Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 8 febbraio 2014

L'album dei ricordi (video fotografico)

Calcio a 5. Alla Ludica il derbt con il Salina

Nel derby di ritorno disputato oggi pomeriggio la Ludica Lipari ha superato per 9 a 4 l'A.S.D. Salina. 
Per i liparesi i marcatori sono stati: Pellegrino Daniele 4 - Puglisi 3 - Restuccia - Autogol Taranto Mirko

Come eravamo: Nino Bonannella (foto scattata nell'area museale)

Milazzo. Il CGA annulla dissesto e reintegra consiglio

Il consiglio comunale di Milazzo dovrà essere reintegrato e il dissesto revocato. Lo ha stabilito una sentenza del Cga di Palermo che ha accolto il ricorso di alcuni consiglieri comunali che ora potranno rientrare nelle loro funzioni. Anche la nomina del commissario ad acta e altri provvedimenti saranno annullati. Inoltre il provvedimento contrasta con la precedente sentenza del Tar con la quale si era dichiarata l'inammissibilità del ricorso per vizio di competenza, decidendo invece che quest'ultima è del giudice amministrativo. La questione del dissesto e del reintegro dei consiglieri ha visto diverse fasi e rimpalli di sentenze. Dopo la dichiarazione del dissesto (coattiva) 'ordinata' della Corte dei Conti e lo scioglimento del Consiglio comunale, sostituito con un commissario, alcuni consiglieri, si erano rivolti al Tar che a fine febbraio aveva respinto la richiesta di sospensione del dissesto. I consiglieri ricorrenti non si rassegnarono e presentarono un primo ricorso al Cga che ha sospeso gli effetti della delibera del Commissario con cui era stato dichiarato il dissesto. Nelle more del giudizio in corso, è inoltre intervenuta la Corte costituzionale che, con sentenza ha accolto il ricorso proposto dalle regioni a statuto speciale, tra cui quella siciliana, e dichiarato l'illegittimità costituzionale della norma che attribuisce alla Corte dei Conti il potere di disporre lo scioglimento per il tramite di un commissario ad acta come avvenuto nel comune di Milazzo. I consiglieri però non verranno mai reintegrati e quindi decisero di fare un giudizio di ottemperanza al Tar che poi sospese il giudizio dichiarando il non luogo a procedere sull'istanza cautelare. A questo punto il ricorso è tornato al Cga che ha appunto ritenuto competente il giudice amministrativo annullando automaticamente tutti i provvedimenti e di fatto prevedendo il reintegro dei consiglieri comunali

PROVINCE, IL NODO NON SI SCIOGLIE UDC E PD NE RIPARLANO A ROMA

Lunedì prossimo si terrà a Roma un vertice di maggioranza tra i partiti che sostengono Crocetta per discutere della riforma delle province. E’ stato deciso durante l’incontro avuto oggi tra il ministro della Pubblica amministrazione Gianpiero D’Alia e Davide Faraone, responsabile Welfare del Pd.
L’Udc, come apprende l’Adnkronos, non vuole votare il testo approdato ieri in aula all’Ars, dopo l’approvazione della Commissione Affari istituzionali della bozza Cracolici.
Ecco perchè si terrà un incontro a cui parteciperanno lo stesso ministro D’Alia, ma anche l’assessore Patrizia Valenti, Calogero Firetto per l’Udc. Per il Pd saranno presenti, oltre a Faraone, il capogruppo Pd all’Ars Baldo Gucciardi, Antonello Cracolici e il Governatore Rosario Crocetta.
Secondo l’Udc “la riforma va fatta subito” e non ammette “ulteriori proroghe”. Un secondo incontro di maggioranza si terrà dopo l’esito delle Primarie del Pd previsto per il 16 febbraio.CANDIDATI EUROPEE, UDC REPLICA. “Nessuno può venire a casa nostra a scegliere i candidati per le Europee”. Così in casa Udc rispondono a distanza al Governatore regionale siciliano, Rosario Crocetta, che ieri aveva bollato come “inopportune le candidature degli assessori Udc alle Europee” perche’ sarebbero “contrapposte al Governo”. “Forse c’e’ stato un equivoco…”, spiegano dal partito di Casini.

Come eravamo: Quando i primi aliscafi PT50 approdavano a Marina Corta

Comune di Lipari. Il dottore Subba propone al sindaco Giorgianni "Ipotesi di modifica orario di lavoro dei dipendenti comunali"


Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi

Il direttore Salvatore Sarpi e lo staff di Eolienews augurano Buon Compleanno a Emiliano La Greca, Samantha Lo Schiavo, Claudio Massarelli, Donatella Fortunata Giovenco, Tiziana Costanzo, Mariella Crisafulli e Giovanna Lo Rizio

venerdì 7 febbraio 2014

Come eravamo: Una sera d'estate di tanti anni fa. Serata organizzata da Radio Eolie. Ospite: Stefano Tacconi

Da sx a dx : Bartolino Leone, Francesco Subba, Franco Cataliotti, Corrado Giannò, Salvatore Sarpi, Giovanni D'Ambra, Nunziatella Paino e Rosaria Corda

Domani in campo Under 14 dell'ASD Basket Eolie

Dopo il rinvio delle ultime tre gare a causa del mal tempo, sabato l'Under 14 della Società ASD Basket Eolie sarà impegnata tre le mura amiche contro il Basket Barcellona P.G.. Speriamo questa volta il tempo non giochi brutti
scherzi.
Annalisa Piazza (ASD Basket Eolie)

PROSSIMO APPUNTAMENTO CON NESOS: “CONOSCI LE TUE ISOLE” A VULCANO

Domenica 9 febbraio appuntamento per l’escursione a Vulcano – Gran Cratere, che avevamo dovuto rimandare per avverse condizioni meteo. L’itinerario è “insolito” e prevede la visita ai versanti meno battuti del cratere. La partenza è fissata alle 9.15 (aliscafo Siremar) e il rientro avverrà intorno alle 14.00; la partecipazione è libera e gli unici costi a carico degli escursionisti sono quelli delle trasferte per/da Vulcano. Si consiglia una minima attrezzatura da trekking (in particolare, scarpe adeguate).
Per ulteriori info, http://eepurl.com/LQLfD.
Le domeniche successive, sempre tenendo conto delle condizioni meteo, recupereremo anche le altre escursioni rimandate: Salina – Monte dei Porri e Alicudi – Filo dell’Arpa.
Con l’occasione, ricordiamo invece che domani sabato 8 febbraio si celebra il Darwin Day, una pomeriggio dedicato alla scienza e alla conoscenza. Appuntamento alle ore 17.00 nella sala congressi dell’Hotel Gattopardo (ingresso su via Isa Conti).

Navi e marittimi (video fotografico)

Nuovi depuratori. Costo di gestione un milione di euro ? Il consigliere Lo Cascio chiede di poter accedere agli atti

Al Signor Sindaco
del Comune di Lipari

Oggetto: richiesta di accesso ad atti pubblici.
Gentile Signor Sindaco,
qualche settimana fa, nel corso di un’intervista rilasciata alla stampa locale, lei ha espresso viva preoccupazione per i costi di gestione dei nuovi impianti di depurazione, che ammonterebbero – secondo le sue dichiarazioni – a circa 1.000.000 di euro.
Tra gli elaborati progettuali relativi ai nuovi depuratori pervenuti al consiglio comunale e presentati dai tecnici dell’ufficio commissariale alla commissione congiunta, ormai qualche mese fa, non risulterebbe tuttavia alcun documento che faccia esplicito riferimento a cifre del genere.
Queste sono state stimate orientativamente – e verbalmente – dai tecnici, interpellati sul punto nel corso dell’incontro succitato, ma sono certo che lei abbia ricevuto una documentazione maggiormente attendibile sulla questione.
Trattandosi di un argomento di manifesto interesse per la nostra comunità e relativo a un lavoro pubblico, ai sensi della normativa vigente e nel rispetto del ruolo assegnatomi in qualità di consigliere comunale, con la presente chiedo copia di detta documentazione e/o di quant’altro possa risultare utile a ricavare una stima attendibile degli effettivi costi di gestione dei realizzandi impianti di depurazione.
Ringraziando anticipatamente, porgo distinti saluti
Pietro Lo Cascio (consigliere comunale de La Sinistra) 

Come eravamo: "Qualche" anno fa






Foto 1) Camillo Pellegrino
Foto 2) Domenica Bertè e Angelo Speziale
Foto 3) Roberto Cataliotti
Foto 4) In ordine casuale: Pucci e Fabio Adornato, Anna Maria Di Giovanni, Lino Natoli, Enzo e Roberta Silvestro, Elda e Virginia Corrieri,  Maria Teresa La Torre, Lino Natooli e Stefania e Massimo Del Bono
Foto 5) Iana Pavone
Foto 6) Saverio Cerreto

