Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 20 dicembre 2014

"Corvi" della politica messinese, condannato il deputato regionale Picciolo

Il deputato regionale Giuseppe Picciolo, capogruppo dei Drs all’Ars, è stato condannato a due anni e sei mesi per calunnia nell’ambito di un processo scaturito sulla vicenda dei cosiddetti ‘corvi’ che avrebbero inviato lettere anonime sui palazzi della politica messinese. Assolto per non aver commesso il fatto l’ex consigliere comunale Francesco Curcio. Picciolo è stato invece assolto sempre nell’ambito del medesimo processo per un’altra lettera perché sopravvenuta la prescrizione. Picciolo e Curcio militavano insieme nel Pd ed avrebbero siglato due missive, indirizzate all’ora sindaco Francantonio Genovese, alla Procura ma anche ad altri uffici, accusando l’ex assessore comunale, avvocato Antonio Catalioto, e l’ex commissario liquidatore di Messinambiente, Antonino Dalmazio, di una cattiva gestione di alcune vicende, adombrando reati. Le lettere, inviate tra l’agosto 2006 e il giugno 2007, erano attribuite a terzi. In realtà, verificarono gli inquirenti, erano state vergate da Picciolo. Curcio avrebbe sostanzialmente sviato le indagini in merito a una delle due lettere. Le due parti civili, Dalmazio e Catalioto, si sono costituite parti civili, soltanto contro Picciolo. Quest’ultimo deputato regionale continuerà comunque ad occupare il suo posto all’Ars, perché la legge glielo consente. Solo in caso di condanna in appello potrebbe essere sospeso. (ANSA).
“Non spetta a me commentare la sentenza del Tribunale di Messina con cui sono stato condannato per un reato che avrei commesso nel 2006/2007. Con la stessa sentenza, però, sono stato assolto perché il fatto non sussiste per altri due capi d’imputazione mentre per un terzo è stata dichiarata la prescrizione. E’ soltanto una decisione di primo grado che i miei legali, depositata la motivazione, impugneranno”. Lo dice deputato regionale Giuseppe Picciiolo (Pdr), a proposito della sua condanna per diffamazione.
“Non intendo sottrarmi, invece, tenuto conto della funzione politica che ricopro, a trarre, sin da subito, alcune conclusioni anche se non dovute. Sia ben chiaro che non ho approfittato di un euro nella funzione che ricopro all’Ars, né ho commesso reati contro la pubblica amministrazione – aggiunge – La stessa legge ‘Severino’, che ha inasprito pesantemente le sanzioni amministrative nei confronti dei politici sottoposti a procedimenti penali, infatti, per il mio caso non prevede alcuna conseguenza. Lunedì, tuttavia, depositerò, formalmente, per il rispetto che nutro nei confronti delle Istituzioni le dimissioni da capogruppo del Pdr e da componente la Commissione regionale Antimafia. Per il resto continuerò a difendermi nei Tribunali per dimostrare la correttezza delle mie azioni”. (ANSA).

Monolocale affittasi a Lipari centro

Affittasi per brevi o lunghi periodi ampio monolocale in un vicolo del centro di Lipari nei pressi di Marina Corta con cucina soggiorno, divano letto due posti, camera da letto sul soppalco recentemente ristrutturato e climatizzato. 
Il locale può essere affittato anche come ufficio. Per info contattare il seguente recapito 3208708185.

Centro Studi : Dopo un anno altamente positivo...progetti in corso per un nuovo anno di successi e di valorizzazione delle Eolie

 COMUNICATO STAMPA
Giovedì 18 dicembre, presso il ristorante “Chimera” dell’Hotel MEA di Lipari, si è svolta la tradizionale cena natalizia per lo scambio degli auguri tra i soci e gli amici del Centro Studi.
Il presidente Nino Saltalamacchia, dopo aver salutato gli intervenuti, ha presentato i progetti per il nuovo anno volti alla valorizzazione delle Eolie, attraverso l’importante memoria storica.
Sono intervenuti il Sindaco Marco Giorgianni che ha evidenziato la collaborazione fra Comune e Centro Studi e il presidente di Federalberghi isole Eolie Christian Del Bono che ha comunicato la vincita della tombolata fra i giornalisti della stampa estera da parte di una giornalista tedesca che trascorrerà una settimana di vacanze alle Eolie.
Durante la serata è stato creato un collegamento telefonico con il giornalista del Corriere della Sera Gian Antonio Stella e con il Senatore Raffaele Ranucci che ha profuso tanto interesse e impegno affinché Lipari venisse annoverata tra le sedi di Tribunale.
Sono stati quindi proiettati un breve trailer, creato da Marco Mazza, con la sintesi delle iniziative svolte nel 2014, un breve documentario Rai – Italia, realizzato con il supporto del Centro Studi, sull’emigrazione eoliana e gli inediti concessi da Rai Teche “Le isole di fuoco (1958), “Giro intorno ai tre vulcani – l’isola col cuore di fuoco” (1959) e “TSE – scuola media – geografie – le Isole Eolie” (1968).
La serata è stata allietata dal concerto delle arpiste Sabrina e Simona Palazzolo, due giovani talenti che hanno regalato ai presenti momenti di emozione e poesia.
Nella speranza che il nuovo anno sia portatore di pensieri lieti, progetti entusiasmanti e solidarietà costruttiva, il Centro Studi augura un sereno Natale.
Lipari, 20 dicembre 2014
Ufficio Stampa Centro Studi



"Natale è già qui..ma sarà Natale se doni". Rappresentazione a Lipari dei bambini della scuola dell'infanzia ( foto 23° parte)

Serie C2 di calcio a 5. Cadono Salina e Ludica

Doppia sconfitta per le formazioni eoliane impegnate nel campionato di C2.
Il Salina è stato superato per 4 a 2 sul campo del Savio
La Ludica Lipari per 8 a 7 sul campo del Montalbano
E' stata ritrovata una chiave (vedi foto). 
Si trova presso il negozio di fiori di fiori e piante di Enza Travia (di fronte alle scuole elementari)

GdF scova maxi evasione Ici – Imu a Messina, Giardini e Taormina

La Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Messina, nell’ambito dei propri compiti istituzionali in materia di polizia economico–finanziaria, ha concentrato la propria attenzione sui fabbricati e le aree utilizzate per scopi commerciali, industriali o turistici insistenti sulle aree demaniali marittime in concessione, per verificare il corretto versamento di ICl ed IMU.
Negli ultimi cinque anni i finanzieri hanno intensificato i controlli lungo la costa della provincia messinese e constatato un altissimo tasso di evasione di tali imposte. 
Infatti, su 86 concessionari sottoposti a controllo solo 10 hanno provveduto al regolare pagamento (11%), con mancato gettito a favore dei Comuni, di un importo complessivo di oltre 2.200.000 euro. In particolare, nel Comune di Messina l’evasione scoperta e segnalata per il recupero al Dipartimento Tributi è stata di 848.200 euro, a Taormina di 752.523 euro e Giardini Naxos di 587.000 euro. Nello stesso contesto, è stata verificata la posizioni tributaria dei citati concessionari di aree demaniali in merito alla TARSU ed alla TARES, rilevando un mancato gettito complessivo di oltre 590.000 euro, di cui 358.623 euro per il comune di Messina, 60.727 euro per Taormina e 171.516 euro per Giardini Naxos. Per tali ultime imposte i contribuenti risultati in regola sono stati 38 su 76 (50%).
L’attività della Sezione Operativa Navale di Messina proseguirà incessante, con l’obiettivo di controllare la totalità dei soggetti che occupano aree demaniali marittime ubicate nella circoscrizione di competenza del Reparto

Una Commissione d'indagine per Comune di Mazzarrà

Con decreto del Ministro dell’Interno il Prefetto di Messina è stato delegato ad esercitare i poteri di accesso all’interno del Comune di Mazzarrà Sant’Andrea per accertare eventuali tentativi di infiltrazione o di condizionamento di tipo mafioso all’interno dell’apparato politico e amministrativo dell’Ente.
Il rappresentante del Governo ha quindi immediatamente nominato la Commissione d’indagine nelle persone del Dirigente dell’Area II della Prefettura,. Carmelo Musolino, del Dirigente del Commissariato di P.S. di Barcellona . Mario Ceraolo, del Comandante del Reparto Operativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Messina, Ten. Col. Nicola Roberto Lerario, e del Comandante del GICO del Nucleo Polizia Tributaria della Guardia di Finanza, Ten. Col. Jonathan Pace.

