Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 19 febbraio 2008

Lipari: C'era una volta....il parco giochi

Era una delle due aree attrezzate del centro storico di Lipari dove i bambini potevano trascorrere ore di serenità e spensieratezza. Oggi è il simbolo dell'incuria, dell'abbandono e del degrado. Situazione ancora più grave se si considera che questo spazio si trova a non più di cento metri dallo storico palazzo municipale e lungo la via di transito dei turisti che raggiungono il museo archeologico “ Luigi Bernabò Brea”. Stiamo parlando dell'area del piccolo “parco giochi” di piazza Mazzini(nella foto), struttura letteralmente sommersa dalle erbacce e dove, qua e là, spuntano i resti di una mezza dozzina giochi.
Ma siccome al peggio non c'è mai fine, non solo i bambini hanno dovuto rinunciare gioco forza a questo spazio (anche per l'azione dei vandali) ma chi osa avventurarsi all'interno di questo “campo d'erbacce” rischia di farsi seriamente male. Ovunque si trovano spuntoni e residui dei giochi che furono. Pronto ad essere ricoperto dalla vegetazione anche il momumento che, a sue spese, fece erigere il compianto professor Leonida Bongiorno e che riporta un passaggio dell'Odissea. Per completare l'opera proprio alle spalle del “parco giochi” nei pressi di un edificio pubblico prolifera e cresce, giorno dopo giorno, una discarica dove si trova di tutto.
L'invito-appello all'amministrazione è quello di intervenire per eliminare il degrado e i potenziali perocolo e, se possibile, ridare nuova vita al vecchio e caro parco giochi di piazza Mazzini.