata Lami

Judo- Ultima trasferta per il 2010 per lo Sporting club Judo Lipari - Ultima trasferta del 2010 domenica 19 dicembre con protagonisti gli atleti più piccoli: Classi Bambini, Fanciulli e Ragazzi, nati negli anni 1999-2000-2001-2002-2003-2004-2005.
A Messina al Palarescifina, San Filippo i piccoli judoka parteciperanno assieme a tutti i piccoli atleti siciliani alla manifestazione di judo denominata CHRISTMAS KODOMO NO – RANDORI DAY –
Come comunicato dagli organizzatori nel quadro delle iniziative promozionali : “ La finalità di questo evento è quella di dare la possibilità a tutti i mini-judoka Siciliani di potersi incontrare e praticare Judo senza il pathos della competizione. La ragione che spinge ad organizzare il RANDORI, e non la competizione, risiede nel volere evitare: > Le lunghe attese per potersi esibire. > Le delusioni delle sconfitte e le facili esaltazioni delle vittorie. > Il tifo esagerato degli accompagnatori. > La possibilità di incontrare più avversari e, soprattutto, poterli rincontrare subito per verificare gli aspetti, positivi e negativi, di quanto risultato prima. > Noi crediamo nella ricerca dell’amalgama in queste fasce di età e ci facciamo ambasciatori proponendo tale evento. “
Al termine sarà fatto dono a tutti i piccoli atleti di un gadget ricordo della manifestazione.
Per lo Sporting parteciperanno una trentina di piccoli judoka.

venerdì 17 dicembre 2010

Chemioterapia a Lipari: si è riunito il tavolo tecnico all'Asp 5. Importanti passi in avanti

(Peppe Paino) Segnali incoraggianti per la realizzazione del desiderio di tanti eoliani che ogni giorno lottano contro il cancro e che, esasperati, chiedono di essere curati a Lipari.
Non sono passati neanche quindici giorni dal convegno organizzato nell'isola sulla necessità di poter effettuare quanto meno le cure chemioterapiche all'ospedale isolano che all'Asp 5, dopo le garanzie fornite all'assessore Giuseppe Finocchiaro, si è già riunito il primo tavolo tecnico.
Alla presenza del direttore generale Salvatore Giuffrida, del responsabile dell'unità di Oncologia di Taormina
dott. Francesco Ferraù, della coordinatrice sanitaria dell'Asp 5 , dott.ssa Francesca Napoli e della responsabile del distretto eoliano dott.ssa Maria Rigoli "sono state attenzionate- si legge in un comunicato dell'azienda sanitaria- le modalità per poter offrire alla popolazione delle isole il trattamento oncologico adeguato con il minor disagio possibile. Ciò nel rispetto delle norme di sicurezza degli operatori sanitari. L'Asp- continua ancora la nota- rispetta la missione di rispondere alle richieste di salute della popolazione".
Il tavolo tecnico tornerà a riunirsi la prossima settimana: ci sono ancora diversi aspettida valutare prima di sottoporre la questione a Palermo, a cominciare dall'esatto monitoraggio dei soggetti in cura, secondo stime approssimative superiori alle cento unità. Molti di essi sono già iscritti alla locale sede di CittadinanzAttiva. Quel che è certo è che il percorso è ben avviato, grazie alla spinta dell'amministrazione comunale, del direttore generale Giuffrida e alla collaborazione, oltre che alla sensibilità del dott. Francesco Ferraù del centro di Taormina che sarà il punto di riferimento per Milazzo entro l'anno e si spera anche per Lipari.

Una foto stupenda della sommità innevata dello Stromboli

L'otto settembre 1943 e la medaglia d'onore. Una pagina di storia e una "medaglia-riconoscimento" da sollecitare

Riceviamo dal signor Attilio Onofaro e pubblichiamo:
In seguito all'Armistizio dell'8 settembre 1943, l'Italia cessò l'alleanza con la Germania nazista nel corso della 2° Guerra Mondiale.
Ciò provocò la reazione della potenza tedesca, che con varie azioni riuscì immediatamente a neutralizzare tutte le Forze Armate italiane, sia sul territorio italiano che sui fronti di guerra e di occupazione in cui esse si trovavano (in Francia, come in Jugoslavia, Albania e Grecia).
In concreto, la Germania catturò, per destinarli al lavoro, circa 820.000 militari italiani, che furono immediatamente deportati nei campi di prigionia tedeschi e nella Polonia occupata. Stessa sorte toccò a migliaia di civili rastrellati in tutta Italia, quali operai, minatori, tecnici, diplomatici, funzionari, politici, etc.
Con una mossa astuta e in sfregio alla Convenzione di Ginevra, i nostri soldati furono dichiarati da Hitler “Internati Militari Italiani” (anziché “prigionieri di guerra”) e furono coattivamente utilizzati nei lavori, specialmente per rimpiazzare i lavoratori tedeschi, destinati, invece, ai fronti di guerra.
In condizioni disumane di maltrattamenti mentali, materiali e alimentari, i nostri militari e i nostri civili furono impiegati nelle fabbriche di produzione bellica, a rimuovere macerie, a ricostruire le infrastrutture distrutte dai bombardamenti, a scavare trincee o ancora al lavoro agricolo. Il 90% di essi accettò fino alla fine questa condizione e si rifiutò sempre di aderire alla Repubblica di Salò.
Di questi, alla fine delle ostilità, più di 130.000 non faranno mai più ritorno a casa.
In più di 60 anni di storia post-bellica, lo Stato italiano repubblicano ha più volte dato la sensazione di avere dimenticato questi suoi eroi, travolti dagli eventi dopo l'Armistizio. Tante, infatti, sono state le promesse di indennizzo nei confronti sia dei sopravvissuti ai lavori forzati (la cui vita, in molti casi, ne risultò psicologicamente condizionata) che dei parenti di chi non ha più fatto ritorno dai lager nazisti. Purtroppo, altrettante sono state le beffe, nascoste tra incomprensibili cavilli interpretativi circa lo status di chi fu fatto prigioniero (ultima la deludente iniziativa italo/tedesca del 2001 intitolata “Memoria, Responsabilità e Futuro”) e la perenne indisponibilità di risorse che accontentassero tutti.
Adesso, lo Stato italiano riconosce il sacrificio dei propri cittadini attraverso la concessione di una “Medaglia d'Onore” a tutti i cittadini italiani -civili e militari e, ove deceduti, ai loro familiari – che, dopo l'8 settembre 1943 furono catturati e detenuti dai tedeschi e non accettarono l'adesione alla Repubblica di Salò.
La Medaglia ha certo un alto valore simbolico, ma, anche se in modo tardivo, servirà sia a risarcire soprattutto moralmente i molti familiari di chi nel frattempo è deceduto e i pochi reduci (oramai ultra ottantenni) del lavoro coatto, sia a creare una importante banca dati di chi, pur avendo vissuto questa terribile esperienza, è sempre rimasto nascosto e dimenticato tra le pieghe della storia.
Dalle righe di questo giornale, quindi, vogliamo lanciare un appello a tutti coloro i quali riconoscano di avere titolo (come militari o civili in vita o parenti di militari o civili deceduti) a richiedere la Medaglia d'Onore concessa dallo Stato (purtroppo, lo Stato sembra avere “dimenticato” chi e quanti effettivamente hanno vissuto questa terribile esperienza e quindi, in generale, occorre necessariamente richiederLa, tramite una modulistica obbligatoria, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che istruisce il procedimento per conto della Presidenza della Repubblica), così da ottenere il giusto riconoscimento del proprio sacrificio.
Attilio Onofaro