Dal nostro archivio: Processione per le Palme 2012 a Canneto (video)

Natale, bel tempo e clima mite

Arrivano le prime previsioni meteorologiche di Natale: bel tempo e clima mite caratterizzeranno la giornata del 25 dicembre per la felicità di molti, ma non di chi sperava in un abbassamento delle temperature più consono al periodo natalizio. Fatto sta che l'anomalia termica di queste ultime settimane, secondo i meteorologi del Centro Epson Meteo, è destinata a proseguire per diversi giorni, e solo domenica si avrà un temporaneo calo delle temperature. "Dal 23 dicembre - sottolineano al Centro - avremo tempo stabile grazie all'Anticiclone di Natale - che vedrà anche un contributo sub-tropicale e sospingerà aria molto calda verso il Mediterraneo centrale e l'Italia. Martedì sarà una giornata con un clima eccezionalmente mite sulle Alpi: lo zero termico sarà ben al di sopra dei 3000 metri". 
Tra martedì e giovedì, se vedremo comunque una stratificazione di nubi basse, dovute al ristagno dell'umidità nei bassi strati su pianure del Nord e regioni tirreniche, dove il cielo potrà risultare anche grigio. Tempo splendido e assenza di neve invece in montagna. Sole anche sul versante adriatico e al Sud. 
Il tempo sarà stabile anche il prossimo week-end, anche se non mancheranno, domenica, nebbie nella bassa Val Padana. Proprio domenica una veloce perturbazione lambirà l'Italia e poi scivolerà lungo l'Adriatico portando pochi effetti.

Spese del comune...Non mi resta che rivolgermi a San Bartolo (di Angelo Sidoti)

Alcuni giorni fa (03.12.2014) resto folgorato dal titolo di un articolo pubblicato sulla rivista Panorama “Le spese del tuo Comune sono on line”.
E dico finalmente….!!!! Mi precipito a verificare i dati del Comune di Lipari. Purtroppo, i dati del Comune di Lipari non sono presenti e quindi invio la presente email al servizio assistenza:
Email 
Buongiorno dalla rivista Panorama rilevo l’esistenza di questo servizio. Tra le Regioni non trovo però la Sicilia. Domando: per caso sono escluse dalla vostra analisi le Regioni a Statuto Speciale? Come si possono ottenere uguali informazioni se non tramite il vostro portale per la Regione Sicilia?
Risposta
Le comunichiamo che il prodotto denominato Opencivitas, strumento di esplorazione, benchmarking e simulazione dei dati al momento è a disposizione esclusivamente dei Comuni e delle Province facenti parte di regioni a statuto ordinario in quanto è il prodotto dei questionari a loro sottoposti.
Si fa presente che per le regioni a Statuto Speciale è possibile solo l'accesso come libero cittadino al seguente indirizzo: http://www.opencivitas.it/
E mi domando cosa deve fare un cittadino per avere piena visibilità di come vengono spesi i soldi del proprio Comune? Mi do la risposta da solo: non mi resta che rivolgermi a S. Bartolo…
Angelo Sidoti

Vulcano: Aspettando il Natale. Il presepe lo facciamo noi

COMUNICATO

Gli alunni dei tre ordini di scuola del plesso scolastico di Vulcano , giovedì 16 Dicembre si sono esibiti, in presenza del dirigente scolastico prof. Renato Candia, dei genitori, dei nonni e di tanti amici, in uno spettacolo Natalizio.
Lo scenario è stato aperto dai più piccoli, che hanno voluto a ritmo di musica, canti e poesie drammatizzare la nascita di Gesù. A seguire gli alunni della Scuola Primaria hanno allietato il pubblico con canti, balli, poesie e filastrocche. Con il suono di flauti, pianola, tamburelli e triangolo gli alunni della scuola Secondaria di I grado hanno tenuto un allegro concerto, dimostrando capacità e destrezza nella melodia musicale.
A fine rappresentazione “una sorpresa”: è stato proiettato un video che ripercorreva le attività svolte dagli alunni dall’inizio dell’anno ad oggi.
La giornata si è conclusa felicemente tutti a pranzo: alunni, rappresentanti dei genitori e docenti, unitamente al dirigente scolastico presso un noto ristorante dell’isola.
Venerdì 19 invece è stata la volta della tradizionale Maxi tombolata con alunni, genitori e nonni ed a conclusione arrivo di Babbo Natale a cura dei Cantori popolari delle Isole Eolie, con il patrocinio del Comune di Lipari.
I docenti

"Natale è già qui..ma sarà Natale se doni". Rappresentazione a Lipari dei bambini della scuola dell'infanzia ( foto 22° parte)

venerdì 19 dicembre 2014

Riuscita la manifestazione anti trivelle a Palermo. Santa Marina Salina in "prima linea"

COMUNICATO
Si compatta il fronte siciliano anti trivelle. Oggi pomeriggio a Palermo tutte le anime del “movimento” che combatte l'articolo 38 del Decreto Sblocca Italia sono infatti scese in piazza dando vita ad una protesta trasversale e pacifica contro la decisione del Governo Nazionale di semplificare le procedure autorizzative per le trivellazioni petrolifere in terra ed in mare. Alla manifestazione, promossa dall'Anci Sicilia e da Legambiente, ha partecipato anche l'Amministrazione Comunale di Santa Marina Salina che, con quella di San Vito Lo Capo, ha rappresentato la vera testa d'ariete del corteo. La bandiera delle 5 vele assegnata ai due Comuni siciliani da Legambiente e dal Touring Club Italiano è stata fatta sventolare, simbolicamente macchiata di petrolio, da tutti i sindaci presenti. A fianco del Presidente dell'Anci Sicilia Leoluca Orlando e dei colleghi delle altre isole minori siciliane, a Palermo ha sfilato il Sindaco Massimo Lo Schiavo supportato dal Vice Sindaco Domenico Arabia e dall'Assessore alla Cultura Linda Sidoti.
Il Sindaco Lo Schiavo è stato tra i primi a manifestare il proprio no alle trivellazioni in maniera forte ed ufficiale: risale a qualche settimana fa, ad esempio, la sua decisa presa di posizione nei confronti del Governo Regionale concretizzatasi nella richiesta congiunta al Presidente Crocetta, avanzata insieme al collega di San Vito Lo Capo Matteo Rizzo, di impugnare l'articolo 38 di fronte alla Corte Costituzionale. Lo stesso Lo Schiavo, solo qualche giorno dopo, ha interessato della problematica anche l'Unesco, indirizzando una missiva alla Commissione Italiana dell'organismo internazionale con la quale ha richiesto un intervento della stessa sul Governo per perorare un passo indietro rispetto alle previsioni dell'art. 38 del Decreto Sblocca Italia ormai convertito in Legge.
“Siamo scesi in piazza – spiega il Sindaco di Santa Marina Salina Massimo Lo Schiavo – perchè temiamo le ripercussioni che la liberalizzazione delle trivellazioni, sia in terra che in mare, potrà avere sull'ambiente, sull'economia della nostra terra e sulla qualità della vita dei cittadini siciliani. Il Governo regionale si deve rendere conto – continua il Sindaco – che puntare su un modello di sviluppo che si è già dimostrato fallimentare in passato non è la strada giusta per restituire un futuro alla Sicilia. La nostra Regione deve vivere di turismo e puntare su uno sviluppo che sia sostenibile non solo a parole: i risultati ottenuti da Comuni come Santa Marina Salina o San Vito Lo Capo, che ormai da anni rappresentano delle eccellenze a livello nazionale e che possono far sventolare fieri le 5 vele assegnate da Legambiente e dal Touring Club Italiano, dimostrano la bontà di scelte che valorizzano le risorse offerte dal territorio senza intaccare o deturpare l'ambiente. Speriamo – conclude il Sindaco Lo Schiavo – che la politica siciliana comprenda i timori manifestati dal fronte anti trivelle ed ascolti le valide ragioni che stanno alla base di una protesta che continua ad allargarsi a macchia d'olio e che abbraccia ormai tantissimi Comuni della Sicilia. Dicendo no in modo deciso all'art. 38 e confrontandosi in maniera seria coi rappresentanti dei territori interessati, così come dovrebbe avvenire sempre quando si decide del futuro e della sopravvivenza degli stessi, il Governo Regionale potrà restituire alla Sicilia la sua antica vocazione all'accoglienza ed impostare un percorso virtuoso che guardi, senza esitazioni o ripensamenti di comodo, al futuro”.

