Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 22 aprile 2014

Collegamenti CdI: Che caos oggi a Milazzo. Ma le amministrazioni locali dove sono ?

Momenti di grande tensione si sono vissuti stamani a Milazzo a bordo dell'aliscafo Eschilo della Compagnia delle isole (che sarebbe dovuto partire per l'arcipelago alle 13 e 20) e nel molo della città mamertina.
Soppressa per un guasto all'aliscafo Eraclide la corsa precedente (per la quale erano stati già emessi dalla biglietteria CdI i biglietti) tutti coloro che dovevano raggiungere l'arcipelago si sono riversati a bordo dell'Eschilo. Fra questi anche residenti che dovevano raggiungere isole come Filicudi e che non potevano contare su altro mezzo.
Sul mezzo veloce si sono ritrovati circa 300 passeggeri ed ovviamente la situazione sia dal punto di vista ambientale (ci riferiscono si respirava a fatica) che della sicurezza non era delle migliori. 
Un abitante di Leni è stato colto da malessere ed è dovuto intervenire il 118. 
Contestualmente sono intervenuti anche i carabinieri e la Capitaneria di porto di Milazzo che, constatando l'elevato numero di persone a bordo, ne hanno fatto scendere un buon numero. A farne le spese coloro che con l'aliscafo precedente dovevano raggiungere anche Filicudi ed Alicudi 
Scatenando, ovviamente, proteste e rimostranze.
Alcune domande sorgono spontanee. Ma in biglietteria non sapevano il numero di biglietti emessi per l'Eraclide ? Difficile fare la differenza fra questi biglietti e la capienza dell'Eschilo ? E' vero che nessuno ha informato i passeggeri che era stato predisposta la corsa con il Masaccio ? Oppure questa è stata predisposta dopo il blocco alla partenza dell'Eschilo ?
In poche parole l' Eschilo ha mollato gli ormeggi per Vulcano, Lipari, Salina, Panarea, Ginostra e Stromboli ben 90 minuti dopo la partenza prevista. A seguire è stato fatto partire il Masaccio che ha anche raggiunto Filicudi ed Alicudi. Riportando a casa, quasi al calare della sera, questi sempre più bistrattati isolani.
Inevitabili i disagi e i ritardi non solo per chi si trovava coinvolto nel "caos" a Milazzo (tra cui diversi turisti stranieri) ma anche per chi doveva lasciare le isole.
Insomma per CdI (ex Siremar) l'ennesima giornata nera, con l'ennesimo aliscafo che subisce uno stop più o meno momentaneo. Non sicuramente non un bel  biglietto da visita e d'immagine in vista dell'estate. 
Urge che le amministrazioni comunali si facciano sentire.  
E ci tornano in mente le recenti dichiarazioni del presidente del consiglio comunale di Lipari, Adolfo Sabatini "“Spero- ha avuto modo di dire- che prima della stagione estiva la Compagnia delle Isole faccia un serio intervento sui mezzi e li renda sicuri ed efficienti. Se la compagnia ha i mezzi economici per garantire quanto previsto dal contratto faccia immediatamente i necessari investimenti. Le isole Eolie non possono sopportare ancora un'altra stagione turistica all'insegna dell'improvvisazione e dell'incertezza".
Ci permettiamo di aggiungere non solo la stagione turistica ma anche la movimentazione giornaliera dei residenti. Stanchi dei "salti" di corse, delle modifiche orarie dell'ultimo istante, di non avere la certezza di raggiungere Milazzo o fare ritorno a casa, di "permanenze eccessive" sul molo o sugli aliscafi. 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.