Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 13 febbraio 2018

Aiutiamo i nostri figli! (di Francesco Coscione)

E' fresca di stampa la notizia di un professore che è stato picchiato in modo delinquenziale e vigliacco dal genitore di un alunno che, il giorno prima, era stato rimproverato dal docente. Per favore evitiamo di dissociarci puntualmente da questa categoria di soggetti chiamandoli delinquenti, emarginati, episodi isolati e così via. Quando i miei figli frequentavano la scuola sono stato rappresentante di classe fino alla fine del liceo per entrambi e ho partecipato sempre agli incontri con gli insegnanti. Una volta uno di loro si sorprese quando gli dissi che preferivo che mio figlio avesse meno nozioni ma che uscisse dalla scuola una persona perbene e che se meritava un "educativo scappellotto" potevano tranquillamente darglielo senza problemi. Ho sentito la maggioranza dei genitori dire che i rimproveri e gli scappellotti erano loro esclusiva prerogativa e, molti docenti, sentirsi totalmente impotenti di fronte a ragazzi con un comportamento incontrollabile per quanto sopra. Abbiamo creato una società del permissivismo assoluto, nessuno deve essere redarguito, rimproverato, punito. I nostri figli respirano quest'aria e si sentono intoccabili. Se diamo un educativo schiaffo a nostro figlio rischiamo il telefono azzurro e una denuncia. Non sto dicendo che dobbiamo farli inginocchiare sui ceci e frustarli con la cintura, ma che i genitori siamo diventati amici dei nostri figli invece di padri e madri e parlo in prima persona volontariamente per prendermi le mie responsabilità. Qualche giorno fa un caro amico mi presentava la sua forte preoccupazione per la situazione dei minori che, spesso, vengono visti nei locali eoliani in compagnia di un bicchiere pieno non di aranciata. Dato per assolutamente certo che nessun gestore, o rivendita, serva alcolici ai minorenni, dobbiamo desumere che i maggiorenni lo fanno per loro. Questi nipoti del '68 comprendono ciò che fanno? Qualcuno ancora fa finta di non sapere che a Lipari c'è una situazione di alcolismo giovanile dilagante? Il mio non è un giudizio verso la società genitoriale ma solo l'esternazione di un dolore interiore che in tanti abbiamo. Per favore smettiamo di delegare l'educazione solo alle istituzioni scolastiche legandogli le mani e tappandogli la bocca. Ricordo genitori che non erano mai presenti alle riunioni scolastiche: meglio partecipare ad un incontro con gli insegnanti che regalare l'ultimo modello di smartphone a nostro figlio. I nostri figli si ricorderanno di quando li prendevamo in braccio o li accompagnavamo a scuola, non certamente dei cellulari che gli abbiamo regalato. La società marcia di oggi non l'hanno costruita i ragazzi ma noi. Se noi sputiamo sempre fango sulle istituzioni come pretendiamo che loro ne abbiano rispetto? Preferiamo insegnare ai nostri figli a essere furbi piuttosto che onesti? Siamo solidali fra genitori e aiutiamoci. Se ci dicono qualcosa sui nostri rampolli non diciamo: fatti i fatti tuoi e guardati i tuoi figli ma ringraziamoli.
Esorto naturalmente anche le istituzioni e le forze dell'ordine a continuare e, ove necessario, rafforzare l'opera di controllo del territorio necessaria a una situazione di vera emergenza. Grazie.
Spero che queste mie sentite parole facciano risvegliare le coscienze di chi si sente dentro genitore, padre e madre di questi ragazzi e siamo la maggioranza.
Con affetto a tutti i "nostri figli" e con riconoscenza a quanti si riconoscono in questo grido d'allarme.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.