Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

giovedì 24 febbraio 2011

Due parole in "difesa" delle panchine-loculo (di Pietro Lo Cascio)


Riceviamo da Pietro Lo Cascio e pubblichiamo:
Ho letto le opinioni di Aldo Natoli sulle panchine appena realizzate in Via Roma, apprezzandone come sempre il giudizio da tecnico e la visione da ex-amministratore di questo comune; tuttavia, ritengo che non abbia colto talune sfumature che, invece, rendono pregevole l’iniziativa. Intanto, l’aspetto davvero innovativo di questo abbellimento: le loculo-panchine sono infatti oggetti rari, e come tali destinati a rimanere a lungo nella memoria del passante. È come se uno incontrasse per strada qualcosa di mirabile e, al contempo, di totalmente inatteso: la reazione potrebbe risultare simile a quella prodotta dalla visione delle indimenticabili fioriere “a UFO” che – qualche anno fa – adornavano la banchina di Marina Corta. Certo, ancora siamo ben lontani dalla mirabile fontana del lungomare di Milazzo, però – con pazienza e fatica – lo stile dei nostri arredi urbani sta raggiungendo una certa omogeneità con quello dell’adiacente terraferma, costellata da fiorenti cittadine come Milazzo, Barcellona, Villafranca Tirrena e altre ancora. Lo sforzo creativo, però, non si ferma qui: Natoli lamenta il fatto che le panchine siano disposte su suolo in pendenza e, dunque, su livelli diversi; per i futuri frequentatori, che immagino saranno numerosi e già fremano per sostarvi dedicandosi a placide letture, ciò comporterà il vantaggio di poter sbirciare, comodamente, ciò che legge il vicino di panchina. Non sottovalutiamo pertanto lo stimolo a un maggiore arricchimento culturale, o almeno ricreativo, che ne potrà derivare. Inoltre, la disposizione non appare casuale: ricordiamoci che Via Roma sempre più spesso torna a essere il Torrente Roma, e le panchine costituiscono un innalzamento dell’argine settentrionale, a difesa delle abitazioni retrostanti; anzi, sarebbe auspicabile che si intervenisse in maniera analoga sull’altro argine, magari con panchine di diversa foggia (perché limitare la creatività?), purché altrettanto innovative.
Le critiche verso la Soprintendenza, infine, mi sono apparse ingenerose; è vero che le prescrizioni nei confronti dei privati sono spesso eccessive, soprattutto in confronto alla tolleranza mostrata dall’ente riguardo agli interventi pubblici, ma di contro dobbiamo riconoscere lo slancio progettuale profuso nel dotare il nostro centro urbano di strutture ambiziose, e qui è doveroso citare la copertura lignea delle terme romane vicino al palazzetto vescovile, destinata a durare nei secoli – grazie al suo massiccio spessore – più delle stesse antichità che vorrebbe proteggere. Può darsi che talvolta sia “scappata la mano”, per esempio nel rifacimento dell’ex-capitaneria di Marina Corta, che secondo la Soprintendenza sarebbe stata riportata al suo aspetto originale; ma anche in questo caso, dovremmo apprezzare il fatto che – nella disperata ricerca dell’originalità architettonica – la Soprintendenza non abbia abbattuto completamente l’immobile, cosa del tutto coerente poiché – originariamente – esso non esisteva.
 Pietro Lo Cascio

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.