Morte Provvy Grassi. Al via perizia sulla 600 bianca. Il consulente nominato dalla Procura ha visionato l'auto notando diverse ammaccature e segni sulla carrozzeria

Entrano nel vivo le indagini per la morte di Provvidenza Grassi.  Sotto i riflettori degli investigatori  la Fiat 600 alla cui guida la ragazza si trovava quando sarebbe volata dal viadotto Bordonaro la notte del 10 luglio scorso. Andreas Pirri, il perito nominato dal sostituto procuratore Diego Capece Minutolo, il consulente di parte e l’avvocato della famiglia Grassi, Giuseppina Iaria stamattina si sono recati nel deposito in cui è custodita l’autovettura. Il perito ha così potuto visionare la Fiat 600 sulla quale sarebbero state trovate tracce ritenute d’interesse. In particolare un’evidente ammaccatura sulla parte posteriore ma anche segni e bozze nella zona anteriore destra dell’utilitaria.
Segni che potrebbero essere stati provocati dall’urto con il guard rail all’interno della galleria o dopo l’impatto con il terreno nei pressi della cabina elettrica del Cas. Questa è la prima ipotesi. Non è escluso però che siano stati provocati anche da un altro mezzo che potrebbe aver tamponatola 600 di Provvidenza, causando l’uscita di strada ed il volo nella scarpata dove la ragazza ha trovato la morte. Ed è proprio questa l tesi caldeggiata dalla famiglia Grassi. Un incidente doloso provocato da qualcuno che voleva eliminare la ragazza. Prossimo sopralluogo a Bordonaro nel punto in cui è stato ritrovato il corpo della 27enne. In questo caso il perito dovrà valutare se il luogo del ritrovamento sia compatibile con il volo dal viadotto Bordonaro, nel punto in cui è stata ritrovata la targa della Seicento. 

Regione, è scontro tra Crocetta e Udc Province, spunta l’ipotesi referendum

La riforma delle Province andrà subito in Aula nonostante il clima politico di scontro nella maggioranza e le tensioni coi sindacati, che chiedono garanzie sugli stipendi ai lavoratori. Per il governo regionale, insomma, è iniziato un mese infuocato.
La crisi politica 
Il presidente della Regione, Rosario Crocetta ha detto esplicitamente che l’eventuale candidatura di assessori sarebbe un problema per il governo. L’Udc potrebbe lanciare la corsa di Carmelo Carrara, marito dell’assessore Ester Bonafede, di Dario Cartabellotta o Patrizia Valenti, e ieri il segretario regionale dell’Udc, Giovanni Pistorio, ha rivendicato la libertà di scelta: «La richiesta di non candidatura degli assessori è irrituale e irricevibile». Intanto, oggi il leader dei renziani in Sicilia, Davide Faraone, incontrerà a Roma il ministro Gianpiero D’Alia per risolvere la crisi dopo la svolta a destra del leader dei centristi, Pier Ferdinando Casini. Ecco perché quasi certamente slitterà anche il vertice di maggioranza che era stato annunciato da Crocetta. 
Province, corsa contro il tempoIl 15 febbraio scadono gli attuali commissari e la Regione, in attesa di una nuova legge, dovrà indire i comizi per le elezioni provinciali. Ma ieri l’Ars ha incardinato i disegni di legge che istituiscono i liberi consorzi e le tre città metropolitane e ha previsto in una norma a parte la nomina di nuovi commissari. la discussione è stata rinviata a martedì dopo le proteste dell'opposizione. Nelle ultime ore, spiega l’assessore Patrizia Valenti, viste le funzioni rafforzate dei nuovi organismi, è emersa la possibilità di prevedere elezioni dirette piuttosto che di secondo livello: l’Aula potrebbe scegliere di indire un referendum popolare per decidere. Anche il Movimento cinque stelle dovrebbe lanciare un referendum on line per chiedere agli elettori se votare o no la riforma

Iscrizione di volontari eoliani al gruppo comunale di Protezione civile

COMUNICATO
Su richiesta del Sindaco, Marco Giorgianni, in  data 6 febbraio 2014,  i funzionari del Servizio Regionale della Provincia di Messina,  geom. Claudio Bartolozza e dott.ssa Maria Cavallaro incaricati dal Dirigente della P.C. di Messina, ing. Bruno Manfrè, si sono recati presso questo Ufficio di  Protezione Civile al fine di concordare con la sottoscritta, con l'Assessore Sardella, con l’Ispettore Agostino Portelli - Coordinatore del Pronto Intervento, coadiuvato dal  responsabile dell'officina Comunale Gaetano Iacono ed il  Responsabile del Servizio  Informatizzazione dell’Ente – funz. dir. Livio Ruggiero, le modalità di iscrizione di alcuni volontari eoliani al gruppo comunale di Protezione Civile.
La Responsabile dell'Ufficio Protezione Civile
  Rag.Fiorella Restuccia

Domani Assemblea Popolare di Vento Eoliano

Comunicato
Il Movimento Vento Eoliano Vi invita alla V Assemblea Popolare del “Vento” che si terrà sabato 08 febbario 2014 alle ore 17.30 presso l’hotel La Filadelfia.

Violenza sulle donne. Il questionario anonimo della Consulta giovanile del comune di Lipari

 La Consulta Giovanile del Comune di Lipari, in occasione della campagna di sensibilizzazione e prevenzione contro la violenza sulle donne tenutasi nel mese di novembre, facente parte del progetto le “ali della solidarietà”, ha costruito e distribuito un QUESTIONARIO ANONIMO nel quale veniva indagato il fenomeno. 
Oggi vogliamo presentarlo anche on-line, dando la possibilità, a chi non lo ha ancora avuta, di compilarlo. Questo, unito ai corsi di anti-aggressione, ribadisce la nostra sensibilità all'argomento.
 Vi chiediamo 5 minuti del Vostro tempo per completarlo, in modo tale da ottenere una visione chiara del fenomeno, dato che ad oggi non esistono statistiche sul nostro arcipelago riguardo tale tematica.
Grazie!

Cliccando  sul link si accede al questionario:

Pallavolo femminile. Per la ragazze del Cutimare sosta forzata. Domenica recupero al Nicola Biviano

Le ragazze dell'Hotel Cutimare, a causa delle condizioni meteo marine avverse sono state costrette a rinviare, a data ancora da destinarsi, le ultime due partite contro Ads Fenice Volley e Asd Volley 96 di Milazzo.
Questa domenica si rispetterà un turno di riposo in quanto è terminato il girone di andata.  Le eoliane recupereranno la gara casalinga con l'ASD Fenice Volley. L'incontro si giocherà al Nicola Biviano con inizio alle 16 e 15.
Domenica 16 febbraio  trasferta a Milazzo contro il Mivida Volley. 

Messina, coltivare marijuana in casa per uso personale non è reato. La sentenza

 Un’interessante sentenza in tema di stupefacenti è stata emessa dal giudice monocratico Eliana Zumbo, e costituisce uno dei primi pronunciamenti anche rapportato al tema della liberalizzazione, di cui si parla molto in questi giorni. Il caso riguardava due ragazze che durante una perquisizione domiciliare erano state trovate in possesso di alcune piante di cannabis, coltivate nel giardino “di pertinenza” della propria abitazione. 
Dopo l’arresto e la denuncia per coltivazione di piante stupefacenti avevano registrato il rinvio a giudizio da parte del gip Vermiglio, anche se una perizia dei carabinieri del Ris, richiesta dal loro difensore, l’avvocato Marco di Mauro, aveva valutato l’eccipiente con dosi medie giornaliere inferiori alla soglia prevista per legge per l’uso personale.
La “partita giudiziaria” si è poi spostata davanti al giudice Zumbo, e l’avvocato Di Mauro ha ribadito la sua tesi, ovvero che per un verso non vi era alcuna offesa alla collettività cosi come inteso dalla ratio della norma, quindi si era di fronte alla mancanza del principio di offensività nella condotta contestata. E dopo aver ascoltato le teorie di accusa e difesa il giudice Zumbo ha assolto le due ragazze.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi

Il direttore Salvatore Sarpi e lo staff di Eolienews augurano Buon Compleanno a Angelino Cesario e Hilary Cincotta

Lettere al direttore. Il signor Merlino sollecita due interventi urgenti sulla strada di Serra

Caro Direttore, 
con la presente vorrei ringraziare l'Amministrazione o chi per lei si è interessato a far allargare quel tratto di curva pericolosa della Rotabile di Serra, ma a tal proposito vorrei segnalare che anche una seconda curva necessita di intervento urgente, e cioè quella di fronte al Dissalatore, infatti come si evince dalle foto allegate in quel tratto di curva la visibilità è pessima, sia per via delle erbacce circostanti, e sia per l'angusta strettoia che la curva stessa costituisce.  Vorrei attenzionare inoltre un altro tratto di strada di Serra (scendendo verso Lipari) il quale essendo tutta in curva e per la innumerevole presenza di buche costringe gli automobilisti a spostarsi a centro strada occupando la corsia opposta mettendo quindi a rischio di chi transita in quel momento. Spero tanto in un sollecito intervento a chi di competenza e distintamente saluto.     
Giovanni Merlino.