Il prestigioso premio "Orione" anche a dieci vigili del fuoco del distaccamento di Lipari. Il riconoscimento per il loro comportamento nell'incendio dell'abitazione Tedros-Costa

Si è conclusa la cerimonia di consegna del PREMIO ORIONE 2014, prestigioso riconoscimento assegnato ad otto personalità che si sono distinte nel mondo dell’arte, della storia, della medicina, del diritto, della cultura, dell’informazione giornalistica, dell’istruzione e del sociale. L’evento giunto alla sua VI edizione organizzato dall’Associazione Messinaweb.eu presieduta da Rosario Fodale  con il Patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana, dell’Università degli Studi di Messina, del Rotary Club Messina presieduto dal dott. Salvatore Alleruzzo, si è tenuto nell’incantevole cornice dell’Aula Magna del Rettorato di Messina. La cerimonia di premiazione presentata dall’avv. Silvana Paratore che ha altresì coordinato l’intero evento, si è aperta con il brano simbolo dell’Unità Nazionale: l’Inno d’Italia magistralmente eseguito dal Coro del Comando Provinciale dei Carabinieri di Messina diretto da Daniela e Stefania La Fauci.

Numerosissimi gli appartenenti alle Forze Armate e di Polizia a cui quest’anno l’ass. Messinaweb.eu ha voluto  assegnare un Riconoscimento Speciale per sottolineare il Legame tra le Istituzioni e la città. A ricevere l’encomio:
-  per la Brigata meccanizzata Aosta:  il Tenente Colonnello Marcello D’Agostino del Comando della Brigata Meccanizzata AOSTA ;
- per il COMANDO SUPPORTO LOGISTICO  della MARINA MILITARE di MESSINA il Vice Comandante Capitano di Fregata della Marina Militare di Messina, Giovanni Ferraro;
- per l’Aeronautica Militare il Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso Comandante dell’Aeroporto e del 41° stormo antisom dell’Aeronautica Militare di Sigonella ;
- per i CARABINIERI il Comandante Provinciale Arma dei Carabinieri di Messina Colonnello Stefano Spagnol;
per il Comando Provinciale della Guardia di Finanza il Tenente Colonnello Ferdinando FALCO, Comandante del Nucleo di Polizia Tributaria di Messina. Presente anche il Tenente Colonnello Vincenzo Cellammare in rappresentanza del Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza
per la Polizia di Stato il Vicequestore di Messina dott.ssa Giuseppina Interdonato;
per il Comando del Corpo Forestale della Regione Siciliana – servizio ispettorato dipartimentale delle foreste di Messina l’ ispettore Dipartimentale Carmelo Di Vincenzo;
- per la Capitaneria di Porto, autorità marittima dello stretto di Messina, il Capitano di Vascello della Capitaneria di Porto – Autorità MARITTIMA di Messina Antonio SAMIANI;
-per la Polizia Provinciale il Comandante della Polizia Provinciale Antonino Carbonaro;
- per la polizia municipale il Comandante dei Vigili Urbani Gen. Avv. Calogero FERLISI ;
- per il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile – comando provinciale di Messina il Comandante Provinciale del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco dott. Ing. Salvatore Rizzo;
A seguire ulteriori Premi Orione Speciali sono stati conferiti agli appartenenti i vari Comandi militari distintisi, nel corso dell’anno per meriti professionali e per doti umane e sociali. Tra i premiati:
Il Capitano Alfio Giuseppe Sciavarello della Brigata Meccanizzata Aosta;
- il Primo Maresciallo dell’Aeronautica Militare Carmelo Savoca in servizio al 41° Stormo Antisom di Sigonella;
il Maresciallo Capo Giuseppe Curcio Comandante della Stazione dei Carabinieri di Giampilieri;
il Tenente Colonnello Ferdinando Falco Comandante del Nucleo di Polizia Tributaria di Messina; - la Dott.ssa Adalgisa di Brisco Commissario Capo della Polizia di Stato, Dirigente dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Messina;
l’Ispettore Superiore Forestale Placido Broccio Comandante del Distaccamento Forestale di Colle S. Rizzo;
- il Sottotenente di Vascello (CP) della Capitaneria di Porto- Autorità Marittima dello Stretto di Messina Matteo Verrigni; 
l’ Ispettore Superiore della Polizia Provinciale Santa Perdichizzi; il Commissario Ispettore Superiore della Polizia Municipale Gaetano La Mazza;
- I COMPONENTI: Caposquadra ALESSANDRO ROMEO ed I Vigili del Fuoco del distaccamento di Lipari: LORENZO BASILE, ALESSANDRO FUSCO, GIACOMO LO SURDO, FLAVIO QUADARA, SANTI CATALIOTTI, GIANLUCA FAMULARO, DAVIDE FAVALORO, NUNZIO GIUFFRE’ E MAURIZIO MORETTO intervenuti in data 19 agosto per lo spegnimento di un incendio che ha interessato l'abitazione di Tedros-Costa di Lipari avvolta dalle fiamme con persone disabili rimaste all’interno.
Cataliotti, Famularo, Favaloro, Giuffrè e Moretto intervennero, come si ricorderà, pur essendo fuori servizio
A seguire l’intervento degli artisti Vincenzo Trifirò e Sabrina Lo Piano intervistati dalla Paratore sul significato dell’arte ai giorni nostri. Suggestivi i quadri e le sculture esposte all’interno del Rettorato che hanno suscitato curiosità ed ammirazione tra i presenti.  