Egregio Direttore,
mi ha fatto enorme piacere che il suo giornale abbia dedicato uno spazio all'importante cerimonia di consegna della Medaglia d'Onore al sig. Mollica. Questa è una pagina di Storia recente, recentissima. Ecco perché ho pensato di inviarLe un breve contributo per spiegare meglio, magari ai più giovani, il senso della Medaglia d'Onore. La vicenda del Sig. Mollica, come scrivevo prima, è comune a molti italiani e a molte famiglie italiane. Il riconoscimento che il Presidente della Repubblica ha concesso al sig. Mollica è lo stesso che è stato dato a mio nonno Onofaro Calogero di Naso (ME), in onore della Sua eroica partecipazione alla 2° Guerra Mondiale, quale militare ridotto dalle forze Tedesche in condizioni di schiavitù, internato prima in un campo di concentramento e destinato, poi, al lavoro coatto in Germania, a seguito dell'8 settembre 1943.
Pur trattandosi di un riconoscimento tardivo (sono passati ben 65 anni dalla Liberazione!) e dal sapore tristemente amaro (purtroppo, mio nonno è morto un anno e mezzo fa -prima del riconoscimento- e per tanto tempo, in vita, ha aspettato che lo Stato, in qualche modo, si ricordasse del suo sacrificio), so che, da Lassù, mio nonno è ugualmente contento e con piacere, ancora una volta, ricomincerebbe instancabilmente a raccontarmi l'incredibile Storia di un ragazzo appena ventenne sopravvissuto, tra mille traversie e pericoli, ad una delle più terribili tragedie dell'umanità. Per tenere memoria. Per non dimenticare mai.>>
Attilio Onofaro

Le Elementari di Lipari per Telethon

Domani mattina, alle ore 9.00, presso l'aula magna delle Elementari di Lipari centro, si procederà all'apertura delle urne con i fondi raccolti per la campagna Telethon. Fondi raccolti attraverso l'organizzazione di una vendita di dolci preparati dalle famiglie. L'iniziativa sarà coordinata dalle insegnanti Anna Luca e da Carmen Speziale

Strada per le ex spiagge bianche, lunedì dovrebbero iniziare i lavori di consolidamento e sistemazione

Lunedì, salvo imprevisti, dovrebbero avere inizio i lavori di consolidamento e di sistemazione della strada che porta alle ex spiagge bianche interessate ad ottobre da una consistente frana (vedi foto ed articolo pubblicato ieri).
Il comune di Lipari, anchge su sollecitazione dell'amico e consigliere comunale Francesco Megna, ha fatto effettuare una perizia di somma urgenza in conseguenza della quale l'impresa incaricata inizierà da lunedì i lavori di consolidamento e sistemazione della strada in questione.

"Milano come Salina. Ma non c'è un sindaco come Lo Schiavo". Ci scrive la signora Majocchi

Riceviamo dalla signora Vittoria Majocchi di Milano e pubblichiamo:
Buongiorno,
volevo esprimere solidarietà alla Sig.ra Cettina: conosco bene la realtà delle Isole Eolie, soprattutto di Santa Marina Salina, vivendola come turista da trent'anni e avendo sposato un santamarinaro! Oltretutto sono mamma anch'io, di 3 bimbi (2 elementari e 1 nido), ma a Milano e... è tutto uguale, identico, tranne le lavagne multimediali, quelle non sono ancora arrivate e spero tanto che prima arrivi la carta igienica, il sapone e lo scottex alle elementari, libri, fogli, salviette al nido, per non parlare di penne, matite, pennarelli, colle, forbici, gomme, tutto materiale che ogni famiglia deve fornire, siglato e gelosamente custodito.
Alle elementari che frequentano le mie figlie c'è anche la bella usanza del "contributo volontario" (leggi: obbligatorio) che le famiglie devono sostenere ogni inizio d'anno per far sì che la scuola possa acquistare i beni di prima necessità (immagino quindi anche detersivi, stracci, gessi) e contribuire alle spese vive della gestione di un istituto scolastico, prima fra tutte le bollette telefoniche! [Contributo: 40€]
Soltanto un aspetto differisce la vostra situazione da quella milanese: che il nostro sindaco NON FARA' mai un gesto così bello e sincero come Massimo Lo Schiavo, qui purtroppo gli interessi sono rivolti all'EXPO e altre fonti di reddito: cosa può importare di qualche migliaio di studenti costretti spesso a fare lezione al freddo per mancata manutenzione degli impianti di riscaldamento?
Qui c'è lo specchio della situazione in cui versa la cultura italiana e della sua considerazione a livello politico nazionale.
Un saluto al luogo più bello del mondo!
Vittoria Majocchi

Gratuità libri di testo.Quei 320mila euro inutilizzati. L'interrogazione del consigliere Megna

COMUNE DI LIPARI
ASSESSORE PUBBLICA ISTRUZIONE
DIRIGENTE I° SETTORE
E p.c.
PRESIDENTE CONSIGLIO COM.
DIRIGENTE II SETTORE
INTERROGAZIONE: Contributo per la gratuità dei libri di testo agli studenti
Art. 27 Legge n. 448/98
A partire dall’anno scolastico 1999/2000, ai sensi e per gli effetti della Legge n. 448 del 23 dicembre 1998 e successive modificazioni, “i Comuni provvedono a garantire la gratuità, totale o parziale, dei libri di testo in favore degli alunni che adempiono l'obbligo scolastico, nonchè alla fornitura di libri di testo da dare anche in comodato agli studenti della scuola secondaria superiore in possesso dei requisiti richiesti”.
Tali finanziamenti, comunque aggiuntivi rispetto a quelli già destinati per le medesime finalità, sono stati regolarmente erogati dal Ministero della Pubblica Istruzione al Comune di Lipari sin dall’anno 2000 e, per quanto è dato sapere, almeno fino a tutto il 2009.
Il contributo annualmente erogato dal MIUR per l’acquisto dei libri di testo, individuava quali beneficiari gli studenti eoliani, di ogni ordine e grado (elementare, media e scuola superiore) purchè rientranti nell’ambito di assolvimento dell’obbligo scolastico ovvero frequentanti la scuola secondaria superiore.
Le somme stanziate dal Ministero ammontano a circa € 35.000 annui e trattandosi di risorse a destinazione vincolata per l’acquisto dei libri di testo, non possono in alcun modo essere distratte per finalità diverse.
Lascia tuttavia esterrefatti l’apprendere che l’ultima erogazione che il Comune di Lipari ha effettuato in favore degli studenti aventi diritto, risale addirittura all’anno 2002 e si riferisce all’anno scolastico 2000/2001.
A seguito di ulteriori approfondimenti il consigliere scrivente ha potuto verificare che le somme regolarmente incamerate dal Comune e disponibili nell’apposito stanziamento del Bilancio Residui al cap. 815, ammontano complessivamente ad € 320.000 ad oggi rimaste sorprendentemente inutilizzate.
Il mancato impiego di tali risorse, benché annualmente erogate dal Ministero al Comune, già di per sé grave tenuto conte delle finalità sociali dei fondi, appare ancor più incomprensibile in considerazione della grave crisi economica che sta investendo le famiglie della nostra comunità e del cronico incremento del costo dei libri di testo.
Per le ragioni fin qui esposte, il sottoscritto Consigliere Comunale
Francesco MEGNA
Interroga le SS.LL. per conoscere
 Quali sono le ragioni per le quali le somme destinate all’acquisto dei libri di testo degli studenti delle scuole elementari, medie e superiori, regolarmente ed annualmente erogate dal Ministero NON SONO STATE UTILIZZATE dal Comune di Lipari e giacciono in un apposito stanziamento del Bilancio Residui al cap. 815;
 se è ancora possibile utilizzare le risorse che il Ministero ha impiegato negli anni 2000 e seguenti, considerato che i fondi sono stati erogati con destinazione vincolata e andavano ripartiti secondo le annualità di erogazione;
 se è stato chiesto al Ministero erogante eventuale autorizzazione all’impiego delle risorse accumulate negli anni e non utilizzate pari ad € 320.000,00, in deroga al principio che impone la ripartizione delle somme per annualità di competenza;
 se, a fronte di una ipotizzabile richiesta di rendicontazione ministeriale, il Comune non incorra seriamente nel rischio di dover restituire tutte le somme introitate e non impiegate;
 quali atti, provvedimenti e/o iniziative sono stati posti in essere dalle SS.LL. e quali saranno attuati al fine di evitare un così grave sperpero di pubbliche risorse.
Con osservanza
Lipari lì 17/12/2010
Francesco MEGNA