Scossa di terremoto nella notte nel distretto sismico eoliano

Una scossa di terremoto di magnitudo 2.3 è stata registrata stamani alle ore 01:51:57 nel distretto sismico delle Isole Lipari-Eolie
Il movimento tellurico è stato localizzato in mare(tra Lipari e Salina) ad una profondità di 8 km.
Non si registrano danni

Previsioni meteomarine Isole Eolie a cura di Giuseppe La Cava

Per la giornata di Venerdi 7, cielo poco nuvoloso, vento debole,con temporanei moderati rinforzi di ponente, in rotazione pomeridiana da sud e mare mosso.
Per la giornata di Sabato 8 cielo generalmente nuvoloso, venti moderati di ponente e mare mosso, localmente molto mosso nella mattinata per venti tesi di ponente-maestro
Nella giornata di Domenica 9 tempo variabile,venti deboli da ponente e mare mosso.

giovedì 6 febbraio 2014

Lo Schiavo (Marevivo Ginostra) torna a "bussare" dal sindaco Giorgianni. Otterrà risposte?

Associazione Ambientalista MAREVIVO
prof. Riccardo Lo Schiavo
Delegato Generale Ginostra-Stromboli

Al sig. Sindaco Comune di Lipari
e p. c. sig. Presidente Cons. Circoscrizione
Stromboli

Egregio sig. Sindaco,
esattamente un anno addietro Le inviavo una nota con oggetto “Ginostra: l’elenco dei sogni…”.
A tale missiva non ho mai ricevuto alcun riscontro: le problematiche elencate non sono state risolte, né tantomeno la comunità ha avuto la possibilità di incontrarLa per discutere di presenza dello stato dei fatti degli interventi da eseguire e\o programmare.
Forse sembrerà stucchevole inviarLe la medesima “lista”, tuttavia chi ha a cuore le sorti della comunità ginostrese lo ritiene invece alquanto necessario…
Di seguito quindi ripropongo alla Sua autorevole attenzione quelle che appaiono le priorità da affrontare nella frazione di Ginostra, impegnandomi per semplice spirito di fattiva collaborazione a riaffrontare a breve scadenza in maniera più esaustive con specifiche note le singole questioni:
1. Verificare lo stato del progetto per il restauro della fatiscente chiesa di San Vincenzo - ormai un triste rudere!
2. Mantenere la piena funzionalità della pista eliportuale.
3. Mettere in sicurezza il masso che dalla scorsa primavera minaccia di cadere (trattenuto nella suo progressivo scivolare da una piantina grassa…) sull’unica strada di accesso al paese.
4. Effettuare interventi di manutenzione, messa in sicurezza e regolamentazione dello scalo di alaggio del “Pertuso”.
5. Potenziare la centralina fotovoltaica.
6. Sollecitare la realizzazione dei lavori di messa in sicurezza del pontile di protezione civile, con particolare riferimento alla collocazione di tetrapodi a protezione della testata lato nord-ovest e alla manutenzione del respingente per l’attracco degli aliscafi.
7. Ampliare il serbatoio a monte dell’acquedotto, e garantire regolari interventi di pulizia e disinfestazione delle cisterne.
8. Verificare che fine abbia fatto il progetto ed il relativo bando (e dunque i fondi!) per la messa in sicurezza dello scalo alternativo di “Lazzaro”.
9. Bonificare la zona della vecchia discarica a cielo aperto nei pressi del cimitero.
10. Regolamentare il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti – e prevedere un sito diverso dall’attuale per la raccolta dei sacchi di spazzatura.
Nell’auspicio che dopo l’”abbandono” del 2013… il nuovo anno possa segnare un’inversione di rotta della Sua Amministrazione nei confronti della nostra piccola comunità, con l’avvio e l’esecuzione degli interventi richiesti, Le porgo i più cordiali saluti.
Prof. Riccardo Lo Schiavo (Delegato Marevivo)

Accadde: Terremoto 16 Agosto 2010 a Lipari Video fotografico

Tour dei Beni Culturali. Tappa a Messina. Per Lipari allo studio biglietto unico integrato per la visita di tutti i siti

Settima tappa, ieri, del Tour dei Beni Culturali a Messina con l’assessore Mariarita Sgarlata e il suo staff, impegnati nelle nove province della Sicilia per una serie di incontri locali, soprintendenza per soprintendenza, al fine di mettere a fuoco con i responsabili  e i tecnici i principali problemi, primo fra tutti, ovviamente, quello dell’apertura dei siti (ma anche quelli della tutela, messa in sicurezza, della valorizzazione, del ruolo delle associazioni e dei privati). E’ ormai avviata una politica di determinazione delle esigenze della fruizione (attenzione ai periodi di maggior afflusso, alle specificità dei territori, alle prospettive di sinergia con l'intera filiera turistica) che si connetta con una più concreta e utile "contrattazione" da valutare con le organizzazioni sindacali e con l’Aran Sicilia. All’incontro di Messina hanno partecipato, oltre al soprintendente Rocco Scimone, la direttrice del Museo Archeologico Caterina Di Giacomo, il direttore della Biblioteca Sergio Todesco, le direttrici del Museo di Lipari Maria Amalia Mastelloni e del Museo di Mistretta Carmela Bonanno. In prima battuta sono stati affrontati i problemi relativi alla villa di Patti, alla presenza del sindaco Aquino. Le emergenze riguardano principalmente lo stato di conservazione del mosaico, compromesso dalle acque piovane che si infiltrano dalla copertura e dalle acque di risalita, quest’ultima condizione dovuta principalmente al carico eccessivo della struttura complessiva che grava sui mosaici. Quindi in previsione di un progetto di valorizzazione dell’intera area dello scavo con una struttura più agile e meno impattante, da inserire nella prossima programmazione europea 2014-2020, si è ritenuto prioritario intervenire con un piano di somma urgenza dall’importo di 70.000,00 euro, come dal preventivo di spesa presentato dal soprintendente Scimone, intervento mirato a risanare l’attuale copertura e ripulire il mosaico. 

Rientrando a Messina, dopo la disamina della situazione generale ad opera del Soprintendente, la direttrice del Museo Di Giacomo ha evidenziato la carenza di personale e la necessità di ridistribuire i custodi. Si è anche parlato del protocollo d’intesa tra Museo e Fondazione Guggenheim di Venezia, al momento alla firma in Assessorato. Per la Biblioteca, urge il potenziamento del sistema di videosorveglianza e l’unificazione delle tre sedi distaccate in un’unica, da individuare in una ex sede della facoltà di Lettere, con un risparmio per l’amministrazione di 330.000,00 euro di affitti annuali. Per il Museo di Lipari, la direttrice può contare su 15 unità di personale e un sistema di videosorveglianza funzionante. E’ in corso la realizzazione di un biglietto unico integrato per la visita di tutti i siti, comprese le chiese, grazie ad un accordo con la Curia. Resta il problema di come assicurare la fruizione dei siti a Panarea, Salina, Filicudi e Stromboli. Passando al parco archeologico di Naxos, si registra la presenza di 76 unità, distribuite nei quattro siti, tra i quali il più importante resta quello del teatro di Taormina con 35 unità, che verranno presto affiancate da personale messo a disposizione dal Comune. Altra finalità del Tour è rafforzare nei sindaci dei diversi Comuni siciliani che ricevono il 30% degli incassi dei biglietti d’ingresso ai siti la volontà di partecipare al decoro e al funzionamento dei beni culturali, rispettando il regolamento che lo prevede e che spesso è stato disatteso.  Il Tour è proseguito stamattina per Palermo e si conclude a Trapani domani