Dopo l’ “ Inno del Carabiniere“ ispirato ai valori che hanno scandito le scelte del brigadiere Salvo D’Acquisto caratterizzando i princìpi che regolano la storia dell’Arma ( La Patria, il Dovere, il Militare Onore, la “Fedeltà in Eterno”..., è entrata nel vivo la Cerimonia di Consegna del PREMIO ORIONE insignito anche quest’anno della medaglia del Presidente della Repubblica.
La Madonnina del Porto in bronzo con attestati raffiguranti la Fontana di Orione, scelta come Premio dalla MESSINAWEB.EU, associazione impegnata nella valorizzazione e riscoperta del patrimonio storico, artistico, culturale della città di Messina , è stata consegnata a: Giuseppe Calogero fotochimico Ricercatore presso l’Istituto per i Processi Chimico-Fisici del CNR (CNR-IPCF) di Messina; la dott.ssa Elvira D’Orazio Direttrice della Fondazione ITS “ALBATROS” Istituto Tecnico Superiore; il dott. Fabio D’Arrigo Responsabile dell’unità operativa di oculistica della casa di cura Cappellani; la dott.ssa Runinska Danuta Direttore Sanitario della R.S.U. (Residenza Sanitaria Assistenziale) “San Luigi Orione” di Messina; il Dott. Piero Orteca Consigliere culturale della Fondazione Bonino-Pulejo ed editorialista della Gazzetta del Sud, massimo esperto di politica estera; Don Francesco Pati Presidente dell ’Associazione di Volontariato “S. Maria della Strada; la prof.ssa Teresa Pugliatti allieva di Alessandro Marabottini affermatasi nella disciplina storico artistica italiana; il Magistrato Fabio D’Anna Sostituto Procuratore Generale di Caltanissetta.
A stabilire i vincitori una giuria presieduta dal Giudice del Tribunale di Patti dott. Mauro Mirenna e composta dai dott.ri Giovanni Giacobbe e Salvatore Restivo, dagli avv.ti Salvatore CostaLillo Ferrara e Giuseppe Santoro del Rotary Club Messina, dall’attore e Consigliere del Teatro Vittorio Emanuele dott.Giovanni Moschella, dal Direttore del  Museo Regionale di Messina dott.ssa Di Giacomo Caterina, dal giornalista e scrittore Jerry Villaroel, dal Presidente Comitato Unico di Garanzia dell’Università degli Studi di Messina prof.ssa Antonella Cocchiara, dall’attrice di Teatro Giovanna Battaglia, dal Cardiochirurgo prof. Pino Franciò, dal Pres. Ass. Amici della Gente Lucio Crupi, dal Docente di Diritto del Lavoro dell’Università degli Studi di Messina Maurizio Ballistreri, dal già Provveditore agli Studi dott. Gustavo Ricevuto, da Monsignor Giuseppe Brancato, dal Dirigente dell’I.T.E.S. A.M. Jaci di Messina dott. Rosario Abbate, dal Presidente ANC luogotenente Armando Pesco e dai liberi professionisti dott.ri Roberto Pilot e Nunzio Marotta, con il coordinamento dell’avv. Paratore Silvana .
Soddisfatto il Presidente della Messinaweb.eu Rosario Fodale che ha ringraziato il coordinatore dell’evento l’avv. Paratore Silvana nonché quanti hanno prestato la loro attività per il successo dell’iniziativa: Giovanni Ferlazzo, Lucio Crupi, Daniela Paratore, le benemerite dell’A.N.C. sez. Messina e tutti gli sponsor .

Sala dialisi dell'ospedale di Lipari intitolata ad Andrea Basile

E' stata intitolata, questa mattina a Lipari,  ad Andrea Basile la sala dialisi dell'ospedale di Lipari. Era presente, tra gli altri, il direttore generale dell'Asp 5 Gaetano Sirna. La targa scoperta, alla presenza dei familiari di Basile, recentemente scomparso, riporta questa dicitura  " indomito di fronte alla malattia  ha combattuto per oltre 35 anni , perchè anche Lipari avesse un centro dialisi efficiente ". 
La cerimonia di intitolazione è stata preceduta dalla Santa Messa, celebrata nella cappella dell'ospedale da Padre Giuseppe Mirabito. 

Sidoti lancia petizione per costituire "diritto di cittadinanza alle Eolie". Associazione eoliani non residenti

Riceviamo da Angelo Sidoti e pubblichiamo
Cari amici ed amiche,
lancio questa petizione con l'obiettivo di costituire una associazione senza scopo di lucro che possa difendere i diritti tutti quelli che amano le isole Eolie senza abitarci 365 giorni l'anno.
Mi rivolgo a voi che, come me, lavorate, studiate, vivete fuori dall'arcipelago (in Italia e all'estero) ma che conservate dentro di voi i valori, le origini e l'amore per le nostre isole.
Difendiamo insieme un nostro diritto ovvero quello di essere riconosciuti come parte della cittadinanza e, di conseguenza, partecipare a tutte le iniziative promosse sul territorio dalle amministrazioni pubbliche permettendoci di esprimere liberamente il nostro pensiero.
Vi aspetto numerosi, per costruire insieme il futuro delle nostre isole ma, soprattutto, per provare a contribuire fattivamente allo sviluppo ed al mantenimento delle bellezze del nostro territorio.
Per firmare la petizione è necessario visitare la pagina http://firmiamo.it/diritto-di-cittadinanza-alle-eolie e compilare il modulo presente in alto a destra inserendo tutti i propri dati, ovvero nome, cognome, indirizzo e-mail e codice di avviamento postale (numero di cellulare e commento sono facoltativi) e selezionando le prime due caselline (checkbox) relative ai consensi per l'uso dei dati personali. Cliccando sul pulsante "Firma la petizione" si riceverà un'e-mail contenente un link: seguendo le istruzioni contenute nell'e-mail si confermerà la firma a tutti gli effetti.

"Natale è già qui..ma sarà Natale se doni". Rappresentazione a Lipari dei bambini della scuola dell'infanzia ( foto 21° parte)


Sindaco Giorgianni domani a Vulcano per incontrare i cittadini

Gentile Direttore,
si comunica che domani sabato 20 dicembre l'Amministrazione Comunale di Lipari, guidata dal Sindaco Marco Giorgianni, alle ore 17:00 presso il ristorante "IL CRATERE" incontrerà la cittadinanza di Vulcano, con l'occasione verranno scambiati gli auguri di Natale.
La Circoscrizione di Vulcano.

Cimiteri illuminati per tutto il periodo natalizio. Biviano (PD) : "Grazie Assessore Sardella"

Non posso che rendere merito ed esaltare la sensibilità dell'assessore Sardella per aver dotato tutti i cimiteri dell'isola dell'illuminazione votiva per tutto il periodo natalizio fino all'11 gennaio prossimo, così come richiesto anche dal sottoscritto con nota dell'11/12/2014.
Un' azione frutto di un fattivo e concreto lavoro da parte dell'Assessore e di quanto lo hanno coadiuvato.
Grazie Assessore!!!
Il Consigliere Comunale
Dott. Giacomo Biviano

Consiglio comunale a Lipari. Si è insediato Giuseppe Finocchiaro

Si è tenuta oggi a Lipari la seduta del consiglio comunale. Nel corso della seduta, così come previsto nell'ordine del giorno, si è proceduto alla surroga di Emanuele Carnevale, consigliere dimissionario, con Giuseppe Finocchiaro, il primo dei non eletti nella lista dell'MPA.
Il consiglio si è anche espresso all'unanimità a favore della compatibilità del consigliere Finocchiaro.
Dopo l'approvazione dei primi cinque punti all'ordine del giorno il consiglio è stato aggiornato a lunedì alle 10.

