Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 2 agosto 2008

Ama le Eolie porta la "questione Siremar" in Procura a Barcellona

Un esposto è stato presentato dall'ing. Emanuele Carnevale, presidente dell'Associazione Ama le Eolie, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Barcellona. Riguarda la delicatissima problematica dei trasporti Siremar.
Il testo:
Il sottoscritto Ing. Emanuele Carnevale, nella qualità di Presidente della Libera Associazione Imprenditori “Ama le Eolie”, a seguito delle innumerevoli difficoltà in cui versa il settore dei trasporti marittimi nelle isole Eolie, con la presente nota espone e chiede quanto segue:
Premesso
che la predetta Associazione è costituita da Imprenditori, che operano a vario titolo e da diversi anni, nell’Arcipelago Eoliano;
che lo svolgimento ed il frutto dell’attività da essi svolta è profondamente condizionato dai problemi che da sempre affliggono l’economia e lo sviluppo sociale e turistico dell’Arcipelago;
che tali problemi, non affrontati mai strutturalmente, si amplificano con l’avvento della stagione turistica, dal cui andamento dipende la sopravvivenza stessa di alcune realtà imprenditoriali;
che la delicata situazione economica, occupazionale e turistica delle Eolie è sempre più fortemente minacciata dalla inefficienza ed inadeguatezza del servizio pubblico di collegamento con la terraferma, svolto per decenni dalla Società “Siremar” (Gruppo Tirrenia) in virtù di convenzione stipulata nel 1991 con lo Stato italiano;
che, alla riduzione dalle sei alle due corse settimanali sulla rotta Napoli - Isole Eolie già disposta da qualche anno, si sono aggiunti, nel corso dell’attuale stagione estiva, tutta una serie di episodi che, oltre a dimostrare - ancora una volta - l’inadeguatezza della Società Siremar a mantenere l’impegno scaturente dalla convenzione statale, hanno influito in misura rilevante sulla continuità e regolarità del servizio pubblico;
che, in particolare, una non meglio precisata avaria sulla motonave Filippo Lippi in servizio nell’arcipelago delle Egadi, ha costretto lo stesso mezzo navale a lavori di cantiere che si protrarranno, quasi sicuramente, sino alla fine del mese di agosto.

