Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 22 febbraio 2011

Anapi Pesca Sicilia chiarisce questione inerente deroga "pesche speciali": Bianchetto, rossetto e cicirello


                                            COMUNICATO STAMPA


OGGETTO: Reg. CEE n. 1967/2006 decadenza deroghe “pesche speciali” : Bianchetto –
                      Rossetto e Cicerello.
In relazione alle note vicende Nazionali, per il blocco che ormai dura  da  20 giorni a causa della  mancata autorizzazione alle Pesche Speciali e in particolar modo del “Bianchetto”, si comunica:
L’Anapi Pesca Nazionale nell’ultimo incontro del 17.02.2011, tenutosi a Roma presso gli Uffici dell’Unione Europea alla presenza del Commissario Europeo per la Pesca Maria DAMANAKI,  ha rappresentato il grave stato di crisi della flotta interessata alle pesche speciali, appellandosi al diritto al lavoro. Ciò è soprattutto vero nel Mezzogiorno d’Italia dove  il blocco di tale attività sta creando gravi preoccupazioni e disagi sia alle centinaia di Imprese di pesca, sia ai lavoratori marittimi  e alle loro famiglie che normalmente nei due mesi di lavoro, che hanno svolto da sempre, ricavano un reddito a volte bastevole per diversi mesi.
Il Commissario Damanaki, pur condividendo le cause di rischio sociale esposte, ha risposto che non può infrangere una legge europea come il regolamento mediterraneo, che peraltro è stato votato all’unanimità da tutti i Ministri nel 2006. Ha precisato, inoltre, che, se per l’anno prossimo, da parte dello Stato Italiano, saranno presentati, come previsto,  piani e proposte per le “pesche speciali” idonei e rispettosi dei regolamenti comunitari, non ha alcuna difficoltà a firmare eventuali deroghe in merito.
L’Amministrazione Italiana intende compensare le Imprese coinvolte in questo tipo di pesca con un contributo a titolo di “de minimis” soltanto per due mesi e con la Cassa Integrazione per due mensilità ai Lavoratori imbarcati.
L’Anapi giudica non soddisfacente questo eventuale provvedimento e continuerà nelle sedi competenti del Ministero la difesa e tutela della categoria al fine di garantire una giusta compensazione economica rispettosa anche del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.
L’Anapi Pesca Sicilia, altresì, informa le Marinerie dell’intero territorio regionale che, nell’eventualità futura di approvazione da parte della Regione Sicilia dei Piani di Gestione Locali, fra l’altro facoltativi, di cui alla misura 3.1 Azioni Collettive Art.37 – lettera M del Reg.Cee n.1198/2006, l’autorizzazione alle pesche speciali come quella del bianchetto potrà venire solo dall’Unione Europea e pertanto i Piani di Gestione Locali non potranno deliberare autonomamente.
Tanto premesso anche al fine di evitare facili strumentalizzazioni per impedire il diffondersi di notizie non veritiere  fra la categoria  che generano, a loro volta, confusione,  allarmismo e tensione in un clima già non sereno.
Questa Associazione invita, pertanto, a non dare credito a chi diffonde informazioni non corrette finalizzate alla presentazione di  fantomatiche istanze per ottenere premi di fermo ecc., in assenza di precisi Decreti Ministeriali e Leggi sia Nazionali che Regionali che regolarizzano la materia; questa Associazione vigilerà affinché ciò non si verifichi a tutela della categoria tutta.

21.02.2011                                                                                       Anapi Pesca Sicilia
                                                                                                        Presidenza Regionale
                                                                                                             Dr.Piero Forte

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.