Si rompono vetri su aliscafo. Solo apprensione ma nessun ferito. La nostra notizia ripresa dalla Rai e da altri organi d'informazione

La notizia della rottura del vetro sull'aliscafo dell'Ustica Lines diretto a Messina, da noi pubblicata stamani, in tempo quasi reale, è stata subito ripresa dalla Rai e da altri organi d'informazione.
A completamente della notizia aggiungiamo che l'aliscafo è il Natalie M.. A bordo vi erano trentacinque passeggeri più i componenti l'equipaggio.
 L'onda ha investito il mezzo, frantumando i due vetri centrali, quando questi aveva lasciato Lipari da una quarantina di minuti circa.
Non si è registrato alcun ferito. All'interno è penetrata acqua salmastra che ha inzuppato un malcapitato passeggero.
Immediato l'intervento degli uomini di bordo che hanno tranquillizzato i passeggeri e messo in atto tutte le procedure richieste dal caso. I passeggeri sono stati trasferiti a poppa del mezzo.
Per precauzione l'aliscafo è stato "dirottato" su Milazzo dove è giunto alle 9,00 circa. I passeggeri hanno trovato ad attenderli un pulman messo a disposizione dalla Ustica Lines che li ha trasferiti a Messina

Lettera aperta. “Il Sindaco di Santa Marina Salina si trasforma in Babbo Natale...e si sostituisce all'istituzione scolastica”. Ci scrive Cettina Giannò

Gent.mo Direttore,
 sono la mamma di una bimba frequentante la scuola materna di Santa Marina Salina, e sono anche la rappresentante di classe dei genitori di questi bimbi.
Ho deciso di scrivere apertamente al suo giornale on line per poter fare pubblicamente un ringraziamento, ma anche, per fare alcune riflessioni sul mondo della nostra scuola.
Parto dal dato di fatto che giorno 20.09.2010, ha avuto inizio l’anno scolastico 2010/2011 e, aprendo le porte dell’asilo ci accorgiamo che vi è la quasi mancanza di quel materiale semplice e di facile consumo, fondamentale per svolgere una seria attività didattica.
Quello che più mi colpisce prima da mamma, e poi da cittadina, è che ai nostri bimbi, manca addirittura il semplice e sottolineo semplice foglio di carta bianca per poter disegnare e colorare.
Con molta onestà ritengo che ciò sia vergognosa, mortificante e gravissimo considerato che, a quest’età, i bambini tendono ad esprimersi attraverso il gioco, il disegno e il colore; così, qualche genitore mettendo mano al proprio portafoglio, compra delle risme di carta che naturalmente porta all’asilo, ed un giovane ragazzo regala dei cartoncini colorati.
Si arriva così alla fine del mese di ottobre 2010, e la scuola tace.
A novembre, dopo essere stata eletta rappresentante di classe, mi adopero scrivendo una missiva alla direzione didattica, facendo presente quelle che sono le mancanze di materiale nella scuola materna, mancanze, che non prevedono costi esosi.
Nello stesso giorno scrivo anche al Signor Sindaco del Comune di Santa Marina Salina Massimo Lo Schiavo, dal quale, mi reco il giorno seguente. Con molta onestà devo dire che non solo il Sindaco mi ha ascoltato per quasi un’ora, ma si è adoperato subito, ed infatti in poco meno di una settimana, con grande anticipo all’asilo è stato Natale e “Babbo Natale” è stato lo stesso Sindaco che ha fatto arrivare ai bimbi della materna libri di favole, colori, risme di carta, cartoncini colorati, puzzle, giochi e altro materiale di facile consumo.
Quello che mi interessa sottolineare è che pur essendo il nostro un’asilo comunale, non è obbligo di questa Istituzione provvedere all’acquisto di tale materiale, ed è proprio per questo motivo che mi sento in dovere di ringraziare pubblicamente il Signor Sindaco di Santa Marina Salina Massimo Lo Schiavo perché, se avesse voluto, avrebbe anche potuto dirmi mi dispiace signora ma non la posso aiutare. Invece, non è stato così, ed i fatti reali e concreti lo dimostrano.
Gentilissimo Direttore la riflessione che invece voglio rendere pubblica, parte dal dato di fatto che la nostra scuola materna, fa parte dell’Istituto Comprensivo Isole Salina che comprende anche le scuole di Filicudi, Alicudi, Panarea e Stromboli; Istituto Comprensivo che come leggo nel sito della scuola si definisce eccellente e all’avanguardia e questa eccellenza e questa avanguardia derivano dalla semplice partecipazione del nostro Istituto al Progetto ANSAS “Eolie in rete”, che, sempre come leggo nel sito della scuola, ha lo scopo principale di superare l’isolamento e di promuovere la comunicazione e lo studio dei ragazzi attraverso la rete.
Tutto ciò, naturalmente, avviene attraverso l’utilizzo delle L.I.M. (Lavagna interattiva multimediale).
Ora mi domando da semplice cittadina e poi da mamma a cosa servono 6, 7 lavagne multimediali (naturalmente comprate con i soldi che finanziano il progetto), quando poi la scuola non è in grado e capace di fornire dei semplici fogli di carta bianca ai bambini dell’asilo? A cosa e a chi serve, tutto questo apparato multimediale quando la scuola non e in grado di affrontare e rispondere alle richieste più elementari e semplici e a volte anche fondamentali………….. domanda: non è fondamentale nominare l’insegnante di sostegno quando quella che c’è in carico viene a mancare? Vi chiedo e mi chiedo cosa è più importante, pensare ai vari progetti o adoperarsi per il bene di un bambino che ha necessità di avere la presenza costante dell’insegnante di sostegno?
Da mamma, e da cittadina sono molto indignata ed invito tutti i genitori ad interessarsi attivamente a tutto ciò che ruota attorno al pianeta scuola, un pianeta scuola che sempre più mette da parte la qualità formativa e la materia prima cioè i nostri bambini, privilegiando sempre più i progetti, progetti dietro ai quali vi è un giro di soldi notevole, progetti che chissà come mai vedono sempre il coinvolgimento di stessi insegnanti, di stessi esperti………………
Mi piacerebbe che le Autorità competenti guardassero al mondo della scuola, controllassero tutto il sistema economico finanziario che gira nel mondo scuola cominciando dalla realtà scolastica nella quale vivo.
Sinceramente penso che la scuola di eccellenza sia ben altra cosa, una scuola di eccellenza, non si misura dal numero di lavagne multimediali che si hanno, una scuola di eccellenza è tale quando è capace di preparare umanamente, culturalmente, scientificamente un’alunno, facendogli acquisire tutte quelle conoscenze e competenze linguistiche, tecniche e scientifiche che lo renderanno l’uomo di domani e il lavoratore di domani.
Invito tutti i genitori delle Isole Minori ad utilizzare con il consenso del Direttore questo giornale on line per aprire tutti insieme una grande finestra su quelli che sono i reali, i seri e concreti delle scuole nelle nostre Isole.
Anche questo, è un semplice modo per comunicare, per superare l’isolamento e confrontarci e tutto ciò, avviene senza l’ausilio di lavagne interattive multimediali.
Concludo ringraziando ancora una volta il Signor Sindaco di Santa Marina Salina Massimo Lo Schiavo e lei Direttore per lo spazio concessomi.
Cettina Giannò

