Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

mercoledì 28 settembre 2016

La scuola che "vale poco nell’immaginario collettivo" e i lavori pubblici rumorosi negli orari di lezione (di Lina Paola Costa)

Riceviamo dall'insegnante Lina Paola Costa e pubblichiamo:
Lipari, 28 settembre 2016
Oggetto: il tormento in via Stradale

La scuola vale poco nell’immaginario collettivo. Meno di molte altre voci e servizi di cui una società si dota. Vale poco chi la frequenta, perché non vota.
Vale poco chi la fa, perché non produce un reddito cumulabile e monetizzato. Vale meno dei corsi privati e dei laboratori fantasiosi, dove qualsiasi individuo/imprenditore detta legge.
Meno delle sagre di contrada, della “cerca” per le novene periodiche, dei fuochi d’artificio che si sparano ad ogni sposalizio.
Se valesse la scuola, chi la fa e chi la frequenta, non accadrebbero nemmeno per sbaglio vicende come quella di oggi, quando dopo le otto in via Stradale si inizia a trivellare la strada per dei lavori di rete, in barba al fatto che la aule del plesso scolastico vengono inondate di rumore, di terra, puzza di gasolio…
All’altezza dello slargo del palazzetto dello sport, la ruspa e altri motori diesel sono allo stesso livello delle narici e delle orecchie di noi che siamo dentro, adulti e bambini, a fare il nostro dovere con une dose di gioia di vivere che si alimenta a prescindere da tutto.
Vengono in mente le giornate in cui la sega elettrica potava gli eucalipti: sempre in orario scolastico, sempre appena iniziate le lezioni, mai un giorno o una settimana prima, mai dopo le tre del pomeriggio, che magari sarebbe un orario più ragionevole a lezioni finite...
Fa caldo, ma chiudiamo i vetri. Il rumore frastorna, ma si studia lo stesso, alleggerendo la consegna di lavoro. Si alza la terra accanto alla ringhiera, allora abbassiamo a metà le tapparelle e coloriamo un disegno in penombra.
Ci vorrebbero due foto per documentare quanto sta succedendo. Ma non uso l’I-phone in classe e i giornalisti chissà dove sono…
Alle dieci il tormento è finito. Come pubblico ufficiale e dipendente Miur ho segnalato il disagio alla mia segreteria prima delle nove, secondo quanto mi compete.
Come cittadina, persona pensante, adulta, lavoratrice ed elettrice sono indignata: perché l’assessore ai lavori pubblici non coordina queste opere con la pubblica istruzione, preventivamente?
Perché non si esige il rispetto degli orari di attività didattica quando si opera a ridosso dei plessi scolastici? 
Perché gli operai in strada indossano mascherina e gilet previsto dalla normativa sulla sicurezza e noi che lavoriamo dentro dobbiamo subire questa mancanza di rispetto di norme sull’igiene, il rumore e la polvere?
Ci sono alunni e docenti affetti da tosse asmatica, tanto per portare un esempio. Il supervisore della ditta sul posto, di Pace del Mela, ha avuto l’accortezza di diradare il disagio e muoversi con gentilezza proprio sotto le finestre delle classi prime, ma il lavoro doveva concludersi…
Chi lo ha autorizzato dovrebbe invece domandarsi se ha svolto bene il proprio dovere. E che idea ha della scuola e di chi vi sta dentro.

Lina Paola Costa

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.