Servizio Telecomunicazioni frazioni Lipari e Isole Minori: Comunicato

COMUNICATO
L’amministrazione ha il piacere di comunicare alla cittadinanza che con determina n. 12 del 4 dicembre 2014 del capo area 3° e 4° servizio del 1° settore “Informatizzazione – Servizi Innovativi alla cittadinanza e Servizi Demografici”, e’ stata autorizzata, in via sperimentale, la Societa’ Fly Net Comunicazioni s.r.l. di Messina, ad installare piccoli dispositivi di rete wireless, a bassissimo impatto ambientale, su strutture gia’ esistenti, al fine di consentire un distinto servizio di fornitura di accesso alle reti ed ai servizi di telecomunicazioni per potere soddisfare le richieste avanzate da cittadini delle frazioni di Pianoconte, Quattropani e Acquacalda dell’isola di Lipari nonche’ degli abitanti delle isole minori dell’arcipelago: Alicudi, Filicudi, Panarea e Stromboli e zone dell’isola di Vulcano – ancora sprovvisti di connettivita’ adsl o banda larga e colmare l’isolamento digitale (digital divide) che ancora insiste in vaste zone dell’arcipelago eoliano.-
La predetta societa’ con propria nota ha garantito all’amministrazione, per tale servizio , l’applicazione di prezzi convenienti per gli utenti.
Inoltre, la soc. Fly Net Comunicazioni s.r.l., assicura nelle sedi comunali e nelle strutture comunali oggi non raggiunte da tale servizio, la fornitura di internet in forma del tutto gratuita.-
Riteniamo sia utile, che ogni utente che aderisca a tale iniziativa, faccia pervenire email di qualita’ del servizio fruito alla casella di posta urp@comunelipari.it
Certi di aver fatto cosa gradita, l’occasione e’ propizia per porgere i piu’ fervidi auguri di Buone Feste e……….. Buona Navigazione
IL SINDACO
MARCO GIORGIANNI

"Natale è già qui..ma sarà Natale se doni". Rappresentazione a Lipari dei bambini della scuola dell'infanzia ( foto 20° parte)

Festività natalizie: Illuminazione votiva in tutti i cimiteri dell'isola di Lipari

COMUNICATO STAMPA
L’Amministrazione Comunale comunica a tutta la cittadinanza che e’ stata programmata l’illuminazione votiva dei cimiteri dell’isola di Lipari durante le festività natalizie e cioè sino a tutto l’11 gennaio 2015.
L’ASSESSORE AI SERVIZI CIMITERIALI
(Rag. Giovanni Sardella)

FESTINI, SESSO E SOLDI FACILI. LE VOCI CHE HANNO SCOSSO LA DIOCESI. NUOVI DOCUMENTI. SCANDALO CURIA. APPELLO AL PAPA: “FACCIA CHIAREZZA” L’EX SEGRETARIO NAZIONALE DELLE ACLI MICHELE GIACOMANTONIO HA CHIESTO AL SANTO PADRE DI DISPORRE UNA NUOVA VERIFICA E DI RIABILITARE L’EX VESCOVO DI TRAPANI FRANCESCO MICCICHE’

Riprendiamo e pubblichiamo questo articolo di “SOCIAL” del 12.12.2014
FESTINI, SESSO E SOLDI FACILI. LE VOCI CHE HANNO SCOSSO LA DIOCESI. NUOVI DOCUMENTI.

SCANDALO CURIA. APPELLO AL PAPA: “FACCIA CHIAREZZA”

L’EX SEGRETARIO NAZIONALE DELLE ACLI MICHELE GIACOMANTONIO HA CHIESTO AL SANTO PADRE DI DISPORRE UNA NUOVA VERIFICA E DI RIABILITARE L’EX VESCOVO DI TRAPANI FRANCESCO MICCICHE’

di MAURIZIO MACALUSO

“Dissolvere le ombre, ricostruire con coraggio e carità la verità dei fatti, ripristinare la giustizia, non è cosa da poco anche se riguarda solo una Diocesi. Santità, lei ci insegna che il fare un passo indietro, il tornare sui propri passi non sempre è segno di debolezza, ma molte volte è dimostrazione di forza. Quella forza che ci viene dal Signore che fa nuove tutte le cose, anche i comportamenti tradizionali, anche le prassi consolidate. Santità, rinnovi il comportamento della burocrazia vaticana, chieda che si riverifichi tutta la vicenda e se non ci sono come in molti crediamo, responsabilità del Vescovo Francesco Miccichè gli si dia la possibilità di riprendere la sua azione pastorale”. E’ un appello accorato quello contenuto in una lettera aperta rivolta a Papa Francesco. A scrivere non è una persona qualunque. Michele Giacomantonio è stato sindaco di Lipari. Da sempre impegnato nel sociale. E’ stato segretario nazionale delle Acli. Persona preparata e stimata. Osservatore attento. Giacomantonio nutre molti dubbi ed ha deciso di prendere posizione. Da cattolico chiede al Santo Padre di fare al più presto chiarezza sull’intera vicenda che ha scosso la Chiesa trapanese. “Santità, l’impressione che si ha – scrive l’ex sindaco di Lipari – è che i comportamenti di questa vicenda siano tutti in controtendenza non solo rispetto alla sua azione pastorale che il mondo intero ha imparato a conoscere ed apprezzare in questi ventuno mesi del suo Pontificato, ma anche con la Chiesa emersa dal Concilio Vaticano II. Lei non ha pensato due volte a compiere scelte coraggiose e fortemente innovative con grandi ripercussioni a livello mondiale. Certo questa vicenda ha dimensioni al più regionali eppure ci sembra che non sia meno importante per la Chiesa ed il popolo di Dio”. I dubbi sollevati dall’ex sindaco Michele Giacomantonio sono gli stessi nutriti da molti cattolici e dagli stessi sacerdoti della Diocesi di trapani che nel 2011 si schierarono compatti accanto a Monsignor Francesco Miccichè. 