NDD- L'argomento trattato dalla signora Cettina Giannò è sicuramente di grande rilevanza. Così come auspicato dalla signora, questa redazione mette a disposizione tutto lo spazio necessario per chi volesse avviare un confronto costruttivo, per evidenziare e cercare di risolvere le problematiche che interessano i nostri ragazzi e le nostre scuole.
La nostra mail per chi volesse utilizzarla allo scopo è s.sarpi@libero.it

Si rompe un vetro sull'aliscafo diretto a Messina. Mezzo "dirottato" a Milazzo

Un vetro si è infranto sull'aliscafo dell'Ustica Lines che era partito stamani alle 7.00 da Lipari per raggiungere Messina. Presumibilmente per l'impatto di un'onda.
Acqua salmastra, secondo le prime notizie, sarebbe penetrata all'interno del mezzo. Un uomo sarebbe anche caduto nel tentativo di allontanarsi dalla zona interessata. Il vetro, da quanto apprendiamo, dovrebbe essere quello centrale.
La situazione a bordo è tranquilla anche per l'immediato ed efficace intervento degli uomini di bordo. Il natante è stato "dirottato" su Milazzo.
A più tardi per maggiori particolari

Auguri.....Silvia !

Alla nostra "cucciola" che sedici anni fa veniva al mondo.... e che oggi è una piccola donna...
AUGURI! BUON COMPLEANNO!
Le persone che amiamo, i figli in particolare, sono e restano incise a caratteri indelebili fra le pareti della nostra anima.
Laddove nessuno può cancellare il loro nome e il tempo non distrugge nulla.
Le persone che contano stanno lì "insieme" a noi, sempre.....
Sempre.....anche quando crescono e le distanze, il percorso della vita, sembrano portarle più lontane;
...Anche quando non cercano più la nostra mano, il nostro sguardo che un tempo era fonte di sicurezza e di certezza.
E tu SILVIA, amore mio sei lì , nel mio cuore...e nel cuore di chi ora non c'è più fisicamente ma ti guarda e ti protegge dal cielo.... come un dono prezioso in quel luogo "sacro" che si chiama anima, dove tutto è respiro.
AUGURI!

Le nostre immagini dello Stromboli imbiancato su Corriere.it

Ancora una soddisfazione per Eolienews. Dopo i vari video che sono finiti su Youreporter, Italia 1 e Canale 5 (vip e il ritrovamento del corpo di Francesca) ieri un nostro lavoro è stato pubblicato integralmente su corriere.it , il giornale online del Corriere della Sera. Ovvero: Le immagini dello Stromboli imbiancato.
Un grazie a Tiziana per avercelo segnalato.
Per chi volesse accedervi questo è il link:
http://video.corrieredelmezzogiorno.corriere.it/eolie-imbiancate/cm-152981

Annullate in autotutela tutti gli atti e provvedimenti inerenti la concessione del Servizio idrico integrato del Comune di Lipari. La nota del consigliere Biviano

Riceviamo dal consigliere Giacomo Biviano e pubblichiamo:
In data 19 febbraio 2010, con nota prot. 6546, ho presentato un esposto al Comune di Lipari, all’Assessorato Enti Locali della Regione Sicilia e al Prefetto di Messina nel quale facevo rilevare l’illegittimità della Delibera di Giunta n.70 del 06/08/2009 “Gara per l’affidamento in concessione del servizio idrico integrato del Comune di Lipari” in quanto incorreva nel vizio di legittimità per incompetenza dell’organo Deliberante.
In sostanza, l’Amministrazione Comunale aveva avviato una procedura di gara per l’affidamento esterno dell’intero servizio idrico integrato (fatturazione, gestione, manutenzione, riscossione, piani di previsione del fabbisogno e delle spese, ecc.), e non , quindi, la sola gestione delle reti e la loro manutenzione, senza, però, nessun provvedimento amministrativo adottato dal Consiglio Comunale.
La legge (art. 32 L. 142/90), infatti, prevede che la decisione di affidare all’esterno la concessione di qualsiasi pubblico servizio debba necessariamente essere approvata dall’organo di vertice, qual è nell’organizzazione comunale il Consiglio (non a caso definito dalla stessa normativa “organo di indirizzo e di controllo politico-amministrativo”).
Dopo ripetute diffide, scritte e verbali, inviate al Sindaco di Lipari, ricevo in data odierna e per conoscenza una nota del responsabile del Servizio idrico, Geom. Alessandra Dal Zotto, indirizzata alla Prefettura di Messina, nella quale “si comunica che con Delibera di Giunta n.131 del 29/11/2010 sono state annullate in autotutela tutti gli atti e provvedimenti inerenti la concessione del Servizio idrico integrato del Comune di Lipari”, compresa la stessa Delibera di Giunta n. 70 del 06/08/2009, ai sensi dell’art. 21 nonies della L. n. 241/1990 e s.m.i. .
E’ evidente che l’Amministrazione Comunale aveva cercato, per l’ennesima volta, di bypassare quelle che sono le prerogative del Consiglio Comunale su un argomento di così tale importante dove, tra l’altro, lo stesso Consiglio Comunale aveva già espresso, attraverso un o.d.g. del maggio 2009, la volontà di gestire il servizio in house o attraverso un società a maggioranza pubblica.
Come dice un vecchio detto “non c’è peggior sordo di chi non voglia sentire”……. , anche se alla fine, grazie a quel lembo di democrazia e giustizia che ancora sopravvive, sono stati stavolta costretti ad aprire le orecchie.
Dott. Giacomo Biviano (Consigliere Comunale del PD)

giovedì 16 dicembre 2010

Di tutto un po

Ginostra: La putrella ballerina. Lettera di Riccardo Lo Schiavo di Marevivo al Sindaco di Lipari, al Capo della Protezione civile, al Prefetto di Messina e al comandante del Circomare Lipari

