Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 30 dicembre 2011

I funerali di Eufemia Biviano e le indagini. Articolo di Salvatore Sarpi sulla Gazzetta del sud di oggi

Il monito del parroco davanti al feretro: chi sa qualcosa non può tacere Gli inquirenti hanno acquisito i dati della cellula telefonica della zona dove è stato compiuto l'omicidio 
Salvatore Sarpi
Lipari
«Chi sa parli. Stringiamoci attorno alle forze dell'ordine e incoraggiamo e aiutiamo il loro operato per individuare il responsabile dell'efferato delitto della sorella Eufemia».
L'appello lo ha lanciato durante l'omelia, tenuta nel corso dei funerali di Eufemia Biviano, la donna barbaramente uccisa la vigilia di Natale, il parroco di Lipari don Giuseppe Mirabito che, unitamente a padre Alessandro Lo Nardo, ha officiato il rito funebre.
In una chiesa gremita di gente, e con il sagrato altrettanto stracolmo (complessivamente saranno stati presenti almeno in 600) Don Giuseppe ha anche evidenziato come il tragico episodio ha scosso e turbato tutta la collettività eoliana e non solo quella dell'isola di Lipari.
«Un omicidio come quello della cara Eufemia- ha continuato Don Giuseppe- appare generato entro il contesto di un pericolosissimo decadimento civile e morale. Niente e nessuno è risparmiato da questa penosa decadenza di valori, da questa assenza di riferimenti che colpisce soprattutto le nuove generazioni. Dobbiamo tutti- ha concluso padre Giuseppe Mirabito- rieducarci alla vita dell'amore e ricondurci reciprocamente al rispetto del bene comune».
In chiesa era presenti, oltre ai familiari della vittima e a tutti i cittadini che hanno voluto portare la loro testimonianza di affetto e stringersi attorno alle spoglie mortali della pensionata, anche i rappresentanti della pubblica amministrazione, sindaco Mariano Bruno in testa, e di tutte le forze dell'ordine presenti sull'isola. I carabinieri erano rappresentati, oltre che dal maresciallo Francesco Villari, anche dal tenente Antonio Ruotolo, comandante della Compagnia di Milazzo.
Il feretro, all'uscita della chiesa è stato salutato dagli applausi della folla e, dopo una tappa davanti all'abitazione della povera donna, ha raggiunto il cimitero della frazione dove è stato tumulato.
Intanto le indagini proseguono a ritmo serrato e sino a ieri sera,a tarda ora, i carabinieri di Lipari, con il supporto del gruppo operativo sbarcato nell'isola nei giorni scorsi, erano all'opera a Quattropani. Carabinieri in divisa ed in borghese erano presenti durante la cerimonia funebre anche all'interno e all'esterno della chiesa per monitorare i presenti ma anche eventuali assenze. L'impressione che si ha parlando con gli inquirenti – che comunque continuano a restare abbottonati – che si sta puntando ormai su una pista ben precisa e che presto, una volta messi a posto gli ultimi tasselli, il cerchio si possa stringere intorno all'assassino e ad eventuali complici. Abbandonata la pista del furto, sfociato in omicidio, nel mirino sarebbero finiti persone ben conosciute alla donna. In questo contesto gli inquirenti non stanno tralasciando nulla.
Dai reperti acquisiti sul luogo del delitto ed in casa della 62enne pensionata, agli interrogatori serrati di conoscenti e parenti, sino all'acquisizione di dati dalla cellula telefonica che copre la zona, onde individuare possibili telefonate in arrivo e in partenza nelle ore in cui si presume sia stato compiuto l'atroce delitto. Sembrerebbe che gli uomini dell'Arma abbiano anche acquisito le immagini dell'attività commerciale dove la donna avrebbe effettuato quel giorno la spesa (si è risaliti attraverso lo scontrino) per verificare se qualcuno la stesse seguendo e/o pedinando.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.