Inspiegabilmente è stata rimossa dalle Eolie la MT “ Simone Martini” per destinarla alla sostituzione della MT “ Filippo Lippi “;
la MT Simone martini è stata sostituita a sua volta con la MTV “Isola di Stromboli” annullando di fatto le tre corse giornaliere andata e ritorno Milazzo – Isole Eolie, il tutto all’insaputa degli utenti, con grave disagio e disorientamento per gli stessi;
per tali motivi,la frequenza dei collegamenti marittimi via nave nelle Eolie è rimasta quella del periodo invernale, con conseguenze economiche, sociali e d’immagine disastrose,
sempre su iniziativa della SIREMAR è praticamente impossibile prenotare o staccare biglietti per il trasferimento via nave, di autovetture o automezzi, nei giorni precedenti al viaggio, impedendo una preventiva pianificazione del viaggio necessaria per i viaggiatori con la diretta conseguenza che molti disdicono le proprie prenotazioni per l’incertezza dei collegamenti.
che di tali gravi disservizi non è stata data tempestiva informazione agli utenti, con grave pregiudizio per gli stessi e con gravi ricadute anche sulla programmazione del soggiorno alle Isole e conseguenti danni per gli operatori turistici;
che tali inadempienze e disservizi sono stati più volte denunciati, anche da questa Associazione, al Governo Nazionale e Regionale (come da note che si allegano);
che, nonostante ciò, fino ad oggi non è stato adottato alcun provvedimento per porre riparo alla grave situazione determinatasi e sono rimaste prive di riscontro anche le istanze dirette a conoscere i criteri seguiti nel predisporre la riduzione dei collegamenti e ad ottenere copia di tutta la relativa documentazione;
Ritenuto
che in virtù del vigente quadro normativo:
i servizi di collegamento marittimo con le isole maggiori e minori “debbono assicurare il soddisfacimento delle esigenze connesse con lo sviluppo economico e sociale delle aree interessate, ed in particolare del Mezzogiorno” (art.8 L.n.684/74);
“il numero delle linee, la periodicità dei collegamenti ed il tipo di naviglio debbono essere adeguati a soddisfare le esigenze di mobilità dei cittadini, contribuendo a promuovere lo sviluppo socio-economico di ciascuna isola” (art.3 L.n.169/75);
le Società operanti in regime di convenzione “hanno l’obbligo di assegnare alle linee le navi indicate per ciascuna linea nelle convenzioni” (art.18 D.P.R. n.501/79) e la modifica alle convenzioni o convenzioni aggiuntive sono ammesse solo quando “per esigenze economiche e sociali si ravvisi la necessità di migliorare il servizio” (art.4 L.n.169/75);
le variazioni non meramente temporanee di itinerari, periodicità e velocità di esercizio indicati nelle convenzioni devono essere autorizzate “con le stesse forme previste per la stipula delle convenzioni e con l’intervento delle stesse amministrazioni” (art.34, D.P.R. n.501/79) e, cioè, con il concerto dei Ministri dei Trasporti, del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica, oggi Economia e Finanze, (art.8, co.2 L.n.684/74) e con Decreto Ministeriale da pubblicare sulla G.U.R.I. unitamente al testo delle convenzioni medesime (art.10 L.n.169/75);
eventuali modifiche all’assetto nautico possono avere effetto soltanto “dal 1° gennaio dell’anno successivo” (art.9, co.1, D.L. n.77/89, conv. in L.n.160/89);
i programmi quinquennali di esercizio e le variazioni degli stessi devono essere approvati con decreto del Ministro dei Trasporti di concerto con il Ministro dell’Economia e Finanze, sentite le regioni territorialmente interessate (art.9, co.1, D.L. n.77/89, conv. in L.n.160/89);
che ai sensi degli orientamenti comunitari in materia di aiuti di Stato ai trasporti marittimi "un obbligo di servizio pubblico può essere imposto per garantire servizi regolari verso porti che collegano regioni periferiche della Comunità o rotte poco servite e considerate vitali per lo sviluppo economico delle regioni interessate, nei casi in cui il libero gioco delle forze di mercato non garantirebbe un sufficiente livello del servizio".
che mediante l'imposizione di questi obblighi si mira a garantire il rispetto del principio di continuità territoriale e un livello sufficiente di servizi regolari di trasporto marittimo da e verso le isole minori, in modo da soddisfare le esigenze di sviluppo economico e sociale di queste ultime;
che in ragione di ciò la Commissione della Comunità Europea ha chiaramente affermato che il sistema di sovvenzioni pubbliche ai vettori marittimi può giustificarsi soltanto con riferimento a quelle linee, come quella in questione, in cui il servizio non è adeguatamente svolto da altre imprese private;
che, in ogni caso, secondo la giurisprudenza comunitaria, per aver diritto alla compensazione, gli obblighi di servizio pubblico devono essere fissati in anticipo e con precisione dalle autorità pubbliche senza lasciare all’impresa incaricata del servizio la libertà di determinare il numero delle frequenze da operare ovvero di decidere autonomamente se le convenga o no prestare tale servizio in funzione del mercato.
* * * *
Per tutto quanto sopra premesso e ritenuto, il sottoscritto, nella sopra spiegata qualità,
chiede
che l’Autorità giudiziaria voglia accertare se nel comportamento tenuto dai responsabili della SIREMAR e dagli organi istituzionali preposti al controllo sull’adempimento degli obblighi assunti con la convenzione siano ravvisabili fattispecie penalmente rilevanti, anche sub specie di interruzione di pubblico servizio e, nel caso affermativo, che si proceda nei loro confronti a termini di legge.
Con richiesta di essere informato dell’esito delle indagini.
Lipari (ME), lì 31 luglio 2008
Il Presidente
Ing. Emanuele Carnevale