Oggetto: Ginostra – lavori di cui all’Ordinanza 1033/10.
La presente per segnalare che i lavori di cui in oggetto, iniziati la scora settimana, non sono stato ancora ultimati.
Viva preoccupazione desta la mancata messa in sicurezza del respingente, e del relativo grigliato, per l’attracco degli aliscafi.
In particolare la putrella ( che ho personalmente provveduto a “salvare” per ben due volte dai marosi!!) di sostegno allo stesso respingente è stata posizionata in sede ma non assicurata al cassone, e potrebbe “scomparire” alla prossima mareggiata.
Prof. Riccardo Lo Schiavo Delegato Generale MAREVIVO Ginostra-Stromboli


Federalberghi isole minori per un confronto con l'ANCIM - Nel corso di un’intensa riunione della Federalberghi Associazioni Isole Minori di Italia (FAIM), tenutasi ieri 15 dicembre a Roma, è emersa chiaramente da parte dei presidenti delle associazioni albergatori la necessità di avviare un confronto sistematico e duraturo con l’Associazione Nazionale Comuni Isole Minori sulle tematiche che maggiormente incidono sullo sviluppo turistico delle piccole isole.
In merito alla scarsa chiarezza e totale assenza di garanzie che sta caratterizzando il processo di privatizzazione della Tirrenia, il FAIM ha chiesto un confronto con l’ANCIM per la definizione di una serie d’istanze da sottoporre quanto prima al Ministro dei Trasporti, Altero Matteoli.


Autogestione al Conti - Dalle 9 e 15 di stamani all'Istituto superiore "Isa Conti" di Lipari è scattata l'autogestione.

Depuratore. Domani conferenza dei capigruppo - Il presidente del consiglio comunale Pino Longo ha convocato per domani, nei locali del Palazzo Comunale sito in Piazza Mazzini, alle ore 10,00, la conferenza dei capigrupp con all’o.d.g.: Progetto nuovo depuratore isola di Lipari – organizzazione incontro cittadinanza ed associazioni di categoria per osservazioni.

Concerto di Natale a Lami. Positiva esperienza - Ancora una piacevole esperienza per il secondo concerto di canti natalizi tenutosi all'interno della Chiesa del Rosario di Lami. Il maestro Lorenzo Italiano, con Roberta Cacace e le ragazze del coro della CDR Music hanno allietato i tanti presenti con tradizionali canti natalizi. Il calore e la voce del Tenore lirico leggero Lorenzo Italiano hanno arricchito le dolci note delle ragazze del coro e le interpretazioni vocali di Roberta Cacace. Tradizione ed allegria con canti noti e grandi classici . L'Associazione Borgata Lami ringrazia la CDR Music ed i suoi collaboratori.
http://borgatalami.blogspot.com/2010/12/secondo-concerto-di-canti-natalizi.html

Lipari. Una grossa frana ostruisce la strada per le ex spiagge bianche. Abitazione a rischio

La stagione estiva è ancora lontana ma il problema, il pericolo c'è e non si può sottovalutarlo.
Anche perchè c'è anche una abitazione (al momento) a forte rischio.
Stiamo parlando della stradella che da Canneto o che da Sparanello conduce alle ex spiagge bianche. Per la precisione della parte finale.
A metà ottobre una frana di grosse dimensioni (l'ampio servizio fotografico che vi proponiamo parla chiaro) ha investito la stradella, ostruendo di fatto l'accesso e mettendo a forte rischio anche la stabilità di una abitazione prospicente la strada.

Ci risulta che sia stato compiuto a suo tempo un sopralluogo ma da allora, nonostante le sollecitazioni dei cittadini, tutto tace. Con la situazione che, alla luce delle piogge di questi tempi, non fa altro che peggiorare
Un intervento nel più breve tempo possibile, senza attendere l'arrivo dell'estate, è auspicabile








 








Vulcano: Catanese arrestato dai carabinieri per violazione alla normativa ambientale

Nella tarda mattinata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Vulcano hanno dato applicazione alla più grave disciplina sanzionatoria in attuazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 luglio 2010, con cui è stato dichiarato lo stato di emergenza per lo smaltimento dei rifiuti urbani nel territorio della Regione Siciliana fino al 31 dicembre 2012.
In proposito, la dichiarazione del citato stato di emergenza permette l’applicazione in Sicilia del D.L. 172/2008 convertito in Legge 210/2008, riguardante misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti ed in passato già applicato nella Regione Campania.
Nello specifico, i militari componenti l’equipaggio di una pattuglia dell’Arma, nel corso del servizio di controllo del territorio hanno accertato che il titolare di una ditta edile del Catanese aveva depositato in modo incontrollato, ed in assenza della prevista autorizzazione, rifiuti speciali provenienti da opere di demolizione, in un sito adibito a discarica, ubicato in località Vulcanello di quell’isola.
A quel punto, i militari dell’Arma hanno proceduto all’identificazione di TOMARCHIO Andrea, nato a Santa Venerina (CT) cl. 1941, ma residente a Riposto (CT), il quale è stato arrestato per raccolta e deposito non autorizzato di rifiuti speciali. Nella circostanza, l’intera area adibita a discarica è stata sottoposta a sequestro.
Il menzionato TOMARCHIO Andrea, su disposizione dell’A.G. di Barcellona Pozzo di Gotto, è stato condotto agli arresti domiciliari presso il proprio domicilio, nell’isola di Vulcano, in attesa di giudizio.

CE.FO.P - I corsisti ringraziano

COMUNICATO
Si sono conclusi a Lipari i corsi di formazione professionale N.IF2010A0034FORM/ME/1.41 DI QBA per “Operatore informatico Web Master” finanziato dalla Regione Sicilia con decreto 680 del 10/03/2010. Si sono tenuti presso la sede formativa CE.FO.P sita in Viale Vescovile.
Nonostante le numerose difficoltà di natura tecnico-organizzativa, grazie all’impegno mostrato sia dai corsisti ma soprattutto dai docenti e dal personale tutto, l’attività si è conclusa registrando un bilancio positivo.
Il percorso formativo si è articolato in una parte didattica svolta presso la sede formativa sita in Lipari- viale vescovile- e lo stage di 130 ore svoltosi presso il Comune di Lipari.
Ai corsisti sono state date nozioni sia di base che di natura tecnico-professionale. Si spera possano dare il giusto e auspicato inserimento nel mondo del lavoro.
Un ringraziamento va ai docenti: Ziino Luana, Zaia Giuseppe, Martello Alessandro, Cullotta Elisa, Clesceri Silvana, Macaluso Genoveffa (Sostegno) e Francesco Mazzeo (Operatore tecnico-organizzativo) .
Un ringraziamento particolare va alla direzione nella persona del direttore Prof. Luigi Megna.
Si ringrazia inoltre il sindaco del Comune di Lipari, Dottor Mariano Bruno, e l'assessore Corrado Giannò che si è occupato, per conto del comune, della parte tecnico-organizzativa.
I Corsisti del corso Operatore informatico web master.

