Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 6 giugno 2015

"Il boss". Adolfo Sabatini ricorda Giovanni Li Donni

“Il BOSS”.
Sentire o leggere questa parola tipicamente americana per indicare il “capo” di un’organizzazione mafiosa, un uomo di grande potere o il capo di una “famiglia” mafiosa, evoca a chi la dice o la legge una cosa negativa, incunea paura, ci espone e ci fa sentire indifesi.
Invece per noi Eoliani questa parola, “il BOSS”, evocava un amico, un caro ragazzo, un giovane sempre pronto al divertimento e disponibile per tutti.
“il BOSS” per noi tutti Giovanni era “il BOSS”.
Non dovevi dire il cognome bastava dire “il BOSS”.
Se cercavi “Giovanni” per le vie del centro tutti ti chiedevano: Giovanni chi? Ed ovviamente tutti amabilmente, con l’affetto che ci legava a lui rispondevamo : Giovanni “il BOSS”.
Era un bravo ragazzo “il BOSS”.
Giovanni “il BOSS” non evocava pericolo o paura, ma affetto, dolcezza, amicizia, disponibilità.
Ora anche gli angeli tra di loro avranno un “BOSS”.
A noi resterà l’invidia che saranno loro d’ora in poi a chiamarti “il BOSS”.
Ciao “BOSS”, anche in paradiso sarai “il BOSS”, il nostro amato “BOSS”.
Non ti dimenticherò.
Adolfo Sabatini

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.