Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 13 aprile 2015

CONTI IN ROSSO: Siamo sul podio ma c’è chi ha saputo fare peggio

da Gazzetta del sud (di Mario Primo Cavaleri)
Aver compagno al duol scema la pena: nel prospetto che pubblichiamo accanto si evince qual è lo stato delle regioni italiane, cioè del sistema paese, quanto a indebitamento. Modestamente ce la caviamo, siamo sul podio dei più indebitati anche se peggio di noi hanno saputo fare Lazio e Piemonte. Un alibi per autoassolversi? Speriamo di no, perché se qui col default della Regione va in crisi l’intera economia che direttamente o indirettamente dalle finanze regionali attinge, in Piemonte e Lazio qualcosa di diverso su cui campare ce l’hanno con industrie slegate dalle casse pubbliche e con un tessuto produttivo-commerciale vivace e autonomo.
Non era questo, infatti, lo spirito della piccata replica di Ardizzone, che al ministro Boschi ha opportunamente opposto un rilievo costituzionale: basta con questo evocare il commissario, con chi la spara più grossa sul Bilancio in rosso. Palazzo Chigi non può commissariare nulla; la procedura di scioglimento è prevista solo per “gravi violazioni o atti contrari alla Costituzione”, peraltro protetta da un doppio passaggio di Camera e Senato fino a chiamare in causa il Quirinale; dunque né il ministro né il premier potrebbero agire direttamente. Quell’accenno al commissariamento, “voce dal sen fuggita”, andava pertanto stoppato, almeno sul piano formale.
Perché su quello sostanziale, tutti sanno che il commissario c’è già, qui si chiama assessore all’Economia, volato a Roma nel week end per sincerarsi del sigillo sui conti prima di depositare gli atti all’Ars. Da Crocetta al Pd, ci si è dovuti piegare al volere del capo. E allora, siamo sotto stringente tutoraggio: adesso i numeri devono quadrare e risalire. Niente più scaricabarile

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.