Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 20 maggio 2019

Milazzo, malato di Parkinson, originario di Salina, “sequestrato” in casa dall’anno scorso

L'amico Massimo Lo Schiavo ci segnala questo articolo, pubblicato da oggimilazzo.it
E’ “sequestrato” in casa dall’anno scorso. E’ la storia di Stefano Bonica, 82 anni, che vive in un condominio nel centro di Milazzo. Affetto del morbo di parkinson si ritrova sulla sedia a rotelle ed è impossibilitato non solo – come ovvio – ad utilizzare le scale ma anche l’ascensore poiché la porta d’ingresso troppo piccola. 
A raccontarlo ad Oggi Milazzo è la moglie Anna Maria Taranto che da anni tenta di ottenere dal condominio la sostituzione della porta d’ingresso in modo da far passare la sedia e far prendere al marito un po’ d’aria o farlo accarezzare da un raggio di sole.
«Ogni volta che l’amministratore di condominio mette questo punto all’ordine del giorno la seduta non si svolge perché manca il numero legale e il punto non viene trattato. Sono trascorsi già tre anni e quattro convocazioni», sostiene la signora sessantaduenne.
Il marito, ex muratore originario di Salina, combatte questa malattia da circa vent’anni ma recentemente si è aggravato al punto da non essere più autosufficiente. «Nel 2016 il condominio ha deciso di ammodernare l’ascensore con una spesa di 18 mila euro – racconta Anna Maria Taranto – avevo sottolineato la situazione di mio marito e chiesto di “abbattere questa barriera” per consentire di avere la possibilità di uscire e rientrare a casa. I tecnici avevano trovato anche la soluzione. Tutti hanno glissato anche se nel verbale sono riuscita a far inserire la postilla che se mio marito si fosse aggravato l’assemblea si impegnava a trovare una soluzione. Così non è stato».
L’ultima uscita di casa del signor Bonica risale allo scorso ottobre per un ricovero. «E’ stato trasportato a casa utilizzando un telo – racconta la moglie – fortunatamente stiamo al primo piano. La cosa che mi amareggia è che quando l’ascensore non funziona tutti corrono a chiamare il tecnico e guai se non si mette in funzione subito, ma del nostro disagio non si preoccupa nessuno». Non è escluso che la vicenda finisca all’attenzione della magistratura del tribunale di Barcellona.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.