Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 5 settembre 2015

Furto in chiesa ad Alicudi ed incendi a Lipari e Filicudi. Gli articoli del direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

Lipari (Salvatore Sarpi) Ladri in azione nella remota isola di Alicudi. Hanno preso di mira una delle due chiese: quella della Madonna del Carmine, ubicata a 100 metri sul livello del mare.
Da questa chiesa che, ormai da qualche anno, ospita, oltre alla Madonna del Carmelo, anche San Bartolomeo (in precedenza ospitato nell’altro luogo sacro a quota 400), hanno asportato dalla statua del Patrono una croce d’oro del ‘700 e da quella della Madonna diverse collane in oro.
Il furto sacrilego è stato compiuto in prossimità dei festeggiamenti per San Bartolo (21 agosto) ma la notizia è trapelata solo ieri. A rendersi conto dell’accaduto è stato Padre Godwin Ibe, giunto sulla più piccola delle isole eoliane per officiare, in quel periodo, le Sante Messe ed accompagnare in processione il Patrono.
Il sacerdote ha presentato denuncia contro ignoti presso i carabinieri di Filicudi che hanno competenza anche su Alicudi. I ladri sono penetrati all’interno della chiesa dopo aver forzato una finestra posta sul retro.
Il furto sacrilego ha destato sgomento ed incredulità tra i residenti e i turisti e nell’isola c’è chi pensa che i ladri, più che mirare al valore della refurtiva, volessero lanciare un preciso segnale alla comunità arcudara, proprio in prossimità dei festeggiamenti del Santo Patrono. I carabinieri hanno immediatamente avviato le indagini ed interrogato buona parte dei novanta/cento residenti per giungere all’individuazione dei ladruncoli.
A memoria d’uomo è la prima volta che nell’isola viene effettuato un furto sacrilego.

Lipari (Salvatore Sarpi)  Non conosce sosta l’attività dei piromani a Lipari.
Nella notte, tra mercoledì e giovedì, sono state appiccate le fiamme nel costone che sovrasta la strada provinciale Acquacalda - Quattropani, proprio sotto il Santuario di Chiesa Vecchia. Un "rituale" questo nell'incendio nella zona che si ripete, ormai, ogni anno e nello stesso periodo. Distrutti un paio di ettari di vegetazione endemica. Per bloccare l’avanzare delle fiamme sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno operato per circa tre ore in una zona alquanto impervia. Intervento reso più difficoltoso dal buio. E ieri anche l'isola di Filicudi è finita nel "vortice" degli incendi che stanno flagellando l’arcipelago. Un rogo si è sviluppato, intorno alle 11 e 30, nella parte più alta della località "Le Punte. Si sono vissuti momenti di apprensione per la vicinanza di alcune abitazioni al fronte del fuoco. Le fiamme domate, dopo circa tre ore, dal massiccio intervento dei giovani isolani, hanno bruciato appezzamenti di macchia mediterranea e alcuni alberi di ulivo. I carabinieri dell'isola stanno indagando per fare luce sull'accaduto ed accertare eventuali responsabilità. Tra le ipotesi vi è quella che le fiamme possano essersi sviluppate da un terreno dove si stava procedendo a bruciare delle sterpaglie.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.