Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

mercoledì 3 gennaio 2018

Quattrocchi. Un "rimedio" decisamente arrangiato

In una mail (da noi pubblicata ieri), con foto e video allegati, il signor Francesco Coscione evidenziava lo stato di pericolosità del guardarail a Quattrocchi e di una limitrofa ringhierina, appoggiandosi alla quale si rischia, seriamente, di precipitare giù.
Come è ben evidente, da questa foto scattata oggi dal nostro lettore Marco Giaquinta, per il gardarail è stato posto in essere un "rimedio", abbastanza arrangiato. 

Scrive lo stesso Giaquinta "spero sia un "rimedio temporaneo", ma è assurdo mettere un cartello di pericolo generico e tre transenne nemmeno "ancorate" in un punto dove c'è molto vento". Concordando con il nostro lettore, auspichiamo che, presto, si passi all'interno definitivo e non accada come in altre zone, dove il transennamento momentaneo è diventato parte "integrante" dei luoghi

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.