Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

mercoledì 24 febbraio 2010

Ustica Lines - Pendolari. Ancora una lettera al direttore

Caro direttore,
ringraziandola per il suo lavoro vorremmo rispondere al signor Nunzio Formica che ha inviato una lettera ad Eolienews in riferimenti al nostro “esposto” presentato il 19/02/10. (ndd- vedi archivio)
Per quanto riguarda l’ orario nel togliere gli ormeggi è inesatto: ne abbiamo avuto conferma della Capitaneria di porto.
Mah! Forse tutti e 13 i firmatari avevamo l’ orologio rotto e segnava le 6,20. Ma lasciamo perdere questo.
Sono d’accordo sul fatto della sicurezza, per le nostre incolumità, ha fatto bene, anzi benissimo il catamarano a togliere gli ormeggi del pontile di ferro. E' stato però invitato il comandante a ormeggiare al porto "Punta Scaliddi", che viene usato quando c’ è scirocco, ma ha risposto “ME NE VADO”.
Noi abbiamo cercato di capire e pensato che il catamarano aveva delle difficoltà ed attraccare anche al molo alternativo (Punta Scaliddi). Ma quando alle 7,50 ritornando da Salina, ha fatto regolare operazione a Punta Scaliddi, ci siamo arrabbiati ancora di più e ci siamo sentiti presi in giro, sia come lavoratori, sia come eoliani, perché anche noi la mattina ci alziamo presto per andare a lavorare facendo dei sacrifici.
Quindi chiedo all’ Ustica Line di rispettarci e di essere più solidale con tutti i pendolari che si recano nelle isole per lavoro.
Spero che questo increscioso fatto non si verifichi più.
Grazie
Seguono le firme di alcuni dei pendolari rimasti a terra quel giorno e che hanno presentato un "esposto" al Circomare