Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

domenica 11 ottobre 2015

Barcellona e Milazzo al lavoro per risollevarsi. Sono 300 gli sfollati

(da gazzettadelsud.it) Fango danno e solidarietà. E' questo il giorno dopo della alluvione che ha colpito la zona di Milazzo e Barcellona. L'ultima volta era successo quattro anni fa. Era il 22 novembre del 2011 ma stavolta a Milazzo, così come a Barcellona, ieri mattina non è piovuta nemmeno una goccia di pioggia. Oggi sì. Non lava via l'amarezza e moltiplica i problemi dei soccorritori.
Sono 150 quelli della Protezione civile regionale ma almeno il triplo sono volontari che vivono da queste parti che hanno sentito il bisogno di dare una mano a questa gente. E' difficile da spiegare come tutto questo possa essere successo immaginando che ieri mattina non è nemmeno piovuto. E' stato il torrente Mela a provocare tutto questo. A nord a di questa zona manca un muro che possa arginare la forza delle acque. Venendo giù copiosa l'onda ha sfondato ogni resistenza ed è entrata direttamente nelle case delle persone che vivono vicino agli argini. I danni per la verità arrivano anche ad alcune centinai di metri dal greto. È presto per la conta dei danni. Nel day after c'è ancora da lavorare e non basterà forse una settimana per pulire tutto.
133 persone a Calderà e Cicerata hanno passato la notte lontano da casa. Non hanno avuto bisogno di andare in albero, perchè hanno trovato ospitalità da amici e parenti. Il sistema fognario della zona è saltato. A Milazzo invece 70 le famiglie di Bastione che hanno visto un fiume di fango attraversare le loro strade, entrare in casa e portar via per sempre tutte le loro cose. 40 di queste famiglie adesso vivono da parenti ma altre sono stati costretti a trasferirsi in albergo. Una gara di solidarietà si è accesa per cercare di dar man forte a questi sfortunati cittadini. Al di là degli albergatori, anche la Raffineria è intervenuta con mezzi e con i pasti necessari per sgomberati e soccorritori. 
Il Mela divide il territorio di Milazzo da quello di Barcellona. Su entrambe le sponde è un via vai di ruspe, di mezzi pesanti, vigili del fuoco, uomini della protezione civile e volontari arrivati da ogni dove. Tutti incrociano gli sguardi degli abitanti della zona, non c'è tempo per regalare un sorriso di sostegno ,adesso servono braccia e, sotto la pioggia battente, buona volontà. Poi arriverà il momento del sostegno morale e infine quello degli aiuti economici, ma a quel punto gli uomini con le tute sporche di fango lasceranno il posto a quelli in giacca e cravatta che ci si augura abbiano la stessa buona volonta'

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.