Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

mercoledì 11 maggio 2011

Nasce a Lipari il Comitato "Voglio nascere a Lipari, ma forse non potrò più farlo"

Conosco quanto ti stanno a cuore i problemi reali, e in modo particolare quelli della salute e dell'Ospedale di questo nostro mortificato Comune.
Un Ospedale che, diversamente da come ci si vuole far capire, ogni giorno perde un pezzo.
Ultima, solo in ordine di tempo, pediatria e ostetricia.
Chi, come noi, è, nonostante tutto, fortemente radicato, da generazioni,  in questa terra meravigliosa, non può sopportare che figli e nipoti non possano avere il diritto di nascervi. 
Qualcuno si preoccupa di annunciare ai giornali nazionali che sarà intitolata al principe William e alla moglie Kate la grotta dell'amore dello scoglio di Lisca Bianca, di fronte all'isola di Panarea, e non di  "occupare" gli organi di informazione con notizie come quella che a Lipari non si potrà più nascerà e che i bambini non hanno neanche un reparto di pediatria nell'ospedale.
Sembrerebbe che questi gravi problemi  a chi è stato chiamato dai  cittadini a tutelare anche la propria salute rinteressi molto, ma molto poco e forse è convinto di aver adempiuto a tale obbligo semplicemente  scrivendo qualche lettera di protesta, partecipando a qualche riunione alla Regione o, addirittura, con la nomina di un esperto del Sindaco per la Sanità.
Il vaso, ormai, è colmo.
E, a proposito di nascere.....ecco  il Comitato " Voglio nascere a Lipari, ma forse non potrò più farlo".
Sarei felici se tu volessi aderire come FONDATORE a questo COMITATO al quale hanno già dato il proprio consenzo molti amici.
Asperto di sentirti.
Grazie
            Saverio
Allegato- documento
COMITATO
“Voglio nascere a Lipari, ma forse non potrò più farlo

Uccidere l'ospedale uccide tutti noi.
Si apre una lotta civile e democratica per il diritto alla salute:

1) Informando porta a porta le famiglie eoliane e urlare per il pericolo Ospedale di Lipari.

2) Protestando contro la partita doppia dei ragionieri della riforma sanitaria regionale  che va contro l’art. 32 della  Costituzione Italiana,  specialmente a discapito delle piccole isole, e non  a tutela della salute come diritto dell'individuo e interesse della collettività.

3) Richiedendo le dimissioni, in maniera forte, dura e diretta,  con il cuore e oltre gli interessi politici, del primo cittadino e della sua Giunta, per non aver saputo difendere il diritto alla salute, alla vita dei cittadini e, principalmente,  il sacrosanto diritto di poter nascere nella stessa terra dei propri padri.

Il legame tra genitori, figli e la propria terra è per sempre.
Venire alla luce, l'essere partoriti, non è un mero fatto clinico, ma un evento di cui nessun altro pareggia l'importanza, neppure la morte,  perché, nascere è il venire al mondo non solo d’un qualcosa, ma d’un qualcuno, che rappresenta una novità assoluta e imprevedibile e può ben essere definita un avvento più che un evento. Ne segue che il parto possiede una sorta di sacralità naturale, dalla quale emerge e si rivela la sacralità dell'intera natura (alla quale peraltro il "nascere" fornisce “l'etimo”).
COMITATO
“Voglio nascere a Lipari, ma forse non potrò più farlo


Lotta civile e democratica per il diritto alla salute

Uccidere l'ospedale uccide tutti noi

COGNOME
NOME
firma
Data Nascita
Telefono




























































Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.