Calcio a 5: I ragazzi di S.Croce (Pianoconte) fanno tris di vittorie

Terza vittoria in trasferta, su tre incontri disputati,  per la squadra parrocchiale di S.Croce (Pianoconte). 
I ragazzi di Don Lio, impegnati nel  Campionato P.G.S. (Polisportiva Gioventù Salesiana) di calcetto, hanno vinto per 8 a 6 in trasferta contro il Luce di Messina.
I ragazzi, che stamani insieme a Don Lio e agli altri accompagnatori, hanno incontro lo sponsor "Miscela D'Oro", sono adesso attesi da un'altra trasferta.
Poi comincerà il girone di ritorno durante il quale disputeranno tutte le gare in casa.
Il calendario degli incontri casalinghi è stato, sino ad oggi, invertito per consentire la realizzazione del campetto di calcetto nella frazione liparese

Si è tenuto a Lipari il secondo corso anti-aggressione gratuito

Si è tenuto ieri, mercoledì 5 Febbraio 2014, il secondo corso anti-aggressione gratuito, promosso dalla Consulta Giovanile del Comune di Lipari, all' interno del progetto "Le ali della solidarietà", una campagna di sensibilizzazione e prevenzione contro la violenza sulle donne.
Il progetto è stato curato dalla commissione "Politiche sociali e istruzione" e da altri membri del gruppo ormai consolidato della Consulta Giovanile.
 L'incontro di ieri è stato un successo: "Credo che le ragazze si siano divertite, hanno visto qualcosa di diverso, che non si vede solitamente, facendo, tra l'altro, del sano sport ed hanno imparato delle utili tecniche di difesa personale", commenta il direttore tecnico Massimiliano Paladino, che ha diretto i due corsi organizzati finora.
 Il primo corso, che ha visto una bassa affluenza dovuta probabilmente ad una scarsa pubblicizzazione dell'evento, è servito da catalizzatore e, imparando dagli errori, ci siamo attrezzati per pubblicizzare l'evento, sostenendo autonomamente le spese di stampa e avvalendoci delle capacità grafiche, pubblicitarie ed organizzative dei membri del gruppo consultivo.
 Il risultato è stato un successo su tutti i fronti, a detta sia di chi ha partecipato sia di chi ha diretto e chissà che questo non possa diventare un appuntamento fisso sull'isola!
 Un ringraziamento speciale va a Luana Spanò, referente del gruppo "Politiche sociali e istruzione" e principale promotrice della campagna "Le ali della solidarietà", a Catia Toni eBartolo Profilio per il sostegno durante l'organizzazione e la pubblicizzazione dell'evento ed il progetto grafico e allo staff della palestra dove si è tenuto il corso.
Un grazie speciale va anche all'assessore Davide Starvaggi ed il consigliere Ugo Bertè per la loro presenza durante l'evento.
Bartolo Profilio
(nella foto: il gruppo di lavoro del secondo incontro, il direttore tecnico Massimiliano Paladino, l' assessore Davide Starvaggi ed il consigliere Ugo Bertè)

Principio d'incendio su un aliscafo diretto a Napoli

Grande paura a bordo di un aliscafo in viaggio da Capri a Napoli. Sull'imbarcazione, che trasportava 60 passeggeri, c'è stato un principio d'incendio scoppiato nella sala macchine. L'equipaggio è riuscito a domare le fiamme ma ci sono state conseguenze sul funzionamento dell'aliscafo che ha infatti proseguito il viaggio verso il capoluogo a velocità molto contenuta e con un solo motore acceso. Nessuno è rimasto ferito.
L'allarme è arrivato alla centrale operativa della Capitaneria di Porto di Napoli poco prima delle 9 della mattina; immediatamente sono partite due motovedette, da Napoli e da Capri. A prestare soccorso sono stati anche altri traghetti che stavano transitando nella stessa area. Per fortuna, all'arrivo dei soccorsi, i sette uomini dell'equipaggio aveva già provveduto a spegnere l'incendio. L'aliscafo, che appartiene alla compagnia Libera Navigazione del Golfo, è stato poi scortato dalle motovedette della Capitaneria

Piano di gestione sito Unesco delle Eolie. Il circolo eoliano di Legambiente disponibile a collaborare

