Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 18 settembre 2010

L'amministrazione Bruno non ci sta "Stanchi di subire attacchi insinuanti, vigliacchi, falsi e offensivi".

COMUNICATO STAMPA
La strada intrapresa sino ad oggi dall’Amministrazione Comunale di Lipari, ovvero quella di evitare strumentali polemiche o battibecchi provocati dai soliti Consiglieri Comunali e/o dal solito nome e cognome di semplice cittadino, da oggi subisce una forte modifica.
Gli ultimi insinuanti, vigliacchi, denigratori, falsi ed offensivi attacchi subiti dal Sindaco di Lipari, Mariano Bruno, e di conseguenza dalla sua Giunta non possono più passare inosservati e non avere giuste, precise e reali risposte, al fine di rendere edotti tutti i cittadini sulla reale situazione che problematiche diverse, anche di carattere strettamente personale e che nulla hanno a che fare con la politica quella intesa con la P maiuscola, vengano spesso e volentieri raggirate e fatte conoscere alla gente in maniera del tutto distorta e menzognera al solo scopo di distruggere una persona, cercando anche di colpirla in quella che è la sua sfera di vita privata.
Ed allora desideriamo con il presente comunicato fare un breve excursus di quanto scritto, detto e pubblicato in questi ultimi mesi, cercando di dare a chi legge una più giusta, corretta ed equa informazione sulla realtà delle cose.
Il primo argomento sul quale desideriamo soffermarci è quello legato alla vicenda Siremar.
Chi meglio del primo cittadino avrebbe saputo gestire questa delicatissima situazione?
Chi più del Sindaco Bruno avrebbe ottenuto una serie di incontri con personalità politiche Nazionali e Regionali?
Chi a differenza del Sindaco sarebbe riuscito ad ottenere un incontro con il Dott. D’Andrea, Commissario Straordinario Tirrenia e Amministratore Unico Siremar?
Perché oggi in maniera del tutto strumentale e non veritiera si accusa il primo cittadino di non aver reso partecipe di questo incontro il Consiglio Comunale e lo si invita a riferire in Consiglio Comunale nella prossima seduta, dopo che lo stesso Consiglio gli ha negato la parola già in due precedenti occasioni, ultima delle quali quella legata all’evento sismico del 16 u.s.?
Perché non si capisce o meglio non si vuole capire che il Sindaco Bruno all’incontro di cui sopra ha fortemente voluto ed ottenuto la presenza di Presidente e Vice Presidente del Consiglio Comunale, quest’ultimo impedito da motivi di lavoro, richiamando nel suo intervento il deliberato che lo stesso civico consesso ha nei mesi scorso votato sulla questione Siremar?
Perché non si dice che lo stesso Presidente Longo nel corso della discussione ha richiamato lo stesso deliberato Consiliare, espresso ulteriori concetti e condiviso le notevoli preoccupazioni manifestate dal primo cittadino sulla questione Siremar?
Come mai chi continua ad insinuare e strumentalizzare non riconosce, così come avvenuto in altre circostanze, il Presidente Longo come figura rappresentativa dell’intero Consiglio Comunale?
Perché si fa finta di nulla e non si tiene in debita considerazione l’immediato intervento di Sindaco ed Amministrazione al fine di scongiurare una drammatica situazione che nella giornata di Venerdì stava vedendo annullate alcune tratte fondamentali per gli abitanti delle isole minori dell’Arcipelago Eoliano?
Ma come mai su una questione di pubblico interesse non si mettono di canto colori ed appartenenze politiche e/o partitiche e ci si metta tutti seriamente a lavorare per il bene comune del nostro territorio?
L’Amministrazione Comunale, Sindaco in testa, è pronta ad ogni forma di dialogo e di contributo, purché questi siano costruttivi e non votati a polemiche di ogni tipo e genere.
Ma andando avanti nella nostra disamina non possiamo tacere, sulle accuse mosse al primo cittadino, circa il mancato pagamento di cartelle esattoriali riguardanti alcuni tributi?
VERGOGNA!!!!!!!! Gridiamo a viva voce e scriviamo identificandoci a chi invece dietro l’anonimato ha scritto queste enormi BUGIE.
Che si operino i dovuti controlli, se ancora ciò non è stato fatto, e si faccia piena luce in merito, siamo sicuri di esserci schierati dalla parte giusta, onesta e corretta.
E perché non fare un cenno alla problematica protocollo ed allo spostamento di personale dove al primo cittadino è stata mossa anche l’accusa di essere a favore degli illeciti avendo ipotizzato il trasferimento di una unità lavorativa proprio da quell’ufficio al protocollo?
Come mai non si chiede se ciò risponde al vero oppure la situazione è ben diversa da quella sbattuta in faccia alla gente, continuando a dire falsità?
E perché non fare un cenno sulla stagione estiva ancora in corso che ha visto il nostro Arcipelago tenere bene l’urto della crisi con presenze confortanti, servizi funzionanti, spiagge splendidamente mantenute, pulizia decorosa, servizio idrico all’altezza, organizzazioni di eventi rilevanti e via dicendo?
No, questo non va detto e riconosciuto, Voi carissimi Consiglieri appartenenti alle forze di opposizione siete per il non fare e per il non far fare e, quindi, per una politica non di sviluppo ma bensì di sottosviluppo del territorio.
Ma per fortuna noi la vediamo e lavoriamo diversamente e l’ultima ciliegina sulla torta è quella della conclusione e conseguente adozione del Piano Regolatore Generale.
Una sorpresa? No assolutamente, soltanto l’assiduo, costante, instancabile, giornaliero impegno di chi crede ed investe nel proprio territorio e cerca ad esso ed alla sua popolazione, che è stato chiamato ad Amministrare, di dare un futuro migliore.
Questo il grandissimo e rilevante risultato ottenuto dal Sindaco di Lipari e dalla sua Giunta con l’arrivo del PRG.
E sarà proprio questo uno dei primi temi che la Giunta Municipale andrà, in un futuro a breve scadenza, a discutere nelle varie isole, frazioni e borgate.
Ovviamente non evitando dall’affrontare altri temi, problemi, situazioni particolari che la gente farà rilevare.
Incontri non distruttivi o poco eleganti, come avvenuto in altre circostanze, ma costruttivi ed aperti a tutti e ad ogni singolo contributo ritenuto senza dubbio valido, da qualunque parte provenga.
Ed infine, ma non perché di minore importanza ma tutt’altro, come si fa ad insinuare sulle spese tenute dal Sindaco di Lipari per quelle che sono le sue missioni e/o viaggi Istituzionali, facendo credere alla gente chissà chi o che cosa?
Perché allora non si ha il coraggio di dire alla popolazione che per avere dinanzi una intera giornata di lavoro il Sindaco parte quasi sempre alle 2 del mattino dopo intense giornate vissute tra innumerevoli problematiche presso la Casa Comunale?
Perché non si fa sapere alla popolazione che, allorquando ne ha la possibilità, per i vari spostamenti usa mezzi propri?
Perché non si chiede a noi Assessori dove e cosa facciamo, quali incontri e quali porte il Dott. Bruno ci apre allorquando con lui partiamo alla volta di Palermo, Roma, Messina, altre isole della Sicilia e via dicendo?
Si vuole negare almeno un pasto giornaliero?
Si vuole impedire, quando proprio non si fa per tempo a rientrare un giusto e meritato riposo in un letto degno d’essere chiamato tale?
Ci appare strano dover dire queste cose alla gente, noi abituati come siamo a lavorare e ad essere a disposizione della popolazione 24 ore su 24.
Ma purtroppo, carissimi concittadini, ci siamo resi conto che le volgarità e gli attacchi anche di carattere personale talvolta meritano una risposta ed una seria presa di posizione.
Ma state tranquilli che il nostro obiettivo è quello e rimarrà sempre di lavorare, e di fare ciò accanto ad un Sindaco di cui abbiamo la piena e più totale fiducia, ed a cui va riconosciuta una preparazione ed esperienza Amministrativa difficilmente riscontrabili sul nostro territorio.
Gli Assessori Comunali

Del Bono (Federalberghi): "Su Siremar è il momento di scoprire le carte"

Poco più di un mese fa, alla riassunzione del piano a 4 aliscafi da parte di Siremar nel comparto Eolie, avevamo provocatoriamente scritto che l´incantesimo dovuto a quel magico recupero dalle avarie dei mezzi della flotta si sarebbe, molto probabilmente, rotto proprio a fine agosto. Così è stato. I visitatori e gli abitanti delle Eolie hanno ripreso ad essere privati di un aliscafo e sono ripiombati nell´incertezza che contraddistingue le vicende Siremar e Tirrenia da quasi due anni.
Siremar, non solo ha ricominciato a zoppicare ma lo ha fatto in modo sempre più imprevedibile ed insistente in un periodo dell´anno in cui le Isole di Sicilia rappresentano ancora un´affascinante meta turistica, soprattutto per la clientela straniera che incredula assiste a scene da terzo mondo agli imbarcaderi o presso le biglietterie. Ieri l´ennesima umiliazione: corse sospese per mancanza di carburante.
In questi mesi ne abbiamo viste di tutte i colori. Una serie di schermaglie poco rassicuranti dove lo Stato offriva Siremar a titolo gratuito alla Regione Sicilia e quest´ultima vi rinunziava per mancanza di chiarezza, salvo poi partecipare ad una gara che l´avrebbe portata ad una passo dalla firma del contratto. Si, perché dopo un´ondata di manifestazioni di interesse (ben sedici) era rimasta in ballo solo Mediterranea Holding (la società partecipata appunto dalla Regione Sicilia). Adesso siamo alla procedura d´insolvenza e all´eventuale amministrazione straordinaria anche per Siremar.
Nello smantellamento di Tirrenia, che il Governo ha deciso di gestire con una privatizzazione a tutto tondo, il capitolo Siremar rappresentava e rappresenta sicuramente quello più impegnativo da gestire. Il nodo della questione è che, a differenza di quanto accaduto per Alitalia, oltre all´esigenza di garantire i lavoratori del gruppo e a quella di non veder svendere una compagnia di Stato facendo l´interesse di pochi a discapito dei contribuenti, vi è anche quello di mantenere quei famosi servizi di pubblica utilità che la legge 169/75 stabilisce debbano essere in grado di assicurare la famosa continuità territoriale e lo sviluppo socioeconomico di ciascuna isola.
Pertanto, se è vero che la privatizzazione di Tirrenia e Siremar sta a cuore ai dipendenti del gruppo e alle loro famiglie, è almeno altrettanto vero che ci sono anche 14 isole, 8 comuni e oltre 30.000 abitanti il cui futuro potrebbe essere in positivo o in negativo segnato da questo processo, la cui cattiva gestione ha già prodotto diversi danni che fino ad oggi hanno pagato soltanto gli operatori turistici e gli abitanti delle isole.
Non possiamo continuare ad assistere a turisti i cui tempi di raggiungimento del luogo di vacanza viene raddoppiato a causa di tali disservizi, a ragazzi che non possono andare a scuola, a professionisti che devono necessariamente partire con il mezzo prima per non rischiare di perdere gli appuntamenti in agenda, a tour operator e agenzie di viaggio costrette a dirottare i propri passaggi sui vettori privati perché Siremar non riesce a garantire orari e linee.
Riteniamo che sia abbondantemente arrivato il momento di scoprire le carte. Desideriamo chiarezza sulle convenzioni. Abbiamo il diritto di capire quali meccanismi si pensa di porre in essere per garantire: la qualità e la quantità del naviglio, il numero di linee, la periodicità dei collegamenti, le penali da far pagare nel caso di inosservanza dei termini contrattuali, la certezza che queste vengano pagate, l´attività di sorveglianza ecc. ecc.
Tutto questo è importante capirlo e discuterlo adesso e non a giochi fatti.
Ci si rende conto che la mancanza di certezze sui collegamenti sta mettendo seriamente a repentaglio la nostra capacità di competere nei confronti delle altre destinazioni turistiche del mediterraneo?
Christian Del Bono

