Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 20 febbraio 2015

"La storia delle isole Eolie"...conosciamola attraverso lo storico Giuseppe La Greca. Terza Puntata :Onofrio Carnevale - Sindaco di Lipari

Onofrio Carnevale
Sindaco di Lipari
20 febbraio 1859

Onofrio Carnevale, avvocato, è nato il 20 febbraio 1859 ed è morto il 3 giugno 1922. Era fratello maggiore di Emanuele Carnevale.
Due i suoi mandati come sindaco, dal 19 ottobre 1891 al 3 dicembre 1891, e dal 4 dicembre 1891 al 7 agosto 1895. Diverse volte consigliere, assessore, per un ventennio protagonista della politica eoliana. Viene nominato sindaco nella stessa seduta che accoglie le dimissioni del sindaco Emanuele Carnevale, quasi una successione ufficiale. Sotto la sua sindacatura il consiglio procede ad una serie di iniziative rivolte al settore pomicifero.
Nel consiglio comunale del 19 ottobre 1891 viene nominato sindaco. Si tratta di una elezione a termine, con scadenza al 3 dicembre 1891, scadenza naturale del mandato triennale. A distanza di alcuni mesi il consiglio comunale nella seduta del 4 dicembre 1891 lo riconferma nella carica per il triennio successivo, 1892 - 94. Sotto la sua sindacatura il consiglio procede ad una serie di iniziative rivolte al settore pomicifero. In due sedute del consiglio Comunale, rispettivamente del 5 gennaio e 21 aprile 1893, viene deliberato un nuovo Regolamento per il godimento dei demani comunali produttivi di pietra pomice, esecutivo dal 1° luglio 1893, rimasto in vigore sino agli inizi del novecento.
Sempre nel corso del 1893, il Consiglio Comunale nella seduta del 12 settembre, procede all’approvazione del regolamento organico delle Guardie Campestri del Comune di Lipari. 1 capo delle guardie con salario di 900 lire annuali, 2 guardie con salario di 720 lire annuali.

Lo scontro con il Vescovo Natoli

Nel corso del 1893, si acutizza lo scontro tra il Vescovo Natoli ed il consiglio Comunale per la problematica legata alla proprietà dei demani pomiciferi. In due sedute, rispettivamente del 2 agosto 1894 e del 5 marzo 1895, il consiglio comunale faceva voti al Governo, per la presentazione d'un disegno di legge che autorizzasse il municipio ad imporre un dazio di uscita sulla pietra pomice estratta dalle cave dell'isola. Con la successiva deliberazione si  stabilì far voti ai Ministeri dell'interno, delle finanze e dell'agricoltura per essere autorizzata per decreto reale ad esigere il diritto di percezione sulla pomice estratta da tutte le cave all'atto dell'imbarco.
Nel corso del 1906 Onofrio Carnevale è il promotore di una delibera di “sfiducia” da parte del consiglio nei confronti del Sindaco Faraci. Onofrio Carnevale si dimette dal consiglio comunale a seguito degli scontri con l’Amministrazione Franza, segnatamente con Giuseppe Faraci, con il quale negli ultimi decenni lo scontro era stato continuo e senza esclusione di colpi.
La discussione viene affrontata nella seduta del 17 aprile 1909. Esce dalla scena politica all’età di 50 anni.
Il signor Presidente (sindaco Giuseppe Franza) riferisce che il consigliere avv. Carnevale ha rassegnate le proprie dimissioni, onde invita il consiglio a deliberare sul proposito.
Il consigliere Bonica fa voti onde il consiglio le respinga.
Il consigliere cav. Cafarella osserva che in omaggio ai meriti dell’egregio collega che tanti segnalati servizi ha reso al paese venissero tali dimissioni respinte.
Il consigliere Amendola si associa di buon grado a quanto è stato teste esposto dai colleghi Bonica e Cafarella,
il consigliere Faraci fa rilevare che se le dimissioni presentate dal collega Carnevale sono redatte in una forma tale da non avere speranza a che egli receda dal suo proposito meglio sarebbe accoglierle.
Con voti 11 contro 4 il consiglio ha accolte le dimissioni presentate dall’avvocato Onofrio Carnevale dalla qualità di consigliere comunale.
Nel corso del consiglio Comunale del 11 luglio 1922, viene inserito all’ordine del giorno le “Condoglianze alla vedova dell’avv. Carnevale.” Su proposta del consigliere De Mauro il consiglio ad unanimità di voti deliberò “di mandare le sue condoglianze alla signora Amalia Crivelli, per la morte del suo caro consorte avv. Onofrio Carnevale egregio concittadino.”

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.