Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 15 giugno 2018

Dramma a Messina. Due bambini di 10 e 13 anni sono morti in un incendio che si è sviluppato intorno alle 4 di stamane nella loro abitazione, in via dei Mille

Avevano 10 e 13 anni, Raniero e Francesco Filippo Messina: vivevano nella palazzina con altri due fratellini Tancredi e Francesco di 8 e 6 anni e i genitori, Gianmaria e Chiara, che si sono salvati. Da quanto trapela, durante la notte, il cugino dei Messina e loro vicino di casa ha sentito gridare e poi bussare violentemente alla porta. Quando ha aperto si è trovato davanti i genitori, che si sono rifugiati nella stanza più esterna. La madre urlava e continuava a ripetere che i figli erano rimasti dentro, "che dovevamo salvarli". Allora i due uomini sono scesi al piano di sotto, sono entrati nella stanza e hanno preso i due bambini più piccoli, passndo per il cornicione e mettendoli in salvo nella casa accanto. Nonostante il tentativo del padre di salvare gli altri due figli, per loro non c'è stato nulla da fare. Le fiamme erano erano troppo alte per permettergli di raggiungerli e l'incendio si è propagato ad una velocità troppo elevata.
Ai familiari è sembrato che Francesco Filippo "fosse con noi e che poi sia sceso per cercare il fratello”: il suo corpo, infatti, è stato trovato nel corridoio, mentre quello di Raniero sul soppalco dove dormiva. Francesco Filippo avrebbe dovuto sostenere gli esami di terza media.
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, con undici mezzi e tre squadre. Sono in corso le indagini per accertare la causa dell'incendio, ma secondo una prima ipotesi sembra che le fiamme siano divampate a casa di un corto circuito in cucina.
Anche la politica si ferma di fronte alla tragedia di Messina: i candidati sindaci hanno annullato i comizi previsti per oggi, in segno di lutto per i due fratellini morti nell'incendio di quest mattina.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.