Al signor sindaco del Comune di Lipari
Marco Giorgianni
Oggetto: Piano di Gestione del sito Unesco delle Isole Eolie
Signor Sindaco,
ho appena terminato di ascoltare l’intervista del prof. Aurelio Angelini, secondo il quale il “mancato avvio della gestione del sito è un segnale abbastanza forte che va nella direzione di una eventuale esclusione dell’arcipelago dalla lista dei siti patrimonio dell’umanità Unesco “ e non le nascondo le mie preoccupazioni in merito, avendo, quale assessore del tempo, contribuito all’ottenimento di tale titolo di portata mondiale per le nostre Isole.
Sulla vicenda, come Lei sa, ho sempre dato la massima disponibilità sia all’assessore Federica Masin, sia all’assessore Roberto Cuccia, per il quale ho predisposto una apposita relazione, inviata il 22 giugno 2013, che pongo alla Sua attenzione oggi.
***
Premessa
Nel dicembre del 2000 l'UNESCO ha deliberato l'inclusione delle isole Eolie nella World Heritage List. I Siti della WHL vengono riconosciuti e dichiarati dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità in ragione del loro valore universale eccezionale e della sussistenza delle condizioni e garanzie di integrità conferite dalle legislazioni e dagli strumenti di salvaguardia. La delibera relativa alle Isole Eolie è giunta dopo sei anni di istruttoria e grazie alla valutazione effettuata dall'IUCN (International Union for the Conservation of Nature and Natural Resources).
Stato di Fatto
Di fronte ai ritardi ed alle omissioni dell’amministrazione pro-tempore del Comune di Lipari, nel corso dell’anno 2006, la Regione Siciliana, per evitare il rischio concreto della cancellazione delle Isole Eolie dalla Heritage List dei siti Patrimonio dell’Unesco, decide di realizzare il Piano di Gestione del Sito Unesco delle Isole Eolie, incaricando dello stesso il Prof. Aurelio Angelini di Palermo.
Con deliberazione della Giunta regionale n. 113 del 5/4/2007 viene istituita la“Fondazione UNESCO Sicilia” con sede presso l’Assessorato regionale ai BBCC.
Nel corso dell’anno 2007 vengono indette diversi incontri, rispettivamente il 16 ottobre 2007 - e, a seguire, il 14 novembre 2007 e il 21 dicembre 2007 - presso la sede dell’assessorato dei Beni Culturali e ambientali e della Pubblica Istruzione cui hanno partecipato, oltre al Prof. Aurelio Angelini – coordinatore del progetto di redazione del Piano di Gestione isole Eolie - gli esperti del Gruppo di Lavoro, i rappresentanti regionali dell’assessorato BB.CC. dell’Ufficio di Gabinetto, del Patrimonio UNESCO e del Servizio Tutela del Dipartimento Beni Culturali e ambientali, nonché le forze istituzionali rappresentative dei comuni eoliani: − il sindaco di Lipari; − il sindaco di Santa Marina Salina; − il sindaco di Leni; il sindaco di Malfa. Infine, in data 10 gennaio 2008, è stato presentato il Piano di Gestione delle isole Eolie presso la Fondazione del Banco di Sicilia a Palermo.
Entro il 15 di gennaio 2008 tutti i soggetti interessati hanno potuto presentare osservazioni al PdG e alcune di queste – compatibili con la filosofia del Piano- sono state assorbite nel testo finale.
In data 14 gennaio 2008 si tiene un incontro indetto dall'amministrazione con la popolazione ritenuto dallo stesso sindaco “deludente” per la scarsa partecipazione (circa 50 persone in tutto, fra consiglieri comunali ed assessori).
Soltanto in data 17 gennaio 2008, nel corso della seduta del Consiglio Comunale avente ad oggetto: “Piano di Gestione del sito Unesco Arcipelago delle Eolie”, il sindaco pro-tempore di Lipari legge in aula le osservazioni presentate dall'Amministrazione Comunale al suddetto piano, in riscontro alla nota 2484 del 11.01.2008 dell'assessorato Regionale ai BB.CC.AA., che invita a fare pervenire entro le ore 14,00 del giorno 15 gennaio 2008 le eventuali osservazioni.
Il consiglio comunale di Lipari con deliberazione n. 5 del 18 gennaio 2008, rigetta il suddetto Piano, senza tuttavia un reale confronto all’interno della comunità eoliana, nonostante, un anno di discussione presso l’Assessorato Regionale.
L’amministrazione pro-tempore, successivamente, viene convocata il 12 marzo dello stesso anno presso l’assessorato dei BB.CC.AA. con l’istituzione di un tavolo tecnico permanente.
Il 20 maggio 2008 il tavolo tecnico permanente trasferisce al Comune di Lipari il Piano di Gestione revisionato e nel contempo viene chiesto un formale atto amministrativo di presa visione ed accettazione del P.d.G.
L’amministrazione pro-tempore, nel corso dello stesso anno deliberava di:
Di condividere il Piano di Gestione del sito Unesco “Isole Eolie” così come revisionato e pervenuto al Comune di Lipari da parte dell’Assessorato Regionale dei BB.CC.AA. – Dipartimento Beni Culturali, Ambientali ed E.P. – servizio tutela ed acquisizioni – U.O. XXVIII – Patrimonio Unesco, giusta nota prot. N. 50759 del 20.05.2008;
(omissis)
Di manifestare l’intendimento di istituire un Consorzio tra i Comuni Eoliani, quale ente gestore del sito Unesco.
Di dare atto che alla Fondazione Unesco della Regione Sicilia sarà attribuito un preminente compito di valorizzazione, promozione e monitoraggio del sito Unesco “Isole Eolie” così come concordato con l’Assessorato Regionale dei BB.CC.AA. e riportato nel nuovo Piano di Gestione in argomento.
Di dare atto, altresì, che la realizzazione della nota portualità nell’isola di Lipari sarà sottoposta alle procedure della normativa vigente in materia.
Di confermare, relativamente all’elemento della biodiversità (valori naturali), quanto concordato in sede di revisione del Piano di Gestione con l’assessorato in parola, come da testo definitivo del documento de quo (pag. 428).
Ulteriore specificazione l’amministrazione pone in sede di approvazione, “auspicando che l’aviopista ove non fosse possibile realizzarla nel sito indicato dal P.R.G. possa comunque trovare allocazione in altra parte del territorio del Comune di Lipari; precisa, inoltre, che per quanto riguarda l’impiego dei lavoratori della pomice gli stessi possano essere utilizzati oltre che per il museo Regionale Bernabò Brea anche nelle aree archeologiche di Panarea e Filicudi, nonché negli antichi sentieri di valore storico antropologico”
***
A nostro parere occorre procedere su due livelli:
Il livello di indirizzo politico per il consiglio comunale e la giunta;  Il livello amministrativo.
Sotto l’aspetto dell’indirizzo politico riteniamo che il consiglio comunale, anche se a distanza di diversi anni, debba Prendere atto del contenuto del Piano di Gestione del Sito Unesco così come approvato dall’Assessorato BB.CC.AA. di Palermo, rilevando la non necessità di apportare modifiche tecniche o normative al Piano di Gestione del sito Unesco delle Isole Eolie.
Di dare mandato all’amministrazione perché provveda a porre in essere gli atti e gli adempimenti scaturenti dal Piano di Gestione, ai fini dell’attuazione, controllo e monitoraggio del Piano di Gestione del sito Unesco Isole Eolie. In questa sede sarà possibile introdurre e discutere eventuali integrazioni e/o aggiornamenti.
Anche la Giunta Municipale deve prendere atto ed approvare il contenuto del Piano di Gestione del Sito Unesco così come approvato dall’Assessorato BB.CC.AA. di Palermo; puntualizzando che la delibera annulla e sostituisce quella precedentemente votata dall’amministrazione precedente per una serie di chiari motivi:
Non occorre costituire una ulteriore società mista o riconvertirne una esistente per evitare di appesantire il bilancio comunale ma delegando all’ufficio Piano la gestione del Piano;
La sostanziale bocciatura del progetto originariamente presentato dalla Lipari Porto e la sostanziale bocciatura del progetto approvato dall’amministrazione pro-tempore nel corso del 2012;
La cancellazione dal PRG, da parte della Regione Siciliana, a seguito della valutazione d’incidenza negativa, dell’aviosuperficie di poggio dei funghi nell’isola di Lipari.
L’iter amministrativo
Contrariamente a quanto richiesto dall’amministrazione pro-tempore del Comune di Lipari con la deliberazione sopra riportata, il Piano di Gestione del Sito Unesco, nella parte VI “attuazione, controllo e monitoraggio del Piano di Gestione del sito UnescoIsole Eolie”, al Capitolo 2 “L’attuazione del Piano di Gestione Isole Eolie” specificatamente prevede:
1 Strumenti di attuazione del piano
Dal punto di vista operativo si rivela opportuno operare su tre livelli correlati, il primo relativo alle complementari attività di esecuzione delle azioni previste dai diversi progetti del Piano, mentre le ultime due inerenti allo specifico svolgersi delle periodiche opere di monitoraggio e controllo dello stato dell’arte delle proposte avanzate:
1. l’impostazione degli strumenti di attuazione del piano;
2. verifica dello stato di avanzamento dei singoli progetti di intervento selezionati ed eventuale raggiungimento degli obiettivi;
3. verifica dell’efficacia del Piano e rilevazione dell’impatto di medio e lungo termine sul territorio.
Comitato Guida
Il primo livello della struttura di attuazione del Piano di Gestione del sito UNESCO isole Eolie, potrebbe essere una sorta di “Comitato Guida” in cui siano rappresentati i decisori politici (tra questi i sindaci dei comuni interessati) e le istituzioni portatrici di interessi e le cui attività vadano sostanzialmente a coincidere con il ruolo svolto – in questo ambito – dalla Fondazione UNESCO Sicilia.
Tale comitato potrà:
• verificare l’effettivo avanzamento del piano;
• fornire gli indirizzi per la prosecuzione del processo di gestione;
• concordare le priorità per lo sviluppo delle singole parti del piano;
• assicurare l’adeguato stanziamento delle risorse che le singole amministrazioni coinvolte dovranno mettere a disposizione e individuare altre forme di finanziamento anche con il coinvolgimento dei privati;
• valutare i rapporti relativi al monitoraggio e prendere le conseguenti necessarie decisioni per la prosecuzione del processo di gestione.
Gruppi di lavoro
Le decisioni di carattere più tecnico potrebbero essere affidate ad uno o più Gruppi di lavoro (sia soggetti privati, sia associazioni di tutela del territorio) che, coordinati dalla Fondazione UNESCO Sicilia, potrebbero avere i seguenti compiti:
• decidere un programma di lavoro condiviso;
• coordinare le singole attività del piano;
• assicurare il supporto tecnico all’esecuzione delle attività previste dal piano, seguendone i vari iter;
• suggerire soluzioni per rimuovere eventuali difficoltà che sorte;
• definire ulteriori utili azioni o progetti, anche alla luce delle informazioni emerse nel corso dei lavori, al fine di raggiungere gli obiettivi posti dal Piano di Gestione UNESCO per il sito in questione.
Centro di coordinamento
Infine si rende necessaria un’azione di coordinamento e di supporto organizzativo alle diverse strutture interessate e coinvolte nell’attuazione dei programmi di azione elaborati nel Piano.
Concludevo la relazione augurandomi che : Alla luce delle previsioni del PdG il primo atto da porre in essere è quello di convocare il “Comitato Guida” e predisporre un protocollo d’intesa tra tutte le amministrazioni coinvolte. (vedi allegato 001).
Le ribadisco La nostra disponibilità a collaborare con la Sua amministrazione per concludere positivamente questa fare di avvio del Piano di Gestione del Sito Unesco e resto in attesa di un Suo riscontro.
Cordiali saluti
Il Presidente del Circolo Isole Eolie
Giuseppe La Greca

"Pantano di Vulcano". Il presidente del Circolo Isole Eolie di Legambiente sollecita indagine

 Al Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
all’Assessore Regionale al Territorio e Ambiente della Regione Siciliana
On.Le Maria Lo Bello
Al Direttore Legambiente Sicilia
Gianfranco Zanna
Al signor Sindaco del Comune di Lipari
  
Oggetto: area umida “pantano di Vulcano”
 Nei giorni scorsi il consigliere comunale di Lipari Pietro Lo Cascio ha lanciato l’allarme per il rischio di cancellazione a Vulcano dell’ultima zona umida che ancora sopravvive nella Zona a Protezione Speciale ITA030044 e nel Sito Unesco delle Isole Eolie.
Tale rischio è legato ai lavori in corso di realizzazione per l’impianto di deputazione dell’isola di Vulcano già oggetto di una nostra precedente segnalazione.
La presente per sollecita una indagine di verifica urgente sui lavori in corso di esecuzione e sullo Studio di Impatto e di Incidenza Ambientale che, sembra” abbia evitato di segnalare la presenza del pantano che esiste nell’Istmo tra Vulcano e Vulcanello, classificato come “habitat prioritario” con il codice 1150 nella Direttiva 43/92 dell’Unione Europea.
L’area oggetto della segnalazione è inserita nel Piano di Gestione dei Siti Natura 2000 dove l’importanza del pantano viene sancita chiaramente.
A pochi metri da un habitat prioritario, è stata prevista la realizzazione di una vasca di sollevamento liquami del realizzando depuratore – stando a quanto affermato nello Studio – non produrrà alterazioni ambientali, né disturbo alla fauna, né infine alcuna riduzione al valore conservazionistico del sito.
Tuttavia, a parere degli esperti, tra i quali lo stesso consigliere Pietro Lo Cascio, la vasca rischia di pregiudicare le caratteristiche naturali del luogo, sottraendo spazio alle dune di sabbia, ai canneti che offrono riparo agli uccelli durante le migrazioni o nel periodo invernale, ma soprattutto di interferire con il corpo idrico del pantano, cancellandone irrimediabilmente ogni traccia in pochi anni.
Alla luce di quanto sopra detto si invitano le SS.VV. a voler verificare quanto sta avvenendo sul territorio dell’isola di Vulcano per evitare l’ennesimo danno, irrimediabile, nei confronti del territorio eoliano.
Il Presidente del Circolo