FESTINI, SESSO E SOLDI FACILI. LE VOCI CHE HANNO SCOSSO LA DIOCESI
Festini a base di sesso, sperpero di denaro e rapporti ambigui. La Chiesa sotto accusa. E con essa il Vescovo Francesco Miccichè, incapace di vigilare sul clero, dedito più ai piaceri terreni che alla preghiera ed alla carità. Voci incontrollate ma che hanno generato grande sconforto tra i sacerdoti. Accuse respinte con sdegno dai diretti interessati. “Se il metodo delle veline passate a giornalisti compiacenti, degli anonimi contro i confratelli stampati e distribuiti per le strade, con la faccia del prete in sottofondo, delle minacce di conversazioni registrate, di festini sessuali, se il giro delle firme false, se questo metodo venisse in qualche modo accettato dalla nostra madre Chiesa come praticabile da un presbitero, noi, cara Eccellenza, non pensiamo di poter continuare come se niente fosse”. Dalla lettera, consegnata il 26 settembre del 2011 dai membri del collegio dei Consultori della Diocesi di Trapani a Monsignor Francesco Miccichè, emerge chiaramente l’amarezza e lo sconforto dei sacerdoti. Un clima di accuse e veleni che ha scosso la Chiesa trapanese. Il 16 novembre 2011 i membri del Collegio dei Consultori scrissero al Cardinale Marc Oullet, prefetto della Congregazione per i Vescovi. Nella missiva vengono manifestati la delusione ed i dubbi del clero trapanese. Ma vengono anche avanzate una seria di critiche sulle modalità dell’ispezione effettuata da Monsignor Domenico Mogavero. Visitatore Apostolico, inviato dalla Santa Sede a Trapani. La fuga di notizie e le conclusioni giudicate affrettate e non rispondenti alla reale situazione. “Com’è potuta accadere - scrivono i componenti del Collegio dei Consultori – una così clamorosa fuga di notizie riguardo la decisione della Santa Sede di mandare un Visitatore Apostolico a Trapani, con l’indicazione più che approssimativa della sua data di arrivo? Perché si è data notizia ai giornali di un evento prettamente intraecclesiale ancor prima che i fedeli fossero adeguatamente informati dal loro Pastore? Sulla base di quali elementi si palesa la conclusione sfavorevole dell’indagine se essa è stata portata avanti con grande discontinuità e se, in ogni caso, il suo esito spetta in ultimo alla stessa Sacra Congregazione che ha inviato il Visitatore? Perché una tale insistenza nel chiedere dei comportamenti negativi del Vescovo, come se, fosse in qualche modo fosse già stato dato un giudizio sul suo operato, senza piuttosto evidenziare il dato positivo del suo scagionamento dalle accuse pubbliche più gravi dopo mesi e mesi di macchina del fango? Non è in fondo tutta la Chiesa ad averne ritrovato una migliore immagine?” Domande ancora oggi rimaste senza risposta. “Ho creduto e pensato alla buona fede dell’altro, mi sono illuso che avesse gli stessi miei sentimenti ed invece aveva ed ha mire che io non ho mai avuto, ha ambito ed ambisce a posti che io non ho mai sognato, ama la ribalta e pur di ottenere tutto questo non si esime dal compiere ogni tipo di azione, anche se ciò comporta l’inflizione di sofferenze inaudite al prossimo”. Lui è Monsignor Francesco Miccichè, ex vescovo di Trapani, sollevato due anni fa dall’incarico con un provvedimento che ancora oggi fa discutere. L’altro è Monsignor Domenico Mogavero, Vescovo di Mazara del Vallo, inviato tre anni fa dalla Santa Sede a Trapani per un’ispezione. Nel mezzo lo scandalo che ha travolto la Chiesa trapanese e le polemiche che ne sono seguite. “Ci si è avvalsi - dice Monsignor Miccichè – della connivenza di chi non scrupoli per costruire castelli di sabbia che, grazie al comportamento tipico di chi finge di non vedere un’azione illecita, si sono trasformati in solidi castelli di pietra. Occorreva dimostrare che il sottoscritto, che ha avuto il solo torto di far rivivere una struttura come la fondazione Auxilium, avesse compiuto degli imbrogli in combutta con l’Azienda Sanitaria Provinciale. La relazione di Mons. Mogavero recita testualmente: “Alla luce delle informazioni riservate fatte pervenire al sottoscritto, il tenore e l’oggetto di tali informazioni lasciano trapelare un’attività sotterranea, parallela a quella ufficiale, che potrebbe riservare sorprese assai gravi con risvolti anche penalistici che, una volta venuti alla luce, difficilmente potrebbero essere dissimulati e, nello stesso tempòo, creerebbero notevole imbarazzo per l’immagine della Chiesa e per le conseguenze penali che ne potrebbero derivare ai soggetti implicati, non escluso il Vescovo”. Nella relazione Monsignor Mogavero cita anche una lettera firmata. Si tratta di inaccettabili falsità prive di fondamento. L’unico riscontro alle affermazioni di Mons. Mogavero si ha nei farneticanti anonimi a cui l’illustre presule dà una così tanta e tale rilevanza da spingerlo, addirittura, ad aggiungere il particolare circa una presunta, e solo tale, inchiesta della Procura.
Urgeva dimostrare che il sottoscritto, che nei quattordici anni del suo servizio alla Chiesa di Trapani si è speso con amore, fosse in realtà un soggetto con “marcata instabilità psicologica e scarsa attitudine al governo che gli ha fatto perdere di mano la realtà diocesana”. Nella sua relazione Monsignor Mogavero scrive che “ il susseguirsi di cambiamenti ravvicinati nell’ufficio di parroco ha creato malcontento in preti e fedeli, determinando scontento nelle persone e precarietà nella Diocesi”. Mons. Mogavero, da grande luminare della psichiatria, attesta che il sottoscritto, allora da ventiquattro anni Vescovo, sarebbe un “soggetto con marcata instabilità psicologica”. Menomale che non ha affermato che ero anche un soggetto socialmente pericoloso e, quindi, meritevole di ricovero presso strutture psichiatriche. 
La “scarsa attitudine al governo” è infine la ciliegina sulla torta di ben benservito presentato su un piatto d’argento secondo un piano premeditato. Mi si accusa di avere effettuato troppi cambiamenti di parroci quando chi mi ha seguito nel governo della Diocesi, in due anni e mezzo, ne ha disposti più di quanti io ne abbia operati in quattordici anni. Ma la cosa più grave è che simili ed azzardate conclusioni hanno prodotto l’effetto sperato”. “C’è sempre – conclude Monsignor Miccichè – un supremo consiglio presieduto da un sommo sacerdote che accusa, una folla manovrata che sceglie Barabba al posto del povero Cristo di turno e c’è un Pilato che sa dell’innocenza ma che per viltà e convenienza se ne lava le mani consegnando la vittima al carnefice perché venga prima flagellato e poi crocifisso. Il Pilato di turno ha sempre un nome ed un volto, può indossare abiti confezionati su misura da stilisti di fama quando celebra, cibarsi del successo mediatico e trovare logico bearsi di tali successi. Ma chi sarà il prossimo da giudicare e condannare? 

Lipari: Risveglio a suon di "trombe marine"

Mattinata di "intenso" movimento al largo dell'isola  di Lipari. Si sono formate, almeno, tre trombe marine.
Nella foto: una di queste immortalata da Gabriele Costanzo

Lipari. Riunione stamani del consiglio comunale

Si riunirà oggi, alle 10, il consiglio comunale di Lipari.
E' stato convocato dal presidente Adolfo Sabatini. 
All'ordine del giorno 15 argomenti tra i quali anche la surroga del dimissionario Emanuele Carnevale. con Giuseppe Finocchiaro, primo dei non eletti nella lista dell'Mpa è Peppe Finocchiaro.
Al secondo punto il giuramento del neo-consigliere
Questi gli altri punti:
3.Riconoscimento debiti fuori bilancio di 3.097 euro derivanti da sentenze esecutive.
4.Sdemanializzazione ed alienazione di un tratto di strada "Cusoleto-Capistello" in località San Salvatore.
5.Sdemanializzazione di una porzione della via comunale Fabio Filzi a Canneto.
6.Integrazione delle norme tecniche di attuazione e relativa tabella dei tipi edilizi.
7.Approvazione schema di convenzione tra i Comuni siti Unesco delle Eolie e costituzione Comitato-Guida.
8.Approvazione schema protocollo d'intesa per la costituzione di un'associazione tra i Comuni rientranti nel patto territoriale generalista e in quello agricolo delle Eolie.
9.Modifica del regolamento del consiglio comunale.
10.Immobili abusivamente realizzati – Applicazione dell'art. 31 comma 5 del DPR n. 380/2001, dichiarazione di prevalente interesse pubblico al mantenimento delle opere.
11.Immobili abusivamente realizzati – Applicazione dell'art. 31 comma 5 del DPR n. 380/2001, dichiarazione di assenza di prevalente interesse pubblico al mantenimento delle opere.
12.Immobili abusivamente realizzati – Applicazione dell'art. 31 comma 5 del DPR n. 380/2001, dichiarazione di prevalente interesse pubblico al mantenimento delle opere.
13.Immobili abusivamente realizzati – Applicazione dell'art. 31 comma 5 del DPR n. 380/2001, dichiarazione di prevalente interesse pubblico al mantenimento delle opere.
14.Immobili abusivamente realizzati – Applicazione dell'art. 31 comma 5 del DPR n. 380/2001, dichiarazione di prevalente interesse pubblico al mantenimento delle opere.
15.Interpellanze.

