Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 7 giugno 2018

Cambiano i suonatori ma la musica non cambia

(di Angelo Sidoti) Cambiano gli Amministratori con delega al Bilancio di mandato in mandato, ma nonostante ciò i risultati non migliorano.
I problemi evidenziati e “attestati” dal Ragioniere Generale del Comune di Lipari nella sua relazione periodica, denominata “controllo degli equilibri finanziari”, restano sempre gli stessi.
In ultimo, in data 04/06/2018, con delibera di Giunta n. 51 si procede con l’ennesima presa d’atto del contenuto della Relazione Periodica riferita al I Trimestre 2018.
Il contenuto della Relazione è sempre uguale sia nella forma che nei contenuti trattati, che per modello potremmo definire “ciclostilato”.
Nella Relazione vi sono pochi, ma interessanti spunti di novità: uno dei pochi è il dettaglio di alcune principali entrate del comune.
Riporto integralmente la definizione utilizzata dallo stesso Dott. Subba “a titolo di esempio riportiamo di seguito alcune tabelle rappresentative delle somme previste in bilancio e delle somme incassate connesse ad alcune entrate particolarmente significative”:
Facciamo una breve sintesi:
-        IDRICO: le somme incassate rispetto a quelle previste in bilancio per le annualità 2013-2015 si attestano mediamente intorno a una media percentuale del 55%, mentre per l’ultimo biennio  2016-2017 solo il 5%, per effetto che per queste annualità non è stata effettuata fatturazione (solo servizio autobotte). A giudizio del Dirigente del II Settore “il servizio idrico continua ad avere difficoltà per le proprie riscossioni”.
-        SMALTIMENTO RIFIUTI: le somme incassate rispetto a quelle previste in bilancio per le annualità 2013-2015 si attestano mediamente intorno a una media percentuale del 66%, mentre per il 2016 una media del 51% e per il 2017 pari a ZERO%, in quanto per questa ultima annualità il ruolo non risulta ancora emesso. Allo stato abbiamo in corso una gara d’appalto che per durata (7anni) risulta essere non in linea con il documento di programmazione PEF di tre anni (2017-2019) di cui uno già trascorso. Per altre considerazioni rimando a successiva riflessione.
-        SUOLO PUBBLICO: le somme incassate rispetto a quelle previste in bilancio per le annualità 2013-2015 si attestano mediamente intorno a una media percentuale del 98%, mentre per il 2016 una media dell’82% e per il 2017 pari a una media del 65%. Possiamo definire l’andamento storico soddisfacente sotto l’aspetto della riscossione anche se per l’annualità 2013 la somma riscossa risulta essere più alta di quella prevista in bilancio. Sarà un problema di competenza? Oppure di sottostime in questo caso positive?
Bisognerebbe comprendere pertanto i motivi della percentuale di entrate riscosse nel 2017 (65%); come peraltro sottolineato dalle associazioni di categoria, bisognerebbe inoltre realizzare un’equa distribuzione della imposizione di codesto tributo ovvero una verifica dell’effettiva superficie pubblica occupata da avviare su tutto il territorio eoliano dalle attività commerciali e affini.
Nessuna informazione viene resa dal Ragioniere Generale sulle attività di contenzioso in essere, sia sulle annualità oggetto di esame che su quelle relative alle annualità precedenti, né sull’onere economico a carico dell’Ente in qualità di parte soccombente, che sicuramente andrebbe a nettare il valore dell'incassato.
Altri piccoli rilievi di novità riscontrati nella Relazione:
-        nel paragrafo “parametri di strutturale deficitarietà”: tra le cause dello squilibrio viene riportato per la prima volta oltre l’idrico e la TARI (sempre presente nelle sue relazioni) anche i tributi relativi alle “concessioni/autorizzazioni per l’utilizzo del suolo pubblico.  Con molta probabilità il richiamo del Ragioniere Generale in questa relazione (I TRIM.2018) è naturale conseguenza della minore percentuale di incasso registrata nel 2017 rispetto alle precedenti annualità.
-        Nel paragrafo “lo squilibrio di cassa tra entrate e destinazione vincolata e relative spese”: tra le cause viene ripetuta per due volte quella del contributo di sbarco (forse un refuso?) e non risulta essere presente quella relativa al punto e) ovvero squilibro “per il contributo regionale destinato a investimenti” (vedi delibera di Giunta n.25/2018).
Tralasciamo, al momento, l’argomento relativo al capitolo “ Le società partecipate” poichè continua ad essere accantonato.
L’unico elemento al momento pubblico nelle banche dati è il verbale della riunione del consiglio di gestione della Condotte d’Acqua Spa (socio della partecipata Lipari Porto Spa) del 12/02/2018 nel quale, all’ordine del giorno, si richiama “aggiornamento ed informativa circa l’avanzamento dell’iter individuato ex art.161 6° comma L.Fall”.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.