Dott. Giuseppe La Greca

Punto nascita. L'ordinanza del CGA e la lettera del consigliere Biviano sulla Gazzetta del Sud di oggi

Lipari - Salvatore Sarpi
Il CGA di Palermo ha deciso di rinviare all'udienza del 18 giugno 2014 il seguito dell'esame inerente il Punto nascita dell'ospedale di Lipari. Per la precisione il rinvio riguarda il ricorso presentato dall'allora assessore regionale alla Salute, Massimo Russo avverso alla sentenza del TAR di Palermo che aveva “bocciato” la chiusura del Punto nascite dell'ospedale di Lipari e disposto la sua riapertura. Il CGA ha optato per il rinvio poiché “ come rappresentato dall’Avvocatura dello Stato, con memoria depositata in vista dell’Udienza di merito, la Regione ha attivato un procedimento volto ad assicurare nell’isola di Lipari la presenza di un Punto nascita per le gravidanze non a rischio e che la relativa proposta è al vaglio dei competenti Ministeri, essendo la Regione Sicilia assoggettata alle procedure del cosiddetto “ Piano di rientro” Ciò considerato- si legge nell'ordinanza del CGA- che, al fine di valutare la sussistenza di un perdurante interesse della Regione alla definizione del presente appello, occorre acquisire dall’Assessorato alla Salute documentate informazioni in ordine allo stato del procedimento di ripristino del Punto nascita presso l’Ospedale di Lipari”. Per ottenere tali informazioni il CGA di Palermo ha concesso all'Assessorato regionale alla Salute, novanta giorni di tempo dalla notifica dell'ordinanza. Occorre ricordare che il presidente della Regione, Rosario Crocetta in più occasioni, in primis durante un incontro tenuto al comune di Lipari,un paio di mesi dopo il suo insediamento, ha annunciato l'intenzione del suo Governo di riattivare il punto nascita dell'ospedale di Lipari. Purtroppo, sino ad oggi, all'annuncio non sono seguiti fatti concreti e le donne eoliane, per dare alla luce i propri figli, sono costrette a peregrinare, tra non poche difficoltà sia di ordine economico che di gestione della famiglia, tra gli ospedali di Messina, Milazzo e Patti. Ci sono state nell'arco di questi anni delle partorienti che hanno dato alla luce il proprio piccolo/a a Lipari. Un paio di parti sporadici verificatosi in occasioni eccezionali (ad esempio l'impossibilità per l'elicottero del 118 di raggiungere l'isola per meteo avverse) ma che dimostrano come nel nosocomio eoliano, nonostante la chiusura del Punto nascite e la riduzione ai minimi termini del personale specializzato, si possa tranquillamente partorire. A seguito della suddetta ordinanza del CGA il consigliere comunale del PD, Giacomo Biviano ha inoltrato una lettera al Presidente della Regione Rosario Crocetta e all’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino nella quale chiede, fornendo argomentazioni inconfutabili, di ritirare il ricorso dell'ex assessore Massimo Russo in discussione al CGA e di riattivare il punto nascita eoliano attraverso la messa in sicurezza dello stesso e l’adeguamento delle figure professionali al fine di ripristinare la normale attività legata all’evento parto. “ Vista l'ordinanza del CGA – scrive Biviano- ritengo che debba essere finalmente presa una seria e responsabile decisione da parte di tutti i soggetti preposti alla messa in sicurezza del punto nascita eoliano. Non si può, infatti, rinviare all’infinito l’effettivo ripristino del suddetto Punto nascitan deciso dallo stesso governo regionale già dal mese di marzo scorso. Ed ancora non si capisce il perchè la Regione non abbia ancora ritirato il ricorso presentato al CGA della Sicilia contro la decisione del Tar alla luce del nuovo provvedimento di ripristino emanato nel mese di Marzo scorso. Che senso ha mantenere un ricorso su un provvedimento del TAR che, praticamente, è in linea con il nuovo orientamento della Giunta Regionale in ordine al ripristino del punto nascita presso l’Ospedale di Lipari? Nessuno! Sono convinto, infatti, che il Presidente Crocetta e l’Assessore alla Salute Borsellino abbiano semplicemente ignorato questo ricorso per il quale è invece necessario un formale atto di ritiro". 

A settembre la V edizione del WTE-World Tourism Expo, Salone mondiale dei siti e delle città Patrimonio Unesco. La segnalazione di Enrico Nulli

Segnalo che leggendo sul sito Unesco ho scoperto questa news! Penso possa essere utile alla nostra Amministrazione Comunale, a tutti gli operatori turistici, Albergatori ecc. Vediamo che sappiamo fare! (Enrico Nulli)
La quinta edizione del WTE-World Tourism Expo, Salone mondiale dei siti e delle città Patrimonio Unesco, arriva a Padova dal 19 al 21 settembre 2014.
«Dopo la fase di rodaggio, si apre una nuova pagina del WTE», spiega Marco Citerbo, responsabile di CML Consulting, che ha ideato l'evento ospitato per quattro anni ad Assisi. L'obiettivo, chiarisce l'organizzatore, è «valorizzare l'immenso patrimonio attraverso giornalisti e tour operator che parteciperanno all'evento». L'evento sarà preceduto da un eductour di due giorni in Umbria, prima di spostarsi in gruppo nella città veneta.
L'Unesco ha finora riconosciuto 981 siti (di cui 759 beni culturali e 29 immateriali), in 160 Paesi del mondo. L'Italia è la nazione che detiene il più alto numero di siti inclusi nella lista (46). «Un sondaggio Doxa – prosegue Citerbo – rileva l'incremento delle presenze nei siti Unesco e la tendenza, tra i viaggiatori, a praticare forme di turismo sostenibile e responsabile. Alcuni tour operator dedicano intere pagine di cataloghi e siti web a questi siti».
Il WTE sarà ospitato dal Palazzo della Ragione di Padova, mentre le Giornate della Dieta Mediterranea si terranno a Padova Fiere, in concomitanza con Expobici, ribadendo ancora una volta il connubio tra alimentazione, qualità della vita, sport e movimento. «Sono tutti elementi cardini della dieta mediterranea, che è uno stile di vita e non un elenco di prodotti da banco», ricorda Citerbo.
Claudio Ricci, Presidente dell'Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco, spiega che «lo spostamento del WTE a Padova è solo l'inizio di un percorso che potrebbe toccare molte località italiane, puntando a dare visibilità da nord a sud al mercato delle eccellenze». Il WTE, secondo Ricci, «è una vetrina concreta per presentare in maniera adeguata le bellezze dei Siti Unesco, creando circuiti turistici integrati».
L'obiettivo è «fare sistema», coinvolgendo un numero sempre maggiore di tour operator internazionali «che facciano avvicinare, in modo responsabile, i turisti a queste location». Il World Tourism Expo è anche un'occasione per stimolare operatori e amministratori locali ad assumersi tutte le responsabilità: «La promozione del turismo di eccellenza si realizza con il rispetto delle regole urbanistiche e architettoniche, ma anche con la piena consapevolezza del visitatore». 

