Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 3 giugno 2016

Sicilia, eolico M5S: manca mappatura per aree off-limits, Legge inapplicata, si rischia caos per nuovi impianti

(AGENPARL) – Roma, 03 giu 2016 – “Niente mappa per le aree non idonee alla realizzazione di impianti eolici, legge disapplicata e rischio caos”. Il M5S all’Ars lancia l’allarme sul futuro prossimo venturo dell’eolico in Sicilia, più che nebuloso a pochi mesi dall’approvazione della legge di regolamentazione del settore. E per questo chiede all’assessorato dell’Energia di fare chiarezza. “Con la legge regionale n. 29/2015 – affermano i deputati – la Regione, entro 180 giorni, avrebbe dovuto individuare e mappare le aree non idonee alla realizzazione di impianti eolici. Diciamo avrebbe, perché, ad oggi, nessuna mappatura è stata realizzata e, come spesso accade, vengono fatte le leggi ma poi non vengono applicate”. Il termine entro il quale avrebbe dovuto essere allestita la cartografia regionale delle aree off-limits agli impianti di grosse dimensioni era il 27 maggio 2016. La mappa avrebbe dovuto tracciare le aree vietate alle pale voluminose, perché di particolare pregio ambientale, paesaggistico, archeologico o agricolo o a causa di vulnerabilità ambientale, pericolosità o rischio idrogeoligco. “L’inerzia degli organi competenti – affermano i parlamentari 5stelle – potrebbe determinare non poca confusione sia negli operatori di settore sia negli stessi uffici tecnici. Infatti, i procedimenti di realizzazione di nuovi impianti, non ancora definiti alla data di entrata in vigore della legge, rimanevano sospesi fino alla scadenza dei 180 giorni. Adesso, che non opera più questa sospensione – circostanza rilevata anche dai giudici del CGA – potrebbero essere rilasciate autorizzazioni alla costruzione di grossi impianti in zone che avrebbero potuto o dovuto essere considerate non idonee”. “Alla luce di quanto sta accadendo – continuano i parlamentari – temiamo che dalla mancata regolamentazione delle aree non idonee possa derivare un possibile rischio per il patrimonio paesaggistico, storico e rurale della Sicilia”. Per tali ragioni, il M5S ha chiesto chiarimenti urgenti all’assessorato dell’Energia e da mesi sollecita un confronto con l’assessore davanti alla commissione Ambiente dell’Ars. “Il M5S – precisano i deputati – è da sempre favorevole alle energie rinnovabili, ma certamente servono regole chiare e trasparenza. Questo ennesimo esempio di mal governo della regione, mette ancor più in difficoltà l’economia e gli investimenti nel nostro territorio. La mancata regolamentazione e la poca chiarezza della normativa esistente potrebbe infatti comportare il proliferare di contenziosi da parte di ditte di impianti eolici nei confronti della Regione Siciliana, col rischio di condanne a milioni di euro di risarcimento dei danni”.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.