Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 14 giugno 2018

GRANDE GUERRA 10 GIUGNO 1918 – 10 GIUGNO 2018 100 ANNI FA LA L’IMPRESA DI PREMUDA PER MANO DEL COMANDANTE LUIGI RIZZO (DI MILAZZO)


(a cura di Peppe Cirino) Negli anni offuscata dalla battaglia del Piave avvenuta pochi giorni dopo il 10 giugno 1918, l’impresa di Premuda compiuta dal comandante Luigi Rizzo e dal comandante Giuseppe Aonzo e dai loro equipaggi, rispettivamente al comando dei MAS 15 e 21, rappresenta forse la più grande vittoria della nostra Marina Militare nel 1° Conflitto Mondiale. La magistrale azione compiuta dai due MAS costituisce ancora oggi materia di studio presente nei manuali delle Marine di tutto il Mondo.
Partiti dalla base di Ancona nel pomeriggio del 9 giugno 1918, gli equipaggi al comando di Rizzo e Aonzo, dirigono al largo dell’isola di Premuda per una missione di pattugliamento e di avvistamento di sistemi difensivi anti Torpediniere.
Terminata la propria missione i due Mas stazionano tra Guiza e Banco di Selve in attesa di ricongiungersi a gruppi di torpediniere d’appoggio, quando alle ore 2:00 Rizzo scorge in lontananza il fumo prodotto da un imponente convoglio navale austriaco nel quale si scorgono le sagome di due corazzate, la Szent István (Santo Stefano) e la Tegetthoff, pronte a congiungersi ad un secondo convoglio di cui fanno parte altre due grandi unità, la Viribus e la Prinz Eugen, per puntare insieme verso il canale d’Otranto nel tentativo di forzare il blocco navale imposto dalla Marina Italiana e Britannica.     I due piccoli MAS approfittando della poca luce si infiltrano a bassa velocità nello schieramento nemico.  Rizzo aumenta  la velocità a 12 nodi passando a meno di 300 metri dalle torpediniere di scorta e con la prora rivolta alla Santo Stefano, lancia i due siluri in dotazione al piccolo motoscafo centrando in pieno la fiancata della corazzata sollevando due alte colonne d’acqua. Nel contempo il MAS 21 forzando il sistema di scorta riesce a lanciare i  suoi siluri contro la Tegetthoff da una distanza di 400 metri circa, uno dei quali fa centro danneggiandola.
La reazione della Torpediniera 76 di scorta al convoglio non si fece attendere, lanciandosi immediatamente all’inseguimento  del MAS 15. Rizzo e Aonzo riescono a svicolarsi dall’inseguimento ed alle ore 7:00 entrano nel porto di Ancona, la bandiera issata segnala ai marinai a terra che le due unità hanno colpito.
Dalla base di Ancona partono squadriglie di idrovolanti che al loro ritorno comunicano al Comando Italiano che le unità Austriache stanno facendo rientrando ai porti.
Per l’audacia e lo sprezzo del pericolo dimostrato, il Comandante Rizzo venne insignito della Croce dell’Ordine Militare di Savoia, che venne convertita in una seconda Medaglia al Valore Militare visti i suoi convinti ideali repubblicani. Nel dicembre del 1917 Rizzo era già stato insignito di una prima Medaglia d’Oro al Valore Militare per l’affondamento della corazzata  Wien.
La notizia ebbe in patria ed all’estero un eco enorme e contribuì a sollevare il morale dei fanti che nelle trincee del Grappa e del Piave combattevano duramente per arrestare l’avanzata austro-tedesca. Da li a qualche giorno si sarebbe combattuta la  Battagli del Solstizio, dove i ragazzi del 99 scrissero con il sangue una delle pagine più memorabili della Grande Guerra.

Questo il testo che Gabriele D’Annunzio donò alla citta di Milazzo per l’intitolazione del monumento al suo diletto figlio:

« A te, che osi l'inosato, distruttore di navi nemiche perdutissimo e tranquillo, converrebbe la corona rostrale, di foggia romana, offerta dalla tua gente marina sopra le acque illustrate in perpetuo dalla vittoria di Roma. Ma la tua semplicità non pregia alcun serto più della rozza berretta di marinaio che sola è la tua insegna di Capo quando conduci la prua disperata di là dalla morte e ne torni con la fortuna attonita. Così la tua gente ha battuto per te in medaglia concisa l'oro della corona classica, a esprimere il suo orgoglio e a perpetuare il ricordo dell'evento fulmìneo. Non mancano all'offerta l'assenso e il sorriso di quell'Eroe che saldò per sempre il suo nome al nome della tua città natale col fuoco della sua più bella battaglia, come ferro a ferro. Colui che grandi imprese compiva con piccoli legni, il capitano della goletta di Rio Grande e del lancione di Camacua, il pilota notturno dei Mille, non considera come uno dei suoi credi il figlio della sua Milazzo garibaldina. Certo, figlio, il tuo atto è a noi un baleno di quella medesima folgore. Con animo figliale accogli questo segno d'amore più che d'onore, capitano Luigi Rizzo. Offrendotelo, la tua gente non spezza il conio. Sa che tu non sei intento se non a superare te stesso e il sangue tuo. »

Dal 1925 al 1948 Luigi Rizzo svolse il ruolo di presidente della Società Eolia Navigazione.-

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.