Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 14 aprile 2015

Ricordo Raimondo...(di Emanuele Carnevale)

Ricordo Raimondo, un amico carissimo a tutti noi.
Immagino che, pur se in una diversa dimensione, Egli non gradisca queste mie memorie, per averlo già affermato poco prima di andar via, invitando gli amici più cari ad evitare discorsi commemorativi ed applausi alla fine del rito funebre.
Ma ho bisogno di disobbedirgli!
Ho bisogno di dire quanto mi manca il Tuo sorriso aperto e cordiale che mi tanto rallegrava negli incontri quotidiani nel nostro vicolo.
Per ragioni non dipendenti dalla mia volontà mi trovavo fuori Lipari quando te ne sei andato, e non ho potuto abbracciarti, né salutarti.
Ho appreso da amici comuni che al Tuo funerale erano presenti numerosissimi cittadini, anche provenienti da terre straniere. La presenza di questi ultimi mi è sembrato il dovuto ringraziamento a te, per aver concesso loro la facoltà di riunirsi insieme, di  confrontarsi e di pregare il loro Dio presso un tuo  locale, senza badare minimamente ai rilievi dei farisei che, dicendosi cristiani, non avevano risparmiato critiche nei confronti della tua larghezza di vedute.
Rientrato a Lipari, ho rivisitato luoghi a noi noti e cari nella nostra giovinezza.
Mi sono portato allora presso la Tua vecchia casa di Marina Lunga, ho guardato il mare da Monte Rosa a Punta Bandiera e l’ho trovato non cordiale, ma ostile, e mi sono chiesto il perché: quel tratto di mare lamentava l’assenza di un veloce motoscafo in mogano, guidato dalle tue mani esperte, che disegnava brevi percorsi ricchi di significato, lasciando una scia di onde spumeggianti come era allora la nostra giovinezza.
Mi sono spostato su Marina Corta  e lì, in un bar amico, ho notato una sedia vuota, e un tavolo senza clienti con sopra un pacchetto di sigarette ed una bottiglia di birra Corona, lasciati lì a significare materialmente la presenza di un amico che sarà sempre con noi, col suo brillante parlare, a volte molto franco, ma sempre tendente alla ricerca del vero.
Ho incontrato Giovanni, ho incontrato il figlio del Gradasso, e tanti degli amici della nostra amata piazzetta:  ci siamo salutati senza una parola, la tristezza nel cuore, ed abbiamo proseguito ognuno per la nostra strada.
Vorrei invitare Costanzo il ceramista a preparare una statuetta da porre nel presepe della chiesa del Purgatorio tra le persone note della nostra Marina Corta, ma credo che non mi risparmieresti un “vaffa”!
Ho incontrato Mario, l’abbraccio è stato muto, lungo, doloroso e pieno di significati.
Abbiamo discusso lungamente di Te, caro Raimondo, della tua vita breve e generosa, della tua fine ironia, del tuo tratto cordiale, della tua simpatia, delle tua estrosità, di come eri orgoglioso della tua Marianna e di quanto l’amavi.
Con Mario abbiamo ricordato le nostre serate trascorse ad immaginare il futuro mentre vivevamo uno spensierato presente.
Poi, col passare degli anni, sembravamo inevitabilmente dispersi, ognuno per nostro conto, qualcuno era anche andato a vivere lontano, in Inghilterra...ma un filo conduttore ci teneva legati...i ricordi e la nostra amata isola! Quella Lipari che Tu non hai minimamente inteso abbandonare e dove, pur lavorando a Palermo, hai posto le tue basi ed i tuoi riferimenti, dove al meglio e più compiutamente esprimevi te stesso!
Le tue idee e le tue opinioni, la tua personale filosofia di vita, il tuo modo di condurla, il tenerti lontano da meschine competizioni, l’onestà mentale che mal si coniugava con l’ipocrisia di una società provinciale come la nostra, non sempre sono stati pienamente compresi, ma in molti ti abbiamo ritenuto quale realmente eri: un uomo autentico nel pensare e nel fare, un uomo dalla viva e pronta intelligenza che ti dava giustezza di ragioni, un uomo capace di sorridere delle difficoltà della vita con la leggerezza di chi, nel dissacrare il dettaglio, coglie la complessità dell’insieme.
Ho abbracciato fortemente Marianna, che ho trovato portatrice di una forza morale non comune di fronte alla Tua repentina quanto incredibile scomparsa.
Ho letto nei suoi occhi lo sconforto, il dolore per non essere riuscita a nulla per tenerti in vita.
Tranquilla Marianna: il tuo bel padre ti sarà sempre accanto!
Emanuele. 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.