Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 26 aprile 2013

Visita scolastica a San Calogero (testo del professor Veneroso)

Che i nostri illustri predecessori Romani fossero notoriamente dediti all' ozio e ai bagordi, escogitando il "maximum" e il "melius" nell' arte -perché di arte si tratta - del relax, non è di certo cosa nuova e inedita. Ciò che invece ci lascia stupiti è che la piccola e lontana Lipari divenne, per il suo magnifico edificio termale, fonte di ispirazione nonché meta di visite da parte dei magnati della CAPUT . Al punto che a Roma sorsero delle terme denominate Eolia proprio a emulazione del modello locale. E come potevamo "noi scuola" restare indifferenti a un siffatto primato, soprattutto adesso che, dopo un lungo torpore, le terme di San Calogero hanno recuperato i vapori di un tempo, riaprendo le porte ai visitatori curiosi? Lo scorso Martedì, 23 Aprile, un nutrito stuolo (60 circa) di marmocchietti cannetari delle classi III , IV e V hanno raggiunto in mattinata l'antichissimo (vi si trova la più arcaica stufa termale attestata) sito, calorosamente accolti da operatori zelanti e qualificati ( Davide Starvaggi, Milena Mollica, Martina Bobbio, Domenico Contartese ) pronti a immergerli in un incantevole turbinio di storia e natura. E così è stato! Due ore intense, lungo le orme già percorse dall' eremita medievale Calogero , sono letteralmente volate, come ingiustamente accade al tempo ben speso. Dopo una calorosa accoglienza, sugellata da scatti-ricordo e da indovinelli e aneddoti mirati a catturare lo spirito indagatore dei piccoli escursionisti, l'itinerario si è aperto con un tuffo nella verde macchia mediterranea: una passeggiata ecologica a tu per tu con ginestre in pieno vigore primaverile, arbusti dal lussureggiante fogliame, fichidindia arsi dal sole inclemente dell' arcipelago e pini marittimi corteggiati dagli sbuffi del sempre vigile Eolo. Non una passeggiata comune e profana ma una vera e propria lezione itinerante insignita dal simpatico naturalista-botanico Domenico che, tra altisonanti termini latini definenti le specie visionate, ha illustrato con estrema chiarezza le caratteristiche delle nostre piante ( dalla mancanza di foglie e stomi in modo da trattenere acqua alle poco note avventure dell' amico spinoso ficodindia, importato dalle Americhe quando ancora si credeva erroneamente di aver raggiunto l'Asia ) . Un' impagabile boccata di sano ossigeno in uno dei pochi "polmoni incontaminati " della grande isola. A seguire, una corsa indietro nel tempo, bloccando la clessidra prima sulle schiene, martoriate dalla dura fatica, dei nostri lavoratori della pomice e poi sui calli doloranti dei patrizi convenuti alle terme. In realtà, la cronaca dell' oro bianco eoliano - pur ispessendosi nei recenti anni della PUMEX - affonda le sue radici addirittura nel Neolitico. Dopo una serie di notazioni geologiche e mineralogiche su pomice e ossidiana dispensate dalle eccellenti cicerone Milena e Martina, i bambini hanno attraversato gli oggetti e le atmosfere della cava di Porticello, grazie a un' accurata ricostruzione museale di utensili d'epoca rigorosamente apostrofati con nomignoli dialettali ancora cari alla memoria dei più . Tra un "rastrieddu" e una buona collezione di pale, cernitori, macchine artigianali uscite come da un album color seppia serrato in soffitta, la storia della pomice ha ripreso vita, forma, evidenza, addentrandosi anche nei suoi risvolti più scomodi e meno celebrati, come la piaga della silicosi . Infine è stata la volta delle terme, con la loro enorme e solenne vasca irrorata da getti naturali da acqua a 60 gradi C che svelano la mai sopita forza vulcanica di questi ameni luoghi. Un' esperienza favolosa di crescita e confronto. Una di quelle giornate che temprano e vivificano l'orgoglio di appartenere al proprio territorio. Un sano momento per riappropriarci di quanto, pur essendo nostro, resta a lungo occultato dal velo del disinteresse o semplicemente della inadeguata attenzione. E come dar torto al benemerito Calogero che tra terme, mare e vie del caolino ha esalato sospiri profondi, pregando e riconciliandosi col mondo e con sé ! GIANLUCA VENEROSO

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.