MUSEO DEL MARE: COSTITUITO COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

La soprintendenza dei beni culturali ambientali del mare lavorera' al progetto del primo museo regionale del mare e della navigazione - che nascera' all'Arsenale di Palermo - con il supporto di un comitato tecnico scientifico.
L'assessore Gaetano Armao ha chiamato a farne parte, insieme a Gesualdo Campo in qualita' di dirigente generale dell'assessorato e di Giuseppe Gini - il nuovo soprintendente del mare - anche il Direttore marittimo della Sicilia occidentale e comandante della Capitaneria di porto di Palermo, ammiraglio Domanico Passaro; il direttore dell'Arsenale di Palermo, Pietro Maniscalco; Enzo Maiorca, piu' volte detentore di record mondiali di immersione in apnea; Francesco Bruni, skipper del team Azzurra; Paco Wirz, campione di windsurf; Agostino Randazzo, presidente del circolo della vela di Palermo

S. Fratello. Si schianta in moto contro un palo. Muore 19enne. Aveva lavorato all'Avant Garde a Lipari

Si schianta in moto contro un palo. Muore sul colpo un diciannovenne
L'incidente in via Roma a San Fratello. La giovane vittima guidava un'Honda sulla quale c'era un coetaneo rimasto ferito
(Giuseppe Romeo- Gazzetta del sud)
Uno schianto tremendo, un botto spaventoso. Due corpi rovesciati per terra, sull'asfalto. La gente, svegliata nel cuore della notte, che si affaccia ai balconi, lanciando urla di disperazione. Una giovane vita, di appena 19 anni, si è spezzata nella notte tra giovedì e venerdì scorsi in via Roma, in pieno centro a San Fratello. Benedetto Ziino è morto sul colpo dopo il terrificante impatto contro un palo della pubblica illuminazione. Erano in due a viaggiare a bordo di uno scooter, un Honda Sh 125.
Benedetto Ziino si trovava alla guida quando, intorno alle 3, all'altezza del civico 38, per cause ancora sconosciute, ha perso il controllo del mezzo sbattendo contro la base del lampione. Ziino l'ha centrato con la fronte ed è stato quindi scaraventato contro il muro della casa. Più fortunato è stato invece il compagno, un 18enne anch'egli di San Fratello, proprietario dello scooter. È stato sbalzato dall'altra parte della strada, rovinando sul selciato diversi metri più avanti. Se l'è cavata con la frattura di una gamba e varie ferite.
A prestare i primi soccorsi ai due giovani sono stati gli stessi abitanti di via Roma che si sono trovati di fronte ad una scena terrificante. Immediatamente sono stati allertati i carabinieri della locale stazione e quindi l'ambulanza del 118, che però è giunta da Capo d'Orlando oltre 40 minuti più tardi. Probabilmente, però, secondo il racconto dei testimoni, vista la gravità delle ferite al cranio, per Benedetto Ziino non ci sarebbe stato comunque nulla da fare.
I due ragazzi indossavano regolarmente i caschi, che sono stati ritrovati per la strada, e stavano facendo ritorno a casa dopo una serata trascorsa in allegria, la notte della festa di San Benedetto, il patrono di San Fratello. Poco distante, infatti, si era esibito il celebre comico siciliano Enrico Guarneri e verosimilmente i due avevano assistito allo spettacolo. Sulla dinamica dell'incidente stanno lavorando i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Santo Stefano Camastra, giunti sul posto insieme ai colleghi della stazione di San Fratello.
Benedetto Ziino era conosciuto da molti in paese, aveva da poco lasciato gli studi alla scuola agraria di Caronia dopo aver frequentato un paio di anni il liceo scientifico di Sant'Agata Militello e già durante l'estate aveva lavorato in un locale pubblico delle Isole Eolie. Ieri mattina tutta San Fratello si è svegliata choccata dalla tragica notizia. L'amministrazione comunale ha sospeso le manifestazioni per la festa patronale, mentre in serata si è svolta la sola processione penitenziale, senza musica nè giochi d'artificio.
Era da due anni che le strade dei Nebrodi non facevano vittime tra gli scooteristi. L'ultima vittima era stata uno studente diciassettenne di Librizzi che a Patti, mentre viaggiava su una Aprilia 125, si era scontrato in via Kennedy con una Oper Corsa. Nonostante indossasse il casco, il giovane è morto mentre veniva portato in ospedale per le ferite riportate alla testa nell'impatto contro un muro.

NDD- Io non conoscevo Benedetto ma mi dicono fosse davvero un gran bravo ragazzo. Di fronte alla morte c'è davvero ben poco da dire. Quando poi a lasciarci è un ragazzo, un giovane, ancora di meno. Non si può che restare costernati e increduli di fronte ad una tragedia così grande.
Gli amici hanno fondato un gruppo su facebook "In ricordo di Benedetto Ziino" http://www.facebook.com/#!/pages/In-Ricordo-di-Benedetto-Ziino/109352422458280?ref=ts

Eolienews apre a chiunque volesse ricordarlo lo spazio "Commenti" . Lo si trova in basso a questo post. Vi raccomandiamo di porre alla fine del commento nome e cognome o il modo con cui intendete identificarvi.
Il vostro ricordo sarà pubblicato

Lettere al direttore. Il pontile dell'Italpomice e cosa ha raprresentato nel tempo quell'industria. Ci scrive il rag. Merlino

Egregio Direttore,
Qualche giorno addietro ho letto nel Suo notiziario che le operazioni dismantellamento del pontile Italpomice avevano avuto inizio.
Non Le nascondo che la notizia mi ha addolorato non poco, non perché potrei sembrare di parte, ma solamente perché quel pontile l'ho visto nascere nel 1961, cioè all'inizio del mio rapporto con la Società ITALPOMICE, che durò per ben 35 anni.
Il pontile andava tolto anche perché alle spalle non c'era più l'industria di un tempo.

Gli anni che seguirono il 1961, sono stati anni di intenso lavoro, non si riusciva a produrre granulati, quanto i vari mercati ne richiedevano. Il mercato americano tra iprimi, poiché si stavano costruendo le " TWIN TOWERS " LE FAMOSE Torri Gemelle ed altre importanti costruzioni che impiegavano la pomice come materiale leggero.
L'attività intensa dell'Industria sembrava dare nel contempo vitalità all'intero paese di Acquacalda. Oggi, a confronto, sembra in un totale stato di abbandono.
Siamo però " PATRIMONIO DELL'UMANITA' " con conseguente perdita dei posti di lavoro,disoccupazione e quant'altro. Speriamo che in avvenire quest'isola potrà godere i benefici auspicati da questa dizione.
Le allego qualche foto e La saluto molto Cordialmente.-
Rag. Giuseppe Merlino
Nelle foto:
1) Il rag. Giuseppe Merlino (foto scattata ad Acquacalda nel 1961)
2 e 3) Il pontile a fine 1966

Come erano le Eolie ..e gli eoliani (125° puntata) (R)

Continua il "viaggio fotografico" attraverso la rubrica "Come erano le Eolie...e gli eoliani".
Per molti sarà un viaggio nel passato, per altri sarà uno scoprire un parte delle "radici", una parte di queste isole e di coloro che le hanno popolato ed amate, per molti rivedere volti conosciuti, per altri ancora rivedersi.. come non si è più.
Chiunque volesse contribuire alla riuscita di questa rubrica e vuole proporre foto delle Eolie, di personaggi, di avvenimenti può farcele pervenire a questa mail http://ssarpi@libero.it
In caso di problemi di scannerizzazione si possono affidare a noi le foto contattandoci al 339.57.98.235.
Le foto cartacee saranno restituite.
Nelle foto di oggi:
1) Bartolo Portelli e Nino Di Pietro (non Di Mech come erroneamente riportato nella didascalia della foto)
2) Armando Biviano ed Adolfo Sabatini
3) Pallavolo Snoopy
4) Nicola Merlo, Angelino Merlino e Dorino Profilio

I Cantori popolari delle Eolie al Festival Regionale del Folklore. E a ottobre trasferta in Spagna per il "Festival del mare"

Nuova importante e significativa partecipazione per il gruppo dei “Cantori Popolari delle Isole Eolie” ad un festival del folklore e più specificatamente a quello di Viagrande, provincia di Catania, in occasione dell’ormai rinomata “Festa della Vendemmia”.
Guidati dal direttore artistico Nino Alessandro, i giovani Eoliani saranno ospiti nella cittadina catanese per una loro performance in quella che sarà la serata conclusiva e più significativa ovvero, Domenica 19 Settembre.
La manifestazione che si svolgerà all’interno del suggestivo scenario della Villa comunale ha visto la sua inaugurazione ieri sera con la “Rassegna di Artigianato e Prodotti Tipici”, cui ha fatto seguito la presentazione e la degustazione guidata della mostarda d’uva che, come è ormai tradizione, è stata preparata secondo l’antica ricetta e verrà offerta gratuitamente ai partecipanti domenica pomeriggio, alle ore 17,00 circa, con il sottofondo musicale curato dall’Associazione Musicale “Free Sound Studies”.
Il Festival Regionale del Folklore, curato dalla F.IT.P. Sicilia ed inserito all’interno della manifestazione, giunto alla sua terza edizione ha visto ieri sera, prima delle tre serate, l’esibizione de “I Nebrodi” Ficarra (ME), “Aulos” (CT), “I Molesi” Castelmola (ME), “Mata e Grifoni” (ME), “Carusiddi e Picciriddi” (CT).
Nella serata odierna toccherà ai gruppi “Città di Milazzo” Milazzo (ME), “Gallodoro” Milena (CL), “Sicilia Antica” Mandanici (ME), “I Cariddi” (ME), “Canterini della Riviera Jonica” Roccalumera (ME). In questa circostanza sarà consegnato un riconoscimento all’artista Alfio Patti, quale “ambasciatore del folklore siciliano”.
Domenica sera concluderanno il festival i gruppi “I Cantori delle Isole Eolie” Lipari (ME), “Voce dell’Etna” (CT), “I Picciotti da Purtedda” (AG), “Kallipolis” Giarre (CT), “D’Azera” (EN), “Le Ginestre dell’Etna” Nicolosi (CT). Anche domenica sarà consegnato un riconoscimento quale “ambasciatore del folklore siciliano” a Laura De Palma.
Ed è proprio questa la giornata più importante che vedrà il seguente programma: ore 10.00 sfilata dei vendemmiatori per le vie del paese (curata dalla Consulta degli Anziani), accompagnati da carretti siciliani, canterine e gruppi folklorici, mentre all’interno della Villa si costruiranno fasce di giunco e panari in vimini. A mezzogiorno, nell’antico palmento della Villa comunale, si potrà assistere alla pistatina dell’uva, come avveniva un tempo, a seguire le degustazioni dei vari prodotti tipici ed infine il gran galà con l’esibizione dei gruppi folklorici tra i quali i “Cantori Popolari delle Isole Eolie”.
Un nuovo ed importante riconoscimento per gli artisti eoliani che ormai da decenni portano in giro per il mondo quelli che sono gli usi, i costumi, le tradizioni della nostra terra, il tutto frutto di accurati studi e ricerche minuziosamente portate avanti nel corso degli anni.
Da segnalare, per l’occasione, il debutto in scena di sei giovanissime ragazze tutte comprese in età fra gli 11 ed i 13 anni.
Va infine ricordato che è questo il prologo ad un evento che vedrà ad inizio del prossimo mese il gruppo dei “Cantori Popolari delle Isole Eolie” tra i protagonisti del Festival del Mare, che si svolgerà in Spagna e più precisamente nella ridente cittadina di Pineda De Mar a circa 50 Km da Barcellona.

