Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 2 giugno 2016

Due Giugno, Festa della Repubblica: perché si festeggia?

Un anno dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, nel 1946, in Italia circa 20 milioni di italiani furono chiamati a votare a favore della repubblica o della monarchia. Fu un testa a testa che però terminò con 12.717.923 voti contro10.719.284 e dunque si istituì in Italia la nuova forma di governo. Così il Re Umberto II di Savoia, in carica solo da 9 maggio, fu esiliato e ponendo in questo modo fine al dominio di Casa Savoia sul Regno d’Italia che durava sin dal 17 marzo 1961 (Unità d’Italia) e passò per Vittorio Emanuele II, Umberto I, Vittorio Emanuele III e appunto Umberto II di Savoia.
Le motivazioni per cui il referendum istituzionale fu vinto dai promotori della repubblica sono strettamente legate all’operato di Mussolini. La tragica fine del fascismo e del suo regime totalitario convinse la maggior parte dei cittadini che la monarchia non potesse più essere la giusta forma di governo, inoltre giocò un ruolo chiave anche l’abdicazione di Vittorio Emanuele III che preferì fuggire in esilio volontario lasciando l’esercito in balia di se stesso. Per questi motivi il 54,3% degli aventi diritto decise di optare per la repubblica, fece scalpore la percentuale di voti a favore di questa del Piemonte (59,3%), regione storicamente legata alla Casa Savoia. Un altro dato molto interessante è la netta differenza tra Nord e Sud, il primo per lo più votò a favore della repubblica, i cittadini del secondo invece preferirono per lo più la monarchia.
La prima celebrazione della Festa della Repubblica avvenne il 2 giugno 1948 con la deposizione, poi diventata tradizione, della corona d’alloro da parte del Presidente della Repubblica Einaudi presso il monumento al Milite Ignoto sull’Altare della Patria. Il 5 marzo 1977 la festa fu spostata alla prima domenica di giugno per eliminare l’ulteriore giorno festivo, successivamente però nel 2001 Azeglio Ciampi ripristinò la data originale del 2 giugno.

Oggi a Roma cerimonia ufficiale e parata militare

Oggi presso Via dei Fori Imperiali in occasione del 70° anniversario della Festa della Repubblica si terrà nella Capitale la classifica parata militare e la cerimonia ufficiale: sflileranno dunque una rappresentanza di tutte le forze armate italiane, delle forze di polizia della Repubblica, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, della Protezione Civile e della Croce Rossa Italiana. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella omaggerà il Milite Ignoto presso l’Altare della Patria depositando una corona d”alloro e inoltre si terrà il ricevimento cerimoniale, sospeso da Giorgio Napolitano nel 2011 per la crisi e solidarietà nei confronti degli italiani in difficoltà economiche.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.