Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 12 ottobre 2015

MESSINA Il Prefetto al Sindaco "Basta criminali sotto la Vara"

L'informativa arriva direttamente dalla direzione investigativa antimafia. "Dagli accertamenti effettuati emerge - si legge - che fra i timonieri e i capicorda dell'ultima processione della Vara vi erano alcuni esponenti della criminalità organizzata e non, con precedenti o con segnalazioni per reati di mafia o ordinari, o destinatari di misure di prevenzione perchè ritenuti socialmente pericolosi". Nella nuova lettera al sindaco Renato Accorinti, il prefetto Stefano Trotta evidenzia che " l'assunzione di determinati ruoli serve strumentalmente a tali persone per ribadire all'opinione pubblica una sorta di messaggio simbolico di impunità e di controllo del territorio". A supporto di queste considerazioni, il rappresentante del Governo ricorda i gravi episodi avvenuti uno nel 2012 e in seguito al quale due componenti del comitato Vara furono condannati per le minacce nei confronti di alcuni esponenti dell'associazione antiracket Addiopizzo e il secondo, nell'edizione 2015, quando il comandante della polizia municipale Calogero Ferlisi fu accerchiato da una decina di tiratori che gli versarono addosso litri d'acqua, mentre uno di loro lo avrebbe anche minacciato. "In materia di legalità -scrive Trotta- occorre, da parte dei rappresentanti delle Istituzioni, una costante attenzione e vigilanza che ne deve sempre ispirare l'azione. Non risulta- aggiunge- che i comitati storico-scientifico e tecnico operativo siano stati modificati in seguito ai gravi episodi, nè se i componenti abbiano sottoscritto il protocollo di legalità promosso dall'allora assessore alla Cultura, Sergio Todesco". E ancora "Se è stato mai costituito il comitato Vara e Giganti della cui composizione avrebbe dovuto essere subito informato lo stesso prefetto per la formulazione di eventuali osservazioni. "Rassegno tutto alla valutazione del sindaco- conclude Trotta- nella certezza che l'impegno profuso dal comune di Messina in materia di legalità (di cui significativa è stata l'attribuzione della cittadinanza onoraria al giudice Di Matteo) non verrà offuscato dal contro-messaggio che altri e più importanti eventi cittadini potrebbero insinuare nella collettività".

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.