Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

mercoledì 1 aprile 2015

Preghiera contro le trombe marine

(Ricerca: Massimo Ristuccia) "A principiare dal tempo, remoto, in cui la gente delle Eolie navigava per commerciare le ossidiane, la vita degli isolani è sempre stata legata al mare, amico-nemico, almeno quanto alla terra, ai pochi coltivi. Ex voto nelle chiese, modellini di navigli nelle case testimoniano della dimestichezza con il mare e le attività che vi si svolgono”.
“Particolarmente curiosa è tra i pescatori e i marinai, la credenza di far sparire le trombe marine, chiamate Maniche, Cudi i surici o trombe, per mezzo di alcune misteriose parole: “Forza del Padre, sapienza del Figlio, virtù dello Spirito Santo; ti taglio manina mentre ti decanto”. Tutta la gente ne parla con la massima serietà. Queste parole vengono apprese durante la messa della Notte di Natale, alla consacrazione, oppure al Venerdi Santo; ma possono essere dette anche la sera dell’Epifania. Pronunciarle, sia pure in caso di pericolo, è peccato, ma può essere rimesso; mentre costituisce sacrilegio ripeterle in altre circostanze, per cui è impossibile ottenere l’assoluzione”
da: DIE LIPARISCHEN INSEL, ACTHES HEFT: ALLGEMEINERE. (Le Isole Eolie Ottavo Volume Parte Generale a Cura di PINO PAINO).
Dalla provincia di Trapani: il marinaio sale su un posto elevato e, guardando la tromba, si fa il segno della croce e recita: “Lunniri è santu, Martiri è santu, Mercuri è santu, joviri è santu, Vennari è santu, Sabatu è santu, la Duminica di Pasqua, sta cura a mari casca e pi lu nomu di Maria sta cura tagghiata sia”.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.