Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 12 gennaio 2019

Sbloccati i 400 milioni della manovra per i mini-investimenti dei piccoli Comuni. Lipari è nell'elenco dei Comuni a cui spettano 100.000,00 euro. A S.M. Salina, Leni e Malfa 40.000,00 euro

Roberto Piemonte ci segnala questa notizia: 
Mentre sulle grandi opere una linea comune del governo resta per il momento introvabile, sui piccoli investimenti la macchina si avvia, con la firma di Salvini al decreto del Viminale che distribuisce 400 milioni ai Comuni fino a 20mila abitanti per le mini-opere. Il provvedimento, preparato in tempi record dagli uffici del Viminale, è il primo dei 161 decreti attuativi previsti dalla legge di bilancio, e serve a finanziare gli interventi di messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio culturale.
Gli importi per ogni municipio, differenziati per fasce di popolazione, non sono da capogiro: si tratta di 40mila euro per ogni ente fino a 2mila abitanti, 50mila fino a 5mila abitanti, 70mila fino a 10mila abitanti e 100mila fino a 20mila abitanti. Ma il meccanismo gioca soprattutto sui tempi, con l'obiettivo di avviare in fretta piccoli lavori diffusi sul territorio. Per non perdere il contributo, i Comuni dovranno infatti avviare i lavori entro il 15 maggio: i sindaci dovranno certificare il tutto alla banca dati della Pa, e il Viminale effettuerà controlli a campione insieme al ministero delle Infrastrutture.
Il via libera ai fondi, rimarca Salvini, arriva «mentre pochi sindaci fanno polemiche» sull'applicazione del decreto sicurezza. La spaccatura emersa con la lettera dei 400 sindaci a difesa del decreto è stata per il momento sopita dal direttivo Anci di ieri, dove però sono state rilanciate le critiche delle città (anche queste a guida Pd, dalla Milano di Sala alla Firenze di Nardella) per tagli e mancate compensazioni della manovra. Di sicurezza e bilanci i sindaci parleranno lunedì prossimo a Conte a Palazzo Chigi.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.