Gli auguri di Eolienews

Il direttore Salvatore Sarpi e lo staff di Eolienews augurano Buon Compleanno a Gianluca Cannistrà





Auguri affettuosi da Eolienews, da Christian,  Silvia e Salvatore Sarpi ad Elvira Pollo che oggi compie 9 anni

Guardia Costiera di Milazzo e S.Agata sequestra "sciabica". Verbali per 9.000 euro

COMUNICATO
Nella giornata del 05 febbraio c.a., durante un controllo della costa di giurisdizione due pattuglie automontate della Guardia Costiera di Milazzo e Sant’Agata di MIitello, hanno individuato alcune unità navali intente in attività di pesca con reti del tipo “Sciabica” con velo in un’area compresa tra il Comune di Caronia e quello di Tusa. In zona sono intervenuti, pertanto, anche il battello GC A64 e la M/V CP 875 della Capitaneria di Porto Guardia Costiera di Milazzo.
Al termine dell’attività di controllo i militari operanti hanno provveduto ad elevare complessivamente n. 5 verbali di illecito amministrativo per un totale di Euro 9.000 ed a sequestrare mt. 700 circa di rete illegale.
Tali attrezzi da pesca sono vietati dalla vigente normativa comunitaria e nazionale sia per la pesca professionale che per la pesca dilettantistica in quanto, per caratteristiche tecniche di costruzione e di impiego sono rivolti alle catture di specie ittiche di piccolissima taglia, in particolare il novellame di sarda.
Più precisamente tale tipo di attrezzo è definito dal Regolamento Ce 1967/2006 quale “rete trainata”; lo stesso provvedimento disciplina il corretto uso di tale attrezzo stabilendone l’ampiezza minima delle maglie, nonché l’espresso divieto di utilizzo da parte di unità da diporto. L’uso di questo attrezzo è considerato dalla normativa comunitaria quale “infrazione grave” e, pertanto, comporta l’adozione di sanzioni particolarmente onerose con l’attribuzione di punti sulla licenza di pesca.
A tutela dell’ambiente marino e della risorsa ittica, proseguiranno nei prossimi giorni i controlli nell’ambito dei sorgitori di propria giurisdizione al fine di accertare e reprimere ogni genere di comportamento illecito, con particolare attenzione al fenomeno della pesca e della commercializzazione illecita del novellame di sarda che, proprio in questo periodo, tende ad intensificarsi notevolmente.

Buon Compleanno Elvira..Buon Compleanno principessina

Buon compleanno principessina ....
Sono già trascorsi 9 anni da quel 6 febbraio 2005, giorno in cui sei venuta al mondo....
9 meravigliosi anni durante i quali hai riempito le nostre vite di gioia e tanto tanto amore....
Sei il dono più bello che Dio potesse farci.....
PAPA' E MAMMA

mercoledì 5 febbraio 2014

Previsioni meteomarine Isole Eolie a cura di Giuseppe La Cava

Forte vento di ponente FORZA 6 ( intorno ai 25 nodi), con raffiche FORZA 8 ( intorno ai 40 nodi), nelle prime ore della mattina, con mare mosso
Dal pomeriggio, rotazione a maestrale in attenuazione serale; moto ondoso in aumento nel corso della giornata con incremento periodo onda ( da 4 a 7 sec) e swell ( onde di mare lungo o morto) con lunghezza onda fino a 1 m e formazione di "maretta" , stato del mare molto mosso (altezza onda fino a 1,60 m e direzione onda da ONO)
Aggiornamento a Giovedi

Barchetta in fiamme sulla spiaggia di Canneto. Ma era un "rottame"

La barca (nella foto) che era andata distrutta dalla mareggiata abbattutasi su Canneto il 2 Febbraio è stata parzialmente distrutta dalle fiamme. 
Ad appiccare il fuoco potrebbe essere stato un ragazzo.
Sul posto, in prossimità della farmacia Morsillo, sono intervenuti i vigili del fuoco (caposquadra Pannuccio). 
L'incendio era già stato spento da un passante con alcuni secchi di acqua salmastra.
Da ricordare che i pompieri per arrivare a Canneto, nonostante la partenza tempestiva, hanno dovuto percorrere, per giungere nella frazione, la lunga ed angusta strada di Serra.

Come eravamo. " E andavamo da Nunnari per assaggiare gli arancini" (Nuccio Anselmo)

Nunnari, un ricordo dell'imprenditore scomparso che con la sua rosticceria e il ristorante ha rappresentato un'epoca.
di Nuccio Anselmo.
Ce lo andiamo a mangiare un arancino? E si correva da Nunnari, in via ugo Bassi, in quell'angolo celestiale, dietro quelle vetrate culinarie delle meraviglie, a qualsiasi ora del giorno e della notte. S'interrompeva tutto, non si badava a nulla, anche pochi minuti prima di pranzo o appena dopo cena, c'era sempre spazio per un "pezzo" rustico. E uno valeva esattamente l'altro, in tema di bontà.
In piedi, prima lo scontrino colorato alla cassa, mille lire di carta in mano, poi i fazzolettini leggeri su quella piramide friabile e meravigliosa quel sugo irrefrenabile, quel giallo di riso croccante e gentile che piano piano inondava il palato d'una sapore ineguagliabile, soddisfava fino alla punta dei piedi (traduzione dal vernacolo, in realtà si dovrebbe dire unghie), l'intero essere umano.
E spesso,il primo arancino non bastava mai, si passava al secondo, magari tra l'uno e l'altro si "spezzava" a volte con quello bianco, quadratini di prosciutto piselli e caldo formaggio filante. E poi i doremi, le mozzarelle in carrozza triangolari, i pitoni. Un mondo scomparso.
Poi anche lui, Pippo Nunnari, se n'è andato, in silenzio dopo anni di grande sofferenza interiore per i lutti familiari che ha dovuto sopportare, Scomparve così uno dei principali testimoni di quella grandissima e irripetibile stagione gastronomica cittadina che non aveva eguali.

L'inaugurazione della rosticceria-salumeria di via Ugo Bassi
Lo ricordiamo così, rammentando le sue "cose", mentre tarchiato e robustello girava per i tavoli del ristorante o faceva una capatina accanto, nella rosticceria parlando pochissimo.
Già, la rosticceria-salumeria di via Ugo Bassi.
La cassa angolare, gli scontrini colorati, il bancone ricco dei salumi più gustosi e rinomati, quell'insalata russa fatta di "vero pesce e sugellata con la gelatina e i gamberi a guarnire.
E poi, permetteteci, i doremi, questo mirabile triangolo di pane a cassetta morbido color arancione, ripieni d'insalata russa.
Quando cominciavi a mangiarlo da un lato, subito dall'altro schizzava via il ripieno, e giocavi a mordere dai due angoli, alternando le sensazioni sublimi di godimento.
E quando decidevi che  alle sei del pomeriggio era il caso di ingurgitare, su quel bancone laterale, un piatto di tortellini fumanti? C'era sempre il tempo.
E poi il ristorante, poco più in là, pietanze raffinate e piatti comuni resi sublimi, i ravioli panna e prosciutto, le bracioline di pesce spada con una ricetta speciale e particolare.
Era il 15 agosto del 1966 quando il padre di Nunnari inaugurò la rosticceria-salumeria di via Ugo Bassi, proveniva da via Nino Bixio, l'attività era iniziata addirittura nel '47.
E dal 1966 quelle vetrate furono meta di clienti da tutto il mondo, non è un'esagerazione, affatto, bastava vedere i turisti assiepati alla cassa.
Di quanto tutto ciò sia rimasto scolpito nel cuore, e nello stomaco, di molti, moltissimi messinesi e non, c'è testimonianza perfino su Facebook.
Qualcuno mirabilmente ha creato il gruppo (è testuale): "Da quannu ghiudiu Nunnari nuddu sapi fari chiù arancini a Messina". Traduzione per gli stomaci deboli: "da quando ha chiuso Nunnari nessuno sa più fare gli arancini a Messina".
Nuccio Anselmo
Fonte - Gazzetta del Sud - 3 aprile 2010

Aiuti per la realizzazione di progetti aziendali, di ristrutturazione e riconversione dei vigneti ricadenti nel territorio regionale ed in alcune zone “Riserva DOC”. Opportunità per le aziende eoliane. Il dottor Cortese informa

Riceviamo dal Dott. Agr. Lorenzo Cortese e pubblichiamo:
Qualche giorno fa è stato è stato pubblicato sul sito dell’Assessorato dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea della Regione Siciliana, il bando riguardante il regime di aiuti per la realizzazione di progetti aziendali, di ristrutturazione e riconversione dei vigneti ricadenti nel territorio regionale ed in alcune zone “Riserva DOC” tra le quali gli interventi nell’area “DOC Malvasia delle Lipari”.
Il Piano regionale di ristrutturazione e riconversione dei vigneti; Bando di gara campagna 2013/2014 (Reg. CE n° 1234/2007 modificato con Reg. CE n° 491/2009 e Reg. CE n° 555/2008) si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi:
-          Diversificazione varietale con l’introduzione di vitigni miglioratori e valorizzazione degli
-          autoctoni di pregio;
-          Ristrutturazione dei vigneti al fine di renderli parzialmente o totalmente meccanizzabili;
-          Sostituzione della forma di allevamento a tendone con la forma a spalliera.
La dotazione finanziaria è di 20 milioni di Euro ed il fine è quello di rinnovare e rilanciare la viticoltura siciliana, soprattutto quella delle aree “Riserve DOC”.
Tutto questo affinché si possa rendere più funzionale la filiera enologica, migliorandone la qualità in vigna ed in cantina, ottimizzando la visibilità e la qualità dei vini siciliani sui mercati mondiali.
Questo bando potrebbe rappresentare una valida occasione di sviluppo per l’agricoltura locale favorendo nuove opportunità per le aziende agricole eoliane.
Dott. Agr. Lorenzo Cortese 

