Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 14 ottobre 2010

"Lipari e le Eolie valgono molto di più....." (di Luca Chiofalo)

(Luca Chiofalo) E' ormai unanimemente riconosciuto che la situazione in cui versa il nostro arcipelago rasenta la catastrofe o, a voler essere meno negativi, rappresenta uno dei punti più bassi della nostra storia recente sia dal punto di vista sociale che economico. I motivi di tale preoccupante realtà sono molteplici, ma volendo evitare analisi sociologiche troppo approfondite e complicate, concentrerò (ingrato) la mia attenzione sulla nostra ineffabile classe politica.

Scremando il mio ragionamento da posizioni di parte, devo ammettere che l'attuale guida amministrativa (non mi riferisco solo al Sindaco) è totalmente inadeguata alla soluzione dei problemi che riguardano le nostre isole e tantomeno a pianificare un programma di sviluppo che restituisca speranza nel futuro prossimo.
Il clientelismo, vero cancro del mezzogiorno, rappresenta, per i cittadini eoliani (dai "NOSTRI" rigorosamente educati), l'essenza del fare politica, ed il rapporto nefasto tra l'elettore-cliente e il politico-mercante sembra inattaccabile e blocca ogni ventata di salutare cambiamento.
A questo modo di fare politica gli immarcescibili politicanti da prima repubblica, sopravvissuti sul nostro territorio, hanno dedicato la vita, con la conseguenza infausta di ammorbare e rendere un'intera comunità succube di un sistema lontano dagli interessi generali e proficuo per pochi. I cittadini, in quest'ottica distorta, divengono infatti "servi" fedeli e remissivi, sempre disposti allo sforzo del voto per il signorotto di turno, nonostante tali "padroni" non dimostrino alcun tipo di riguardo o di cura per le loro esigenze essenziali. Così, un intero paese china la schiena (non solo in senso figurato) e lavora inconsapevolmente al servizio di pochi furbi, i quali, con la promessa di briciole e glorificando il vacuo orgoglio dell'appartenenza partitica, coinvolgono nei loro giochi di palazzo schiere di ingenui. Guardiamo i fatti: i servizi sono al collasso, il disordine pubblico regna sovrano, le prospettive economiche sono tetre, e ciononostante nulla cambia; chi è al potere vi resta e se gli vengono attribuite delle responsabilità sul disastro imminente subito si viene accusati di parzialità di giudizio. Ne consegue, in questo panorama in cui la vittima si confonde col carnefice, che le colpe sulla crisi sociale ed economica che attraversiamo appartengano a tutti, anche e soprattutto a coloro i quali continuano a sostenere politici dannosi e senza prospettiva, scoraggiando nuove proposte e nuovi potenziali interpreti.
Concludo la mia amara e rassegnata analisi indicando in una rivoluzione culturale, guidata dalle forze sane del lavoro e della cultura che ancora il nostro paese possiede (oggi ridotte al silenzio), l'unica via d' uscita, con la consapevolezza, però, che siamo ben lontani dalla possibilità che tale auspicio si realizzi.
Resto comunque convinto che Lipari e le Eolie valgano molto di più del triste spettacolo che offrono ormai da quasi un decennio...
Meditate gente, meditate...
CORDIALMENTE
LUCA CHIOFALO

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.