Sala della parrocchia di San Giuseppe intitolata allo storico parroco Onofrio Paino

Su iniziativa del Parroco Don Giuseppe Mirabito e della Confraternita Maria SS. di Lourdes, è stata intitolata, nei giorni scorsi, una sala della Parrocchia di San Giuseppe allo storico Parroco Mons. Onofrio Paino.

Riconfermato Torrisi al vertice di Federalberghi Sicilia

Federalberghi Sicilia riconferma al vertice Nico Torrisi. Già presidente dell'associazione di categoria dal 2009, dimessosi prima di accettare il ruolo di assessore regionale alle infrastrutture e mobilità, Torrisi ha dimostrato da sempre grande competenza nel settore turistico, capacità associative e grazie anche all'esperienza regionale maturata alle infrastrutture, oggi potrà continuare a portare avanti innovative strategie turistiche per aumentare le presenze in Sicilia.
Torrisi ha voluto fortemente confermare la vice presidenza vicaria  all'imprenditore alberghiero palermitano Nicola Farruggio, nonché presidente del capoluogo siciliano, con gli altri vice presidenze al ragusano Rosario Dibennardo, già presidente della Soaco e al presidente  taorminese Italo Mennella.
Sinergie con il mondo aeroportuale ed una costante operatività nei tavoli regionali saranno le azioni immediate che verranno adottate per rilanciare il turismo in Sicilia.

giovedì 18 dicembre 2014

Laurana ancora "fuori uso". Saltano i collegamenti Eolie-Napoli e Napoli-Eolie

Anche oggi la nave "Laurana", che doveva effettuare il collegamento da Milazzo per Isole Eolie e Napoli, resta ferma, come si legge in un comunicato della società, per motivi tecnici. Di conseguenza "salta" anche la partenza da Napoli per Isole Eolie e Milazzo prevista per domani venerdì 19 dicembre 2014, alle 20
"Il servizio di linea C/1, Milazzo/Isole Eolie/Napoli e viceversa, attualmente sospeso - si legge in una nota della Compagnia delle isole - riprenderà non appena possibile".
Sicuramente l'omissione di queste corse, in un periodo come quello attuale, rappresenta un grave problema per la movimentazione di chi intendeva raggiungere l'arcipelago

Due assunzioni al Gal "Isole di Sicilia

Due assunzioni part-time sono state effettuate dal Gal Isole di Sicilia . Si tratta di Manuela Prestipino e Patrizia China, cioè le prime due della graduatoria.  Si occuperanno della segreteria amministrativa.

Procedure d'imbarco a Milazzo e l'assurdo percorso (di Luca Chiofalo)

Ancora una volta ho assistito a scene di "ordinario" e giustificato nervosismo da parte di chi deve accedere al porto di Milazzo per raggiungere le Eolie. 
Le legittime rimostranze di chi deve prendere il traghetto sono dovute alla cervellotica direttiva, in vigore da qualche tempo, di presentarsi alla sbarra di ingresso non prima di un'ora dalla partenza della nave e solo dopo aver fatto apporre, in un altro luogo, un timbro sul biglietto acquistato. 
In grande difficoltà, in questo assurdo percorso perditempo, si trovano già gli Eoliani (pratici della zona), immaginiamo quanto lo siano i turisti che devono imbarcarsi verso le nostre isole... Nessuno tra i nostri innumerevoli "politici" si sente di sollecitare le autorità competenti a studiare una più semplice e sensata procedura di imbarco...?
CORDIALMENTE
LUCA CHIOFALO

"Natale è già qui..ma sarà Natale se doni". Rappresentazione a Lipari dei bambini della scuola dell'infanzia ( foto 19° parte)

Domani la sala dialisi dell'ospedale di Lipari sarà intitolata ad Andrea Basile

Si terrà domani la cerimonia di intitolazione della sala dialisi del Presidio Ospedaliero di Lipari, al sig. Andrea Basile.
La cerimonia si terrà presso il centro di Nefrologia dello stesso P.O. g alle ore 10.30 circa, preceduta dalla Santa Messa di Natale nella Cappella del nosocomio eoliano alle ore 10.00.
Come si ricorderà Andrea Basile, scomparso recentemente, si è da sempre battuto in favore dei dializzati e affinchè gli stessi potessero essere sottoposti nell'isola alla necessaria terapia.
La sala dialisi di Lipari può essere considerata una sua "creatura"

MILAZZO: ESERCITAZIONE ANTINCENDIO

Nel corso della mattinata odierna si è svolta un’esercitazione antincendio, antinquinamento e di security organizzata dalla Capitaneria di Porto, che ha visto la partecipazione di dipendenti pattuglie automontate a terra e mezzi nautici a mare, delle squadre antincendio dei Vigili del Fuoco e della Nettunia, di tutti i servizi tecnico-nautici del porto di Milazzo, della società Mare Pulito e della società Gesteco.
Per l’occasione, è stato simulato un incendio a bordo dell’Aliscafo Eschilo, scaturito a causa dell’esplosione in sala macchina di un presunto ordigno sospetto e che ha determinato anche un lieve sversamento in mare.
In particolare, nel corso dell’esercitazione sono state immediatamente attivate le procedure previste dal Piano di security portuale e dal Piano antincendio ed antinquinamento locale, che, in questi casi, prevedono l’immediato intervento congiunto degli uomini e dei mezzi della Capitaneria, in stretta coordinazione con l’Autorità Portuale, le forze di polizia, i servizi antincendio e degli Enti sanitari competenti nonché la collaborazione e l’ausilio degli operatori portuali e dei servizi tecnico-nautici presenti nello scalo (rimorchiatori,ormeggiatori e piloti), che hanno portato a termine, in tempi ristretti, tutte le operazioni di spegnimento, messa in sicurezza dell’unità interessata dall’incendio e di contestuale soccorso alle persone infortunate per ustioni, a seguito di contatto diretto con le fiamme sprigionate dall’ordigno.
Nella fattispecie, l’infortunato ha riportato una intossicazione per i fumi ed è stato sbarcato per le prime cure del caso, simulando l’intervento di un’ambulanza del 118. 
Il simulato inquinamento è stato confinato tramite l’intervento della MARE PULITO s.r.l. e della GESTECO s.r.l. tramite l’impiego delle cd. “Panne galleggianti” in dotazione sui mezzi nautici delle suddette società mentre la rimozione dell’inquinamento è avvenuta tramite skimmer e fogli assorbenti. 
Queste esercitazioni, che si svolgono periodicamente, si pongono come obiettivo quello di testare il livello di addestramento e la sinergia tra le diverse componenti che operano durante l’emergenza monitorando altresì l’efficienza e la funzionalità dell’organizzazione di security, dei mezzi antincendio ed antinquinamento disponibili in ambito portuale, unitamente a quelli presenti sui mezzi di soccorso intervenuti.
Si può ritenere, pertanto, che l’esercitazione nel complesso ha conseguito gli obiettivi prefissati, compreso quello di evidenziare delle criticità, sia nell’organizzazione a terra sia in quella a mare, su cui lavorare, insieme a tutti i partecipanti, per far si che le stesse non si ripetano nelle future esercitazioni o, ancora meglio, nelle emergenze reali.