Ha nevicato sulle Eolie. Il video dello Stromboli innevato

Le Eolie in questa pazza stagione non si fanno mancare nulla. Dalle temperature primaverili dei giorni scorsi si è passati al freddo "polare" (per questi luoghi) della notte scorsa. E sulle vette più alte dell'arcipelago (i monti di Salina) e sullo Stromboli è caduta la neve.
Stamani per chi, come noi, si è alzato di buon'ora da Canneto si ammirava l'ennesimo spettacolo della natura: la cima dello Stromboli ricoperta di neve.
Ovviamente non ci siamo fatti sfuggire l'occasione per immortalarla e ve la proponiamo in questo breve filmato.
Altro che foto dello Stromboli innevato che qualcuno ha pescato nell'archivio su internet e risalente a tanti anni fa

SICILIA. PORTO DI LIPARI, CRITICITA’ E IMPATTO DEVASTANTE SUL TERRITORIO. D’ALIA (UDC) INTERROGA MINISTRI AMBIENTE E BENI CULTURALI

COMUNICATO STAMPA
 La rifunzionalizzazione del sistema portuale della rada di Lipari rischia di avere un impatto ambientale enorme in una zona già dichiarata patrimonio dell’Unesco e comporta una serie di criticità sproporzionate che finiscono per espropriare, per le modalità di attuazione scelte, gli eoliani del proprio territorio e delle opportunità di crescita che il diportismo rappresenta per tutto l’arcipelago. Criticità che il presidente Udc al Senato e coordinatore in Sicilia Gianpiero D’Alia denuncia in un’interrogazione indirizzata al ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo e dei Beni culturali, Sandro Bondi e in relazioni alle quali, considera D’Alia, sarebbe forse opportuno fermare la realizzazione dell’opera.
“In particolare – spiega D’Alia – preoccupano i riflessi negativi di una speculazione immobiliare, che prevede la costruzione di numerosi e sovradimensionati immobili in aree demaniali; non esiste poi un accordo di programma sottoposto al parere preventivo del Consiglio Comunale, che è organo delegato alla programmazione urbanistica”.
Secondo il senatore dello scudo crociato, “appare inaccettabile la scelta di affidare ad una società a stragrande maggioranza privata la gestione di aree demaniali adibite a servizi pubblici, così pure la paventata possibilità di affidare alla stessa società solo le aree corrispondenti ai soli porti turistici. Sembra, infatti, un modo per eludere le più elementari norme di libera concorrenza; mancano anche adeguate garanzie, sostituite da fumose dichiarazioni di intento da parte dell’amministrazione comunale in carica, per le categorie che già operano nelle stesse aree interessate (pescatori o operatori titolari di regolari concessioni demaniali per la gestione di pontili per l’attracco dei natanti)”.
“La concessione, inoltre, avrebbe una durata di cinquant’anni, con tutti i relativi flussi di traffico, e questo appare, continua D’Alia, una vera e propria svendita di un territorio, a fronte di esose tasse di accesso allo stesso sotto forma di imposte di ormeggio, che il gestore può applicare”.
Infine, lo scorso 3 dicembre, il dirigente generale del Dipartimento regionale dell’ambiente dell’assessorato Territorio e Ambiente della Regione Sicilia ha invitato il Comune di Lipari a non procedere alla concessione delle aree e degli specchi acquei interessati dal progetto preliminare, in quanto, in assenza di un Accordo di Programma, non sussisterebbero i presupposti per assumere l’intervento nel suo complesso all’interno della programmazione regionale e, inoltre, sempre secondo il Dipartimento regionale dell’Ambiente, un’eventuale affidamento a terzi, e non al Comune proponente, della gestione della aree demaniali corrispondenti ai soli porti turistici, appare di difficile inquadramento sotto il profilo della legittimità, perché può alterare la par condicio, in quanto, secondo le procedure derogatorie di cui alla legge regionale n. 3 del 2009, non potrebbero astrattamente avere come beneficiari soggetti terzi diversi dall’ente locale.

mercoledì 15 dicembre 2010

"Caro commissario...il depuratore così non va". Il difensore civico avvocato Rizzo scrive al dottor Pelaggi

Pubblichiamo la nota che l'avvocato Francesco Rizzo, difensore civico del comune di Lipari, ha inviato al commissario Luigi Pelaggi a proposito del depuratore previsto a Canneto Dentro:
In merito al procedimento in oggetto, corre l’obbligo di evidenziare quanto segue. Si premette che l’art.60 dello Statuto del Comune di Lipari statuisce che “ A richiesta di chiunque vi abbia diretto interesse, il difensore civico interviene presso l’Amministrazione Comunale, presso gli Enti e le Aziende ad esso dipendenti espresso gli Enti di funzioni delegatori di funzioni Amministrative, per assicurare che il procedimento amministrativo abbia un regolare corso e che gli atti amministrativi siano tempestivamente esaminati”.
Dai poteri statutari summenzionati deriva direttamente la legittimazione, nonché il dover d’Ufficio del sottoscritto, ad intervenire a tutela degli interessi diffusi della cittadinanza eoliana. Invero nel corso delle settimana scorsa , ricevevo doglianze dal Codacons e dalla Presidenza del Consiglio Comunale, peraltro stimolata a tal fine da un comitato di cittadini residenti nella frazione di Canneto, in merito al diniego da parte del Rup Dr. Domenico Russo di atti ed elaborati progettuali inerenti al progetto de quo. A tal fine inoltravo alla Svi richiesta formale – ad oggi non riscontrata – volta ad acquisire anche su copia telematica quanto richiesto. Dovevo peraltro constatare che la richiesta pubblicazione di tali atti sulla rete civica,come previsto dall’Avv. Pelaggi nell’atto di convocazione della conferenza dei Servizi, non era mai avvenuta.
Pertanto, per quanto riferito dal Presidente dl Consiglio Comunale Rag. Giuseppe Longo, i vari Enti convocati avevano dovuto rendere parere in sede di conferenza dei servizi, in data 07.12.2010, visionando i corposi elaborati soltanto in quella sede. Inoltre nel corso di assemblea svoltasi presso la sala consiliare in data 11.12.2010 , nonché nel corso dell’assise consiliare del giorno successivo , constatavo che la cittadinanza, che pur aveva raccolto centinaia di firme contro il progetto de quo chiedendo anche un confronto con il Commissario, non era stata resa partecipe in nessun modo del procedimento.
Inoltre il Consiglio Comunale, che pur aveva statuito in sede di approvazione del P.r.g l’ubicazione in siti in zona ben distinta da quello poi individuato dal progetto definitivo.. ignorava lo stato del procedimento.
Il predetto Consiglio pertanto, alla fine di un serrato dibattito,unanimemente, nel ribadire le precedenti previsioni urbanistiche, che collocavano l’impianto in zona Pignataro-Monte Rosa,approvava una mozione volta a chiedere il riesame e-o la sospensione della procedura ,al fine di poter esprimere osservazioni sino alla data del 20 dicembre p.v. , nelle more fine acquisendo, per una più esaustiva disamina, verbale di conferenza dei servizi del 07.12.2010
Peraltro veniva prodotto agli atti della seduta,ad opera del consigliere di minoranza Dr. Giacomo Biviano, parere reso dall’Assessorato a Regionale dell’Energia dei Servizi di Pubblica Utilità prot. 466433, inoltrato alla S.v.i. , a firma del Dirigente Responsabile Ing. Girolamo Campanella, nel quale il predetto evidenziava “ che la convocazione della conferenza dei servizi non rispetta i termini di cui al comma 5, dell’art 14 bis della legge n. 241/90 , termini indispensabili per l’esame della documentazione e per la formazione delle decisioni di questa Amministrazione “…
A seguire venivo una serie innumerevoli di carenze progettuali e vizi formali che si ritiene possano essere oggetto, a cura del Vostro Ufficio, di più attenta valutazione. Per le superiori premesse, sulla scorta delle fondate doglianze dei cittadini, e conformemente al deliberato del Consiglio comunale ,al fine di garantire all’organo consiliare e alla Comunità eoliana la partecipazione al procedimento, si chiede di inoltrare allo scrivente , in uno ai già richiesti elaborati, copia del verbale della conferenza dei servizi, anche al fine di sottoporla alla cognizione del consiglio comunale, convocandone successivamente altra nel rispetto dei termini ex 241-90,anche in contradditorio con i comitati civici , sospendendo nelle more il procedimento.