Povere Eolie ! (di Aldo Natoli)

(Aldo Natoli) La società SIREMAR è stata costituita a suo tempo per garantire lo sviluppo socio-economico delle isole minori della Sicilia, e quindi delle Eolie.
Quanto è successo ieri, ovvero che per mancanza di carburante gli aliscafi non hanno potuto svolgere il loro regolare servizio, e quanto potrà succedere oggi, è una chiara dimostrazione del disinteresse della Regione e dello Stato a risolvere un grave problema che sta distruggendo l'economia delle isole. E siccome lo Stato e la Regione è composto da Ministri, Deputati e Senatori che assistono passivamente al "teatrino" delle gare che ci vede in ansia ormai da tempo, propongo al Consiglio Comunale di votare un o.d.g. con il quale comunicano ai vari Ministri, Deputati e Senatori di non essere più graditi nelle Eolie, sia in forma istituzionale, che in forma vacanziera.
Sicuramente non risolveremo il problema ma almeno salveremo la "faccia".

GIUNGLA EOLANA CEDESI (di Anna Miracula)

Tutto questo sbatterci in faccia da alcuni anni di essere Patrimonio dell’Unesco ci ha stufato ormai.. Parlo per me e forse per tanti.
Con l’episodio di ieri abbiamo assistito e subito, purtroppo impotenti come sempre, a una delle peggiori umiliazioni della storia eoliana.
Chi ci ha costretti a far parte di questa magnifica istituzione chiamata Unesco, e che se ne vanta, adesso dorme, come è d’uso comune dire,”a cuscinu morbidu”e i propri viaggi li fa in elicottero o nella “peggiore delle ipotesi”sul proprio yacht o su quello di onorevoli amici.
Cosa ,anzi, quale sia il rimedio a tutto questo “fottersene”delle nostre isole lo conosciamo tutti e non è un segreto ormai che chi ci governa ha fatto il suo tempo, anzi veramente non l’ha mai fatto perché sinora tutti hanno dormito sugli allori sperando che cadesse la pera cotta dal cielo,ma questa pera cotta finora è caduta "scafazzandosi" solo sulla testa di noi eoliani.
I disagi di oggi, che però nessuno dei nostri cari governanti si è sognato minimamente di “toccare con mano”, sarà solo ‘ultimo di una lunga serie che si susseguiranno all’infinito, perché ormai di questo passo “non ci resta che piangere”.
Cosa avremmo fatto se oggi non ci fosse stata l’altra compagnia,la Ustica Lines ,a collegare le Eolie con la terraferma e con le altre isole? Non credo saremmo andati a nuoto e nessun comune cittadino, almeno credo , si sarebbe sognato di pagare una cifra esosa(e si sa che le tasche in questo momento non sono piene) per un volo in elicottero. Certo se portassimo nomi altisonanti come i lorsignori, che hanno fatto e continuano a fare passerella sulle nostre teste, di certo non avremmo avuto problemi di trasporti.
Gente di Stromboli che non sa come tornare sulla propria isola, alla propria occupazione, perché non gli garantiscono il collegamento in aliscafo ; la gente è davvero in preda al panico,la crisi quest’anno su queste isole, e non solo, ha creato vuoti irrimediabili,ai quali non si può porre rimedio perché l’inverno è alle porte e quei pochi turisti che si intravedono fuggiranno di certo assistendo a questi immondi episodi da medioevo.
La cosa che mi fa più rabbia è che le passerelle di lorsignori politici della MagnaRoma finora sono solo servite alla "presa per il culo" agli eoliani,ma di risultati positivi per le nostre isole e le condizioni in cui siamo costretti a vivere ogni giorno,nessuno.
Io mi chiedo perché ancora si da così tanta importanza a chi di noi non gliene frega davvero nulla.... siamo solo un mucchietto di voti,numeri come all’enalotto, pronti da giocare alle prossime elezioni ma... chiuse le urne tutto diventa un abisso infernale, tutti diventano ciechi, sordi, non muti anche se spesso farebbero meglio a stare zitti, ma mangioni sì, la pancia è sempre disponibile ad essere riempita.
Tutti bravi a imporci vincoli, regole, leggi, ma la vita reale che si respira nelle isole per questi baldi signori è un rebus crittografato,difficilissimo da capire e da indovinare e loro comunque nemmeno ci provano,tanto alle Eolie troveranno sempre chi li accoglie a braccia aperte e letto caldo.
Perché si sa, chi sta meglio non può mai riuscire a comprendere chi sta peggio, è la legge della giungla, altro che Parco..
Anna Miracula

venerdì 17 settembre 2010

"A rimi finiuuuu" A volta è meglio metterla sull'ironia.

A volte è decisamente meglio metterla sull'ironia. Anche se quanto rappresentato nei fotomontaggi di Antonello Profilio e nel suo testo d'accompagnamento alle foto non va lontano dalla realtà.
(Antonello Profilio) Ecco a Voi, in anteprima, le 2 nuove unità SIREMAR, in linea da domani sulla MILAZZO - EOLIE... A rimi finiuuuuu.

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

Blasco si, ma non da ottobre- Come da noi anticipato ieri sera la giunta municipale di Lipari ha deliberato l'assunzione a "tempo indeterminato e a tempo pieno del signor Stefano Blasco per lo svolgimento delle funzioni di Dirigente-Capo settore-Comandante della polizia municipale". La stipula del contratto è subordinata alla presentazione dei documenti di rito.
L'immissione in servizio, comunque, non avverrà dal primo ottobre. Il file pubblicato sul sito del comune di Lipari (ci riferiamo alla proposta di deliberazione) non corrisponde a quanto deliberato dalla giunta municipale che, durante la riunione, ha deciso di spostare in avanti di un paio di mesi l'assunzione in servizio del comandante Blasco.


Droga a Salina- Convalidato l'arresto di Alizzo. Il giovane però non sarà sottoposto ad alcuna restrizione- Si è tenuta oggi al tribunale di Barcellona l'udienza di convalida per l'arresto da parte dei carabinieri di Salina del 21enne Simone Alizzo trovato in possesso di gr. 42 di hashish e nella sua abitazione di un bilancino di precisione e di contanti per euro 1.100,00, ritenuta provento di attività illecita connessa allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il GIP Antonino Zappalà ha convalidato l'arresto e, accogliando l'istanza degli avvocati difensori Franco Calabrò e Giorgio Alfano, ha rimesso in libertà il giovane (che si trovava ai domiciliari) senza imporgli alcuna limitazione.

BB.CC.: A GIUNTA SCHEMA REGOLAMENTO SOPRINTENDENZA DEL MARE- E' stato trasmesso alla giunta lo schema di regolamento che disciplina le competenze della Soprintendenza del mare. Lo schema e' stato predisposto dall'assessorato regionale dei Beni culturali e dell'Identita' siciliana e dovra' essere approvato dalla giunta, prima di diventare esecutivo.

MANCATA RISPOSTA AD INTERROGAZIONE IL CONSIGLIERE BARTOLO LAURIA SCRIVE ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE SICILIANA, ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA BARCELLONA P.G. , ALL’ASSESSORATO AUTONOMIE LOCALI (ENTI LOCALI), ALLA CORTE DEI CONTI, ALLA PROCURA ANTIMAFIA, AL SINDACO DEL COMUNE DI LIPARI, AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI LIPARI Oggetto: Mancato riscontro all’interrogazione prot. n° 27388 del 28.06.2010. Violazione alla L.R. n° 10/91 al Regolamento Comunale ed all’art. 328 comma II° del C.P.
La presente per informare le SS.LL., per quanto di competenza, cha alla data odierna non è pervenuta alcuna risposta all’interrogazione urgente presentata al Sindaco del Comune relativa a disfunzioni nel servizio di spazzatura, con probabili ripercussioni di natura economica, che si allega in copia.
Il sottoscritto resta in attesa di un riscontro, anche in caso di archiviazione, e porge distinti saluti. Bartolo Lauria Consigliere Comunale UDC

Le Eolie isolate.."armano" le tartane (Il fotomontaggio di Piero Roux)

Salvate le isole di Sicilia. L'appello del sindaco Lo Schiavo

Questo il testo della lettera che il sindaco di Santa Marina Salina, Massimo Lo Schiavo ha inviato oggi al Presidente della Repubblica, On.le Presidente Giorgio Napolitano, Al Presidente del Consiglio dei Ministri, On.le Silvio Berlusconi, al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, On.le Gianni Letta, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, c.a. del On. Ministro Altero Matteoli, al Presidente della Regione Siciliana, On.le Raffaele Lombardo, all'Assessorato Regionale Infrastrutture e Mobilità , On. Ass. Gentile, all'Assessorato Regionale al Turismo, On. Nino Strano, alla Provincia Regionale di Messina, c.a. del Presidente On. Ricevuto, a S.E. Sig. Prefetto di Messina, Dott. Alecci, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
Direzione Generale per il trasporto marittimo e per vie d’acqua interne, c.a. del Direttore Generale Dr. Enrico Maria Pujia, Regione Siciliana Assessorato Trasporti e Mobilità Dipartimento delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti, c.a. del Dirigente Generale . Dr. Vincenzo Falgares, e alla Presidenza della Regione Siciliana Segreteria Generale Servizio 2°
Coordinamento Attività Isole Minori
OGGETTO: Salvate le Isole di Sicilia
È con sconcerto e profondo rammarico che in data odierna si è dovuto assistere al blocco degli aliscafi, per la prima volta nella storia della navigazione della Siremar, per insolvenza nei confronti dei gestori degli impianti di rifornimento di carburante.
Lo Stato, attraverso la propria compagnia di navigazione, non ha permesso la continuità territoriale negando agli Eoliani, soprattutto a quelli residenti nelle isole più lontane, di raggiungere le proprie abitazioni.
Non riuscirei a descrivere i volti allibiti dei viaggiatori pendolari e residenti, e delle centinaia di turisti provenienti da tutta Europa che, presso gli imbarchi, si sono sentiti dire “ Non c’è carburante, non si viaggia”.
Non voglio dilungarmi con commenti ulteriori su detta incresciosa situazione che ha, alla data odierna, generato negli Eoliani sentimenti di sdegno e profonda umiliazione.
Alle SS.LL. Ill.me chiedo di verificare le responsabilità di ciò che, speriamo solo oggi, è accaduto alle Isole Eolie, dichiarate dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.
Chiedo alle SS.LL. Ill.me di attenzionare con scrupolosità cosa realmente farà lo Stato, attraverso i propri funzionari, per la continuità territoriale a mezzo aliscafi e navi per le Isole di Sicilia.
Chiedo ancora alle SS.LL. Ill.me di volerci chiaramente comunicare se possiamo credere ancora in un futuro nelle nostre Isole o se dobbiamo dar vita ad un altro fenomeno migratorio – l’ennesimo –abbandonando del tutto queste Isole, destinate all’abbandono e all’isolamento.
Distinti saluti.
Il Sindaco
Massimo Lo Schiavo

La Siremar verso Panarea-Stromboli ed Alicudi-Filicudi

Scongiurato intorno alle quindici anche il rischio che saltassero i collegamenti dei mezzi veloci Siremar con Filicudi-Alicudi e Panarea- Stromboli. Una loro soppressione avrebbe costretto anche i ragazzi che frequentano le scuole superiori a restare bloccati a Lipari.
Il buon senso alla fine ha prevalso e i mezzi della società di Stato raggiungeranno regolarmente, a breve, le isole in questione.
Il “salto” di questi ultimi collegamenti, tra l'altro, doveva avvenire per una comunicazione della Siremar che aveva disposto che i mezzi veloci che dovevano raggiungere quelle isole avessero quale punto terminale della loro corsa i porti dell'isola di Salina.
La situazione, come anticipato, si è normalizzata anche a seguito di una nota del sindaco di Lipari Mariano Bruno e dell'assessore Corrado Giannò che, ritenendo quanto stesse accadendo “interruzione di pubblico servizio e del diritto alla mobilità e allo studio”, l'avevano contestata preannunciando la presentazione di una denuncia alla stazione dei carabinieri. In precedenza sia Bruno che Giannò avevano chiesto chiarimenti sullo stop di alcuni mezzi che si stava effettuando “nonostante le garanzie ricevute pochi giorni fa dal commissario D'Andrea. Segno di una situazione allo sbando”.
Nonostante le rassicurazioni giunte nelle ultime ore, e che danno per certi i collegamenti almeno sino a domenica, vi è la paura che i mezzi si fermino isolando l'arcipelago ed infliggendo un duro colpo sia alla mobilità dei residenti che al movimento turistico settembrino.

