Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 7 febbraio 2014

Messina, coltivare marijuana in casa per uso personale non è reato. La sentenza

 Un’interessante sentenza in tema di stupefacenti è stata emessa dal giudice monocratico Eliana Zumbo, e costituisce uno dei primi pronunciamenti anche rapportato al tema della liberalizzazione, di cui si parla molto in questi giorni. Il caso riguardava due ragazze che durante una perquisizione domiciliare erano state trovate in possesso di alcune piante di cannabis, coltivate nel giardino “di pertinenza” della propria abitazione. 
Dopo l’arresto e la denuncia per coltivazione di piante stupefacenti avevano registrato il rinvio a giudizio da parte del gip Vermiglio, anche se una perizia dei carabinieri del Ris, richiesta dal loro difensore, l’avvocato Marco di Mauro, aveva valutato l’eccipiente con dosi medie giornaliere inferiori alla soglia prevista per legge per l’uso personale.
La “partita giudiziaria” si è poi spostata davanti al giudice Zumbo, e l’avvocato Di Mauro ha ribadito la sua tesi, ovvero che per un verso non vi era alcuna offesa alla collettività cosi come inteso dalla ratio della norma, quindi si era di fronte alla mancanza del principio di offensività nella condotta contestata. E dopo aver ascoltato le teorie di accusa e difesa il giudice Zumbo ha assolto le due ragazze.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.