Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

domenica 23 dicembre 2018

Maltrattamenti in famiglia in danno della ex moglie e della figlia. Eoliano condannato al tribunale di Barcellona.

Il Tribunale penale di Barcellona Pozzo di Gotto in composizione monocratica, giudice dott. Antonino Orifici, ha pronunciato a carico del sig. A.D.G., residente nelle Eolie e di anni 54, sentenza di condanna ad anni quattro di reclusione, oltre che al pagamento delle spese processuali e all’interdizione dai pubblici uffici per anni cinque, per il reato di maltrattamenti in famiglia commessi in danno della coniuge separata sig.ra V.P. e della figlia S.D.G., alla presenza della figlia minore G.D.G. di anni 12.
L'imputato era accusato di aver compiuto in danno della moglie separata ripetute minacce di morte, vessazioni, intimidazioni, pedinamenti, appostamenti, e nei confronti della suddetta figlia S.D.G. una condotta di violenza fisica.
La predetta sig.ra V.P. si è costituita parte civile nello stesso processo, con la difesa e l’assistenza degli avvocati Antonella D’Agata e Giovanna D'Agata di Lipari, ed ha ottenuto il riconoscimento del diritto alla liquidazione dei patiti danni, da quantificare in separato giudizio civile.
Si tratta di una sentenza molto significativa e di innegabile utilità, sia ai fini della correzione del condannato, sia in rapporto al contesto sociale in cui i fatti sono avvenuti, cioè in funzione di monito a coloro che si fanno autori di condotte criminose ai danni della donna e della famiglia, nel contesto territoriale di Lipari e delle Isole Eolie tutte.
Il giudice hai inteso così accogliere le tesi della difesa della moglie, promuovendo un messaggio forte di ‘stop’ a ogni forma di violenza di genere, e non solo a quella di tipo fisico.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.