Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 4 gennaio 2016

Merlino (PD): "Chiusura Punto Nascita fa crescere sfiducia nelle istituzioni"

Verona, Torino, Bassano del Grappa, Foggia e Brescia.... Tutto ok per il ministro Lorenzin? Non basta, quindi, essere punti nascita con più di 500 parti all'anno per stare sereni? E' giustificabile, come qualcuno dichiara, la troppa pressione sulla categoria dei ginecologi? Il parto e' una malattia, una patologia da curare? 
La chiusura dei punti nascita e' solo ed esclusivamente una questione di sicurezza, che va senz'altro garantita al 100%, o probabilmente e principalmente per un tornaconto dei bilanci regionali? 
Si devono garantire a tutti i cittadini italiani i propri diritti costituzionali, in modo particolare quelli per la salute e quelli di essere tutti uguali e liberi di nascere dove si vuole? 
La chiusura del centro nascite di Lipari, come altri che hanno delle peculiarità particolari, e' semplicemente inaccettabile. 
Sono queste battaglie sociali che, se perse, fanno allontanare i cittadini dai palazzi di vetro della politica regionale e nazionale e lo dice uno che, nel suo piccolo, svolge un modesto ruolo politico ma, davanti a questi fatti, rischia di perdere anch'egli fiducia in tutte le istituzioni governative e politiche. Purtroppo, ritornando ai nostri diritti costituzionali di liberi cittadini italiani qualcuno e forse più di qualcuno dimentica di aver giurato proprio sulla nostra Costituzione impegnandosi a garantirli e se non ne è capace deve fare un passo indietro.
Saverio Merlino

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.