Interruzione di pubblico servizio e violazione diritti degli eoliani. L'amministrazione liparese non ci sta e preannuncia denunce.

Lipari, lì 17 settembre 2010
Alla Società SIREMAR
90100 Palermo
Vostre disposizioni calpestano diritti cittadini Eoliani non solo sopprimendo linee per Panarea, Stromboli, Filicudi ed Alicudi, ma impartendo ordini di raggiungere solamente gli scali di S. Marina e Rinella senza proseguire per Alicudi e Filicudi.
Con questa improvvida iniziativa, non concordata nè con Autorità Prefettizie né con Autorità Comunali, abbiamo la certezza di una situazione che è completamente allo sbando e fuori da ogni controllo.
Le assicurazioni forniteci dalla Prefettura di Messina, dietro Vostra comunicazione, che provvederete a rifornire di carburante i Vostri mezzi non si accompagna ai servi e alle linee che ripristinerete nell’immediato.
Vogliate immediatamente farci conoscere cosa sarà previsto per la giornata odierna e per quelle a seguire considerato che avete violato la continuità territoriale, il diritto allo studio, la possibilità di una assistenza sanitaria etc...
Tutto questo senza alcun preavviso conoscendo Voi già da qualche giorno la critica situazione in cui versavate non consentendo all’Amministrazione Comunale di intervenire, in sinergia, per la ricerca di soluzioni che garantissero un minimo rispetto della dignità della gente Eoliana
L’ASSESSORE AI TRASPORTI E IL SINDACO
( Rag. Corrado Giannò) (Dott. Mariano Bruno)

Lipari, lì 17 settembre 2010
Alla Società SIREMAR
90100 Palermo

Problematiche insorte a causa Vostra improvvisa sospensione dei servizi marittimi ha creato gravissimi problemi di ordine pubblico.
Si prega impartire immediate disposizioni alle Vostre biglietterie in loco al fine di assicurare assistenza ai passeggeri di Panarea, Stromboli, Filicudi ed Alicudi rimasti bloccati a Lipari.
Vi informiamo altresì che presenteremo alla locale stazione dei carabinieri regolare denuncia per interruzione di pubblico servizio.
L’ASSESSORE AI TRASPORTI IL SINDACO
( Rag. Corrado Giannò) (Dott. Mariano Bruno)

Diciassette settembre, giorno di lutto. Eoliani umiliati dallo Stato. La dura nota del sindaco Massimo Lo Schiavo

COMUNICATO STAMPA
L’ennesima umiliazione per gli abitanti delle Isole Eolie che si sta perpetrando in queste ultime ore, a causa della mancanza di carburante per i mezzi Siremar che garantiscono i collegamenti da e per Milazzo. Questa è la riprova che la direzione che il Governo Centrale sta seguendo nelle azioni di privatizzazione della Società Tirrenia e della regionale Siremar, è contraria agli interessi della Regione Siciliana, degli abitanti delle Isole Eolie e di tutte le Isole di Sicilia.
Nonostante le rassicurazioni ricevute lo scorso 13 settembre dal Commissario Straordinario di Tirrenia D’Andrea, dall’Amministratore della Siremar, Murrali, circa la regolarità fino a dicembre 2010 dei servizi espletati dalla Siremar, od oggi la situazione è di tutt’altra natura: si è rischiato di far fermare tutti gli aliscafi e le navi in circolazione navigheranno fino ad esaurimento delle scorte di carburante, con l’isolamento di fatto di tutte le comunità isolane.
La popolazione Eoliana è totalmente abbandonata dalla politica nazionale che cerca di privatizzare il gruppo Tirrenia non tenendo presente le esigenze di chi vive nelle isole minori, pensando invece solo agli equilibri politici e di potere.
Solamente la Regione Siciliana ha dimostrato di voler garantire ai cittadini delle Isole di Sicilia gli stessi diritti di cui ogni Italiano gode, e la stessa Regione sta continuando a mediare per poter trovare un accordo che permetta la continuità del servizio, al fine di non arrecare ulteriori danni alla già fragile economia delle nostre Isole.
Oggi la situazione non è più sostenibile: agli Eoliani servono garanzie e certezze sul futuro dei collegamenti marittimi, che sono alla base di uno sviluppo sociale ed economico degno di un paese occidentale industrializzato, e non, come di fatto si sta attuando, da paese sottosviluppato.
“Mai come oggi” dichiara il Sindaco Massimo Lo Schiavo “ci siamo sentiti umiliati dallo Stato!!Uno Stato assente e sordo che continua a mortificare il Sud e ancor di più la Sicilia. Mai come oggi la più che ventennale esperienza egli equipaggi Siremar è stata umiliata dalla mancata erogazione del carburante per insolvenza!Mai come oggi le Isole Eolie – PATRIMONIO DELL’UMANITA’- ma forse solo a parole, hanno respirato l’umiliazione e lo sdegno di appartenere ad uno Stato che attraverso la propria compagnia rischia di affamare questi territori isolandoli totalmente. E’ un giorno di lutto questo 17 settembre 2010 che rimarrà, speriamo unica data, indelebile nelle nostre menti e spero che rimanga allo stesso modo nelle coscienze di chi ha generato detta situazione”.

Trasporti: Il sindaco snobba il consiglio comunale. Nota di Biviano e Sabatini che annunciano un consiglio urgente sulla delicata situazione Siremar

COMUNICATO
Apprendiamo dal Presidente del Consiglio, nella Conferenza dei capigruppo di oggi, che in data 13 settembre 2010 si è svolto un incontro con il Commissario straordinario di TIRRENIA, Giancarlo D’Andrea, e l’Amministratore unico di Siremar. L’incontro si è svolto presso l’Hotel Gattopardo ed erano presenti per il Comune, oltre al Sindaco, lo stesso Presidente del Consiglio, l’Assessore Finoccharo, l’Assessore Spinella e l’Assessore Giannò. La location fa capire che l’incontro voleva rimanere strettamente riservato, altrimenti non si capisce il perché non farlo nella sede istituzionale del Comune. La cosa che più ci lascia sbalorditi, però, è che il Sindaco non ha sentito l’esigenza di riferire al Consiglio Comunale quanto appreso o deciso nell’incontro. Tra l’altro, sembrerebbe che Il Sindaco abbia già dettato le proprie direttive al Commissario D’Andrea senza aver prima informato o reso partecipe l’intero Consiglio Comunale. Molte cose sono , infatti, cambiate, molti avvenimenti nuovi si sono succeduti, diversi incontri si sono tenuti, ma il Sindaco ha continuato a snobbare il civico consesso rappresentante dell’intera cittadinanza e all’occorrenza unico difensore e portatore degli interessi e dei diritti dei nostri concittadini, a parte alcuni Consiglieri di maggioranza pronti e lesti alla grande fuga!!!!
Dai toni trionfalistici del Sindaco nelle interviste tenute subito dopo l’incontro di Roma sui trasporti marittimi sembrava che tutto fosse stato momentaneamente risolto, anche alla luce della revoca del Bando di gara per la cessione di Tirrenia.
Scopriamo drammaticamente oggi, invece, che ancora una volta le assicurazioni date si sono rivelate un grande bluff anche alla luce delle notizie che ci giungono oggi sullo stop a "singhiozzo" di diversi mezzi Siremar dovuto all'impossibilità di approvvigionarsi di carburante se non con pagamento in contante.
Infatti, sembrerebbe che a seguito del passaggio della Siremar in amministrazione controllata le società che effettuano il bunkeraggio, stante anche i crediti vantati, abbiano praticamente chiuso i rubinetti per il rifornimento dei mezzi.
Il rischio è, ovviamente, che i mezzi, uno alla volta, si fermino isolando l'arcipelago ed infliggendo un duro colpo sia alla mobilità dei residenti che al movimento turistico settembrino.
La conferenza ha immediatamente quindi deciso di indire un Consiglio strordinario e urgente sull’argomento, stante la gravità del fatto, ma ci auguriamo che nel frattempo il Sindaco sia altrettanto lesto affinchè si rimedi al più presto a questa drammatica e paradossale situazione, nella speranza che su certi argomenti si coinvolgano sempre tutte le forze politiche e si lascino stare da parte gli eccessi di protagonismo.
Giacomo Biviano (Consigliere comunale PD)
Adolfo Sabatini (Consigliere comunale “Nuovo Giorno”)

Siremar al tribunale fallimentare

Libri in tribunale anche per Siremar. Dalle pagine de Il Sole-24 Ore di oggi si apprende, infatti, che ieri il commissario della compagnia di navigazione pubblica, Giancarlo D'Andrea, assistito dai legali Andrea Zoppini e Aristide Pollice, ha presentato al tribunale di Roma la dichiarazione di insolvenza di Siremar e l'istanza di fallimento con la richiesta di attrazione della controllata nella procedura di amministrazione straordinaria di Tirrenia.

Eolie. Uno dietro l'altro si fermano gli aliscafi Siremar per mancanza di carburante. Senza denaro in contante non si fa bunkeraggio

Ennesimo giorno di "passione" per residenti e turisti bloccati a Milazzo o a Lipari per lo stop a "singhiozzo" di diversi mezzi Siremar dovuto all'impossibilità di approvvigionarsi di carburante se non con pagamento in contante. In pratica si sono fermati due aliscafi su tre e le proteste, ovviamente, si sprecano.
Essendo passata la Siremar in amministrazione controllata le società che effettuano il bunkeraggio, stante anche i crediti vantati, hanno praticamente chiuso i rubinetti per il rifornimento dei mezzi.
Già da stamani sono saltate alcune corse dei mezzi veloci e, salvo improbabili novità, nel pomeriggio salteranno i collegamenti con Filicudi-Alicudi e Panarea- Stromboli.
Il rischio è, ovviamente, che i mezzi, uno alla volta, si fermino isolando l'arcipelago ed infliggendo un duro colpo sia alla mobilità dei residenti che al movimento turistico settembrino. Il problema potrebbe presto investire anche i traghetti della società di Stato
Ovviamente nell'arcipelago c'è grande preoccupazione.
Una nota (quella che segue) è stata inviata dal sindaco di Lipari, Mariano Bruno
Al Sig.Presidente Regione Sicilia
On. Raffaele Lombardo
98100 Palermo
Al Sig. Assessore ai Trasporti
On. Luigi Gentile
98100 Palermo
Al Dirigente Generale
Dipartimento Infrastrutture, Mobilità e dei Trasporti
Dott. Vincenzo Falgares
98100 Palermo
Al Dirigente del Servizio
Dipartimento Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti
Dott.ssa Salvatrice Severino
98100 Palermo
Oggetto: Problematica Siremar
Allarmanti giungono notizie circa relative omissioni scali per mancanza carburante da parte dei mezzi, Aliscafi e Navi, della Siremar.
Vogliano le SS. LL. farci conoscere, intervenendo presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, quale è la reale situazione e in che tempi verranno sboccate le somme per l’effettuazione dei servizi
IL SINDACO
(Dott. Mariano Bruno)

Anno scolastico 2010/11 tra difficoltà e progetti. L'intervista con il dirigente di Lipari 1 e 2

L'anno scolastico 2010/11, le difficoltà per il sostegno, i programmi e i progetti, la sicurezza degli edifici scolastici saranno gli argomenti trattati in questa ampia intervista che abbiamo realizzato con il dirigente scolastico degli istituti comprensivi Lipari 1 e 2 prof. Renato Candia.
Intanto, stamani, hanno preso il via i lavori di somma urgenza nell'edificio della scuola elementare Domenico Savio (nella foto).

