Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 30 aprile 2015

Lettere al direttore. Ci scrive Renato Cacciapuoti. "Finalmente l'acqua ma...resta il "mistero" su mancata erogazione precedente"

Egregio Direttore,
Approfitto della suo giornale on line, per ringraziare, una volta tanto pubblicamente l’Amministrazione comunale, “semel in anno licet insanire est”, nella fattispecie il Sindaco e il Vice.
Con il loro interessamento hanno permesso alla mia famiglia di ricevere nuovamente, dopo quasi un mese d’interruzione totale, l’agognata risorsa primaria: l’acqua.
La mia situazione, presentava dei risvolti tecnici piuttosto anomali e non è certo questa la sede per approfondirli, basterà dire che l’intervento “politico” ha permesso di “smascherare” coloro che, per motivi a me sconosciuti, avevano  probabilmente il “piacere” di lasciare una famiglia a secco. E’ bastata una semplice manovra, costata due, forse tre minuti di fatica e sudore, per rimpinguare la mia cisterna “assetata”. Forse è lecito chiedersi se ci si poteva pensare prima, se con lo stesso “enorme sforzo” mi sarei potuto evitare tra il 2013/2014 sei mesi di interruzione di fornitura idrica.
Di sicuro i fatti di oggi hanno fatto risparmiare a me il tempo di redigere  un dettagliato esposto ad altri di riceverlo e darne seguito.
Da questa esperienza, per oggi e speriamo non solo, conclusasi positivamente ho imparato a non sprecare l’acqua, a razionarne il consumo e, di questo, in tempi di crisi e purtuttavia di sprechi, ne sono “grato” all’impresa che gestisce la distribuzione idrica.
Per non terminare la presente in modo troppo edulcorato mi permetto di auspicare per il prossimo futuro una maggiore trasparenza nella gestione dell’acqua e un maggiore controllo della qualità del servizio da parte del Comune che non può delegare ”in toto” la gestione di un bene primario ai privati, chiunque essi siano.
Renato Cacciapuoti 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.