Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

domenica 19 agosto 2018

"Esplosione maggiore" ieri sullo Stromboli con lancio di cenere e brandelli di lava. Subito dopo tutto è tornato alla normalità.

Comunicato INGV 
Una nuova “esplosione maggiore” è stata registrata ieri, 18 agosto, sul vulcano Stromboli dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). In particolare, alle 17:08 (ora locale) si è verificata un'esplosione di forte intensità che ha coinvolto le bocche dell'area centro-meridionale poste sulla terrazza craterica (Fig. 1). L' esplosione ha prodotto una piccola nube di cenere (Fig.2), che si è rapidamente dispersa nell' atmosfera, ed il lancio di materiale piroclastico grossolano (brandelli di magma incandescente), che è ricaduto prevalentemente nella terrazza craterica e sulla parte alta della Sciara del Fuoco (Fig. 3), rotolando abbondantemente lungo le sue pendici. Il segnale sismico associato all'evento ha avuto una durata di poco più di 4 minuti. Successivamente, il vulcano è tornato a produrre la sua normale attività stromboliana.
Come ben noto, questi eventi esplosivi sono contraddistinti da una maggiore energia rispetto all’attività stromboliana “ordinaria” che, invece, caratterizza nella quotidianità questo vulcano.
Le esplosioni maggiori sono eventi imprevedibili che possono causare la ricaduta di bombe vulcaniche, lapilli e frammenti rocciosi anche abbastanza grandi nella porzione sommitale del vulcano, e che quindi risultano potenzialmente pericolosi per qualsiasi osservatore si trovi a transitare nelle zone del belvedere del Pizzo sopra la Fossa o lungo i sentieri che vi conducono. L’esplosione avvenuta questo pomeriggio ha prodotto una abbondante ricaduta di materiale incandescente principalmente all’interno della terrazza craterica e lungo la Sciara del Fuoco.
L'attività eruttiva dello Stromboli è costantemente monitorata dall'INGV mediante i sistemi osservativi, geofisici e geochimici gestiti dalle Sezioni di Catania, Napoli e Palermo.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.