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

CACCIA: D'ANTRASSI FIRMA DECRETO DIVIETO IN AREE SIC E ZPS- L'assessore regionale alle Risorse agricole ed alimentari, Elio D'Antrassi, ha firmato il decreto che vieta l'attivita' venatoria in tutte le aree Sic (Siti di interesse comunitario) e Zps (Zone protezione speciale) del territorio siciliano, salve le disposizioni che saranno rese dall' Assessorato al Territorio ed Ambiente, per le aree in cui e' stata inoltrata la Valutazione di Incidenza. Inoltre, nelle aree del territorio siciliano, comprese le Isole minori al di fuori delle aree dei siti di Natura 2000 (Sic e Zps), e' consentita la caccia alla selvaggina stanziale e migratoria, alle specie, e per i periodi previsti dal vigente calendario venatorio. Sono salvi gli altri divieti e i limiti previsti dal calendario venatorio vigente. Lo stesso decreto sara' pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana e sul sito web dell'Assessorato.

TERREMOTI: INGV, PRESENTATA NUOVA MAPPA PERICOLOSITA' DI VULCANO

E' da poco stata pubblicata sulla prestigiosa rivista internazionale Journal of Volcanology and Geothermal Research, la nuova mappa di pericolosita' di Vulcano (Isole Eolie), in grado di riportare alcuni parametri quantitativi derivanti dall'impatto di eruzioni freatomagmatiche (interazione fra magma e acqua), sul territorio di questa isola.
La mappa e' frutto del lavoro di un gruppo di ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e dell'Universita' di Bari che ha condotto questo studio sulla pericolosita' attraverso la combinazione di dati stratigrafici di dettaglio, dati statistici e modellazione fisica. Nota fin dall'antichita' per un'attivita' vulcanica ricorrente e potenzialmente pericolosa, l'isola di Vulcano e' diventata oggetto di nuovi, approfonditi studi sin dal secolo scorso perche' l'elevato flusso turistico (diecimila turisti in estate) ed il carattere prevalentemente esplosivo delle eruzioni originate dal suo cono attivo (la Fossa di Vulcano), hanno innalzato di molto il livello del rischio vulcanico. Da tempo, era anche noto ai vulcanologi che la complessa storia eruttiva della Fossa era riconducibile ad un regime eruttivo caratterizzato da molteplici eventi esplosivi, ad energia variabile, che hanno quasi costantemente condotto alla formazione di nubi eruttive turbolente capaci di espandersi in tutte le aree dell'isola attualmente abitate. Per disegnare la nuova mappa di pericolosita', s'e' reso quindi necessario fare un salto di qualita' nella comprensione degli effetti distruttivi derivanti dall'arrivo di queste nubi, adottando un nuovo metodo di integrazione di dati di diverso tipo. Sulla base di una stratigrafia studiata in grande dettaglio, i cinque ricercatori - Gianfilippo De Astis, Pierfrancesco Dellino, Luigi La Volpe, Daniela Mele e Roberto Sulpizio - hanno ricostruito la distribuzione sull'isola dei depositi da flusso piroclastico derivanti da queste eruzioni ed hanno selezionato quelli a piu' alto impatto negli ultimi 20.000 ! anni, pe r i quali hanno poi definito alcuni parametri di impatto calcolati usando le caratteristiche fisiche delle particelle dei depositi stessi.
Questi parametri sono la pressione dinamica, la concentrazione volumetrica delle particelle delle correnti piroclastiche e l'energia d'impatto dei blocchi balistici.
Ed e' con essi che e' stata realizzata la carta quantitativa del pericolo presentata nell'articolo. La carta ha una grande importanza sia per la futura pianificazione dello sviluppo dell'isola sia per il calcolo dei danni attesi sull'assetto urbanistico attuale.

SICUREZZA: DA COMMISSIONE ARS PRIMO OK A DDL POLIZIA LOCALE

La Commissione legislativa "Affari Istituzionali" dell'Assemblea regionale siciliana, presieduta da Riccardo Minardo, ha completato l'esame del disegno di legge in materia di politiche per la sicurezza locale e ordinamento della polizia amministrativa locale. Il disegno di legge, che era stato approvato dalla giunta regionale lo scorso febbraio, su proposta dell'assessore per le Autonomie locali e la Funzione pubblica, Caterina Chinnici, e' stato inviato al Comitato per la qualita' delle leggi e alla Commissione Bilancio per i pareri di competenza, per poi esser trasmesso in Aula.
Il provvedimento prevede l'istituzione, presso l'assessorato delle Autonomie locali, dell'Ispettorato regionale per la polizia locale, con compiti di indirizzo, programmazione, controllo e coordinamento, anche operativo, rispetto ai vari corpi di polizia locale. L'ufficio sara' anche il terminale di un numero telefonico unico per l'accesso alla polizia locale su tutto il territorio regionale, assicurando cosi' un'immediata e tempestiva gestione anche di eventuali situazioni di emergenza.
"L'obiettivo del disegno di legge - spiega l'assessore Chinnici - e' quello di costituire un sistema integrato di sicurezza su l'intero territorio siciliano, mediante una gestione coordinata e omogenea di tutti i corpi di polizia provinciale e comunale, per garantire un efficace, efficiente e adeguato controllo del territorio e concorrere alla salvaguardia dei diritti di sicurezza dei cittadini".
Altro aspetto qualificante e' la sostituzione del vecchio "Centro regionale di formazione della polizia municipale" con un nuovo e diverso organismo, denominato "Centro regionale di formazione della polizia locale". Il nuovo centro ha compiti completamente innovativi, rispetto al precedente, in materia di formazione, qualificazione e aggiornamento professionale.
"In questo modo - aggiunge l'assessore - si potra' potenziare il sistema di formazione del personale che contribuira' a migliorare la qualita' dei servizi nei confronti dei cittadini e, nel contempo, costituira' arricchimento professionale per le forze di polizia locale".
Prevista anche l'istituzione di un elenco dei comandanti della polizia locale su base regionale dal quale le amministrazioni dovranno attingere per il conferimento dei relativi incarichi