Il "Bruno-Mosè". Il fotomontaggio di Piero Roux

Milazzo. Disservizio Siremar verso le Eolie. Residenti e turisti americani protestano

(Mario Basile-Gazzetta del sud) Mattinata di passione ieri agli imbarcaderi del porto di Milazzo per circa duecento passeggeri diretti alle Isole Eolie, costretti ad attendere, per quasi un'ora, l'arrivo dell'aliscafo della Siremar.
La partenza del "Tiziano" infatti, prevista per le ore 12.15, è slittata alle 13.15 circa, ufficialmente per il protrarsi dei tempi di bunkeraggio. Ma il ritardo nella consueta attività di rifornimento, potrebbe essere legato ai noti problemi economici della società marittima.
A pagarne le conseguenze turisti e pendolari rimasti incolonnati sotto il sole, dinanzi alla passerella di imbarco. Una rabbia, quella dei passeggeri, alimentata oltre che dal ritardo imprevisto nella partenza, anche dalle informazioni incerte, fornite da parte degli addetti ai lavori. In molti infatti, si sono rivolti alla biglietteria per chiedere, a più riprese, se la corsa fosse stata soppressa o meno, ed eventualmente, quali fossero i tempi di attesa.
Domande alle quali hanno fatto seguito risposte confuse e frammentarie, che hanno spazientito ancor di più i passeggeri. Un disservizio che ha coinvolto anche 29 turisti statunitensi facenti parte della "Niaf", la maggiore fondazione rappresentante degli oltre 20 milioni di cittadini italo-americani che vivono negli Stati Uniti, in visita di piacere alle Eolie.
«Ho un gruppo di turisti italo-americani che aspetta di sapere se e quando partirà l'aliscafo – è stato il commento di Peter Caruso, coordinatore del Sud Italia per la Niaf –-. Ci siamo rivolti alla biglietteria, ma non c'è stato nessuno in grado di fornirci delle informazioni precise. È' questo il modo di fare turismo da queste parti?».
Una domanda che ritorna spesso tra quanti si imbattono nei disagi creati da un'organizzazione turistica del comprensorio eoliano e mamertino spesso lacunosa, specie nei collegamenti. Intorno alle tredici, finalmente, il tanto agognato arrivo del "Tiziano" che, dopo le operazioni di attracco, ha imbarcato i passeggeri diretti nell'arcipelago eoliano

TURISMO: ESTATE IN CALO PER PRESENZE ALBERGHIERE. ADDIRITTURA -3% A LUGLIO E SOLO +1,8% AD AGOSTO

“Le nostre preoccupazioni in avvio di stagione estiva si sono purtroppo concretizzate e se è pur vero che più stranieri hanno scelto l’Italia per le loro vacanze, spinti da tariffe alberghiere in frenata ormai da due anni, l’italiano ha ridotto complessivamente le proprie ferie, tagliando peraltro sul budget”. È quanto afferma il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, alla lettura dei dati relativi al monitoraggio mensile effettuato dalla Federazione (l’inchiesta è stata svolta dal 31 agosto al 5 settembre, intervistando con metodologia internet 888 imprese ricettive, distribuite a campione sull’intero territorio nazionale).
“La flessione registrata nel mese di luglio, con addirittura un -3% di presenze (rispetto al luglio 2009) -aggiunge Bocca- non è stata compensata dal +1,8% di presenze ad agosto (rispetto ad agosto 2009), portando il risultato complessivo da gennaio ad agosto (rispetto a gennaio/agosto 2009) ad un -0,2% di presenze, numero che meglio di qualsiasi altro dato segnala la situazione di stagnazione nella quale si trova il turismo italiano.
“Dai dati ufficiali dell’Istat, inoltre, è confermato come le tariffe alberghiere da gennaio a luglio siano diminuite a livello nazionale dello 0,8% (a fronte di un tasso di inflazione dell’1,4%) mentre tornando al nostro osservatorio verifichiamo come l’occupazione tra i nostri collaboratori abbia purtroppo subito da gennaio ad agosto una perdita complessiva del 2,6% (rispetto a gennaio/agosto 2009), flessione dovuta alla scelta obbligata per le imprese di tagliare i costi a fronte dei ridotti ricavi.
“Alla luce di questi risultati -commenta il Presidente degli Albergatori italiani- possiamo fin d’ora ipotizzare un importante calo dei fatturati delle imprese, costrette peraltro a non riassumere non solo i lavoratori a tempo determinato (-1,4% da gennaio ad agosto) ma anche quelli a tempo indeterminato (-3,5% da gennaio ad agosto).
“È tempo -conclude Bocca- di sbloccare urgentemente le risorse per il settore e di procedere alla nomina dei componenti il Consiglio di Amministrazione dell’Enit-Agenzia Nazionale del Turismo, per coinvolgere anche le Regioni e le Imprese nella costruzione del piano di rilancio e di ripartenza di uno dei principali settori economici del Paese”.
I RISULTATI DEL MONITORAGGIO
GENNAIO: -2,1% di presenze (ed il -3% di lavoratori occupati
di cui -4% a tempo indeterminato e +0,1% a tempo determinato))
FEBBRAIO: +1,5% di presenze (ed il -0,8% di lavoratori occupati
di cui -2,5% a tempo indeterminato e +3,2% a tempo determinato)
MARZO: +4,4% di presenze (ed il -3,7% di lavoratori occupati
di cui -4,6% a tempo indeterminato e -2,1% a tempo determinato)
APRILE: -1,7% di presenze (ed il -3,8% di lavoratori occupati
di cui -5,1% a tempo indeterminato e -1,9% a tempo determinato)
MAGGIO: -1,4% di presenze (ed il -3,9% di lavoratori occupati
di cui -2,9% a tempo indeterminato e -5,3% a tempo determinato)
GIUGNO: +1,3% di presenze (ed il -2,4% di lavoratori occupati
di cui -2,9% a tempo indeterminato e -1,8% a tempo determinato)
LUGLIO: -3% di presenze (ed il -1,4% di lavoratori occupati
di cui -2,4% a tempo indeterminato e -0,5% a tempo determinato)
AGOSTO: +1,8% di presenze (ed il -2% di lavoratori occupati
di cui -3,9% a tempo indeterminato e -0,5% a tempo determinato)
GENNAIO-AGOSTO: -0,2% di presenze (ed il -2,6% di lavoratori occupati
di cui -3,5% a tempo indeterminato e -1,4% a tempo determinato)

giovedì 16 settembre 2010

PRG del comune di Lipari operativo entro l'anno. L'annuncio del sindaco Bruno dopo l'audizione di oggi al CRU

Lettera aperta-comunicato del sindaco Mariano Bruno
Ai cittadini del Comune di Lipari., agli amici delle isole del Comune di Lipari.
Sono lieto di poter partecipare a tutti Voi che entro la fine del c. a. il nostro comune avrà un PRG OPERATIVO.
L’audizione avvenuta oggi presso il Comitato Regionale per l’Urbanistica ha supportato, ove mai ve ne fosse stato bisogno, che l’iter del PRG è ormai irreversibile.
Ringrazio tutti coloro che negli anni Amministratori, Funzionari, Collaboratori si sono impegnati per il raggiungimento di questo traguardo prestigioso, in particolare i progettisti per l’eccezionale lavoro svolto ed anche per l’intervento odierno.
Alle numerose attestazioni di stima, ringraziamenti e congratulazioni che abbiamo oggi ricevuto, non mancheranno certo le critiche, le obiezioni degli avversari di sempre.
Queste faranno parte della banalità della cronaca, il resto sarà affidato al conseguimento di un risultato che può definirsi storico.
L’apprezzamento espresso dai membri del comitato regionale per l’Urbanistica sulla relazione del Sindaco di Lipari rappresenta per le Amministrazioni che ho presieduto il giusto riconoscimento del lavoro da ciascuno operato nel tempo.
A me che con la mia prima esperienza da Sindaco ho visto muovere i passi iniziali di questo importantissimo strumento, resta l’intima soddisfazione che la sorte mi ha assegnato di tornare a presiedere l’Amministrazione e concorrere a realizzare un obiettivo primario, del nostro programma, così lungamente atteso.
Mariano Bruno
(Sindaco di Lipari)

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

Giunta municipale delibera assunzione comandante Blasco - La giunta municipale di Lipari, accogliendo la proposta di deliberazione predisposta dal rag. Nicola Deidda (responsabile dell'ufficio personale e concorsi), ha deliberato l'assunzione a "tempo indeterminato e a tempo pieno del signor Stefano Blasco per lo svolgimento delle funzioni di Dirigente-Capo settore-Comandante della polizia municipale". La stipula del contratto è subordinata alla presentazione dei documenti di rito.

S. Anna: Ancora lezzo e cattivo odore- Lezzo e cattivo odore continuano a fuoriuscire nella zona di S. Anna(Lipari) nei pressi dell'ospedale. La situazione segnalano alcuni residenti è diventata insostenibile e, spesso, ci ritroviamo a doverci tappare in casa per non creare problemi di carattere igienico-sanitario specie ai più piccoli. Nell'auspicare un intervento del comune si evidenzia che la problematica è esplosa dopo i lavori effettuati per la modifica della condotta di Portinenti

Santa Marina Salina - Sabato sera, alle ore 21.30, nella chiesa Maria SS. Addolorata si svolgerà il concerto della corale S.Sebastiano dei Vigili Urbani di Palermo in occasione dei festeggiamenti della Madonna Addolorata

Edilizia convenzionata e agevolata. Interrogazione di Lauria (UDC) AL SINDACO DEL COMUNE LIPARI e.p.c. AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE LIPARI
Oggetto: Interrogazione urgente. Il sottoscritto, nella qualità di Consigliere Comunale, interroga la S.S. per conoscere: 1) se a tutti i proprietari dei terreni interessati dalla realizzazione di alloggi di edilizia convenzionata agevolata e delle caserme proposta dalla Società A.T.I.-Lipari è stato notificato l’avvio del procedimento prima della Conferenza dei Servizi tenutasi giorno 2 settembre. 2) se non ritiene opportuno, al fine di garantire la massima trasparenza, pubblicare nel sito del Comune l’elenco delle ditte proprietarie interessate; 3) se nel lotto di costruzioni che ricade nell’ambito demaniale della frazione di Quattropani risultano presentate delle istanze di legittimazione da parte di possessori ultraventennali o di Decreti assessoriali di affrancazione. Il sottoscritto resta in attesa di una risposta scritta tramite il Messo Comunale persistendo la situazione disastrosa dell’Ufficio Protocollo che continua a destare disagi ai cittadini ed allo stesso Ente. Situazione che, inspiegabilmente, la S.S. a distanza di mesi non intende ancora sanare. Fa presente che in mancanza di un pronto riscontro informerà l’Autorità Amministrativa e Giudiziaria. Distinti saluti. BARTOLO LAURIA Consigliere Comunale UDC

Proteste per soppressione collegamento con Palermo da parte dell'Ustica Lines - Una quindicina di persone che da Filicudi dovevano raggiungere Palermo non hanno potuto farlo poichè il comandante del mezzo dell'Ustica Lines, partito da Milazzo, non appena giunto nell'isola ha ritenuto di non dover proseguire verso il capoluogo regionale. Agli utenti è stato comunicato che ciò avveniva a causa delle avverse condizioni meteomarine. Tesi che non convince i passeggeri che hanno chiamato in redazione per protestare. Quello di ieri doveva essere l'ultimo collegamento stagionale per Palermo. I malcapitati per tornare a casa si sono dovuti sobbarcare tutta una serie di cambi.


