Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

mercoledì 18 agosto 2010

Terremoto a Lipari. Commissione in riunione per emessione ordinanza di interdizione di 2-3 spiagge

Un piccolissimo cedimento di materiale tufaceo, così come avviene diverse volte all'anno all'ingresso della galleria di Canneto, è diventata una frana di cui stamani di buon'ora si sono occupati i tg nazionali.
Solo una riflessione. La voglia di "senzazionalismo e di copertina" da parte di qualche collega (?)(come non ricordare l'annuncio dato da qualcuno di possibili morti dopo il terremoto)rischia di fare più danni del terremoto stesso.
Intanto è in corso ormai da circa due ore la riunione al comune di Lipari dell'apposita commissione costituita dai vari organismi regionali e nazionali, geologi, forze dell'ordine e amministratori che dovrà provvedere all'individuazione delle aree da interdire all'accesso dei bagnanti.
Dovrebbero essere due, al massimo tre aree. I tempi si sono allungati poichè sono intervenuti alcuni cittadini che operano in quelle zone (anche con concessione) che hanno esposto le loro ragioni.
Vi proponiamo due interviste, realizzate congiuntamente a Peppe Paino, con Franco D'Ambra (Figlio d'oro) e Giuseppe Manfrè direttamente interessati:


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.