Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 29 aprile 2016

Prosegue l'interessante confronto "epistolare" a distanza tra il dottor Giacomantonio e il professor Armeli

Caro Direttore,
Scrive il prof. Armeli: “non si potrà mai stravolgere un orientamento costante e millenario e dire l'opposto di quanto è stato insegnato finora perché la verità è una: se si dicesse il contrario, vorrebbe dire che sinora sono state insegnate dottrine errate e ciò non è possibile”.
Per oltre un millennio si è insegnato che il sole ruota intorno alla terra e perché aveva messo questo indubbio Galileo fu condannato. Ma oggi se uno si azzardasse a dire che il sole gira attorno alla terra verrebbe preso per pazzo. E qui è la stessa cosa.
“Fino a tutto il XIX secolo – scrive il prof. Don Enrico Chiavacci nel saggio che le ho citato nella precedente risposta - si è pensato sempre e senza eccezione ai comportamenti omosessuali come comportamenti viziosi, posti in essere da persone eterosessuali in cerca di piaceri alternativi. Anche la condanna morale in S. Paolo è pronunciata su questa base. E anche quando e dove le persone dedite a tale vizio erano considerate una categoria a parte, si trattava (e ancora oggi si pensa che si tratti) di persone disprezzabili, volutamente rifiutantisi di rispettare la natura. Oggi questa posizione dovrebbe quanto meno essere ripensata”. Infatti, continua il testo:” La natura umana è identificabile con la natura biologica? …Che senso ha, nel dettato conciliare, parlare non di natura dell'uomo ma di natura della persona? E la persona non è una realtà psicofisica? E questa realtà psicofisica, nella estrema complessità della sua sessualità, è descrivibile e prescrivibile una volta per sempre e per chiunque? E allora dove trovare criteri di valutazione etica tali da essere, per definizione, in qualche modo universalizzabili?”.
A quest'ultima e suprema domanda la prima risposta per il cristiano è la carità. Il che nel campo della sessualità vuol dire comprendere la propria sessualità come dono di Dio, come capacità di espressione di un'esistenza che ci è data per donarci, per portare frutto nella carità per la vita del mondo. In questo orizzonte di fede va vissuta globalmente la nostra esistenza: e ciò implica una comprensione della propria sessualità sempre come capacità di relazione all'altro, sia nella vita di coppia in cui il complesso della vita sessuale esprime e favorisce il reciproco dono, sia nella vita personale del singolo che deve saper orientare la propria sessualità sempre in tale direzione, sia nella rinuncia all'espressione della propria sessualità come annuncio e profezia su un mondo in cui la sessualità è continuamente profanata nella sua intrinseca sacralità”.
Con cordialità
Michele Giacomantonio

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.