Premiata a Castel Bolognese la judoka eolian-romagnola Federica Ristuccia- La judoka "eolian-romagnola" Federica Ristuccia "Eolian Romagnola" è stata premiata il 10 settembre scorso in occasione della "14° settimana dello sport". In tale contesto si è svolta la premiazione di società e atleti da parte dell'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CASTEL BOLOGNESE e A.R.S.- C .R.A. BCC.
In piazza, nel portico, si sono esibiti tutte le sere i giovani delle varie discipline sportive.
Una bella manifestazione che si svolge ogni anno e che vede sfilare tutti gli atleti con la premiazione di uno per società.
Allestito anche uno stand gastronomico e una pesca di beneficenza. serata iniziale con sfilata di tutti gli atleti e serata dedicata alla premiazione di un atleta per ogni società.




Il commissario straordinario di Tirrenia ha pubblicato l'invito a manifestare interesse per la compagnia entro il 29 settembre. Resta fuori Siremar. Il commissario straordinario di Tirrenia, Giancarlo D'Andrea, rilancia la gara per la privatizzazione della società, pubblicando su alcuni quotidiani un invito a manifestare interesse per l'acquisto entro il 29 settembre. La principale novità rispetto al bando precedente è l'esclusione di Siremar, la compagnia regionale siciliana, che sarà dismessa con procedure separate. Ciò dovrebbe attrarre quegli armatori che avevano abbandonato la gara precedente, proprio perché non volevano accollarsi la compagnia regionale

Ai domiciliari il tunisino arrestato a Lipari - Il gip del Tribunale di Barcellona, Paolo Corda, ha concesso, al termine dell'udienza di convalida, il beneficio degli arresti domiciliari all'immigrato tunisino residente a Lipari, Hichem Hnaiem, 29 anni che venerdì scorso aveva ferito gravemente con un taglio al volto un connazionale, picchiandone altri due accorsi in soccorso del ferito. La richiesta di concedere i domiciliari al tunisino nella sua casa di Lipari è stata avanzata dal difensore avv. Alberto Calzavara che ha dimostrato al giudice che l'immigrato è perfettamente integrato sull'isola, tanto da disporre di un alloggio e di un lavoro. Il giovane straniero era finito in carcere sabato scorso con le gravi accuse di tentato omicidio, lesioni personali aggravate e porto abusivo d'armi. Secondo l'accusa iniziale durante una cruenta lite scoppiata nel centro storico di Lipari, l'immigrato avrebbe ferito al volto, con un fendente che ha provocato un vasto taglio al viso, un connazionale e malmenato altri due. Tutti sono finiti in ospedale. L'accusa di tentato omicidio mossa dai carabinieri è apparsa inconsistente e all'indagato è stato contestato il reato di lesioni gravi, oltre al porto abusivo di coltello. (l.o.)


LIPARI: CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI "EDUCARSI PER EDUCARE"- Il corso di formazione per genitori si prefigge lo scopo di sviluppare o migliorare la sensibilità e le competenze necessarie per risolvere i numerosi e complessi problemi che insorgono quotidianamente nella vita familiare. Tali capacità, una volta acquisite, facilitano la soluzione dei problemi e contribuiscono progressivamente alla creazione di un clima affettivo e relazionale soddisfacente e produttivo per l'intera famiglia.
Il corso si propone come obiettivo primario la crescita personale e professionale dei genitori per svolgere al meglio la difficile funzione genitoriale.
Il corso è rivolto ai genitori desiderosi di migliorare la capacità di comunicazione e la capacità relazionale con i propri figli, al fine di poter significativamente ed efficacemente incidere sul processo evolutivo della loro crescita psicofisica, socio-affettiva e relazionale.
Il Corso permetterà l'acquisizione di competenze specifiche peculiari dell'approccio Centrato sulla Persona: il rispetto reciproco, la Congruenza e l'Empatia che consentiranno di saper vivere con successo il ruolo di genitori e la difficile relazione: madre-figlia/o; padre-figlia/o.
L'inizio del Corso è previsto per il mese di Ottobre 2010. ll Corso è a numero chiuso ( 25 partecipanti ) e sarà strutturato in 12 incontri, l´attivazione è subordinata al raggiungimento del numero minimo di 15 partecipanti. Per ricevere il PROGRAMMA dettagliato del Corso, per informazioni ed iscrizioni contattare la Segreteria dell´Associazione: tel. 090-9217760, cell. 333-8300557.
Al termine del Corso di Formazione ai partecipanti ( che non avranno superato n° 3 assenze ) sarà rilasciato un Attestato di partecipazione.

SBARCA ANCHE A MESSINA "FUTURO E LIBERTA' PER L'ITALIA"

COMUNICATO STAMPA DEL 16.09.2010
La costituzione alla Camera ed al Senato dei gruppi autonomi di parlamentari provenienti dal PDL, denominati "Futuro e Libertà per l´Italia", dopo l´espulsione di fatto di Gianfranco Fini dal Popolo della Libertà, pone a tutti coloro che hanno apprezzato ed apprezzano la linea politica di costruzione di una destra moderna ed europea portata avanti dal Presidente della Camera,di trarre le necessarie conseguenze.
Abbiamo costituito anche al Comune di Messina il gruppo di "Futuro e Libertà per l´Italia", perché abbiamo l´ambizione di dare un fattivo contributo alla costruzione , con quotidiano entusiasmo di un grande partito degli italiani.
Occorre ritrovare un rinnovato senso delle istituzioni, costruire una nuova classe dirigente valorizzando i tanti giovani che vogliono accettare la sfida del futuro, riscoprendo la capacità di rischiare e la forza di innovare. E´ fondamentale, soprattutto, coniugare in politica l´ impegno civico con l´etica.
Noi riteniamo che la politica debba essere messa nelle mani di una "cittadinanza attiva" che non sia asservita o controllata in modo verticistico, per questo bisogna impegnarsi:
o per l´affermazione di un progresso sociale ed economico diffuso, per la promozione della qualita´ della vita, per il recupero e la valorizzazione economica dei beni ambientali del nostro territorio;
o per la tutela dei diritti di tutti i cittadini uguali di fronte alla pubblica amministrazione;
o per l´affermazione di una cultura dell´accoglienza e della solidarieta´ verso i soggetti deboli o svantaggiati;
o per la politica intesa come strumento per la mobilitazione delle coscienze di tutta la cittadinanza.

Nello Pergolizzi Claudio Canfora Giuseppe Trischitta

Santa Marina Salina: arrestato dai Carabinieri un 21enne del luogo per detenzione di sostanza stupefacente

COMUNICATO STAMPA
Nel pomeriggio di ieri, in Santa Marina Salina, i Carabinieri della locale Stazione, nell’ambito di predisposti servizi finalizzati alla prevenzione e repressione di reati in genere, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente, il 21enne ALIZZO Simone, nato a Milazzo e residente nel Comune di Malfa.
I militari operanti, nel corso di un controllo dei passeggeri che sbarcavano da un aliscafo, hanno notato il giovane che, alla loro vista, assumeva atteggiamento sospetto. Sottoposto a perquisizione personale ALIZZO Simone veniva trovato in possesso di gr. 42 di hashish. Nella successiva perquisizione domiciliare, i Carabinieri rinvenivano altresì un bilancino di precisione e la somma in contanti di €. 1.100,00, ritenuta provento di attività illecita connessa allo spaccio di sostanze stupefacenti.
Il materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro mentre il prevenuto, dopo le formalità di rito e su disposizione dell’A.G., è stato accompagnato presso l’abitazione in regime degli arresti domiciliari.

Come erano le Eolie ..e gli eoliani (123° puntata) (R)

Continua il "viaggio fotografico" attraverso la rubrica "Come erano le Eolie...e gli eoliani".
Per molti sarà un viaggio nel passato, per altri sarà uno scoprire un parte delle "radici", una parte di queste isole e di coloro che le hanno popolato ed amate, per molti rivedere volti conosciuti, per altri ancora rivedersi.. come non si è più.
Chiunque volesse contribuire alla riuscita di questa rubrica e vuole proporre foto delle Eolie, di personaggi, di avvenimenti può farcele pervenire a questa mail http://ssarpi@libero.it
In caso di problemi di scannerizzazione si possono affidare a noi le foto contattandoci al 339.57.98.235.
Le foto cartacee saranno restituite
Nelle foto di oggi:
1) da sinistra: Fausto Amendola, Adolfo Sabatini, Nicola Biviano e Mariano Bruno
2) Una partita di pallavolo dello Snoopy maschile al campetto delle elementari a Lipari
3) Rossella Persiani e Rosellina Natoli
4) Nino Di Mech con la maglia della Polisportiva Canneto

Diramati i calendari di prima categoria.Per la Ludica c'è subito il Sacro Cuore, in trasferta. I meccanismi di promozione e retrocessione

Diramati ieri i calendari del campionato di Prima Categoria che scatterà domenica 26 Settembre, con 31 messinesi inserite in tre gironi. Nel girone D, invece, si parte subito con i due derby Riviera dello Stretto-Piero Mancuso e Ghibellina-Pistunina ed un interessante S. Cuore-Ludica Lipari. .
Formula: la prima classificata di ogni girone approda in Promozione, mentre, vanno ai playoff le squadre classificate dal secondo al quinto posto, con ulteriori quattro promozioni tra le vincenti i playoff di tutti i gironi. L'ultima classificata di ogni girone retrocede direttamente ed un'altra squadra retrocederà dopo un playout tra la terz'ultima e penultima classificata.
Date: si parte il 26 settembre e il girone d'andata si conclude il 12 dicembre. La prima di ritorno si gioca il 19 dicembre e il campionato terminerà il 10 aprile.
Soste: non si giocherà il 26 dicembre e il 2 gennaio 2011. Poi, ci sarà una lunga sosta di venti giorni, perché non si giocherà il 6 e 13 marzo e si riprenderà il 20 marzo.
Turno Infrasettimanale: sarà soltanto uno. Si giocherà la dodicesima d'andata, mercoledi 8 dicembre
IL CALENDARIO DEL GIRONE D
1. GIORNATA
and. 26-9-10 / rit. 19-12-10
Antillese-Valle del Mela
Roccalumera-Itala
Ghibellina-Pistunina
Nizza-Orsa
Pro Mende-Furci
Riv. dello Stretto-Piero Mancuso
Sacro Cuore-Lipari
2. GIORNATA
and. 3-10-10 / rit. 9-1-11
Furci-Riv. dello Stretto
Lipari-Pro Mende
Orsa-Roccalumera
Piero Mancuso-Ghibellina
Pistunina-Antillese
Itala-S. Cuore
Valle del Mela-Nizza
3. GIORNATA
and. 10-10-10 /rit. 16-1-11
Antillese-Piero Mancuso
Roccalumera-Valle del Mela
Ghibellina-Furci
Nizza-Pistunina
Orsa-Itala
Pro Mende-Sacro Cuore
Riv. dello Stretto-Lipari
4. GIORNATA
and. 17-10-10 / rit. 23-1-11
Furci-Antillese
Lipari-Ghibellina
Piero Mancuso-Nizza
Pistunina-Roccalumera
Sacro Cuore-Riv. dello Stretto
Itala-Pro Mende
Valle del Mela-Orsa
5. GIORNATA
and. 24-10-10 / rit. 30-1-11
Antillese-Lipari
Roccalumera-Piero Mancuso
Ghibellina-Sacro Cuore
Nizza-Furci
Orsa-Pistunina
Riv. dello Stretto-Pro Mende
Valle del Mela-Itala
6. GIORNATA
and. 31-10-10 / rit. 6-2-11
Furci-Roccalumera
Lipari-Nizza
Piero Mancuso-Orsa
Pistunina-Valle del Mela
Pro Mende-Ghibellina
Sacro Cuore-Antillese
Itala-Riv. dello Stretto
7. GIORNATA
and. 7-11-10 / rit. 13-2-11
Antillese-Pro Mende
Roccalumera-Lipari
Ghibellina-Riv. dello Stretto
Nizza-Sacro Cuore
Orsa-Furci
Pistunina-Itala
Valle del Mela-Piero Mancuso
8. GIORNATA
and. 14-11-10 / rit. 20-2-11
Furci-Valle del Mela
Lipari-Orsa
Piero Mancuso-Pistunina
Pro Mende-Nizza
Riv. dello Stretto-Antillese
Sacro Cuore-Roccalumera
Itala-Ghibellina
9. GIORNATA
and. 21-11-10 / rit. 27-2-11
Antillese-Ghibellina
Roccalumera-Pro Mende
Nizza-Riv. dello Stretto
Orsa-Sacro Cuore
Piero Mancuso-Itala
Pistunina-Furci
Valle del Mela-Lipari
10. GIORNATA
and. 28-11-10 / rit. 20-3-11
Furci-Piero Mancuso
Ghibellina-Nizza
Lipari-Pistunina
Pro Mende-Orsa
Riv. dello Stretto-Roccalumera
Sacro Cuore-Valle del Mela
Itala-Antillese
11. GIORNATA
and. 5-12-10/ rit. 27-3-11
Roccalumera-Ghibellina
Furci-Itala
Nizza-Antillese
Orsa-Riv. dello Stretto
Piero Mancuso-Lipari
Pistunina-Sacro Cuore
Valle del Mela-Pro Mende
12. GIORNATA
and. 8-12-10 / rit. 3-4-11
Antillese-Roccalumera
Ghibellina-Orsa
Lipari-Furci
Nizza-Itala
Pro Mende-Pistunina
Riv. dello Stretto-Valle del Mela
Sacro Cuore-Piero Mancuso
13. GIORNATA
and. 12-12-10 / rit. 10-4-11
Roccalumera-Nizza
Furci-Sacro Cuore
Orsa-Antillese
Piero Mancuso-Pro Mende
Pistunia-Riv. dello Stretto
Itala-Lipari
Valle del Mela-Ghibellina