Lipari. Medaglia d'onore del Presidente della Repubblica al signor Giuseppe Mollica di Canneto

Una medaglia d'onore è stata consegnata stamani nella caserma dei carabinieri di Lipari dal capitano Francesco Coppola al signor Giuseppe Mollica, 86 anni, di Canneto (Lipari).
La medaglia è stata concessa dal Presidente della Repubblica a coloro (come il signor Mollica) che sono stati deportati od internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra nell'ultimo conflitto mondiale.
Il signor Giuseppe Mollica è stato internato in una di queste "strutture" in Germania.
Alla cerimonia, tenutasi a Lipari in quanto l'uomo, a suo tempo, non ha potuto affrontare il viaggio sino a Messina, erano presenti, anche la moglie, il luogotenente Francesco Villari e altri sottufficiali della caserma di Lipari.
Nonostante la veneranda età il signor Mollica si è soffermato a lungo a descrivere, con dovizia di particolari e con grande lucidità, al capitano Coppola e a tutti coloro che erano presenti una parte della sua vita spesa per la Patria 

Portualità integrata di Lipari o "megaporto". La Regione sospende l'assenso dato al Comune

"Marcia indietro" (sotto forma di sospensione) da parte dell'assessorato regionale Territorio ed Ambiente per quanto riguarda l'assenso preventivo rilasciato al comune di Lipari il 23 settembre 2010 per quanto riguarda il progetto di rifunzionalizzazione del sistema portuale con finalità commerciale, crocieristica e diportistica di Marina Corta, Sottomonastero, Marina Lunga e Pignataro nell'isola di Lipari. L'assenso era stato rilasciato per quanto concerne la parte turistica.
La sospensione per un mese (in attesa delle necessarie verifiche)- così come si legge nel documento del 3 dicembre scorso, a firma del dott. Sergio Gelardi- arriva in quanto in sede di esame "sono state espresse alcune riflessioni, che hanno portato a rivedere i presupposti di legittimità in base ai quali è stato rilasciato l'assenso".
IL DOCUMENTO INTEGRALE TRASMESSO AL COMUNE






Sottomonastero. Il progetto della "fabbrica" per il sollevamento dei liquami del depuratore


Riceviamo dal consigliere Adolfo Sabatini e pubblichiamo:
Questa è l'assurda fabbrica destinata a pompa di sollevamento dei liquami a servizio del depuratore, che dovrebbe essere realizzata proprio accanto alle strutture portuali d'accoglienza.-
Ancora una volta il Sindaco di Lipari ed il dott. Domenico Russo, con la loro scellerata gestione del territorio stanno completando l'opera demolitoria dell'economia e del patrimonio naturale delle Eolie.-

martedì 14 dicembre 2010

Tirrenia: sciopero rinviato al 10 gennaio

E' stato rinviato al 10 gennaio lo sciopero di 24 ore di tutti gli addetti, marittimi ed amministrativi di Tirrenia che era stato proclamato per domani.
Lo riferisce la Filt Cgil, che ha indetto la protesta unitariamente a Fit Cisl e Uiltrasporti, sottolineando che "il rinvio si è reso necessario a seguito della richiesta avanzata dalla Commissione di Garanzia".
"Lo sciopero - precisa la Filt - è nuovamente proclamato il 10 gennaio, in quanto rimangono inalterate le ragioni della protesta, riconducibili agli atti unilaterali della Tirrenia in merito alla richiesta di cassa integrazione ed al mancato rispetto degli accordi da parte del Ministero dei Trasporti sul mantenimento degli attuali livelli occupazionali e dei diritti contrattuali".

Lo Stromboli ha un suo specifico "comportamento eruttivo". Lo rivela un'analisi di un gruppo di ricercatori

C'e' un comportamento eruttivo dello Stromboli, definito 'parossistico' dai vulcanologi, che si ripete a intervalli non regolari di qualche anno o piu', ed e' caratterizzato da violente esplosioni, lanci di bombe vulcaniche e lapilli, e formazione di una colonna eruttiva di gas e ceneri fino a 2-3 km d'altezza. Le ultime due volte si e' verificato il 5 aprile 2003 e il 15 marzo 2007, e ha provocato, come gia' in passato, notevoli danni ai beni dell'isola e gravi disagi alla popolazione esposta.
Dopo una minuziosa analisi dei vari dati strumentali raccolti in occasione delle ultime due crisi parossistiche, un gruppo di sei ricercatori dell'INGV e di altri istituti scientifici (Sonia Calvari, Letizia Spampinato, Alessandro Bonaccorso, Clive Oppenheimer, Eleonora Rivalta, Enzo Boschi) ha chiarito i meccanismi che precedono il temibile evento esplosivo, elaborando uno specifico modello di comportamento dello Stromboli.
E' stato chiarito, infatti, che in entrambi i casi, l'esplosione parossistica e' arrivata dopo la risalita fino ai crateri sommitali e il riversamento nella Sciara del Fuoco di una quantita' di lava valutata in circa 4 milioni di metri cubi. Questo flusso ha provocato lo svuotamento dei condotti piu' superficiali del vulcano e una decompressione che ha avuto come conseguenza il richiamo di magma fresco e ricco di anidride carbonica e altri elementi volatili dal serbatoio del vulcano, a oltre 6 km di profondita'. Un magma siffatto, risale tumultuosamente lungo i condotti e si riversa con violenza all'esterno, proprio come un fiotto di spumante dopo che e' saltato il tappo.
Quale importanza riveste, sia dal punto di vista scientifico che della protezione civile, la messa a punto del vostro modello che spiega il comportamento parossistico di Stromboli?. ''Aver rilevato che un volume specifico di magma viene eruttato prima dei parossismi recenti (2003 e 2007) - spiega la ricercatrice Sonia Calvari della sede INGV di Catania - implica la possibilita' di prevedere questi eventi, se riusciamo a misurare giornalmente il magma eruttato durante le fasi effusive. Queste misure del tasso eruttivo vengono condotte giornalmente, durante le crisi effusive, per mezzo del monitoraggio con telecamere termiche portatili utilizzate da elicottero, mezzo quest'ultimo solitamente messo a disposizione dalla Protezione Civile.
Questa metodologia e' stata messa a punto gia' nel 2003, ed applicata alle crisi eruttive 2003 e 2007.
Gli enormi volumi di materiale eruttivo che dallo Stromboli si riversano lungo la Sciara del Fuoco e poi in mare hanno anche evidenziato la possibilita' di tsunami collegati a questi eventi. Spiega la ricercatrice Sonia Calvani: ''Con un sistema di monitoraggio integrato e multidisciplinare ci si difende da questo rischio che coinvolge la sismicita', le misure di deformazione del suolo, le caratteristiche petrologiche dei magmi eruttati e geochimiche dei gas emessi dai crateri sommitali, possiamo riconoscere ogni piccola variazione nello stato del vulcano.
A questi molteplici strumenti di misura si associa un sistema di allerta sonoro, messo a punto dalla Protezione Civile, per avvisare gli abitanti in caso di pericolo. Quando questo si attiva, esistono nell'isola di Stromboli dei cartelloni che indicano i percorsi da seguire per mettersi rapidamente al sicuro, in zone ubicate oltre i 10 m di quota''.