Federaberghi: Solidarietà a Tenuta di Castellaro

Apprendiamo, con dispiacere e incredulità, dalla stampa dell’incendio di natura dolosa che ha colpito, sia pure con lievi danni, la cantina Tenuta di Castellaro.
Manifestiamo tutta la nostra vicinanza alla famiglia Lentsch e a quanti a vario titolo sono impegnati nello sviluppo di questa fantastica realtà che solo lustro può aver dato a Lipari e alle Isole Eolie.
Christian Del Bono
Presidente Federalberghi Isole Minori della Sicilia
Presidente Federalberghi Isole Eolie

Collegamenti marittimi. Del Bono: "ok a ricalcolare i costi ma per migliorare i servizi"

L’articolo apparso ieri su Repubblica che richiama le corse d’oro degli aliscafi a servizio delle isole minori va letto con molta attenzione - segnala Christian Del Bono, presidente di Federalberghi Isole Minori della Sicilia - altrimenti si corre il rischio di soffermarsi solo su alcuni costi in eccesso rispetto all’esigenza di migliorare dei servizi che troppo spesso negli ultimi tempi non si sono dimostrati all’altezza delle esigenze reali di turisti e residenti.

Sono anni, continua Del Bono, che chiediamo una rimodulazione degli itinerari orari delle corse di aliscafi e navi che collegano le isole minori con la terraferma. Abbiamo più volte denunciato un sistema che non consente di ottimizzare le risorse economiche stanziate dallo Stato e dalla Regione, con l’evidente risultato che da una parte si spreca danaro pubblico, mentre dall’altra non si garantiscono dei collegamenti che rispettino le esigenze delle comunità locali e quelle di destinazioni turistiche impegnate a competere sui mercati internazionali.
Attendavamo, insiste il presidente degli albergatori, la convocazione di un tavolo tecnico da parte dell’Assessore Torrisi, purtroppo, prematuramente sostituito e, quindi, del suo successore Giovanni Pizzo che al momento si è limitato ad ascoltare i sindaci. Riteniamo però che il confronto vada esteso anche alle parti sociali che, come per altro già fatto in passato, possono offrire preziosi spunti per una rimodulazione più sensata delle risorse.
Tra le proposte già avanzate in passato, ad esempio, suggerisce Del Bono, oltre ad una ottimizzazione degli itinerari orari, attualmente, non distribuiti al meglio nell’arco della giornata tra le corse operate da Siremar Compagnia delle Isole e Usticalines ed NGI anche quelle di: prevedere una stagionalità intermedia; intensificare alcune tratte rispetto ad altre; applicare un sistema di monitoraggio e dei meccanismi che penalizzino le minori miglia percorse, sanzionando o obbligando i vettori a recuperare le corse non effettuate, sulla base di indicazioni ben precise; tarare gli orari sulla base delle coincidenze con bus, treni ed aerei; adottare in ogni caso un approccio intermodale alla questione dei collegamenti.
Infine, conclude Del Bono, a nostro avviso, l’obiettivo della Regione non dovrebbe essere quello di rifare i calcoli per capire come ridurre il budget messo a disposizione dei collegamenti marittimi con le piccole isole. L’obiettivo dovrebbe essere quello di rifarli per comprendere come ottimizzare le risorse in modo da garantire lo standard di servizi necessari per scongiurare lo spopolamento delle piccole isole e far si che l’industria turistica superi alcuni svantaggi strutturali di base per poter concorrere alla pari dei propri competitors sui mercati internazionali.
Federalberghi Isole Minori della Sicilia
Federalberghi Isole Eolie

Donne di Mare di Macrina Marilena Maffei alla Casa del Cinema a Roma

Oggi giovedì 18 dicembre 2014 alle ore 20,00 alla Casa del Cinema (Sala Deluxe) di Roma si terrà la Finale della I Edizione di CORTI DA MARE - Festival di Cinema Internazionale sul tema del mare nell'ambito della manifestazione Filmare - Proiezione Itinerante di cortometraggi e documentari dedicati al mare ideata e promossa dall'Associazione Naschira in collaborazione con la B.I.Productions, sostenuta dalla Regione Lazio, Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili e con i Patrocinii del Ministero degli Affari Esteri e della Comunicazione Internazionale, della Wista Italy, della Biennale Habitat e di Habitat World. 
La giuria è composta da: dal M° Folco Quilici, ospite d'onore e Presidente Onorario della Giuria, Maurizio Forestieri ( regista e autore film di animazione), Franco Mariotti (ex ufficio stampa Cinecittà Holding), Fanny Bénézech (soprano di 12 anni), Sofia Vigliar (attrice). 
In gara cortometraggi provenienti da tutto il mondo, divisi nelle sezioni : Fiction, Documentario, Animazione, Scuole di Cinema. 
Saranno esposte opere del M° Piero Orlando, autore dei Premi realizzati con una tecnica particolare di mescola tra legno e sabbia, che presenterà il progetto "Maredentro". 
Negli intervalli tra una sezione e l'altra delle proiezioni ci saranno letture sceniche di versi di Erminio Maurizi e di stralci del testo "Donne di Mare" della nota antropologa Macrina Marilena Maffei. Leggerà Virginia Barrett accompagnata al violino dal M° Gaspare Maniscalco. Ingresso libero e gratuito.

Jihadisti dell'Isis tra i clandestini ? E a Lipari com'è la situazione? (di Giuseppe Portelli)

C'è il ragionato sospetto che tra i clandestini approdati in italia vi siano anche jihadisti dell'isis. 
Nessuno al momento è in grado di sapere quanti extracomunitari, tra regolari e clandestini, tra profughi e infiltrati, ci siano sul nostro territorio. 
Mentre il debito impazza, le tasse aumentano, le aziende chiudono, gli italiani diventano sempre più poveri, i giovani non trovano lavoro, le istituzioni si consentono il lusso di spendere i soldi che l'italia non ha per il business dell'accoglienza. 
Che fare ridere o piangere?
C'è la disperazione nelle famiglie e l'italia si concede lo sfizio di sprecare miliardi di euro per privilegiare gli extracomunitari irregolari, per la gioia delle cooperative delle "terre di mezzo", si pagano persino le pensioni di vecchiaia a chi viene da fuori per ricongiungersi con i parenti sbarcati in Italia.
Il nostro è un paese molto strano: paghiamo pensioni e assistenza sanitaria a chi non ha pagato i contributi, siamo teneri e garantisti con chi viene in italia a delinquere, a uccidere, a violentare donne e bambini, a rubare e spacciare droga o smerciare merce contraffatta - e per giunta senza pagare le tasse – il tutto tranquillamente sui marciapiedi delle nostre città, sulle spiagge e nei luoghi di villeggiatura, nell'indifferenza di tutti. 
In italia è diventato così naturale fare i comodi propri che i rom in tv dicono spudoratamente che campano di furti. 
Siamo diventati un paese di Imbecilli? Incoscienti? Farabutti? Conniventi? Ipocriti? O forse un po' di ogni cosa!
Tutto ciò premesso, ci sarà qualquno che si sarà posto il problema se a Lipari tra questi clandestini
potrebbe esserci o arrivare qualche jihadisti dell'isis? O la situazione è sempre sotto controllo fino a prova contraria?....Rammento che non muore sempre la mamma degli altri!!!

"Natale è già qui..ma sarà Natale se doni". Rappresentazione a Lipari dei bambini della scuola dell'infanzia ( foto 18° parte)

"Natale è già qui..ma sarà Natale se doni". Rappresentazione a Lipari dei bambini della scuola dell'infanzia ( foto 21° parte)