Biviano (PD): "Dopo ordinanza CGA la Regione ritiri il ricorso e riapra il Punto nascita di Lipari"

A seguito dell'ordinanza del CGA (pubblicata da noi stamani) il consigliere comunale del PD, Giacomo Biviano ha inoltrato una lettera al Presidente della Regione Rosario Crocetta, all’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino e al commissario dell'ASP di Messina, Giovanni Migliore.
OGGETTO: Messa in sicurezza punto nascita Ospedale di Lipari e Ordinanza CGA Sicilia N. 00522/2012 REG.RIC.
Il Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Sicilia, con ordinanza N. 00522/2012 REG.RIC del 4 febbraio 2014, ha deciso di rinviare di ulteriori 90 giorni la decisione in merito alla soppressione del punto nascita di I livello presso l'Ospedale di Lipari prevista dal D.A. 2 dicembre 2011 in attesa di acquisire dall'Assessorato alla Salute documentate informazioni in ordine allo stato del procedimento di ripristino dello stesso punto nascita.
La Giunta Regionale siciliana, infatti, quasi un anno fa ha deliberato il ripristino del punto nascita di Lipari attraverso un piano di ottimizzazione dell’assistenza sanitaria nelle località disagiate. Un piano che prevedeva il mantenimento e la messa insicurezza di sette punti nascita della Sicilia, che pure avendo un numero di parti annui inferiore a 500, presentavano peculiari caratteristiche di isolamento territoriale o difficoltà di trasferimento dei pazienti alle strutture ostetrico-ginecologiche più vicine.
Nonostante ciò da quasi tre anni la comunità eoliana è costretta a sopportare numerosi sacrifici morali ed economici a causa della mancata funzionalità del proprio punto nascita.
Infatti, anche se il punto nascita di Lipari non è mai stato formalmente chiuso da un atto amministrativo dell'ASP a seguito delle pendenze giudiziarie-amministrative, difatti è stato volutamente svuotato delle professionalità necessarie fino a non garantire neanche l'assistenza h24 per le emergenze-urgenze.
Situazione che ha costretto tante gestanti eoliane a rivolgersi ai centri di Patti, Milazzo e Messina per poter partorire in sicurezza e le famiglie a sostenere ingenti spese di vitto e alloggio.
Vista la recente ordinanza del Consiglio di Giustizia Amministrativa della Sicilia ritengo che debba essere finalmente presa una seria e responsabile decisione da parte di tutti i soggetti preposti alla messa in sicurezza del punto nascita eoliano. Non si può, infatti, rinviare all'infinito l'effettivo ripristino del suddetto punto nascita deciso dallo stesso governo regionale già dal mese di marzo scorso.
Infine non si capisce il perchè la Regione non abbia ancora ritirato il ricorso presentato al CGA della Sicilia contro la decisione del Tar alla luce del nuovo provvedimento di ripristino emanato nel mese di Marzo scorso.
Daltronde, lo stesso CGA Sicilia, motivando l'ordinanza di rinvio della decisione, ritiene necessario acquisire dall’Assessorato alla Salute documentate informazioni "al fine di valutare la sussistenza di un perdurante interesse della Regione alla definizione del presente appello".
La domanda pertanto sorge spontanea: che senso ha mantenere un ricorso su un provvedimento del TAR che di fatti è in linea con il nuovo orientamento della Giunta Regionale in ordine al ripristino del punto nascita presso l'Ospedale di Lipari?
Nessuno! Sono convinto, infatti, che il Presidente Crocetta e l'Assessore alla Salute Borsellino abbiano semplicemente ignorato questo ricorso per il quale è invece necessario un formale atto di ritiro.
Alla luce di quanto sopra chiedo
che venga definitivamente ritirato il ricorso in appello avverso la sentenza del 4 aprile 2012, n.721/2012, pronunciata inter partes dal T.A.R. Sicilia nel ricorso R.G. 372/2012, con la quale difatti veniva ripristinato il punto nascita presso l'Ospedale di Lipari;
che venga riattivato il punto nascita eoliano attraverso la messa in sicurezza dello stesso e l'adeguamento delle figure professionali al fine di ripristinare la normale attività legata all’evento parto.
Il Consigliere Comunale PD
Dott. Giacomo Biviano

Il "pantano" di Vulcano è a rischio. L'ampio articolo del nostro direttore Sarpi sulla Gazzetta del Sud di oggi

Salvatore Sarpi - Gazzetta del Sud- “A Vulcano le ruspe stanno cancellando il “pantano” che esiste nell'istmo tra Vulcano e Vulcanello, l’ultima zona umida che ancora sopravvive nella Zona a Protezione Speciale ITA030044 e nel sito “Unesco delle Isole Eolie” e meta di diversi uccelli migratori( Ciconiformi, Anseriformi, Gruiformi e Caradriformi) che vi transitano durante le migrazioni o, in parte, vi sostano durante la stagione invernale” . Lo denuncia con una lettera aperta lo studioso e consigliere comunale Pietro Lo Cascio. 
“Quello che sta accadendo- scrive- è paradossale. Poichè è frutto di un progetto realizzato da una società – la Sogesid – direttamente controllata dai ministeri del Tesoro e dell’Ambiente, e gestito con i poteri emergenziali da un commissario – l’avvocato Luigi Pelaggi – che allo stesso tempo è funzionario di quest’ultimo dicastero. Come è possibile che questo scempio stia avvenendo con un finanziamento pubblico, ossia con soldi stanziati dallo stesso Stato che dovrebbe garantire – nel rispetto delle direttive comunitarie – la tutela dell’ultimo ambiente umido esistente nell’isola e nell’intero comprensorio eoliano?. È possibile perché chi ha redatto lo studio di impatto e di incidenza ambientale ha accuratamente evitato di segnalare la presenza del “pantano”, classificato come “habitat prioritario” con il codice 1150 nella Direttiva 43/92 dell’Unione Europea, ed anche perché chi doveva verificare la veridicità dello studio, ovvero l’Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana, non ha mosso alcuna obiezione in merito agli interventi previsti dal progetto che avrebbero coinvolto il luogo, come se ne ignorasse l’esistenza. È ovvio che la Regione disponesse di tutti gli strumenti necessari per confutare le affermazioni contenute nello studio. Per esempio quel piano di gestione dei Siti Natura 2000 dove l’importanza del pantano viene sancita a chiare lettere. Ma non lo ha fatto, concedendo le autorizzazioni ambientali senza proferire parola sul pantano, e ciò appare francamente incomprensibile”. 
Lo Cascio continua nella sua lettera aperta affermando come “a pochi metri da un habitat prioritario, una vasca di sollevamento liquami del realizzando depuratore – stando a quanto affermato nello studio – non produrrà alterazioni ambientali, né disturbo alla fauna, né infine alcuna riduzione al valore conservazionistico del sito. Ma la realtà è ben diversa. La vasca rischia di pregiudicare le caratteristiche naturali del luogo, sottraendo spazio alle dune di sabbia, ai canneti che offrono riparo agli uccelli durante le migrazioni o nel periodo invernale, ma soprattutto di interferire con il corpo idrico del pantano, cancellandone irrimediabilmente ogni traccia in pochi anni. Dove non era riuscita l’espansione urbanistica e turistica di Vulcano, che – pur sviluppandosi in maniera caotica – aveva comunque risparmiato questo piccolo gioiello della natura, arrivano le ruspe del depuratore. Di fronte a questo scempio- conclude Lo Cascio-sorgono due quesiti. Il primo è: poteva essere scelta una diversa collocazione per la vasca di sollevamento? La risposta è si: lo si sarebbe potuto fare se, piuttosto che un progetto confezionato e approvato in regime di emergenza, avessimo percorso le vie ordinarie, avviando una fase di reale concertazione dove tutti i soggetti interessati avrebbero potuto esprimere le proprie valutazioni. Rispondere alla seconda domanda è invece più difficile: qualcuno pagherà per avere omesso la realtà dei fatti, per non avere operato come dovrebbe fare un organo di controllo, per avere rilasciato con troppa fretta e troppa facilità l’autorizzazione a compiere uno scempio ambientale? Qualcuno pagherà per avere cancellato l’ultima zona umida di un arcipelago dichiarato Patrimonio dell’Umanità?”