Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 1 agosto 2008

Le bancarelle della festa di San Cristoforo: "Ma perchè non c'erano?"

Il testo della lettera inviata da Maurizio Zaja all'assessore Corrado Giannò nella quale si fa riferimento ad una precedente risposta del componente dell'amministrazione Bruno.
"Gentile sig. Giannò, la ringrazio per aver voluto rispondere alla mia mail, anche se noto con disappunto che non ha risposto all'unica domanda posta nella mail: chi ha deciso che non dovevano esserci le bancarelle alla festa di S.Cristoforo? Vorrei precisare che non ho dimenticato di menzionare la maggior pulizia trovata nella frazione, semplicemente non era questo l'oggetto della protesta, ma era un altro; comunque non credo che le spiagge resteranno pulite ancora per molto, visto che più nessuno passa a rimuovere gli scarti lasciati dai turisti che, si spera, aumenteranno sempre più nelle prossime settimane; sono ad attenderla a fine stagione, per vedere in che condizione saranno. Ribadisco che non sono al corrente di chi sia l'artefice della decisione, ma ho sentito solo una serie di voci di popolo, a cui non voglio dar credito finchè non avrò una risposta ufficiale; è comunque innegabile che per chi già occupa, certamente con regolare concessione, il suolo pubblico destinato negli anni scorsi al mercatino, lo stesso sarebbe stato dannoso. Ad ogni modo, nessuno ha parlato di "gravissimo misfatto", nè tanto meno di "pena di morte": la mia voleva solo essere un'osservazione di costume, relativa al graduale abbandono delle nostre tradizioni: per quale motivo ha recepito le mie osservazioni come se fossero un delitto di Stato? Infine, io non posso avere le idee chiare, visto che, come già più volte ripetuto, nessuno mi dice (a me e ovviamente a tutti i Cannetari) come stanno veramente le cose: può essere così gentile da farlo lei? Saluti.
Maurizio Zaja