Fermiamo il dittatore (Il fotomontaggio di Piero Roux)


mercoledì 15 settembre 2010

Nuovo look per la caserma dei vigili del fuoco di Lipari

Le dimensioni della struttura restano, purtroppo, anguste ma, perlomeno, da oggi la caserma dei vigili del fuoco di Lipari, ubicata all'inizio della zona di Bagnamare, ha un nuovo, più efficace (visibilmente parlando), look.
Grazie all'opera e all'intraprendenza del turno C (caposquadra Aurelio Coglitore) la struttura è stata assoggettata ad un vero e proprio lifting del quale, in questo momento, la parte più evidente è rappresentata dalla nuova tinteggiatura effettuata con un colore che sicuramente meglio si inquadra nel contesto di quelli che dovrebbero essere i colori delle case eoliane.
Altri interventi saranno posti in essere a seguire, ad esempio uno di questi sarà rappresentato dall'impermeabilizzazione del tetto.
Per dare un nuovo look al distaccamento di Bagnamare sono stati impegnati da stamani, e sino a qualche ore fa, i diversi componenti della squadra di Coglitore (caposquadra in testa)
Il materiale per l'intervento, ovviamente, è stato messo a disposizione dal comando provinciale dei VV.FF.

Le esibizioni culturali di una cultura che non esiste. Pensierino della sera (di Lino Natoli)

(Lino Natoli)Dalle nostre parti parliamo spesso di cultura, quasi mai la pratichiamo. Ci vantiamo di una storia che risale a circa settemila anni fa, raramente la conosciamo. Invochiamo con frequenza la cultura eoliana, ma non sappiamo bene di cosa si tratti. Forse facciamo riferimento alle decine di libri di autori locali (talvolta pseudo-locali) che ogni anno vengono pubblicati e presentati presso confortevoli giardini ma regolarmente mai letti. Stessa cosa si potrebbe dire per altre forme di espressione artistica molto esibite e poco frequentate. Nell'ampia area della cultura autoctona facciamo rientrare l'architettura eoliana, pressocchè del tutto distrutta; la cucina eoliana, della quale si hanno rari esempi e qualche macchiettistica testimonianza (tranquilli: non voglio ritirare fuori la storia dei sassi bolliti); l'ospitalità eoliana, ormai relegata nella categoria del mito dai fatti di cui siamo tutti testimoni durante il periodo estivo. Insomma, per non farla tanto lunga, ci rivoltiamo nella nostra stessa cultura come fanno certi animali i quali, però, non se ne vantano.
La premessa nasce dal riascolto di una celebre espressione di Pasolini che distingueva nettamente il progresso dallo sviluppo. Vi può essere, infatti, progresso senza sviluppo. Osservando quanto è avvenuto durante la festa di San Bartolo sarebbe facile parlare di sottosviluppo, ma questa è un'altra storia. Attenzione però, non secondaria e neppure banale. Perchè sono stati giorni in cui si è avuta l'impressione che tutto fosse andato fuori controllo. L'ambiente esotico da Africa degli inizi del novecento è stato così ben riprodotto da sembrare vero, anche negli eccessi più violenti.
Pasolini metteva in guardia dal non identificare il progresso con lo sviluppo, anzi smascherava certo progresso portatore di sottosviluppo. Una lezione abbondantemente nota che non riusciamo a comprendere. In nome del progresso abbiamo distrutto alcune tra le più belle e suggestive aree del nostro territorio, cancellato tracce nobili della nostra autentica storia e cultura, sacrificato tutte le spiagge esistenti a Lipari da Portinente a Pignataro, massacrato il centro storico, offeso le più belle aree panoramiche dell'isola. Ma non siamo sazi. Non ancora. La bulimia di progresso, unita all'incapacità di programmare lo sviluppo e di proteggere il territorio, ha portato a credere (e questa volta non uso di proposito la prima persona plurale) che tutta l'organizzazione del turismo potesse risolversi con la costruzione di un numero sconsiderato di strutture ricettive, indipendenti dall'analisi dei flussi turistici, slegate persino si direbbe ostili alla contemporanea crescita tecnico-professionale e culturale in ambito propriamente turistico. Ne consegue che di fronte ai problemi procurati da un progresso senza sviluppo, si invochi ulteriore progresso da sottosviluppo. Dunque si accarezzano terrificanti sogni di megaporti e aeroporti che segnerebbero la fine di quest'isola, della sua pretesa tipicità, condannandola al degrado perenne. Tuttavia questa visione perversa dello sviluppo che non immagina il futuro, non lo anticipa, non si cura del territorio, non valorizza le risorse, dilapida, sfrutta, consuma, divora, corrode, corrompe il valore della socialità e il senso del bene comune, illude l'individualismo, disprezza l'affermazione ed il rispetto delle regole comuni, trasforma l'amicizia in comparaggio, il diritto in favore, il favore in obbligo non è solo di certa politica. Non è prerogativa esclusiva di chi ha o ha avuto responsabilità politiche. Infatti tutto questo è entrato pericolosamente nella nostra cultura, nel nostro modo di pensare. Soprattutto è diventato parte della visione delle cosiddette classi dirigenti che dovrebbero assumersi la responsabilità di guardare al futuro di queste isole. Mi riferisco non solo ai cosiddetti politici, ma anche e soprattutto agli imprenditori che hanno fatto ingenti investimenti nel turismo, a coloro che si occupano di cultura (ci risiamo), a quelli che scrivono, educano, insegnano. Se non creiamo sviluppo non avremo progresso. E non è detto che questo non significhi sacrificare certo progresso. Questa mi pare la vera sfida culturale dei prossimi anni, forse ci arriviamo con troppo ritardo, ma non vedo altre alternative. Una sfida che assume connotati politici evidentissimi, ma è la storia di questi ultimi dieci anni che richiama tutti alle proprie responsabilità. Una ubriacatura di ignavia e d'indolenza che ha lasciato umiliare queste isole esponendole a tutti i rischi, non ultimo quello del ridicolo. Perchè vantarsi di ciò che si vorrebbe essere, di ciò che si dovrebbe essere, di ciò che si potrebbe essere e non si è può suscitare la divertita compassione dei graditi ospiti di confortevoli giardini che assitono alle esibizioni culturali di una cultura che semplicemente non esiste.

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

147 appartamenti e 2 caserme. Doverosa risposta al Pd (di Aldo Natoli) - E' ben lungi dal sottoscritto voler alimentare polemiche con il Partito Democratico sull'argometo che riguarda la costruzione dei 147 alloggi di edilizia agevolata-convenzionata e delle due caserme, perchè ciò farebbe il giuoco di coloro che vedono di buon occhio la speculazione edilizia programmata.
Ma se il "disinformato" e il "meno attento" è riferito al sottoscritto ribadisco che l'aspetto del danno ambientale, da me sollevato, che inevitabilmente scaturirà da certe scelte, è sfuggito al PD.
Tale convinzione è data dalla rilettura attenta del comunicato del PD del 09.09.2010, ove emerge soltanto, tra l'altro, l'attenzione all'aspetto urbanistico della faccenda.


Lavori smantellamento pontile ex Italpomice- Proseguono ad Acquacalda i lavori di smantellamento e rimozione del pontile ex Italpomice che, come si ricorderà ,è in parte crollato sotto l'azione dei marosi e in parte è stato ritenuto pericoloso per la pubblica incolumità. I lavori, che stanno ancora interessando la parte a terra (vedi video) sono eseguiti dalla ditta di Angelino Biviano


Commissario Tirrenia ottimista su proroga- Il commissario straordinario di Tirrenia, Giancarlo D'Andrea, e' moderatamente ottimista sulla possibilita' di ottenere dalla Commissione europea la proroga delle convenzioni, in scadenza il prossimo 30 settembre, nell'ottica della prosecuzione del processo di privatizzazione della compagnia.
Lo hanno riferito i sindacati al termine dell'incontro con il commissario che li ha informati sul nuovo bando per le manifestazioni di interesse per Tirrenia, pubblicato oggi.
D'Andrea, sempre secondo quanto riferiscono i sindacati, ha informato sulla spedizione effettuata la scorsa settimana insieme al governo proprio sulla richiesta di proroga delle convenzioni, compatibilmente comunque con i tempi stabiliti dalla legge Marzano che sono 180 piu' 90 giorni.

Dimissioni in massa dalla neonata A.C.E. (Associazione consumatori eoliani) Comunicato: Il giorno 14 c.m. i sottoelencati componenti del Consiglio Direttivo della neo- costituita A.C.E. – Associazione Consumatori Eoliani - hanno ritirato la loro adesione all’Associazione, rimettendo le rispettive cariche:
Enzo Mottola – Vice Presidente
Antonietta Starvaggi – Segretario
Virginia Cafarella - Tesoriere
Francesco Bertè – Consigliere
Alessandro Starvaggi – Consigliere.
La decisione è scaturita dalla mancanza di condivisione sui criteri organizzativi ed operativi dell’Associazione.
Tuttavia i Consiglieri uscenti formulano gli auguri per un proficuo lavoro nell’esclusivo interesse degli Eoliani.

L'attore Claudio Gioèa Stromboli- Il noto attore palermitano Claudio Gioè ha concluso le sue vacanze alle Isole Eolie. Gioè è stato a Stromboli, ospite dell'amico Maurizio Ballariano. L'attore ha ottenuto un notevole successo in televisione nel ruolo di Totò Riina nella miniserie "Il capo dei capi".

