Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 21 luglio 2014

La rivelazione Sarah Stride e lo scomodo Pino Aprile accendono Salina Festival 2014. La manifestazione prende il via domani

Ha portato nel mondo della musica l’erotica penna di Melissa P., è stata musa della scena cantautoriale indipendente italiana collaborando con Ivano Fossati, La Crus, Hellzapop, lei è Sarah Stride ed è pronta ad accendere l’ottava edizione di Salina Festival, l’appuntamento annuale diretto da Massimo Cavallaro, che dal 22 al 27 luglio 2014 chiama a raccolta a Salina sul tema Confini e Frontiere arte, musica, cinema, cucina poesia ed ecologia. Una settimana ricca di protagonisti che omaggiano le Eolie con la propria Arte.
Prima e unica manifestazione delle Eolie e della Sicilia che ottempera gli obblighi fissati dal Protocollo di Kyoto per la riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera, Salina Festival prende il via il22 luglio dalla Piazza di S.Marina, ore 19.30, con Il tempo (lento) di un caffè (ristretto), l’installazione ‘mobile’ di arte pubblica realizzata con telecamera fissa a bordo di un’Ape Car a ricreare un micro bar di paese dove chiunque, davanti un caffè, potrà raccontare la propria storia che così filmata e montata diventerà racconto comune. L’Ape Car cambierà postazione ogni giorno della kermesse in modo casuale ‘catturando’ momenti di vita dell’isola narrando un’epopea quotidiana e condivisa tra tazzine di caffè, ricordi, tavolini e speranze.
Dall’arte pubblica alla Musica con un altro inedito appuntamento per tutti gli appassionati. Il 22 luglio, ore 21.30 spazio al Dj Set – tra soul, R’n’B ed electro swing – degli The Swing Out Brothers a cura del trio di conduttori di RadioStreet capaci, con il loro seguitissimo web-programma, di catturare in pochi mesi più di 30.000 ascoltatori. Una serata tutta da ballare sulle note che stanno spopolando nei migliori dance floor del mondo, da Vienna ad Amsterdam, da Londra ai locali hipster di New York.
Dopo il grande successo dell’edizioni precedenti, ritorna la sezione del Festival dedicata all’Ecologia acustica all’interno delle attività del Parco Acustico con due ‘passeggiate sonore’, una dedicata ai più grandi, guidata da Emanuele Bottari (escursionista e naturalista),24 giugno ore 19.30, e l’altra ideata per i più piccoli, 25 giugno ore 18.30, con i volontari del Delphis Center.
Ma Salina Festival è anche grande Cinema. 24 luglio, ore 21.30, alle Eolie sbarca per la prima volta l’acclamato Sugarman, Premio Oscar 2013, documentario diretto da Malik Bendjelloul che narra l’incredibile storia del musicista Sixto Rodriguez, fiasco discografico negli States degli anni ‘70 quanto fenomeno di massa (a sua insaputa) nel Sud Africa dell’Apartheid dove il suo nome diventa presto un mito avvolto dal mistero, una leggenda, data addirittura fantasiosamente per morta. Finché, trent’anni dopo il suo inconsapevole successo, due fan decidono di mettersi sulle sue tracce, e scoprono che Sixto non è morto, e per tutti questi anni è rimasto allo scuro del suo successo oltre oceano.
Appuntamento a Salina Festival 2014 anche con la tradizione enogastronomica Eoliana. 22 luglio, ore 19.30, degustazione dei prodotti tipici locali a cura di Salina Isola Slow, comunità facente parte del network Isole Slow che unisce idealmente le isole minori del Mediterraneo nel nome della custodia e tutela del paesaggio, della cultura e dei prodotti tradizionali 25 luglio, ore 20.30, invece Cena “confini e frontiere” con un menù completamente ispirato al tema del festival, usando materie prime a Km 0, capace di guidare l’assaggiatore con profumi e sapori in un viaggio realmente senza frontiere ma fortemente radicato in un territorio ricco d’identità enogastronomica.
Il rispetto e la cura dell’Ambiente permea tutto il Salina Festival che anche quest’anno riceve la certificazione “100% energia pulita” di Multiutility. I consumi elettrici di Salina Festival 2014sono stati infatti certificati immettendo nella rete elettrica nazionale 40.000 kWh (fabbisogno energetico stimato per i giorni della manifestazione) di energia proveniente da fonti rinnovabili. Una scelta green che farà risparmiare 10.000 Kg di petrolio ed eviterà l’immissione in atmosfera di quasi 28 tonnellate di CO2.
Inoltre Salina Festival rientra tra le iniziative promosse dall’ONU per il conseguimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, in particolare per la promozione di nuovi processi culturali nell’area mediterranea.
Come consuetudine Salina Festival si conclude con il Premio CineMareMusica – 27 luglio, ore 20.00 – assegnato per questa edizione a Pino Aprile, giornalista e scrittore, con la seguente motivazione: “Autore scomodo che con i suoi libri, tra i quali ‘Terroni’ e il recente ‘Il Sud puzza’, ha raccontato verità spesso censurate, portando all’attenzione di un’intera nazione la questione meridionale e descrivendo con grande forza e bravura un sud in grande fermento civico”. Il Premio, fortemente voluto dal direttore Massimo Cavallaro per indicare con un riconoscimento concreto i personaggi della cultura, dello spettacolo, della società civile che abbiano saputo portare nel mondo un’idea diversa di Sicilia, nei precedenti anni ha visto premiatiPeppino Impastato (2013) Rita Borsellino e Maria Falcone (2012), Franco Scaldati (2011), Marcello Sorgi (2010) Antonio Presti (2009), Paolo e Vittorio Taviani (2007) e Francesco Alliata (2006).

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.