Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 22 settembre 2008

Bagnamare: "Tripla vergogna direi" di Giansanto

(Giansanto) La prima vergogna è che dopo nove giorni non sia stata fatta una riparazione che richiede poche ore di lavoro.
La seconda vergogna è che una strada provinciale "rifatta ad opera d'arte" ormai quasi una decina di volte, causa " l'efficiente programmazione" delle opere pubbliche, non sia in grado di reggere l'attrito delle acque meteoriche provenienti da una strada laterale in discesa seppur priva delle regolamentari griglie di smaltimento.
La terza vergogna, la più pesante, è che si costringa la gente, per l'indolenza e la complicata operatività pubblica, a servirsi della vecchia, lunga e pericolosa strada di Serra che, oltre ad un notevole aggravio dei costi di carburante, comporta rischi e tempi di percorrenza quattro volte superiori, il tutto ovviamente a carico degli utenti.
Non sarebbe invece forse il caso nel frattempo di transennare solo la porzione a monte danneggiata consentendo il traffico alternato e regolamentato sull'altra metà della carreggiata, visto che di fatto ciò già naturalmente avviene ma in modo precario e pericoloso?
Giansanto
NDR. Mi trovi pienamente d'accordo. Speriamo lo capiscano