Lombardo,martedi' presento nuovo governo. Presidente Sicilia lo annuncia a margine dei lavori dell'Ars- 'Martedi' prossimo in aula presentero' la nuova giunta e il nuovo programma di governo'. Lo ha detto il presidente della Sicilia, Lombardo. L'annuncio e' stato fatto a margine dei lavori d'aula ieri all'Ars. Si tratterebbe del quarto governo in due anni presieduto da Lombardo. Attualmente la maggioranza che sostiene il Governatore e' formato dal Mpa, dal Pdl Sicilia, dall'Api con l'appoggio esterno del Pd

Scuola. Le perplessità dell'assessore regionale Centorrino

Intervista all'assessore regionale all'Istruzione, Mario Centorrino, sull'apertura del nuovo anno scolastico dopo la riforma operata dal ministro Gelmini

Edilizia agevolata- programma costruttivo 147 alloggi. Precisazioni del PD

Riceviamo e pubblichiamo:
Per i "disinformati" e i "meno attenti" si ricorda che sull'edilizia agevolata- programma costruttivo 147 alloggi vi è un comunicato del Partito Democratico pubblicato su tutti i siti web d´informazione locale in data 09 settembre 2010 (http://eolienews.blogspot.com/2010/09/ci-risiamo-programma-costruttivo-per.html) con la quale si evidenziava e criticava il modo e le procedure per l´eventuale realizzazione di un programma costruttivo di 147 alloggi in economia agevolata, addirittura con sospetti di illegittimità come da varie parti affermato, e concludendo che "in assenza di un documento di programmazione del fabbisogno e di una soluzione concreta ed immediata per le attuali cooperative edilizie del nostro territorio il programma in questione finirebbe per aumentare il carico edilizio rivolto solo al mercato speculativo. E di ciò gli eoliani non hanno proprio bisogno!!!!"
Evidentemente a qualcuno sarà sfuggito!!!!! COSI´ COME SARA' SFUGGITO CHE IL PD E´ DA SEMPRE VIGILE ED ATTENTO ALLE PROBLEMATICHE AMBIENTALI. Bastava SOLTANTO LEGGERE IL COMUNICATO ......o leggerlo attentamente.
Ma non fa niente............. capita!!!!!!
Lipari, 15/09/2010
Giacomo Biviano (Consigliere Comunale PD).

Lettere al direttore. Ci scrive Lorenzo Casamento: "Salviamo i piccoli segni della antropizzazione isolana e della devozione dei nostri avi"

Caro Salvatore,
allego tre foto di tre piccole "chiesette" tipiche di Lipari: Una si trova nel ex Villaggio Francese (Donna Ina) ed è ben tenuta. Un'altra, sempre nello stesso luogo, piccolissima, è ormai semidiruta, e quella di San Francesco, sulla omonima Punta, è senza Croce e non in buone condizioni nell'intonaco esterno.
Insomma su tre se ne salva solo una.
E' un peccato che si lascino cadere queste piccoli segni dell'antropizzazione isolana e della devozione dei nostri avi.
Un intervento della Soprintendenza (o della Comunità Locale che sarebbe ancora più gradito) per ripristinarli sarebbe opportuno per evitare di perdere definitivamente queste testimonianze che tipicizzano il panorama della costa di Capistello.
Saluti
Lorenzo Casamento
Un appello che non possiamo che condividere e fare nostro girandolo a chi ha competenza. O magari, sperando, nell'intervento di qualche imprenditore edile locale che possa fare qualcosa!

Sottomonastero e Scaliddi. L'ampio sgrottamento desta preoccupazione

Un sopralluogo è stato eseguito dall'ing. Cicirelli (Genio civile opere marittime di Palermo) e dal comandante del Circomare Lipari Giuseppe Donato nell'area portuale di Sottomonastero e nella zona di Punta Scaliddi interessata da un ampio fenomeno di sgrottamento.
La situazione da quanto è emerso non è delle migliori e ciò potrebbe creare non poche difficoltà alle operazioni di imbarco e sbarco e, presumibilmente, anche all'uso di Punta Scaliddi quale scalo alternativo per gli aliscafi.
Quest'oggi, infine, il comandante del porto, unitamente a capo Michele La Torre e a capo Fabio La Porta ha avuto un breve incontro in area portuale con l'architetto Biagio De Vita del comune di Lipari (vedi foto).
La spesa da sostenere per eliminare l'attuale situazione sarebbe notevole ma è pur vero che non si può mettere a rischio la mobilità dei cittadini. Motivo, per cui, bisogna attivarsi al più presto.

Come erano le Eolie ..e gli eoliani (122° puntata) (R)

Continua il "viaggio fotografico" attraverso la rubrica "Come erano le Eolie...e gli eoliani".
Per molti sarà un viaggio nel passato, per altri sarà uno scoprire un parte delle "radici", una parte di queste isole e di coloro che le hanno popolato ed amate, per molti rivedere volti conosciuti, per altri ancora rivedersi.. come non si è più.
Chiunque volesse contribuire alla riuscita di questa rubrica e vuole proporre foto delle Eolie, di personaggi, di avvenimenti può farcele pervenire a questa http://ssarpi@libero.it
In caso di problemi di scannerizzazione si possono affidare a noi le foto contattandoci al 339.57.98.235.
Le foto cartacee saranno restituite
Nelle foto di oggi:
1) Caserma dei carabinieri a Canneto (anno 1956)
I civili: al centro seduto Francesco Di Lorenzo (oggi residente a Melbourne), dietro in piedi Benedetto Ficarra
I militari accosciati: a sinistra il carabiniere Angelo Manni (oggi residente a Canneto) a destra il carabiniere Michele Paletta (deceduto circa 10 anni fa)
2) Cava di pomice di Acquacalda al tempo della Ditta Gaetano Saltalamacchia & figli (fine anni 40)
3) Gita scolastica a Serra dell'Istituto Tecnico (anno scolastico 1947-48)

EOLIE IN VENDITA di Aldo Natoli

(Aldo Natoli) Dopo aver preso visione del verbale sottoscritto dai partecipanti alla Conferenza dei servizi che si è svolta in merito al programma costruttivo per la costruzione di 147 alloggi di edilizia agevolata- convenzionata da realizzarsi nel Comune di Lipari dalla società A.T.I-Lipari, ritengo opportuno tornare sull’argomento.
Nei Comuni la vigente normativa attribuisce ogni competenza in materia urbanistica al Consiglio Comunale. A Lipari il massimo organo deliberativo viene costantemente delegittimato dal comportamento del Primo Cittadino, che evidentemente non gradisce molto le regole della democrazia che si estrinsecano ottenendo la maggioranza dei voti assembleari.
Questa considerazione nasce spontanea leggendo la comunicazione di avvio del procedimento fatta dal Comune ad un cittadino proprietario di un terreno a Pianogreca che rientra nell’area interessata dal citato programma costruttivo. Nel documento infatti viene ribadito dal Dirigente del Comune “che è intendimento di questa Amministrazione pervenire all’approvazione del progetto dell’opera”.
Come dire “quest’opera sa da fare”, a prescindere della volontà del Consiglio Comunale.
Il Sindaco Bruno nell’intervista rilasciata a conclusione della Conferenza dei servizi, che si è svolta nell’assoluta riservatezza, con la stanza pattugliata dalla Polizia Municipale, impedendo anche a noi della stampa di scattare delle foto, ma con la presenza dell’Arma dei Carabinieri che non sembra avere alcun titolo per partecipare dal momento che in discussione era il “programma costruttivo” e non la “progettazione delle caserme” delle quali comunque la titolarità è del Comune, ci ha comunicato che su questo, e sull’aspetto urbanistico, fornirà ogni chiarimento il Dirigente del III° Settore, Arch. Biagio De Vita.
Restiamo quindi in attesa di una, speriamo imminente, conferenza stampa che possa chiarire i vari dubbi evidenziati che, dall’analisi attenta del verbale della conferenza persistono.
Il programma costruttivo dei 147 alloggi prevede infatti il loro insediamento nelle zone agricole che hanno un indice di edificabilità molto basso (0,03 mc./mq.), un forte frazionamento terriero, ed un vincolo paesaggistico sul quale attendiamo il parere della Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina.
Tale occupazione può avvenire soltanto se nelle zone “C” degli strumenti urbanistici le aree a disposizione per questo tipo di attività sono sature. Nutro molti dubbi che le zone “C” possano dichiararsi sature sia nel Programma di Fabbricazione che nel Piano Regolatore Generale visto che le cooperative che dovevano insediarsi a Pianoconte sono state costrette a ricercare l’acquisto di terreni in altro sito.
Mi domando, considerato l’intendimento dell’Amministrazione Comunale, perché queste cooperative non sono state trasferite nelle zone agricole. E comunque l’impossibilità di disporre di aree in zona “C” deve essere puntualmente documentata dal Dirigente e non semplicemente enunciata facendo riferimento allo studio dell’Ing. Miceli che risale all’anno 2008. La verifica deve essere aggiornata al momento della trattazione dell’intervento tenuto conto che, come ribadito dal Dirigente Generale dell’Assessorato Territorio ed Ambiente, Ing. Maurizio Agnese, con la nota prot. n° 56836/09, bisogna preliminarmente procedere alla quantificazione dei fabbisogni, così come, tra l’altro, è stato ben evidenziato dal Consigliere Comunale Pietro Lo Cascio nella nota consegnata al Sindaco del Comune sull’argomento.
In atto questo studio, propedeutico alla stessa Conferenza dei servizi, non risulta essere stato effettuato e certificato.
Da precisare che l’aumento demografico nel Comune di Lipari in questi ultimi anni deve ritenersi irrisorio. Infatti al 31 dicembre 2009 il Servizio Anagrafe ha registrato un aumento di 29 abitanti (11.268-11.239) ed al 31 luglio del 2010 di appena 22 abitanti (11.290-11.268).
Il Sindaco ed il Dirigente non possono ignorare infatti la Sentenza n° 11/09 del TAR di Catania che ha visto soccombere le cooperative Libertas, Eoliespress e Panarea , per la mancanza di questa quantificazione, e della relativa diffida fatta all’Ente da parte dell’Assessorato Territorio ed Ambiente, nonchè del risarcimento dei danni richiesto dalle citate cooperative. Ma a queste considerazioni se ne aggiunge un’altra ancora più preoccupante, sulla quale il Sindaco Bruno continua a non rispondere.
La Societa A.T.I. Lipari ha chiesto al Comune di poter effettuare il programma costruttivo nelle zone agricole. E’ chiaro che questo comporta uno stravolgimento urbanistico in queste aree verdi (la zona “F4” di Panarea fortunatamente è stata stralciata. Resta la tipologia edilizia (che contrasta con la normativa).
In cambio di tale “costo ambientale” la società offre al Comune la costruzione di due caserme dei Carabinieri, dietro il relativo compenso rappresentato dalla gratuità degli oneri concessori, che sono soldi che vanno nelle casse comunali. Ma non solo. Chiede anche la cessione gratuita di alcuni terreni comunali a Quattropani. Quindi i cittadini del Comune debbono, oltre al danno ambientale, farsi carico del costo relativo alla costruzione delle caserme e dei terreni demaniali, alcuni dei quali dovrebbero essere sottratti a quanti ne hanno da tempo chiesto la legittimazione. A ciò deve aggiungersi, come precedentemente evidenziato, che l’assegnazione della costruzione delle caserme senza effettuare un gara di evidenza pubblica, così come previsto dalla Legge, impedisce al Comune di usufruire del ribasso d’asta.
Che le caserme dei Carabinieri sono necessarie è fuori di ogni dubbio, e tutti i cittadini ritengo siano di questo avviso. Ma per costruire le caserme esistono finanziamenti europei, nazionali e regionali, e mi sorprende come l’Amministrazione Comunale non abbia fino ad oggi avvertito l’esigenza di usufruire di queste agevolazioni.
Esistono i mutui che vengono erogati dalla Cassa Depositi e Prestiti con le rate equivalenti alle mensilità dell’affitto. Non si comprende pertanto perché il Sindaco di Lipari, anziché accedere a queste varie possibilità, preferisce far gravare su i cittadini, già tartassati dalle varie tassazioni comunali, questo costo, al quale si aggiunge, come precisato, il notevole danno al paesaggio. Mi sorprende come questo aspetto non sia stato attenzionato dal Partito Democratico, nell’intervento appena pubblicato, che di solito è molto attento ai problemi legati alla tutela dell’ambiente.
In ultimo bisogna ricordare che, se le voci del Palazzo rispondono al vero, il Piano Regolatore Generale dovrebbe essere in dirittura di arrivo. Ma a che cosa serve questo importante strumento di pianificazione urbanistica se viene stravolto dall’Amministrazione Comunale prima ancora di arrivare?